I nuovi amici di Clara

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'autunno 2020.

Sondaggio

1 - non mi piace affatto
0
Nessun voto
2 - mi piace pochino
3
21%
3 - si lascia leggere
5
36%
4 - è bello
6
43%
5 - mi piace tantissimo
0
Nessun voto
 
Voti totali: 14

ElianaF
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 69
Iscritto il: 21/12/2019, 19:35

Author's data

I nuovi amici di Clara

Messaggio da leggere da ElianaF »


Per fortuna stava meglio. Si passò le mani tra i capelli, sistemò il cuscino e riprese a guardare le luci che, provenendo dalla strada, balenavano per la stanza come in un caleidoscopio. Si chiese come avesse fatto ad essere così ingenua, si era fidata e quello era il risultato: se l’era meritato! Ma anche questa volta ne era uscita indenne.
Tutto era iniziato a gennaio, quando uscendo di casa aveva salutato i nuovi inquilini che avevano preso in affitto l’appartamento al quinto piano. I nuovi arrivati erano una coppia di pensionati, lei magra, timida, con gli occhiali, lui con i capelli tinti di castano chiaro, dalla camminata zoppicante. Si erano presentati con i nomi di battesimo, Luigi e Maria, erano venuti ad abitare a Milano da un paese della Basilicata, non ricordava il nome, per seguire i figli che avevano trovato lavoro in città. Erano più o meno coetanei di Clara, anche lei era in pensione, ma preferiva continuare a dare una mano in ufficio, stare a casa non le piaceva.
Clara era divorziata, senza figli, frequentava pochi amici, forse il suo carattere riservato non aveva contribuito a creare rapporti duraturi, ma stava bene da sola. Nel tempo libero leggeva, andava al cinema o a fare acquisti, passava l’estate al mare.
Viveva in modo sobrio, ma i risparmi di decenni di lavoro le permettevano una vita agiata, era proprietaria dell’appartamento in cui abitava e di una villetta a schiera sul lago. L’unica parente era una sorella che si era sposata con un tedesco conosciuto in vacanza a Rimini e si era trasferita da quasi quarant’anni in Germania.
Una sera aveva sentito suonare alla porta: era la nuova inquilina che le chiedeva consigli per una parrucchiera in zona, doveva tingere e tagliare i capelli e non si fidava ad andare a caso. Clara la fece accomodare, scusandosi per il disordine, Maria entrò timidamente, si guardò attorno e lodò l’ampio salone e la vista che si vedeva dall’ultimo piano. Clara le offrì il caffè e chiacchierò volentieri, sorpresa dalla facilità con cui riusciva a comunicare con Maria.
Dopo qualche giorno, sentì il campanello ed era nuovamente la vicina, venuta a farle vedere la nuova acconciatura: per ringraziarla del consiglio aveva portato dei biscotti fatti in casa. Clara era da tanto che non riceveva un regalo, quasi si commosse.
Maria le raccontò di essere una brava cuoca, le piaceva cucinare però negli ultimi tempi sbagliava le dosi, prima la famiglia era numerosa e adesso cucinando per due persone, avanzava sempre qualcosa. Da un formale lei erano passate al tu. La settimana successiva, all’ora di cena, Clara sentì dei passi furtivi sul pianerottolo, guardò attraverso lo spioncino e vide Maria. Senza aprire la porta le domandò con voce spaventata cosa volesse a quell’ora e sentì la vicina rispondere velocemente: “Hai già cenato? Ti ho portato una cosa che ho fatto io, l’ho appena tirata fuori dal forno”.
Quando Clara aprì la porta, Maria le porse un piatto coperto che emanava un invitante profumo di ragù: era una porzione di lasagne, il piatto era molto caldo, Clara lo andò a posare in cucina e quando tornò in ingresso Maria se n’era già andata.
La stessa scena si ripetè diverse volte ad ora di cena, Clara era sorpresa di sé stessa, stava cominciando ad abituarsi alla compagnia, alle chiacchiere inconsistenti, alle visite a sorpresa. Fece spallucce, “Si vede che sto invecchiando”, concluse.
Un sabato Maria le chiese se poteva accompagnarla al supermercato, visto che Luigi era impegnato: Clara era libera come al solito e nelle settimane successive seguirono altre uscite. La nuova amica sembrava impreparata ad affrontare la vita, non aveva la patente, ogni novità la rendeva titubante e preoccupata. Clara cominciò a dispensare consigli, le mostrò come usare la carta di credito e il bancomat, suggerendole di rivolgersi alla filiale della sua banca.
Una sera le girava la testa e si era sdraiata sul divano: aveva faticato a raggiungere la porta quando il campanello aveva suonato. Oltre la porta c’era Maria con una porzione di arrosto.
“Come sei pallida, cos’hai?”.
“Non mi reggo in piedi, sarà l’influenza. Scusa ma l’odore di cibo mi dà fastidio, entra pure in casa, io vado a sdraiarmi”.
“Non preoccuparti, vado a mettere il piatto in frigorifero, quando ti senti meglio lo mangi”.
Clara non ricordava di essersi addormentata, ma quando si era svegliata sul divano in piena notte, aveva visto Maria seduta su una sedia che la osservava. “Ti sei fermata, che cara, non dovevi…” Aveva bevuto la tazza che Maria le porgeva e si era fatta accompagnare a letto.
Con alti e bassi la debolezza non era più andata via, Clara si sentiva insicura e si era affidata alla coppia per le attività di ogni giorno, all’inizio si faceva accompagnare al lavoro da Luigi, ma poi aveva rinunciato e stava in casa, accudita in tutto e per tutto da questi amici così premurosi.
Non si ricordava quando aveva cominciato a farsi strada il dubbio: forse aveva sentito accennare a qualcosa di sospetto, oppure era stato un brusco cambio di tono o di argomento. Qualcosa non tornava: dormiva moltissimo, non ricordava di aver visto un medico. Non trovava più il cellulare, lo chiese a Maria. “Suonava, hai cercato di rispondere e hai rovesciato il bicchiere, l’ho preso io, eccolo”. Il telefono non funzionava, era fuori uso a causa dell’acqua.
Nelle poche ore di veglia l’ansia la assaliva, doveva parlare con sua sorella. Un giorno, non sapeva più da quanto fosse a letto, provò ad alzarsi ma le gambe non l’avevano sorretta, Luigi era subito intervenuto a rimetterla sdraiata.
Clara aveva paura, era in balia della coppia, doveva far qualcosa.
Dopo numerosi tentativi andati a vuoto era riuscita ad arrivare fino al telefono fisso e fare il numero della sorella: una voce femminile aveva risposto subito, lei si era messa a piangere e aveva chiesto aiuto.
Il giorno dopo era arrivata Rachele, una giovane infermiera, accompagnata da un medico che l’aveva visitata a fondo. Maria e Luigi erano scomparsi, gli incubi erano diminuiti, erano più lunghi i periodi di veglia. L’infermiera le aveva detto che probabilmente era stata intossicata, il suo malessere così improvviso e persistente era sospetto.
Rachele le aveva promesso che l’avrebbe accompagnata alla polizia non appena avesse ripreso le forze. Intanto per curarsi aveva bisogno di medicine costose: Clara aveva dato a Rachele il bancomat per andare in farmacia.
Per fortuna adesso stava meglio. Si guardò intorno, leggere era troppo stancante, avrebbe acceso la televisione. Era sola, l’infermiera era uscita da poco. Strano che sua sorella non l’avesse più richiamata per sapere come stava……vide sul tavolino vicino alla porta un cellulare, doveva averlo dimenticato Rachele. Con molta fatica si mise in piedi e appoggiandosi al tavolo e alla libreria arrivò fino al telefono.
Lo prese e digitò il numero della sorella: sentì la voce di suo cognato Markus, che parlava un italiano stentato.
“Clara, da quanto tempo! Tu non rispondere al telefono, noi preoccupati, come stai?”
“Sto migliorando, grazie per avermi mandato l’infermiera”
“Infermiera? Noi mandato? Tu malata? Cosa stai dicendo?”
Clara rimase impietrita, nel frattempo il cellulare aveva vibrato, era arrivato un messaggio WhatsApp.
Mentre sentiva suo cognato ripetere “Clara, Clara, rispondi…” guardò lo schermo: “vuotato il conto?” Diceva il messaggio e arrivava da Mami che aveva la faccia sorridente e senza occhiali di Maria.
Ultima modifica di ElianaF il 03/10/2020, 11:59, modificato 2 volte in totale.
Macrelli Piero
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 44
Iscritto il: 24/02/2020, 15:22

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Macrelli Piero »

Idea ottima, buon svolgimento, finale non bello; cioè va bene e può essere il finale della storia, ma che occasione sprecata per un finale diverso più misterioso o meglio un non finale, qualcosa di sospeso. Andrei a rubare qualche atmosfera Ballardiana, ma anche qualcosa alla Carver. Per carità, niente che riguardi alieni o demoni, anzi l'ambientazione casalinga e i vicini di casa, nella loro normalità, sono la cosa più aliena e angosciante che ci possa essere.
A me è piaciuto molto.

Di solito non entro mai nel merito del testo dei racconti, ma questa volta voglio dire che la seguente parte del tuo racconto mi sembra inutile fuorviante:
"Si chiese come avesse fatto ad essere così ingenua, si era fidata e quello era il risultato: se l’era meritato! Ma anche questa volta ne era uscita indenne."
Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 476
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

begli amici...
povera Clara, fregata dall'inizio alla fine.
storia surreale ma possibilissima nel nostro mondo odierno (soprattutto dalle mie parti), scritta piuttosto bene.
buone le descrizioni, soprattutto quelle scenografiche.
un discreto lavoro.
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Mauro Conti
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 68
Iscritto il: 30/08/2020, 20:55

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Mauro Conti »

Accidenti. Come si dice fidarsi è bene ma non fidarsi è meglio. Si finisce sempre a essere fregati proprio nel momento in cui non ce lo si aspetta.
Idea discreta e anche il testo. Le descrizioni azzeccate e (a differenza mia :lol: ) la punteggiatura fanno scorrere il racconto come deve.
Andr60
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 101
Iscritto il: 15/11/2019, 15:45

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Andr60 »

Un racconto discreto, che si legge con piacere. Della serie: meglio soli che...
Non ho capito come ha fatto la (falsa) infermiera a presentarsi a casa di Clara, se lei aveva telefonato alla sorella. Oppure se lo era solo immaginato?
Infine, il messaggio di Maria forse arrivava da Miami...
Laura Traverso
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 405
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

Eh, che dire? Uno dei tanti lati umani-disumani che ci circondano, già, se ne sono sentiti di questi casi… Il racconto è scritto discretamente, all'inizio ci sono una sfilza di "SI" che si potevano evitare, mi spiego: "si sentiva meglio..." "si passò le mani…" "si chiese…" "si erano presentati…" Inoltre, credo, che durante una conversazione telefonica non si possano leggere contemporaneamente messaggi WhatsApp dallo stesso telefono (mi pare). Comunque pur nella sua drammaticità il racconto è carino e quasi divertente.
Selene Barblan
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 398
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Il racconto mi ha messo addosso una leggera angoscia, in special modo quando, al risveglio, si trova davanti la signora, seduta sul divano. Altro che gentilezza, mi sarei messa a urlare e le avrei tirato qualcosa in testa. Secondo me sei riuscita a creare tensione e il testo si legge volentieri. Non mi convince del tutto il finale, ma comunque lo trovo un buon lavoro.
Marcello Rizza
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 100
Iscritto il: 23/06/2015, 23:54

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Marcello Rizza »

È un bel racconto, scorre liscio e negli ultimi frangenti riesce a creare l'atmosfera giusta. Poco credibile, però, che per 900 euro (limite massimo di prelievo col bancomat) una coppia di vicini organizzi tutto un ambarandan del genere che poi di avvocati gli costerebbe 10 volte di più. 🤗
Francesco Pino
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 90
Iscritto il: 09/05/2020, 17:55

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Francesco Pino »

C’è un po’ di confusione nel finale. Mi sembra d’aver capito che Rachele è la figlia di Maria, ma in che modo sia collegata alla presunta telefonata fatta alla sorella proprio non ci arrivo. Con chi ha parlato se non era la sorella? Anche il fatto di chiamare dal cellulare di Rachele pur avendo il fisso a casa non mi convince molto.
ElianaF
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 69
Iscritto il: 21/12/2019, 19:35

Author's data

Re: commento

Messaggio da leggere da ElianaF »

grazie Piero per i commenti, francamente non mi è venuto in mente un finale che potesse essere sviluppato in così poche battute. La frase sotto serve per introdurre la storia e dare l'impressione che la protagonista pensa di essere uscita dall'incubo, invece è ancora in balia degli "amici"

Macrelli Piero ha scritto: 28/09/2020, 12:43 Di solito non entro mai nel merito del testo dei racconti, ma questa volta voglio dire che la seguente parte del tuo racconto mi sembra inutile fuorviante:
"Si chiese come avesse fatto ad essere così ingenua, si era fidata e quello era il risultato: se l’era meritato! Ma anche questa volta ne era uscita indenne."
ElianaF
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 69
Iscritto il: 21/12/2019, 19:35

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da ElianaF »

Fausto Scatoli ha scritto: 28/09/2020, 12:47 begli amici...
povera Clara, fregata dall'inizio alla fine.
storia surreale ma possibilissima nel nostro mondo odierno (soprattutto dalle mie parti), scritta piuttosto bene.
buone le descrizioni, soprattutto quelle scenografiche.
un discreto lavoro.
grazie mille Fausto, sono contenta che tu abbia apprezzato il rqacconto.
ElianaF
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 69
Iscritto il: 21/12/2019, 19:35

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da ElianaF »

Mauro Conti ha scritto: 28/09/2020, 13:26 Accidenti. Come si dice fidarsi è bene ma non fidarsi è meglio. Si finisce sempre a essere fregati proprio nel momento in cui non ce lo si aspetta.
Idea discreta e anche il testo. Le descrizioni azzeccate e (a differenza mia :lol: ) la punteggiatura fanno scorrere il racconto come deve.
grazie mille Mauro!
ElianaF
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 69
Iscritto il: 21/12/2019, 19:35

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da ElianaF »

Andr60 ha scritto: 28/09/2020, 13:40 Un racconto discreto, che si legge con piacere. Della serie: meglio soli che...
Non ho capito come ha fatto la (falsa) infermiera a presentarsi a casa di Clara, se lei aveva telefonato alla sorella. Oppure se lo era solo immaginato?
Infine, il messaggio di Maria forse arrivava da Miami...
Buongionro Andrea, Clara aveva il telefono fisso deviato, per cui non è la sorella a rispondere ma la figlia della coppia, Rachele, che poi si finge infermiera...
ElianaF
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 69
Iscritto il: 21/12/2019, 19:35

Author's data

Re: commento

Messaggio da leggere da ElianaF »

Laura Traverso ha scritto: 28/09/2020, 18:01 Eh, che dire? Uno dei tanti lati umani-disumani che ci circondano, già, se ne sono sentiti di questi casi… Il racconto è scritto discretamente, all'inizio ci sono una sfilza di "SI" che si potevano evitare, mi spiego: "si sentiva meglio..." "si passò le mani…" "si chiese…" "si erano presentati…" Inoltre, credo, che durante una conversazione telefonica non si possano leggere contemporaneamente messaggi WhatsApp dallo stesso telefono (mi pare). Comunque pur nella sua drammaticità il racconto è carino e quasi divertente.
grazie Laura per i commenti e per i suggerimenti, controllerò i troppi SI iniziali!
ElianaF
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 69
Iscritto il: 21/12/2019, 19:35

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da ElianaF »

Selene Barblan ha scritto: 28/09/2020, 19:30 Il racconto mi ha messo addosso una leggera angoscia, in special modo quando, al risveglio, si trova davanti la signora, seduta sul divano. Altro che gentilezza, mi sarei messa a urlare e le avrei tirato qualcosa in testa. Secondo me sei riuscita a creare tensione e il testo si legge volentieri. Non mi convince del tutto il finale, ma comunque lo trovo un buon lavoro.
Grazie Selene! purtroppo non sono riuscita a sviluppare un finale diverso nello spazio ristretto di battute previsto dal bando....
ElianaF
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 69
Iscritto il: 21/12/2019, 19:35

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da ElianaF »

Marcello Rizza ha scritto: 28/09/2020, 19:54 È un bel racconto, scorre liscio e negli ultimi frangenti riesce a creare l'atmosfera giusta. Poco credibile, però, che per 900 euro (limite massimo di prelievo col bancomat) una coppia di vicini organizzi tutto un ambarandan del genere che poi di avvocati gli costerebbe 10 volte di più. 🤗
Grazie Marcello, l'idea è che abbiano svuotato il conto in banca e chissà cosa le abbiano fatto firmare sotto effetto dei farmaci per impossessarsi delle sue proprietà....
ElianaF
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 69
Iscritto il: 21/12/2019, 19:35

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da ElianaF »

Francesco Pino ha scritto: 28/09/2020, 22:19 C’è un po’ di confusione nel finale. Mi sembra d’aver capito che Rachele è la figlia di Maria, ma in che modo sia collegata alla presunta telefonata fatta alla sorella proprio non ci arrivo. Con chi ha parlato se non era la sorella? Anche il fatto di chiamare dal cellulare di Rachele pur avendo il fisso a casa non mi convince molto.
Ciao Francesco, il cellulare di casa era deviato, per cui a rispondere non è la sorella ma Rachele, figlia della coppia. Nel finale usa il cellulare di Rachele perchè è portata di mano, molto più vicino che il fisso. In questo caso la telefonata non viene deviata e scopre anche chi è veramente Rachele...
Avatar utente
Ida-59
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 115
Iscritto il: 14/01/2020, 15:30
Località: Vigevano
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Ida-59 »

Difficile votare.
La storia in sè non è male ed è scritta abbastanza bene. Però l'ho trovata deludente nel finale. Diciamo che c'è una buona presentazione del mondo ordinario di Clara, poi c'è tutta la lunga parte centrale che fa capire che qualcosa non va, e infine c'è quel finale… in un certo senso banale, non perchè impossibile ma, al contrario, perchè è fin troppo possibile e normale, purtroppo.
Tutta la lunga e dettagliata costruzione della storia meritava qualcosa di più, secondo me, qualcosa che potessae sorprendere il lettore. Inoltre, la conclusione è molto rapida e poco spiegata: non sono sicura di aver compreso ogni cosa e, soprattutto, che le cose filino.
Inoltre, è importante sottolineare che, all'avvio della storia, è scritto "Si chiese come avesse fatto ad essere così ingenua, si era fidata e quello era il risultato: se l’era meritato! Ma anche questa volta ne era uscita indenne." Questa affermazione è fuorviante. Clara è uscita "viva" dalla storia, ma forse solo perchè nessuno ha realmente voluto attentare alla sua vita. Ma il suo conto corrente (e l'autore aveva sottolineato, con le sue descrizioni, che doveva essere un conto corrente appetibile) non è affatto passato indenne all'accaduto.
ElianaF
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 69
Iscritto il: 21/12/2019, 19:35

Author's data

Commento di Ida

Messaggio da leggere da ElianaF »

Grazie Ida, osservazioni utili, rifletto su come modificare il finale. La parte iniziale è voluta, la protagonista pensa di essersi liberata dall'incubo ed essere salva, per poi accorgersi alla fine che invece sono riusciti nel loro intento di derubarla.
Roberto Virdo'
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 99
Iscritto il: 08/06/2020, 11:04

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Virdo' »

Eliana, mi accodo agli altri commenti che ho letto con attenzione perché ammetto che il tuo testo mi ha "acchiappato". Trovo che la piccola perla segnalata da Selene sia la stessa che scorgo io, quell'istante in cui - e per cui - tutto poteva accadere, sul quale aggancio la considerazione di Piero, ma anche di Ida, relativa al potenziale creato. Attenzione non è una critica negativa: l'intreccio c'è, molto ben costruito, le attese le hai sapientemente create.
Io ti assegno un voto alto, sicuramente, attendendo il tuo prossimo lavoro che - non dubito - sarà da 5+lode. E adesso, come sempre, bando ai formalismi, mi è piaciuto, complimenti per la fantasia, osa, osa e osa di più, per il mio modesto parere ti dico: brava!
Avatar utente
carlocelenza
rank (info):
Sembro imbranato ma...
Messaggi: 446
Iscritto il: 05/03/2009, 9:37

Author's data

commento

Messaggio da leggere da carlocelenza »

Bel lavoro Eliana, qualche rifinitura nello stile la farei, tipo "le luci entravano e si riflettevano " meglio e" entrando si riflettevano" cosette del genere ma in sostanza buono, scorrevole e anche se prevedibilmente amaro, ben realistico. Brava.
Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Avatar utente
carlocelenza
rank (info):
Sembro imbranato ma...
Messaggi: 446
Iscritto il: 05/03/2009, 9:37

Author's data

Re: commento

Messaggio da leggere da carlocelenza »

Quel che ho detto prima. Non avevo scritto "commento".
Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Avatar utente
Massimo Baglione
rank (info):
Site Admin
Messaggi: 9273
Iscritto il: 11/04/2007, 12:20
Località: Belluno
Contatta:

Author's data

Re: commento

Messaggio da leggere da Massimo Baglione »

carlocelenza ha scritto: 02/10/2020, 11:26 Quel che ho detto prima. Non avevo scritto "commento".
Ho corretto io (anche altri 2 tuoi commenti precedenti ad altri racconti :-))
Immagine

Immagine <<< io sono nel Club dei Recensori di BraviAutori.it.

Immagine

www.massimobaglione.org
Avatar utente
carlocelenza
rank (info):
Sembro imbranato ma...
Messaggi: 446
Iscritto il: 05/03/2009, 9:37

Author's data

Re: I nuovi amici di Clara

Messaggio da leggere da carlocelenza »

GRAZIE santo Boss!
Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
ElianaF
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 69
Iscritto il: 21/12/2019, 19:35

Author's data

commenti a I nuovi amici di Clara

Messaggio da leggere da ElianaF »

Grazie @carlocenza e @Roberto Virdò per i vostri commenti!
Eliana
Lucia De Falco
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 77
Iscritto il: 08/03/2020, 14:37

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Lucia De Falco »

Il testo mi è piaciuto molto, perché è scorrevole, scritto bene e coinvolge il lettore. La scrittura è equilibrata, il testo è della giusta misura e non stanca. Chiaramente il finale è negativo, perché trasmette il messaggio che non bisogna fidarsi di nessuno.
ElianaF
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 69
Iscritto il: 21/12/2019, 19:35

Author's data

Re: I nuovi amici di Clara

Messaggio da leggere da ElianaF »

Grazie @Lucia De Falco per il commento positivo!
Anna Gri
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 38
Iscritto il: 22/09/2020, 8:16

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Anna Gri »

Davvero forte la scena in cui Clara si trova la vicina in casa al risveglio, nonostante sia descritta con discrezione fa rabbrividire. Il racconto è coinvolgente. Secondo il mio modesto parere si percepisce pienamente il lato umano dei protagonisti; da una parte la freddezza dei vicini, dall’altra l’ingenuità di Clara. Complimenti!
ElianaF
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 69
Iscritto il: 21/12/2019, 19:35

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da ElianaF »

Anna Gri ha scritto: 07/10/2020, 9:36 Davvero forte la scena in cui Clara si trova la vicina in casa al risveglio, nonostante sia descritta con discrezione fa rabbrividire. Il racconto è coinvolgente. Secondo il mio modesto parere si percepisce pienamente il lato umano dei protagonisti; da una parte la freddezza dei vicini, dall’altra l’ingenuità di Clara. Complimenti!
grazie mille per il commento, sono contenta che il racconto sia piaciuto!
Rispondi

Torna a “Gara d'autunno, 2020”


Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 48 - Stelle

La Gara 48 - Stelle

(settembre/ottobre 2014, 34 pagine, 799,91 KB)

Autori partecipanti: Maddalena Cafaro, Nunzio Campanelli, Stella_decadente, Marina Paolucci, Umberto Pasqui, Patrizia Chini, Annamaria Vernuccio, Paolo Ninzatti, Lodovico,
a cura di Marina Paolucci (con la supervisione di Lodovico Ferrari).
Scarica questo testo in formato PDF (799,91 KB) - scaricato 119 volte.
oppure in formato EPUB (380,91 KB) (vedi anteprima) - scaricato 169 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

La Gara 51 - 50 sfumature

La Gara 51 - 50 sfumature

(marzo/aprile 2015, 25 pagine, 1,83 MB)

Autori partecipanti: Lodovico, Patrizia Chini, Giorgio Leone, Viridis, Mastronxo, Shananm,
a cura di ser Stefano.
Scarica questo testo in formato PDF (1,83 MB) - scaricato 118 volte.
oppure in formato EPUB (295,36 KB) (vedi anteprima) - scaricato 157 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

La Gara 27 - Io, frammenti di autobiografie

La Gara 27 - Io, frammenti di autobiografie

(gennaio 2012, 80 pagine, 1,06 MB)

Autori partecipanti: Lodovico, Ardito eufemismo, Skyla74, Nathan, Feffone, Mariadele, Stilledernacht, Tania Maffei, Angela di Salvo, Unanime uno, Cordelia, Ritavaleria, hellies15, Manuela, Tuarag, Licetti, Roberta Michelini, Antonella P, Kutaki Arikumo, Ser Stefano, Alessandro Napolitano, Alessandra 90, Alheli, Triptilpazol,
A cura di Ser Stefano.
Scarica questo testo in formato PDF (1,06 MB) - scaricato 448 volte.
oppure in formato EPUB (668,88 KB) (vedi anteprima) - scaricato 206 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.




Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


I sogni di Titano

I sogni di Titano

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
Il "cubo sognatore" su Titano aveva rivelato una verità sconvolgente sull'Umanità, sulla Galassia e, in definitiva, sull'intero Universo, una verità capace di suscitare interrogativi sufficienti per una vita intera. Come poteva essere bonariamente digerito il concetto che la nostra civiltà, la nostra tecnologia e tutto ciò che riguardava l'Umanità… non esisteva?
"Siamo solo… i sogni di Titano", aveva riportato il comandante Sylvia Harrison dopo il primo contatto col cubo, ma in che modo avrebbe potuto l'orgoglio dell'Uomo accettarlo? Ovviamente, l'insaziabile sete di conoscenza dell'Essere umano anelava delle risposte, e la sua naturale curiosità non poteva che spingerlo alla ricerca dell'origine del cubo e delle ragioni della sua peculiare funzione.
Gli autori GLAUCO De BONA (vincitore del Premio Urania 2013) e MASSIMO BAGLIONE (amministratore di BraviAutori.it) vi presentano una versione alternativa del "Tutto" che vi lascerà senza parole. Di Glauco De Bona e Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (203,77 KB scaricato 25 volte).
info e commenti compralo su   amazon

BiciAutori - racconti in bicicletta

BiciAutori - racconti in bicicletta

Trentun paia di gambe hanno pedalato con la loro fantasia per guidarci nel puro piacere di sedersi su una bicicletta ed essere spensierati, felici e amanti della Natura.
A cura di Massimo Baglione.
Copertina e logo di Diego Capani.

Contiene opere di: Alessandro Domenici, Angelo Manarola, Bruno Elpis, Cataldo Balducci , Concita Imperatrice, Cristina Cornelio, Cristoforo De Vivo, Eliseo Palumbo, Enrico Teodorani, Ettore Capitani, Francesco Paolo Catanzaro, Germana Meli (gemadame), Giovanni Bettini, Giuseppe Virnicchi, Graziano Zambarda, Iunio Marcello Clementi, Lodovico Ferrari, Lorenzo Dalle Ave, Lorenzo Pompeo, Patrizia Benetti, Raffaella Ferrari, Rebecca Gamucci, Rosario Di Donato, Salvatore Stefanelli, Sara Gambazza, Sandra Ludovici, Sonia Piras, Stefano Corazzini, Umberto Pasqui, Valerio Franchina, Vivì.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (1,29 MB scaricato 327 volte).
info e commenti compralo su   amazon

Rosso permissivo

Rosso permissivo

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
Una bambina e alcune persone subiscono una crudele e folle violenza. Cosa potrebbe fare una donna per vendicarsi e scongiurare la possibilità che anche sua figlia cada vittima dei carnefici? Lo scopriremo in questo racconto, dato che il rosso ce lo permette.

Copertina di Roberta Guardascione
a cura di Massimo Baglione.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (1,48 MB scaricato 178 volte).
info e commenti compralo su   amazon

Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.