Non sono io

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'autunno 2020.

Sondaggio

1 - non mi piace affatto (Oggi qualcosa che non sono mai stato)
2
15%
2 - mi piace pochino (Oggi qualcosa che non sono mai stato)
4
31%
3 - si lascia leggere (Oggi qualcosa che non sono mai stato)
1
8%
4 - è bello (Oggi qualcosa che non sono mai stato)
3
23%
5 - mi piace tantissimo (Oggi qualcosa che non sono mai stato)
3
23%
 
Voti totali: 13

Simone_Non_é
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 109
Iscritto il: 16/12/2019, 1:27

Author's data

Non sono io

Messaggio da leggere da Simone_Non_é »


Buio, un tremendo e accomodante buio.
Provavo fame come se non mangiassi da millenni.
Spingevo cercando di bucare quella sottile pellicola che mi imprigionava, non conoscevo tempo e suoni, a un certo punto un "crack " e mi sentii immerso nel calore, mille colori inondavano i miei sensi.
Neanche il tempo di godermi queste nuove sensazioni e di nuovo ero attanagliato dall'impulso di cercare cibo, qualsiasi cosa sarebbe andata bene.
Addentavo tutto ciò che mi capitava, tutto a me vicino aveva un gusto inebriante, si susseguivano attimi di pace interrotti unicamente dall'impulso di placare la mia voracità.
All'improvviso un sonno ristoratore mi era venuto a trovare e io non avevo la più vaga idea di quanto tempo avessi passato nell'ardore del mio raptus famelico.
La sensazione di sentirmi stretto veniva a trovarmi ineluttabile e precisa come il ticchettio di un orologio che da troppo tempo era condannato a ripetere le stesse azioni.
La soluzione in questi casi era spingere oltre ogni mio limite potendo così tornare a sentirmi comodo.
Il paesaggio intorno a me, da quanto ne avessi memoria, era sempre stato incantevole, leggero e soave, il migliore dei sogni che si potesse immaginare; non capivo però cos'era quella lente in lontananza che, immobile, stonava con tutto il pacifico contesto.
Ancora una volta sentivo i miei pensieri venire schiacciati dai miei istinti, quelli che ormai riconoscevo come la mia natura; mi sentivo nuovamente in balia della mia fame, avrei voluto divorare me stesso se avessi potuto.
Mi spostavo quando, come se avessi appena espresso un desiderio, la vidi.
Davanti a me giaceva una carcassa che addentai, scricchiolava in bocca, sembravano mille legnetti calpestati, il mio corpo reagiva bene, forse anche troppo.
Non mi ero mai sentito meglio.
Il ciclo di ozio e spuntini andava avanti ineluttabile, era una pellicola di un film che incastrata nel loop di se stessa non conosceva fine.
Fino a quando, ormai insperato, arrivò un impagabile senso di sazietà e comodità, tutto etereamente incantevole se non fosse che mi sentivo stanco e bisognoso del buio che ricordavo a stento.
Con i miei ultimi sforzi, verso una fine sconosciuta, costruivo la mia dimora.
La mia essenza chiamava l'oscurità e così io gli donavo le migliori tenebre, un primordiale richiamo si faceva strada come ululati di lupi selvaggi verso la luna.
Sonno e ancora sonno, ormai sapevo che in caso mi fossi sentito stretto mi sarebbe bastato spingere, ancora una volta oltre ogni mio limite.
Ero estasiato nel vedere Il bruco “Arpia” la Cerura vinula (Puss Moth, in inglese) sgusciare dal suo involucro, prima la testa e poi lentamente il restante soffice corpo, sbatteva le ali nell'aria libera, ormai pronta alla riproduzione.
Girare un documentario su di lei, averla vista in ogni sua fase, anche mentre divorava le precedenti forme mi aveva fatto venire in mente le parole di Emy.
Una volta, durante i nostri soliti discorsi filosofici intendendo ben più di quello che volesse far trasparire, mi aveva detto:" Sai Tom, noi non mangiamo mai solo con la bocca ma lo facciamo anche con gli occhi e soprattutto con il cuore". La solita strana ragazza.
Forse aveva ragione, mi chiedevo quante volte ero finito con il divorare me stesso alla ricerca di una nuova forma più consona alle avversità della vita o forse solo più vicina alla mia natura.
Rimaneva un'unica costante però, la mia Canon che da anni con il suo obbiettivo gigante svolgeva il suo dovere regalandomi ottime immagini e filmati, chissà se la falena l'aveva mai notata in mezzo alla natura; a essere onesti, causa la mia pigrizia, non mi ero impegnato troppo per nasconderla.
Infine era solo un dettaglio, il mio lavoro prometteva bene e quell'uomo pigro non lo ero più.
"Mutaforma, quel bruco non sono io". Mi sembrava un nome carino per salvare il documentario anche se sicuramente, il titolo come spesso accadeva, lo avrebbero cambiato.
Lelle Carpisa
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 6
Iscritto il: 01/11/2016, 14:46

Author's data

Re: Non sono io

Messaggio da leggere da Lelle Carpisa »

Bellissimo scritto!
Mi piace pensare che il protagonista stia divorando “ metaforicamente “ questa carcassa che altro non è che il suo lavoro , che va svolgendo sempre più appassionato ma anche ossessionato.
Mi piace che quest’ultimo trovi godimento nel scattare e scattare , come se stesse mangiando realmente tutte le fasi della metamorfosi di quel bruco.
Alla fine... quel bruco pare quasi essere il suo alter ego , alla ricerca di un se stesso inconscio e sconosciuto.
Semplicemente wow !
Roberto Virdo'
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 99
Iscritto il: 08/06/2020, 11:04

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Virdo' »

Simone, non so cosa dire, anzi lo so: vorrei averlo scritto io. Bando ai formalismi, per me questo è da premio… bravo bravo super! Hai dato corpo a un pensiero che si trasforma, a una vita mai ferma, perfino a un bellissimo sentimento. La strana ragazza…
Non vorrei dilungarmi inutilmente, lo trovo un perfetto gioiellino. Chapeau.
Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 476
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

niente male. abbastanza ben scritto, ci sono alcuni refusi ma niente di che, con buone descrizioni, soprattutto visive.
tiene in sospseso fino al termine, e questo è un punto a favore.
quello che non ho compreso, ma forse è un problema mio, è il significato della storia.
non ci arrivo, mi spiace, ma sono io a non farcela.
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Avatar utente
carlocelenza
rank (info):
Sembro imbranato ma...
Messaggi: 446
Iscritto il: 05/03/2009, 9:37

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da carlocelenza »

Mi associo a Scatoli, non ho afferrato il senso del racconto. Il "tremendo e accomodante buio " non contribuisce a chiarire le cose. " Etereamente incantevole " nemmeno. Ho trovato il pezzo non immediatamente comprensibile.
Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Mauro Conti
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 68
Iscritto il: 30/08/2020, 20:55

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Mauro Conti »

Premetto (e ammetto) la mia scarsa sensibilità a livello umano che spesso si estende in altre fasi della vita, come la comprensione dei testi ad esempio. Ma nemmeno io l'ho capito. :|
ma probabilmente il gioco è questo: ognuno leggendolo capisce una cosa diversa dagli altri.
Può essere una possibilità.
Ultima modifica di Mauro Conti il 01/10/2020, 19:13, modificato 1 volta in totale.
Marcello Rizza
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 103
Iscritto il: 23/06/2015, 23:54

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Marcello Rizza »

Io credo, spero, di aver capito il racconto. I soggetti sono due, che parlano dividendosi il racconto. Il primo è un bruco che parla e pensa della sua natura come un umano (e se è così non ci sta). Il secondo è un operatore naturalista che ama il suo lavoro (e questo è perfettamente centrato). La terza opzione è che non ci ho capito nulla, spero non sia così. Scritto molto bene ma prima di votarlo attendo conferma dall'autore.
Simone_Non_é
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 109
Iscritto il: 16/12/2019, 1:27

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Simone_Non_é »

Marcello Rizza ha scritto: 01/10/2020, 14:46 Io credo, spero, di aver capito il racconto. I soggetti sono due, che parlano dividendosi il racconto. Il primo è un bruco che parla e pensa della sua natura come un umano (e se è così non ci sta). Il secondo è un operatore naturalista che ama il suo lavoro (e questo è perfettamente centrato). La terza opzione è che non ci ho capito nulla, spero non sia così. Scritto molto bene ma prima di votarlo attendo conferma dall'autore.
Ciao Marcello! Intanto grazie mille per aver commentato, se dovessi spiegare il racconto dovrei scrivere più della lunghezza dello stesso. Trovo che sia importante, ai fini dell'opera, che sia il lettore a decidere, in base alla sua sensibilità, il significato dello scritto. Posso dirti che tutto ha un suo significato, dagli spazi alla chiusa e via discorrendo. Ti ringrazio nuovamente, questa volta, per aver apprezzato la forma del racconto :-)
Simone_Non_é
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 109
Iscritto il: 16/12/2019, 1:27

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Simone_Non_é »

Mauro Conti ha scritto: 01/10/2020, 13:32 Premetto (e ammetto) la mia scarsa sensibilità a livello umano che spesso si estende in altre fasi della vita, come la comprensione dei testi ad esempio. Ma nemmeno io l'ho capito. :|
ma probabilmente il gioco è questo: ognuno leggendolo capisce una cosa diversa dagli altri.
Può essere una possibilità.
Ciao Mauro! La soggettività porta a diverse interpretazioni, certo è che un messaggio, o forse più, nel racconto è presente. Grazie infinite per aver letto e commentato :-)
Simone_Non_é
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 109
Iscritto il: 16/12/2019, 1:27

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Simone_Non_é »

carlocelenza ha scritto: 01/10/2020, 12:42 Mi associo a Scatoli, non ho afferrato il senso del racconto. Il "tremendo e accomodante buio " non contribuisce a chiarire le cose. " Etereamente incantevole " nemmeno. Ho trovato il pezzo non immediatamente comprensibile.
Ciao Carlo! In effetti il testo può essere non immediatamente comprensibile, ma si tratta di un racconto breve e a volte una rilettura può essere chiarificatrice. Detto questo, grazie del commento e della lettura :-)
Simone_Non_é
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 109
Iscritto il: 16/12/2019, 1:27

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Simone_Non_é »

Fausto Scatoli ha scritto: 01/10/2020, 12:10 niente male. abbastanza ben scritto, ci sono alcuni refusi ma niente di che, con buone descrizioni, soprattutto visive.
tiene in sospseso fino al termine, e questo è un punto a favore.
quello che non ho compreso, ma forse è un problema mio, è il significato della storia.
non ci arrivo, mi spiace, ma sono io a non farcela.
Ciao Fausto! Immagino tu sia stato di parola e quell'uno, intendo il voto, sia tuo. Ognuno è libero di esprimere il voto che più desidera ed io lo accetto, certo non mi sembra giustificato visto che la forma del testo è corretta. Farò tesoro, così come delle critiche precedenti che mi hanno portato ad avere più attenzione per il "lato tecnico" velocizzando il mio percorso di crescita, anche di questo voto; il quale, senza ombra di dubbio, mi aiuterà a farmi le "spalle larghe", ti ringrazio :-)
Simone_Non_é
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 109
Iscritto il: 16/12/2019, 1:27

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Simone_Non_é »

Roberto Virdo' ha scritto: 01/10/2020, 11:52 Simone, non so cosa dire, anzi lo so: vorrei averlo scritto io. Bando ai formalismi, per me questo è da premio… bravo bravo super! Hai dato corpo a un pensiero che si trasforma, a una vita mai ferma, perfino a un bellissimo sentimento. La strana ragazza…
Non vorrei dilungarmi inutilmente, lo trovo un perfetto gioiellino. Chapeau.
Ciao Roberto! Non so cosa dire neanch'io, mi limiterò ad un grazie per questo tuo bellissimo commento, sono felice che il racconto sia arrivato. Mi hai rallegrato la giornata con queste tue parole :-)
Simone_Non_é
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 109
Iscritto il: 16/12/2019, 1:27

Author's data

Re: Non sono io

Messaggio da leggere da Simone_Non_é »

Lelle Carpisa ha scritto: 01/10/2020, 5:50 Bellissimo scritto!
Mi piace pensare che il protagonista stia divorando “ metaforicamente “ questa carcassa che altro non è che il suo lavoro , che va svolgendo sempre più appassionato ma anche ossessionato.
Mi piace che quest’ultimo trovi godimento nel scattare e scattare , come se stesse mangiando realmente tutte le fasi della metamorfosi di quel bruco.
Alla fine... quel bruco pare quasi essere il suo alter ego , alla ricerca di un se stesso inconscio e sconosciuto.
Semplicemente wow !
Ciao Lelle! Sono contento per queste tue parole e non aggiungerò altro se non, grazie per aver letto e commentato :-)

N.b. ai fini della gara quando commenti un racconto è importante cambiare il titolo, in questo caso, da "Re: Non sono io" a "Commento", altrimenti non viene considerato tale :-)
Marcello Rizza
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 103
Iscritto il: 23/06/2015, 23:54

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Marcello Rizza »

Alla fine ti ho dato 4 per la forma e perché l'idea è buona. Se non avessi "umanizzato" il bruco sarebbe stato certamente un 5. Se scriverai sempre così, da parte mia saranno sempre voti alti.
Lucia De Falco
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 77
Iscritto il: 08/03/2020, 14:37

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Lucia De Falco »

Anch'io alla fine della lettura avevo qualche dubbio di interpretazione, poi comunque ho visto che mi ritrovo con un altro recensore che ha ipotizzato che nella prima parte sia un animale a parlare, mentre nella seconda un operatore. L"idea è buona e mi piace il linguaggio utilizzato, soprattutto nella prima parte. Forse al posto del bruco sceglierei un animale più " nobile", magari in via d'estinzione o oggetto di maltrattamento per far comprendere il suo punto di vista.
Simone_Non_é
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 109
Iscritto il: 16/12/2019, 1:27

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Simone_Non_é »

Marcello Rizza ha scritto: 01/10/2020, 23:55 Alla fine ti ho dato 4 per la forma e perché l'idea è buona. Se non avessi "umanizzato" il bruco sarebbe stato certamente un 5. Se scriverai sempre così, da parte mia saranno sempre voti alti.
Grazie mille Marcello è un voto alto e ne sono felice, diciamo che in effetti su quell'aspetto in particolare ci ho dovuto riflettere un po', mi è sembrata però alla fine la scelta migliore, quella adottata, ai fini del racconto. Terrò presente questo tuo consiglio, grazie :-)
Simone_Non_é
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 109
Iscritto il: 16/12/2019, 1:27

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Simone_Non_é »

Lucia De Falco ha scritto: 03/10/2020, 7:37 Anch'io alla fine della lettura avevo qualche dubbio di interpretazione, poi comunque ho visto che mi ritrovo con un altro recensore che ha ipotizzato che nella prima parte sia un animale a parlare, mentre nella seconda un operatore. L"idea è buona e mi piace il linguaggio utilizzato, soprattutto nella prima parte. Forse al posto del bruco sceglierei un animale più " nobile", magari in via d'estinzione o oggetto di maltrattamento per far comprendere il suo punto di vista.
Ciao Lucia! Grazie mille per questo tuo commento, il bruco in realtà ha un suo perché ai fini del testo, devo ammettere che la tua idea è bella anche se personalmente la userei in un contesto leggermente diverso, ma qui, forse, si ricade nel campo della soggettività. Ancora grazie :-)
Avatar utente
Ida-59
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 116
Iscritto il: 14/01/2020, 15:30
Località: Vigevano
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Ida-59 »

Mah… che dire, anche per me non è affatto chiaro il senso della storia e per questo non mi è piaciuta anche se è scritta bene (però due "ineluttabile" e due "incantevole" in un testo così breve stonano).
Non che non abbia capito, perchè è chiaro che nella prima parte parla il bruco e nella seconda l'uomo. Per me era già evidente dallo straniamento utilizzato nella prima parte (troppo umanizzato il bruco, però, a mio parere: mantenerlo più ambiguo avrebbe reso meglio) e, soprattutto, dalla lente (pensavo di ingrandimento invece era l'obiettivo) che viene citata; certo, un bruco, riconoscere una lente… lo straniamento è una tecnica che si può rivoltare contro il proprio autore.
No, quello che non mi è chiaro è il significato intrinseco della storia, il messaggio dell'autore che, purtroppo, non ho compreso.
Selene Barblan
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 401
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Il racconto mi è piaciuto molto, soprattutto la capacità, nella prima parte, di descrivere le sensazioni. Quelle di un animale, per come un umano nel suo sempre più grande distanziamento dall’esserlo lui stesso, riesce ad immaginarselo. Nella seconda parte poi si crea un legame con l’osservatore e la sua di storia. Credo che in questa parte alcuni aspetti della punteggiatura vadano un po’ a rallentare la comprensione. Rimane però il racconto che, finora, mi è piaciuto più leggere in questa gara.
Simone_Non_é
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 109
Iscritto il: 16/12/2019, 1:27

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Simone_Non_é »

Ida-59 ha scritto: 05/10/2020, 9:14 Mah… che dire, anche per me non è affatto chiaro il senso della storia e per questo non mi è piaciuta anche se è scritta bene (però due "ineluttabile" e due "incantevole" in un testo così breve stonano).
Non che non abbia capito, perchè è chiaro che nella prima parte parla il bruco e nella seconda l'uomo. Per me era già evidente dallo straniamento utilizzato nella prima parte (troppo umanizzato il bruco, però, a mio parere: mantenerlo più ambiguo avrebbe reso meglio) e, soprattutto, dalla lente (pensavo di ingrandimento invece era l'obiettivo) che viene citata; certo, un bruco, riconoscere una lente… lo straniamento è una tecnica che si può rivoltare contro il proprio autore.
No, quello che non mi è chiaro è il significato intrinseco della storia, il messaggio dell'autore che, purtroppo, non ho compreso.
Ciao Ida grazie mille per il commento! Come può qualcosa che non si capisce non piacere? Per il mio modo di agire un giudizio ha senso quando si è compreso un opera, qualsiasi essa sia. Detto questo ancora grazie mille per questo tuo commento ed il tempo dedicatomi, felice che altri lettori ne abbiano colto il "messaggio" :-)
Simone_Non_é
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 109
Iscritto il: 16/12/2019, 1:27

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Simone_Non_é »

Selene Barblan ha scritto: 05/10/2020, 11:46 Il racconto mi è piaciuto molto, soprattutto la capacità, nella prima parte, di descrivere le sensazioni. Quelle di un animale, per come un umano nel suo sempre più grande distanziamento dall’esserlo lui stesso, riesce ad immaginarselo. Nella seconda parte poi si crea un legame con l’osservatore e la sua di storia. Credo che in questa parte alcuni aspetti della punteggiatura vadano un po’ a rallentare la comprensione. Rimane però il racconto che, finora, mi è piaciuto più leggere in questa gara.
Posso semplicemente rispondere informalmente in questo modo "<3"? Scherzi a parte, mi ha colpito molto una tua osservazione fatta nel commento, ma rimarrò fedele alla mia linea e non mi sbilancerò più di così. Grazie mille per il commento e la lettura del racconto :-)
Selene Barblan
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 401
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Re: Non sono io

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

😄 👋
Laura Traverso
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 405
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

Ho compreso da quasi subito che a parlare fosse un bruco. E devo pur dire che il pensiero umano che gli hai attribuito mi è piaciuto: e d'altra parte come potrebbe mai parlare un animale se non "umanamente" per farsi capire dagli umani che leggono? In conclusione trovo che il racconto sia un tantino complesso e non troppo comprensibile, almeno per me. Ho apprezzato, però, l'originalità del testo. Quindi il mio non sarà un voto alto, ma neppure bassissimo, solo perché la storia mi ha coinvolto poco.
Anna Gri
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 39
Iscritto il: 22/09/2020, 8:16

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Anna Gri »

Scrivi benissimo, sei abile, hai uno stile potente e molto molto originale. Sinceramente non sono riuscita a comprendere pienamente il messaggio del testo, ma magari è una mia pecca. Non per questo posso permettermi di valutare il tuo stile, anche perché è pressoché impossibile arrivare a tutti.
Simone_Non_é
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 109
Iscritto il: 16/12/2019, 1:27

Author's data

Re: commento

Messaggio da leggere da Simone_Non_é »

Laura Traverso ha scritto: 06/10/2020, 0:40 Ho compreso da quasi subito che a parlare fosse un bruco. E devo pur dire che il pensiero umano che gli hai attribuito mi è piaciuto: e d'altra parte come potrebbe mai parlare un animale se non "umanamente" per farsi capire dagli umani che leggono? In conclusione trovo che il racconto sia un tantino complesso e non troppo comprensibile, almeno per me. Ho apprezzato, però, l'originalità del testo. Quindi il mio non sarà un voto alto, ma neppure bassissimo, solo perché la storia mi ha coinvolto poco.
Sì il racconto è complesso ma credo sia comprensibile, soprattutto per chi ha da subito ben chiaro il quadro generale :-) . Amo i sottotesti ed i racconti che letti a differenza di anni ti parlano un altra lingua regalandoti sfumature nuove, credo che questo però sia un mio gusto personale.
Spiace per il voto basso ma ti ringrazio per la lettura ed il commento :-)
Simone_Non_é
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 109
Iscritto il: 16/12/2019, 1:27

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Simone_Non_é »

Anna Gri ha scritto: 07/10/2020, 10:28 Scrivi benissimo, sei abile, hai uno stile potente e molto molto originale. Sinceramente non sono riuscita a comprendere pienamente il messaggio del testo, ma magari è una mia pecca. Non per questo posso permettermi di valutare il tuo stile, anche perché è pressoché impossibile arrivare a tutti.
Grazie mille per i complimenti, anche perché per me l'originalità è importante.
Non c'è un solo messaggio nel testo ma più di uno, ancora grazie per il tempo dedicatomi :-)
Avatar utente
Francesco Dell'Accio
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 53
Iscritto il: 15/05/2018, 0:11
Località: Recco

Author's data

COMMENTO

Messaggio da leggere da Francesco Dell'Accio »

Ciao Simone
ho faticato troppo a capirne il senso. Sono riuscito a dargli una mia interpretazione rileggendolo.
Il parallelo tra il bruco e il protagonista che esce dalla sua apatia, da giornate sul divano a mangiare, sviluppando la passione per i documentari girati con la sua Canon.
Bello il parallelo con il bruco e il diverso angolo visuale sulla ricerca di cibo e l'uscita dall'oscurità. Almeno questa è la mia interpretazione.
Ciao
Rispondi

Torna a “Gara d'autunno, 2020”



Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


L'Animo spaziale

L'Animo spaziale

Tributo alla Space Opera

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
L'Animo Spaziale è un tributo alla space opera. Contiene una raccolta di racconti dell'autore Massimo Baglione, ambientati nella fantascienza spaziale. Un libro dove il concetto di fantascienza è quello classico, ispirato al Maestro Isaac Asimov. La trilogia de "L'Animo Spaziale" (Intrepida, Indomita e Impavida) è una storia ben raccontata con i giusti colpi di scena. Notevole la parentesi psicologica, in Indomita, che svela la complessa natura di Susan, elemento chiave dell'intera vicenda. "Intrepida", inoltre, ha vinto il primo premio nel concorso di letteratura fantascientifica "ApuliaCon 2006" (oggi "Giulio Verne"). I racconti brevi "Mr. Sgrultz", "La bottiglia di Sua Maestà" e "Noi, sorelle!" sono stati definiti dalla critica "piccoli capolavori di fantascienza da annoverare negli annali.
Di Massimo Baglione.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (1,68 MB scaricato 258 volte).
info e commenti compralo su   amazon

Dentro la birra

Dentro la birra

antologia di racconti luppolati

Complice di serate e di risate, veicolo per vecchie e nuove amicizie, la birra ci accompagna e ha accompagnato la nostra storia. "Dentro la birra", abbiamo scelto questo titolo perché crediamo sia interessante sapere che cosa ci sia di così attraente nella bevanda gialla, gasata e amarognola. Perchè piace così tanto? Che emozioni fa provare? Abbiamo affidato questa "indagine" a Braviautori, affinché trovasse, tramite l'associazione e il portale internet, scrittori capaci di esprimere tali sensazioni. E infatti sono arrivati numerosi racconti: la commissione ne ha scelti 33. Nemmeno a farlo apposta, 33 è la quantità di centilitri di un gran numero di bottiglie (e lattine) di birra; una misura nota a chi se n'intende.
A cura di Umberto Pasqui e Massimo Baglione.

Contiene opere di: Andrea Andreoni, Tullio Aragona, Enrico Arlandini, Beril, Enrico Billi, Luigi Bonaro, Vittorio Cotronei, Emanuele Crocetti, Bruno Elpis, Daniela Esposito, Lorella Fanotti, Lodovico Ferrari, Livio Fortis, Valerio Franchina, Luisa Gasbarri, Oliviero Giberti, Elena Girotti, Concita Imperatrice, Carlotta Invrea, Fabrizio Leo, Sandra Ludovici, Micaela Ivana Maccan, Cristina Marziali, Stefano Masetti, Maurizio Mequio, Simone Pelatti, Antonella Provenzano, Maria Stella Rossi, Giuseppe Sciara, Salvatore Stefanelli, Ser Stefano, SunThatSpeed, Marco Vignali.
Vedi ANTEPRIMA (276,03 KB scaricato 238 volte).
info e commenti compralo su   amazon

La spina infinita

La spina infinita

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
"La spina infinita" è stato scritto quasi vent'anni fa, quando svolgevo il mio servizio militare obbligatorio, la cosiddetta "naja". In origine era una raccolta di lettere, poi pian piano ho integrato il tutto cercando di dare un senso all'intera opera. Quasi tutto il racconto analizza il servizio di leva, e si chiude con una riflessione, aggiunta recentemente, che riconsidera il tema trattato da un punto di vista più realistico e maturo.
Di Mario Stallone
a cura di Massimo Baglione.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (467,93 KB scaricato 189 volte).
info e commenti compralo su   amazon

Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.



Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 59 - Siamo come ci vedono o come ci vediamo noi?

La Gara 59 - Siamo come ci vedono o come ci vediamo noi?

(giugno/luglio 2016, 35 pagine, 1,73 MB)

Autori partecipanti: Lodovico, Nunzio Campanelli, Massimo Tivoli, Carlocelenza, Stefania Di Giannantonio, Mirtalastrega, Skyla74, Patrizia Chini, Gabriele Ludovici, Giorgio Leone.
a cura di Alberto Tivoli.
Scarica questo testo in formato PDF (1,73 MB) - scaricato 158 volte.
oppure in formato EPUB (583,49 KB) (vedi anteprima) - scaricato 155 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

La Gara 60 - Metropolis

La Gara 60 - Metropolis

(agosto/ottobre 2016, 24 pagine, 745,43 KB)

Autori partecipanti: Giorgio Leone, Alberto Tivoli, Massimo Tivoli, Mirtalastrega, Gabriele Ludovici, Ilaria Rucco, Eliseo Palumbo.
a cura di Lodovico.
Scarica questo testo in formato PDF (745,43 KB) - scaricato 58 volte.
oppure in formato EPUB (490,62 KB) (vedi anteprima) - scaricato 89 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

La Gara 50 - La Verità

La Gara 50 - La Verità

(gennaio 2015, 24 pagine, 2,01 MB)

Autori partecipanti: Ser Stefano, Patrizia Chini, Nunzio Campanelli, Nembo13, Mastronxo, Michele, Eliseo Palumbo.
a cura di Cladinoro.
Scarica questo testo in formato PDF (2,01 MB) - scaricato 105 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.