La valigia blu

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'autunno 2020.

Sondaggio

1 - non mi piace affatto
3
25%
2 - mi piace pochino
2
17%
3 - si lascia leggere
5
42%
4 - è bello
2
17%
5 - mi piace tantissimo
0
Nessun voto
 
Voti totali: 12

Avatar utente
Francesco Dell'Accio
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 58
Iscritto il: 15/05/2018, 0:11
Località: Recco

Author's data

La valigia blu

Messaggio da leggere da Francesco Dell'Accio »


James Parker aveva le cuffie bluetooth sulle orecchie. Ascoltava così la televisione quando non voleva discutere con Edith, sua moglie. Lei se ne stava seduta sul divano con le gambe piegate sotto il sedere, fumava una sigaretta e sfogliava le pagine di una rivista che non stava leggendo.
Da molto tempo riempivano in questo modo il vuoto tra la cena e l’andare a letto. Quel letto che usavano per riprendersi dalle fatiche della giornata. Raramente ormai serviva ad altro.
Si chiedeva se il marito stesse guardando il talk show o la valigia blu appoggiata per terra, sotto la televisione. Poggiò la sigaretta sul posacenere, allungò la gamba e agitò le dita del piede in segno di saluto.
James, buffo con la testa tra le cuffie, non ricambiò il sorriso ammiccante di Edith.
”Perché hai comprato quelle cose? Non ti basto io?”
Lei si alzò e si mise davanti alla televisione con la valigia tra le belle gambe muscolose.
“James, non sai neanche cosa c’è dentro” disse con un sorriso malizioso mentre il marito si toglieva le cuffie.
“Non lo voglio sapere. Non voglio vedere quelle cose” disse James con la faccia schifata.
“Ne sei sicuro?” Chiese lei avvicinandosi con la valigia tra le mani.
Lui scappò all'attacco della moglie rifugiandosi nell’angolo bar e versandosi un whisky. Il suo corpo era tutto un movimento: la bottiglia tremava nella sua mano, la spalla destra si alzava di scatto e la testa cercava qualche cosa a sinistra con movimenti breve e secchi.
Edith si chiedeva se fosse imbarazzo o irrefrenabile desiderio di provare. Gli tolse il bicchiere dalle mani e lo svuotò in un sorso.
Lo prese per mano. “Vieni, andiamo a letto”.
Lui la seguiva come un bambino timoroso.
Edith aprì la valigia. Gli occhi di James si allargarono e la bocca disse una “o” muta.
“Guarda che bel vibratore… e queste manette… non ti piacerebbe che io fossi la tua insegnante severa? La cattiva insegnante che punisce il suo studente svogliato?”
La faccia dell’uomo aveva un’espressione disgustata. Gli angoli della bocca piegati verso il basso mentre gli occhi guardavano il crocifisso sopra il letto. La parte di sotto invece dava segni di forte vitalità. All’abitante delle parti basse piaceva molto la situazione.
E la testa? La sua testa pensava che “quegli attrezzi” li aveva visti decine di volte nelle case delle prostitute, dove andava periodicamente per concedersi delle piacevoli trasgressioni.
Uno scintillio percorse gli occhi di Edith. Aveva visto il gonfiore in mezzo alle gambe del suo uomo. Adesso bisognava convincere il lato razionale a farsi da parte.
“Vado in bagno a prepararmi. Tu spogliati” disse Edith, sicura di sé.
James in pochi secondi rimase in mutande e si infilò velocissimo sotto le coperte. Se le tirò fino al mento. Avrebbe voluto essere da un’altra parte.
Edith uscì dal bagno. Bellissima. Si avvicinava al letto con passi lenti e sensuali, ma lui era troppo impegnato a guardare il vibratore e il frustino nelle mani della moglie.
Lei si sedette sopra al suo petto, poi gli prese i polsi e lo ammanettò.
“Basta, basta. Non è di questo che abbiamo bisogno. Dobbiamo tornare a intenderci, ad ascoltarci. Prima di tutto con la testa. Il resto verrà da sé”. Le parole uscirono disperate dalla sua bocca.
Il sorriso malizioso e sensuale di Edith si spense in un attimo. In silenzio aprì le manette e liberò il marito.
Lui la spostò bruscamente e andò in bagno cercando di calmare il suo arnese, evidentemente non in sintonia con i suoi pudori.
Sul letto Edith si spalmò la crema lubrificante e provò il viratore nuovo di zecca.
.......
La donna gli ammanettò le mani dietro alla schiena e lo fece inginocchiare. Prese con misurata lentezza il frustino e iniziò a sfiorare la schiena dell’uomo.
“Mi raccomando, fai piano. Non posso tornare a casa con dei segni” disse James
“ Te ne ho mai lasciati in tante volte che sei venuto?” Disse la donna mentre iniziò a giocare con il corpo dell’uomo, facendolo impazzire di piacere.
Si rivestì in fretta, mise la solita cifra sul comodino e se ne andò. La riunione di lavoro era finita e poteva rientrare a casa.
“Ciao amore. Ho una fame che non ci vedo. Mi faccio una doccia e sono a tavola in dieci minuti” le disse.
“ Fai con calma caro” rispose Edith
La cena è stata ottima, pensò il marito. Adesso un rilassante divano davanti alla televisione e, se ne avremo voglia, una veloce scopata e poi un buon sonno.
Ultima modifica di Francesco Dell'Accio il 30/10/2020, 15:07, modificato 5 volte in totale.
Marcello Rizza
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 149
Iscritto il: 23/06/2015, 23:54

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Marcello Rizza »

Buongiorno Francesco. Faccio da apripista con i commenti al tuo racconto, se posso permettermi. Il tuo racconto, che mi piace, contiene qualche refuso che puoi facilmente risolverlo e correggerlo. Non spicca in originalità ma può piacere, a me piace, come conclude, con quella "pace" ingiustificata che si permette il fedifrago. Che poi siamo o siamo stati un po tutti fedifraghi nella vita. Forse non è proprio centrato l'inizio perché parli specificatamente della "moglie" mentre, a mio parere, dovresti farlo credere per poi "colpire" col finale. Comunque mi piace quello che è eticamente scorretto ma tanto "umano". Siamo preda di curiosità e passioni, di novità, di situazioni che non possiamo permetterci ma che ci eccitano. Il rientro a casa è cinico ma ci sta. Io, forse per l'età, mi sto sedando e sto coccolandomi quello, bello, che già ho. Se non ti spiace, aspetto a votarti dopo che avrai corretto alcuni refusi. Il voto sta, con le correzioni, sul "4". Grazie di avermi / ci divertito.
Avatar utente
Ida-59
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 131
Iscritto il: 14/01/2020, 15:30
Località: Vigevano
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Ida-59 »

Mah… sarò scema, ma non ho capito, motivo per cui non mi è piaciuto.
Sembrava una storia tra marito e moglie, con la moglie alla ricerca del piccante (comprensibile nella situazione descritta) e fin lì tutto ok.
Poi, invece, forse lui è con una prostituta (o è tutta una finzione ancora con la moglie?): se è con una prostituta, la professionista deve essere piusttosto "cara" visto tutto il tempo "perso". Lo stacco tra le due situazioni, però, non è spiegato: lui va in bagno a calmare i bollenti ardori, e poi lei lo ammanetta e il gioco continua? Non mi è chiaro.
Troppa confusione per i miei gusti: preferivo marito e moglie!
Avatar utente
Francesco Dell'Accio
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 58
Iscritto il: 15/05/2018, 0:11
Località: Recco

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Francesco Dell'Accio »

Ciao Ida, grazie della recensione.
Nella stesura su Word avevo evidenziato il cambio di scena (da casa sua alla camera della prostituta) con una spaziatura. Non mi ero accorto che quando ho incollato il racconto era scomparsa. Adesso l'ho reinserita con dei trattini.
A rileggerci
Francesco
Ida-59 ha scritto: 30/10/2020, 14:59 Mah… sarò scema, ma non ho capito, motivo per cui non mi è piaciuto.
Sembrava una storia tra marito e moglie, con la moglie alla ricerca del piccante (comprensibile nella situazione descritta) e fin lì tutto ok.
Poi, invece, forse lui è con una prostituta (o è tutta una finzione ancora con la moglie?): se è con una prostituta, la professionista deve essere piusttosto "cara" visto tutto il tempo "perso". Lo stacco tra le due situazioni, però, non è spiegato: lui va in bagno a calmare i bollenti ardori, e poi lei lo ammanetta e il gioco continua? Non mi è chiaro.
Troppa confusione per i miei gusti: preferivo marito e moglie!
Avatar utente
Francesco Dell'Accio
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 58
Iscritto il: 15/05/2018, 0:11
Località: Recco

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Francesco Dell'Accio »

Ciao Marcello
grazie della recensione, e grazie di avermi segnalato alcuni refusi.
Ho scelto di proposito di rivelare subito i ruoli (marito e moglie). Volevo illustrare, senza alcun giudizio, certe dinamiche che si sviluppano tra le coppie.
Avevo ascoltato un dibattito alla radio sul sesso e mi aveva colpito come un ospite avesse criticato quelli che secondo lui erano eccessi. Mi aveva colpito come il suo intervento facesse scomparire la dimensione di gioco nel sesso, parte, secondo me, essenziale.
A rileggerci


quote="Marcello Rizza" post_id=101543 time=1604056875 user_id=12763]
Buongiorno Francesco. Faccio da apripista con i commenti al tuo racconto, se posso permettermi. Il tuo racconto, che mi piace, contiene qualche refuso che puoi facilmente risolverlo e correggerlo. Non spicca in originalità ma può piacere, a me piace, come conclude, con quella "pace" ingiustificata che si permette il fedifrago. Che poi siamo o siamo stati un po tutti fedifraghi nella vita. Forse non è proprio centrato l'inizio perché parli specificatamente della "moglie" mentre, a mio parere, dovresti farlo credere per poi "colpire" col finale. Comunque mi piace quello che è eticamente scorretto ma tanto "umano". Siamo preda di curiosità e passioni, di novità, di situazioni che non possiamo permetterci ma che ci eccitano. Il rientro a casa è cinico ma ci sta. Io, forse per l'età, mi sto sedando e sto coccolandomi quello, bello, che già ho. Se non ti spiace, aspetto a votarti dopo che avrai corretto alcuni refusi. Il voto sta, con le correzioni, sul "4". Grazie di avermi / ci divertito.
[/quote]
Lucia De Falco
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 97
Iscritto il: 08/03/2020, 14:37

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Lucia De Falco »

Devo dire che questo racconto non mi è piaciuto, un po' per l'argomento, ma anche perché non c'è stato uno sviluppo positivo della vicenda. La parte che mi è piaciuta di più è stata quando il marito aveva detto che dovevano cominciare ad intendersi e il resto sarebbe venuto da sé, riflessione profonda, che poi è contraddetta dal suo comportamento successivo. Infatti io avrei eliminato la seconda parte e l'avrei sostituita con uno scambio, un dialogo tra i due, con una riappacificazione finale. Ma forse sono troppo romantica e tu probabilmente volevi trasmettere un messaggio negativo di cinismo della nostra società. Spero che non tutti gli uomini siano così, come quello della storia.
Francesco Pino
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 102
Iscritto il: 09/05/2020, 17:55

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Francesco Pino »

Guardando al lato descrittivo il racconto va sicuramente bene, scorre facilmente e tutto è immediatamente chiaro. Poi si puo' riflettere un po' sul comportamento di James: vuole nascondere alla moglie il piacere che prova con quei giochi perché anch'esso fa parte del segreto (andare a prostitute) oppure si rifiuta di fare con sua moglie quello che fa con le prostitute per non accomunarla idealmente a loro?
Comunque non male il lavoro.
Avatar utente
Francesco Dell'Accio
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 58
Iscritto il: 15/05/2018, 0:11
Località: Recco

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Francesco Dell'Accio »

Ciao Lucia, grazie della recensione.

Nessuno messaggio da trasmettere. Butto giù delle righe e le metto su Bravi autori per puro piacere e divertimento. Anche quando leggo, non cerco il "Messaggio" in senso assoluto. Cerco sollecitazioni, punti di vista che stimolino riflessioni fuori dal mio perimetro abituale. Mi piacciono i racconti che illustrano le debolezze della gente comune, che raccontano le contraddizioni, che mostrano i diversi "universi" (la famiglia e il "mondo fuori"). E in questo senso adoro Carver. Lo hai mai letto? racconti brevi, taglienti, immediati. Immagini chiare come attraverso un vetro e, soprattutto, nessun giudizio, nessun messaggio e nessuna verità. Questo è un compito gravoso che Carver lascia al lettore. Perlomeno a chi ne sente il bisogno.
A rileggerci
Francesco
Lucia De Falco ha scritto: 31/10/2020, 9:25 Devo dire che questo racconto non mi è piaciuto, un po' per l'argomento, ma anche perché non c'è stato uno sviluppo positivo della vicenda. La parte che mi è piaciuta di più è stata quando il marito aveva detto che dovevano cominciare ad intendersi e il resto sarebbe venuto da sé, riflessione profonda, che poi è contraddetta dal suo comportamento successivo. Infatti io avrei eliminato la seconda parte e l'avrei sostituita con uno scambio, un dialogo tra i due, con una riappacificazione finale. Ma forse sono troppo romantica e tu probabilmente volevi trasmettere un messaggio negativo di cinismo della nostra società. Spero che non tutti gli uomini siano così, come quello della storia.
Avatar utente
Francesco Dell'Accio
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 58
Iscritto il: 15/05/2018, 0:11
Località: Recco

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Francesco Dell'Accio »

Ciao Francesco, grazie per la recensione.

Sentendo un dibattito sul sesso alla radio mi aveva colpito questo concetto secondo il quale la famiglia è un po' il luogo del dovere, e come alcune modalità di approcciare il sesso venissero giudicate in modo diverso a seconda del contesto. Quindi si andava da giudizi oscillanti tra la perversione, il gioco, la fantasia. Condanna e benevola assoluzione.
Ho scritto quindi queste righe colpito dal diverso metro di giudizio adoperato. Poi, però, quando uno legge dà la sua personale interpretazione e va bene così.
A rileggerci
Francesco
Francesco Pino ha scritto: 31/10/2020, 11:49 Guardando al lato descrittivo il racconto va sicuramente bene, scorre facilmente e tutto è immediatamente chiaro. Poi si puo' riflettere un po' sul comportamento di James: vuole nascondere alla moglie il piacere che prova con quei giochi perché anch'esso fa parte del segreto (andare a prostitute) oppure si rifiuta di fare con sua moglie quello che fa con le prostitute per non accomunarla idealmente a loro?
Comunque non male il lavoro.
Avatar utente
Ida-59
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 131
Iscritto il: 14/01/2020, 15:30
Località: Vigevano
Contatta:

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Ida-59 »

Francesco Dell'Accio ha scritto: 30/10/2020, 15:34 Ciao Ida, grazie della recensione.
Nella stesura su Word avevo evidenziato il cambio di scena (da casa sua alla camera della prostituta) con una spaziatura. Non mi ero accorto che quando ho incollato il racconto era scomparsa. Adesso l'ho reinserita con dei trattini.
A rileggerci
Francesco
Ah, ok, adesso la storia assume un suo senso logico.
Selene Barblan
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 417
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Un buon mix di ipocrisia e incoerenza quest’ometto, che mi ispira un certo fastidio. Edith sembra già più interessante, anche se, come spesso accade, non vede ciò che da un punto di vista esterno è abbastanza evidente. Due persone/ personaggi abbastanza veri da suscitare curiosità è una reazione emotiva nel lettore, trovo che questo sia il punto forte del racconto. La trama è abbastanza lineare, le descrizioni ben riuscite. Secondo me all’inizio e alla fine il cambio di prospettiva va messo in evidenza attraverso la suddivisione in paragrafi. Globalmente non mi è dispiaciuto in ogni caso.
RobediKarta
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 18
Iscritto il: 02/11/2020, 2:14

Author's data

Re: La valigia blu

Messaggio da leggere da RobediKarta »

Pur nella brevità forse sei stato un po' frettoloso nei cambi di scena. Nella conclusione se ho capito bene lui torna dalla moglie, e poi leggiamo il suo pensiero dopo la cena ? Forse occorre formattare meglio. Al di là di questo c'è un uso forse un po' prevedibile degli aggettivi. "passi lenti e sensuali", "sorriso malizioso", "misurata lentezza" sono quasi delle locuzioni. Potresti lavorare più sulla forma. Il contenuto mi è piaciuto però.
Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 509
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

altro racconto che mi lascia perplesso.
non lo comprendo proprio, evidentemente mi trovo su di un livello diverso da quello dell'autore.
non riesco a capire la storia, che prima pare avere un senso e poi un altro.
non è scritto male, ma se non riesco a recepirne il senso non so cosa dire.
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Stefyp
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 190
Iscritto il: 26/07/2019, 18:48

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Stefyp »

Forse in quanto donna e per di più di una certa età, l'argomento del racconto non è nelle mie corde. Ma questo è un problema mio. La lettura scorre via veloce anche se forse un paio di tempi verbali li rivedrei. Quello che però mi sembra poco centrato è il finale. Fila tutto con logica fino a che lui va dalla prostituta, quello che non mi torna è il "ciao amore" e il "fai con calma, caro". Questo scambio di battute tra i due non è in linea con il tipo di rapporto che hai delineato nella prima parte.
Avatar utente
MattyManf
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 78
Iscritto il: 07/11/2020, 15:35
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da MattyManf »

Un racconto che tratta senza scadere nel volgare un tema particolare: il sesso.
Eppure, non è un racconto erotico. Il sesso è crudo, uno strumento parte della vita della coppia ma da cui trarre un mutuo piacere non sembra più possibile. Entrambi i protagonisti vogliono la stessa cosa, ma sono bloccati dai loro stessi preconcetti ad un appagamento parziale.

Il tema mi è piaciuto moltissimo e, se sviluppato meglio, avrebbe merititato molto di più.
Ma il modo in cui viene narrato, se pur le frasi sono ben fatte e la grammatica è a posoto, finisce per confondere. Ho riletto due volte per riuscire a capire cosa fosse successo e dove fosse il cambio di scena che rende la successione degli eventi sensata.

Peccato, perchè questa torbida vicenda ha delle buone carte, ma non le gioca al meglio
:smt100 :smt100 :smt100
Date un'occhiara "Il Carillon di Absindaele" ,
il mio racconto gotico nella Gara d'Autnno!
Fatemi sapere cosa ne pensate!

Illustrazioni: https://www.instagram.com/chinevesperiane/
Wattpad: https://www.wattpad.com/user/NovelleVesperiane
Roberto Virdo'
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 112
Iscritto il: 08/06/2020, 11:04

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Virdo' »

Francesco, ho letto il tuo breve racconto. Concordo pienamente con te sulla bellezza dello scrivere in sè approcciando tematiche di ogni genere, senza dover obbligatoriamente "schierarsi" o tirar fuori una morale (diciamo così). Esatto, l'essenziale sta nel far riflettere e sì, credo tu ci sia riuscito. Quando i commenti s'intrecciano così, qualcosa hai smosso di sicuro.
E' vero, come più volte è stato evidenziato, probabilmente qualche affinamento darebbe più scorrevolezza alla storia che sa incuriosire. Ammetto che il dialogo finale, come peraltro già segnalato, resta un attimo "sfocato", o forse sono io che non ho colto il segno.
Vorrei dare una mia interpretazione: l'immagine allo specchio è la stessa da tanto, troppo tempo, finchè uno dei due trova il coraggio di voltarsi.
Ti faccio i miei complimenti, hai voluto parlarci di qualcosa di reale che, nel bene o nel male, in misura maggiore o minore, tocca una moltitudine di coppie: la non condivisione è un veleno mortale, almeno quanto la paura. Ti assegno un voto alto, al di là delle piccole imperfezioni formali (più di ritmo), certo che il prossimo sarà super.
Laura Traverso
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 421
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

A me non è dispiaciuto affatto questo racconto, anche scritto bene, perché descrive al meglio l'ipocrisia che mediamente c'è nelle coppie, intendo tra marito e moglie. Ho sempre pensato alla enorme moltitudine di uomini che, dietro l'apparenza di mariti passabili, vanno poi a prostitute come l'omuncolo del racconto. Triste, l'ho trovata molto triste questa storia perché andare a fare sesso a pagamento mi sembra assai squallido. Ma so bene che è una visione tutta femminile e mia. Voto alto
Rispondi

Torna a “Gara d'autunno, 2020”


Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


Calendario BraviAutori.it "Writer Factor" 2015 -  (in bianco e nero)

Calendario BraviAutori.it "Writer Factor" 2015 - (in bianco e nero)

(edizione 2015, 3,39 MB)

Autori partecipanti: (vedi sopra)
A cura di Tullio Aragona.
Scarica questo testo in formato PDF (3,39 MB) - scaricato 120 volte..

La Gara 58 - A volte ritornano

La Gara 58 - A volte ritornano

(marzo/aprile 2016, 18 pagine, 500,19 KB)

Autori partecipanti: Giorgio Leone, Patrizia Chini, Nunzio Campanelli, Laura Chi, Alberto Tivoli, Annamaria Vernuccio.
a cura di Lodovico.
Scarica questo testo in formato PDF (500,19 KB) - scaricato 38 volte.
oppure in formato EPUB (1,03 MB) (vedi anteprima) - scaricato 68 volte..
Lascia un commento.

Gara d'estate 2019 - La madre del prescelto, e gli altri racconti

Gara d'estate 2019 - La madre del prescelto, e gli altri racconti

(estate 2019, 49 pagine, 841,96 KB)

Autori partecipanti: Marco Daniele, Lorenzo Scattini, Roberto Bonfanti, Carol Bi, Daniele Missiroli, L.Grisolia, Gabriele Ludovici, Isabella Galeotti, Draper, Angelo Ciola, Slifer, Stefyp, Alessandro Mazzi, Massimo Centorame.
a cura di Massimo Baglione.
Scarica questo testo in formato PDF (841,96 KB) - scaricato 41 volte.
oppure in formato EPUB (388,81 KB) (vedi anteprima) - scaricato 41 volte..
Lascia un commento.





Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


I sogni di Titano

I sogni di Titano

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
Il "cubo sognatore" su Titano aveva rivelato una verità sconvolgente sull'Umanità, sulla Galassia e, in definitiva, sull'intero Universo, una verità capace di suscitare interrogativi sufficienti per una vita intera. Come poteva essere bonariamente digerito il concetto che la nostra civiltà, la nostra tecnologia e tutto ciò che riguardava l'Umanità… non esisteva?
"Siamo solo… i sogni di Titano", aveva riportato il comandante Sylvia Harrison dopo il primo contatto col cubo, ma in che modo avrebbe potuto l'orgoglio dell'Uomo accettarlo? Ovviamente, l'insaziabile sete di conoscenza dell'Essere umano anelava delle risposte, e la sua naturale curiosità non poteva che spingerlo alla ricerca dell'origine del cubo e delle ragioni della sua peculiare funzione.
Gli autori GLAUCO De BONA (vincitore del Premio Urania 2013) e MASSIMO BAGLIONE (amministratore di BraviAutori.it) vi presentano una versione alternativa del "Tutto" che vi lascerà senza parole. Di Glauco De Bona e Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (203,77 KB scaricato 25 volte).
info e commenti compralo su   amazon

Antologia visual-letteraria (Volume tre)

Antologia visual-letteraria (Volume tre)

Questa antologia a tema libero è stata ispirata dalle importanti parole di Sam L. Basie:
Dedicato a tutti coloro che hanno scoperto di avere un cervello, che hanno capito che non serve solo a riempire il cranio e che patiscono quell'arrogante formicolio che, dalle loro budella, striscia implacabile fino a detonare dalle loro mani. A voi, astanti ed esteti dell'arte.
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Iunio Marcello Clementi, Noemi Buiarelli, Marco Bertoli, Liliana Tuozzo, Alessandro Carnier, Martina Del Negro, Lodovico Ferrari, Francesca Gabriel, Pietro Rainero, Fausto Scatoli, Gianluigi Redaelli, Ilaria Motta, Laura Traverso, Pasquale Aversano, Giorgio Leone, Ida Dainese, Marino Maiorino.
Vedi ANTEPRIMA (921,21 KB scaricato 49 volte).
info e commenti compralo su   amazon

La donna dipinta per caso

La donna dipinta per caso

racconti e poesie imperniati sulla donna in tutte le sue sfaccettature

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
Il libro contiene quattro racconti lunghi, undici racconti brevi e trentuno poesie. Il tema principale è la donna in tutte le sue sfaccettature: amante, madre, figlia, gioco, musa, insegnante, dolore, tecnologia, delusione e speranza. Nella prefazione è ospitato un generoso commento del prof. Carlo Pedretti, professore emerito di storia dell'arte italiana e titolare della cattedra di studi su Leonardo presso l'Università della California a Los Angeles, dove dirige il Centro Hammer di Studi Vinciani con sede italiana presso Urbino. Copertina e alcune illustrazioni interne di Furio Bomben.
Di Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (2,11 MB scaricato 754 volte).
info e commenti compralo su   amazon