Fast food

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'autunno 2020.

Sondaggio

1 - non mi piace affatto
0
Nessun voto
2 - mi piace pochino
1
20%
3 - si lascia leggere
3
60%
4 - è bello
1
20%
5 - mi piace tantissimo
0
Nessun voto
 
Voti totali: 5

Drago2803
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 3
Iscritto il: 13/05/2020, 18:57

Author's data

Fast food

Messaggio da leggere da Drago2803 »


Ogni mattina, attorno alle sei e trenta, Olivia inizia a stiracchiare le zampe sul pagliericcio in cui dorme insieme al padrone. Poi fa scivolare la lingua sul viso di Khaled e reclama la colazione, con brevi latrati intermittenti. Il più delle volte riceve un tozzo di pane, se va bene anche mezza ciotola di carote e piselli scaduti, salvo che il signor Gerry - il proprietario della trattoria - non abbia regalato al padrone qualche avanzo di carne.
Khaled si alza, indossa i soliti stracci, tira un sorso alla birra annacquata che conserva nel lavello, si getta un po’ d’acqua sul viso ed è pronto.
«Andiamo Olivia, oggi è giorno speciale», dice.
Poggiata su un comodino corroso dal tempo e divorato dai tarli c’è una piccola fotografia sgualcita. Khaled l’afferra, la guarda, la ripone in tasca. Fuori dalla porta lo attende una bicicletta. La inforca e inizia a pedalare verso il fast food. Olivia, come al solito, lo affianca nella corsa. Cerca di mordicchiare i lacci della scarpa sinistra, nella strana giostra in cui le gambe del padrone ruotano in sincronia coi pedali.
***
Gerry suda freddo.
Non capisce. Sono ormai tre anni che Khaled lavora per lui e non ha mai creato problemi. Adesso però, all’improvviso, sembra impazzito.
«Khaled ti prego, parliamone. Sono io, Gerry. Che ti succede? Metti via quella pistola, per favore…»
Il ragazzo è rosso in viso. Sembra un misto di rabbia e vergogna. La voce sembra esitante, però non trema.
«Lei sta zitto signor De Rosa, e indossa questo.»
Gerry ha ormai settantatré anni, la barba bianca e ispida come un pungitopo e un’ulcera cronica che gli strizza le budella ogni volta che s’azzarda a mangiare. Un tempo era responsabile di cassa in una grande impresa di costruzioni, poi una concatenazione di eventi sfortunati gli aveva portato via il lavoro e lo aveva indotto a indebitarsi per di rilevare quella tavola calda, una topaia sudicia lungo la via Casilina, nell’estrema periferia romana. Le pareti di quel posto trasudavano olio fritto da quanto ne avevano assorbito durante gli anni.
Gerry De Rosa non riusciva a mandare avanti la baracca da solo, così aveva assunto un giovane siriano dal viso bruno che s’era presentato a chiedere lavoro: Khaled. Lo stipendio dell’aiutante era basso, nonostante lavorasse duro. A volte il ragazzo, quand’era troppo esausto per rincasare, finiva per dormire nella cucina sul retro, un tugurio nel quale capitava che si addormentasse insieme a Olivia, il suo Jack Russell.
«Forse avrei dovuto darti un aumento? Lo sai Khaled che io me la passo male, però se me lo avessi chiesto, io…»
«Lei ora zitto e indossa questo» ripete il ragazzo, stavolta con tono più deciso. Gerry non ha il coraggio di far domande, ma capisce subito quel che sta accadendo. Il ragazzo gli sta porgendo una cintura carica di viti, bulloni e chiodi tenuti insieme in piccoli cilindri di scotch gommoso, su ognuno dei quali fa capolino un elettrodo collegato a un filo esplodente. L’uomo la indossa con lentezza, mentre fruga in fondo agli occhi del suo giovane aiutante. Cerca qualcosa, forse un’espressione, che possa spiegargli perché. Perché lui. Khaled sembra scosso, allunga il collo per guardare qualcosa o qualcuno nella sala adiacente, poi con dei gesti nevrotici agita la pistola e lo sprona a fare in fretta.
«Almeno, spiegami. Pensavo fossimo amici…»
«Adesso copri bene con divisa, avanti. Chiudi camicia…»
Gerry obbedisce, ma scuote il capo. Non si capacita. Quel ragazzo, Khaled, era sempre stato un animo sensibile, educato, perfino riconoscente. A chiunque gli domandava di lui, Gerry rispondeva che era “una brava persona, un gran lavoratore”. Sua moglie era morta in Siria colpita da una pallottola vagante, durante uno scontro tra le truppe dell’Onu e gli Hezbollah, nelle vicinanze del villaggio israeliano di Zar'it. Pare che fosse proprio una pattuglia italiana a capo di quell’operazione. Il dramma era stato doppio, poiché la donna era incita all’ottavo mese. Non c’era stato verso di salvare neanche la bambina. Quella maledetta pallottola aveva trafitto entrambe. Per questa storia, lo scorso anno, Khaled era stato perfino intervistato da un quotidiano locale, al quale aveva detto che, nonostante la sua tragedia personale, non era affatto arrabbiato con il popolo italiano. In effetti, fino a oggi, sembrava un ragazzo incapace di provare rabbia, si era sempre dimostrato gentile, innocuo.
«Ho detto nascondere bene cintura con divisa. Lei usa anche gilet e giacca. Se vuole evitare strage devi fare bene come dico, capito?»
«Ma cosa c’entro io? E poi che diavolo vuoi fare? Ci sono almeno dieci persone innocenti di là!»
In realtà Gerry sta pensando soltanto a una persona, tra quella decina. Oggi è venuto a trovarlo suo figlio Valerio, per la prima volta dopo tre anni. Gli ha fatto una sorpresa. Si fermerà quasi una settimana a Roma, fino al ventisette dicembre. Perciò non deve succedere nulla. Non oggi.
«Lei prende comande e serve ai tavoli, signor Gerry. Tu comporta normale, come nulla sia. Non fa stronzate, se fa qualcosa di sbagliato lo sa cosa succede, è vero?»
«Santiddio, è quasi Natale, Khaled!»
«Lei non nomina Dio, signor De Rosa. Vada, prima che faccio esplodere baracca!»
Gerry capisce che la faccenda è seria, che non farà cambiare idea al suo giovane collaboratore. Non si sarebbe mai immaginato, alla sua età, di ritrovarsi la canna di una pistola puntata sulla fronte. Deve prendere tempo, riflettere, ma l'ulcera gli pompa bile amara fino alla bocca. Deglutisce a stento, poi annuisce e si avvia verso la sala. Lancia un’occhiata al figlio, ma non si avvicina a lui, né a nessun altro, va dritto verso il bancone. Vorrebbe avere un fucile là dietro, come si usa in America. Ma se anche fosse, avrebbe avuto il coraggio di usarlo? Per un istante pensa di reagire, ma un misto di paura e di ragionevolezza lo fanno propendere per un comportamento più cauto. Si muove lentamente, Gerry, frugando nel suo cervello a caccia di qualche idea brillante. C’è davvero poco tempo. Ogni secondo potrebbe essere prezioso.
***
Khaled recupera il detonatore, fa un fischio a Olivia e con lei esce dal retro. Si allontana qualche decina di metri, diretto verso il parcheggio esterno. Poi si ferma affianco a una macchina, immobile. Fissa il fast food nel quale ha lavorato per anni. Ora suda freddo anche lui. Gli tremano le gambe. Resta ancora qualche istante a contemplare la trattoria, poi asseconda il cedimento delle gambe e si accovaccia dietro un’auto. Il sudore cola e gli chiude gli occhi. Recita qualcosa in arabo. Estrae dal taschino della camicia una foto sgualcita di una giovane donna, forse sua moglie Safiya. La bacia.
Una raffica di vento lo investe. È l’onda d’urto. Sabbia e polvere invadono l’aria lanciate a folle velocità, gli echi del boato si odono in mezza città. Poi il vento cessa e rimane soltanto pulviscolo in sospensione e mortale silenzio. Il fast food è sventrato. Zoppicando sul piazzale, prima dell’arrivo della polizia, Khaled fa in tempo a vedere alcuni resti umani dilaniati. Riconosce una scarpa del suo datore di lavoro, poi il pezzo di legno con incise le sue iniziali, “KJ”, che conservava nel cassetto affianco alla cassa. Intravede anche la foto ancora incorniciata del povero Gerry abbracciato con suo figlio Valerio, militare nella missione UNIFIL in Libano. L’avevano scattata il giorno in cui il sergente De Rosa partiva per il villaggio israeliano di Zar'it, dove per tre anni avrebbe pattugliato la “Blu Line”, difendendola dagli Hezbollah.
Ultima modifica di Drago2803 il 24/11/2020, 15:28, modificato 5 volte in totale.
Avatar utente
MattyManf
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 78
Iscritto il: 07/11/2020, 15:35
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da MattyManf »

Apriamo le danze.
Il racconto è scritto bene e la storia fila senza buchi di trama. I dialoghi sono accattivanti e ben costruiti, fanno salire la tensione. Tutto bello, tutto funziona, come il detonatore che Khalad tiene in mano. Una vendetta spietata, da manuale: fredda e inevitabile.

Eppure, qualcosa nell'ordingno si blocca e quando nel racconto la bomba esplode noi lettori siamo ancora interi. Forse perchè siamo stati preparati fin troppo all'ultima rivelazione, o forse perché la cronaca (o la propaganda) piatti simili ce li ha già proposti.

Una buona storia, che si legge tutta col fiato sospeso sperando che ci sia sfuggito qualcosa, che non sia tutto come sembra... suspance... cala il sipario
:smt100 :smt100 :smt100
Date un'occhiara "Il Carillon di Absindaele" ,
il mio racconto gotico nella Gara d'Autnno!
Fatemi sapere cosa ne pensate!

Illustrazioni: https://www.instagram.com/chinevesperiane/
Wattpad: https://www.wattpad.com/user/NovelleVesperiane
Lucia De Falco
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 97
Iscritto il: 08/03/2020, 14:37

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Lucia De Falco »

Questa storia è scorrevole e dal ritmo serrato. Affronta un argomento molto attuale. Gli avvenimenti sono incalzanti e solo alla fine viene rivelata la vera motivazione di quel gesto. È vero, anch'io, quando c'è stata l'esplosione, stranamente non ho provato emozioni, forse perché mi aspettavo un colpo di scena. Comunque il mio giudizio è positivo.
Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 509
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

la storia c'è e le descrizioni sono buone, la caratterizzazione dei personaggi anche.
però qualcosa non mi quadra, forse perché troppo scontato il finale.
non so se il problema sia quello, per me, naturalmente, ma un effetto me lo fa.
ci sono alcuni refusi da sistemare, tipo i punti fuori dai caporali dei dialoghi, niente altro
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Laura Traverso
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 421
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

Bravo! Trovo che il racconto sia scritto molto bene pertanto risulta scorrevole e di facile lettura. L'argomento è di grande attualità e lo hai affrontato al meglio perché penso che cosi avvenga nella realtà dei fatti. Persone che sembrano perfettamente integrate, veramente poi non lo sono, e come bene fa intendere il tuo racconto covano odio, rancore e desiderio di vendetta: perché anche a loro volta hanno subito perdite ed atrocità. Le guerre sono tutte inaccettabili e crudeli, soprattutto quanto a pagare sono innocenti creature. Voto alto
Rispondi

Torna a “Gara d'autunno, 2020”


Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


Calendario BraviAutori.it "Writer Factor" 2015 -  (in bianco e nero)

Calendario BraviAutori.it "Writer Factor" 2015 - (in bianco e nero)

(edizione 2015, 3,39 MB)

Autori partecipanti: (vedi sopra)
A cura di Tullio Aragona.
Scarica questo testo in formato PDF (3,39 MB) - scaricato 120 volte..

La Gara 58 - A volte ritornano

La Gara 58 - A volte ritornano

(marzo/aprile 2016, 18 pagine, 500,19 KB)

Autori partecipanti: Giorgio Leone, Patrizia Chini, Nunzio Campanelli, Laura Chi, Alberto Tivoli, Annamaria Vernuccio.
a cura di Lodovico.
Scarica questo testo in formato PDF (500,19 KB) - scaricato 38 volte.
oppure in formato EPUB (1,03 MB) (vedi anteprima) - scaricato 68 volte..
Lascia un commento.

Gara d'estate 2019 - La madre del prescelto, e gli altri racconti

Gara d'estate 2019 - La madre del prescelto, e gli altri racconti

(estate 2019, 49 pagine, 841,96 KB)

Autori partecipanti: Marco Daniele, Lorenzo Scattini, Roberto Bonfanti, Carol Bi, Daniele Missiroli, L.Grisolia, Gabriele Ludovici, Isabella Galeotti, Draper, Angelo Ciola, Slifer, Stefyp, Alessandro Mazzi, Massimo Centorame.
a cura di Massimo Baglione.
Scarica questo testo in formato PDF (841,96 KB) - scaricato 41 volte.
oppure in formato EPUB (388,81 KB) (vedi anteprima) - scaricato 41 volte..
Lascia un commento.





Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


I sogni di Titano

I sogni di Titano

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
Il "cubo sognatore" su Titano aveva rivelato una verità sconvolgente sull'Umanità, sulla Galassia e, in definitiva, sull'intero Universo, una verità capace di suscitare interrogativi sufficienti per una vita intera. Come poteva essere bonariamente digerito il concetto che la nostra civiltà, la nostra tecnologia e tutto ciò che riguardava l'Umanità… non esisteva?
"Siamo solo… i sogni di Titano", aveva riportato il comandante Sylvia Harrison dopo il primo contatto col cubo, ma in che modo avrebbe potuto l'orgoglio dell'Uomo accettarlo? Ovviamente, l'insaziabile sete di conoscenza dell'Essere umano anelava delle risposte, e la sua naturale curiosità non poteva che spingerlo alla ricerca dell'origine del cubo e delle ragioni della sua peculiare funzione.
Gli autori GLAUCO De BONA (vincitore del Premio Urania 2013) e MASSIMO BAGLIONE (amministratore di BraviAutori.it) vi presentano una versione alternativa del "Tutto" che vi lascerà senza parole. Di Glauco De Bona e Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (203,77 KB scaricato 25 volte).
info e commenti compralo su   amazon

Antologia visual-letteraria (Volume tre)

Antologia visual-letteraria (Volume tre)

Questa antologia a tema libero è stata ispirata dalle importanti parole di Sam L. Basie:
Dedicato a tutti coloro che hanno scoperto di avere un cervello, che hanno capito che non serve solo a riempire il cranio e che patiscono quell'arrogante formicolio che, dalle loro budella, striscia implacabile fino a detonare dalle loro mani. A voi, astanti ed esteti dell'arte.
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Iunio Marcello Clementi, Noemi Buiarelli, Marco Bertoli, Liliana Tuozzo, Alessandro Carnier, Martina Del Negro, Lodovico Ferrari, Francesca Gabriel, Pietro Rainero, Fausto Scatoli, Gianluigi Redaelli, Ilaria Motta, Laura Traverso, Pasquale Aversano, Giorgio Leone, Ida Dainese, Marino Maiorino.
Vedi ANTEPRIMA (921,21 KB scaricato 49 volte).
info e commenti compralo su   amazon

La donna dipinta per caso

La donna dipinta per caso

racconti e poesie imperniati sulla donna in tutte le sue sfaccettature

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
Il libro contiene quattro racconti lunghi, undici racconti brevi e trentuno poesie. Il tema principale è la donna in tutte le sue sfaccettature: amante, madre, figlia, gioco, musa, insegnante, dolore, tecnologia, delusione e speranza. Nella prefazione è ospitato un generoso commento del prof. Carlo Pedretti, professore emerito di storia dell'arte italiana e titolare della cattedra di studi su Leonardo presso l'Università della California a Los Angeles, dove dirige il Centro Hammer di Studi Vinciani con sede italiana presso Urbino. Copertina e alcune illustrazioni interne di Furio Bomben.
Di Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (2,11 MB scaricato 754 volte).
info e commenti compralo su   amazon