La favola del gatto e del lupo

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'autunno 2020.

Sondaggio

1 - non mi piace affatto
0
Nessun voto
2 - mi piace pochino
4
44%
3 - si lascia leggere
3
33%
4 - è bello
2
22%
5 - mi piace tantissimo
0
Nessun voto
 
Voti totali: 9

MattQuagliata
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 17
Iscritto il: 15/11/2020, 17:39

Author's data

La favola del gatto e del lupo

Messaggio da leggere da MattQuagliata »


In una scura foresta, dimorava un lupo malvagio dal pelo grigio, sporco, crespo e puzzolente. Gli altri animali evitavano di passare vicino alla sua dimora, situata al centro della foresta. Volpi, cervi, uccelli ma anche gufi e serpenti erano soliti rimanere nelle zone più esterne, per timore di incrociare il grosso predatore grigio. Il lupo doveva uscire a caccia di animali sempre più lontano dalla sua dimora, perchè solo carcasse già dilaniate dai suoi denti aguzzi rimanevano in terra, nei pressi della sua tana. Ma un giorno, il lupo udì un piano acuto sorprendentemente vicino al centro della foresta. Seguì quei versi di gran fretta e scoprì un piccolo micio che si era smarrito e piangeva e gridava disperatamente per attirare l'attenzione della madre e trovare la via di casa, fuori dalla buia foresta. Il lupo fu felice di trovare una preda tanto facile alla sua portata e senza troppi indugi si mostrò al micio, leccandosi i baffi e con i denti già ben in mostra, pronti a dilaniare un'altra vittima. Il gattino sentì un ramo spezzarsi alle sue spalle e, voltatosi, vide il predatore puntarlo aggressivamente. Il gatto scattò e fece un piccolo balzo indietro, miagolando ancora in cerca di aiuto.
“Piccola bestiola indifesa, non è prudente allontanarsi tanto dai propri simili in un ambiente ostile come questo.” Disse il lupo con un tono di voce grave e ostile, già pregustando il suo piccolo pasto. Il micio continuava a miagolare, guardandosi intorno. La foresta era scura, gli alberi erano densi e un intenso odore di fogliame permeava tutto l'ambiente circostante. Nessuno in vista, solo il piccolo gatto e il grande lupo grigio affamato. Ma il lupo era impaziente di mangiare e fece un balzo verso la vittima indifesa per divorarla in un sol boccone.
Ma l'esito del balzo non fu quello previsto dal grande predatore.
Infatti, una pesante zampata lo colpì a mezz'aria in pieno muso e lo schiacciò a terra, facendogli mangiare nient'altro che la fredda ed aspra terra. Davanti a lui, il micio aveva smesso di miagolare e stava seduto davanti al lupo atterrito, sereno e rilassato, a leccarsi il dorso della zampa anteriore sinistra.
Rimesso in piedi, il lupo si guardò ed annusò in giro, cercando chi avrebbe potuto attaccarlo con tanta sconsideratezza, ma nessun altro animale era presente in giro.
Gli si spalancò la mascella e vacillò per un istante quando concepì l'idea che il pesante colpo che l'aveva atterrato, in qualche modo, potesse essere partito proprio dal gatto che aveva di fronte.
“Sei sorpreso che un micio come me possa averti steso, lupo? Sei sorpreso di scoprire la forza che una bestiola come me possa avere dentro di sè? Credi ancora che l'aspetto di un animale rispecchi le potenzialità del suo animo? Non credi che un essere a prima vista piccolo ed indifeso possa essere in grado di difendersi da un lupo grande e grosso come te?” Gli disse il gatto, che aveva appena terminato di passarsi la zampa che aveva leccato sulla testolina pelosa. “Eppure, hai ancora i segni della mia zampata sul volto, o lupo". Stupore e terrore avvolsero l'animo del lupo, che cominciò ad ansimare, non sapendo più cosa fare, la coda tra le zampe e le orecchie abbassate.
"Credevi di spaventarmi e di sopraffarmi facilmente con il tuo aspetto, ma hai scoperto che anche un piccolo animaletto può nascondere una forza d'animo non indifferente. Con questa, o lupo, ti ho colpito." Il micio camminava adesso verso il suo rivale che, indietreggiando con la coda tra le zampe e le orecchie abbassate, si rimpiccioliva sempre più. "Hai l'aspetto di un lupo grande e grosso, ma dentro nascondi l'animo debole e timoroso di un ermellino." Il lupo si accorse che il gatto era diventato più grande di lui e tale era la sua paura verso il felino che, poco fa, aveva ritenuto indifeso. Quando sentì le zampe posteriori cedergli, il lupo si accorse che queste erano adesso diventate sottili e gracili come quelle, appunto di un ermellino.
“Corri via, adesso che hai imparato la lezione!“ Gli ruggì il gatto con una voce imponente e tonante, e il lupo, ormai denudato della sua forma feroce, fuggì tremando da quel gatto e imparò che gli esseri intorno a lui non scelgono il loro aspetto: non tutti i grandi predatori sono malvagi e non tutti i piccoli animali da compagnia sono innocui e timorosi come possono sembrare a prima vista.
Ultima modifica di MattQuagliata il 21/11/2020, 14:08, modificato 2 volte in totale.
Stefyp
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 186
Iscritto il: 26/07/2019, 18:48

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Stefyp »

Un piccolo micio non potrà mai battere un lupo sul piano fisico, a meno che non usi un'astuzia o uno stratagemma. Questo è pacifico. È chiaro il messaggio che volevi dare, l'hai esplicitato anche troppo bene. Ma così, per me, non funziona perchè non hai trovato un'alternativa. C'è qualche virgola da sistemare ma si legge con facilità e scorre bene.
MattQuagliata
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 17
Iscritto il: 15/11/2020, 17:39

Author's data

Re: commento

Messaggio da leggere da MattQuagliata »

Stefyp ha scritto: 16/11/2020, 17:31 Un piccolo micio non potrà mai battere un lupo sul piano fisico, a meno che non usi un'astuzia o uno stratagemma. Questo è pacifico. È chiaro il messaggio che volevi dare, l'hai esplicitato anche troppo bene. Ma così, per me, non funziona perchè non hai trovato un'alternativa. C'è qualche virgola da sistemare ma si legge con facilità e scorre bene.
Grazie innanzitutto per il tuo commento. Hai ragione, un micio non potrà mai battere un lupo sul piano fisico, ma la mia favola è tutta una metafora: lo scontro che avviene è in minima parte uno scontro fisico, ma è al 90% psicologico. Il lupo rappresenta chi, avvalendosi di un aspetto che incuta timore, sovrasta l'animo del prossimo mentre il micio è piccolo ed indifeso solo agli occhi del lupo stesso (e del lettore, inizialmente) che lo identifica come preda. Ma nel momento del confronto (metaforico) tra i due, è l'animo del micio che colpisce l'animo del lupo, mettendo in mostra il vero carattere del suo rivale che, rimpicciolito per la sconfitta morale, fugge via guaendo.
Probabilmente ho reso male la mia idea e chiedo scusa per le virgole, sono ancora alle prime armi :D
Stefyp
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 186
Iscritto il: 26/07/2019, 18:48

Author's data

Re: La favola del gatto e del lupo

Messaggio da leggere da Stefyp »

Se sei alle prime armi ti faccio i miei complimenti!! Le mie prime armi sono state ben diverse...
Avatar utente
MattyManf
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 74
Iscritto il: 07/11/2020, 15:35
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da MattyManf »

Il racconto mi è piaciuto molto, sopratutto le descrizioni ed il modo in cui i dialoghi sono presentati. Lo stile è scorrevole ed immersivo, la foresta si vede e si sente.
Per quanto riguarda i contenuti, ho apprezzato la scelta del lupo e del gatto per rappresentare lo "sbruffone" ed il "modesto".
Anche se la forza inaspettata del gatto può spiazzare, trovo che sia una scelta percorribile, per quanto assurda. Uno stratagemma/ spegazione avrebbe arricchito la storia, ma forse ne avrebbe snaturato il senso…
Per me si tratta di un buon lavoro!
Ultima modifica di MattyManf il 20/11/2020, 21:36, modificato 1 volta in totale.
:smt100 :smt100 :smt100
Date un'occhiara "Il Carillon di Absindaele" ,
il mio racconto gotico nella Gara d'Autnno!
Fatemi sapere cosa ne pensate!

Illustrazioni: https://www.instagram.com/chinevesperiane/
Wattpad: https://www.wattpad.com/user/NovelleVesperiane
Avatar utente
Massimo Baglione
rank (info):
Site Admin
Messaggi: 9332
Iscritto il: 11/04/2007, 12:20
Località: Belluno
Contatta:

Author's data

Re: commento

Messaggio da leggere da Massimo Baglione »

Stefyp ha scritto: 16/11/2020, 17:31Un piccolo micio non potrà mai battere un lupo sul piano fisico...
Mai? Non ne sarei così certa.
Ho visto un gatto sfuggire dalle mascelle di un cane piantandogli saldamente alcuni artigli pochi millimetri sotto un occhio. Il cane ha mollato la presa e ha guaito un buon quarto d'ora.
OK, il micio poi è rimasto zoppo e il cane non ha perso l'occhio ma, viste le proporzioni fisiche, direi che il primo ha senza dubbio stravinto la sfida.
Diciamo che probabilmente un lupo avrebbe saputo uccidere il gatto più in fretta e con più efficacia, ma chissà :-)
Immagine

Immagine <<< io sono nel Club dei Recensori di BraviAutori.it.

Immagine

www.massimobaglione.org
Lucia De Falco
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 94
Iscritto il: 08/03/2020, 14:37

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Lucia De Falco »

Ho apprezzato molto la tua favola, anche se in alcuni tratti il linguaggio forse è un po' difficile per i bambini ed eliminerei il rivolo di sangue per non impressionarli troppo. Sicuramente è una favola dal significato profondo, soprattutto per noi adulti: a volte, le persone dall'aspetto tranquillo ed innocuo hanno in sé una forza d'animo inaspettata, pertanto tutti vanno rispettati, indipendentemente dall'aspetto, mentre spesso il mondo è dominato da chi ha un aspetto imponente e prepotente.
Mariovaldo
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 46
Iscritto il: 16/12/2019, 7:27
Contatta:

Author's data

Re: La favola del gatto e del lupo

Messaggio da leggere da Mariovaldo »

L'idea di fondo è buona, il testo è gradevole ma l'insieme lascia un poco delusi: anche nelle favole c'è bisogno di una spiegazione, per quanto fantastica e improbabile, e qui si rimane in attesa senza essere soddisfatti. Comunque nel complesso il lavoro mi è piaciuto.
MattQuagliata
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 17
Iscritto il: 15/11/2020, 17:39

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da MattQuagliata »

MattyManf ha scritto: 16/11/2020, 22:23 Il racconto mi è piaciuto molto, sopratutto le descrizioni ed il modo in cui i dialoghi sono presentati. Lo stile è scorrevole ed immersivo, la foresta si vede e si sente.
Per quanto riguarda i contenuti, ho apprezzato la scelta del lupo e del gatto per rappresentare lo "sbruffone" ed il "modesto".
Anche se la forza inaspettata del gatto può spiazzare, trovo che sia una scelta percorribile, per quanto assurda. Uno strataggemma/ spegazione avrebbe arricchito la storia, ma forse ne avrebbe snaturato il senso...
Per me si tratta di un buon lavoro!
Grazie del tuo commento,
si, in una versione precedente avevo inserito un paio di righi in cui il micio si trasformava in un grosso felino ma poi avrei tradito la morale stessa contraddicendomi, quindi nella versione definitiva ho rimosso questa trasformazione (o trasfigurazione, che dir si voglia) ma sono contento abbia apprezzato il mio lavoro. Proverò a scrivere altre favole, hai visto mai diventi un mio genere prediletto :D
MattQuagliata
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 17
Iscritto il: 15/11/2020, 17:39

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da MattQuagliata »

Lucia De Falco ha scritto: 17/11/2020, 7:32 Ho apprezzato molto la tua favola, anche se in alcuni tratti il linguaggio forse è un po' difficile per i bambini ed eliminerei il rivolo di sangue per non impressionarli troppo. Sicuramente è una favola dal significato profondo, soprattutto per noi adulti: a volte, le persone dall'aspetto tranquillo ed innocuo hanno in sé una forza d'animo inaspettata, pertanto tutti vanno rispettati, indipendentemente dall'aspetto, mentre spesso il mondo è dominato da chi ha un aspetto imponente e prepotente.
Ciao Lucia, grazie per aver letto la mia favola,
è vero, in quello e in altri passi il linguaggio è un pò tetro e pesante, ne sono cosciente, ma l'ho fatto di proposito perchè era una favola diciamo "per adulti" visto anche il messaggio che sono riuscito (credo, o spero) a trasmettere. Una versione per bambini avrebbe sicuramente qualche linea in meno ma, se vuoi, posso provare a censurare qualcosa e inviartelo :D
MattQuagliata
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 17
Iscritto il: 15/11/2020, 17:39

Author's data

Re: La favola del gatto e del lupo

Messaggio da leggere da MattQuagliata »

Mariovaldo ha scritto: 17/11/2020, 8:26 L'idea di fondo è buona, il testo è gradevole ma l'insieme lascia un poco delusi: anche nelle favole c'è bisogno di una spiegazione, per quanto fantastica e improbabile, e qui si rimane in attesa senza essere soddisfatti. Comunque nel complesso il lavoro mi è piaciuto.
Ciao Mariovaldo, grazie per il commento alla mia favola (a proposito, credo dovresti modificare il nome del commento in "Commento"),
concordo, nelle favole ordinarie c'è sempre una spiegazione a tutto, ma qui ho desiderato lasciare il beneficio del dubbio e della libera interpretazione al lettore, omettendo tutto tutto. In risposta ad un commento precedente ho esplicitato la mia idea personale, ovvero il senso metaforico di tutta la favola (ti invito a leggerlo). Ti ringrazio comunque del tuo feedback, un primo lavoro come questo ha bisogno di commenti, anche critici, per cercare di migliorare eventuali lavori futuri :D
MattQuagliata
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 17
Iscritto il: 15/11/2020, 17:39

Author's data

Re: commento

Messaggio da leggere da MattQuagliata »

Massimo Baglione ha scritto: 17/11/2020, 5:26 Mai? Non ne sarei così certa.
Ho visto un gatto sfuggire dalle mascelle di un cane piantandogli saldamente alcuni artigli pochi millimetri sotto un occhio. Il cane ha mollato la presa e ha guaito un buon quarto d'ora.
OK, il micio poi è rimasto zoppo e il cane non ha perso l'occhio ma, viste le proporzioni fisiche, direi che il primo ha senza dubbio stravinto la sfida.
Diciamo che probabilmente un lupo avrebbe saputo uccidere il gatto più in fretta e con più efficacia, ma chissà :-)
è vero, da questo punto di vista i gatti sono piuttosto maligni :D tuttavia, come hai sicuramente avuto modo di vedere, Massimo, il senso di quello scontro era tutto meno che un duello fisico vero e proprio.
Grazie per il tuo commento, spero la favola ti sia piaciuta
Avatar utente
Massimo Baglione
rank (info):
Site Admin
Messaggi: 9332
Iscritto il: 11/04/2007, 12:20
Località: Belluno
Contatta:

Author's data

Re: commento

Messaggio da leggere da Massimo Baglione »

MattQuagliata ha scritto: 17/11/2020, 8:44... il senso di quello scontro era tutto meno che un duello fisico vero e proprio.
Sì sì, la mia era una riflessione, non una critica al testo :-)
Immagine

Immagine <<< io sono nel Club dei Recensori di BraviAutori.it.

Immagine

www.massimobaglione.org
MattQuagliata
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 17
Iscritto il: 15/11/2020, 17:39

Author's data

Re: commento

Messaggio da leggere da MattQuagliata »

Massimo Baglione ha scritto: 17/11/2020, 9:49 Sì sì, la mia era una riflessione, non una critica al testo :-)
Mi fa piacere abbia apprezzato :D e grazie per il commento
Avatar utente
Massimo Baglione
rank (info):
Site Admin
Messaggi: 9332
Iscritto il: 11/04/2007, 12:20
Località: Belluno
Contatta:

Author's data

Re: La favola del gatto e del lupo

Messaggio da leggere da Massimo Baglione »

"Abbia"?! :twisted:
Qui ci diamo tutti del tu, tranne quando ci vogliamo male :-)
Immagine

Immagine <<< io sono nel Club dei Recensori di BraviAutori.it.

Immagine

www.massimobaglione.org
Francesco Pino
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 100
Iscritto il: 09/05/2020, 17:55

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Francesco Pino »

Secondo me quello delle favole è un campo piuttosto difficile. Contengono tutte una morale e le trame sono spesso allegoriche, il tutto deve risultare poi appetibile e comprensibile per i bambini. L'idea di fondo della tua storia è valida, ma andava impostata diversamente. Lo scontro descritto è soltanto fisico, non c'è nulla che faccia pensare al prevalere dell'animo buono su quello cattivo. A mio parere il gatto doveva "buttarla sul filosofico" in qualche modo, oppure doveva agire d'astuzia. Il micio non è neanche adulto, non puoi spiegare con una zampata la vittoria del piccolo sull'orco.

Ripeti troppe volte la parola "foresta", solo nelle prime cinque righe l'hai scritta quattro volte.
L'attenzione verso gli accenti è una cosa che ho imparato attraverso il confronto in questo forum, prima non ci facevo molto caso: usi l'accento acuto invece di quello grave.

Aspetto di rileggerti nuovamente, ciao.
MattQuagliata
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 17
Iscritto il: 15/11/2020, 17:39

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da MattQuagliata »

Francesco Pino ha scritto: 17/11/2020, 12:00 Secondo me quello delle favole è un campo piuttosto difficile. Contengono tutte una morale e le trame sono spesso allegoriche, il tutto deve risultare poi appetibile e comprensibile per i bambini. L'idea di fondo della tua storia è valida, ma andava impostata diversamente. Lo scontro descritto è soltanto fisico, non c'è nulla che faccia pensare al prevalere dell'animo buono su quello cattivo. A mio parere il gatto doveva "buttarla sul filosofico" in qualche modo, oppure doveva agire d'astuzia. Il micio non è neanche adulto, non puoi spiegare con una zampata la vittoria del piccolo sull'orco.

Ripeti troppe volte la parola "foresta", solo nelle prime cinque righe l'hai scritta quattro volte.
L'attenzione verso gli accenti è una cosa che ho imparato attraverso il confronto in questo forum, prima non ci facevo molto caso: usi l'accento acuto invece di quello grave.

Aspetto di rileggerti nuovamente, ciao.
Ciao francesco, grazie per aver letto
Posso capire il tuo disappunto, tuttavia non necessariamente una favola ha come target i bambini, credevo fosse chiaro che questa fosse una favola per "grandicelli-adulti", che dunque devono avere il modo di riflettere a modo loro sul senso allegorico di quanto ho scritto. In un commento precedente ho infatti spiegato esplicitamente la mia idea e il significato che ha tutto quanto all'interno della mia favola (ti invito a leggerlo).

Per le piccolezze quali la ripetizione di una parola e l'uso errato degli accenti non posso che darti ragione
Laura Traverso
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 418
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

L' idea non è male ma, perdonami se te lo dico, dovresti rivedere un po' il testo. Ci sono tante ripetizioni: dimora-dimorava, "e piangeva, e gridava e la mamma...". E anche "Rimessosi" che certamente non è sbagliato ma è un po' pesante come termine. Avrei preferito leggere "Appena si rimise in piedi..." Comunque, come ho già detto, l'idea non è male. E il messaggio che volevi trasmettere credo che sia: l'apparenza inganna...
Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 508
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

onestamente devo dire che non mi è piaciuta molto questa favola, anche se l'idea di base è buona.
ci vedo parecchia retorica dentro le righe e, oltre a ciò, non mancano le ripetizioni.
le descrizioni sono buone e comunque svolgono bene il loro ruolo, però, se devo essere sincero, alla fine mi rimane poco o nulla.
a rileggerti
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
MattQuagliata
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 17
Iscritto il: 15/11/2020, 17:39

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da MattQuagliata »

Fausto Scatoli ha scritto: 19/11/2020, 8:29 onestamente devo dire che non mi è piaciuta molto questa favola, anche se l'idea di base è buona.
ci vedo parecchia retorica dentro le righe e, oltre a ciò, non mancano le ripetizioni.
le descrizioni sono buone e comunque svolgono bene il loro ruolo, però, se devo essere sincero, alla fine mi rimane poco o nulla.
a rileggerti

Ciao Fausto, purtroppo il genere della favola (sopratutto se mirata ad un pubblico adulto) richiede uno sforzo in più del lettore per interpretare i fatti che, a prima vista, possono sembrare assurdi o magici. Perchè un micino batterebbe un lupo? Forse non è realmente avvenuto uno scontro "fisico", ma uno su tutt'altro piano, magari l'allegoria che ho voluto inserire è iniziata molto prima di quanto possa sembrare ad un primo sguardo. Ti invito a leggere uno dei miei primi commenti di risposta, potrebbero chiarire le idee sul messaggio che, evidentemente, ho fallito a trasmettere. A presto
Selene Barblan
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 416
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Ciao!
La descrizione iniziale del lupo mi ha fatto empatizzare con lui, poverino, tutto solo e emarginato. Secondo me la morale che è resa chiara dal discorso del micio e dal finale non è del tutto coerente con la vicenda. Tutto sommato lo trovo però un lavoro gradevole.
Rispondi

Torna a “Gara d'autunno, 2020”


Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 36 - De Rerum Scientia

La Gara 36 - De Rerum Scientia

(febbraio/marzo 2013, 35 pagine, 707,18 KB)

Autori partecipanti: Scrittore 97, Lodovico, Nunzio Campanelli, Roberta Michelini, Skyla74, Mastronxo, Patrizia Benetti, freecora, Ser Stefano, Marino Maiorino, sogliaoscura, Carlocelenza,
A cura di Monica Porta may bee.
Scarica questo testo in formato PDF (707,18 KB) - scaricato 311 volte.
oppure in formato EPUB (503,58 KB) (vedi anteprima) - scaricato 232 volte..
Lascia un commento.

La Gara 20 - L'insolita bellezza delle piccole cose

La Gara 20 - L'insolita bellezza delle piccole cose

(marzo 2011, 45 pagine, 856,73 KB)

Autori partecipanti: Lvwceg, Angela Di Salvo, Tania Maffei, Carlocelenza, Ser Stefano, Mastronxo, Cosimo Vitiello, GTrocc, Vit, Arianna, Sphinx, StillederNacht, Exlex, Titty Terzano,
A cura di Dario Maiocchi.
Scarica questo testo in formato PDF (856,73 KB) - scaricato 457 volte.
oppure in formato EPUB (408,12 KB) (vedi anteprima) - scaricato 208 volte..
Lascia un commento.

La Gara 8 - La vendetta dei cattivi

La Gara 8 - La vendetta dei cattivi

(ottobre 2009, 28 pagine, 470,72 KB)

Autori partecipanti: Alessandro Napolitano, Manuela Costantini, Macripa, Valentina, Cmt, Bonnie, Carlocelenza, Arditoeufemismo, Barbara Bracci, Daniela Bisin,
A cura di Miriam.
Scarica questo testo in formato PDF (470,72 KB) - scaricato 368 volte.
oppure in formato EPUB (342,36 KB) (vedi anteprima) - scaricato 219 volte..
Lascia un commento.





Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


FEMILIA - abbiamo sufficienti riserve di sperma

FEMILIA - abbiamo sufficienti riserve di sperma

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
In seguito a un'escalation di "femminicidi", in tutto il mondo nasce il movimento "SupraFem", ovvero: "ribellione delle femmine che ne hanno abbastanza delle violenze dei maschi". La scintilla che ha dato il via al movimento è scattata quando una giornalista ben informata, tale Tina Lagos, ha affermato senza mezzi termini che "nei laboratori criogenici di tutto il mondo ci sono sufficienti riserve di sperma da poter fare benissimo a meno dei maschi. Per sempre!". Le suprafem riescono ad avere un certo peso nella normale vita quotidiana; loro esponenti si sono infatti insediate in numerosi Palazzi, sia politici che economici, e sono arrivate al punto di avere sufficiente forza da poter pretendere Giustizia.

Copertina di Riccardo Simone
di Mary J. Stallone e Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (2,48 MB scaricato 162 volte).
info e commenti compralo su   amazon

La Paura fa 90

La Paura fa 90

90 racconti da 666 parole

Questo libro è una raccolta dei migliori testi che hanno partecipato alla selezione per l'antologia La Paura fa 90. Ci sono 90 racconti da non più di 666 parole. A chiudere l'antologia c'è un bellissimo racconto del maestro dell'horror Danilo Arona. Leggete questa antologia con cautela e a piccole dosi, perché altrimenti correte il rischio di avere terribili incubi!
A cura di Alessandro Napolitano e Massimo Baglione.

Contiene opere di: Maria Arca, Pia Barletta, Ariase Barretta, Cristiana Bartolini, Eva Bassa, Maria Cristina Biasoli, Patrizia Birtolo, Andrea Borla, Michele Campagna, Massimiliano Campo, Claudio Candia, Carmine Cantile, Riccardo Carli Ballola, Matteo Carriero, Polissena Cerolini, Tommaso Chimenti, Leonardo Colombi, Alessandro M. Colombo, Lorenzo Coltellacci, Lorenzo Crescentini, Igor De Amicis, Diego Di Dio, Angela Di Salvo, Stefano di Stasio, Bruno Elpis, Valeria Esposito, Dante Esti, Greta Fantini, Emilio Floretto Sergi, Caterina Franciosi, Mario Frigerio, Riccardo Fumagalli, Franco Fusè, Matteo Gambaro, Roberto Gatto, Gianluca Gendusa, Giorgia Rebecca Gironi, Vincenza Giubilei, Emiliano Gotelli, Fabio Granella, Mauro Gualtieri, Roberto Guarnieri, Giuseppe Guerrini, Joshi Spawnbrød, Margherita Lamatrice, Igor Lampis, Tania Maffei, Giuseppe Mallozzi, Stefano Mallus, Matteo Mancini, Claudia Mancosu, Azzurra Mangani, Andrea Marà, Manuela Mariani, Lorenzo Marone, Marco Marulli, Miriam Mastrovito, Elisa Matteini, Raffaella Munno, Alessandro Napolitano, Roberto Napolitano, Giuseppe Novellino, Sergio Oricci, Amigdala Pala, Alex Panigada, Federico Pergolini, Maria Lidia Petrulli, Daniele Picciuti, Sonia Piras, Gian Filippo Pizzo, Lorenzo Pompeo, Massimiliano Prandini, Marco Ricciardi, Tiziana Ritacco, Angelo Rosselli, Filippo Santaniello, Gianluca Santini, Emma Saponaro, Francesco Scardone, Giacomo Scotti, Ser Stefano, Antonella Spennacchio, Ilaria Spes, Antonietta Terzano, Angela Maria Tiberi, Anna Toro, Alberto Tristano, Giuseppe Troccoli, Cosimo Vitiello, Alain Voudì, Danilo Arona.
Vedi ANTEPRIMA (1,10 MB scaricato 675 volte).
info e commenti compralo su   amazon

BiciAutori - racconti in bicicletta

BiciAutori - racconti in bicicletta

Trentun paia di gambe hanno pedalato con la loro fantasia per guidarci nel puro piacere di sedersi su una bicicletta ed essere spensierati, felici e amanti della Natura.
A cura di Massimo Baglione.
Copertina e logo di Diego Capani.

Contiene opere di: Alessandro Domenici, Angelo Manarola, Bruno Elpis, Cataldo Balducci, Concita Imperatrice, Cristina Cornelio, Cristoforo De Vivo, Eliseo Palumbo, Enrico Teodorani, Ettore Capitani, Francesco Paolo Catanzaro, Germana Meli (gemadame), Giovanni Bettini, Giuseppe Virnicchi, Graziano Zambarda, Iunio Marcello Clementi, Lodovico Ferrari, Lorenzo Dalle Ave, Lorenzo Pompeo, Patrizia Benetti, Raffaella Ferrari, Rebecca Gamucci, Rosario Di Donato, Salvatore Stefanelli, Sara Gambazza, Sandra Ludovici, Sonia Piras, Stefano Corazzini, Umberto Pasqui, Valerio Franchina, Vivì.
Vedi ANTEPRIMA (1,29 MB scaricato 330 volte).
info e commenti compralo su   amazon