Al teatro degli sconosciuti

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'autunno 2020.

Sondaggio

Sondaggio concluso il 22/12/2020, 23:00

1 - non mi piace affatto
0
Nessun voto
2 - mi piace pochino
1
17%
3 - si lascia leggere
5
83%
4 - è bello
0
Nessun voto
5 - mi piace tantissimo
0
Nessun voto
 
Voti totali: 6

FMonti80
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 4
Iscritto il: 29/10/2020, 17:02

Author's data

Al teatro degli sconosciuti

Messaggio da leggere da FMonti80 »


Possiamo entrare sempre di più nella vita degli altri, anche se non lo vogliono. Immaginare come siano quelle vite è diventato quasi un passatempo, crudele o divertente; spesso dipende da come usciamo dal confronto.
 Può succedere di guardare fuori in una sera qualunque, mentre sento il suono di una sirena e curioso spero non sia un’ambulanza. Quando il suono finisce, resto fisso, per non pensare a niente ma sapendo di aspettare qualcosa.
 La mia finestra ha tende bianche e grigie, raccolte a tre quarti da un nastro che le trasforma nelle vele di una barca, al vento. Nel vetro che resta compaiono la ragazza bionda del quarto piano e l’uomo del secondo. Entrambi affacciati; la prima alla finestra, il secondo al balcone del palazzo di fronte.
 Non sanno di essere insieme, alla stessa ora. Io sì e sorrido all’idea di custodire il piccolo segreto del quotidiano di altri, sconosciuti, in questi mesi diventati familiari.
 Incuriosito e impaziente, chiudo gli occhi per vedere meglio cosa succede, se stasera sarà un gesto nuovo a farmeli conoscere meglio. O forse arriverà qualcun altro ad arricchire la storia.
 Lei parla al telefono, Lui discute con la madre, ad ampi gesti. La mano di Lei è tagliente e determinata, quella di Lui disegna cerchi d’aria che, accompagnati verso l’alto, diventano un vortice.
 Segna il sentiero del mio sguardo fino a ritrovare la ragazza, mentre abbandona un palmo sulla maniglia di ottone. Avvicina alla finestra anche le spalle, gli occhi si chiudono. Il contatto col vetro raffredda le gote rosse che perdono vigore come l’animo, rassegnato. Succede tutto in poco, mi scuoto per la potenza delle parole di chi ha parlato, dall’altra parte del telefono. Sono dentro una nuova storia, lo dice il brivido che corre lungo la schiena.
 La ragazza scompare, la ricordo mentre in primavera curava i fiori, appoggiati al davanzale.
 Lui, due piani più sotto, adesso incede deciso, le dita sono unite, il braccio si muove di scatto come alcuni giocattoli della mia infanzia. Temo possa rompere qualunque cosa tocchi, per istinto sono io a fare un passo indietro.
 La madre Lo ascolta seduta alla sedia di paglia e accarezza un amico fedele; la fa sentire meno sola di fronte alla furia del figlio. Con un gesto deciso Lui impugna un guinzaglio, il cane lo segue, senza discutere.
 Torno due piani più su, ma vedo solo il ricordo malinconico della primavera: i fiori sono appassiti, neri come il buio della stanza senza luce. Vorrei sapere tutto di Lui e di Lei.
 Sono fortunato nel custodire il loro segreto non svelato; sorrido deluso, avrei voluto sapere tutto di gesti e parole.
 Mentre cerco altro che attiri l’attenzione, il cane da caccia appare in strada, seguito dal padrone con una sigaretta già accesa. Continuo a raccogliere indizi per creare la mia storia. Un autobus di linea alla fermata oscura la scena e rinnova la mia curiosità pungente.
 Quando il paesaggio è di nuovo libero, compare la ragazza bionda senza nemmeno avere avuto il tempo di arrotolare al collo una sciarpa rossa. Rincorre l’uomo sul marciapiede, Il cane ne ha già sentito i passi e il profumo. Lei veloce oltrepassa Lui, prima con lo sguardo fiero e le guance, tornate rosso fuoco, annunciano uno schiaffo che lascia il segno.
 Mi sento vibrare, la vita mi sta stupendo ancora una volta.
 Lei non ha tempo per altro e prosegue la corsa; il cane adesso strattona Lui, dalla parte opposta. Dopo un ultimo tiro veloce ma profondo, la sigaretta scompare spenta sotto la scarpa.
 Desidero che Lui la segua. Lei sembra leggermi nel pensiero e dopo qualche metro si ferma, tra le lacrime. Le braccia lungo il corpo finiscono in pugni stretti. Finalmente l’uomo tira il guinzaglio e il segugio da caccia diventa cane da slitta. Tira deciso; è la ragazza bionda a sentire i passi e il profumo, come se i sensi arrivassero sempre prima di tutto il resto. Il corpo li segue fedele, il viso si inarca all’indietro, poi le spalle, il bacino e le gambe. Lei e Lui, poco prima affacciati nelle proprie case si ritrovano l’una davanti all’altro. Gli istanti sembrano durare minuti interi.
 Il cane abbaia per vendicare il padrone. Vicini, Lei prova a resistere, le sue mani incontrano il petto di Lui, più forte dei vetri della finestra e il palmo questa volta scivola. Si sfidano col telefono in mano, urlano per scoprire chissà quali storie, custodite da un codice segreto.
 Cosa cercano? Chi c’è in quelle conversazioni? Forse un giorno potremo tutti non essere più capaci di parlarci.
 Lui le allunga la scatoletta nera, Lei legge ingorda, fino a nuove lacrime che bagnano un sorriso. La sciarpa rossa, nel bacio profondo che segue, si appoggia sulle loro spalle e da sola trova la via per legarli.
 Il cane, seduto ai piedi del padrone, mi scopre affacciato e indaga. Intorno la vita scorre ma per me il tempo si è fermato. Non mi allontano, tirato dal mio guinzaglio in direzioni impreviste nelle vite degli altri. Il respiro riprende.
 Restiamo io e il segugio, spettatori non paganti al teatro degli sconosciuti.
Marcello Rizza
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 341
Iscritto il: 23/06/2015, 23:54

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Marcello Rizza »

Ciao, per una volta voglio provare a anticipare gli altri. Ti commento e non ti voto. E ora ti spiego il motivo. Tu scrivi come piace a me scrivere. Ma quel scrivere, quanto meno per ciò che mi riguarda, non "giunge". O si sceglie di farsi leggere da una nicchia di persone o si sceglie di farsi leggere. Il tuo racconto è da leggere tre, quattro, cinque volte, e raccoglierne il giusto succo. A me piace, dovrò più volte leggerlo, lo "indagherò", ma non è immediato. Vorrei che alcuni miei racconti fossero letti e indagati da più persone. Ti stimo ma ti "avviso", conoscendomi e parlando a me stesso, che la semplicità giunge mentre il flusso di parole che in poche righe esplica un universo di concetti affatica. E ora aspetto altri commenti, pur esprimendoti stima da "minoranza". Bravo, coraggioso, cogli con filosofia le conseguenze di un racconto di questo tipo.
Avatar utente
MattyManf
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 99
Iscritto il: 07/11/2020, 15:35
Contatta:

Author's data

Re: Al teatro degli sconosciuti

Messaggio da leggere da MattyManf »

Marello Rizza, mi hai preceduto. Ho il tuo stesso problema. Oggi pomeriggio ho scritto una recensione per questo racconto, ma non l'ho ancora postata: sono indecisissimo sul voto da dare e volevo rileggerlo
:smt100 :smt100 :smt100
Date un'occhiata a "Rose Nere" in Concorso FLASH.

sono FELICE perché...
:bicipit"Il Carillon di Absindaele" ,
si è piazzato al 3° posto su 45 concorrenti in Gara d'Autunno 2020!!!!
Fatemi sapere cosa ne pensate!
Illustrazioni: @chinevesperiane
Wattpad: https://www.wattpad.com/user/NovelleVesperiane
MattQuagliata
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 17
Iscritto il: 15/11/2020, 17:39

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da MattQuagliata »

Sono alquanto combattuto dalla tua proposta, ma tirando le somme ho scelto di rimanere nel mezzo, anche se il mio voto definitivo sarebbe stato più un 3,5, ma ahimè non ho questa possibilità. Ti spiego meglio.
Mettendo da parte il fatto che il genere non è il mio preferito, ho trovato alcuni pro e contro. Tra i contro, ritengo che parti del testo sono state un pò mal distribuite, alcune descrizioni spezzano in maniera innaturale la narrazione e frammenti di narrazione all'interno di una descrizione sono un pò abbandonati a sè e non credo che funzioni. Tra i pro direi che la storia è scorrevole, senza picchi di genio nè grosse lacune, la scena del ricongiungimento in strada dei due ragazzi mi è piaciuta e il cane come "personaggio" mi ha fatto sorridere.
Sono curioso di leggere tuoi lavori futuri, ciao :D
Avatar utente
MattyManf
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 99
Iscritto il: 07/11/2020, 15:35
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da MattyManf »

OFF:Va bene, questa cosa si sta propagando troppo. Comincio io.

COMMENTO
Molto originale e ben curtato. Ciò che mi colpisce maggiormente è il contorno con cui hai deciso di cingere questa vicenda. Questo spettatore non pagante, che potremmo essere tutti e da cui ognuno, allo stesso tempo, non vorrebbe essere osservato. Eppure, ormai va così, con o senza "scatoletta". Per certi versi ricorda "finestra sul Cortile di Hitchcock
Che dire, mi hai colpito. Bella idea.

Quello che invece mi ha colpito meno è la vicenda in se, quella che c'è nella scatola e a cui manca invece quel sale che il contorno ha in abbondanza. Per questo, mi è davvero difficile votare il tuo racconto: la corince e il quadro vivono su due livelli troppo distanti.

Credo, in ogni caso, che sia un lavoro valido e ben pensato. Complimenti
:smt100 :smt100 :smt100
Date un'occhiata a "Rose Nere" in Concorso FLASH.

sono FELICE perché...
:bicipit"Il Carillon di Absindaele" ,
si è piazzato al 3° posto su 45 concorrenti in Gara d'Autunno 2020!!!!
Fatemi sapere cosa ne pensate!
Illustrazioni: @chinevesperiane
Wattpad: https://www.wattpad.com/user/NovelleVesperiane
FMonti80
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 4
Iscritto il: 29/10/2020, 17:02

Author's data

Re: Al teatro degli sconosciuti

Messaggio da leggere da FMonti80 »

ciao e grazie a tutti dei commenti! sono molto importanti considerato che é la prima volta che pubblico qualcosa
MattQuagliata
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 17
Iscritto il: 15/11/2020, 17:39

Author's data

Re: Al teatro degli sconosciuti

Messaggio da leggere da MattQuagliata »

FMonti80 ha scritto: 20/11/2020, 15:48 ciao e grazie a tutti dei commenti! Sono molto importanti considerato che é la prima volta che pubblico qualcosa
Non c'è di che, sono alle prime armi anch'io
A rileggerti
Mauro Conti
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 80
Iscritto il: 30/08/2020, 20:55

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Mauro Conti »

Ho dovuto leggere il racconto più volte e devo essere sincero, non riesco a trovare un filo logico, una trama, un'idea di fondo se non un osservatore che "spia" altre persone da lontano, dalla propria finestra. E' tutto molto ingarbugliato e a spezzoni.
Non mi sbilancio per ora, vorrà dire che lo leggerò ancora un altro paio di volte prima di decidere: uno, SE votare e in seconda battuta (soprattutto) come. Per ora mi ha trasmesso molto poco a livello comunicativo. Per ora mi chiamo fuori. :D
Lucia De Falco
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 143
Iscritto il: 08/03/2020, 14:37

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Lucia De Falco »

Mi sento vicina al narratore, perché in passato anch'io, quando ero una studentessa che studiava ore, dal balcone sbirciavo la vita degli altri, crogiolandomi nelle esistenze più belle ed immaginando di scrivere, un giorno, di alcune storie, magari solo prendendo spunto da alcune situazioni. Secondo me lo scrittore può prendere spunto dalla realtà, sbirciando un po', anche da casa sua. Tu hai rivelato uno dei segreti dello scrittore, hai fatto entrare il lettore nei meccanismi della scrittura e questo trovo che sia originale. La vicenda in sé sembra romantica, forse si potrebbe aggiungere qualcosa, comunque nel complesso il testo è piacevole ed il linguaggio è curato.
Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 589
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

sarà perché io queste situazioni non le ho vissute e non le vivo, ma non riesco a entrare nella storia come vorrei.
è scritto molto bene, solo un paio di refusi ma sono errori di battitura.
però non porta nulla a me che lo leggo.
pare l'elenco di una serie di situazioni, dove qualcosa viene descritto (abbastanza bene) ma tutto il resto lo devi immaginare.
per ora non voto, devo rileggere
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Marcello Rizza
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 341
Iscritto il: 23/06/2015, 23:54

Author's data

Re: Al teatro degli sconosciuti

Messaggio da leggere da Marcello Rizza »

Curioso che a questo racconto, che ha comunque degli spunti interessanti, la maggior parte delle persone attendano a votare. Penso che l'autore debba spiegarsi e invogliare, in un modo o nell'altro, a votare. Per crescere.
FMonti80
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 4
Iscritto il: 29/10/2020, 17:02

Author's data

Re: Al teatro degli sconosciuti

Messaggio da leggere da FMonti80 »

Ciao, colgo l'occasione per spiegare quanto spero basti per aiutare a votare. Il racconto è nato dal desiderio di cogliere un breve tempo, pochi minuti e di tentare di trasmettere il coinvolgimento che può esserci nella vita tra sconosciuti. spiare la vita degli altri con mezzi tecnologici è quasi una regola, oggi che la chiusura non offre troppi spunti alla propria. Almeno questo è quello che sento da chi mi circonda.. così la curiosità del guardare può essere una via d'uscita inattesa, per continuare ad emozionarsi, senza troppo ordine perchè l'emozione così mi pare più vera. Però come ho detto è la mia prima pubblicazione perciò sono davvero contento che il racconto vi abbia fatto pensare o venga riletto. per questo vi ringrazio e coglierò ogni suggerimento. Buna serata!
Laura Traverso
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 485
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

Mi associo al commento dei più per dire che il racconto, pur se scritto bene, è risultato essere, per me, poco comprensibile. In alcuni punti mi ha ricordato "la finestra sul cortile" il film famoso di Hicthcock, ma solo per lo spiare la vita degli altri. Qui mancano nessi e collegamenti per rendere la storia intrigante.
Simone_Non_é
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 160
Iscritto il: 16/12/2019, 1:27

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Simone_Non_é »

Racconto decisamente interessante e originale dove la quotidianità viene vissuta come opera teatrale, regalando quindi al lettore una nuova visione. Le descrizioni risultano per la maggior parte piacevoli, forse in alcuni punti però interferiscono con il ritmo dell'intera opera. Buona scrittura
Rispondi

Torna a “Gara d'autunno, 2020”


Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 28 - L'ultima notte

La Gara 28 - L'ultima notte

(febbraio 2012, 54 pagine, 1,94 MB)

Autori partecipanti: Nathan, Luigi Bonaro, Giorgio Arcari, Licetti, Ser Stefano, Antonella P, Arditoeufemismo, Jane 90, Lodovico, Flavio Graser, Angela Di Salvo, Roberta Michelini, Kutaki Arikumo, Tuarag, Unanime Uno, StillederNacht, Cordelia, ConcettaS, Mariadele, Lorella15, Alhelì, Morgana Bart, Bludoor, Diego Capani,
A cura di Lodovico.
Scarica questo testo in formato PDF (1,94 MB) - scaricato 594 volte..
Lascia un commento.

La Gara 11 - Parole in padella

La Gara 11 - Parole in padella

(febbraio 2010, 50 pagine, 904,84 KB)

Autori partecipanti: Alessandro Napolitano, Arditoeufemismo, Mario, Stefy, Massimo Baglione, Dino, Cosimo Vitiello, Bonnie, Nembo13, Giacomo Scotti, Erika, Manuela, Carlocelenza, CMT, Sphinx, Giuseppe, Miriam, Rita Di Sano, Abigail,
A cura di Pia.
Scarica questo testo in formato PDF (904,84 KB) - scaricato 508 volte..
Lascia un commento.

La Gara 63 - Treni e stazioni

La Gara 63 - Treni e stazioni

(marzo/aprile 2017, 30 pagine, 932,81 KB)

Autori partecipanti: Massimo Tivoli, Gabriele Ludovici, Giorgio Leone, Mirtalastrega, Daniele Missiroli, Fabrizio Bonati, Angela Catalini, Manuel Crispo, Patrizia Chini,
a cura di Ida Dainese.
Scarica questo testo in formato PDF (932,81 KB) - scaricato 81 volte.
oppure in formato EPUB (762,33 KB) (vedi anteprima) - scaricato 68 volte..
Lascia un commento.





Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Vivere con 500 euro al mese nonostante Equitalia

Vivere con 500 euro al mese nonostante Equitalia

la normale vita quotidiana cosí come dovrebbe essere

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
Vi voglio dimostrare come con un po' di umiltà, di fantasia e di buon senso si possa vivere in questa caotica società, senza possedere grandi stipendi e perfino con Equitalia alle calcagna. Credetemi: è possibile, ed è bellissimo!
Vedi ANTEPRIMA (108,61 KB scaricato 181 volte).
compralo su   amazon


Dentro la birra

Dentro la birra

antologia di racconti luppolati

Complice di serate e di risate, veicolo per vecchie e nuove amicizie, la birra ci accompagna e ha accompagnato la nostra storia. "Dentro la birra", abbiamo scelto questo titolo perché crediamo sia interessante sapere che cosa ci sia di così attraente nella bevanda gialla, gasata e amarognola. Perchè piace così tanto? Che emozioni fa provare? Abbiamo affidato questa "indagine" a Braviautori, affinché trovasse, tramite l'associazione e il portale internet, scrittori capaci di esprimere tali sensazioni. E infatti sono arrivati numerosi racconti: la commissione ne ha scelti 33. Nemmeno a farlo apposta, 33 è la quantità di centilitri di un gran numero di bottiglie (e lattine) di birra; una misura nota a chi se n'intende.
A cura di Umberto Pasqui e Massimo Baglione.

Contiene opere di: Andrea Andreoni, Tullio Aragona, Enrico Arlandini, Beril, Enrico Billi, Luigi Bonaro, Vittorio Cotronei, Emanuele Crocetti, Bruno Elpis, Daniela Esposito, Lorella Fanotti, Lodovico Ferrari, Livio Fortis, Valerio Franchina, Luisa Gasbarri, Oliviero Giberti, Elena Girotti, Concita Imperatrice, Carlotta Invrea, Fabrizio Leo, Sandra Ludovici, Micaela Ivana Maccan, Cristina Marziali, Stefano Masetti, Maurizio Mequio, Simone Pelatti, Antonella Provenzano, Maria Stella Rossi, Giuseppe Sciara, Salvatore Stefanelli, Ser Stefano, SunThatSpeed, Marco Vignali.
Vedi ANTEPRIMA (276,03 KB scaricato 242 volte).
info e commenti compralo su   amazon


Luna 69-19

Luna 69-19

antologia di opere ispirate al concetto di "Luna" e dedicata al 50° anniversario della storica missione dell'Apollo 11

Il 20 luglio 1969 è la data che segna per sempre il momento in cui il primo essere umano ha posato per la prima volta i piedi sul suolo lunare. Quel giorno una parte di voi era d'avanti ai televisori in trepidante attesa del touch-down del lander, altri erano troppo piccoli per ricordarselo e altri ancora non erano neppure nati, tuttavia ne siamo stati tutti coinvolti in molteplici maniere.
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Alessandro Mazzi, Andrea Coco, Andrea Messina, Angelo Ciola, Cristina Giuntini, Daniele Missiroli, Enrico Teodorani, Francesca Paolucci, Franco Argento, F. T. Leo, Gabriele Laghi, Gabriele Ludovici, Gabriella Pison, Iunio Marcello Clementi, Laura Traverso, Marco Bertoli, Marco Daniele, Maria Emma Allamandri, Massimo Tessitori, Namio Intile, Pasquale Aversano, Pasquale Buonarotti, Pietro Rainero, Roberta Venturini, Roberto Paradiso, Saji Connor, Selene Barblan, Umberto Pasqui, Valentino Poppi, Vittorio Serra, Furio Bomben.
Vedi ANTEPRIMA (637,22 KB scaricato 56 volte).
info e commenti compralo su   amazon