L'untore

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'autunno 2020.

Sondaggio

Sondaggio concluso il 22/12/2020, 23:00

1 - non mi piace affatto
1
6%
2 - mi piace pochino
2
13%
3 - si lascia leggere
6
38%
4 - è bello
6
38%
5 - mi piace tantissimo
1
6%
 
Voti totali: 16

Avatar utente
Angelo Ciola
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 124
Iscritto il: 04/01/2019, 11:58
Località: Borgo Valsugana (TN)
Contatta:

Author's data

L'untore

Messaggio da leggere da Angelo Ciola »


Era giorno di mercato nell’antica città e io mi aggiravo curioso fra i vari venditori. Ormai il mio lavoro era concluso e, nonostante la prudenza imponesse una rapida partenza, volevo vedere il famoso mercato; il più grande tra tutti quelli che si svolgevano nelle terre orientali. Tra le grida dei venditori e il vociferare dei passanti, mercanzie di ogni tipo erano esposte sulle bancarelle che invadevano la strada, rendendo difficile il passaggio. Nel caldo opprimente i sapori delle spezie si mescolavano agli odori della gente. Ma non si sentiva nell’aria quel senso di allegria che sempre accompagna un mercato. La gente era preoccupata e funesti mormorii giravano tra i banchi. La peste, si diceva, era arrivata in città. Dovevo sbrigarmi, quando cominciano a girare queste voci per uno straniero non è piacevole trovarsi in mezzo alla folla. Dovevo uscire dalla città prima della chiusura delle porte, non era sicuro rimanere qui un’altra giornata, ma mi meritavo almeno un piccolo regalo e quel coltello, dal manico d’avorio finemente intarsiato, sembrava perfetto. Non appena lo presi in mano il venditore se ne accorse.
 – Un bellissimo coltello, signore. Opera del migliore artigiano della città. Un vero affare solo 10 scudi ed è tuo.
 – E’ fatto bene ma non vale quel prezzo, se vuoi te ne posso dare 5. - risposi.
 Avevamo appena cominciato la delicata fase del mercanteggiare che un piccolo drappello di guardie armate sbucò da una stradina secondaria, accompagnate dall’oste che mi aveva ospitato nella sua taverna.
 – Eccolo! E’ la! – gridò l’oste indicandomi – E’ lui quello che cercate. E’ lui l’untore!
 Di fronte ad affermazioni di questo tipo e, soprattutto, a diversi soldati armati dall’aspetto minaccioso, non ho creduto opportuno mettermi a discutere e pertanto ho intascato il coltello e cominciato a correre nella direzione opposta. In un attimo si creò il caos. Le guardie, con le spade in pugno, si misero a correre cercando di raggiungermi, il venditore cominciò a gridare e le persone, spostandosi, finirono con lo spintonarsi tra di loro. Davanti a me una bancarella piena di fiaschi di uno squallido liquore, proposto come il miglior vino della città, mi bloccava la fuga. Quel vino era imbevibile, ma mi sentii in colpa quando, spingendo una gamba della bancarella, feci cadere tutte quelle bottiglie sulla strada. Nella confusione notai un piccolo vicolo, che si inoltrava in mezzo alle case, e lo infilai. Un brivido mi percorse la schiena; portava a una piazzetta senza nessuna uscita.
 – Entra qui, veloce – sussurrò una voce proveniente da un portoncino che si era aperto alle mie spalle.
 Diffido dei consigli degli sconosciuti ma, in questo caso, decisi che non avevo valide alternative. Entrai velocemente e subito dopo la ragazza, che mi aveva chiamato, sbarrò il portone.
 – Svelto, seguimi. – La ragazza salì delle vecchie scale di legno e, dopo aver percorso un breve corridoio, entrò in una squallida stanza dove un bimbo, adagiato in una culla, stava piangendo. Senza dire una parola, spostò la pesante culla sotto la quale, nascosta da un logoro tappeto, c’era una botola.
 – Nasconditi, qui non ti troveranno! – Mi disse.
 Obbedii senza obiezioni e alzai la pesante botola. Celava una piccola intercapedine nel pavimento, dove a fatica riuscii a rimanere sdraiato. Col cuore in gola sentii la ragazza che ricopriva il tutto, mentre il neonato sembrava essersi finalmente quietato. Con il pavimento a pochi centimetri dal mio viso respiravo a malapena. Nel buio totale in cui ero immerso, sperai di non essermi infilato in una trappola. Mi ritrovai immerso in un mare di sudore, mentre i minuti sembravano non passare mai. Poi un trambusto sulle scale mi terrorizzò. Sentii la porta aprirsi e una voce imperiosa che gridava.
 – Dov’è lo straniero? Puttana, l’hai nascosto qui?
 – Quale straniero… qui non c’è nessuno. – rispose con voce tranquilla la ragazza.
 Sentivo i passi di numerosi uomini che frugavano nella stanza.
 – Non può essere che qui… Ti conosciamo, sei la solita puttana dal cuore d’oro. Dai Ester, dimmi dov’è andato e magari nei prossimi giorni vengo a trovarti. Lo sai che posso essere generoso.
 – E allora se sei generoso dovresti ricordarti di tutte le volte che hai voluto divertirti gratis, tu e i tuoi amici. – rispose la ragazza, della quale era oramai chiaro quale fosse la professione.
 In quel momento anche il neonato ricominciò a farsi sentire. Tra le sue grida e i movimenti delle varie persone che camminavano sopra di me non riuscii più a seguire i discorsi che si intrattenevano nella stanza. Poi una strana umidità si riversò sul mio viso. Il bimbo, oltre a gridare, si era sicuramente messo a espletare altre attività fisiologiche che naturalmente si riversavano sul pavimento. Con la sete che mi ritrovavo avrei potuto bere di tutto, eccetto quel schifoso liquido in cui avevo l’impressione di affogare. Dopo un po' la quiete ritornò nella stanza ma dovetti aspettare ancora parecchio, prima che la botola si aprisse.
 – Come stai? – disse la ragazza, appena aperta la botola.
 Naturalmente non mi sentii di lamentarmi del trattamento ricevuto, l’alternativa era di gran lunga peggiore, e con fatica mi alzai, cercando di mantenere un aspetto dignitoso.
 – Non so come ringraziarti. – dissi – Senza di te ora chissà cosa mi avrebbero fatto. Ma perché hai rischiato tanto per uno sconosciuto?
 – So come sono fatti questi imbecilli! A loro importa solo trovare un colpevole. L’untore, gridavano, ma la peste non ha bisogno di nessuno per uccidere. La peste è arrivata e ora hanno paura. Meglio di uno straniero chi può essere il responsabile. Oggi tu… ieri mio padre e domani ci sarà qualcun altro.
 Una lacrima scendeva da quel viso e solo allora ne notai la straordinaria bellezza, offuscata da un velo di tristezza. Era molto giovane la ragazza ma della vita aveva probabilmente già assaporato tutta l’amarezza che può riservare.
 – Devo andare adesso. Tra poco chiuderanno le porte.
 – Non puoi passare dalle porte straniero, di sicuro ti stanno aspettando, ti catturerebbero e, se non ti linciano subito, vedrai che nelle nostre prigioni riusciranno a farti confessare qualunque cosa. La giustizia da noi è sempre molto efficiente. Ti impiccheranno e il nostro sovrano avrà mostrato al popolo che sta facendo il possibile per combattere l’epidemia.
 – Ma in qualche modo devo lasciare la città, altrimenti prima o poi mi troveranno. – risposi.
 – Una soluzione credo che ci sia, ma dovrai aspettare questa notte, adesso ti potrebbero vedere, intanto puoi rimanere qui. Naturalmente la mia compagnia ha il suo costo. – disse avvicinandosi con aria maliziosa.
 – Anche se hai un profumo alquanto discutibile. – concluse annusando la puzza di urina che emanavo.
 
 
 
 Cercavamo di fare meno rumore possibile, anche il più modesto poteva essere udito in una città in cui nessuno usciva la notte. Il coprifuoco scattava dopo le 21 e chiunque fosse stato sorpreso, senza un valido lasciapassare, avrebbe di certo trascorso le notti successive nelle carceri cittadine. Il ragazzo che mi guidava conosceva bene come muoversi e, da un nascondiglio all’altro, ben poco del tragitto percorso era visibile dalla strada. Quando arrivammo a un portoncino lo aprì con delle vecchie chiavi. Appena entrati richiuse immediatamente e, rimanendo al buio, proseguimmo per un lungo corridoio. Solo verso la fine del corridoio il ragazzo accese una candela e mi squadrò con aria più tranquilla.
 – Adesso siamo al sicuro, le guardie non conoscono questo posto. Qui sotto passa il canale della fognatura, non sarà gradevole ma una piccola passeggiata e sei fuori città.
 Era il fratellino di Ester che viveva di piccoli furti e contrabbando, per questo conosceva tutti i nascondigli possibili.
 – Ora, se vuoi darmi quanto pattuito, ti mostro da dove passare. – disse allungando la mano.
 – Già, anche tua sorella mi è costata parecchio, ma a questo punto, se voglio uscire di qui, non ho altra scelta. Ecco i tuoi soldi, ragazzo.
 In un attimo il denaro venne nascosto tra i vestiti, dopo di che il giovanotto cominciò a spostare dei grossi sassi lungo un muro, dando luce a una piccola apertura, che permetteva il passaggio a carponi di una persona.
 – Ecco, entra qua, poi vai sempre verso destra e segui il corso dell’acqua e quando non potrai più camminare… nuota. Vedrai che dopo un po’ sbucherai fuori dalle mura.
 – Grazie - dissi abbracciandolo – non so come avrei fatto senza il vostro aiuto.
 – Buon viaggio, straniero. Vai che poi io chiudo il passaggio.
 Riuscì a passare con difficoltà ma, quando fui dall’altra parte, mi ritrovai immerso fino alle ginocchia in un mare di merda. Di natura non sono molto schizzinoso ma quello non era certo il mio ideale di passeggiata. Fortunatamente ero riuscito a tenere all’asciutto la candela e almeno si riusciva a intravedere qualcosa. Era spiacevole camminare in mezzo a quella cloaca, e dava un certo ribrezzo vedere dei topi dalle dimensioni di un gatto sfiorarti correndo lungo i muri, ma quello che era insopportabile era la terribile puzza che dovevo respirare. Ero sicuro di non riuscire più a resistere quando il canale cominciò a diventare leggermente più visibile. Poco alla volta la debole luce della notte si infiltrò nella fognatura, l’uscita doveva essere vicina. Ma amara fu la sorpresa di trovare una spessa inferriata frapposta tra il canale e l’esterno. La situazione era, oltre che imbarazzante, disperata. Sembrava impossibile uscire da quel buco. Ma notai che anche i topi più grossi riuscivano in qualche maniera a passare dall’altra parte, nonostante la griglia dell’inferriata fosse troppo stretta anche per loro. Ecco dove avrei dovuto fare la nuotatina… probabilmente i ferri sbarravano solo la parte esterna della cloaca. Non c’era altro da fare, feci un grosso respiro e mi buttai in quel liquido nauseabondo.
 
 
 
 Il mio socio era seduto vicino al fuoco, avvolto nel suo grande mantello nero e con l’immancabile scacchiera davanti. Quando mi avvicinai, tutto bagnato, i due cavalli, attaccati a un albero vicino, cominciarono a scalpitare, mentre lui continuava tranquillamente a giocare da solo con quei strani pezzi di legno. Mi accostai al fuoco, cercando di scaldarmi il più possibile.
 – Puzzi! – mi disse senza nemmeno alzare lo sguardo.
 – Lo so! – risposi sedendomi – Puzzeresti anche tu se avessi dovuto nuotare nella merda. E’ una fortuna che sono riuscito a uscirne.
 – Hai fatto tutto bene, ma non dovevi perdere tempo al mercato. Se ti avessero preso avrei dovuto cercarmi qualcun altro.
 – Già, ma me la sono cavata anche questa volta… e adesso, cosa devo fare?
 – Veio è a 20 miglia verso sud, se parti domani mattina puoi essere in città prima di notte. La peste li non è ancora arrivata. Ma prima datti una ripulita, altrimenti non ti faranno mai entrare. – disse alzandosi e dirigendosi verso il suo elegante cavallo nero.
 – Va bene, come sempre. – risposi - Ma, dimmi, morirà anche la donna? E suo fratello?
 – Il ragazzo lo hai abbracciato e con la puttana ti sei divertito; non hanno scampo. Con loro hai fatto un buon lavoro. – disse montando a cavallo.
 – E quel maledetto bimbo, anche lui?
 – Buonanotte, amico. – mi gridò mentre si allontanava lentamente.
 Misi qualche altro ramo sul fuoco e preparai un rozzo giaciglio. Mi attendeva un’altra notte lunga e piena di scrupoli, ma almeno il calore mi avrebbe riscaldato. Le mie poche cose erano sul cavallo rimasto, ma non pensai di cambiarmi, ero troppo stanco. Controllai le tasche ma naturalmente il mio bel coltello non c’era più; chissà dove lo avevo perso. Sperando di asciugarmi, mi adagiai vicino al fuoco. Avvolto in quelle luride coperte, pensai alla mia difficile situazione. Avere come socio la morte non era piacevole, ma a suo tempo non mi aveva lasciato alternative; era l’unico modo per uscire dalla sua maledetta lista. Feci fatica ad addormentarmi, mi dispiaceva per Ester. Mi chiedevo cosa sarebbe accaduto a quel piccolo essere, se per caso fosse sopravvissuto. Continuavo a pensare ai tanti innocenti che avevo condannato, portando la peste in questa città e in tante altre prima. Quando riuscii finalmente a chiudere gli occhi il sonno non durò a lungo. Un forte temporale si era scatenato. La fitta pioggia aveva spento il fuoco e giacevo immerso nel fango. Non avevo nulla per ripararmi, di sicuro si prospettava una brutta polmonite. Mi augurai di riuscire in qualche modo a sopravvivere, difficilmente il mio socio mi avrebbe proposto una nuova proroga.
Ultima modifica di Angelo Ciola il 03/12/2020, 22:31, modificato 6 volte in totale.
www.ciola.it
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine
Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine
Intervista:
https://www.braviautori.it/forum/viewto ... =76&t=5455
Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 551
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

anche in questo racconto ci sono parecchi refusi.
darei pure una controllata alla punteggiatura, visto che mancano molte virgole, tante sono fuori posto e ci sono punti e maiuscole dove non dovrebbero essere.
attenzione anche ai tempi verbali "Se ti prendevano avrei dovuto cercarmi qualcun altro."
se ti avessero preso.
la storia è buona e piuttosto originale, ma necessita di una bella revisione.
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Avatar utente
Angelo Ciola
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 124
Iscritto il: 04/01/2019, 11:58
Località: Borgo Valsugana (TN)
Contatta:

Author's data

Re: L'untore

Messaggio da leggere da Angelo Ciola »

Grazie, proverò a ricontrollarlo con calma, intanto ho corretto la frase segnalata.
www.ciola.it
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine
Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine
Intervista:
https://www.braviautori.it/forum/viewto ... =76&t=5455
Avatar utente
MattyManf
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 99
Iscritto il: 07/11/2020, 15:35
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da MattyManf »

Allora, ci sono un po'di cosse da rivedere nella parte iniziale. Molti punti possono essere resi più scorrevoli.
MA, che bella questa storia. Ha un colpo di scena ben costruito, perchè tutti i sospetti sull'untore vengono fuori di lui, così come chi lo difende dice il vero pensando che sia innocente. Hai reso bene il trucco facendo in modo che non faccia del "contro-pensiero" . E' tutto là, tutto plausibile e quando ho cominciato a capire era troppo tardi.

Un buon racconto di Narrativa con delle buone idee ma che mi ha lasciato alcune curiosità (esterne alla vicenda)
Come era morto lui? LA morte l'ha reso immortale o ha solo impedito la sua "prima" morte?
E' parte di un ambientazione più grande?

Spero davvero che tu rilegga tutto e lo migliori perchè il racconto merita. Ben fatto!
:smt100 :smt100 :smt100
Date un'occhiata a "Rose Nere" in Concorso FLASH.

sono FELICE perché...
:bicipit"Il Carillon di Absindaele" ,
si è piazzato al 3° posto su 45 concorrenti in Gara d'Autunno 2020!!!!
Fatemi sapere cosa ne pensate!
Illustrazioni: @chinevesperiane
Wattpad: https://www.wattpad.com/user/NovelleVesperiane
Avatar utente
Angelo Ciola
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 124
Iscritto il: 04/01/2019, 11:58
Località: Borgo Valsugana (TN)
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Angelo Ciola »

Grazie per il tuo gradito commento. Il racconto al momento è unico ma non è detto che in futuro non possa essere ampliato. Il protagonista si è salvato solo dalla prima morte, altrimenti non sarebbe così preoccupato per l'eventuale polmonite. Ho provato a correggere qualche refuso, come sempre, non si rilegge mai abbastanza.
www.ciola.it
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine
Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine
Intervista:
https://www.braviautori.it/forum/viewto ... =76&t=5455
Avatar utente
MattyManf
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 99
Iscritto il: 07/11/2020, 15:35
Contatta:

Author's data

Re: L'untore

Messaggio da leggere da MattyManf »

altrimenti non sarebbe così preoccupato per l'eventuale polmonite.
Ah, giusto, in effetti è chiaro così. Avevo interpretato male l'ultimo discorso con la morte.
:smt100 :smt100 :smt100
Date un'occhiata a "Rose Nere" in Concorso FLASH.

sono FELICE perché...
:bicipit"Il Carillon di Absindaele" ,
si è piazzato al 3° posto su 45 concorrenti in Gara d'Autunno 2020!!!!
Fatemi sapere cosa ne pensate!
Illustrazioni: @chinevesperiane
Wattpad: https://www.wattpad.com/user/NovelleVesperiane
Marcello Rizza
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 223
Iscritto il: 23/06/2015, 23:54

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Marcello Rizza »

Sarà perché sono un "antico" lettore ma avevo intuito da subito dove saresti andato a parare, tranne il "socio" che pesca a piene mani dal bellissimo film di Ingmar Bergman "Il Settimo Sigillo". Lo stile non è propriamente il mio, il genere si, mi piace molto. Lo prendo per un fantasy e come tale lo valuto. Buon racconto da correggere in alcune frasi. Viva la fantasia!
Francesco Pino
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 138
Iscritto il: 09/05/2020, 17:55

Author's data

Re: L'untore

Messaggio da leggere da Francesco Pino »

Dati i tempi a metà lettura stavo pensando a qualche analogia col presente e invece è tutta un'altra storia. Il racconto non è male e ti sei giocato bene il fattore sorpresa. Peccato per quegli errori che gli altri ti hanno già fatto notare.
Mi è piaciuto.
Avatar utente
Ida-59
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 131
Iscritto il: 14/01/2020, 15:30
Località: Vigevano
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Ida-59 »

Come già altri hanno rilevato, il testo necessita di una approfondita rilettura per correggere alcuni refusi, sistemare la punteggiatura e rendere più scorrevole il racconto.
Il racconto (puzza ed escrementi vari a parte!) mi è piaciuto davvero poco: sono stata molto infastidita dagli eccessivi auto-commenti del personaggio-narratore che hanno, a mio modo di vedere, ridotto molto l'immedesimazione nel personaggio, di solito elevata nei racconti in prima persona. Ad ogni inutile commento, che spiegava, interpretava e chiosava ciò che stava accadendo, e che era già perfettamente chiaro, la figura dell'autore-narratore si palesava sovrapponendosi al personaggio-narratore che mi diventava per altro sempre più antipatico, tanto che ho sperato che la via di fuga fosse in realtà una trappola mortale.
Peccato, invece, che la Morte gli fosse socia.
Stefyp
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 218
Iscritto il: 26/07/2019, 18:48

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Stefyp »

Troppi avverbi in mente. Disperatamente, lentamente, sicuramente, velocemente, naturalmente. Forse è una mia fissa, ma appesantiscono il racconto. Trovare dei sinonimi rende a mio parere la lettura più scorrevole. Il colpo di scena è davvero un colpo di scena, non me lo aspettavo un finale così. Quello che forse manca è il motivo per cui la morte si serve di lui. Magari l'hai esplicitato e io non l'ho capito.
Selene Barblan
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 496
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Bel racconto, mi ha coinvolto e l’ho letto tutto d’un fiato. Mi piace il fatto che il contesto sia accennato ma non esplicitato; si lascia spazio all’interpretazione. Anche l’ironia è un ingrediente ben dosato, i particolari un po’ “disgustosi” rendono il testo originale. Infine la conclusione che fa comprendere quale sia la natura di entrambi gli “uomini” è azzeccata. Più di tutto mi è piaciuta l’atmosfera.
Lucia De Falco
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 138
Iscritto il: 08/03/2020, 14:37

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Lucia De Falco »

Il racconto è scorrevole e accattivante. Il finale a sorpresa è il segreto di questo testo. Cosa non si farebbe per salvare la propria vita in un momento di disperazione ! Il protagonista, alla fine, oscilla tra la paura di morire e il rimorso per quella giovane vita forse spezzata. Secondo me si può trovare un riferimento alla situazione attuale, in cui ognuno vede nell'altro un possibile "untore".
M.perrella
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 28
Iscritto il: 28/03/2020, 19:22

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da M.perrella »

Confesso di aver letto questo racconto con piacere, tutto d'un fiato dall'inizio alla fine e la prima osservazione è stata relativa al corso circolare degli eventi, nel senso che in ogni epoca possiamo trovare qualcosa equivalente a una peste e ai suoi untori.
Ben dosati gli ingredienti narrativi, i personaggi si muovono con disinvoltura in uno scenario inusuale.
Roberto Virdo'
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 180
Iscritto il: 08/06/2020, 11:04

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Virdo' »

Molto interessante. Una storia originale, ben costruita, ben scritta. Le descrizioni, l'ambientazione in generale sono tratteggiate a dovere e la trama coinvolge. La sorpresa finale non solo ha funzionato bene, ma mi ha spiazzato completamente dando un colore nuovo al tutto. Con tinte appropriatamente nere, quelle che personalmente prediligo. Ho trovato particolarmente degno di nota il commento di Ida a proposito dello stile "autonarrante", ma questo come apprendimento mio personale. Le imperfezioni formali segnalate, per quanto mi riguarda, come sempre mi capita in questi casi sono state inghiottite dalla storia avvincente. E come sapete, io propendo spiccatamente per i contenuti, ferma restando l'attenzione che va assolutamente dedicata a ogni commento, fonte di utili indicazioni. Che dire Angelo, per me davvero un ottimo, ottimo lavoro in particolare per la spiccata originalità della storia.
RobediKarta
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 35
Iscritto il: 02/11/2020, 2:14

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da RobediKarta »

Degli errori ti segnalo un paio di passati prossimi all'inizio assolutamente da evitare, il tuo racconto non è "A spasso nel tempo". Buona l'idea, buonissimo il ritmo, e l'inizio praticamente in media res. La cosa che mi ha un po' stranito è un certo linguaggio del protagonista, alcune scelte lessicali che non so, contrastano con storia ed ambientazione, senza però avere una sfumatura ironicaapparentemente. Per es. "il bimbo si era messo ad espletare altre attività fisiologiche" è quasi burocratese, che in un racconto è un po' bruttino per me. Il finale è abbastanza inaspettato, mi è garbato.
Mariovaldo
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 61
Iscritto il: 16/12/2019, 7:27
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Mariovaldo »

E' un bel racconto, a mio gusto manca qualcosa per diventare ottimo. Mi spigo° l'idea è buona, la scrittura la supporta con efficacia, i personaggi sono ben delineati ma... e qui entriamo nei gust personali che ovviamente non pretendono di essere infallibili... ma il finale non è all' altezza, si va spegnendo lentamente, riga dopo riga, e muore senza un sussulto, una parvenza di interesse per il lettore.<<in ogni caso ripeto che il lavoro è valido e il mio voto alto.
Laura Traverso
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 457
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

ciao Angelo, non sto a ripetere quanto è già stato detto in merito agli errori ecc. ecc. Dico solo che la storia da te narrata è avvincente, originale e con un finale che non mi sarei mai aspettata. Certamente il racconto ha del fantastico, e pertanto è un po' illogico ma, va bene cosi. Voto alto
Simone_Non_é
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 160
Iscritto il: 16/12/2019, 1:27

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Simone_Non_é »

Un racconto che ho apprezzato in particolar modo per lo svilupparsi della trama e per l'idea di base che ho trovato originale. Unica pecca la forma, che se curata come dovuto avrebbe potuto rendere ancora più giustizia ad una bella storia. Buona scrittura
Rispondi

Torna a “Gara d'autunno, 2020”



Ci sono 4 concorsi attivi



Storie Gotiche, del Terrore e del Mistero

Storie Gotiche, del Terrore e del Mistero

bando di concorso per la realizzazione di un'antologia di opere ispirate alla paura dell’ignoto.

- (attivo) - bando e commenti.

a cura di Roberto Virdò per BraviAutori.it

L'ignoto ci aspetta al varco, silenzioso e paziente, per catapultarci nello strapiombo degli incubi o nel vortice di ansie e desideri repressi. Amori contrastati e spettri, buie segrete, ma anche improvvisi impeti di violenza o l'inconfessabile desiderio della morte dell'altro.

È in quest'ultimo termine che si nasconde il vero senso di quest'antologia, dove potremo sì trovare vampiri ed esseri soprannaturali, ma nella quale i veri mostri saranno, molto più spesso, dei comuni mortali, gli stessi che incrociamo sulle strade di ogni giorno, i cui volti ed espressioni riconosciamo ambiguamente familiari, tanto da non poter respingere con assoluta fermezza il sospetto che essi restituiscano, in definitiva, la nostra immagine speculare.

Per racconti, poesie, disegni ed elaborazioni grafiche digitali.



Metropolis

Metropolis

bando di concorso per la realizzazione di un'antologia di opere ispirate da un ambiente metropolitano.

- (attivo) - bando e commenti.

a cura di BraviAutori.it

Si dovranno immaginare delle storie che si svolgano in città, in un ambiente metropolitano con tanta gente, grattacieli e condomini, metropolitane e tram, smog e traffico. Non ha importanza se in una città del passato, del presente o del futuro.

Pensate anche agli animali che sono costretti a vivere lì con i loro padroni.

Insomma, buttatevi nel convulso traffico della megalopoli in cerca di avventure e incontri originali, inquietanti, comici o amorosi.

Per storie intendiamo qualsiasi tipo di componimento, scritto o grafico, che parli allo spettatore, quindi vanno bene racconti, poesie, disegni ed elaborazioni grafiche digitali.

Genere libero.



Scene da CoronaVirus

Scene da CoronaVirus

Bando per la realizzazione di una antologia di racconti, testi teatrali brevi e sceneggiature di cortometraggi di carattere umoristico e satirico che raccontano la permanenza in casa legata alla pandemia del Covid-19..

- (attivo) - bando e commenti.

a cura di Lorenzo Pompeo

Descrivete scene di vita quotidiana ambientate in un appartamento nel quale un nucleo familiare è costretto a fronteggiare problemi legati alla lunga convivenza forzata dovuta alle limitazioni e ai divieti dettati dalle autorità. Verranno privilegiati testi di carattere comico, umoristico e fantastico.

NB: l'eventuale libro cartaceo derivato dal presente concorso sarà messo in vendita al solo prezzo di costo, e l'ebook sarà gratuito.



Le Gare Stagionali

Le Gare Stagionali

Concorso stagionale con pubblicazione in ebook gratuito trimestrale e antologia cartacea annuale

a scadenza stagionale - (attivo) - bando e commenti.

a cura dello Staff di BraviAutori.it
Hai un racconto breve che vuoi mettere alla prova?

Le Gare letterarie stagionali sono concorsi a partecipazione libera, gratuiti, dove chiunque può mettersi alla prova divertendosi, conoscendosi e, perché no, anche imparando qualcosa. I migliori testi di ogni Gara saranno pubblicati in un ebook gratuito e a ogni ciclo di stagioni pubblicheremo una antologia annuale.

Nota: può votare e commentare anche chi non partecipa come autore.




Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Antologia visual-letteraria (Volume tre)

Antologia visual-letteraria (Volume tre)

Questa antologia a tema libero è stata ispirata dalle importanti parole di Sam L. Basie:
Dedicato a tutti coloro che hanno scoperto di avere un cervello, che hanno capito che non serve solo a riempire il cranio e che patiscono quell'arrogante formicolio che, dalle loro budella, striscia implacabile fino a detonare dalle loro mani. A voi, astanti ed esteti dell'arte.
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Iunio Marcello Clementi, Noemi Buiarelli, Marco Bertoli, Liliana Tuozzo, Alessandro Carnier, Martina Del Negro, Lodovico Ferrari, Francesca Gabriel, Pietro Rainero, Fausto Scatoli, Gianluigi Redaelli, Ilaria Motta, Laura Traverso, Pasquale Aversano, Giorgio Leone, Ida Dainese, Marino Maiorino.
Vedi ANTEPRIMA (921,21 KB scaricato 49 volte).
info e commenti compralo su   amazon

Museo letterario

Museo letterario

Antologia di opere letterarie ispirate dai capolavori dell'arte

Unire la scrittura all'immagine è un'esperienza antica, che qui vuole riproporsi in un singolare "Museo Letterario". L'alfabeto stesso deriva da antiche forme usate per rappresentare animali o cose, quindi tutta la letteratura è un punto di vista sulla realtà, per così dire, filtrato attraverso la sensibilità artistica connaturata in ogni uomo. In quest'antologia, diversi scrittori si sono cimentati nel raccontare una storia ispirata da un famoso capolavoro dell'Arte a loro scelta.
A cura di Umberto Pasqui e Massimo Baglione.
Introduzione del Prof. Marco Vallicelli.
Copertina di Giorgio Pondi.

Contiene opere di: Claudia Cuomo, Enrico Arlandini, Sandra Ludovici, Eleonora Lupi, Francesca Santucci, Antonio Amodio, Isabella Galeotti, Tiziano Legati, Angelo Manarola, Pasquale Aversano, Giorgio Leone, Alberto Tivoli, Anna Rita Foschini, Annamaria Vernuccio, William Grifò, Maria Rosaria Spirito, Cristina Giuntini, Marina Paolucci, Rosanna Fontana, Umberto Pasqui.
Vedi ANTEPRIMA (211,82 KB scaricato 146 volte).
info e commenti compralo su   amazon

Time City

Time City

amanti nel tempo

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
Con questo romanzo scopriremo in che modo un rivoluzionario viaggio nel Tempo darà il via a un innovativo sistema di colonizzare la Luna e, forse, l'intero Universo. Partendo dalla Terra con una macchina del Tempo, è possibile arrivare sulla Luna? In queste pagine vi sarà raccontato del lato "Tempo" di questa domanda. La parte "Luna" (qui solo accennata) verrà sviluppata più corposamente nel seguito di questo libro auto-conclusivo. L'autore ha cercato a lungo qualche riferimento a opere che narrassero di un crononauta che sfrutti il viaggio nel Tempo per raggiungere il nostro satellite naturale, ma non è riuscito a trovarne alcuna. Lo scrittore Giovanni Mongini (autore, tra le varie cose, dello splendido articolo "Viaggio al centro del tempo") lo ha confortato in tal senso, perciò si vuole concedere il lusso di indicare la sua persona come colei che ha inventato per prima questo tipo di viaggio Terra-Tempo-Luna. Concedeteglielo, vi prego, almeno per un po' di… tempo.
Di Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (1,00 MB scaricato 404 volte).
info e commenti compralo su   amazon




Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 29 - Storie parallele

La Gara 29 - Storie parallele

(marzo 2012, 44 pagine, 863,42 KB)

Autori partecipanti: Polly Russel, Nathan, Lodovico, Jane90, Conrad, Carlocelenza, Tuareg, Luigi Bonaro, Lorella15, Roberta Michelini, Antonella P, Diego Capani,
A cura di Ser Stefano.
Scarica questo testo in formato PDF (863,42 KB) - scaricato 170 volte.
oppure in formato EPUB (794,38 KB) (vedi anteprima) - scaricato 412 volte..
Lascia un commento.

La Gara 40 - La musica è letteratura

La Gara 40 - La musica è letteratura

(agosto 2013, 50 pagine, 1,14 MB)

Autori partecipanti: 2013Federica, Angelo Manarola, Nunzio Campanelli, Lodovico, LeggEri, Anto Pigy, Mastronxo, Desiree Ferrarese, Rovignon, Polly Russell, Lorella15, Monica Porta may bee, Nozomi, Freecora, Kaipirissima, Filippo19,
A cura di Antonella Pighin.
Scarica questo testo in formato PDF (1,14 MB) - scaricato 186 volte..
Lascia un commento.

La Gara 69 - Le parole che non ti ho mai detto

La Gara 69 - Le parole che non ti ho mai detto

(marzo 2018, 31 pagine, 956,10 KB)

Autori partecipanti: Lodovico, Patrizia Chini, Angela Catalini, Daniele Missiroli, Alberto Tivoli, Roberto Bonfanti, MicolFusca, David Cintolesi, Fabrizio Bonati, Enrico Gallerati,
a cura di Lorenzo Iero.
Scarica questo testo in formato PDF (956,10 KB) - scaricato 70 volte.
oppure in formato EPUB (569,16 KB) (vedi anteprima) - scaricato 57 volte..
Lascia un commento.