I doni

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'inverno 2020/2021.

Sondaggio

1 - non mi piace affatto
0
Nessun voto
2 - mi piace pochino
3
19%
3 - si lascia leggere
5
31%
4 - è bello
5
31%
5 - mi piace tantissimo
3
19%
 
Voti totali: 16

Nando71
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 47
Iscritto il: 07/01/2021, 1:04
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Nando71 »

Non leggo spesso racconti genere fantasy perché solitamente mi stancano ma questa volta devo ricredermi. Il racconto, ben scritto e molto coinvolgente, mi ha letteralmente incuriosito e conquistato ad ogni parola letta, tanto da averlo riletto con piacere una seconda volta, perciò doppio voto. Complimenti
Selene Barblan
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 511
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Re: I doni

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Ciao Nando, ti ringrazio, mi fanno molto piacere le tue parole ☺️
Marcello Rizza
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 244
Iscritto il: 23/06/2015, 23:54

Author's data

Re: I doni

Messaggio da leggere da Marcello Rizza »

Ciao Selene. Entro a piè pari nel discorso sulla libertà di scrivere come ci piace e pare. Nello scrivere (è il mio e consueto difetto), siamo narcisisti. ci piace presentarci e fanculo gli altri, se ci capiscono ci capiscono. Filosoficamente sono d'accordo con te. Al nostro modo di esprimerci diamo una valenza, chiediamo una sofferenza per leggerci, pretendiamo una dedizione all'Io che ha bisogno del nutrimento esclusivo, dimenticando che siamo tanto preziosi quanto inutili. Nel mio percorso con una stronza (le voglio bene) di editor mi rendo conto che il non pretendere che chi ci legge debba indagarci per quanto siamo sottili sia importante. È vero che scriviamo per noi stessi ma poi ci proponiamo. E in quel contesto va trovata la quadra. Il mio voto al tuo racconto è stato 5 ma so che è un 5 dovuto alla affinità, alla "malinconia" di scrivere in un certo modo, ma è anche vero che i miei ultimi racconti "disciplinati" alla fine mi convincono e mi piacciono più di quelli "interiori". Credo sia importante la quadra: originalità e metodo, se si vuole comunicare. Se ci si vuole solamente esibire, trovare "l'anima gemella ", allora dobbiamo essere consapevoli che ci leggerà l'anima gemella e nessun altro perché siamo divulgatori di noia. Ok. Mi piace come scrivi, colgo tanto di quello che vuoi trasmettere. Ti sono gemello. Sono "uno". Alla fine raccogliamo, a livello di piacimento, il piacere unico di essere letti dal mondo. Come ti risponde il mondo? È una domanda che porgo a te perché me la porgo io come scribacchino.
Selene Barblan
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 511
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Re: I doni

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Marcello Rizza ha scritto: 22/01/2021, 17:02 Ciao Selene. Entro a piè pari nel discorso sulla libertà di scrivere come ci piace e pare. Nello scrivere (è il mio e consueto difetto), siamo narcisisti. ci piace presentarci e fanculo gli altri, se ci capiscono ci capiscono. Filosoficamente sono d'accordo con te. Al nostro modo di esprimerci diamo una valenza, chiediamo una sofferenza per leggerci, pretendiamo una dedizione all'Io che ha bisogno del nutrimento esclusivo, dimenticando che siamo tanto preziosi quanto inutili. Nel mio percorso con una stronza (le voglio bene) di editor mi rendo conto che il non pretendere che chi ci legge debba indagarci per quanto siamo sottili sia importante. È vero che scriviamo per noi stessi ma poi ci proponiamo. E in quel contesto va trovata la quadra. Il mio voto al tuo racconto è stato 5 ma so che è un 5 dovuto alla affinità, alla "malinconia" di scrivere in un certo modo, ma è anche vero che i miei ultimi racconti "disciplinati" alla fine mi convincono e mi piacciono più di quelli "interiori". Credo sia importante la quadra: originalità e metodo, se si vuole comunicare. Se ci si vuole solamente esibire, trovare "l'anima gemella ", allora dobbiamo essere consapevoli che ci leggerà l'anima gemella e nessun altro perché siamo divulgatori di noia. Ok. Mi piace come scrivi, colgo tanto di quello che vuoi trasmettere. Ti sono gemello. Sono "uno". Alla fine raccogliamo, a livello di piacimento, il piacere unico di essere letti dal mondo. Come ti risponde il mondo? È una domanda che porgo a te perché me la porgo io come scribacchino.
Ciao Marcello,

trovo un pò complicato rispondere al tuo commento, perché ci sono davvero tanti aspetti che entrano in gioco e non vorrei neanche "esondare". Proverò a esprimere il mio pensiero, magari più chiaramente di come ho fatto in quello precedente con StefyP. Come ho detto a lei non me ne frego di ciò che gli altri pensano, leggo sempre tutti i commenti e cerco di ponderarli, anche in funzione di quanto "frequenti" siano. Sotto questo aspetto la media dà una buona indicazione di come un racconto viene accolto. Il fatto che tanti, quasi tutti, abbiano detto che il racconto è troppo pregno di domande non risposte, o aspetti misteriosi o non chiari, di certo non mi lascia indifferente. È un aspetto ricorrente, come ben ha espresso ad esempio Roberto Bonfanti nel suo commento, il fatto che "pretendo" molto da chi mi legge. Devo ammettere che io non me ne rendo affatto conto, forse perché scrivo troppo di getto, forse perché non aspetto un tempo sufficiente prima di proporlo qui nelle gare, forse, molto probabilmente, non ho gli strumenti (ora come ora) per poter fare altrimenti. Quando dico che non posso scrivere ciò che non mi piace va un pò al di là dell'aspetto filosofico-idealista; non posso perché non mi "viene", come non mi riesce naturale comportarmi, nella realtà, diversamente da ciò che sono, cosa che nella vita mi ha spesso portato a sbattere il muso diverse volte e a soffrire, forse anche inutilmente. Diciamo che il "come scrivo" e "come sono" corrono come due binari paralleli ed entrambi hanno bisogno di ancora tanto, moltissimo concime per maturare.
Quindi, non piaccio, o piaccio così così, ... ok, sicuramente non mi fa piacere e, come penso altri, quando ricevo un giudizio negativo mi ci vuole del tempo per digerirlo (e capire se sono d'accordo o meno), ma lo accetto e cerco di costruirci sopra. Dai primi racconti che ho pubblicato (e che sono anche bene o male i primi che ho scritto) ad ora ho sicuramente dato, inizialmente, molta più importanza alle critiche riguardo gli aspetti formali. Vedo che ultimamente ricevo molti meno consigli in tal senso e penso sia sintomo di una certa evoluzione.
Ritornando invece al fatto che "I doni" abbia troppe cose non spiegate, non so bene come comportarmi; se fosse ciò che è scritto che non è chiaro, potrei lavorarci sopra con molta più facilità. Potrei spiegare meglio dei passaggi o, svilupparne altri. Ma, se ho capito bene, non è questo il punto. In altri racconti, che ho pubblicato e riletto in seguito, vedo tante lacune che a mente calda erano per me invisibili. Ad esempio "La montagna di Odeena" è un gran casino e, se mai troverò la voglia (sono molto pigra e poco persistente), dovrò riscriverlo tutto (e ora i commenti ricevuti a quei tempi mi risultano molto più comprensibili).
Forse anche con questo racconto succederà la stessa cosa; il problema è che a me non sembra così criptico né incompleto, per lo meno al momento. Certo, si sa poco sia del protagonista, sia del popolo, sia del demone; a voler ridurre poi la faccenda all'osso succede anche relativamente poco e neanche niente di troppo originale. È che mi piace davvero poco dare tutte le spiegazioni del caso, credo che se provassi a modificarlo "spiegandolo" perderebbe il suo senso, che forse è più vicino a uno schizzo, a qualcosa di "visivo". Non nascondo che leggere le varie interpretazioni mi ha dato una grande soddisfazione e una sorta di "divertimento".
Concludendo non so se arriverò mai a grandi consensi, credo che mi manchino parecchi elementi fondamentali, innanzitutto una buona dose di cultura e conoscenze tecniche. Se la motivazione resterà alta forse riuscirò a svilupparle un pò... nel frattempo grazie per il tuo spunto di riflessione.
(Ho esondato, sorry)
Stefyp
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 225
Iscritto il: 26/07/2019, 18:48

Author's data

I doni

Messaggio da leggere da Stefyp »

Mi permetto di rispondere anch'io a Marcello. La mia prima risposta a Selene è stata scritta di getto e quindi magari troppo poco spiegata. L'ha fatto per me Selene con questo suo ultimo commento, che condivido.
Aggiungo che i commenti che ricevo sono tutti preziosi, soprattutto i più critici. Perché, se è vero come è vero che io non riuscirei a cambiare il mio modo di scrivere perché è quello che più mi è congeniale, è altrettanto vero che la voglia di evolvere e di far arrivare qualcosa a chi legge è umana.
Quando sono entrata qui mi sono subito resa conto che il livello di parecchi racconti e autori era molto alto, molto più alto rispetto al mio. Non avendo altri momenti di confronto ho colto quindi al volo l'occasione di mettermi in gioco e migliorarmi. Ma voglio continuare a farlo a modo mio, per come sono e per come scrivo.
Per fare un esempio: in un occasione un commentatore mi ha scritto che la vita è già faticosa di suo e doverci fare i conti anche in un racconto non era a lui congeniale, preferiva altro. Ma io non posso fare a meno di scrivere di questo anche se risultasse noioso alla gran parte dei lettori.
Per fortuna poi ci sono anche i commenti positivi
Scusatemi la divagazione,,,
Buona giornata
Marcello Rizza
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 244
Iscritto il: 23/06/2015, 23:54

Author's data

Re: I doni

Messaggio da leggere da Marcello Rizza »

Grazie per avermi risposto Selene e Stefyp. Tengo a ribadire che a me questo racconto è piaciuto veramente molto e che, se ricordo bene, ho commentato con molto entusiasmo. Mi sono sentito poi coinvolto dai commenti sui quali ho chiesto appunto di dire la mia perché (non qui) le persone amiche a me vicine che leggono i miei racconti mi dicono quasi sempre di non capirli. Molto interessante, nei commenti che ho ricevuto nella precedente gara, quello di Ida che individua il mio stile in quel racconto come "libero flusso di coscienza" che a lei non piace. No non avevo mai pensato che il mio modo di scrivere fosse così e nel merito ho provato a rileggere i miei scritti e devo dargliene ragione. Che poi sia un difetto è tutto da vedere, a qualcuno può piacere e a altri no, ma prenderne coscienza aiuta. Bella e stimolante, preziosa questa disamina e confronto con ambedue. Grazie .
Selene Barblan
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 511
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Re: I doni

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Grazie a te/a voi
☺️
Ombretta
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 11
Iscritto il: 28/12/2020, 19:05

Author's data

Re: I doni

Messaggio da leggere da Ombretta »

Descrizioni bellissime! Evocano perfettamente le immagini. Forse un po' prolisse quando rapportate al finale. Ma è il finale che stona, in realtà, secondo me. Un po' frettoloso. Cmq mi è piaciuto molto leggerlo
Avatar utente
Massimo Baglione
rank (info):
Site Admin
Messaggi: 9444
Iscritto il: 11/04/2007, 12:20
Località: Belluno
Contatta:

Author's data

Re: I doni

Messaggio da leggere da Massimo Baglione »

Ricordatevi di specificare esattamente "Commento" come titolo del messaggio usato per commentare le opere in Gara (senza prefissi come "Re:" o altro), altrimenti non verranno conteggiati dal sistema, grazie!
Se invece state solo rispondendo, non serve specificare.
Ricordatevi anche che il testo del commento deve essere lungo almeno 200 battute.
Vi rimando alle istruzioni delle Gare letterarie.
Immagine

Immagine <<< io sono nel Club dei Recensori di BraviAutori.it.

Immagine

www.massimobaglione.org
Selene Barblan
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 511
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Re: I doni

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Ombretta ha scritto: 29/01/2021, 8:51 Descrizioni bellissime! Evocano perfettamente le immagini. Forse un po' prolisse quando rapportate al finale. Ma è il finale che stona, in realtà, secondo me. Un po' frettoloso. Cmq mi è piaciuto molto leggerlo
Ciao ombretta, ti ringrazio! Frettolosa la parte distruttiva o quella proprio conclusiva? Contenta ti sia piaciuto ☺️
Avatar utente
Liliana Tuozzo
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 132
Iscritto il: 18/03/2010, 17:09

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Liliana Tuozzo »

Ho trovato questo racconto molto affascinante. Mi piace il modo in cui descrivi il personaggio in maniera molto dettagliata fin dall'inizio. L'uomo seduto sulla spiaggia che si lega i capelli s'immerge, nuota, segue un rituale de4scritto in maniera così minuziosa che sembra quasi di vederlo.
Mi ha colpito il finale, tutto ciò in cui credeva non ha più valore, ed è un argomento di riflessione quante volte capitano nella vita situazioni del genere e ci si rende conto che si può fare affidamento solo sulle proprie forze. un ottimo racconto.
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Selene Barblan
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 511
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Re: I doni

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Ciao Liliana, grazie del commento, sono contenta che ti sia piaciuto! :)
Rispondi

Torna a “Gara d'inverno, 2020/2021”


Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 52 - Colpo di fulmine

La Gara 52 - Colpo di fulmine

(maggio/giugno 2015, 19 pagine, 422,19 KB)

Autori partecipanti: Patrizia Chini, Gloria D. Fedi, Laura Chi, Alberto Tivoli, Ricci Giuliana, Maddalena Cafaro,
a cura di Giorgio Leone.
Scarica questo testo in formato PDF (422,19 KB) - scaricato 153 volte.
oppure in formato EPUB (189,80 KB) (vedi anteprima) - scaricato 204 volte..
Lascia un commento.

La Gara 38 - Sorpresa!

La Gara 38 - Sorpresa!

(maggio 2013, 30 pagine, 1,07 MB)

Autori partecipanti: Scrittore 97, Nunzio Campanelli, Marino Maiorino, Ser Stefano, Anto Pigy, Monica Porta may bee, Patrizia Benetti, Yendis, freecora, Pardan, Lucia Manna,
A cura di Lodovico.
Scarica questo testo in formato PDF (1,07 MB) - scaricato 317 volte..
Lascia un commento.

Gara d'estate 2019 - La madre del prescelto, e gli altri racconti

Gara d'estate 2019 - La madre del prescelto, e gli altri racconti

(estate 2019, 49 pagine, 841,96 KB)

Autori partecipanti: Marco Daniele, Lorenzo Scattini, Roberto Bonfanti, Carol Bi, Daniele Missiroli, L.Grisolia, Gabriele Ludovici, Isabella Galeotti, Draper, Angelo Ciola, Slifer, Stefyp, Alessandro Mazzi, Massimo Centorame,
a cura di Massimo Baglione.
Scarica questo testo in formato PDF (841,96 KB) - scaricato 44 volte.
oppure in formato EPUB (388,81 KB) (vedi anteprima) - scaricato 41 volte..
Lascia un commento.





Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Non spingete quel bottone

Non spingete quel bottone

antologia di racconti sull'ascensore

Hai mai pensato a cosa potrebbe accadere quando decidi di mettere piede in un ascensore? Hai immaginato per un attimo a un incontro fatale tra le fredde braccia della sua cabina? Hai temuto, per un solo istante, di rimanervi chiuso a causa di un imponderabile guasto? E se dietro a quel guasto ci fosse qualcosa o qualcuno?
Trentuno autori di questa antologia dedicata all\'ascensore, ideata e curata da Lorenzo Pompeo in collaborazione col sito BraviAutori.it, hanno provato a dare una risposta a queste domande.
A cura di Lorenzo Pompeo
Introduzione dell\'antropologo Vincenzo Bitti.
Illustrazioni interne di Furio Bomben e AA.VV.
Copertina di Roberta Guardascione.

Contiene opere di: Vincenzo Bitti, Luigi Dinardo, Beatrice Traversin, Paul Olden, Lodovico Ferrari, Maria Stella Rossi, Enrico Arlandini, Federico Pergolini, Emanuele Crocetti, Roberto Guarnieri, Andrea Leonelli, Tullio Aragona, Luigi Bonaro, Umberto Pasqui, Antonella Provenzano, Davide Manenti, Mara Bomben, Marco Montozzi, Stefano D'Angelo, Amos Manuel Laurent, Daniela Piccoli, Marco Vecchi, Claudio Lei, Luca Carmelo Carpita, Veronica Di Geronimo, Riccardo Sartori, Andrea Andolfatto, Armando d'Amaro, Concita Imperatrice, Severino Forini, Eliseo Palumbo, Diego Cocco, Roberta Eman.
Vedi ANTEPRIMA (2,58 MB scaricato 497 volte).
info e commenti compralo su   amazon

Carosello

Carosello

antologia di opere ispirate dal concetto di Carosello e per ricordare il 40° anniversario della sua chiusura

Nel 1977 andava in onda l'ultima puntata del popolare spettacolo televisivo serale seguito da adulti e bambini. Carosello era una sorta di contenitore pubblicitario, dove cartoni animati e pupazzetti vari facevano da allegro contorno ai prodotti da reclamizzare. Dato che questo programma andava in onda di sera, Carosello rappresentò per molti bambini il segnale di "stop alle attività quotidiane". Infatti si diffuse presto la formula "E dopo il Carosello, tutti a nanna".
Per il 40° anniversario della sua chiusura, agli autori abbiamo chiesto opere di genere libero che tenessero conto della semplicità che ha caratterizzato Carosello nei vent'anni durante i quali è andato felicemente in onda. I dodici autori qui pubblicati hanno partecipato alle selezioni del concorso e sono stati selezionati per questo progetto letterario. Le loro opere sono degni omaggi ai nostri ricordi (un po' sbiaditi e in bianco e nero) di un modo di stare in famiglia ormai dimenticato.
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Giorgio Leone, Enrico Teodorani, Cristina Giuntini, Maria Rosaria Spirito, Francesco Zanni Bertelli, Serena Barsottelli, Alberto Tivoli, Laura Traverso, Enrico Arlandini, Francesca Rosaria Riso, Giovanni Teresi, Angela Catalini.
Vedi ANTEPRIMA (357,78 KB scaricato 56 volte).
info e commenti compralo su   amazon

BReVI AUTORI - volume 4

BReVI AUTORI - volume 4

collana antologica multigenere di racconti brevi

BReVI AUTORI è una collana di libri multigenere, ad ampio spettro letterario. I quasi cento brevi racconti pubblicati in ogni volume sono suddivisi usando il seguente schema ternario:

Fantascienza + Fantasy + Horror
Noir + Drammatico + Psicologico
Rosa + Erotico + Narrativa generale

La brevità va a pari passo con la modernità, basti pensare all'estrema sintesi dei messaggini telefonici o a quelli usati in internet da talune piattaforme sociali per l'interazione tra utenti. La pubblicità stessa ha fatto della brevità la sua arma più vincente, tentando (e spesso riuscendo) in pochi attimi di convincerci, di emozionarci e di farci sognare.
Ma gli estremismi non ci piacciono. Il nostro concetto di brevità è un po' più elastico di un SMS o di un aforisma: è un racconto scritto con cura in appena 2500 battute (sì, spazi inclusi).
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Ida Dainese, Angela Catalini, Mirta D, Umberto Pasqui, Verdiana Maggiorelli, Francesco Gallina, Francesca Santucci, Sandra Ludovici, Antonio Mattera, Francesca Paolucci, Enrico Teodorani, Laura Traverso, Romina Bramanti, Alberto Tivoli, Fausto Scatoli, Cinzia Iacono, Marilina Daniele, Francesca Rosaria Riso, Francesca Gabriel, Isabella Galeotti, Arcangelo Galante, Massimo Tivoli, Giuseppe Patti, SmilingRedSkeleton, Alessio Del Debbio, Marco Bertoli, Simone Volponi, Tiziano Legati, Francesco Foddis, Maurizio Donazzon, Giovanni Teresi, Sandro Pellerito, Ilaria Motta.
Vedi ANTEPRIMA (730,53 KB scaricato 70 volte).
info e commenti compralo su   amazon