Fragile incanto

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'inverno 2020/2021.

Sondaggio

Sondaggio concluso il 23/03/2021, 0:00

1 - non mi piace affatto
0
Nessun voto
2 - mi piace pochino
0
Nessun voto
3 - si lascia leggere
2
11%
4 - è bello
13
72%
5 - mi piace tantissimo
3
17%
 
Voti totali: 18

Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 572
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Fragile incanto

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »


Rododendro: dal greco rhodon (rosa) e dendron (albero), ovvero albero delle rose. A causa della fragilità dei suoi fiori, al rododendro è attribuita la valenza di fragile incanto.
 
 La camera di consiglio era durata poco. La giuria non aveva avuto problemi a raggiungere un verdetto unanime e ora la giudice Parventis stava per leggere la sentenza.
 Charlie Bell, reo confesso, conosceva l’esito. Gli rimaneva solo da scoprire l’entità della pena.
 «L’imputato si alzi.»
 Obbedì.
 Il viso era imperscrutabile, come sempre. Non trapelava nulla. Neppure al momento della confessione aveva permesso alle sue emozioni di venire allo scoperto.
 Negli ultimi giorni era tornato spesso agli istanti della violenza, quando la furia omicida si era impossessata di lui, e ogni volta c’era maggior distacco, quasi la realtà non fosse più quella.
 
 L’avvocato lo scosse, facendolo tornare al presente.
 «… la corte condanna quindi l’imputato alla pena di anni trenta, da scontarsi…»
 
 Ci fu un brusìo sommesso.
 Qualcuno in sala applaudì, ma il martello della giudice riportò tutti al silenzio.
 «… inoltre, alla luce dei fatti e visto l’atteggiamento dell’imputato stesso, lo si condanna alla cura quotidiana e perenne di 18 piante di rododendro…»
 «Vostro onore…» esclamò stranito l’avvocato di Bell.
 «Silenzio! Potrete fare ricorso in seguito.»
 
 Charlie era sempre muto e immobile, una statua.
 Parventis riprese la parola: «18 piante, una per ogni anno di età della vittima. Di rododendro, perché ha i fiori fragili, come fragile era il fiore che l’imputato ha strappato…»
 «Vostro onore, ma…»
 
 Charlie Bell cominciò a sudare. Ansimò e con un rapido movimento aprì il colletto della camicia. Aveva bisogno d’aria.
 L’avvocato lo guardò, sorpreso. Per la prima volta vedeva nel suo assistito dei segni di cedimento.
 
 «…ogni qualvolta vedrà cadere uno di questi fiori sarà per lui come rivedere la scena finale, quando chi lo rifiutò venne preso a forza e poi spezzato…»
 
 Sentì dolore al ventre, come se una mano glielo stringesse forte. Ebbe un singulto.
 I presenti in sala ascoltarono esterrefatti la sentenza della giudice. Stava colpendo a fondo.
 
 «…rododendro, perché il nome lo faccia pensare. E magari anche capire.»
 
 Alzò lo sguardo verso l’imputato.
 Charlie prese a tremare, gli occhi sbarrati, le pupille dilatate. Qualcosa dentro si era rotto, squarciato da un urlo senza fine. Quanti altri fiori avrebbe dovuto veder cadere per potere ritrovare un po’ di pace?
 
 «Portatelo via» sentenziò la Parventis, «la seduta è tolta.»
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Athosg
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 35
Iscritto il: 17/12/2016, 13:41

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Athosg »

Un racconto breve con un fortissimo richiamo etico. Una specie di nemesi dove al colpevole viene data la pena (possibilità?) di ripercorrere il suo crimine giorno dopo giorno. Io rimango ottimista e penso che Charlie nello scontare il giudizio diventerà un uomo migliore.
Laura Traverso
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 481
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

Bello! Mi è piaciuto, svelto, ben scritto e denso di significato. Molto azzeccata l'analogia tra gli omicidi delle giovani vittime al fiore di rododendro di cui all'inizio tratteggi le caratteristiche. Non conoscevo il "fragile incanto" di quel fiore. Voto alto
Selene Barblan
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 524
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Che bella pianta il rododendro, delicata, dai colori vivaci e intensi, una buona metafora. Il racconto mi è piaciuto, breve ma significativo, come sempre scritto bene.
Ho un dubbio su questa frase ma probabilmente mi sbaglio:

“…rododendro, perché il nome lo faccia pensare. E magari anche capire“

Mi stona il lo faccia pensare/lo faccia capire; non so se mi sono spiegata.

In ogni caso mi è piaciuto.

Ps: titolo molto bello
Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 572
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

Selene Barblan ha scritto: 22/12/2020, 8:39 Che bella pianta il rododendro, delicata, dai colori vivaci e intensi, una buona metafora. Il racconto mi è piaciuto, breve ma significativo, come sempre scritto bene.
Ho un dubbio su questa frase ma probabilmente mi sbaglio:

“…rododendro, perché il nome lo faccia pensare. E magari anche capire“

Mi stona il lo faccia pensare/lo faccia capire; non so se mi sono spiegata.

In ogni caso mi è piaciuto.

Ps: titolo molto bello
voleva essere un gioco di parole
rododendro = rodo dentro
rodersi dentro non è bello, per niente

grazie dle commento
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Selene Barblan
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 524
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Fausto Scatoli ha scritto: 22/12/2020, 12:45 voleva essere un gioco di parole
rododendro = rodo dentro
rodersi dentro non è bello, per niente

grazie dle commento
Ecco questo non l’avevo colto, dovrò essere lettrice più attenta. Io però mi riferivo non al gioco di parole legato al nome del fiore ma al fatto che dici “il nome lo faccia pensare” nella seconda frase non sarebbe più giusto dire “E magari gli faccia capire” nel senso che non credo si possa dire il nome lo faccia capire”. Però, ripeto, forse mi sfugge ancora qualcosa o mi sbaglio completamente al riguardo.
Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 572
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

Selene Barblan ha scritto: 22/12/2020, 14:11 Ecco questo non l’avevo colto, dovrò essere lettrice più attenta. Io però mi riferivo non al gioco di parole legato al nome del fiore ma al fatto che dici “il nome lo faccia pensare” nella seconda frase non sarebbe più giusto dire “E magari gli faccia capire” nel senso che non credo si possa dire il nome lo faccia capire”. Però, ripeto, forse mi sfugge ancora qualcosa o mi sbaglio completamente al riguardo.
no no, puoi avere benissimo ragione, sai?
rivedrò qualcosa, dopo la gara
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Lucia De Falco
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 143
Iscritto il: 08/03/2020, 14:37

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Lucia De Falco »

Il racconto è breve, ma significativo. Al di là della condanna esemplare, che sembra scuotere l'imputato più dei trent'anni di carcere, questa lettura porta il lettore anche dentro il punto di vista dell'assassino. Dopo molti anni dal crimine commesso, sembra che il male sia lontano, ne prova distacco. È l'obbligo a riceverlo, con la pena inflittagli dal giudice, che lo costringe a rivivere quello che ha fatto. Una riflessione sul sistema penale?
Andr60
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 160
Iscritto il: 15/11/2019, 15:45

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Andr60 »

Ricordo una trasmissione di Nanni Loy (quello di Specchio segreto), nella quale utilizzava il rododendro nello stesso modo, per far parlare l'intervistato di ciò che gli rodeva di più.
C'è da augurarsi che trent'anni siano sufficienti per far capire all'imputato la gravità del suo crimine (coltivazione dei fiori a parte).
Francesco Pino
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 164
Iscritto il: 09/05/2020, 17:55

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Francesco Pino »

Il racconto è cosi' breve e diretto che mi viene difficile commentarlo. La sentenza spiega già bene il senso della condanna. Se c'è una cosa che si puo' forse provar a interpretare è il brusio della gente nel sentire che la pena è 30 anni e non l'ergastolo. Ci vedo dunque il tentativo del giudice di dar forma (in maniera certo originale) al senso della detenzione che è rieducare e non solo punire, contrariamente al pensiero comune che chiede piuttosto vendetta. Ecco perché quella frase, che interpreto come quasi una speranza, "e magari anche capire".
Stefyp
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 229
Iscritto il: 26/07/2019, 18:48

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Stefyp »

Voto massimo. un 5 dato senza esitazione. Un racconto davvero ben strutturato dove il messaggio arriva chiaro e netto senza fronzoli. Bello l'incipit e la conclusione. Magari il sistema potrebbe essere usato anche nelle nostre carceri, potrebbe funzionare.
RobediKarta
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 35
Iscritto il: 02/11/2020, 2:14

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da RobediKarta »

Wow, se la memoria non mi tradisce, potrebbe essere un finale alternativo de "Lo straniero" di Camus. C'è un'idea forte, resa in modo asciutto ed efficace, e non del tutto irreale. In molte carceri indiane è stata introdotta la meditazione vipassana negli anni '90, con un forte calo della recidività. Ho apprezzato la scelta del rododendro; come fiore per me una scoperta, come parola per la sua assonanza col tormento interiore. Mi hai fatto ricordare Nanni Loy e "Specchio segreto", c'entra qualcosa ? Spero ci siano ancora degli spezzoni in rete.
Marcello Rizza
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 294
Iscritto il: 23/06/2015, 23:54

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Marcello Rizza »

Un racconto scritto bene, scorrevole, nonostante il tema drammatico risulta anche essere divertente. Avrei ambientato il processo in una civiltà differente da quella da te suggestionata, dal richiamo occidentale, perché è inverosimile che possa essere sentenziata una condanna simile in Europa o in America. La vedrei più attinente, la pena, in una comunità aborigena o indiana d'America. O anche in un contesto fantasy. Ciò non toglie comunque il valore del messaggio. Mi piace anche il non raccontato per permettere al lettore di costruirsi una propria vicenda. Bravo.
Avatar utente
Roberto Bonfanti
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 458
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

Trovo che questo racconto sia perfettamente centrato, non tanto per la veridicità o l’attinenza a una qualche dottrina giuridica, quanto per il senso morale e ciclico della vicenda: un contrappasso all’apparenza fragile, come suggerisce il titolo, ma allo stesso tempo implacabile.
Hai sfruttato al meglio la brevità del testo, quello che c’è basta e avanza a evocare quello che non dici, non aggiungerei neanche una virgola, ottimo.
Che ci vuole a scrivere un libro? Leggerlo è la fatica. (Gesualdo Bufalino)
https://chiacchieredistintivorb.blogspot.com/
Intervista su BraviAutori.it: https://www.braviautori.it/forum/viewto ... =76&t=5384
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine
Namio Intile
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 311
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Namio Intile »

Questo racconto, è una mia opinione, dice molto del suo autore: conciso, essenziale, diretto, velatamente surreale. Non si può dire che ami perderti dentro giri di parole. Scrivi veloce, vuoi arrivare dritto al punto. Con gli anni hai imparato a lasciare fuori l'inessenziale.
Ti faccio un paio di appunti formali: quel diciotto scritto a cifre, anche a inizio discorso. E quel valenza di fragile incanto. Perché valenza? Oltre a essere un termine desueto significa ciò che vale, valoroso. Per come l'hai adoperato tu il fragile incanto è invece un soprannome, un nomignolo, un appellativo, e via discorrendo.
Nella sostanza, provo a esser breve, mi pare che vi sia un gradino piuttosto alto nel racconto. Quello tra l'atteggiamento di Charlie Bell, l'omicida tutto d'un pezzo, secondo la descrizione dell'avvocato, che non batte ciglio neanche dopo aver sentito della condanna a trent'anni, e il Charlie Bell timoroso e quasi pentito dopo aver sentito della pena accessoria consistente nella cura delle diciotto piante di rododendro, una per ogni anno della povera vittima.
Ma, è qui arriva il mio dubbio, perché questo riferimento, come quello alla specie della pianta, avrebbe dovuto cambiar qualcosa in lui? Qual è stata la scintilla?
L'autore, tu, non lo dice e lo lascia all'immaginazione del lettore, lo evoca ma non lo materializza.
Per questo ho scritto in principio surreale. Spesso l'atmosfera onirica, immaginaria, kafkiana, permette all'autore il giusto distacco, di guardare la sua opera da spettatore. Spettatore è chi guarda da lontano.
A parte questo mio dubbio si tratta di un ottimo pezzo, Fausto.
Solo una curiosità, perché quel nome? Parventis.

Ti rinnovo gli auguri per una buona fine d'anno e un miglior inizio.
E spero che il tuo SPS non chiuda come fin troppe volte preannunciato.
ElianaF
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 92
Iscritto il: 21/12/2019, 19:35

Author's data

Commento: Fragile incanto

Messaggio da leggere da ElianaF »

Racconto breve ma molto efficace, mi è piaciuto molto, In grado di evocare la violenza senza parlare di sangue o azioni crudeli ma facendo percepire il dolore e la sofferenza, complimenti!
Il nome del fiore è evocativo, anche se volendo ben vedere è una pianta tuttaltro che fragile....
Nando71
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 47
Iscritto il: 07/01/2021, 1:04
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Nando71 »

Il racconto arriva dritto al punto, centra immediatamente il bersaglio della violenza senza dover necessariamente descrivere l'accaduto in modo minuzioso. Mi ha colpito il gioco di parole che io amo particolarmente nei racconti perché stuzzicano la mi immaginazione.
Mariovaldo
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 64
Iscritto il: 16/12/2019, 7:27
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Mariovaldo »

Un racconto all'insegna di "abbasso i fronzoli", ovvero " L'importante è il messaggio."
Cio' non significa che sia scritto male, tutt'altro , hai tutta la mia invidia perchè io, di solito, impiego una decina di righe per dire "buongiorno", Bella idea aver scelto il rododendro come metafora, la trovo insolita e molto pertinente.
I miei sinceri complimenti e voto alto
Avatar utente
Liliana Tuozzo
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 150
Iscritto il: 18/03/2010, 17:09

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Liliana Tuozzo »

Stupefacente come il fragile incanto di un fiore possa smovere la coscienza di un uomo capace di orrende brutalità. La fragilità gli rode dentro come un tarlo e lo fa vacillare avrà tempo per pensare al male fatto. Il tuo racconto è diretto essenziale, scorre fluido e colpisce il lettore. Un lavoro ottimo. Bravo.
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Ida Dainese
rank (info):
Sommelier letterario
Messaggi: 442
Iscritto il: 28/07/2015, 23:57

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Ida Dainese »

Un giudice da temere, quella Parventis. Assolve il suo dovere assegnando la pena prevista per legge, ma sembra comprendere il distacco che il condannato cerca di mettere tra sé e la punizione, chiudendosi nell'indifferenza. Trova quindi il modo per ricordargli concretamente quello che ha fatto, costringendolo a occuparsi di qualcosa di delicato, abituandosi ad averne cura, rinnovandogli lo strazio ogni volta che un fiore cade, finché quel dolore lo trasformi o lo distrugga.
Racconto essenziale e denso, nocciolo di una storia di contorno lasciata al lettore da immaginare. Questo stile asciutto è deciso, come una freccia sul bersaglio: un assassino, un crimine, un fiore. Però sentiamo tutto il sottofondo, la voce del giudice, il fiato sospeso della gente, la ragazza morta, i cespugli di rododendro, i petali leggeri nel vento.
Rispondi

Torna a “Gara d'inverno, 2020/2021”


Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 35 - Zombie & Incipit

La Gara 35 - Zombie & Incipit

(gennaio 2013, 28 pagine, 621,45 KB)

Autori partecipanti: Patrizia Benetti, lodovico, Nunzio Campanelli, Monica Porta may bee, Lorella15, Alessandro Pedretta, Mastronxo, Exlex, freecora,
A cura di Ser Stefano.
Scarica questo testo in formato PDF (621,45 KB) - scaricato 228 volte.
oppure in formato EPUB (351,62 KB) (vedi anteprima) - scaricato 219 volte..
Lascia un commento.

Calendario BraviAutori.it "Writer Factor" 2014 - (in bianco e nero)

Calendario BraviAutori.it "Writer Factor" 2014 - (in bianco e nero)

(edizione 2014, 4,52 MB)

Autori partecipanti: (vedi sopra),
A cura di Tullio Aragona.
Scarica questo testo in formato PDF (4,52 MB) - scaricato 238 volte..

La Gara 2 - 7 modi originali di togliere/togliersi la vita

La Gara 2 - 7 modi originali di togliere/togliersi la vita

(gennaio 2009, 30 pagine, 550,24 KB)

Autori partecipanti: AldaTV, Alida, Bonnie, Dalila, Devil, Michele Nigro, Sarahnelsole,
A cura di DaFank.
Scarica questo testo in formato PDF (550,24 KB) - scaricato 345 volte..
Lascia un commento.





Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Déjà vu - il rivissuto mancato

Déjà vu - il rivissuto mancato

antologia poetica di AA.VV.

Talvolta, a causa di dinamiche non sempre esplicabili, uno strano meccanismo nella nostra mente ci illude di aver già assistito a una scena che, in realtà, la si sta vivendo solo ora. Il dèjà vu diventa così una fotocopia mentale di quell'attimo, un incontro del pensiero con se stesso.
Chi non ha mai pensato (o realmente vissuto) un'istantanea della propria vita, gli stessi gesti e le stesse parole senza rimanerne perplesso e affascinato? Chi non lo ha mai rievocato come un sogno o, perché no, come un incubo a occhi aperti?
Ventitrè autori si sono cimentati nel descrivere le loro idee di déjà vu in chiave poetica.
A cura di Francesco Zanni Bertelli.

Contiene opere di: Alberto Barina, Angela Catalini, Enrico Arlandini, Enrico Teodorani, Fausto Scatoli, Federico Caruso, Francesca Rosaria Riso, Francesca Gabriel, Francesca Paolucci, Gabriella Pison, Gianluigi Redaelli, Giovanni Teresi, Giuseppe Patti, Ida Dainese, Laura Usai, Massimo Baglione, Massimo Tivoli, Pasquale Aversano, Patrizia Benetti, Pietro Antonio Sanzeri, Silvia Ovis, Umberto Pasqui, Francesco Zanni Bertelli.
Vedi ANTEPRIMA (941,40 KB scaricato 69 volte).
info e commenti compralo su   amazon

Gare letterarie stagionali - annuario n° 1 (2018 - 2019)

Gare letterarie stagionali - annuario n° 1 (2018 - 2019)

Le Gare letterarie stagionali sono concorsi a partecipazione libera, gratuiti, dove chiunque può mettersi alla prova nel forum di BraviAutori.it, divertirsi, conoscersi e, perché no, anche imparare qualcosa. I migliori testi delle Gare vengono pubblicati nei rispettivi ebook gratuiti i quali, a ogni ciclo di stagioni, diventano un'antologia annuale come questa che state per leggere.
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Alessandro Mazzi, Angelo Ciola, Aurora Gallo, Ida Dainese, Carlo Celenza, Carol Bi, Daniele Missiroli, Draper, Edoardo Prati, Fabrizio Bonati, Fausto Scatoli, Gabriele Ludovici, L.Grisolia, Laura Traverso, Liliana Tuozzo, Lodovico, Marco Daniele, Namio Intile, N.B. Panigale, Nunzio Campanelli, Pierluigi, Roberto Bonfanti, Seira Katsuto, Selene Barblan, SmilingRedSkeleton, Stefano Giraldi Ceneda, Teseo Tesei, Tiziano Legati, Tiziana Emanuele.
Vedi ANTEPRIMA (950,08 KB scaricato 40 volte).
info e commenti compralo su   amazon

Il Bestiario del terzo millennio

Il Bestiario del terzo millennio

raccolta di creature inventate

Direttamente dal medioevo contemporaneo, una raccolta di creature inventate, descritte e narrate da venti autori. Una bestia originale e inedita per ogni lettera dell'alfabeto, per un bestiario del terzo millennio. In questa antologia si scoprono cose bizzarre, cose del tutto nuove che meritano un'attenta e seria lettura.
Ideato e curato da Umberto Pasqui.
illustrazioni di Marco Casadei.

Contiene opere di: Bruno Elpis, Edoardo Greppi, Lucia Manna, Concita Imperatrice, Angelo Manarola, Roberto Paradiso, Luisa Gasbarri, Sandra Ludovici, Yara Źagar, Lodovico Ferrari, Ser Stefano, Nunzio Campanelli, Desirìe Ferrarese, Maria Lipartiti, Francesco Paolo Catanzaro, Federica Ribis, Antonella Pighin, Carlotta Invrea, Patrizia Benetti, Cristina Cornelio, Sonia Piras, Umberto Pasqui.
Vedi ANTEPRIMA (2,15 MB scaricato 329 volte).
info e commenti compralo su   amazon