Alambrado

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'inverno 2020/2021.

Sondaggio

1 - non mi piace affatto
0
Nessun voto
2 - mi piace pochino
0
Nessun voto
3 - si lascia leggere
6
55%
4 - è bello
4
36%
5 - mi piace tantissimo
1
9%
 
Voti totali: 11

Letylety
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 9
Iscritto il: 21/03/2020, 12:12

Author's data

Alambrado

Messaggio da leggere da Letylety »


Il vento la faceva da padrone a Puerto Deseado. In quel paese sperduto nella Patagonia argentina, il suo sibilo insistente musicava la vita di tutti gli abitanti.
  Quel fischio garrulo li accompagnava dalla nascita alla morte, cozzando aspramente contro tutto ciò che trovava sulla sua strada siano state persone, automobili o pareti di legno delle abitazioni, facendo cigolare porte e finestre, alzando polvere rosa e foglie gialle, scompigliando i capelli di chi si avventurava per le sue vie.
  Te lo ritroverai anche nelle tasche, diceva nonno Josè al nipote Dieguito, facendolo ridere a crepapelle.
  “Ama questo vento perché quando cessa, gli uomini diventano pazzi.
  “Perché nonno?”
  “E’ un’antica leggenda Tehuelche che penso abbia un fondamento di verità. Il vento è il nostro compagno di vita, ci segue sempre, e quando improvvisamente scompare, ci sentiamo soli e cominciamo ad aver brutti pensieri. Quando hai paura Dieguito, puoi commettere qualsiasi follia.”
  Il ragazzo frequentava l’ultimo anno di liceo. Mancava poco all’esame finale e poi avrebbe continuato gli studi all’università per diventare pediatra come nonno Josè. Da Puerto Deseado a Buenos Aires, sede dell’università, sarebbe stato un salto importante nella sua vita.
  Tra le tante cose e persone che avrebbe lasciato nel paesino, la più importante portava il nome di Marcela, una ragazza con sangue mapuche da parte di madre. Il suo corpo felino e lo sguardo fiero tipico dei nativi gli erano subito piaciuti, appena vista nella gelateria di Avenida Ushuaia.
  Dieguito e Marcela abitavano agli estremi opposti del paese. Lui viveva in una villetta vicino alla grande arteria che attraversando una pampa sconfinata portava a Santa Cruz. Marcela invece stava in una casa a est del paese, in un quartiere di pescatori direttamente sul mare. Il vento la faceva da padrone in entrambi i casi, secco e violento verso la pampa, umido e salmastro vicino al mare.
  I due ragazzi avevano l’abitudine di ritrovarsi a metà strada, dove un enorme campo incolto custodiva decine di macchine e camion abbandonati. La rapacità dell’uomo aveva lasciato il segno, rubando tutto ciò che era più o meno commerciabile. Ruote, sedili, cambi delle marce, finanche i cassoni dei furgoni congelatori erano spariti nelle notti stellate. Dell’antica vita rombante rimanevano solo desolati scheletri di metallo che mandavano bagliori sinistri nelle notti serene.
  Un pick up, forse di recente abbandono, era diventato il loro piccolo nido. Mancava solo delle ruote, mentre l’interno era rimasto perfettamente integro. I sedili, leggermente sfondati per l’uso, erano ancora discretamente sostenuti dalle potenti molle e si erano trasformati in grandi e comode poltrone. I vetri intatti sigillavano perfettamente l’abitacolo.
  In uno dei tanti pomeriggi passati là dentro, Marcela confidava a Dieguito la sua tristezza.
  “Tra poco arriverà il momento che dovremo lasciarci.”
  “Stiamo diventando grandi, Marcela. Tu continua la scuola e poi vedremo cosa fare.”
  “Dieguito fra tre mesi andrai a Buenos Aires e forse ti dimenticherai di me. Conosco tante ragazze più grandi che sono rimaste sole. I ragazzi sono andati nelle città a studiare, e poi poco alla volta si sono staccati perché hanno trovato altri interessi.”
  “Non sarà così per me, lo vedrai. Tu verrai a trovarmi, parlerò con i tuoi per convincerli. Quando sarò laureato, tornerò a Puerto Deseado a fare il pediatra.”
  “Oh Dieguito, qui a volte mi sento fuori dal tempo.”
  Si abbracciarono ascoltando il ritmo delle stagioni che passavano e le incognite di un distacco prossimo ad avverarsi. Il vento fischiava a piccole ondate intorno al pick up, saliva in un crescendo di tono fino ad arrestarsi improvvisamente e arretrare verso le pianure che si stendevano oltre la piccola collina che delimitava quel terreno, per poi ritornare con maggior virulenza.
  Si erano portati due piccoli scaldamani per darsi calore all’interno dell’auto. Si strinsero forte come fosse un addio prima del ritorno a casa.
  Si avvicinava il periodo delle vacanze pasquali e Dieguito con nonno Josè sarebbe andato a Buenos Aires per cercare un monolocale in vista del trasferimento.
 
  Le due settimane di vacanza passarono veloci. Entrambi avevano una gran voglia di rivedersi, colpiti da quella nostalgia giovanile che faceva tremare le gambe e accorciava il respiro.
  Finalmente un mercoledì pomeriggio poterono darsi appuntamento nel campo dei rottami d’auto.
 Il primo ad arrivare fu Dieguito. Camminava a passo svelto, e seppur fosse ancora lontano, notò subito che qualcosa non tornava. Il forte vento alzava un leggero pulviscolo, lui pensò che la stranezza del panorama fosse dovuta a quella specie di nebbia che galleggiava nell’aria, impedendogli una visione limpida.
  Una volta giunto sul posto rimase a bocca aperta.
  Il campo era completamente deserto, niente più macchine e camion dismessi ma solo un desolante pianoro di stoppa giallastra. A delimitare il tutto un alambrado di ferro luccicante sostenuto da pali colorati, mentre nell’angolo a destra era stata costruita una casetta di legno dipinta di azzurro.
  Dieguito, ripresosi dalla sorpresa, si ricordò che nonno Josè gli aveva raccontato che nell’antica legge patagonica, chi delimitava un terreno con un filo di ferro automaticamente ne assumeva la proprietà. Al momento non sapeva se un alambrado avesse ancora quelle particolarità giuridiche.
  Dopo qualche minuto arrivò Marcela.
  “Dio, che è successo?”
  Dieguito le corse incontro.
  “Non lo so Marcy, non so chi possa aver ripulito tutto.”
  La ragazza cominciò a piangere davanti a quello spiazzo enorme. Era rimasto solo qualche segno sul terreno degli automezzi trascinati via, qualche riga sbilenca qua e là e poi il nulla fino alle colline.
  Rimasero abbracciati con il vento che arruffava i capelli e rendeva fredde le lacrime, fino a che sentirono una voce. Si girarono, e videro vicino alla casetta un uomo che li chiamava, facendo loro segno di avvicinarsi.
  Chini e con le mani sugli occhi per ripararsi dalla polvere, s’incamminarono verso l’uomo.
  “Buongiorno ragazzi, mi chiamo Alberto Luque e sono il nuovo proprietario di questo spazio.”
 Dieguito e Marcela lo guardarono stupiti.
  “Non so bene come iniziare a spiegarvelo, ma ci provo. Negli ultimi mesi sono passato davanti a questo campo tante volte, e spesso vi ho visto salire e rintanarvi su quel pick up giallo per delle ore. Ho capito che era il posto dei vostri incontri, il vostro luogo magico. Mi sono rivisto giovane, quando anch’io cercavo un posto tutto per me e così, quando ho acquistato questo spazio, non ho potuto non pensare a voi.”
  “Sì, era il nostro angolo sicuro.”
  L’uomo li prese per mano e li condusse verso la casetta.
  Aprì la porta e li fece entrare.
  “Questo posto lo potrete usare come facevate con il pick up. Io non so cosa farò di questo terreno ma per ora rimarrà tutto così.”
  La casetta era piccolissima e accogliente. Un divano, un tavolo con tre sedie e nient’altro.
  “Grazie!” urlò Marcela, “lei non sa che regalo ci ha fatto. Almeno per i prossimi tre mesi avremo un posto sicuro. E bello e comodo.”
  Dieguito lo guardò serio e non seppe dir nulla. Guardò dritto l’uomo e gli strinse vigorosamente la mano.
  “Bene, ecco le chiavi, sono vostre.”
  Gliele consegnò.
  “Beh, non mi resta che augurarvi un grosso in bocca al lupo. Vi ho già fatto perdere troppo tempo” disse il signor Luque salutandoli.
  Dieguito e Marcela lo guardarono incedere a passo svelto verso l’auto, salutandolo con la mano fino a che l’uomo vi salì e sparì dalla visuale.
  Rientrarono nella casetta.
  “Ci potremo appendere qualche quadro” disse il ragazzo.
  “Oh sì, per un po’ sarà nostra. Chissà…”
  Marcela commossa si strinse forte al suo ragazzo, mentre il vento urlava sempre più forte. Sembrava che anche lui avesse assistito alla scena e aumentasse d’intensità per comunicare la sua approvazione.
  Alberto Luque fece in auto un paio di chilometri, poi fermò la macchina, prese il telefono e compose un numero.
  “Josè?”
  “Sì Alberto, dimmi.”
  “Tutto ok. Ho parlato ai ragazzi e ho dato loro le chiavi. Dovevi vedere com’erano sorpresi. La ragazza poi era al settimo cielo.”
  “Grazie Antonio, sei un amico. Fra tre mesi potrai farne quello che vuoi. Toccherà a me pensare ad altre soluzioni.”
  “Va bene. Poi mi racconterai il seguito” disse Alberto.
  “Sì, ti dirò tutto. Alberto, te lo giuro, farò di tutto perché mio nipote non lasci questa ragazza. Sono proprio una bella coppia.”
  Una volta chiusa la telefonata, Josè si guardò allo specchio. Era ancora un bell’uomo anche se il sole, il vento e il correre degli anni avevano indurito il suo volto. Ormai aveva settantasette primavere, le tante esperienze e battaglie affrontate lo avevano fatto diventare un uomo esperto e sicuro di sé.
  Eppure in tutti quegli anni non aveva potuto cancellare il ricordo di quel viso dolce che lo aveva fatto sognare durante la gioventù. Isabelita non era mai stata dimenticata e stupido, non aveva mai smesso di darsi dello stupido, per averla lasciata andare attratto dalle mille tentazioni di Buenos Aires. Ogni uomo uccide ciò che ama, pronunciò a voce alta.
  Finì di bere il caffè e tese l’orecchio stupito da uno strano silenzio che lo circondava. Non udiva il solito fischio potente né le vibrazioni delle pareti di casa.
  Uscì sul porticato e guardò verso la pampa. Il sole era ancora caldo e l’aria pulita, incredibilmente ferma. Il vento era andato via.
  Josè sorrise al pensiero che ogni pazzia aveva il suo lato positivo.
Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 564
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

piaciuto parecchio.
storia d'amore giovanile e rimpianti che arrivano con l'età.
bello il gesto del nonno, che cerca di riparare un danno fatto a se stesso e alla sua bella aiutando una giovane coppia che rischierebbe lo stesso destino.
molto buone le descrizioni, anche emozionali.
forse c'è qualche ripetizione e alcune virgole, poche, fuori posto.
ti do 4
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Francesco Pino
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 139
Iscritto il: 09/05/2020, 17:55

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Francesco Pino »

Racconto che mi è piaciuto soprattutto per le descrizioni. La storia dei due ragazzi l'ho trovata un po' vacua invece, ma il significato del gesto del nonno gli da valore.
Mi hai fatto ricordare alcune cose di tanto tempo fa.
Non male.
Selene Barblan
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 511
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Il vento come protagonista del racconto, onnipresente e che col suo fischiare continuo trascina cose e persone, si intreccia alla vita e la sospinge in avanti, ognuno verso il proprio destino. Questa immagine, trovo, è bella, come lo sono alcune descrizioni. Ad esempio quando il nonno dice al nipote "te lo troverai anche in tasca" (il vento). Mi convincono meno altre scelte stilistiche e alcune parti o precisazioni (es.: quando si specificano gli aspetti giuridici legati all'appropriazione di terreni). Mi è sembrato anche un pò improbabile il finale, ma probabilmente sono io ad essere cinica. Globalmente in ogni caso trovo che si lasci leggere senza problemi.
RobediKarta
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 35
Iscritto il: 02/11/2020, 2:14

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da RobediKarta »

L'ambientazione e alcuni dettagli sono fortemente debitori dell'omonimo film di Marco Bechis, tuttavia la storia è molto diversa dal film, soprattutto nei toni e nel lieto fine. É un racconto romantico ma non zuccheroso, un esempio di debito karmico pagato in vita. Bella anche l'idea del contrasto tra i due venti, quello di mare e quello interno, a rappresentare le due anime complementari di una terra e di una coppia destinata a restare unita per sempre. Meglio "fossero state persone, ecc." che "siano state".
Laura Traverso
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 458
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

Bello! Mi è piaciuto questo tenero racconto d' amore giovanile che si intreccia con l'ambiente circostante e che descrive, molto bene, soprattutto il vento e il suo significato per quella terra da esso impregnata. Il finale, poi, che riporta all'amore rimpianto, e mai dimenticato del nonno, è molto intenso, così come è l'impegno di quel nonno rivolto ad agevolare l'amore tra i due ragazzi, affinché nulla li separi mai. Voto alto
Lucia De Falco
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 141
Iscritto il: 08/03/2020, 14:37

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Lucia De Falco »

Il racconto è molto bello, delicato, unisce tanti sentimenti insieme: la nostalgia, portata dal vento, e rappresentata dal nonno, la freschezza dell'amore dei vent'anni, la paura che tutto, crescendo, possa cambiare. Il testo ha un po' il sapore della fiaba. Il linguaggio è scorrevole, sicuro, e le descrizioni apprezzabili. Merita un voto alto.
Avatar utente
Roberto Bonfanti
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 453
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

La storia è bella, una specie di favola, quindi non necessariamente deve essere verosimile.
Suggestive le descrizioni e tutto quello che riguarda il vento, con le sue leggende e la sua presenza costante, da elemento di sfondo diventa quasi protagonista.
Mi sembra un buon racconto.
Che ci vuole a scrivere un libro? Leggerlo è la fatica. (Gesualdo Bufalino)
https://chiacchieredistintivorb.blogspot.com/
Intervista su BraviAutori.it: https://www.braviautori.it/forum/viewto ... =76&t=5384
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine
Stefyp
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 225
Iscritto il: 26/07/2019, 18:48

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Stefyp »

Racconto scritto molto bene, con descrizioni efficaci ed evocative. La narrazione procede spedita e mi ha incantato fino alla fine. L'unica cosa che secondo me funziona meno è l'espediente della casa donata, non so dire perché mi sembra fuori posto. Avrei fatto trovare un altro espediente al nonno. In fondo poi, casetta o no Dieguito se ne andrà all'università e se la giocherà là da solo. Se lascerà o meno la sua Marcela dipenderà da altro.
Nando71
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 47
Iscritto il: 07/01/2021, 1:04
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Nando71 »

Un bel racconto d'amore giovanile, un testo snello ed emozionante. Le descrizioni sono ben esposte che danno un valore aggiunto non indifferente. Ottimamente scritto, con uno stile di scrittura che non appesantisce. Mi è piaciuto tantissimo già dal titolo, infatti l'ho letto per ultimo
Avatar utente
Liliana Tuozzo
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 132
Iscritto il: 18/03/2010, 17:09

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Liliana Tuozzo »

Bello, mi è piaciuta l' ambientazione e la storia dei ragazzi che sembra quasi una favola. Bella la magia del vento ebil regalo che il nonno fa ai due giovani. Ha avuto modo di riflettere sui suoi errori e cerca di evitarli al nipote. Romantico e ben scritto si fa apprezzare.
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Rispondi

Torna a “Gara d'inverno, 2020/2021”


Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


Haiku - il giro del mondo in 17 sillabe

Haiku - il giro del mondo in 17 sillabe

(40 pagine, 589,41 KB)

Autori partecipanti: Antonio Amodio, Marco Belocchi, Giuseppe Gianpaolo Casarini, Osvaldo Crotti, Marco Daniele, Mariagrazia Dessi, Lodovico Ferrari, Fiorenero, Isabella Galeotti, Valentino Poppi, Glauco Saba, Luigi Siviero,
a cura di Lorenzo Pompeo.
Scarica questo testo in formato PDF (589,41 KB) - scaricato 104 volte.
oppure in formato EPUB (230,92 KB) (vedi anteprima) - scaricato 22 volte..
Lascia un commento.

La Gara 48 - Stelle

La Gara 48 - Stelle

(settembre/ottobre 2014, 34 pagine, 799,91 KB)

Autori partecipanti: Maddalena Cafaro, Nunzio Campanelli, Stella_decadente, Marina Paolucci, Umberto Pasqui, Patrizia Chini, Annamaria Vernuccio, Paolo Ninzatti, Lodovico,
a cura di Marina Paolucci (con la supervisione di Lodovico Ferrari).
Scarica questo testo in formato PDF (799,91 KB) - scaricato 124 volte.
oppure in formato EPUB (380,91 KB) (vedi anteprima) - scaricato 185 volte..
Lascia un commento.

La Gara 23 - Pochi istanti prima del sogno

La Gara 23 - Pochi istanti prima del sogno

(agosto/settembre 2011, 85 pagine, 1,87 MB)

Autori partecipanti: Marco Marulli, Silvia Marulli, Licetti, Tania Maffei, Polissena e Sabina, Lucia Manna, Erania Pinnera, Nathan, Ritavaleria, Cordelia, Daniela Piccoli, Elisar, Alessandro, Conrad, Morgana Bart, Aleeee76, Skyla74, Mastronxo, Angela Di Salvo, Nevestella, Giosep, Parolina, Skyla74,
A cura di Ser Stefano.
Scarica questo testo in formato PDF (1,87 MB) - scaricato 630 volte.
oppure in formato EPUB (655,20 KB) (vedi anteprima) - scaricato 206 volte..
Lascia un commento.





Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


A Quattro mani

A Quattro mani

antologia di opere scritte a più mani

Una collaborazione, di qualunque natura essa sia, diventa uno stimolo, la fusione di peculiarità ben definite, la concretizzazione di un'intesa, la meraviglia di scoprire quel qualcosa che individualmente non si sarebbe mai potuta fare. È una prova, una necessità di miglioramento, il superamento dei propri limiti stilistici o di quei blocchi creativi che sovente ci pongono di fronte a un disarmante "foglio bianco". Gli autori di questa antologia ci hanno voluto provare.
A cura di Massimo Baglione.
Copertina di Antonio Abbruzzese.

Contiene opere di: Chiara Masiero, Mauro Cancian, Stefania Fiorin, Anna Rita Foschini, Ida Dainese, Alberto Tivoli, Marina Paolucci, Maria Rosaria Spirito, Marina Den Lille Havfrue, Cristina Giuntini, David Bergamaschi, Giuseppe Gallato, Maria Elena Lorefice.
Vedi ANTEPRIMA (802,46 KB scaricato 111 volte).
info e commenti compralo su   amazon

Déjà vu - il rivissuto mancato

Déjà vu - il rivissuto mancato

antologia poetica di AA.VV.

Talvolta, a causa di dinamiche non sempre esplicabili, uno strano meccanismo nella nostra mente ci illude di aver già assistito a una scena che, in realtà, la si sta vivendo solo ora. Il dèjà vu diventa così una fotocopia mentale di quell'attimo, un incontro del pensiero con se stesso.
Chi non ha mai pensato (o realmente vissuto) un'istantanea della propria vita, gli stessi gesti e le stesse parole senza rimanerne perplesso e affascinato? Chi non lo ha mai rievocato come un sogno o, perché no, come un incubo a occhi aperti?
Ventitrè autori si sono cimentati nel descrivere le loro idee di déjà vu in chiave poetica.
A cura di Francesco Zanni Bertelli.

Contiene opere di: Alberto Barina, Angela Catalini, Enrico Arlandini, Enrico Teodorani, Fausto Scatoli, Federico Caruso, Francesca Rosaria Riso, Francesca Gabriel, Francesca Paolucci, Gabriella Pison, Gianluigi Redaelli, Giovanni Teresi, Giuseppe Patti, Ida Dainese, Laura Usai, Massimo Baglione, Massimo Tivoli, Pasquale Aversano, Patrizia Benetti, Pietro Antonio Sanzeri, Silvia Ovis, Umberto Pasqui, Francesco Zanni Bertelli.
Vedi ANTEPRIMA (941,40 KB scaricato 65 volte).
info e commenti compralo su   amazon

IperStore - il lato oscuro dello Shopping

IperStore - il lato oscuro dello Shopping

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
È il giorno dell'inaugurazione di un supermercato, uno davvero grande, uno iper, uno dei tanti che avrete voi stessi frequentato e arricchito. Durante questa giornata di festa e di aggregazione sociale, qualcuno leggerà un dattiloscritto ancora inedito il cui contenuto trasformerà l'impossibile in normalità.
"...come se dal cielo fosse calata la mano divina di un Dio stanco e dispiaciuto dei propri errori, o come se tutte le altre grandi divinità fin'ora inventate dal Genere umano per compensare la propria inconsapevole ignoranza tribale e medievale verso i misteri della Natura e della Vita, si rivoltassero ai propri Creatori e decidessero di governare le loro fantasie".
La storia è leggermente erotica, vagamente fantasy, macchiata di horror e forse un po' comica.
Di Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (166,68 KB scaricato 44 volte).
info e commenti compralo su   amazon