Baracci

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'inverno 2020/2021.

Sondaggio

1 - non mi piace affatto
0
Nessun voto
2 - mi piace pochino
2
18%
3 - si lascia leggere
5
45%
4 - è bello
2
18%
5 - mi piace tantissimo
2
18%
 
Voti totali: 11

RobediKarta
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 35
Iscritto il: 02/11/2020, 2:14

Author's data

Baracci

Messaggio da leggere da RobediKarta »


Antonello era l'ultimo. Era l'ultimo dei ritardati mentali. L'ingegneria genetica aveva ormai quasi raggiunto la perfezione e faceva nascere bambini sempre più intelligenti. Lui era il "quasi". Cominciò a parlare a quattro anni, a usare il cucchiaio a sei, la maniglia della porta a otto. Si metteva sempre le scarpe nel piede sbagliato e bisognava dirgli di chiudere la bocca dopo che aveva sbadigliato. A nove anni la svolta: imparò a distinguere la destra dalla sinistra, usando una serie di trucchi mnemonici assai ridicola. Aveva a che fare con la direzione dei mulinelli d'acqua, il lato da cui vengono munte le mucche, il verso in cui girano le foglie di platano quando cadono, come si attorcigliano i serpenti, e altre stupidaggini.
 Non riuscì mai a scrivere in maniera comprensibile. Per cavarsela costruì una macchinetta che scriveva per lui, con il motorino del girarrosto della Barbie e le batterie rubate all'apparecchio acustico di suo nonno. Era talmente piccola che si poteva nascondere nella sua mano di bambino. Adottò analoga soluzione per la matematica e l'algebra; senza questo doping meccanico non ce l'avrebbe mai fatta a scuola.
 Arrivato a quindici anni si accorse che aveva paura delle ragazze.
 "Mi costruirò una macchina che non abbia paura delle ragazze" pensò "già, ma nessuna macchina ha paura delle ragazze. A cosa mi servirebbe? No, ho bisogno di qualcuno che mi dia dei consigli".
 Prese i rulli di una pianola meccanica, vecchi ingranaggi, dei fogli magnetizzati, e introdusse nella matrice un bignami di Logica filosofica.
 Assemblò così una macchina logica, e gli chiese: «Che cos'ho che le ragazze mi fanno paura?»
 «Non hai niente» gli rispose la macchina «è logico avere paura delle ragazze. Farebbero venire i brividi pure a me».
 «Allora cosa posso fare?»
 «Devi aspettare il momento giusto, ma ci vorrà tempo. A meno che tu non voglia barare».
 «Sì, sì, dimmi, dimmi!»
 «Costruisci una macchina che ti assomigli, ma falla più intelligente di te e soprattutto disinvolta e sicura di sé. Però ci devi mettere una cosa speciale dentro, se tu dovessi perderne il controllo. Te la dico in un orecchio, è pericolosa».
 Così Antonello costruì Michael, un fantoccio che sembrava lui, ma parlava molto più rapidamente, e lo riempì con antologie di battute umoristiche e poesie. Andarono insieme a trovare Emma.
 Michael iniziò sparando subito battutacce: «Sai qual è il colmo per un vegano? Morire sepolto sotto il crollo di un muro di cinta. Sai come si chiama la modella rom più famosa del mondo? Sinti Crawford. E il fumettista più stitico? Zerocacare».
 Emma rideva come una matta. «Che forte che sei, Michael! Perché non sei come lui Antonello?»
 Antonello farfugliò: «Eh ma...boh!»
 Poi Michael, con un tono di voce più basso e sensuale, passò alla parte poetica: «Sai Emma, vedo un futuro insieme, in campagna, nei paesi baschi, con tanti tanti figli. Io ti preparerò una torta di Luna mentre tu ti fai un tè con una bustina di pericolo. Comprerò un’auto col cambio automatico così potrò tenerti la mano anche quando guido. Il tuo sorriso mi fa venire in mente quando a scuola da piccolo iniziavo un quaderno nuovo. E parliamo di tutto: a cosa serve un ragno, dove dorme il vento, chi erano gli Ittiti, se si può toccare il buio…»
 Emma estasiata gli porse la mano. «Oh Michael, tutto quello che vuoi. Usciamo noi due e lasciamo qui Antonello, senza di lui ci divertiremo di più».
 «No, no! Me ne vado io!» disse il ritardato quasi in lacrime. Aveva perso il controllo della situazione, non gli restava che una cosa da fare. Giunto a un centinaio di metri dalla casa di Emma schiacciò un bottone che aveva in tasca. Si udì una terribile esplosione. Poco dopo una pioggia di brandelli di carne e pezzi di metallo ricoprì l’asfalto. Mai fare qualcosa che non si possa disfare.
 Alla fine Antonello divenne un uomo, almeno all'anagrafe; ma aveva sempre quell'aria da ragazzino goffo. Si ridusse a vendere le sue macchinette a ladri e truffatori, poi però costruì una macchina per investire in Borsa e divenne straricco. Entrò così a far parte di quel gruppo di personaggi loschi che ci ha sempre perseguitato. C'era quel fenicio che non ce la faceva a imparare i geroglifici, allora inventò l'alfabeto, che era una roba per deficienti. Poi ci fu quell'arabo che non riusciva a contare oltre il dieci, allora inventò il sistema decimale per i cretini come lui. Gutenberg era incapace come copista e si inventò i caratteri mobili. Ecco, adesso faceva parte di quella miserabile compagnia. Non era bravo in niente, ma aveva il bernoccolo delle macchine.
 Col passare degli anni, Antonello divenne sempre più ricco e potente, ormai i presidenti di Cina, Russia, Stati Uniti e Germania erano sue macchine. Ma era anche sempre più complessato e solo. Si fabbricò quindi un amico, una macchina che fosse più stupida di lui, per farlo sentire meglio, e la chiamò Povero Carlo. Povero Carlo era quasi incapace di pensare, quasi...infatti pensò bene di costruirsi a sua volta una macchina logica che lo aiutasse.
 Una volta andarono a trovare Antonello in una delle sue cento case, e la macchina di Povero Carlo con voce monotona, li redarguì: «Solo i disadattati come voi inventano. La storia lo dimostra: una delle più grandi civiltà di tutti i tempi, quella greca, non aveva bisogno di strumenti. Usavano gli schiavi, non si sporcavano le mani con congegni meccanici, e poterono così dedicarsi alla filosofia, al pensiero. L'incompetente inventa. I delinquenti inventano. Povero Carlo, andiamocene e lasciamo questo idiota da solo».
 «No no, me ne vado io!» disse il ritardato quasi in lacrime, anche se quella era casa sua. Aveva perso il controllo della situazione, non gli restava che una cosa da fare. Giunto a un centinaio di metri da casa sua schiacciò un bottone che aveva in tasca. Si udì una terribile esplosione. Mai fare qualcosa ecc. ecc.
 Alla soglia della pensione, Antonello Baracci ricevette il premio Tesla alla carriera. Ci si era infatti accorti che tutte le invenzioni degli ultimi cinquant’anni erano sue. Ebbe però la sciagurata idea di andare alla cerimonia senza il discorso scritto dalla sua macchina scrividiscorsi, sperando di parlare a braccio. Figuriamoci!
 Salì sul palco e davanti a un pubblico di 100.000 persone circa cominciò a sproloquiare: «Eeeh allora...solo l'ostrica ammalata produce la madreperla. Senza il lievito non si può fare il pane, ma il lievito è un fungo, una malattia. Il primo attrezzo costruito dall'uomo è stata la stampella, lo sapevate? Siete tutti belli sani intelligenti e perfetti, ma come farete senza i ritardati come me che inventano? Eh? Ooh!».
 Spalancò la bocca e si dimentico di richiuderla.
Ultima modifica di RobediKarta il 01/01/2021, 17:31, modificato 5 volte in totale.
Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 551
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

mah, sono piuttosto perplesso, non riesco a comprendere la storia.
premesso che ci sono svariati refusi, non gravi ma ci sono, e alcuni errori e ripetizioni, non mi viene chiaro il senso del racconto. probabilmente non ci arrivo, perché so che dietro c'è un messaggio, però non riesco a leggerlo..
per ora non lo voto e mi riservo di farlo in seguito, dopo ulteriori letture
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
RobediKarta
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 35
Iscritto il: 02/11/2020, 2:14

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da RobediKarta »

Fausto Scatoli ha scritto: 26/12/2020, 17:04 mah, sono piuttosto perplesso, non riesco a comprendere la storia.
premesso che ci sono svariati refusi, non gravi ma ci sono, e alcuni errori e ripetizioni, non mi viene chiaro il senso del racconto. probabilmente non ci arrivo, perché so che dietro c'è un messaggio, però non riesco a leggerlo..
per ora non lo voto e mi riservo di farlo in seguito, dopo ulteriori letture

Ciao Fausto, sarei interessato a sapere quali sono i refusi, almeno qualcuno, mi sembrava questa volta di essere stato attento nella formattazione. Anche gli errori e le ripetizioni, qualcuna, perché sfuggono sempre, l'occhio dell'autore è sempre troppo benevolo. Spero anche tu riesca a cogliere il messaggio, che a me sembra abbastanza esplicito, ma siamo sempre nella soggettività. Ti ringrazio intanto.
Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 551
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Re: Baracci

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

"del girarrosto della Barbie, e le batterie " la virgola non serve.

"«Devi aspettare il momento giusto, ma ci vorrà tempo. A meno che tu non voglia barare»" manca il punto a fine frase, come in altri dialoghi.
"«Eh ma...boh!»." qui il punto è superfluo, c'è già l'esclamativo.
" «No no, me ne vado io!» disse il ritardato quasi in lacrime" è ripetuto pari pari.

ci sono altri piccoli refusi di questo tipo. non sono nulla di eclatante ma, messi insieme, qualche danno lo creano.
probabilmente sono troppo perfezionista, ma i miei commenti si basano anche su questo.
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
RobediKarta
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 35
Iscritto il: 02/11/2020, 2:14

Author's data

Re: Baracci

Messaggio da leggere da RobediKarta »

Fausto Scatoli ha scritto: 26/12/2020, 18:28 "del girarrosto della Barbie, e le batterie " la virgola non serve.

"«Devi aspettare il momento giusto, ma ci vorrà tempo. A meno che tu non voglia barare»" manca il punto a fine frase, come in altri dialoghi.
"«Eh ma...boh!»." qui il punto è superfluo, c'è già l'esclamativo.
" «No no, me ne vado io!» disse il ritardato quasi in lacrime" è ripetuto pari pari.

ci sono altri piccoli refusi di questo tipo. non sono nulla di eclatante ma, messi insieme, qualche danno lo creano.
probabilmente sono troppo perfezionista, ma i miei commenti si basano anche su questo.


Grazie Fausto, sono indicazioni utili, altro che! Tuttavia la frase che dici è volutamente ripetuta, come una specie di tormentone, infatti viene ripetuto tutto quel periodo e infatti sfocia poi in un ecc. ecc. in quanto il lettore già lo sa.
Lucia De Falco
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 138
Iscritto il: 08/03/2020, 14:37

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Lucia De Falco »

Il testo è molto fantasioso. Mi ha colpito soprattutto la parte iniziale, che descrive la diversità del protagonista. Credo che il racconto voglia far comprendere che anche chi è apparentemente "diverso" nasconda in sé delle abilità, delle potenzialità, come il protagonista, che inventa delle macchine speciali che lo aiutano in tutto. Non riesce, però, a colmare la solitudine, l'assenza di amici, la mancanza di un amore.
Andr60
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 137
Iscritto il: 15/11/2019, 15:45

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Andr60 »

Per evitare la solitudine (almeno per un po'), Antonello avrebbe dovuto costruire un automa a forma di ragioniere, munito di valigetta capiente. E poi, adottare un barboncino bianco.
RobediKarta
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 35
Iscritto il: 02/11/2020, 2:14

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da RobediKarta »

Andr60 ha scritto: 27/12/2020, 19:31 Per evitare la solitudine (almeno per un po'), Antonello avrebbe dovuto costruire un automa a forma di ragioniere, munito di valigetta capiente. E poi, adottare un barboncino bianco.
Ahahahahaaah ci ho messo una manciata di secondi a capirla, in questo modo ho apprezzato di più )
Selene Barblan
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 485
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Anche se non così esplicitamente come il pezzo precedentemente proposto nelle gare mi sembra un pezzo molto vicino al cabaret/alla comicità. È anche una ricerca dell’assurdo, forse per spiegare l’assurdità della vita e della società, dell’essere umano. Perché la descrizione del ragazzo, poi uomo, è totalmente assurda, come assurde sono tante cose che capitano tutti i giorni. Se ho capito bene...
Trovo ancora un po’ vacua la componente narrativa ma capisco che è lo stile dell’autore. Globalmente trovo che si lasci leggere.
Avatar utente
Roberto Bonfanti
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 450
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

Il tuo personaggio, Antonello, parte come una specie di Forrest Gump tecnologico, in difficoltà quasi in tutto ma geniale nella meccanica. Poi viri verso il politicamente scorretto: il povero ritardato si scopre rancoroso, al punto di rispondere agli sgarbi con le esplosioni, abile nello sfruttare il suo talento ma incapace di attirare quelle attenzioni che spesso spera di ottenere barando e ricorrendo a scorciatoie.
Mi è piaciuto questo racconto grottesco e surreale, ma quelle battute di Michael (fra l’altro dice anche “prepararo”)? Emma non doveva essere una tipa particolarmente esigente.
Che ci vuole a scrivere un libro? Leggerlo è la fatica. (Gesualdo Bufalino)
https://chiacchieredistintivorb.blogspot.com/
Intervista su BraviAutori.it: https://www.braviautori.it/forum/viewto ... =76&t=5384
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine
ElianaF
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 91
Iscritto il: 21/12/2019, 19:35

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da ElianaF »

Trovo il racconto originale ma nel contempo ricco di contrasti. Antonello è diversamente abile? più abile degli altri a fare macchine? non è buono, è un assassino che fa saltare in aria macchine e persone, insomma non è un personaggio nè simpatico nè positivo.
Marcello Rizza
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 204
Iscritto il: 23/06/2015, 23:54

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Marcello Rizza »

A me questo racconto piace molto. È intelligente, evocativo, curioso. Racconta di quanto sia preziosa la diversità e di quanto sia difficile accontentarsi di sé stessi, soprattutto se ci si affida al giudizio di un popolo conformato, standardizzato. Trovo il sottotesto assolutamente poetico e drammatico, forse qualche errore qua e là ma tutto sommato scritto bene. Forse mi piace perché condivido con l'autore una scelta e tematiche affini. Forse mi piace perché è un originale e bel racconto.
Laura Traverso
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 456
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

Anche a me questo racconto è piaciuto, molto originale e intrigante. E certo che il "ritardato" era un genio, altro che ritardato. I "ritardi" temporali, rispetto ai suoi coetanei, non gli hanno impedito di diventare, comunque, un grande, pur con le sue minuzie. Il senso non so tanto come darglielo, al racconto. Forse volevi dire che si può eccellere anche con delle debolezze? Comunque, pur nella sua non assoluta chiarezza (o forse sono io che non lo ho compreso...) il racconto mi piace, è fantasioso e scorrevole. Il personaggio, Antonello, mi è parso un infelice che fa, in definitiva, non poca tenerezza.
Stefyp
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 214
Iscritto il: 26/07/2019, 18:48

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Stefyp »

Per prima cosa complimenti per la fantasia! In questo racconto c'è davvero tanta roba. Troppa! Il messaggio che vuoi farci arrivare, o per lo meno quello che ho colto io, arriva, ma devi scovarlo tra una moltitudine di particolari, vicende e accadimenti che affaticano e un po' appesantiscono il racconto. Se sforbici qua e là sicuramente il tutto ne guadagna.
Avatar utente
Liliana Tuozzo
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 109
Iscritto il: 18/03/2010, 17:09

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Liliana Tuozzo »

Il tuo personaggio più che ritardato è un ragazzo speciale, una specie di genio incompreso che riesce a costruire macchine perfette, ma nel vivere sociale è un disadattato. Trovo il racconto interessante e anche ironico per certi versi, non sempre quelli bravi riescono ad essere geniali i disadattati a volte sì. Un buon racconto.
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Rispondi

Torna a “Gara d'inverno, 2020/2021”



Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Museo letterario

Museo letterario

Antologia di opere letterarie ispirate dai capolavori dell'arte

Unire la scrittura all'immagine è un'esperienza antica, che qui vuole riproporsi in un singolare "Museo Letterario". L'alfabeto stesso deriva da antiche forme usate per rappresentare animali o cose, quindi tutta la letteratura è un punto di vista sulla realtà, per così dire, filtrato attraverso la sensibilità artistica connaturata in ogni uomo. In quest'antologia, diversi scrittori si sono cimentati nel raccontare una storia ispirata da un famoso capolavoro dell'Arte a loro scelta.
A cura di Umberto Pasqui e Massimo Baglione.
Introduzione del Prof. Marco Vallicelli.
Copertina di Giorgio Pondi.

Contiene opere di: Claudia Cuomo, Enrico Arlandini, Sandra Ludovici, Eleonora Lupi, Francesca Santucci, Antonio Amodio, Isabella Galeotti, Tiziano Legati, Angelo Manarola, Pasquale Aversano, Giorgio Leone, Alberto Tivoli, Anna Rita Foschini, Annamaria Vernuccio, William Grifò, Maria Rosaria Spirito, Cristina Giuntini, Marina Paolucci, Rosanna Fontana, Umberto Pasqui.
Vedi ANTEPRIMA (211,82 KB scaricato 146 volte).
info e commenti compralo su   amazon

69 Orizzontale: l'Antologia erotica

69 Orizzontale: l'Antologia erotica

Oltre 300 pagine di ottimo erotismo sotto forma di racconti, poesie e illustrazioni. Contiene un racconto della scrittrice Valeria Ferracuti e disegni di Furio Bomben. Ogni testo è abbinato a una domanda in formato "settimana enigmistica" che testerà l'attenzione del lettore. La dura selezione alla quale sono stati sottoposti i partecipanti, garantisce al libro una qualità che raramente è stata raggiunta in passato.
A cura di Massimo Baglione, Angela Di Salvo e Alessandro Napolitano;
in collaborazione con Valeria Ferracuti di mysecretdiary.it;
copertina di Roberta Guardascione;
illustrazioni aggiuntive realizzate da Furio Bomben;
strisce enigmistiche di Diego Capani.

Contiene opere di: Allison Bersani, Gabriella Pison, Gianni Giovannone, Serena Rosata, Simone De Andreis Gerini, Thierry59, Grey Delacroix, Giovanni Altieri, Marina Priorini, Antonella Rita Provenzano, Furio Bomben, Alessandra Gaggioli, Marina Casali, Mew Notice, Enrica Restelli, Valter Padovani, Alessandro Moschini, Tullio Aragona, Elena Girotti, Edoardo Baietti, Gilbert Paraschiva, Gianluigi Redaelli, Connie Furnari, Flavia Ippolito, Mariella Scarano, Piergiorgio Annicchiarico, Poly, Alessio Boni, Carmine Rosano, Alberto Tristano, Barbara Bertucci, Armando D'Amaro, Livin Derevel, Stefano Masetti, Alfio Faedi, Giovanni Gentile, Bruno Elpis, Riccardo Carli Ballola, Roberta Eman, Anna Pisani, Ser Stefano, Riccardo Sartori, Giovanna Amoroso, Jen Ricci, Michele Cogni, Paolo Ferruccio Cuniberti, Claudio Gavina, Valeria Ferracuti.
Vedi ANTEPRIMA (298,69 KB scaricato 867 volte).
info e commenti compralo su   amazon

256K

256K

256 racconti da 1024 Karatteri

Raccolta delle migliori opere che hanno partecipato alla selezione per l'antologia 256K. Ci sono 256 racconti da non più di 1024 battute. A chiudere l'antologia c'è un bellissimo racconto del maestro della fantascienza italiana Valerio Evangelisti. Ogni pagina, è corredata da una cronologia dei vecchi computer dagli anni '50 agli '80. A ogni autore è stato inoltre assegnato un QR Code. Da non perdere!
A cura di Massimo Baglione e Massimo Fabrizi
con la partecipazione di: Alessandro Napolitano e Paolo Oddone.

Contiene opere di: Alberto Tristano, Roberto Guarnieri, Ramona Cannatelli, Ser Stefano, Giorgio Aprile, Gianluca Santini, Matteo Mancini, Giorgia Rebecca Gironi, Mariella Vallesi, Tommaso Chimenti, Diego Salvadori, Giulia Conti, Beatrice Traversin, Maria Cristina Biasoli, Massimiliano Campo, Il Cazzaro di 6502, Polissena Cerolini, Patrizia Birtolo, Paolo Capponi, Paolo Cavicchi, Luca Romanello, Igor Lampis, Diego Di Dio, Leonardo Boselli, David Parronchi, VS, Antonella Tissot, Sam L. Basie, Annamaria Trevale, Bruno Ugioli, Ilaria Spes, Bruno Elpis, Massimiliano Prandini, Andrea Marà, Riccardo Fumagalli, Joshi Spawnbrød, Daniele Picciuti, Gian Filippo Pizzo, Flavio Valerio Nervi, Ermanno Volterrani, Manuela Costantini, Matteo Carriero, Eva Bassa, Lorenzo Pompeo, Andrea Andreoni, Valeria Esposito, Stefano Caranti, Riccardo Carli Ballola, Stefano Pierini, Giuseppe Troccoli, Francesco Scardone, Andrea Cavallini, Alice Chimera, Cosimo Vitiello, Mariaeleonora Damato, Stefano Mallus, Sergio Oricci, Michele Pacillo, Matteo Gambaro, Angela Di Salvo, Marco Migliori, Pietro Chiappelloni, Sergio Donato, Ivan Visini, Ottavia Piccolo, Ester Mistò, Alessandro Mascherpa, Gianmarco Amici, Raffaella Munno, Michele Campagna, Diego Bortolozzo, Lorenzo Davia, Marco Solo, Gianluca Gendusa, Caterina Venturi, Lorenzo Crescentini, Silvia Tessa, Simona Aiuti, Chiara Micheli, Anna Tasinato, Valentina Giuliani, Giulio D'Antona, Maria Francesca Cupane, Veruska Vertuani, Giacomo Scotti, Chiara Zanini, Lorenzo Fontana, Tiziana Ritacco, Margherita Lamatrice, Aurora Torchia, Luigi Milani, Maurizio Brancaleoni, Gloria Scaioli, Filomena, Piergiorgio Annicchiarico, Morik Chadid, Chiara Perseghin, Massimo Ferri, Simone Messeri, Davide Dotto, Serena M. Barbacetto, Roberto Bernocco, Anthony Strange, Cristian Leonardi, Fabiola Lucidi, Roberto Bommarito, Antonio Russo De Vivo, Giacomo Gailli, Giovanni Duminuco, Federico Pergolini, Fabrizio Leonardi, Amigdala Pala, Natale Figura, Celeste Borrelli, Francesca Panzacchi, Andrea Basso, Giacomo Inches, Umberto Pasqui, Mario Frigerio, Luigi Bonaro, Luca Romani, Anna Toro, Giuseppe Varriale, Maria Lipartiti, Marco Battaglia, Arturo Caissut, Stefano Milighetti, Davide Berardi, Paolo Secondini, Susanna Boccalari, Andrea Indiano, Alexia Bianchini, Penelope Mistras, Anna Grieco, Samantha Baldin, Serena Bertogliatti, Valentina Carnevale, Gloria Rochel, Andrea Leonelli, James Carroll Wish, Marco Ferrari, Giovanni Ferrari, Mew Notice, Maurizio Vicedomini, Paride Bastuello, Alessandra Lusso, Mirko Giacchetti, Francesco Manarini, Massimo Rodighiero, Daniela Piccoli, Alessandro Trapletti, Marco Tomasetto, Conrad, Giovanni Sferro, Morgana Bart, Omar Spoti, Massimo Conti, Andrea Donaera, Roberto Alba, Libeth Libet, Angela Rosa, Valentina Coscia, Antonio Matera, Fabio Brusa, Stefano Olivieri, Isabella Galeotti, Chiara de Iure, Ilaria Ranieri, Lorenzo Valle, Francesco Fortunato, Valentina Tesio, Elena Pantano, Maria Basilicata, Antonio Costantini, Riccardo Delli Ponti, Giovanna Garofalo, Eliseo Palumbo, Federica Neri, Alessandro Napolitano, Stefano Valente, Linda Bartalucci, Luisa Catapano, Diego Cocco, Riccardo Sartori, Dario Degliuomini, Gianni Giovannone, Nicola Fierro, Federico Marchionni, Romeo Mauro, Francesco Azzurli, Filippo Pirro, Luca Marinelli, Triptil Pazol, Marco Sartori, Iunio Marcello Clementi, Maria Lucia Nosi, Valentina Vincenzini, Jacopo Mariani, Diletta Fabiani, Lodovico Ferrari, Paolo Franchini, Tullio Aragona, Davide Corvaglia, Davide Figliolini, Beniamino Franceschini, Roberto Napolitano, Valeria Barbera, Federico Falcone, Stefano Meglioraldi, Eugenia Bartoccini, Andrea Gatto, Sonia Galdeman, Filomena Caddeo, Dario D'Alfonso, Chantal Frattini, Viola Cappelletti, Maria Stella Rossi, Serena Rosata, Francesco Di Mento, Giuseppe Sciara, Mario Calcagno, Tanja Sartori, Andrea Giansanti, Lorenzo Pedrazzi, Alessio Negri Zingg, Ester Trasforini, Daniele Miglio, Viola Killerqueen Lodato, Delos Veronesi, Giuseppe De Paolis, Diego Capani, Stefano Colombo, Aislinn, Marco Marulli, Sanrei, Emanuele Crocetti, Andrea Borla, Elena Noseda, Anna Notti, Andreea Elena Stanica, Marina Priorini, Lucia Coluccia, Simone Babini, Fiorenzo Catanzaro, Francesco Mastinu, Cristina Cornelio, Roberto Paradiso, Andrea Avvenengo, Maria Boffini, Mara Bomben, Alex Panigada, Federico Iarlori, Marika Bernard, Alessandra Ronconi, Francesco Danelli, Gabriele Nannetti, Salvatore Ingrosso, Paolo Oddone, Valerio Evangelisti.
Vedi ANTEPRIMA (566,01 KB scaricato 852 volte).
info e commenti compralo su   amazon




Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 56 - Amicizia ritrovata

La Gara 56 - Amicizia ritrovata

(novembre 2015, 25 pagine, 794,03 KB)

Autori partecipanti: Carlocelenza, Skyla74, Alberto Tivoli, Patrizia Chini, Giorgio Leone, Eliseo Palumbo, Angelo Manarola,
a cura di Ida Dainese.
Scarica questo testo in formato PDF (794,03 KB) - scaricato 402 volte.
oppure in formato EPUB (324,30 KB) (vedi anteprima) - scaricato 199 volte..
Lascia un commento.

La Gara 47 - Virus

La Gara 47 - Virus

(luglio 2014, 39 pagine, 542,17 KB)

Autori partecipanti: Lodovico, Carlocelenza, Ser Stefano, Angelo Manarola, Nunzio Campanelli, Mastronxo, Anto Pigy, Annamaria Vernuccio, Matteo Bottaro, Maddalena Cafaro, Eliseo Palumbo,
a cura di Patrizia Chini (con la supervisione di Lodovico).
Scarica questo testo in formato PDF (542,17 KB) - scaricato 178 volte.
oppure in formato EPUB (704,54 KB) (vedi anteprima) - scaricato 261 volte..
Lascia un commento.

La Gara 67 - Cavalieri di ieri, di oggi e di domani

La Gara 67 - Cavalieri di ieri, di oggi e di domani

(novembre 2017, 30 pagine, 736,36 KB)

Autori partecipanti: Nunzio Campanelli, Alberto Tivoli, Daniele Missiroli, Lodovico, Massimo Tivoli, Conrad, Carlocelenza, Patrizia Chini,
a cura di Ida Dainese.
Scarica questo testo in formato PDF (736,36 KB) - scaricato 66 volte.
oppure in formato EPUB (907,03 KB) (vedi anteprima) - scaricato 68 volte..
Lascia un commento.