Forse domani nevica

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'inverno 2020/2021.

Sondaggio

1 - non mi piace affatto
0
Nessun voto
2 - mi piace pochino
0
Nessun voto
3 - si lascia leggere
3
75%
4 - è bello
0
Nessun voto
5 - mi piace tantissimo
1
25%
 
Voti totali: 4

Romolo Paradiso
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 2
Iscritto il: 25/11/2020, 17:29
Località: Roma

Author's data

Forse domani nevica

Messaggio da leggere da Romolo Paradiso »


Avevano detto che sarebbe nevicato nei giorni a venire. Faceva troppo freddo, le temperature si erano abbassate repentinamente e sulle montagne vicine c’era neve quanta non aveva mai fatta in altri tempi nello stesso periodo.
 La situazione infastidiva non poco gli abitanti della città, che già immaginavano scenari complicati di vita: viabilità difficile, facilità d’incidenti, impossibilità di raggiungere i luoghi di lavoro, e
 quant’altro può pensare in quelle circostanze chi è abituato a convivere con una quotidianità metropolitana non certo semplice.
 I bambini invece vivevano quel momento con eccitazione. La neve avrebbe significato non andare a scuola e divertimento assicurato.
 Nel parco del quartiere, dove nel pomeriggio le mamme portavano a giocare i loro figli, l’animazione era più fervida del solito. I bambini non parlavano d’altro che della neve in arrivo. Ognuno aveva un’idea su come divertirsi e la comunicava agli altri, che aggiungevano altre idee e così, a valanga, i progetti si moltiplicavano, tra entusiasmi e grida di gioia.
 In quell’atmosfera di festa, Nicole e Bruno, una bambina e un bambino di poco più di cinque anni, si erano fermati dal giocare perché incantati da un uccellino che timidamente beccava alcune briciole di pizza davanti ai loro piedini.
 Aveva dei colori particolari, un grigio perla misto a un bianco vivo e a un blu cielo, due occhietti a mandorla di colore celeste e una coda lunga colorata di bianco e rosso magenta.
 L’uccellino beccò fino all’ultima mollichina, fermandosi a guardare negli occhi i bimbi a ogni beccata, come a chiedere loro il permesso di poterlo fare.
 Quando finì, si alzò in volo e si diresse da un’altra parte. Nicole e Bruno però, attratti da quell’esserino minuto, lo seguirono con lo sguardo e vedendo dove si era riposato gli andarono incontro.
 Quando furono a lui vicino, l’uccellino mosse la coda e ripartì così veloce che i due bimbi lo persero subito di vista. Ma nel posto dove quello si era fermato, Nicole vide qualcosa che al lieve soffio del vento, leggermente s'agitava arrotolandosi e svolgendosi continuamente. Si abbassò e si accorse che si trattava di una banconota, dal valore imprecisato per lei e per Bruno, che poco s’intendevano di denaro.
 Cosa si poteva comprare con quei soldi, si chiesero i due bambini. Caramelle, cioccolatini, patatine fritte, merendine, oppure bambole, giochi elettronici, o cosa altro? Nicole rimase a pensare, con la banconota in mano, stretta penzoloni tra il pollice e l’indice della mano.
 Poi Bruno, con una mossa rapida l’afferrò e la trasse a sé. “Portiamola a mamma”, disse a Nicole, ancora imbambolata dalla rapidità del gesto del suo amichetto.
 “Sì”, rispose lei, “ma alla mia mamma, perché i soldi li ho trovati io”.
 Bruno non si oppose, restituì il denaro a Nicole e di corsa si avviarono verso i loro genitori.
 Correndo, Bruno inciampò in un vecchio ramo d’albero caduto, sporcandosi il cappottino di fango. Nicole rise di cuore e lo prese in giro dicendogli che così impiastrato sembrava un clown. Bruno non se ne ebbe e riprese a correre, ma fece appena qualche passo e si fermò.
 Si fermò a guardare alla sua destra dove, su di una panchina era coricato un barbone coperto appena da una trapunta lacerata in più parti e da un cartone posato sopra.
 Bruno guardò Nicole, anche lei colpita da quell’immagine, le si avvicinò e le chiese: “Sai chi ci sta lì sotto?”. “No!”, rispose sottovoce Nicole. “Io lo so”, disse Bruno. “E chi è?" gli chiese Nicole con gli occhi sbarrati dalla curiosità. “E’ Babbo Natale!”, affermò deciso Bruno.
 “Davvero?!?”, esclamò stupita Nicole. “Sì, è proprio lui!”, confermò Bruno asserendo anche con la testa. “E tu come lo sai?”, incalzò Nicole. “Perché una volta l’ho incontrato in un negozio di giocattoli”, sostenne Bruno. “Stava coricato dentro lo sgabuzzino, così come ora, con la stessa copertina e qualche cartone in più. Lui mi ha visto e mi ha schiacciato l’occhio. Io gli ho chiesto se stesse bene, e lui mi ha risposto di sì. Allora gli ho domandato perché non uscisse per andare in giro come tutti. E lui mi rispose: “aspetto che arrivi mezzanotte, quando tutti dormono, per uscire”. Così gli ho chiesto: “Ma tu sei Babbo Natale?”, e lui mi ha rischiacciato l’occhio. Allora io l’ho salutato con la manina e sono andato via. Ma non l’ho detto a nessuno… Lo sai solo tu”.
 “Ma non ti ha detto che era Babbo Natale!” affermò Nicole.
 “Sì che me l’ha detto”, rispose deciso Bruno.
 “No! Non te l’ha detto!”, insistette Nicole.
 “Mi ha schiacciato l’occhio!”, replicò Bruno.
 “E che significa?”, incalzò imbronciata Nicole.
 “Non lo sai? Quando Babbo Natale incontra un bimbo la vigilia di Natale, lui non dice: “Sono Babbo Natale”, schiaccia l’occhio, sorride e se ne va”. Sostenne sicuro Bruno.
 Nicole ascoltò la spiegazione dubbiosa, poi con aria furbetta domandò: “Allora che si fa, lo si sveglia?”.
 “Bé”, rispose Bruno un po’ intimidito al pensiero, “possiamo provare”.
 Nicole si fece coraggio e si avvicinò al barbone. Con la punta del dito indice toccò il copro dell’uomo che non si mosse.
 “Dorme”, disse sottovoce Bruno. Ma Nicole, incuriosita riprovò.
 Il barbone si mosse lentamente e i due bambini fecero un balzo indietro.
 “Ha aperto gli occhi”, affermò Nicole.
 L’uomo guardò i bimbi e si lasciò andare a un sorriso, subito ricambiato dai due.
 “Che fate qui?”, domandò loro.
 “Abbiamo seguito un uccellino bellissimo che beccava pezzettini di pizza!”, rispose Nicole.
 “Era così bello?”, chiese il barbone.
 “Molto!”, risposero insieme i due bimbi.
 “Perché?” insistette l’uomo.
 “Aveva dei colori lucenti e particolari e gli occhietti piccoli e colorati, e la coda, anch’essa piena di colori”, affermarono Nicole e Bruno.
 “Lo sapete che fra poco sarà buio, e fa anche freddo, dovreste tornare dalle vostre mamme”, disse il barbone.
 “Sì, lo sappiamo”, replicò Bruno, “e tu lo sai che domani forse nevica?”.
 “Penso di sì”, rispose l’uomo, “il freddo è quello giusto… Nevicherà!”.
 “Ah, lo sai anche tu allora!”, fecero in coro allegri Nicole e Bruno.
 Seguì un attimo di silenzio. I bambini si guardarono negli occhi e rivolti al barbone gli chiesero con un filo di voce: “sei tu Babbo Natale?”.
 A quella domanda, il barbone si scosse e si mise seduto, guardando in volto i bambini che in tanto si erano avvicinati a lui. Con la mano li accarezzò amorevolmente e sorridendo schiacciò loro l’occhio destro.
 Nicole e Bruno spalancarono gli occhi e si lasciarono andare a un grido di gioia.
 Poi Nicole si avvicinò a Bruno sussurrandogli qualcosa nell’orecchio e un istante
 dopo allungò al barbone la banconota dicendogli: “l’abbiamo trovata vicino a quell’albero.
 Prendila tu, ci compri i regali per i bimbi buoni”. E scapparono di corsa salutando di continuo ad ampi gesti il barbone.
 Questi guardò la banconota. Valeva 500 euro. Una cifra enorme. Mai vista.
 Cercò con lo sguardo Nicole e Bruno, ma si era fatto buio e non si vedeva più in là di una decina di metri.
 L’uomo non sapeva cosa fare. Si alzò, fece qualche passo, ma la sera era calata e il vociare dei bimbi si era disperso nel nulla.
 Lentamente si avviò oltre il parco, verso la strada, illuminata appena. Il freddo era pungente e così il vento che si era alzato improvviso. I suoi abiti, vecchi e logori non bastavano a difenderlo e i brividi cominciavano a percorrergli il corpo e i denti a battere forte. Si muoveva a fatica e a fatica entrò dentro una vecchia trattoria del posto.
 Appena lì, il proprietario gli si fece incontro con sguardo minaccioso.
 “Posso pagare!”, disse deciso il barbone, “ho il denaro!”. E mostrò la banconota.
 Il proprietario lo guardò fisso in viso. Vide quegli occhi lucidi di freddo e il volto emaciato e livido. Lo fece sedere in un tavolo defilato, vicino la toilette e gli domandò cosa volesse ordinare.
 Il barbone chiese un piatto di minestra calda, del pane, una bottiglia di vino e un po’ di prosciutto.
 L’uomo si guardava intorno e si sentiva spaesato in quella situazione che da ragazzo però aveva vissuto non poche volte con la sua famiglia, una famiglia benestante, con un papà dal lavoro indipendente e una mamma affettuosa e premurosa. Una signora semplice, che sapeva infondere dolcezza e calore umano. Poi un incidente stradale aveva distrutto tutto e lui era rimasto solo, a diciotto anni, senza riferimenti e senza più voglia di reagire.
 Si era lasciato andare, aveva venduto tutto quel che gli era rimasto e aveva scelto di vivere in strada, tra i poveracci e i disperati. Per molti di questi era stato un punto di riferimento, aiutandoli a superare le difficoltà del giorno, ricambiato sovente dagli stessi con solidarietà minuta. Una mutualità fatta di piccoli gesti, di poche parole, ma in grado di accendere grandi luci nell’animo, in giorni grigi sempre, difficili comunque, vissuti tra piccoli espedienti, tra silenzi e dormiveglia che non finivano mai per le intemperie, ma soprattutto per le paure di sogni che non si potevano avverare.
 Mangiò lentamente quanto aveva ordinato, bevve un paio di bicchieri di vino e si sentì meglio. I brividi di freddo erano passati e la voglia di tornare in strada, nel suo ambiente, era tornata.
 Chiamò il padrone del locale e gli chiese il conto.
 “Oggi è il tuo giorno fortunato. Offro io!”, gli disse questi.
 Il barbone lo guardò meravigliato. Era la seconda sorpresa nel giro di poco tempo.
 “Ho i soldi!”, affermò con un sussulto di dignità il barbone, mostrando di nuovo la banconota.
 “Ho visto. Tienili. Ti serviranno. Ma ora va”, e con la mano lo sollecitò a guadagnare la porta.
 Il barbone uscì pensando a quella situazione e ancora non credeva a quanto accadutogli.
 Tirò fuori la banconota di 500 euro. La guardò per qualche attimo, come si guardano le cose che non si sono mai viste, e che ci sorprende vedere, o, più ancora possedere.
 Davanti a lui c’era la chiesa dove di tanto in tanto andava la sera, quando ormai non c’era più nessuno e lì, in un angolo nascosto, poteva dormire fino a mattina presto con la complicità del sacrestano che faceva finta di nulla.
 Aprii con cautela il portone ed entrò. Le ultime persone stavano uscendo. La funzione della sera era finita da poco e già il sacrestano stava iniziando le pratiche per chiudere la cappella.
 Quando vide il barbone, lo avvicinò, con la mano gli diede delicatamente una pacca sulla spalla, in segno di amicizia. Lui, come faceva di solito, si avviò lentamente verso il suo posto, dietro la fonte battesimale. Qui si coricò in terra, rannicchiandosi in sé.
 Dopo qualche minuto, e prima che la chiesa fosse chiusa, entrò trafelata una signora giovane con un bimbo in grembo, avvolto dentro una coperta di lana. Si avvicinò alla fonte battesimale e si sedette accanto a lui, senza neppure guardarlo in volto, e con uno scatto furtivo abbassò la veste fino al seno, porgendolo delicatamente alla bocca del bimbo che con prontezza vi ci si attaccò.
 Il barbone guardava la scena colpito da quello spettacolo d’amore e di vita.
 Vedeva il piccino suggere con avidità. Il volto era rosso infuocato, forse dal freddo o dalla foga della fame. Lo sguardo della madre, tenero e dolce, era attento sul fare del piccino.
 Il barbone scrutò quella giovane donna. Aveva una giacchetta estiva abbastanza lisa, un paio di scarpe aperte e in testa un fazzoletto blu, dal quale spuntavano dei bei capelli color oro. Ma il volto era pallido ed emaciato e le unghie scure per il gelo.
 Il barbone guardò ancora quelle due creature sole e malandate, ma forti di quel sentimento che solo vale la vita e la vita fa.
 Lentamente sfilò dalla sua tasca il biglietto di 500 euro e con cura, senza farsene accorgere, lo mise nella tasca della giacca della donna.
 Poi, come un automa, posò con levità la testa sulla spalla della signora e si addormentò. Per sempre.
Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 551
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

fiaba classica natalizia. pare uno dei film che ogni trasmettono alla tv in questo periodo, dove c'è sempre una storia tragica che, in un modo o nell'altro, finisce in maniera positiva o comunque si crea del bene.
magari fosse davvero così.
non ci sono refusi particolari, forse un uso esagerato di esclamativi, nulla più.
le descrizioni sono buone, ma il tema è talmente abusato che non lascia il segno.
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Lucia De Falco
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 138
Iscritto il: 08/03/2020, 14:37

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Lucia De Falco »

Nel testo mi sembra di riconoscere il succedersi di tre parti: la prima e l'ultima col sapore della fiaba, la seconda con un tono più realistico, che spiega la storia del barbone. Quest'ultima ci fa capire che è facile giudicare, ma che nessuno conosce veramente la storia di questi uomini senza dimora. Io ho preferito la prima parte, per la presenza dei bambini, la descrizione dell'uccellino e l'equivoco su Babbo Natale. C'è una concatenazione nei gesti d'amore di questa storia e, probabilmente, ci insegna che può essere così anche nella realtà: l'amore che si riceve gratuitamente spesso si restituisce. Il linguaggio è scorrevole e abbassando curato. Segnalo "copro" al posto di "corpo". Ho apprezzato questo testo e anche il titolo: se forse domani nevica, allora tutto è possibile.
Avatar utente
Roberto Bonfanti
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 450
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

Sì, è una fiaba, porta un bel messaggio di speranza e solidarietà, forse un po’ retorico, fra bambini buoni, uccellini magici, barboni generosi, osti burberi ma in fondo sensibili, sacrestani caritatevoli e ragazze madri in difficoltà. Stona un po’ il finale, quel “per sempre…”
Racconto scritto bene, con buone descrizioni e dialoghi coerenti, non mi ha entusiasmato ma il mio voto è positivo.
Una curiosità: quante volte vi è capitata fra le mani una banconota da 500 euro? Hanno ancora validità, ma ormai la loro produzione è cessata da quasi due anni.
Che ci vuole a scrivere un libro? Leggerlo è la fatica. (Gesualdo Bufalino)
https://chiacchieredistintivorb.blogspot.com/
Intervista su BraviAutori.it: https://www.braviautori.it/forum/viewto ... =76&t=5384
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine
Avatar utente
Massimo Baglione
rank (info):
Site Admin
Messaggi: 9410
Iscritto il: 11/04/2007, 12:20
Località: Belluno
Contatta:

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Massimo Baglione »

Roberto Bonfanti ha scritto: 31/12/2020, 23:11 Una curiosità: quante volte vi è capitata fra le mani una banconota da 500 euro? Hanno ancora validità, ma ormai la loro produzione è cessata da quasi due anni.
Te credo! Con l'odio verso i contanti che ci stanno mettendo addosso...
Immagine

Immagine <<< io sono nel Club dei Recensori di BraviAutori.it.

Immagine

www.massimobaglione.org
Avatar utente
Roberto Bonfanti
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 450
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

Massimo Baglione ha scritto: 01/01/2021, 6:58 Te credo! Con l'odio verso i contanti che ci stanno mettendo addosso...
Come sei mattiniero Massimo :D Buon 2021!
Che ci vuole a scrivere un libro? Leggerlo è la fatica. (Gesualdo Bufalino)
https://chiacchieredistintivorb.blogspot.com/
Intervista su BraviAutori.it: https://www.braviautori.it/forum/viewto ... =76&t=5384
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine
Avatar utente
Massimo Baglione
rank (info):
Site Admin
Messaggi: 9410
Iscritto il: 11/04/2007, 12:20
Località: Belluno
Contatta:

Author's data

Re: Forse domani nevica

Messaggio da leggere da Massimo Baglione »

...e mi sono alzato pure un'oretta più tardi del solito :-)
Immagine

Immagine <<< io sono nel Club dei Recensori di BraviAutori.it.

Immagine

www.massimobaglione.org
Selene Barblan
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 489
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Trovo che sia un buon racconto nonostante alcune piccole imprecisioni, facilmente correggibili. Forse un pò troppo "buono" per i miei gusti, ma dato il periodo ci può anche stare. Concordo con Roberto, il "per sempre" finale non suona molto bene. Globalmente trovo che si lasci leggere senza problemi.
Rispondi

Torna a “Gara d'inverno, 2020/2021”



Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Biblioteca labirinto

Biblioteca labirinto

Cinque scaffali di opere concatenate per raccontare libri, biblioteche e personaggi letterari

Riportare la lettura e la biblioteca al centro dell'attenzione dovrebbe essere un dovere di ciascuno di noi. Se in qualche misura ci riesce una raccolta di racconti non si può che gioirne, nella speranza che possa essere contagioso, come deve esserlo tutto ciò che ci spinge a riflettere e a interrogarci sull'essenza del nostro esistere.
A cura di Lorenzo Pompeo e Massimo Baglione.
introduzione del Prof. Gabriele Mazzitelli.

Contiene opere di: Alberto De Paulis, Monica Porta, Lorenzo Pompeo, Claudio Lei, Nunzio Campanelli, Vittoria Tomasi, Cristina Cornelio, Marco Vecchi, Antonella Pighin, Nadia Tibaudo, Sonia Piras, Umberto Pasqui, Desirée Ferrarese.
Vedi ANTEPRIMA (211,75 KB scaricato 176 volte).
info e commenti compralo su   amazon

Non spingete quel bottone

Non spingete quel bottone

antologia di racconti sull'ascensore

Hai mai pensato a cosa potrebbe accadere quando decidi di mettere piede in un ascensore? Hai immaginato per un attimo a un incontro fatale tra le fredde braccia della sua cabina? Hai temuto, per un solo istante, di rimanervi chiuso a causa di un imponderabile guasto? E se dietro a quel guasto ci fosse qualcosa o qualcuno?
Trentuno autori di questa antologia dedicata all\'ascensore, ideata e curata da Lorenzo Pompeo in collaborazione col sito BraviAutori.it, hanno provato a dare una risposta a queste domande.
A cura di Lorenzo Pompeo
Introduzione dell\'antropologo Vincenzo Bitti.
Illustrazioni interne di Furio Bomben e AA.VV.
Copertina di Roberta Guardascione.

Contiene opere di: Vincenzo Bitti, Luigi Dinardo, Beatrice Traversin, Paul Olden, Lodovico Ferrari, Maria Stella Rossi, Enrico Arlandini, Federico Pergolini, Emanuele Crocetti, Roberto Guarnieri, Andrea Leonelli, Tullio Aragona, Luigi Bonaro, Umberto Pasqui, Antonella Provenzano, Davide Manenti, Mara Bomben, Marco Montozzi, Stefano D'Angelo, Amos Manuel Laurent, Daniela Piccoli, Marco Vecchi, Claudio Lei, Luca Carmelo Carpita, Veronica Di Geronimo, Riccardo Sartori, Andrea Andolfatto, Armando d'Amaro, Concita Imperatrice, Severino Forini, Eliseo Palumbo, Diego Cocco, Roberta Eman.
Vedi ANTEPRIMA (2,58 MB scaricato 494 volte).
info e commenti compralo su   amazon

Human Take Away

Human Take Away

Umani da asporto

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
"Human Take Away" è un racconto corale dove gli autori Alessandro Napolitano e Massimo Baglione hanno immaginato una prospettiva insolita per un contatto alieno. In questo testo non è stata ideata chissà quale novità letteraria, né gli autori si sono ispirati a un particolare film, libro o videogioco già visti o letti. La loro è una storia che gli è piaciuto scrivere assieme, per divertirsi e, soprattutto, per vincere l'Adunanza letteraria del 2011, organizzata da BraviAutori.it. Se con la narrazione si sono involontariamente avvicinati troppo a storie già famose, affermano, non era voluto. Desiderano solo che vi gustiate l'avventura senza scervellarvi troppo sul come gli sia venuta in mente.
Vedi ANTEPRIMA (497,36 KB scaricato 473 volte).
info e commenti compralo su   amazon




Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 10 - Dreaming of a Weird Christmas

La Gara 10 - Dreaming of a Weird Christmas

(gennaio 2010, 20 pagine, 1,56 MB)

Autori partecipanti: Giacomo Scotti, Bonnie, Cosimo Vitiello, ArditoEufemismo, Mario, Dafank, Phigreco, Pia,
A cura di CMT.
Scarica questo testo in formato PDF (1,56 MB) - scaricato 348 volte..
Lascia un commento.

La Gara 66 - Onirica

La Gara 66 - Onirica

(settembre/ottobre 2017, 30 pagine, 1,04 MB)

Autori partecipanti: Massimo Tivoli, Angela Catalini, Enrico Gallerati, Mastronxo, Roberta Michelini, Lodovico, Daniele Missiroli, Ilaria Rucco, Patrizia Chini, Nunzio Campanelli, Fabrizio Bonati, Ida Dainese, Michele,
a cura di Ser Stefano.
Scarica questo testo in formato PDF (1,04 MB) - scaricato 67 volte.
oppure in formato EPUB (1,52 MB) (vedi anteprima) - scaricato 67 volte..
Lascia un commento.

Gara d'autunno 2020 - Beu, e gli altri racconti

Gara d'autunno 2020 - Beu, e gli altri racconti

(estate 2020, 46 pagine, 543,51 KB)

Autori partecipanti: Mariovaldo, Roberto Virdo', MattyManf, Marcello Rizza, Liliana Tuozzo, Anna Gri, Angelo Ciola, Carol Bi, Letylety, ElianaF,
a cura di Massimo Baglione.
Scarica questo testo in formato PDF (543,51 KB) - scaricato 11 volte.
oppure in formato EPUB (354,64 KB) (vedi anteprima) - scaricato 9 volte..
Lascia un commento.