Un'afosa giornata d'agosto

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'inverno 2020/2021.

Sondaggio

1 - non mi piace affatto
0
Nessun voto
2 - mi piace pochino
3
50%
3 - si lascia leggere
3
50%
4 - è bello
0
Nessun voto
5 - mi piace tantissimo
0
Nessun voto
 
Voti totali: 6

Canepari
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 7
Iscritto il: 10/06/2020, 8:34

Author's data

Un'afosa giornata d'agosto

Messaggio da leggere da Canepari »


Giovanna, come ogni mattina, si è alzata presto, ci sono mille cose da fare, in questo caldo mese d'agosto. L'estate è sempre stata la sua stagione preferita, ma da quando, questa maledetta malattia è entrata nella sua vita, il caldo la sfianca.
 Esce seguita dal fedele Pongo, i campi intorno sono coperti da un sottile velo di nebbia, chi vive nella pianura Padana, sa, che ciò, sta ad indicare che la giornata sarà calda e afosa.
 Claudio, da alcuni anni, suo compagno di vita, dorme ancora, mentre lei, si sente stanca, la notte non riposa, e come se non bastasse, oggi deve fare il turno del pomeriggio, ciò vuol dire, uscire di casa alle 13,30.
 Per Giovanna, il lavoro, ha sempre avuto una parte importante nella sua vita, motivo di gratificazione e indipendenza economica. Ha sempre lavorato con piacere anche nei momenti difficili.
 Le cose sono cambiate, da quando un medico ha pronunciato la parola 'parkinson'. Tutto è diventato più difficile, più faticoso, non solo per la malattia, ma anche per la cattiveria delle persone, questa è la cosa che più la ferisce.
 In più di un'occasione è tornata dal lavoro avvilita, con gl'occhi rossi, le agevolazioni, di cui gode, vengono scambiate per privilegi, da qui piccoli dispetti, angherie.
 Come quella volta che ha sorpreso, un collega scimmiottare il suo modo di camminare, non avrebbe mai pensato che ci fossero persone così crudeli.
 Vorrebbe, in quei momenti, dire loro, quello che si meritano, il suo carattere mite e riservato, non glielo consente, la consola il fatto che mancano pochi mesi all'agognata pensione.
 Claudio le prepara il pranzo, lei fa una doccia veloce, è bello avere una persona con cui condividere il quotidiano, anche se la convivenza non è sempre facile.
 Dopo la separazione, Giovanna, ha vissuto per diversi anni sola, a dire il vero, proprio non ne voleva sapere di mettersi un uomo in casa, poi la solitudine, con i trascorrere degli anni, ha iniziato a pesare.
 Dopo aver pranzato, dà un bacio a Claudio ed esce di malavoglia, oggi è una giornata no.
 Il caldo è veramente insopportabile, non si vede anima viva, si sente solo il frinire delle cicale.
 Si accorge di aver dimenticato l'auto al sole, vorrebbe imprecare, per questa sua dimenticanza, sale non riesce nemmeno a mettere le mai sul volante, ma non può aspettare, rischierebbe di arrivare in ritardo.
 La strada, che la porta al lavoro, si snoda tra i campi, stretta e piena di curve, nemmeno in montagna ci sono tante curve.
 Nonostante l'asfalto, sia stato fatto e rifatto, è pieno di buche, si deve guidare con attenzione. Oggi, però, la strada è deserta, per cui si può andare a zig zag, per evitare le pezze che rattoppano l'asfalto.
 Un'auto la raggiunge veloce, le si mette ad un metro di distanza, vuole superarla, Giovanna non sopporta quando le stanno così vicino, d'istinto vorrebbe sfiorare il pedale del freno, quel tanto che basta per far accendere gli stop, come ha già fatto in passato.
 Lascia perdere, accosta un po', l'auto sfreccia via veloce.
 Guida con calma, e pensa, questa sarà una settimana pesante, tra il caldo e il responsabile del reparto, che le ha chiesto di fare un turno in più.
 Sa benissimo che Giovanna ha problemi di salute, che per lei ore in più sono un problema, ma non perde occasione per metterla in difficoltà.
 Non le perdona il fatto di averlo visto in effusioni con una collega, ed è convinto, a torto, che lei abbia riportato la cosa ai piani superiori.
 Giovanna potrebbe rifiutarsi, ma vuole dimostrare a sè ed agli altri, che nonostante tutto, lei è in grado di fare il proprio lavoro.
 All'improvviso, il suono insistente di un clacson, la distoglie dai suoi pensieri, guarda dallo specchietto, ha un attimo di smarrimento, non comprende da dove sia sbucata quell'auto, due minuti prima la strada era deserta.
 Quell'auto è talmente vicina, da non riuscire a capire modello e marca.
 Al volante un uomo sulla cinquantina, nel sedile a fianco, un altro più giovane, entrambi con cappellino, occhiali scuri e mascherina chirurgica sul volto. Suonano il clacson e gesticolano, come per chiederle di accostare.
 Giovanna non accenna a fermarsi, loro, suonano e gesticolano con maggiore foga, lei si agita, non le sembra di aver urtato nulla, forse ha un problema all'auto, di cui non si è accorta, o sono loro ad essere in difficoltà.
 Vista l'insistenza dei due, decide di fermarsi, ma non si sente tranquilla, c'è qualche cosa di inquietante in quei due.
 Accosta, nel mentre, controlla che i finestrini siano chiusi e blocca dall'interno le portiere.
 Non scende dall'auto, resta ferma, seduta, abbassa solo un po' il finestrino, quel tanto che basta, per eventualmente parlare con loro.
 Giovanna guarda nello specchietto esterno vede l'uomo più giovane avvicinarsi e chiederle <Signora, mi scusi, non siamo del posto, potrebbe indicarmi la strada per Vittoria?>.
 Quella richiesta le appare strana, se loro si trovano in quel punto e in quella direzione, debbono, per forza, essere passati da Vittoria, non c'è altra strada.
 Lei inizia ad avere paura, guarda, d'istinto, lo specchietto interno, vede l'altro dietro la sua auto, gesticola al suo compare, come per dirgli vieni via. A quel punto lei ingrana la marcia, schiaccia l'acceleratore e sgommando scappa. Sempre dallo specchietto, vede che i due sono saliti, rapidamente, in auto fatto inversione e se ne sono andati.
 In quel momento realizza ciò che, probabilmente, è accaduto, mentre uno la distraeva l'altro cercava di aprire l'auto, per rubarle la borsa.
 Giovanna inizia a tremare, il cuore le batte a mille, le manca il respiro, il tutto viene amplificato dalla sua malattia. Un chilometro più avanti c'è una piccola frazione, si ferma, scende, le tremano troppo le gambe. Si appoggia all'auto e inizia a respirare profondamente, piano, piano la paura passa, e riprende il controllo di sè.
 Risale in auto, veloce, non vuole arrivare in ritardo al lavoro, sul volto spunta un sorriso mentre pensa, nonostante tutto, Giovanna sei sveglia, li hai fregati!!!
 Marinella Canepari
Ultima modifica di Canepari il 11/01/2021, 13:58, modificato 1 volta in totale.
Namio Intile
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 306
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Namio Intile »

Ciao, Marinella, benvenuta.
Dal punto di vista formale il racconto presenta alcuni inconvenienti e altri punti di forza.
Ho notato una buona decisione nel gestire la voce narrante, qui un io narrante, che riesci a non confondere nei pensieri della protagonista o dell'autore. E poi sei riuscita a gestire i tempi verbali mantenendo il presente in tutto il testo.
Non va la punteggiatura e vi sono numerosi refusi, per cominciare dal titolo, perché non mettere un apostrofo a una?
"preferita ma" il ma, quando è una congiunzione avversativa come in questo caso, pretende una virgola prima.
" Claudio, suo compagno di vita da alcuni anni, dorme ancora
-beato lui!!-"
Perché non farlo dire all'io narrante beato lui? Altrimenti l'io narrante si troverebbe a dialogare con la protagonista. Se invece ritieni che sia un pensiero della protagonista dovresti cercare dei segni d'interpunzione diversi per delimitare il discorso diretto e i pensieri. Questo è un errore ricorrente.
"Giovanna si sente stanca, la notte dorme poco, oggi deve fare il turno del pomeriggio che vuol dire
uscire di casa alle 13,30" virgola dopo pomeriggio, il che vuol dire, punto dopo 13,30.
" -Pazienza- dice tra se -sono gli ultimi mesi di lavoro.-" il se vuole l'accento, sé. Ma se lo dice tra sé è un pensiero.
E via discorrendo, la punteggiatura lascia un po' a desiderare fino alla fine e vi sono parecchi refusi.
Oltre la forma, la sostanza. Il testo è semplice, non hai provato a complicarti la vita, narra un episodio di vita comune come sarà capitato a tanti di noi, soprattutto donne. Ma non vai oltre alla pura descrizione dei fatti, non scrivi di emozioni, sensazioni, sembri una cronista con uno sguardo distante, da spettatore, solo sul finale ti lasci andare a un leggero sollievo.
A rileggerti
Canepari
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 7
Iscritto il: 10/06/2020, 8:34

Author's data

Re: UNA AFOSA GIORNATA D'AGOSTO

Messaggio da leggere da Canepari »

grazie per i consigli, a dire il vero sono i primi racconti, cercherò di migliorare
Avatar utente
Roberto Bonfanti
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 450
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

Un racconto semplice, sia come trama che come stile, scritto in forma tutto sommato corretta, ma con molti refusi e imprecisioni, come ti hanno già fatto notare.
Poi, se mi permetti, hai fatto più di un accenno alla malattia di Giovanna, al fatto che presto lascerà il lavoro; sembra un’informazione importante per l’economia del racconto, fa presagire che servirà a spiegare azioni e comportamenti della protagonista, invece non la ritroviamo nel resto della narrazione. Certo, va bene lasciare del lavoro alla fantasia del lettore, ma in questo caso, secondo me, avresti potuto sviluppare meglio questo aspetto.
A rileggerti.
Che ci vuole a scrivere un libro? Leggerlo è la fatica. (Gesualdo Bufalino)
https://chiacchieredistintivorb.blogspot.com/
Intervista su BraviAutori.it: https://www.braviautori.it/forum/viewto ... =76&t=5384
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine
Canepari
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 7
Iscritto il: 10/06/2020, 8:34

Author's data

Re: Una afosa giornata d'agosto

Messaggio da leggere da Canepari »

penso di provare a riscriverlo, ripeto, non ho mai scritto, grazie farò tesoro dei vostri consigli

Marinella
Lucia De Falco
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 138
Iscritto il: 08/03/2020, 14:37

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Lucia De Falco »

Il racconto ha un linguaggio semplice e chiaro e il testo è scorrevole. Ci sono sicuramente degli errori di forma da correggere, come suggeriva Namio. A questo racconto manca un quid che lo faccia decollare. Nel finale, la protagonista dice a stessa di essere soddisfatta di essere "tosta" , quindi si potrebbe partire proprio da qui per sviluppare il rapporto in tal senso. Potresti approfondire l'aspetto della sua malattia, per dimostrare la forza della donna nelle varie situazioni, nonostante la sua malattia, perché altrimenti resta un episodio fine a se stesso.
Avatar utente
Liliana Tuozzo
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 118
Iscritto il: 18/03/2010, 17:09

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Liliana Tuozzo »

Ciao. Un racconto raccontato in prima persona. Come ti hanno fatto già notare ci sono delle imperfezioni che sono però facilmente risolvibili. Potresti ad ed mettere il pensiero della protagonista tra virgolette. Se intendi sfoltire taglia le parti non funzionali al racconto ( tipo la malattia di Giovanna) e prova ad inserire elementi che coinvolgano il lettore tipo: la paura della donna,il sudore che sente rigarle il viso ecc. A rileggerti.
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 551
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

la storia in sé mi piace, è carina e ben strutturata.
lo sviluppo e la stesura no, sono da rivedere del tutto.
così come la punteggiatura, completamente da sistemare.
ci sono poi altri refusi come spazi mancanti o in surplus, minuscole al posto di maiuscole...
se lo sistemi come ti hanno suggerito ne esce una storiella davvero carina.
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Nando71
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 42
Iscritto il: 07/01/2021, 1:04
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Nando71 »

Il titolo è sempre il primo biglietto da visita e leggendolo provo a immaginare il resto del racconto. Non so perché ma mi aspettavo un racconto giallo e forse un pochino lo è. Tutto sommato è una storia carina e mi è piaciuta leggerla. Non posso darti suggerimenti perché sono esattamente nelle tue stesse condizioni: un neofita scrittore, ma un "brava" ci sta tutto.
Canepari
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 7
Iscritto il: 10/06/2020, 8:34

Author's data

Re: Una afosa giornata d'agosto

Messaggio da leggere da Canepari »

Grazie
Avatar utente
Massimo Baglione
rank (info):
Site Admin
Messaggi: 9423
Iscritto il: 11/04/2007, 12:20
Località: Belluno
Contatta:

Author's data

Re: Una afosa giornata d'agosto

Messaggio da leggere da Massimo Baglione »

Canepari, ho sostituito il testo originale qui da dove l'avevi pubblicato.
Immagine

Immagine <<< io sono nel Club dei Recensori di BraviAutori.it.

Immagine

www.massimobaglione.org
Canepari
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 7
Iscritto il: 10/06/2020, 8:34

Author's data

Re: Una afosa giornata d'agosto

Messaggio da leggere da Canepari »

Grazie, ci sarebbe anche il titolo da correggere
Marinella
Avatar utente
Massimo Baglione
rank (info):
Site Admin
Messaggi: 9423
Iscritto il: 11/04/2007, 12:20
Località: Belluno
Contatta:

Author's data

Re: Una afosa giornata d'agosto

Messaggio da leggere da Massimo Baglione »

Massimo Baglione ha scritto: 11/01/2021, 6:05 Canepari, ho sostituito il testo originale qui da dove l'avevi pubblicato.
Se non erro, puoi farlo anche da te. Dovresti vedere un'iconcina a forma di matita, sulla destra del titolo in blu.
Se non la vedi, dimmi quale dev'essere il titolo nuovo.
Immagine

Immagine <<< io sono nel Club dei Recensori di BraviAutori.it.

Immagine

www.massimobaglione.org
Selene Barblan
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 496
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Non so se sia voluto o meno, ma la punteggiatura "sbagliata" mi sembra ricalchi uno dei disturbi dati dal morbo di Parkinson, vale a dire i continui momenti di "blocco", il freezing. È vero, la trama è piuttosto semplice ma a me globalmente non è dispiaciuta, anche se coglierei l'occasione di seguire le indicazioni date da chi ha commentato prima di me. Simpatizzo con la protagonista quando dice di odiare i "tampinatori" in auto, anche io non li sopporto. Poi il finale è un pò una rivincita nei confronti dei malfattori, ma anche della malattia (nonostante i suoi problemi è riuscita a cavarsela con le proprie forze).
Canepari
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 7
Iscritto il: 10/06/2020, 8:34

Author's data

Re: Un'afosa giornata d'agosto

Messaggio da leggere da Canepari »

La punteggiatura sbagliata non è dovuta al parkinson, vedi Giovanna in realtà, sono io, da poco in pensione e cerco di riempire il tempo libero. Mi rendo conto che non ho le basi per scrivere, ci provo,
mi diverto
Grazie
Marinella
Selene Barblan
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 496
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Re: Un'afosa giornata d'agosto

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Canepari ha scritto: 11/01/2021, 20:15 La punteggiatura sbagliata non è dovuta al parkinson, vedi Giovanna in realtà, sono io, da poco in pensione e cerco di riempire il tempo libero. Mi rendo conto che non ho le basi per scrivere, ci provo,
mi diverto
Grazie
Marinella

Ok, come non detto... :) E fai bene a provare, vedrai che con un pò di allenamento e seguendo i consigli i risultati ci saranno, buona scrittura :)
Avatar utente
Roberto Bonfanti
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 450
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Re: Un'afosa giornata d'agosto

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

Ho visto che hai rimesso mano al racconto, ora funziona meglio, soprattutto dal punto di vista narrativo.
Rimane la punteggiatura da rivedere, basta sistemare meglio le virgole, ti faccio l’esempio delle prime righe: “Giovanna, come ogni mattina, si è alzata presto, ci sono mille cose da fare in questo caldo mese d'agosto. L'estate è sempre stata la sua stagione preferita ma, da quando questa maledetta malattia è entrata nella sua vita, il caldo la sfianca.
Esce seguita dal fedele Pongo, i campi intorno sono coperti da un sottile velo di nebbia, chi vive nella pianura Padana sa che ciò sta ad indicare che la giornata sarà calda e afosa.
Claudio, da alcuni anni suo compagno di vita, dorme ancora, mentre lei si sente stanca, la notte non riposa e, come se non bastasse, oggi deve fare il turno del pomeriggio, ciò vuol dire uscire di casa alle 13:30.”
Prova a rileggere e vedrai che suonano meglio.
Attenzione anche alle d eufoniche, nell’uso contemporaneo si mettono solo se seguite da una parola che inizia con la stessa vocale: “ed esce”, “e agli altri”.
Ultima cosa, sé si scrive con l’accento acuto.
Continua a divertirti Marinella, con un po’ d’esercizio la punteggiatura migliorerà, ti faccio i miei complimenti perché sei stata brava a revisionare il racconto rendendolo più scorrevole e interessante.
Che ci vuole a scrivere un libro? Leggerlo è la fatica. (Gesualdo Bufalino)
https://chiacchieredistintivorb.blogspot.com/
Intervista su BraviAutori.it: https://www.braviautori.it/forum/viewto ... =76&t=5384
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine
Canepari
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 7
Iscritto il: 10/06/2020, 8:34

Author's data

Re: Un'afosa giornata d'agosto

Messaggio da leggere da Canepari »

Grazie, consigli sempre graditi
Vedi nella mia malattia oltre alle medicine, è importate tenere allenati i muscoli e il cervello.
Voglio rivedere anche le cose che avevo già scritto
Marinella
Rispondi

Torna a “Gara d'inverno, 2020/2021”


Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 4 - Ciak, si gira!

La Gara 4 - Ciak, si gira!

(aprile 2009, 30 pagine, 510,72 KB)

Autori partecipanti: Pia, Ranz, Devil, Miriam Mastrovito, Manuela, Pia, Cmt, Nembo13, Alessandro Napolitano,
A cura di DaFank.
Scarica questo testo in formato PDF (510,72 KB) - scaricato 417 volte.
oppure in formato EPUB (415,38 KB) (vedi anteprima) - scaricato 225 volte..
Lascia un commento.

La Gara 8 - La vendetta dei cattivi

La Gara 8 - La vendetta dei cattivi

(ottobre 2009, 28 pagine, 470,72 KB)

Autori partecipanti: Alessandro Napolitano, Manuela Costantini, Macripa, Valentina, Cmt, Bonnie, Carlocelenza, Arditoeufemismo, Barbara Bracci, Daniela Bisin,
A cura di Miriam.
Scarica questo testo in formato PDF (470,72 KB) - scaricato 369 volte.
oppure in formato EPUB (342,36 KB) (vedi anteprima) - scaricato 219 volte..
Lascia un commento.

La Gara 16 - Cinque personaggi in cerca di storie

La Gara 16 - Cinque personaggi in cerca di storie

(settembre 2010, 54 pagine, 842,16 KB)

Autori partecipanti: Cmt, ArditoEufemismo, Arianna, Hellies15, Ser Stefano, Vit, Giulia Floridi, Carlocelenza, Mastronxo, Gigliola, ABDeleo, VecchiaZiaPatty, Skyla74, Exlex, Lucia Manna,
A cura di Manuela.
Scarica questo testo in formato PDF (842,16 KB) - scaricato 431 volte.
oppure in formato EPUB (475,57 KB) (vedi anteprima) - scaricato 189 volte..
Lascia un commento.





Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


La donna dipinta per caso

La donna dipinta per caso

racconti e poesie imperniati sulla donna in tutte le sue sfaccettature

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
Il libro contiene quattro racconti lunghi, undici racconti brevi e trentuno poesie. Il tema principale è la donna in tutte le sue sfaccettature: amante, madre, figlia, gioco, musa, insegnante, dolore, tecnologia, delusione e speranza. Nella prefazione è ospitato un generoso commento del prof. Carlo Pedretti, professore emerito di storia dell'arte italiana e titolare della cattedra di studi su Leonardo presso l'Università della California a Los Angeles, dove dirige il Centro Hammer di Studi Vinciani con sede italiana presso Urbino. Copertina e alcune illustrazioni interne di Furio Bomben.
Di Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (2,11 MB scaricato 756 volte).
info e commenti compralo su   amazon

Intellinfinito (un passo avanti)

Intellinfinito (un passo avanti)

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
Questo libro è il seguito di "Un passo indietro". Come il primo, è autoconclusivo.
"Esistevano davvero, gli dèi. Ma non erano dèi. Non lo erano stati per un'oscura volontà divina, ma lo erano semplicemente diventati mediante un'accanita volontà terrena di sopravvivenza".
L'Evoluzione umana (e non) come non l'avete mai immaginata.
Un romanzo postumano e transumano che vi mostrerà un futuro che forse non tarderà a divenire.
Di Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (206,96 KB scaricato 70 volte).
info e commenti compralo su   amazon

Fungo più, fungo meno...

Fungo più, fungo meno...

Nessuno li ha mai raccontati in maniera avvincente.

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
Cosa può accadere se una élite di persone geneticamente Migliore si accorge di non essere così perfetta come crede?
Una breve storia di Fantascienza scritta da Carlo Celenza, Ida Dainese, Lodovico Ferrari, Massimo Baglione e Tullio Aragona.
Vedi ANTEPRIMA (1,11 MB scaricato 56 volte).
info e commenti compralo su   amazon