I miracoli di Via Pre

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'inverno 2020/2021.

Sondaggio

1 - non mi piace affatto
0
Nessun voto
2 - mi piace pochino
0
Nessun voto
3 - si lascia leggere
1
8%
4 - è bello
4
33%
5 - mi piace tantissimo
7
58%
 
Voti totali: 12

Marcello Rizza
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 223
Iscritto il: 23/06/2015, 23:54

Author's data

I miracoli di Via Pre

Messaggio da leggere da Marcello Rizza »


Chopin era accucciato al fianco del vecchietto. Non lo guardava con l’occhio languido dei cani col pedigree, era un bastardino sgamato per quanto potesse esserlo la sua specie e - in fondo - gli bastava che il suo padrone e compagno ci fosse. Non è che non l’amasse, anzi, ma badava al sodo, si faceva nutrire, abbeverare, andava in calore senza avere uno sfogo.
 
 Che poi non si conosceva davvero il suo nome, nessuno l’aveva mai sentito chiamare dal suo custode e padrone, che era certamente muto perché nessuno lo aveva mai sentito parlare. Lo chiamarono così i vicini di casa che a una certa ora lo sentivano guaire, Chopin dei Chiari di Luna. Il vecchio, al secolo Parodi Baciccia, quando il rintocco religioso della Chiesa di San Lorenzo annunciava il calar del caldo, nel mentre che un fresco refolo portava conforto e i passanti diradavano, usciva da quella stanza umida - dove mangiava e dormiva - e si sedeva silenzioso sui gradini d’accesso alla sua abitazione riempiendo la ciotola del cagnolino e una sua tazza col vino sfuso e sciatto della piccola drogheria. Era un negozietto con ancora l’insegna dell’Oro Pilla, con una barra arrugginita ma resistente sullo stipite che mostrava il livello dell’acqua raggiunto dalla terribile alluvione del 1822 e con segni illeggibili di pittura in calce che nel 1915 celebravano le vittorie turche e i funerali della Belle Époque. A Chopin piaceva quel vino, lo lappava con calma, aveva imparato a farselo bastare e quando lo finiva il cielo era diverso. Allora si scostava dal caldo contatto umano, provava a ergersi sulle zampe malferme, ricadeva a terra ubriaco e cominciava a mugolare rivolto al chiaro di luna e a una cagnetta che non c’era.
 
 Il vecchietto, sia d’estate che d’inverno, non era mai stato visto vestito in altro modo. A coprire una postura rattrappita e abbandonata, una pelle scura e cotta d’avventure vissute chissà dove, erano un maglione grigio tarmato, una giacca di cotone che tanti anni prima era stata verde, un pantalone marrone senza pieghe, così corto da mostrare i rilievi preoccupanti delle vene bluastre nelle gambe, e una coppola nera troppo grande e floscia che gli nascondeva ben bene il volto. Era il cappello giusto per quel difetto ereditario che portava a corredo: lo strabismo.
 
 Si racconta che smise di parlare a causa di un trauma, quando se ne andò per sempre Dolores. Era certamente una leggenda, nessuno aveva mai conosciuto una Dolores, perché quando dieci anni prima arrivò era solamente accompagnato dal cucciolo dal nome sconosciuto. E nemmeno viveva di entusiasmi. L’unico momento di interesse dell’anziano, sempre che si possa accomunare all’entusiasmo, si narra che l’avesse mostrato quando chiese alla sua vicina di casa, in un foglietto scritto con una incerta calligrafia e con tre errori ortografici sulle cinque parole, la ricetta del suo minestrone alla genovese. Il profumo che ne veniva fuori ogni domenica da quella casa al primo piano, quando i tanti invitati si sedevano affamati, era delizioso. Ma quale fosse il segreto di una ricetta tutto sommato semplice, quale fosse l’ingrediente speciale Donna Lucia, sempre allegra e generosa, non l’avrebbe mai rivelato a nessuno, ma proprio a nessuno. Men che meno al Baciccia.
 
 Poteva essere una sera come un’altra nello stretto intersecare di vicoli e caruggi, tra malaffare e povertà, dove le prostitute erano state cantate con affetto da De Andrè. Anzi, fu proprio una sera come un’altra, quantomeno per chi conosce la vita trascorsa nei vicoli del porto genovese. Potremmo chiamare ciò che accadde come “piccoli miracoli di ogni giorno in Via Prè."
 
 Solo Chopin a testimone, ma non l’avrebbe mai raccontato a nessuno nemmeno dopo aver bevuto tanto vino. Altri videro qualcosa, movimenti di persone, niente di sconvolgente. Erano comportamenti appena un po’ curiosi in un contesto dove la quiete viene interrotta da urla e abusi familiari o da bisbigli malavitosi che giungono dalle finestre. Dal primo piano della casa dove abitava Donna Lucia erano mesi che la domenica non si faceva più festa, che dalla finestra non usciva più quel caldo profumo di minestrone. La serenità di quel donnone generoso, era evidente, aveva fatto le valigie e se ne era andata. Ora, avvicinandosi alla casa, si sentivano pianti sommessi e in strada si notava la mancanza di un bambino che era solito giocare rumoroso e spaccare vetri e lampioni con la lippa.
 
 Da uno dei vicoli sbucò la testa. Era di un giovane con gli occhi grandi e lucidi febbricitanti di avventura e di dolore, guardingo. Solo dopo essersi sincerato che non ci fosse nessuno sul caruggio, accortosi però del vecchio che contava zero, la sua figura emerse del tutto. Camminava a fatica simulando la normalità, aveva una chiazza rossa sui pantaloni all’altezza della coscia e sapeva dove andare. Non suonò all’appartamento del primo piano, aprì il portone con le chiavi e entrò. La donna - che da mesi piangeva - urlò per venire zittita subito dalla voce del giovane appena entrato. Tutto accadde in un minuto, era inseguito e non poteva rischiare di farsi raggiungere.
 
 “Tienili tutti, nascondili."
 
 Il vecchio da fuori non sembrava ascoltare, la sua espressione era sempre quella, forse era diventato anche sordo dopo che Dolores…
 
 “Dove li hai presi, delinquente! Togliti i pantaloni - fammi vedere - chiamo un dottore!”
 
 “Non ho tempo, devo scappare, li ho dietro… ”
 
 “No! Stai qui! Chiamo il dottore!”
 
 “Vado, non dirgli che sono passato… spendili per curare Marcellino, vedrai che basteranno… e tu non mi hai visto."
 
 “Avrai fame, prendi questo, mettilo in tasca” e poi urla e pianti di mamma, “Salvatore… stai qui, Salvatore! Chiamo il dottore, non andare!”
 
 “Non mi hai visto, capito?”
 
 Il giovane uscì emaciato, più pallido di quando era entrato, si guardò bene intorno e rivide il vecchio:
 “Mi spiace nonno.” e gli rubò la coppola.
 Il vecchio non mosse un muscolo, non cambiò espressione. Il giovane calzò il copricapo con la visiera a coprire il più possibile il volto, per camuffarsi. Riprese a camminare cercando di dissimulare la zoppia, si sporcò le mani del suo stesso sangue e lasciò un’impronta sul muro a sinistra all’angolo del caruggio che porta al sobborgo tipico del porto, per sviare gli inseguitori. Imboccò invece il vicolo opposto, addentrandosi ancora di più nel dedalo capace di nascondere un mondo e di frenare l’invasione dei Mori saccheggiatori.
 
 Dalla finestra del primo piano Donna Lucia non sembrava più quel donnone che era un tempo; mentre guardava alla strada teneva in braccio il figlio pesante, troppo cresciuto, spaventato:
 “Tornerà, Marcellino, tornerà presto… quando sarai guarito.”
 
 Dalla scalinata arrivarono minacciosi i bravi, avevano le pistole in mano, procedevano sicuri, i caruggi erano il loro poligono: “Vecchio, dov’è?”
 Peccato non ci fosse nessuno, a parte Chopin e Donna Lucia, per raccontare poi alla taverna i fatti. Avrebbero sentito il vecchio parlare, sì parlare!
 
 ”Di là.” mostrando l’impronta col sangue e il vicolo a sinistra che in cinque minuti si affaccia sulla zona turistica.
 
 I malviventi, fiduciosi di raggiungere e finire il giovane, nemmeno lo ringraziarono e ripresero a correre.
 
 Ora qualcuno potrebbe obiettare che se dopo dieci o più anni il vecchio disse solamente “di là” non sia stato poi un granché di miracolo, ma quando Baciccia fu sicuro di non essere visto dai delinquenti accennò anche un sorriso prima di tornare alla solita espressione vacua e i due fatti assieme cambiano completamente il quadro.
 
 Fatto sta che, dopo un’ora e dopo tanto che non accadeva, dalla solita finestra provenne il delizioso profumo di minestrone. Donna Lucia uscì sul caruggio, teneva un cappello a larghe falde in mano e nell’altra una bottiglia di plastica senza tappo con l’etichetta "Latte Sole" da cui fuoriusciva il fumo e il profumo di tutt’altro che latte. Si avvicinò al vecchio, gli calzò quel cappello un po’ troppo grande, l’unico che aveva sottomano in casa (lei non lo sapeva ma era il giusto copricapo per nascondergli il difetto agli occhi) e gli lasciò sui gradini la calda bottiglia. Infine gli parlò all’orecchio per un minuto rivelandogli il segreto, la sua ricetta. La ricetta segreta! L’ingrediente particolare era il sedano di montagna che non si sa come a Genova lei riuscisse a procurarselo, si dice che lo spacciassero a Sottoripa (certamente una leggenda perché a Sottoripa non spaccia nessuno). Il vecchio non si mosse e non parlò, peraltro era diventato muto e sordo da quando Dolores…
 
 Quando la luna e i lampioni illuminarono la strada, una donna sui cinquant’anni, mai vista prima in quei vicoli, a piedi e sostenendo a fatica una valigia che conteneva un’avventura, si avvicinò. A guardarla dritta avrebbe mostrato uno strabismo ereditario. Poteva essere Dolores?
 
 “Ciao Pulce!”
 
 “Woof!"
 
 Baciccia alzò il capo: “Sei tu."
 
 Dopo dieci anni aveva sorriso e parlato per due volte. Non avrebbe più smesso.
 
 Per il vicinato sarebbe sempre stato Chopin dei Chiari di Luna, anche perché Pulce era davvero riduttivo per un tale personaggio. E quel trovatello bastardo, quella sera, non si scompose più di tanto, erano situazioni che aveva già osservato in Via Prè. Non avrebbe mai capito gli umani ma d’istinto li amava. Era già ubriaco, era un cane dalla ciucca triste e cominciò a guaire alla sua luna. In fondo era una sera come tutte le altre e a lui stringeva il bisogno di una cagnetta.
Ultima modifica di Marcello Rizza il 06/01/2021, 2:30, modificato 8 volte in totale.
Mariovaldo
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 61
Iscritto il: 16/12/2019, 7:27
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Mariovaldo »

Difficile per me essere obiettivo; descrivi un mondo, quello di via Prè che si dipana nel cuore di Genova, quella vecchia, alla quale mi legano molto ricordi. Da ragazzo ci andavo a cercare le prime, misteriose, radioline giapponesi di contrabbando, e intanto che mi inoltravo, osservavo la vita particolare che , dal porto, si i trasferiva in quella via, stretta e piena di aromi, e nei carruggi che vi confluivano. Sì, personaggi come il tuo, seduti sugli usci, ce n'erano molti, cos' come prostitute e malavitosi, il mondo appunto descritto dal grande Faber.
Ecco, il tuo racconto evoca tutto ciò e mi commuove, vuoi per i personaggi ben delineati, vuoi per la vicenda, e soprattutto perchè mi riportano in un mondo perduto, quello della mia adolescenza.
Un applauso
Marcello Rizza
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 223
Iscritto il: 23/06/2015, 23:54

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Marcello Rizza »

Mariovaldo ha scritto: 05/01/2021, 12:41 Difficile per me essere obiettivo; descrivi un mondo, quello di via Prè che si dipana nel cuore di Genova, quella vecchia, alla quale mi legano molto ricordi. Da ragazzo ci andavo a cercare le prime, misteriose, radioline giapponesi di contrabbando, e intanto che mi inoltravo, osservavo la vita particolare che , dal porto, si i trasferiva in quella via, stretta e piena di aromi, e nei carruggi che vi confluivano. Sì, personaggi come il tuo, seduti sugli usci, ce n'erano molti, cos' come prostitute e malavitosi, il mondo appunto descritto dal grande Faber.
Ecco, il tuo racconto evoca tutto ciò e mi commuove, vuoi per i personaggi ben delineati, vuoi per la vicenda, e soprattutto perchè mi riportano in un mondo perduto, quello della mia adolescenza.
Un applauso
Wow! È un onore ricevere da te il primo commento. E me lo coccolo, ben conscio che i racconti di questa rassegna sono bellissimi e difficilmente avvicinabili. Ho puntato su un aspetto che è poco battuto in questo concorso: la poetica. E vuole anche essere un doveroso omaggio a Giulia Rosati che ne ha tratto, da questo racconto, peraltro oggi un po rivisto da me, un video audio passato purtroppo in sordina qui. Caro Mario, in Via Pre (o Prè) ho trascorso qualche ora e i ricordi sono molto forti. A dodici anni sono stato avvicinato da una prostituta che mi chiedeva se avevo soldi per farmi diventare "una spada così", facendomi diventare rosso come un peperone. E sempre una prostituta, forse un anno dopo, venne a rifugiarsi dietro le mie spalle perché la "difendessi" da un pover'uomo con (mi spiace dirlo) una faccia da topo che le chiedeva di sposarlo e che si allontanava tristissimo e umiliato. E ancora ricordo di aver comprato un maglione di marca di contrabbando che arrivato a casa (botte da mia madre) si era rivelato un pacco pieno di carta e nient'altro. In questo racconto c'è Marcellino (io) con il soffio al cuore, con mia madre Giuseppina che ogni mattina mi accompagnava a scuola portandomi la cartella per non farmi affaticare, c'è mia nonna Lucia, mio zio prete Salvatore, c'è mio fratello più grande a cui voglio bene ma che non riesco a ritrovare nonostante i miei tentativi. Ho messo la mia Genova e il mio cuore qui dentro. Grazie del tuo prezioso commento, ancora più importante perché conosci la realtà di Via Prè e la confermi. Un solo curioso appunto: li chiami "carruggi". Io li chiamavo "carrugi". In internet li ho sempre letti "caruggi". Quale sarà la versione giusta? 😁
Namio Intile
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 306
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Namio Intile »

Avevo un gattino a cui toccò proprio il nome Chopin, perché aveva l'abitudine di camminare sulla tastiera del pianoforte, quando era aperto.
Un racconto gradevole, Marcello, a tratti commovente, con uno snodarsi dei ricordi mai banale.
Riesci a caratterizzare i personaggi, e a farli vivere, a renderli empatici, a emozionare chi legge, e ciò va a tuo merito.
Quindi il mio è un bravo, ma solo a metà.
Perché hai avuto per le mani un personaggio straordinario, questo Chopin dei Chiari di Luna, che ti ha permesso una chiusa formidabile: "Era già ubriaco, era un cane dalla ciucca triste e cominciò a guaire alla sua luna. In fondo era una sera come tutte le altre e a lui stringeva il bisogno di una cagnetta."
E dunque forse potevi e dovevi osare di più, e fare tuo il PdV di Chopin per raccontare questa storia. Calvino docet. Avrebbe fatto la differenza a mio avviso.
Dal punto di vista formale ti segnalo un paio di imprecisioni ricorrenti: “Woof” dimentichi il segno di interpunzione alla fine di un discorso diretto o invece, “Tienili tutti, nascondili”. “No! Stai qui! Chiamo il dottore!” apponi il segno di interpunzione fuori o dentro le virgolette. O dentro o fuori, io preferisco dentro.
Per il resto, non mi resta che farti i miei complimenti.
A rileggerti
Marcello Rizza
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 223
Iscritto il: 23/06/2015, 23:54

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Marcello Rizza »

Grazie del bel voto e della tua attenzione Namio. In realtà ancora non ho capito bene l'interpunzione nei dialoghi. Dovrò approfondire l'argomento. Perdonami, cosa vuol dire "PdV?"
Namio Intile
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 306
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Namio Intile »

Marcello Rizza ha scritto: 05/01/2021, 17:23 Grazie del bel voto e della tua attenzione Namio. In realtà ancora non ho capito bene l'interpunzione nei dialoghi. Dovrò approfondire l'argomento. Perdonami, cosa vuol dire "PdV?"
Nei discorsi diretti, è semplice, basta seguire le normali regole ortografiche, a parte un paio di eccezioni.
«Ciao, come stai?» Disse la donna.
«Io bene, grazie.»

Quanto a PdV sta per punto di vista. Ne Il sentiero dei nidi di ragno Calvino adopera la terza persona, ma opta per un narratore esterno con l'ottica di un bambino. Ed è Pin che ti porta a spasso nella Genova ancora in guerra. Un PdV vincente anche con il Barone Rampante, da molti considerato il suo capolavoro.
Se tu avessi adottato il PdV di Chopin, a mio avviso, avresti avuto più libertà nel descrivere i tuoi personaggi e le loro vicende.
Rimane comunque il punto di vista di un dilettante, prendilo per quel che è.
A rileggerti
Francesco Pino
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 138
Iscritto il: 09/05/2020, 17:55

Author's data

Re: I miracoli di Via Pre

Messaggio da leggere da Francesco Pino »

Il tuo racconto è pienamente nelle mie corde, Marcello. Una storia di bassifondi che scorre facilmente dall'inizio alla fine. Ottima la scelta dei personaggi e la loro rappresentazione, compreso il cane. Guarda, mi è piaciuta anche la descrizione del negozietto, insomma mi è piaciuto tutto. Mentre scrivo non riesco a togliermi dalla testa La città vecchia di De Andrè (la versione non censurata ovviamente), che tu hai giustamente citato.
Questa gara è pazzesca, piena di bei racconti.
Marcello Rizza
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 223
Iscritto il: 23/06/2015, 23:54

Author's data

Re: I miracoli di Via Pre

Messaggio da leggere da Marcello Rizza »

Francesco Pino ha scritto: 05/01/2021, 18:49 Il tuo racconto è pienamente nelle mie corde, Marcello. Una storia di bassifondi che scorre facilmente dall'inizio alla fine. Ottima la scelta dei personaggi e la loro rappresentazione, compreso il cane. Guarda, mi è piaciuta anche la descrizione del negozietto, insomma mi è piaciuto tutto. Mentre scrivo non riesco a togliermi dalla testa La città vecchia di De Andrè (la versione non censurata ovviamente), che tu hai giustamente citato.
Questa gara è pazzesca, piena di bei racconti.
Francesco, grazie! Forse non è un caso che i primi commenti arrivino tra coloro che stimo per la loro scrittura. Questo racconto, che è nato da una prima suggestione richiamata dal "pescatore" di De André, ha preso una sua strada completamente diversa da come voleva essere scritta. Praticamente si è scritta da sola, mischiando la mia vita, il mio percorso genovese e qualcos'altro che ancora devo indagare. Non volevo partecipare a questo impossibile concorso, veramente pregno di racconti profondi che indagano la storia e la sostanza umana, senza possibilità di far emergere altri racconti. Eppure ho sentito una mancanza, lo spazio alla poesia dei racconti. Pur conscio di essere svantaggiato ho ritenuto di giocare qui inserendo qualcosa di diverso, una favola cittadina dove possa esistere il buono filtrato anche nella desolazione. La mia carriera lavorativa nelle forze dell'ordine mi ha visto obbedire alla legge ma non mi ha impedito di formarmi una idea sulla correttezza della legge. Non approvo in nessun modo la violenza, eppure credo che la violenza debba essere indagata meglio. A rileggerti, due tuoi racconti ho letto e due racconti ho apprezzato.
Avatar utente
Roberto Bonfanti
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 450
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

Bellissimo racconto, i luoghi e la gente della Genova di De André (non si può fare a meno di menzionarlo e, in fondo, anche tu giochi con Baciccia, a un certo punto lo fai quasi diventare “il pescatore”), una Genova che, forse, non c’è più.
In parte sono d’accordo con Namio, Chopin meritava di più, ma solo perché è davvero una figura capace di rubare la scena. Anche ai pur notevoli personaggi della tua storia. Che è una bella storia, lunare e poetica, con quei “si dice”, “si racconta…”, come quando si parla di una leggenda, o di qualcosa che gli assomiglia.
Complimenti Marcello, e non dire più che sei intimidito dagli altri racconti!
Che ci vuole a scrivere un libro? Leggerlo è la fatica. (Gesualdo Bufalino)
https://chiacchieredistintivorb.blogspot.com/
Intervista su BraviAutori.it: https://www.braviautori.it/forum/viewto ... =76&t=5384
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine
Marcello Rizza
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 223
Iscritto il: 23/06/2015, 23:54

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Marcello Rizza »

Roberto Bonfanti ha scritto: 05/01/2021, 23:27 Bellissimo racconto, i luoghi e la gente della Genova di De André (non si può fare a meno di menzionarlo e, in fondo, anche tu giochi con Baciccia, a un certo punto lo fai quasi diventare “il pescatore”), una Genova che, forse, non c’è più.
In parte sono d’accordo con Namio, Chopin meritava di più, ma solo perché è davvero una figura capace di rubare la scena. Anche ai pur notevoli personaggi della tua storia. Che è una bella storia, lunare e poetica, con quei “si dice”, “si racconta…”, come quando si parla di una leggenda, o di qualcosa che gli assomiglia.
Complimenti Marcello, e non dire più che sei intimidito dagli altri racconti!
Credimi Roberto. Sto partecipando con una consapevole umiltà e con un atteggiamento giocoso. Sto leggendo qui, tra cui il tuo, bellissimi racconti. La mia timidezza non ha origine dall'insicurezza, non avrebbe senso, non mi sento e reputo scrittore. Ho tempo e voglia di scrivere. Ho solamente notato che nei splendidi racconti di questa rassegna mancava, a mio contestabile parere, una componente emotiva. E poi sono pigro. Non ero pronto a scrivere un nuovo racconto e sentivo di dare un contributo emozionante a questa rassegna. Così ho scelto di "sistemare" un racconto già scritto. Vedo una netta distinzione tra la qualità del precedente concorso e questo e, se non avessi l'unico obiettivo di giocare qui con voi, mi sarei speso questo racconto in cui credo in una competizione più facile. Io ammiro sinceramente i vostri racconti. Ammiro la vostra onestà nel giudicare e commentare un normale racconto. Grazie di avermi letto e commentato.
Laura Traverso
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 457
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

Bellissimo racconto, veramente molto bello. E poi per una genovese lo è ancora di più. Le tue descrizioni su via Pre sono molto vere, sembra di esserci e viverle le sensazioni che descrivi. La storia è amara ma anche divertente (l'unica cosa che mi ha fatto un po' male e il racconto su Chopin, sempre ubriaco, povero animale... ma ciò è una mia "debolezza" lo so bene), per il resto, tutto è perfetto, dal mio punto di vista. Quindi non posso che dirti BRAVO! e dare il massimo dei voti.
Marcello Rizza
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 223
Iscritto il: 23/06/2015, 23:54

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Marcello Rizza »

Laura Traverso ha scritto: 06/01/2021, 0:35 Bellissimo racconto, veramente molto bello. E poi per una genovese lo è ancora di più. Le tue descrizioni su via Pre sono molto vere, sembra di esserci e viverle le sensazioni che descrivi. La storia è amara ma anche divertente (l'unica cosa che mi ha fatto un po' male e il racconto su Chopin, sempre ubriaco, povero animale... ma ciò è una mia "debolezza" lo so bene), per il resto, tutto è perfetto, dal mio punto di vista. Quindi non posso che dirti BRAVO! e dare il massimo dei voti.
Ciao Laura. Invece sono io sorpreso di trovare tanti genovesi in questa rassegna. Detto da un genovese, Genovese, che vive ormai lontano dalla sua terra d'origine. La storia di Chopin è volutamente importante eppure anche marginale. Non amo la personalizzazione "umana" dell'animale, credo che la natura animale debba essere compresa come importante e debitrice di tutela da parte dell'uomo. Il pathos che attiene all'uomo, e anche la propria debolezza, merita uno spazio essenziale, anche se non efficace ai fini del racconto. E Chopin entra in campo con una sua dignità, con la sua capacità di guaire poetico, calato in un contesto di malaffare dove vive e quando ha qualcosa da insegnarci a livello istintivo. La sua importanza è innegabile, il racconto inizia e conclude con lui, ma la storia parla di umani alla deriva che meritano poesia, per lo meno è il mio modesto intento. Grazie di avermi letto e gradito. Un abbraccio.
Avatar utente
Massimo Baglione
rank (info):
Site Admin
Messaggi: 9423
Iscritto il: 11/04/2007, 12:20
Località: Belluno
Contatta:

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Massimo Baglione »

Namio Intile ha scritto: 05/01/2021, 17:51 Nei discorsi diretti, è semplice, basta seguire le normali regole ortografiche, a parte un paio di eccezioni.
«Ciao, come stai?» Disse la donna.
«Io bene, grazie.»
In realtà, questo punto è sempre molto in discussione.
Scolasticamente parlando, è come dice Namio, ma in editoria è sempre meglio chiedere prima: ci sono editori che usano i «sergenti», chi le "virgolette" come ha fatto qui Marcello e chi preferisce, come per esempio me, i — trattini lunghi —, che differiscono dagli altri segni dal fatto che se il trattino di chiusura si trova a fine frase, si omette.
Io addirittura ho tanto da obiettare anche sull'uso delle maiuscole e della punteggiatura nel normale uso dei dialoghi, dubbi che ho riassunto nel BA Style :-)
Qui, nelle Gare, sentitevi liberi di usare il tipo di segni dei dialoghi che preferite, ci mancherebbe.
Altro discorso è la punteggiature. Quella sì, curatela bene, per favore, e seguite qualsiasi segnalazione vi venga offerta da chi vi legge e commenta.
Immagine

Immagine <<< io sono nel Club dei Recensori di BraviAutori.it.

Immagine

www.massimobaglione.org
Andr60
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 139
Iscritto il: 15/11/2019, 15:45

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Andr60 »

A parte il cane alticcio e l'ambientazione alla De André, non so come ma questo vecchietto me lo immagino con la faccia di Gilberto Govi: capace di parlare alzando un sopracciglio, pur rimanendo in silenzio.
Voto alto
Marcello Rizza
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 223
Iscritto il: 23/06/2015, 23:54

Author's data

Re: I miracoli di Via Pre

Messaggio da leggere da Marcello Rizza »

Ciao Andr. Pur guardando con simpatia alla tua suggestione, sorrido pensando al volto di Govi, diciamo che Gilberto era un incredibile e buffissimo chiacchierone. Resterà nell'eccellenza del teatro e nella mia memoria il suo spettacolare "I manezzi pe majâ na figgia" (i maneggi per maritare una figlia). Grazie di avermi letto e gradito.
Roberto Virdo'
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 180
Iscritto il: 08/06/2020, 11:04

Author's data

Re: I miracoli di Via Pre

Messaggio da leggere da Roberto Virdo' »

"Col cavolo!" disse lui alla platea, che di colpo si fece muta. Ma non si scompose e, in un frammento di tempo paragonabile a un battito di ciglia, continuò e concluse deciso: "Col cavolo che partecipo alla Gara d'Inverno 2020/2021 con questi racconti che girano."
E ora serio, Marcello. Bravo, bravo, bravissimo. Mi sono commosso, non voglio usare giri di parole per descrivere ciò che resta di una semplicità folle: suscitare un'emozione e di tale intensità non può essere frutto del solo mestiere (padronanza dell'arte che, mi sembra, hai dimostrato fin troppo). Hai avuto un grande coraggio, forse il più grande, quello della condivisione, in assoluto ciò che apprezzo di più. Sei stato delicato e forte, proprio un piccolo capolavoro. Peraltro, dopo aver letto tutti i commenti, ognuno degno di attenzione a dimostrazione dell'ottimo scritto, mi resta questa voglia di brindare con te con un Oro Pilla, il cui profumo, tu c'insegni, è d'altri tempi. Concordo con Roberto Bonfanti: questa storia di essere intimidito dagli altri racconti deve finire. Sapessi quanto sono intimidito io a leggere questo tuo, e anche gli altri. L'appunto di Namio è molto molto interessante sul cambio di prospettiva, anche se non facile da realizzare. Andr60, come spesso riesce a fare, ha saputo come una lente d'ingrandimento convogliare i fasci di luce focalizzandoli in un'immagine molto bella, e lo dico dopo essermi documentato essendo io "solo" romano - tra l'altro, post litteram -. Genova dev'essere una gran bella città, da come racconti, bella quando scendi in profondità. Insomma non da bionda mozzafiato, ma di quelle che quando stai solo ci pensi e ti sorprende. E chissà che un giorno non potrò togliermi lo sfizio di venire a visitare qualche negozietto come quello che descrivi tu.
Perfetto Marcello, per quanto mi riguarda. Uno stile invidiabile, si vede che c'è ispirazione e competenza da vendere. Se proprio devo dire una cosa che non influisce sul mio giudizio ultra positivo, trattandosi di quella sfera personalissima di sensibilità e gusto, insomma la solita "sconsiderazione", Dolores se ne poteva stare dove stava e difatti, come puoi ben vedere, Chopin - grazie anche a una saggezza che oserei definire etilica - non si è scomposto più di tanto.
Bravo, bravissimo. Te lo dice un non partecipante, col cavolo.
Marcello Rizza
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 223
Iscritto il: 23/06/2015, 23:54

Author's data

Re: I miracoli di Via Pre

Messaggio da leggere da Marcello Rizza »

Roberto, i tuoi commenti sono una panacea contro l'insicurezza e la depressione. A parte gli scherzi, ti ringrazio molto della tua generosità. Ero (e sono) sincero quando ho scritto che valutavo l'opportunità o meno di partecipare a questo concorso. Avevo letto racconti importanti e storicamente approfonditi e mi adopero per mantenere il giusto rispetto nei confronti degli altri lavori e la modestia nei confronti dei miei. Quando per due mesi, lo scorso concorso, sono rimasto "in cima" stavo perdendo un poco il valore dell'equilibrio. Poi sono spuntati i vostri bellissimi racconti e, dopo uno smarrimento iniziale e alcune parole di Mariovaldo che riportava tutto a un gioco, mi sono finalmente divertito anche a arrivare quarto. È con questo spirito giocoso che mi sono deciso a partecipare, conscio di avere a che fare con racconti di altri veramente scritti bene e originali. Poi, ormai, hai letto qualche mio componimento, sai cosa mi piace scrivere, leggere, sentire. In questa rassegna ci trovavo approfondimento, indagine nella storia, dolori ma sentivo la mancanza di ciò che a me emoziona:in qualche modo la poesia e l'incanto. Da qui la decisione mia, per movimentare i racconti, di pubblicare qui questo mio scritto. La differenza dallo scorso concorso, il primo a cui partecipavo, è proprio la dimensione giocosa con cui mi ci sono approcciato, senza aspettative. Entrando nelle tue note, direi che Genova è proprio bella, più bella delle prostitute sfatte raccontate da De André. Chissà, magari ci metteremo d'accordo e ci troveremo lì, ti porterò in Via Prè e guarderemo assieme i nonni, ma soprattutto le prostitute (con occhio scientifico) che siedono fuori dalle loro case sperando in clienti. Ma poi ti porterò al porto, a Carignano, a vedere San Lorenzo, gli splendidi palazzi di Via Roma, il lungomare e Boccadasse, Castelletto, l'ultima funivia a acqua rimasta in Italia, Righi, Staglieno...e non smetterei. Se avessi scelto la prospettiva di Chopin avrei dovuto (o potuto) scrivere un altro racconto, è un aspetto della scrittura che ancora non ho approfondito e che non so se ne sono capace di far "parlare" un animale senza umanizzarlo. Dolores...ecco, mi occorreva per perfezionare i piccoli miracoli di Via Prè. Ok, ora mi congedo ma, visto che stiamo giocando, dopo il commento anche votami. 😁
Roberto Virdo'
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 180
Iscritto il: 08/06/2020, 11:04

Author's data

Re: I miracoli di Via Pre

Messaggio da leggere da Roberto Virdo' »

Sarebbe bellissimo vedere Genova, capoluogo di una regione che peraltro ho vissuto solo di passaggio. E fa sempre piacere ricevere una descrizione così appassionata: sta proprio qui la differenza con una "guida", anche la migliore. Un po' come nei racconti, a volte ci vedi quella partecipazione che sa "farti salire a bordo", che ti trasporta.
Ma non voglio rubare spazio agli altri, quindi termino qui, non prima però di rispondere al tuo invito sul voto: al momento sto dando un contributo come "battitore libero". Potrebbe essere un'idea per costituire giurie provvisorie di non partecipanti a ogni gara? Semmai però dovessi decidermi per il voto, correttamente lo farei con tutti. A presto!
Avatar utente
Liliana Tuozzo
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 118
Iscritto il: 18/03/2010, 17:09

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Liliana Tuozzo »

Grazie per questo racconto molto bello, credo tra i tuoi più belli che ho letto. Sembra un affresco, uno spaccato di vita. I personaggi specie il vecchio sono delineati con tutte le loro caratteristiche che tengono a renderli familiari, il cane è l' amico perfetto per un uomo solo e se diventa anche compagno di bevute lo è ancora di più. Il miracolo che si compie è quello dell' amore verso gli altri: verso l' uomo che fugge e la figlia che torna, verso la vicina che finalmente gli rivela l'ingrediente segreto anche questo fa parte del "miracolo". Non trovo imprecisioni nella tua scrittura. Bravo.
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Marcello Rizza
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 223
Iscritto il: 23/06/2015, 23:54

Author's data

Re: I miracoli di Via Pre

Messaggio da leggere da Marcello Rizza »

Ciao Liliana. Questo racconto, che peraltro sta raccogliendo consensi insperati e graditi, come ho già scritto sopra, mi piace pensare che si sia scritto da solo. Nasce dall'intuizione di descrivere un vecchio, un personaggio che avevo trovato su un fumetto. L'avevo cominciato descrivendolo in un quadro collocato nel quartiere arabo di Siviglia, città che amo, ma senza nemmeno accorgermi mi è scappato di mano e da Siviglia il vecchietto ha scelto invece di vivere a Genova in un ambiente che conosco meglio. E sai...se lui voleva vivere a Genova chi ero io per impedirglielo? Grazie di avermi letto e gradito.
Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 551
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

in effetti, leggere il racconto è stato come ascoltare una storia di de andrè, pari pari.
in quei vicoli di Genova che sanno nascondere ogni cosa e ogni cosa sanno offrire.
bella la storia, ben scritta e con ottime descrizioni.
i poche refusi te li ha segnalati Namio, quindi ti faccio solo i complimenti
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Marcello Rizza
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 223
Iscritto il: 23/06/2015, 23:54

Author's data

Re: I miracoli di Via Pre

Messaggio da leggere da Marcello Rizza »

Grazie Fausto. Mi potresti segnalare i refusi così li sistemo? Quelli segnalatimi da Namio li avevo già corretti. Grazie. 🤗
Lucia De Falco
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 138
Iscritto il: 08/03/2020, 14:37

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Lucia De Falco »

È un testo che sa equilibrare con maestra i vari momenti della narrazione: la parte iniziale, in cui viene presentata l"ambientazione ed i personaggi, l'episodio centrale, narrato con rapidi schizzi, e il lieto fine, inaspettato.
I personaggi sono tratteggiati abilmente, in particolare il vecchio col suo strabismo e il suo mutismo, da cui esce miracolosamente. La scena della fuga poi sembra quella di un film, si riesce ad immaginare il sorriso del vecchio, che in un lampo rivela la menzogna detta. Caratteristica è anche la vicina con il segreto della sua zuppa alla genovese.
Marcello Rizza
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 223
Iscritto il: 23/06/2015, 23:54

Author's data

Re: I miracoli di Via Pre

Messaggio da leggere da Marcello Rizza »

Grazie Lucia del tuo prezioso e utile commento. Anche del tuo voto generoso. Sto seguendo questa rassegna e stanno venendo fuori ottimi racconti. Avrai da divertirti. A presto. 🤗
Nando71
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 42
Iscritto il: 07/01/2021, 1:04
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Nando71 »

Un racconto davvero bellissimo, una trama semplice che non si legge tutta d'un fiato ma si assapora lentamente parola per parola per far sì che in mente si componga la materializzazione dei luoghi e dei personaggi. Questo è ciò che ha impresso in me e da cui ho solo da imparare. Complimenti.
Marcello Rizza
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 223
Iscritto il: 23/06/2015, 23:54

Author's data

Re: I miracoli di Via Pre

Messaggio da leggere da Marcello Rizza »

Ciao Nando, e grazie di avermi letto e commentato. E complimenti per il tuo esordio.
Selene Barblan
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 496
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Molto bello! Non conosco Genova, penso che l'ultima volta che ho camminato per le sue strade andavo al liceo. Col tuo racconto però ci sono entrata in pieno, in quel quartiere, hai saputo dare un quadro davvero vivido. La storia è semplice ma allo stesso tempo ricca, grazie ai dettagli ben dosati; i personaggi sono tratteggiati bene e devo dire che il cagnetto sembra davvero simpatico. Mi è piaciuto molto.
Rispondi

Torna a “Gara d'inverno, 2020/2021”



Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


BReVI AUTORI - volume 1

BReVI AUTORI - volume 1

collana antologica multigenere di racconti brevi

BReVI AUTORI è una collana di libri multigenere, ad ampio spettro letterario. I quasi cento brevi racconti pubblicati in ogni volume sono suddivisi usando il seguente schema ternario:

Fantascienza + Fantasy + Horror
Noir + Drammatico + Psicologico
Rosa + Erotico + Narrativa generale

La brevità va a pari passo con la modernità, basti pensare all'estrema sintesi dei messaggini telefonici o a quelli usati in internet da talune piattaforme sociali per l'interazione tra utenti. La pubblicità stessa ha fatto della brevità la sua arma più vincente, tentando (e spesso riuscendo) in pochi attimi di convincerci, di emozionarci e di farci sognare.
Ma gli estremismi non ci piacciono. Il nostro concetto di brevità è un po' più elastico di un SMS o di un aforisma: è un racconto scritto con cura in appena 2500 battute (sì, spazi inclusi).
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Fausto Scatoli. Giorgio Leone, Annamaria Vernuccio, Luca Franceschini, Alphaorg, Daniel Carrubba, Francesco Gallina, Serena Barsottelli, Alberto Tivoli, Giuseppe C. Budetta, Luca Volpi, Teresa Regna, Brenda Bonomelli, Liliana Tuozzo, Daniela Rossi, Tania Mignani, Enrico Teodorani, Francesca Paolucci, Umberto Pasqui, Ida Dainese, Marco Bertoli, Eliseo Palumbo, Francesco Zanni Bertelli, Isabella Galeotti, Sandra Ludovici, Thomas M. Pitt, Stefania Fiorin, Cristina Giuntini, Giuseppe Gallato, Marco Vecchi, Maria Lipartiti, Roberta Eman, Lucia Amorosi, Salvatore Di Sante, Valentina Iuvara, Renzo Maltoni, Andrea Casella.
Vedi ANTEPRIMA (1,41 MB scaricato 137 volte).
info e commenti compralo su   amazon

BReVI AUTORI - volume 2

BReVI AUTORI - volume 2

collana antologica multigenere di racconti brevi

BReVI AUTORI è una collana di libri multigenere, ad ampio spettro letterario. I quasi cento brevi racconti pubblicati in ogni volume sono suddivisi usando il seguente schema ternario:

Fantascienza + Fantasy + Horror
Noir + Drammatico + Psicologico
Rosa + Erotico + Narrativa generale

La brevità va a pari passo con la modernità, basti pensare all'estrema sintesi dei messaggini telefonici o a quelli usati in internet da talune piattaforme sociali per l'interazione tra utenti. La pubblicità stessa ha fatto della brevità la sua arma più vincente, tentando (e spesso riuscendo) in pochi attimi di convincerci, di emozionarci e di farci sognare.
Ma gli estremismi non ci piacciono. Il nostro concetto di brevità è un po' più elastico di un SMS o di un aforisma: è un racconto scritto con cura in appena 2500 battute (sì, spazi inclusi).
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Ida Dainese, Daniele Missiroli, Fausto Scatoli, Angela Di Salvo, Francesco Gallina, Thomas M. Pitt, Milena Contini, Massimo Tivoli, Franca Scapellato, Vittorio Del Ponte, Enrico Teodorani, Umberto Pasqui, Selene Barblan, Antonella Jacoli, Renzo Maltoni, Giuseppe Gallato, Mirta D, Fabio Maltese, Francesca Paolucci, Marco Bertoli, Maria Rosaria Del Ciello, Alberto Tivoli, Debora Aprile, Giorgio Leone, Luca Valmont, Letteria Tomasello, Alberto Marcolli, Annamaria Vernuccio, Juri Zanin, Linda Fantoni, Federico Casadei, Giovanna Evangelista, Maria Elena Lorefice, Alessandro Faustini, Marilina Daniele, Francesco Zanni Bertelli, Annarita Petrino, Roberto Paradiso, Alessandro Dalla Lana, Laura Traverso, Antonio Mattera, Iunio Marcello Clementi, Federick Nowir, Sandra Ludovici.
Vedi ANTEPRIMA (177,17 KB scaricato 115 volte).
info e commenti compralo su   amazon

La Paura fa 90

La Paura fa 90

90 racconti da 666 parole

Questo libro è una raccolta dei migliori testi che hanno partecipato alla selezione per l'antologia La Paura fa 90. Ci sono 90 racconti da non più di 666 parole. A chiudere l'antologia c'è un bellissimo racconto del maestro dell'horror Danilo Arona. Leggete questa antologia con cautela e a piccole dosi, perché altrimenti correte il rischio di avere terribili incubi!
A cura di Alessandro Napolitano e Massimo Baglione.

Contiene opere di: Maria Arca, Pia Barletta, Ariase Barretta, Cristiana Bartolini, Eva Bassa, Maria Cristina Biasoli, Patrizia Birtolo, Andrea Borla, Michele Campagna, Massimiliano Campo, Claudio Candia, Carmine Cantile, Riccardo Carli Ballola, Matteo Carriero, Polissena Cerolini, Tommaso Chimenti, Leonardo Colombi, Alessandro M. Colombo, Lorenzo Coltellacci, Lorenzo Crescentini, Igor De Amicis, Diego Di Dio, Angela Di Salvo, Stefano di Stasio, Bruno Elpis, Valeria Esposito, Dante Esti, Greta Fantini, Emilio Floretto Sergi, Caterina Franciosi, Mario Frigerio, Riccardo Fumagalli, Franco Fusè, Matteo Gambaro, Roberto Gatto, Gianluca Gendusa, Giorgia Rebecca Gironi, Vincenza Giubilei, Emiliano Gotelli, Fabio Granella, Mauro Gualtieri, Roberto Guarnieri, Giuseppe Guerrini, Joshi Spawnbrød, Margherita Lamatrice, Igor Lampis, Tania Maffei, Giuseppe Mallozzi, Stefano Mallus, Matteo Mancini, Claudia Mancosu, Azzurra Mangani, Andrea Marà, Manuela Mariani, Lorenzo Marone, Marco Marulli, Miriam Mastrovito, Elisa Matteini, Raffaella Munno, Alessandro Napolitano, Roberto Napolitano, Giuseppe Novellino, Sergio Oricci, Amigdala Pala, Alex Panigada, Federico Pergolini, Maria Lidia Petrulli, Daniele Picciuti, Sonia Piras, Gian Filippo Pizzo, Lorenzo Pompeo, Massimiliano Prandini, Marco Ricciardi, Tiziana Ritacco, Angelo Rosselli, Filippo Santaniello, Gianluca Santini, Emma Saponaro, Francesco Scardone, Giacomo Scotti, Ser Stefano, Antonella Spennacchio, Ilaria Spes, Antonietta Terzano, Angela Maria Tiberi, Anna Toro, Alberto Tristano, Giuseppe Troccoli, Cosimo Vitiello, Alain Voudì, Danilo Arona.
Vedi ANTEPRIMA (1,10 MB scaricato 677 volte).
info e commenti compralo su   amazon




Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 15 - Risorse a piccoli sorsi

La Gara 15 - Risorse a piccoli sorsi

(luglio/agosto 2010, 60 pagine, 845,46 KB)

Autori partecipanti: Cmt, Gloria, Arianna, SerStefano, Arditoeufemismo, hellies15, Giacomo Scotti, Carlocelenza, Vit, Manuela, Daniela F, Vecchiaziapatty, pieromacrelli, Gigliola, Biancaspina, Titty Terzano, Michele,
A cura di Mastronxo.
Scarica questo testo in formato PDF (845,46 KB) - scaricato 411 volte.
oppure in formato EPUB (487,29 KB) (vedi anteprima) - scaricato 211 volte..
Lascia un commento.

Gara d'estate 2020 - Anniversari, e gli altri racconti

Gara d'estate 2020 - Anniversari, e gli altri racconti

(estate 2020, 45 pagine, 516,87 KB)

Autori partecipanti: Andrepoz, Mariovaldo, Namio Intile, Selene Barblan, Roberto, Roberto Virdo', Lodovico, Carol Bi, Fausto Scatoli, Laura Traverso,
a cura di Massimo Baglione.
Scarica questo testo in formato PDF (516,87 KB) - scaricato 18 volte.
oppure in formato EPUB (389,76 KB) (vedi anteprima) - scaricato 10 volte..
Lascia un commento.

La Gara 33 - Dica 33!

La Gara 33 - Dica 33!

(settembre/ottobre 2012, 55 pagine, 711,52 KB)

Autori partecipanti: Lodovico, , Ser Stefano, Monica Porta may bee, Nathan, Skyla74, Licetti, Roberta Michelini, Cordelia, Tuarag, Mastronxo, Paride Bastuello, Isabella Galeotti, Angela Di Salvo, Lorella15, Recenso,
A cura di Ser Stefano.
Scarica questo testo in formato PDF (711,52 KB) - scaricato 159 volte.
oppure in formato EPUB (856,50 KB) (vedi anteprima) - scaricato 232 volte..
Lascia un commento.