Joe Cava e le Alette di Pollo

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'inverno 2020/2021.

Sondaggio

1 - non mi piace affatto
0
Nessun voto
2 - mi piace pochino
3
27%
3 - si lascia leggere
8
73%
4 - è bello
0
Nessun voto
5 - mi piace tantissimo
0
Nessun voto
 
Voti totali: 11

GeraGera
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 2
Iscritto il: 26/12/2015, 18:51

Author's data

Joe Cava e le Alette di Pollo

Messaggio da leggere da GeraGera »


Si chiamava Joe Cava, era un vecchio e schivo con una voglia irrefrenabile di non fare un cazzo. Aveva da poco iniziato a lavorare presso un Fast Food con servizio a domicilio, di quelli che friggono alette di pollo, pollo finto, pollo scoppiettante, pollo alla merda e così via. Nella piccola città di Los Cabesas, proprio sul confine di non so quale stato, Joe tutti i santi giorni prendeva la sua macchina trasandata (ricordo ancora adesso che era una Chevrolet Bel Air di non so che anno, ereditata da suo padre un vecchio venditore di auto nello Utah) e si recava in quello squallido e puzzolente Fast Food di sole alette di pollo. L'odore nauseante di quella frittura fatta forse con olio di una Chevrolet Bel Air, era ormai impressa su tutto il vicinato e su tutte le mura di quella squallida cittadina.
 Prese una chiamata al Fast Food, pensava fosse la solita ordinazione, e invece era la solita dannata ordinazione ma questa volta un po' diversa, di quelle che non si dimenticano tanto facilmente neanche grazie a quella frittura di pollo che ormai aveva riempito ogni singolo neurone del suo cervello.
 Il tizio dall'altra parte della cornetta ordinò, dodici alette di pollo e una 7up, da consegnare il prima possibile presso il Motel sull'unica strada che percorreva da Nord a Sud quella squallida cittadina di Los Cabesas. Joe finì di friggere le ultime alette le infilò nel cartone e partì a tutta birra anzi a tutta 7up con la sua Bel Air. Arrivato al Motel, presso la reception un tizio dai lunghi baffi e totalmente sbronzo gli indicò quale stanza aveva ordinato.Joe si avvicinò alla porta del Motel con l'aria di chi sapeva che sarebbe successo qualcosa, pensando che "la miglior arma è la fuga", senza sapere però che da lì in poi la sua vita sarebbe cambiata. Aprì la porta un tizio distinto in abito elegante, aveva tutto meno che la faccia da bravo ragazzo, era tutto sporco di rosso dalla faccia ai piedi ma ancora lucido da pagare il suo pranzo. Solo pochi minuti e Joe salì sulla sua auto e schiacciando fino in fondo l'acceleratore scomparve in una nuvola di fumo fatta di pneumatici di quella Bel Air ancora funzionante.
 Per giorni Joe aveva impressa nella sua mente quella faccia e quella scena scioccante e terribile, ancora non aveva capito come quell'uomo così distinto potesse aver commesso qualcosa. Forse non era neanche un omicidio o un regolamento di conti, forse era una lotta all'ultimo Ketchup con le alette di pollo. Non aveva ancora capito tutto questo, ma non aveva lasciato il suo lavoro, le sue alette ancora lo aspettavano tutte intrise di olio e burro.
 Erano passati giorni da quella spiacevole vicenda ed era un giorno come un altro a Los Cabesas ma solo per poco perché la polizia aveva trovato proprio in quel Motel un corpo di un uomo tutto sporco di rosso dalla faccia ai piedi ma ancora lucido da pagare il suo pranzo che giaceva sul letto con accanto una 7up e undici alette di pollo (erano i soli indizi che la polizia aveva trovato) e che riconducevano proprio a Joe Cava.
 La polizia lo interrogò per tutto il giorno ma l'unica prova che scagionava il vecchio Joe era l'aletta di pollo in più che non venne trovata sulla scena di quel macabro omicidio. Per tutto il resto della sua vita Joe non riuscì a capire che fine avesse fatto quell' aletta di pollo che lo salvò dall'accusa di omicidio e dalla pena di morte. Negli ultimi anni cercò di trovare, anche tramite l'aiuto della polizia, l'aletta di pollo che lo aveva salvato ma niente, nessuno riuscì a risolvere il caso e da quel giorno alla cittadina di Los Cabesas venne dedicato un film intitolato "Joe Cava e l'aletta di pollo perduta".
Ultima modifica di GeraGera il 15/01/2021, 19:25, modificato 6 volte in totale.
Avatar utente
Massimo Baglione
rank (info):
Site Admin
Messaggi: 9444
Iscritto il: 11/04/2007, 12:20
Località: Belluno
Contatta:

Author's data

Re: Joe Cava e le Alette di Pollo

Messaggio da leggere da Massimo Baglione »

GeraGera, l'altro racconto che avevi messo qui in Gara l'ho cancellato, perché si partecipa solo con un testo per stagione (leggi il regolamento).
Immagine

Immagine <<< io sono nel Club dei Recensori di BraviAutori.it.

Immagine

www.massimobaglione.org
Lucia De Falco
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 141
Iscritto il: 08/03/2020, 14:37

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Lucia De Falco »

Il titolo incuriosisce e, alla fine, si capisce il motivo di tale scelta. Il protagonista viene descritto, inizialmente, come un fannullone, un perditempo. Il linguista è adatto al personaggio. Poi si passa ad introdurre l'episodio centrale e il finale fa sorridere. Il testo è scorrevole e regala leggerezza.
Lucia De Falco
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 141
Iscritto il: 08/03/2020, 14:37

Author's data

Re: Joe Cava e le Alette di Pollo

Messaggio da leggere da Lucia De Falco »

Il linguaggio è adatto al personaggio.
Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 564
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

soprattutto nella prima parte ci sono svariati errori e refusi, dalla punteggiatura alle d eufoniche e così via.
la storia è simpatica e anche piuttosto originale, vista l'ambientazione.
ci sono dei passaggi divertenti, con ottimi spunti, ma ve ne sono altri che lasciano a desiderare.
una revisione generale lo può far diventare un bel lavoro
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Francesco Pino
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 139
Iscritto il: 09/05/2020, 17:55

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Francesco Pino »

Come ti hanno scritto ci sono degli errori e poi c'è una cosa all'inizio che disturba: "i pensieri che vorrei scrivere non sono del tutto uguali a quelli che il tuo minuscolo e sconfinato cervello…" credo che non dovresti passare dalla prima persona alla seconda.
Per il resto ci sono un paio di spunti simpatici, mi ha fatto sorridere l'olio di Chevrolet nel contesto.
Avatar utente
Liliana Tuozzo
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 132
Iscritto il: 18/03/2010, 17:09

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Liliana Tuozzo »

Un racconto divertente, simpatico, in alcuni punti poco fluido.Io avrei cominciato direttamente da:/Si chiamava Joe Cava.ecc..
Il racconto ha un bel ritmo tra ironico e scanzonato. Carino il finale, per fortuna il vecchio Joe se la cava. A rileggerti.
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Nando71
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 47
Iscritto il: 07/01/2021, 1:04
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Nando71 »

Il titolo mi ha subito incuriosito, credevo si trattasse di un racconto ironico e comico. Invece già dalle prime battute comprendo che la storia è di tutt'altro tenore. Mi piace il linguaggio metropolitano, duro e realistico. Il racconto si lascia leggere piacevolmente con un finale appropriato.
Avatar utente
Roberto Bonfanti
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 453
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

Il racconto ha un tono surreale e ironico fin dal titolo, in generale usa il meccanismo del nonsense per giocare con gli stereotipi di generi letterari e cinematografici americani, quindi globali.
Ci sono delle cose da sistemare, per esempio nel prologo, che sembra una specie di sarcastico manifesto letterario dell’autore, si passa con un po’ troppa disinvoltura dalla prima alla seconda persona. Qualche ripetizione e alcuni termini poco consoni (regolazione di conti – forse è meglio regolamento).
A rileggerti
Ultima modifica di Roberto Bonfanti il 11/01/2021, 17:25, modificato 1 volta in totale.
Che ci vuole a scrivere un libro? Leggerlo è la fatica. (Gesualdo Bufalino)
https://chiacchieredistintivorb.blogspot.com/
Intervista su BraviAutori.it: https://www.braviautori.it/forum/viewto ... =76&t=5384
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine
Selene Barblan
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 511
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Il titolo, trovo, cattura l'attenzione; anche il racconto è piuttosto interessante e mi piacerebbe anche abbastanza, sia per lo stile che per ciò che, credo, vuoi trasmettere. Ci sono però diverse imprecisioni che mi hanno un pò infastidito, leggendolo. Solo per dare un esempio: "Si avvicinò davanti alla porta", mi suona male. Andrebbe sistemato un pò, inoltre il finale non mi convince.
Namio Intile
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 310
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Namio Intile »

Più che surreale o ironico, direi di genere umoristico.
Jo Cava è un tipo sconclusionato come la storia che racconta di lui, un po' senza capo né coda. Il titolo allude a qualcosa, come l'aletta di pollo perduta che, non si sa per quale motivo, dovrebbe scagionarlo dall'essere lui l'omicida di quel tipo non meglio descritto
Divertente e scanzonato, ma con punteggiatura e lessico da rivedere in modo serio, si lascia leggere, non credo ricordare.
A rileggerti, e dico sul serio
Ilario Iradei
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 21
Iscritto il: 14/02/2020, 9:06

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Ilario Iradei »

Giocava alla ricerca dell'arca perduta. Esilerante il titolo, che vale quanto l'intero racconto, che gioca con il lettore con l'unico intento possibile che è quello di divertirlo.
Buon testo ben scritto, voto positivo.
A rileggerti
RobertoBecattini
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 11
Iscritto il: 25/11/2018, 0:46

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da RobertoBecattini »

Mi è piaciuto per lo stile e l'ambientazione. Tuttavia ho fatto fatica a leggerlo a causa della sintassi un po' ingarbugliata in alcuni punti. Devi operare una attenta revisione, ma come storia non è male. Riporto un esempio: "Forse non so, ma Joe aveva l'aria di uno che sapeva che di lì a poco sarebbe successo qualcosa, di quelle arie della serie si avvicinò alla porta di quel Motel e , ma lui ancora non lo sapeva".
Proposta:
Joe si avvicinò alla porta del Motel con l'aria di chi sapeva che sarebbe successo qualcosa, pensando che "la miglior arma è la fuga", senza sapere però che da lì in poi la sua vita sarebbe cambiata.

Insomma in alcuni punti prova a semplificare e riordinare, spero di non essere stato troppo invasivo. Ne guadagnerebbe la scorrevolezza della lettura.
Stefyp
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 225
Iscritto il: 26/07/2019, 18:48

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Stefyp »

Per prima cosa procederei con una bella revisione: tempi verbali, punteggiatura, ripetizioni. Sistemato tutto questo già il racconto si farebbe più godibile. Perché non è male, il personaggio è ben caratterizzato e anche l'ambiente. A essere sincera non ho capito bene il finale: perché l'aletta di pollo lo scagionerebbe? Se una ragione c'è e semplicemente io non l'ho capita, poco male. Se invece non c'è e vuole essere solo un finale surreale, la scelta non mi trova molto d'accordo.
Rispondi

Torna a “Gara d'inverno, 2020/2021”



Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


I sogni di Titano

I sogni di Titano

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
Il "cubo sognatore" su Titano aveva rivelato una verità sconvolgente sull'Umanità, sulla Galassia e, in definitiva, sull'intero Universo, una verità capace di suscitare interrogativi sufficienti per una vita intera. Come poteva essere bonariamente digerito il concetto che la nostra civiltà, la nostra tecnologia e tutto ciò che riguardava l'Umanità… non esisteva?
"Siamo solo… i sogni di Titano", aveva riportato il comandante Sylvia Harrison dopo il primo contatto col cubo, ma in che modo avrebbe potuto l'orgoglio dell'Uomo accettarlo? Ovviamente, l'insaziabile sete di conoscenza dell'Essere umano anelava delle risposte, e la sua naturale curiosità non poteva che spingerlo alla ricerca dell'origine del cubo e delle ragioni della sua peculiare funzione.
Gli autori GLAUCO De BONA (vincitore del Premio Urania 2013) e MASSIMO BAGLIONE (amministratore di BraviAutori.it) vi presentano una versione alternativa del "Tutto" che vi lascerà senza parole. Di Glauco De Bona e Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (203,77 KB scaricato 27 volte).
info e commenti compralo su   amazon

Blue Bull

Blue Bull

Poliziesco ambientato a Chicago e Nuovo Messico

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
Un poliziesco vecchio stile, cazzuto, ambientato un po' a Chicago e un po' in New Mexico, dove un poliziotto scopre di avere un figlio già adulto e, una volta deciso di conoscerlo, si accorgerà che non sarà così semplice. Una storia dura e forse anche vera.
Frank Malick, attempato sergente della polizia di Chicago, posto finalmente di fronte alle conseguenze d'una sua mancanza commessa molti anni prima, intraprende un viaggio fino in Nuovo Messico alla ricerca di qualcosa a metà tra il perdono delle persone che aveva fatto soffrire e la speranza di un'improbabile redenzione.
Di Massimo Baglione e Cataldo Balducci.
Vedi ANTEPRIMA (482,65 KB scaricato 220 volte).
info e commenti compralo su   amazon

La Paura fa 90

La Paura fa 90

90 racconti da 666 parole

Questo libro è una raccolta dei migliori testi che hanno partecipato alla selezione per l'antologia La Paura fa 90. Ci sono 90 racconti da non più di 666 parole. A chiudere l'antologia c'è un bellissimo racconto del maestro dell'horror Danilo Arona. Leggete questa antologia con cautela e a piccole dosi, perché altrimenti correte il rischio di avere terribili incubi!
A cura di Alessandro Napolitano e Massimo Baglione.

Contiene opere di: Maria Arca, Pia Barletta, Ariase Barretta, Cristiana Bartolini, Eva Bassa, Maria Cristina Biasoli, Patrizia Birtolo, Andrea Borla, Michele Campagna, Massimiliano Campo, Claudio Candia, Carmine Cantile, Riccardo Carli Ballola, Matteo Carriero, Polissena Cerolini, Tommaso Chimenti, Leonardo Colombi, Alessandro M. Colombo, Lorenzo Coltellacci, Lorenzo Crescentini, Igor De Amicis, Diego Di Dio, Angela Di Salvo, Stefano di Stasio, Bruno Elpis, Valeria Esposito, Dante Esti, Greta Fantini, Emilio Floretto Sergi, Caterina Franciosi, Mario Frigerio, Riccardo Fumagalli, Franco Fusè, Matteo Gambaro, Roberto Gatto, Gianluca Gendusa, Giorgia Rebecca Gironi, Vincenza Giubilei, Emiliano Gotelli, Fabio Granella, Mauro Gualtieri, Roberto Guarnieri, Giuseppe Guerrini, Joshi Spawnbrød, Margherita Lamatrice, Igor Lampis, Tania Maffei, Giuseppe Mallozzi, Stefano Mallus, Matteo Mancini, Claudia Mancosu, Azzurra Mangani, Andrea Marà, Manuela Mariani, Lorenzo Marone, Marco Marulli, Miriam Mastrovito, Elisa Matteini, Raffaella Munno, Alessandro Napolitano, Roberto Napolitano, Giuseppe Novellino, Sergio Oricci, Amigdala Pala, Alex Panigada, Federico Pergolini, Maria Lidia Petrulli, Daniele Picciuti, Sonia Piras, Gian Filippo Pizzo, Lorenzo Pompeo, Massimiliano Prandini, Marco Ricciardi, Tiziana Ritacco, Angelo Rosselli, Filippo Santaniello, Gianluca Santini, Emma Saponaro, Francesco Scardone, Giacomo Scotti, Ser Stefano, Antonella Spennacchio, Ilaria Spes, Antonietta Terzano, Angela Maria Tiberi, Anna Toro, Alberto Tristano, Giuseppe Troccoli, Cosimo Vitiello, Alain Voudì, Danilo Arona.
Vedi ANTEPRIMA (1,10 MB scaricato 680 volte).
info e commenti compralo su   amazon




Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


Gara d'Estate 2018 - Incontri, e gli altri racconti

Gara d'Estate 2018 - Incontri, e gli altri racconti

(estate 2018, 50 pagine, 840,41 KB)

Autori partecipanti: Ida Dainese, Carlo Celenza, Gabriele Ludovici, Draper, Nunzio Campanelli, Pierluigi, Roberto Bonfanti, Fausto Scatoli, Edoardo Prati, SmilingRedSkeleton, Daniele Missiroli, Lodovico,
a cura di Massimo Baglione e Laura Ruggeri.
Scarica questo testo in formato PDF (840,41 KB) - scaricato 55 volte.
oppure in formato EPUB (370,75 KB) (vedi anteprima) - scaricato 40 volte..
Lascia un commento.

Calendario BraviAutori.it "Writer Factor" 2015 - (in bianco e nero)

Calendario BraviAutori.it "Writer Factor" 2015 - (in bianco e nero)

(edizione 2015, 3,39 MB)

Autori partecipanti: (vedi sopra),
A cura di Tullio Aragona.
Scarica questo testo in formato PDF (3,39 MB) - scaricato 123 volte..

La Gara 35 - Zombie & Incipit

La Gara 35 - Zombie & Incipit

(gennaio 2013, 28 pagine, 621,45 KB)

Autori partecipanti: Patrizia Benetti, lodovico, Nunzio Campanelli, Monica Porta may bee, Lorella15, Alessandro Pedretta, Mastronxo, Exlex, freecora,
A cura di Ser Stefano.
Scarica questo testo in formato PDF (621,45 KB) - scaricato 228 volte.
oppure in formato EPUB (351,62 KB) (vedi anteprima) - scaricato 216 volte..
Lascia un commento.