La notte di Tim

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'inverno 2020/2021.

Sondaggio

1 - non mi piace affatto
0
Nessun voto
2 - mi piace pochino
1
14%
3 - si lascia leggere
5
71%
4 - è bello
1
14%
5 - mi piace tantissimo
0
Nessun voto
 
Voti totali: 7

L'incostante
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 5
Iscritto il: 01/11/2020, 10:13

Author's data

La notte di Tim

Messaggio da leggere da L'incostante »


Una notte d’inverno, una notte come le altre, Tim dormiva nel suo letto.
 
 Le pareti della sua stanza erano piene di sue foto di quando era più piccolo, oppure insieme alla mamma, al papà o con i nonni.
 Sopra la scrivania, di fianco al quaderno dei compiti per casa, rimanevano le macchinine con le quali aveva giocato quel pomeriggio mentre rispondeva svogliatamente agli esercizi che la maestra gli aveva assegnato a scuola.
 Sulle mensole di fianco alla porta della sua cameretta i volti rubicondi dei soldatini di latta che gli aveva regalato il nonno a Natale fissavano gli adesivi dei guerrieri della galassia appiccicati all’armadio a muro della parete opposta, con il fucile in verticale al loro fianco e la divisa impeccabile dipinta di un rosso lucido che rifletteva la luce lunare che entrava dalla finestra di fronte al letto.
 
 Rigirandosi scompostamente sotto le coperte Tim aprì gli occhi pesanti, la vista offuscata dal sonno, gli scappava la pipì. Si tirò più su la coperta fin sotto il mento, non voleva andare in bagno, chissà cosa c’era nel buio della stanza, forse i mostri, si sa che i mostri si nascondono nel buio, meglio restare al sicuro sotto il pesante piumone, lì sotto le coperte di sicuro non c’era nessun mostro.
 Fece per richiudere gli occhi poi però notò che la stanza non era del tutto buia, ci vedeva un pochino, da dove veniva la luce?
 Spalancò gli occhi, la finestra! Non aveva abbassato la persiana! La mamma gli diceva sempre di farlo prima di andare a letto però si era messo a leggere con la lampada accesa pensando di chiuderla dopo e invece se n’era dimenticato!
 Doveva abbassarla assolutamente altrimenti la mamma l’indomani l’avrebbe sgridato.
 
 Si fece coraggio e piano piano si fece scivolare fuori dal letto con gli occhi sgranati in cerca di ogni più piccolo movimento nella stanza, le orecchie tese nel percepire qualsiasi rumore che non fossero i suoi passi o il suo respiro. Vedeva le ombre dei giocattoli per la stanza e tutto era immobile e silenzioso.
 Si mosse lentamente sulle punte dei piedi con passo felpato come un ninja, avvicinandosi cauto e un po’ accucciato alla finestra. Gli si mise di lato afferrando la corda che abbassava la persiana si tirò un po’ su e sbirciò fuori.
 Il prato di casa era libero e lievemente illuminato dalla luna, poi c’era una staccionata di legno e iniziava il boschetto che gettava lunghe orme sull’erba.
 Con cautela iniziò a far scorrere la corda, sussultando ad ogni scricchiolio che produceva scorrendo nelle guide, non voleva assolutamente fare rumore e svegliare la mamma.
 La stanza stava diventando sempre più buia, iniziò a guardarsi intorno sospettoso nell’oscurità che lo circondava cominciando a sentirsi un po’ a disagio e lanciò un ultimo sguardo alla serranda quasi del tutto abbassata.
 Ciò che vide lo pietrificò.
 Davanti a sé, a meno di 40 cm dal suo viso, due occhi rossi, tondi come pozze di fuoco nella notte lo fissavano.
 Nel panico la corda gli sfuggì di mano chiudendo del tutto la persiana con un tonfo; il colpo lo scosse e senza nemmeno pensare si fiondò con un tuffo sul letto e sotto le coperte tirandosele fin sopra la testa e rannicchiandosi col respiro pesante e il cuore che batteva all’impazzata.
 Il lupo! Era il lupo ne era sicuro! Nelle storie ci sono sempre i lupi cattivi nei boschi, lo sapeva anche lui, ne aveva letta una in cui uno entrava nella camera di un bambino di notte e mentre lui dormiva iniziava a rosicchiargli i piedi fino a mangiarselo intero!
 Rimanendo immobile in quella posizione cercò di concentrarsi sull’udito ma non sentiva altro che il suo respiro pesante.
 Dopo qualche minuto mise con cautela la testa fuori dalla coperta sempre tendendo le orecchie.
 Nulla. Forse era stata la sua immaginazione, forse era il riflesso di qualcos’altro, magari i fanali di una macchina di che passava di lì.
 Il cuore iniziò a rallentare, sentiva il sudore pizzicargli la pelle sotto il pigiama.
 Ad un tratto dall’esterno della casa sentì grattare sul muro. Il sangue gli si gelò nelle vene.
 Dei piccoli passi ticchettanti corsero intorno alla parete allontanandosi.
 
 Silenzio.
 Era teso come un blocco di pietra, supino, perfettamente immobile con il piumone tirato fino al mento, a malapena osava respirare.
 Il silenzio si protrasse ancora. Minuti.
 Tim stava quasi tornando a rilassarsi, quando un rumore proveniente dal salotto lo fece sobbalzare. Un colpo attutito come se fosse caduto qualcosa sul tappeto.
 Gli occhi di Tim erano sbarrati. Con tutta la calma di cui era in grado in quel momento strisciò di nuovo completamente sotto le coperta e si rannicchiò su sé stesso stringendola più forte che poteva sopra di lui. Voleva chiamare la mamma, voleva urlare e chiamarla con tutto il fiato che aveva in gola ma non voleva che la bestia lo sentisse, che lo trovasse.
 Sarebbe rimasto immobile sotto la coperta così il lupo non lo avrebbe visto e se ne sarebbe andato via.
 Sentì la porta socchiusa della sua cameretta aprirsi lentamente.
 Tim tratteneva il fiato. Le mani gli tremavano.
 Sentì di nuovo quei passi ticchettanti muoversi lentamente nella sua stanza. Girarono intorno al letto.
 Lo sentiva annusare e sbuffare.
 Dopo un minuto di assoluto silenzio la creatura posò il muso in fondo al letto, fra le coperte annusando profondamente.
 Lacrime sgorgarono dagli occhi di Tim; un fiumiciattolo caldo gli scese fra le gambe ma lui nemmeno se ne rese conto, il suo corpo tremava convulsamente mentre cercava di trattenere i singhiozzi serrando la bocca e spingendo più che poteva la faccia sul materasso.
 Il muso della bestia si allontanò dal letto. Tornò il silenzio.
 
 Tim rimase in quella posizione senza osare muovere un muscolo.
 Passarono i minuti.
 Passò quella che sembrava un’eternità; un’ora, forse più, aveva perso la cognizione del tempo. I muscoli gli facevano male per la tensione.
 Il silenzio continuava. Non si sentiva più nulla. Né un ticchettio, né un respiro che non fosse il suo.
 Il cuore di Tim aveva iniziato a rallentare. Le lacrime asciutte sulle guance gli prudevano.
 Forse se n’era andato, non lo aveva trovato e se n’era andato!
 Il più lentamente possibile iniziò a spostarsi sotto le coperte.
 Ancora silenzio.
 Fece appello a tutto il suo coraggio per aprire un sottile spiraglio sulla coperta e sbirciare fuori ma era tutto buio.
 La sollevò un po’ di più avvicinando il viso all’esterno verso la porta della camera.
 Sembrava non ci fosse nulla, la porta era aperta a metà.
 Si girò con cautela per guardare in fondo al letto, verso la finestra tirando un po’ in fuori la testa e vide che non c’era niente nemmeno lì.
 Esalando un sospiro più lento e regolare e con la tensione che finalmente allentava la presa sui suoi muscoli tremanti infine si voltò dalla parte dell’armadio.
 E lì li vide.
 Gli occhi rossi, assassini, vuoti di alcun sentimento, non gli occhi di un lupo, non gli occhi di un animale, gli occhi di un mostro reale, incastonati in una figura scura, più nera dell’oscurità; un suono basso, bestiale, terribile crebbe dalla cosa mentre snudava le sue fauci, gialle zanne minacciose, una promessa di morte che si spalancò davanti allo sguardo attonito di Tim, una promessa che si chiuse sul suo volto con ferocia e senza pietà ponendo fine alla speranza appena rinata in lui di veder sorgere un'altra alba.
 
 Il buio fu l’ultima cosa che vide e la paura la sua ultima emozione.
Lucia De Falco
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 141
Iscritto il: 08/03/2020, 14:37

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Lucia De Falco »

Il testo incuriosisce e lascia con il fiato sospeso, ma mi aspettavo un finale a sorpresa. Quando il racconto finisce, il lettore si chiede: "Perché ? Da dove ha origine quel mostro e, soprattutto, perché un finale così terribile riguarda un bambino? Mi dispiace, ma mi ha lasciato l'amaro in bocca.
Avatar utente
Roberto Bonfanti
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 453
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

Sostanzialmente sono d’accordo con il commento di Lucia De Falco. Il racconto è ben scritto, fa partecipare all’angoscia e alla paura di Tim, sviluppa un bel crescendo e prepara a un finale che, invece, per me è un po’ deludente.
Il mostro (anche il temine “reale” lo trovo poco adatto, parlando di qualcosa tutt’altro che realistico) arriva inaspettato, si passa di colpo dall’horror psicologico al soprannaturale. Sì, c’erano stati gli occhi rossi che il bambino scorge per un attimo e i rumori, ma tutto faceva pensare che fossero le classiche “cose che poi si rivelano essere qualcos’altro”, tipiche delle storie del mistero. A quel punto mi aspettavo un “mostro” travestito da uomo, ben più pauroso di qualsiasi bestia.
Ripeto, ottimo racconto fino al finale che non trovo all’altezza del resto.
Che ci vuole a scrivere un libro? Leggerlo è la fatica. (Gesualdo Bufalino)
https://chiacchieredistintivorb.blogspot.com/
Intervista su BraviAutori.it: https://www.braviautori.it/forum/viewto ... =76&t=5384
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine
Selene Barblan
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 511
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Trovo che il racconto descriva bene le sensazioni che può provare un bambino di notte, tra il sogno e la realtà, quella paura irrazionale che, in questo caso, si rivela invece fondata. Non sono rimasta particolarmente delusa dal finale; l'ho preferito a una scena risolutiva (es.: era un sogno, un'ombra, il cane,... ), l'ho trovata un pò sorprendente e per questo l'ho apprezzata. Globalmente l'ho trovato godibile.
Avatar utente
Liliana Tuozzo
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 132
Iscritto il: 18/03/2010, 17:09

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Liliana Tuozzo »

il racconto ricorda l'infanzia con le sue paure ingigantite da ogni bambino che hanno tormentato notti insonni. Il finale un po' sbrigativo che sfocia nell'horror e stranamente risulta essere la parte scritta con maggior precisione. La punto di vista tecnico mi ri ritrovo a leggere frasi molto lunghe che magari necessiterebbero di qualche virgola. Il racconto non è male, forse avrei preferito un finale diverso. A rileggerti.
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
RobertoBecattini
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 11
Iscritto il: 25/11/2018, 0:46

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da RobertoBecattini »

Finale in parte inatteso visto che nei film horror (almeno in quelli vecchi) di solito i bambini vengono risparmiati, ma troppo sbrigativo. C'è una buona descrizione nel crescendo di tensione e paure dell'infanzia. Sembra molto ispirato da "In compagnia dei lupi" di Neil Jordan. Ci sono due o tre imprecisioni, un paio di frasi che non suonano bene, ti consiglio comunque di farlo rileggere da qualche amico. Di solito noi autori non cogliamo bene le sbavature di forma dei nostri racconti.
Nando71
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 47
Iscritto il: 07/01/2021, 1:04
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Nando71 »

Forse sarò di parte in questo commento perché è il mio genere letterario preferito ma trovo che il racconto è bello, ben scritto e con un finale che in parte mi ha sorpreso creando in me quella suspense che tanto apprezzo. Personalmente lo trovo un bel lavoro
Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 564
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

personalmente farei una revisione del testo, modificando alcune frasi e togliendo un po' di aggettivi possessivi, mentre la punteggiatura è buona.
la storia in sé non è male, descrive bene cosa può provare un bambino di notte, spaventato da suoni e rumori intorno ai quali costruisce fantasie, sogni, incubi.
il finale ci può stare, anche se lascia un poco perplessi; il resto della famiglia non ha sentito nulla?
il mostro da dove viene? e così via.
in ogni caso si lascia leggere
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Rispondi

Torna a “Gara d'inverno, 2020/2021”



Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


L'Animo spaziale

L'Animo spaziale

Tributo alla Space Opera

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
L'Animo Spaziale è un tributo alla space opera. Contiene una raccolta di racconti dell'autore Massimo Baglione, ambientati nella fantascienza spaziale. Un libro dove il concetto di fantascienza è quello classico, ispirato al Maestro Isaac Asimov. La trilogia de "L'Animo Spaziale" (Intrepida, Indomita e Impavida) è una storia ben raccontata con i giusti colpi di scena. Notevole la parentesi psicologica, in Indomita, che svela la complessa natura di Susan, elemento chiave dell'intera vicenda. "Intrepida", inoltre, ha vinto il primo premio nel concorso di letteratura fantascientifica "ApuliaCon 2006" (oggi "Giulio Verne"). I racconti brevi "Mr. Sgrultz", "La bottiglia di Sua Maestà" e "Noi, sorelle!" sono stati definiti dalla critica "piccoli capolavori di fantascienza da annoverare negli annali.
Di Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (1,68 MB scaricato 263 volte).
info e commenti compralo su   amazon

La Paura fa 90

La Paura fa 90

90 racconti da 666 parole

Questo libro è una raccolta dei migliori testi che hanno partecipato alla selezione per l'antologia La Paura fa 90. Ci sono 90 racconti da non più di 666 parole. A chiudere l'antologia c'è un bellissimo racconto del maestro dell'horror Danilo Arona. Leggete questa antologia con cautela e a piccole dosi, perché altrimenti correte il rischio di avere terribili incubi!
A cura di Alessandro Napolitano e Massimo Baglione.

Contiene opere di: Maria Arca, Pia Barletta, Ariase Barretta, Cristiana Bartolini, Eva Bassa, Maria Cristina Biasoli, Patrizia Birtolo, Andrea Borla, Michele Campagna, Massimiliano Campo, Claudio Candia, Carmine Cantile, Riccardo Carli Ballola, Matteo Carriero, Polissena Cerolini, Tommaso Chimenti, Leonardo Colombi, Alessandro M. Colombo, Lorenzo Coltellacci, Lorenzo Crescentini, Igor De Amicis, Diego Di Dio, Angela Di Salvo, Stefano di Stasio, Bruno Elpis, Valeria Esposito, Dante Esti, Greta Fantini, Emilio Floretto Sergi, Caterina Franciosi, Mario Frigerio, Riccardo Fumagalli, Franco Fusè, Matteo Gambaro, Roberto Gatto, Gianluca Gendusa, Giorgia Rebecca Gironi, Vincenza Giubilei, Emiliano Gotelli, Fabio Granella, Mauro Gualtieri, Roberto Guarnieri, Giuseppe Guerrini, Joshi Spawnbrød, Margherita Lamatrice, Igor Lampis, Tania Maffei, Giuseppe Mallozzi, Stefano Mallus, Matteo Mancini, Claudia Mancosu, Azzurra Mangani, Andrea Marà, Manuela Mariani, Lorenzo Marone, Marco Marulli, Miriam Mastrovito, Elisa Matteini, Raffaella Munno, Alessandro Napolitano, Roberto Napolitano, Giuseppe Novellino, Sergio Oricci, Amigdala Pala, Alex Panigada, Federico Pergolini, Maria Lidia Petrulli, Daniele Picciuti, Sonia Piras, Gian Filippo Pizzo, Lorenzo Pompeo, Massimiliano Prandini, Marco Ricciardi, Tiziana Ritacco, Angelo Rosselli, Filippo Santaniello, Gianluca Santini, Emma Saponaro, Francesco Scardone, Giacomo Scotti, Ser Stefano, Antonella Spennacchio, Ilaria Spes, Antonietta Terzano, Angela Maria Tiberi, Anna Toro, Alberto Tristano, Giuseppe Troccoli, Cosimo Vitiello, Alain Voudì, Danilo Arona.
Vedi ANTEPRIMA (1,10 MB scaricato 679 volte).
info e commenti compralo su   amazon

Kriminal.e - racconti gialli evoluti

Kriminal.e - racconti gialli evoluti

Kriminal.e è una raccolta di testi gialli "evoluti", che contengono cioè elementi tecnologici legati all'elettronica moderna.
Copertina di Diego Capani.
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Tullio Aragona, Nunzio Campanelli, Lorella Fanotti, Lodovico Ferrari, Emanuele Finardi, Concita Imperatrice, Angelo Manarola, Francesca Paolucci, Umberto Pasqui, Antonella Pighin, Alessandro Renna, Enrico Teodorani.
Vedi ANTEPRIMA (172,07 KB scaricato 155 volte).
info e commenti compralo su   amazon




Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 14 - Storie di Storia

La Gara 14 - Storie di Storia

(giugno 2010, 68 pagine, 1,17 MB)

Autori partecipanti: VecchiaZiaPatty, Hellies, Magasulla, Jane90, Muirne, Ludo78, Gigliola, Enzo Milano, Arianna, Robbstark85, Manuela, Titty Terzano, Tetsu, Gloria, Arditoeufemismo, Michele, Pamelas, Stefy71, Bludoor, Vit, Mastronxo, Giacomo mass, Barbara g,
A cura di Ser Stefano.
Scarica questo testo in formato PDF (1,17 MB) - scaricato 558 volte.
oppure in formato EPUB (759,29 KB) (vedi anteprima) - scaricato 227 volte..
Lascia un commento.

La Gara 37 - Il trinomio Fantastico

La Gara 37 - Il trinomio Fantastico

(aprile/maggio 2013, 50 pagine, 1,25 MB)

Autori partecipanti: Nunzio Campanelli, Marino Maiorino, Lodovico, Patrizia Benetti, Antares, Monica Porta may bee, Licetti, Yendis, Carlocelenza, Scrittore97, Anto Pigy, Pardan, Freecora, Lorella15, Polly Russell, LeggEri,
A cura di Mastronxo e Ser Stefano.
Scarica questo testo in formato PDF (1,25 MB) - scaricato 375 volte.
oppure in formato EPUB (1,30 MB) (vedi anteprima) - scaricato 216 volte..
Lascia un commento.

La Gara 53 - Metamorfosi

La Gara 53 - Metamorfosi

(luglio 2015, 26 pagine, 662,06 KB)

Autori partecipanti: Patrizia Chini, Gloria D. Fedi, Giorgio Leone, Aurora Cecchini, Alberto Tivoli, Angela 73,
a cura di Laura Chi (con la supervisione di Giorgio Leone).
Scarica questo testo in formato PDF (662,06 KB) - scaricato 129 volte.
oppure in formato EPUB (280,87 KB) (vedi anteprima) - scaricato 183 volte..
Lascia un commento.