A passo d'uomo

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'inverno 2020/2021.

Sondaggio

1 - non mi piace affatto
0
Nessun voto
2 - mi piace pochino
2
40%
3 - si lascia leggere
2
40%
4 - è bello
0
Nessun voto
5 - mi piace tantissimo
1
20%
 
Voti totali: 5

San Nicolò
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 3
Iscritto il: 10/01/2021, 15:44

Author's data

A passo d'uomo

Messaggio da leggere da San Nicolò »


A passo d'uomo
 
  Abito a San Martino della Battaglia dalla nascita. Ho spento quaranta candeline una settimana fa, il 31 dicembre 1996. È stato il Signore a spingermi fuori dalla pancia di mamma allo scoccare della mezzanotte, ha voluto darmi un segnale chiaro. Mamma mi ha raccontato un'infinità di volte di quel tizio ubriaco che ha fatto irruzione in nursery e si è messo a scoppiare petardi per festeggiare il Capodanno. Ne ha esplosi due proprio accanto a me, poi è stato allontanato a forza. I dottori sostengono che è per quei due botti che io parlo un pochetto peggio delle altre persone e che ragiono più piano.
  Non lo so, non mi interessa, io sono contento di essere così. Contento e fortunato. Gli amici mi prendono un po' in giro, dicono che penso "a passo d'uomo", che faccio delle cose strane perché il mio cervello lavora a bassa velocità.
  Da bambino ho dato martellate a tutti i Ken delle mie compagne di classe e ho avuto ottime ragioni per farlo, altro che stranezze. Ho dato la possibilità ai bambolotti meno palestrati di intortare le Barbie.
  Dio non mi ha mai preso in giro, trovandomi il giusto posto nel mondo. Sono una guardia forestale da vent'anni e da quindici svolgo una missione importantissima per Lui: abbatto le nutrie. Lo faccio anche per la mia terra, per mia moglie, i miei due figli, per tutto ciò che amo.
  Odio le nutrie. Proliferano come topi e, quel che è peggio, arrecano danni gravi alla rete idrica. La loro fame insaziabile di radici e le loro tane profonde infliggono ferite da paura agli argini dei nostri canali e dei nostri fiumi. Gli argini cedono, durante le piene nei giorni di pioggia, proprio per la mancanza di vegetazione e per i buchi delle tane.
  "Non abbattere i castorini", mi supplicano quelli che non si sono mai sporcati le mani, i sempre bravi-sempre buoni. Fingono di non sapere che senza una rete di irrigazione decente riempirebbero i piatti di verdura solo disegnandola sulla ceramica. Le nutrie sono nemici naturali dell'uomo; nella mia classifica "Wanted: dead or alive"si giocano il primo posto con le zanzare e le cimici. Per fortuna ci sono io a sistemarle, almeno qui dalle mie parti. Mi considero un patriota, faccio un sacco di bene al mio villaggio.
  San Martino conta poco più di duemila abitanti, è una piccola realtà della provincia di Brescia che il destino ha reso celebre: qui ci fu una battaglia, il 24 giugno del 1859, tra truppe piemontesi e austriache.
  All'alba di quel giorno il generale Mollard mandò in avanscoperta le sue brigate e gli uomini del generale avversario Benedeck respinsero l'attacco a colpi di cannone. Altri assalti nel pomeriggio misero in fuga l'esercito austriaco. Sul campo rimasero oltre duemila dei nostri; il loro sacrificio non deve essere dimenticato, la loro memoria non deve essere calpestata. Mai.
  Dopo essersi nascosto per quasi centosessant'anni ai mezzi d'informazione come un fagiano in mezzo al mais, il mio paese è tornato a fare parlare di sé. Sta per dirci addio il ricchissimo Xiao Ping, che proprio da queste parti ha preso residenza, dopo averci regalato quel discount di vestiti sintetici e cianfrusaglie di plastica che è il centro commerciale XP. Si è beccato il saturnismo, la malattia dovuta all'assunzione di piombo dalle vie respiratorie o dall'apparato digerente.
  La gente è convinta che sia stato avvelenato e pensa di sapere chi è il colpevole.
  La gente pensa in fretta, non si sofferma sui particolari come faccio io. È manipolabile come i criceti dentro le ruote. Se un giorno, per esempio, io decidessi di mettere in giro un sospetto, nient'altro che un sospetto, questo prenderebbe forza di ora in ora. Crescerebbe da bocca ad orecchio, da bocca ad orecchio, da bocca ad orecchio e basta così, sennò vado avanti una settimana. Diventerebbe inestirpabile quanto l'edera.
  Sto divagando, torno al cinese.
  Xiao Ping era, lo è ancora per poco, un imprenditore assetato di successo come un'oca di acqua. L'XP riempie le nostre case di ogni tipo di merce, tutta rigorosamente "made in China". Milioni di mutande, canottiere e magliette XP si intrufolano nei cassetti dei nostri armadi, migliaia e migliaia di piccoli giocattoli di plastica XP si presentano alle feste di compleanno dei nostri bimbi, per essere liberati da enormi confezioni (di plastica). I prezzi sono sempre molto bassi, come la qualità. Ogni tanto mia moglie mi regala un paio di mutande XP, e dopo dieci lavaggi le passa al nostro Luigino, di otto anni, perché si restringono. "Così le riclicliamo" mi dice soddisfatta.
  All'XP lavorano quasi trecento persone, miei compaesani che hanno preferito uno stipendiuzzo magro ma sicuro all'attività che svolgevano.
  Sono piccoli agricoltori che hanno strappato le piante da frutto alla terra, artigiani e bottegai che hanno chiuso esercizi portati avanti da generazioni, disposti a chinare la testa di fronte al muso giallo. Ad aiutare Xiao Ping nella conduzione del centro commerciale sono stati i sette figli, ora provvede la moglie Huan. Vorrei rimuoverla dall'incarico ma non posso farlo.
  Xiao Ping è diventato in pochi anni il signore incontrastato della nostra terra, ingordo e insaziabile.
  L'appetito di quel pezzo di mandarino, negli ultimi tempi, si è soffermato sul plastico del Museo Risorgimentale di San Martino, l'unica attrazione turistica della nostra comunità. Il plastico di Gino Minghetti è una roba da matti; riproduce nel dettaglio le fasi cruciali della battaglia del 1859, su un'area di cartapesta di quaranta metri quadrati.
  Soldatini, cavalli e cannoni sono curati nei minimi particolari e dipinti a mano uno a uno. Gino produce soldatini di piombo da quarant'anni, è un maestro. I suoi soldati hanno conquistato centinaia di scaffali di collezionisti in tutta Europa.
  Il cinese, però, voleva rompere i coglioni anche in affari che con lui c'entrano come gatti in un canile. Ha convinto Minghetti e la Regione Lombardia a rifare il plastico del Museo Risorgimentale. Il governatore ha incaricato Minghetti di insegnare all'orco le tecniche di produzione dei soldatini per mandare in pensione i piccoli veterani di piombo. Il Museo Risorgimentale dovrebbe diventare lo Xiao Ping Museum, in onore dell'uomo dagli occhi a mandorla.
  --------------------------------
  Vidi Xiao Ping l'ultima volta otto mesi fa. Era mercoledì Primo Maggio 1996.
  Stavo percorrendo il solito stradone di campagna che gira attorno al paese. Sono un missionario, non ho bisogno di "staccare" da ciò che Dio mi ha suggerito di fare. Lo stradone era stato rasato due giorni prima da un trattore con l'attrezzo apposito. Un fiore di tarassaco, più giallo di un limone, disturbava come un grattacielo di cemento in mezzo a casette di legno. Era cresciuto a dismisura in quarantotto ore e presto sarebbe diventato un grande soffione pieno di semi da affidare al vento.
  Attorno al gigante c'erano piccoli fiori e soffioni, spelacchiati dalle lame del tagliaerba. Pestai il fiore grande e mi resi conto che lo strato di fango sotto le suole era davvero troppo.
  Abbandonai lo stradone e presi il sentierino ghiaiato poco distante per alleggerirmi della zavorra accumulata. Non era giusto avvantaggiarmi più del necessario. Ripresi dunque il cammino sul sentiero di campagna.
  Giunsi alla villetta di Xiao Ping, come tutti i santi giorni, sempre a quell'ora di mattina. Il muso giallo, indaffarato nell'orto, zoppicava vistosamente: non si voleva arrendere al saturnismo, tantomeno alla Festa dei Lavoratori. Arrivò alla pompa di irrigazione dopo quattro ruzzoloni e aprì l'acqua per le pianticelle di pomodori. Non sarebbe stato necessario, data l'abbondante pioggia del giorno prima, ma lui è (oramai era) incredibilmente tenace. Mi aveva già salutato col consueto cerimoniale orientale che a me puzza tanto di presa per il sedere. Non ebbe alcun soprassalto quando udì gli spari, nonostante fossimo a nemmeno venti metri di distanza.
  "Tu semple qui a ploteggelci, signol Masotti. Mia moglie Huan dice che vedele te tutte mattine da nostlo olto. Beccato bestiaccia?"
  "Mi sa di no. Vado a controllare, se me lo permette."
  "Celto. Non pestale in mezzo a due sentielini perché ho seminato ladicchi, pel favole."
  "Grazie, signor Ping."
  "Xiao Ping. Comunque salà difficile eliminale nutlie, signol Masotti."
  "Non ne sarei così sicuro, signor Ping."
  "Xiao Ping, pel favole. Dovlesti dile tutti e due nomi cinesi. Qui da voi basta nome o cognome, in Cina dovlesti dile tutti e due."
  "Capito, signor Ping. Scusi, ma qui non siamo in Cina. A dire il vero, ieri ho usato quattro cartucce e tutte sono andate a buon fine."
  "Allola ti dico blavo! Blavo a fale tuo lavolo."
  "Non è un lavoro, è una missione."
  Xiao Ping incespicò di nuovo su un ciuffo d'erba, rotolando goffamente tra due piante di pomodori. La malattia stava logorando il suo corpo. Vidi i giovani figli nel cortile di casa. Anche i ragazzi avevano movimenti da orsi ubriachi, il saturnismo si era impadronito dei loro muscoli e dei loro nervi.
  Mi fece pena vederli così, non si erano scelti loro un padre del genere.
  Nessuno dovrebbe pagare per le colpe dei suoi genitori.
  "So cosa stai pensando, signol Masotti"disse il cinese. "Consola tuoi amici: mia moglie sta impalando, diventelà implenditlice e poltelà avanti azienda dove lavolano."
  Non dissi nulla, feci solo un cenno col capo.
  Proseguii il giro sullo stradone di campagna per arrivare da Gino Minghetti. Ogni tanto mi concedevo il piacere di andarlo a salutare. Ho smesso. Il giorno prima il terreno aveva bevuto più acqua di un gregge di dromedari e quel mattino continuava dispettosamente ad attaccare zolle di fango alle suole dei miei stivali. Arrivai alla casa dell'artigiano col fiatone.
  Gino aveva in mano un sacchetto di concime, così pure la moglie.
  "Sandro! Pensavo non arrivassi più. Dura camminare col fango, eh?"
  "Buongiorno Gino, buongiorno Mara. L'artigiano più bravo d'Italia e la degna moglie sono sempre gioia ed orgoglio per i miei occhi ed il mio cuore"dissi, con una certa difficoltà nell'articolare a voce una frase tanto lunga. Faccio più fatica a parlare che a scrivere.
  "Dai, non esagerare, ci fai arrossire. Hai fatto vittime?"
  "Quasi. Ho sparato un paio di volte anche oggi. Vuoi che vada a dare un'occhiata attorno al vostro campo?"
  "Si, grazie. L'altro ieri ho visto due nutrie brutte brutte proprio dai radicchi, là in fondo. Avevano la pelliccia stranissima, un po' marrone e un po' gialla."
  "Gialla perché erano cinesi"scherzò Mara.
  "Forse"annuii, sorridendo.
  "A proposito di Cina, ti avrò già raccontato cento volte che ho insegnato a Xiao Ping a fare i soldatini, no? Beh, mi ha telefonato e mi ha detto che all'inizio del prossimo anno avrà pronte tutte le riproduzioni. Sai, un po' mi dispiace."
  "Secondo me non le avrà affatto pronte, amico."
  "Cosa intendi dire?"
  "L'ho visto poco fa: zoppica come un cane appena investito."
  L'espressione di Gino cambiò improvvisamente.
  "Questo non lo sapevo"commentò.
  "E poi si muove proprio male anche con le braccia, con il collo. Anche i suoi ragazzi si muovono male"dissi. "Solo la moglie è in ordine: l'ho vista al bar della piazza alcuni giorni fa mentre divorava il banco dei pasticcini"e mi fermai un attimo per prendere fiato e dare ossigeno al cervello. "Altro che insalata e pomodori, quella"aggiunsi.
  "Sandro, Sandro, questo non lo sapevo"continuava a dire l'artigiano.
  "Ti vedo dispiaciuto, Gino."
  "Frastornato."
  "Dai, Gino, non fare così. È venuto da noi una decina di giornate soltanto. Gli hai fatto vedere come si fonde il piombo e come si fanno gli stampi, tutto qua"disse Mara.
  "Gli hai procurato la mascherina, durante le lezioni?"chiesi. Non ebbe il tempo di rispondere perché udimmo tutti e tre il rumore di qualche animale, proveniente dal fondo dell'orto.
  La mente dei "normali", dicevo, viaggia ad una velocità impressionante e non coglie alcun particolare, come fosse a bordo di una Ferrari che mangia l'autostrada a trecento chilometri orari. Guarda solo dritto davanti a sé e si perde il paesaggio circostante; tralascia la casetta diroccata e ridotta ad un cumulo di pietre quanto il castello in perfetto stato di conservazione. Se andasse a passo d'uomo come la mia vedrebbe il castello e ne noterebbe ogni particolare, soffermandosi sui torrioni, sul fossato e sulle feritoie.
  "Forse non è con qualche ora di respirazione del piombo che si contrae il saturnismo, forse occorre ingerirlo"disse Mara ad alta voce, per essere udita anche da me.
  "Forse"pensai, senza girarmi verso la donna.
  Attorno ai radicchi di Gino non c'erano nutrie, solo due lucertole. Non sparai. Tornai verso la villa di Xiao Ping, raggiungendola dalla parte dell'orto. L'imprenditore si era rintanato in casa con ragazzi al seguito, li avevo visti da lontano varcare l'uscio.
  Esplosi altre due cartucce piene di piombo nella terra attorno ai pomodori, come ogni giorno. Veleno fresco che i miei complici vegetali, con le loro radici, avrebbero assorbito e portato nei piatti dei Ping. Non della moglie di Xiao, golosa di pasticcini e infatti in salute. Basterebbe considerare questi particolari per scagionare Minghetti, se si pensasse a passo d'uomo. Invece un paio di mie frasi al bar della piazza sulla mancanza di mascherina a Ping, durante le lezioni, stanno lavorando alla grande.
  Va benone così, lascio che i ragionamenti dei miei compaesani corrano veloci e le chiacchiere distorte crescano come piante dopo una pioggia. La giungla di sospetti inghiottirà quel mentecatto di Gino, che per qualche banconota ha infangato la memoria dei nostri patrioti.
  Per quanto riguarda il centro commerciale XP, prego Dio, e per sicurezza pure Zeus e Odino, che chiuda. Voglio che i miei amici tornino a fare i mestieri che conoscono, uscendo dall'autostrada su cui stanno sfrecciando. Non si accorgono che l'autostrada li porta dritti alla schiavitù.
  Ho fatto tutto quello che potevo, in questa faccenda. Se la moglie del mandorlone non si mette a masticare verdura mica posso spararle addosso. E neppure ai figli, che si stanno ripigliando da quando ho smesso di scaricare piombo a terra. Spero solo che siano meno affamati di potere del padre. Ora devo completare la missione più importante che mi ha dato il Signore. Le nutrie si sono imbarcate sull'arca da clandestine, si vede che Noè era distratto.
 
 
  Sandro Masotti è attualmente rinchiuso in un ospedale psichiatrico, dove combatte con le unghie contro i muri colorati, senza spiegare il perché. L' autore si dissocia dalle strategie di Masotti, ma invita i lettori ad acquistare prodotti fatti in Italia.
Ultima modifica di San Nicolò il 16/02/2021, 19:40, modificato 3 volte in totale.
Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 564
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

premesso che abito a due kilometri da San Martino, faccio notare che è in provincia di Brescia e non di Mantova.
la storia è particolare, abbastanza ben scritta, con pochi refusi.
buone le descrizioni, anche se si ha l'impressione di saltare qua e là un po' troppo rapidamente.
bella l'idea del pensare a passo d'uomo, un po' meno bello il comportamento del protagonista, ma è un'opinione.
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Avatar utente
Liliana Tuozzo
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 132
Iscritto il: 18/03/2010, 17:09

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Liliana Tuozzo »

Una vita a passo d'uomo ha i suoi lati positivi, si ha il tempo di riflettere di capire e all'inizio questo racconto aveva avuto il mio consenso. Anche la lotta alle nutrie aveva un suo perché, gli animali provocano danni notevoli al terreno e ai raccolti. Quello che non riesco a capire è il piano premeditato dall'uomo contro il cinese e la sua famiglia, quasi fosse anche lui un animale pericoloso.
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Selene Barblan
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 511
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Alla seconda rilettura ho potuto apprezzare meglio alcuni dettagli che inizialmente mi erano sfuggiti, colpa della “fretta”, anche io meriterei un po’ di piombo, forse... In questo racconto, mi pare, c’è poco o niente che sia lasciato al caso. Molto cinico, sicuramente. Volutamente. San hai descritto molto bene un genio criminale. Che forse più che a Dio, Odino o Zeus dovrebbe rivolgersi a qualche divinità più votata al caos, che ne so, Loki? In ogni caso a me pare un ottimo racconto.
San Nicolò
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 3
Iscritto il: 10/01/2021, 15:44

Author's data

Re: A passo d'uomo

Messaggio da leggere da San Nicolò »

Grazie a tutti per i commenti. Ho corretto la provincia, come mi ha segnalato Fausto Scatoli. Una annotazione: Xiao Ping è stato il dittatore cinese che ha iniziato la conquista economica del mondo da parte della Cina negli anni novanta. È morto ad inizio 1997, come l'imprenditore cinese del racconto. Sandro Masotti si spende inutilmente per fermare le nutrie e l'urto della Cina. Vinceranno entrambi, come sappiamo. Ovviamente non condivido le strategie del narratore-protagonista. :)
Lucia De Falco
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 141
Iscritto il: 08/03/2020, 14:37

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Lucia De Falco »

Di questo racconto ho preferito senz'altro la prima parte, col racconto della vita del protagonista. Mi è piaciuta la metafora di una vita "a passo d'uomo", che forse dovremmo fare tutti. Non mi convince il cambio di tono e di argomento della seconda parte, che non mi ha coinvolta.
San Nicolò
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 3
Iscritto il: 10/01/2021, 15:44

Author's data

Re: A passo d'uomo

Messaggio da leggere da San Nicolò »

Mi ero impegnato per fare un incastro particolare ma non sono riuscito a coinvolgerti, ne prendo atto. Grazie lo stesso.
Rispondi

Torna a “Gara d'inverno, 2020/2021”


Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 65 - Viaggi, amici, bagagli

La Gara 65 - Viaggi, amici, bagagli

(luglio/agosto 2017, 30 pagine, 676,30 KB)

Autori partecipanti: Ser Stefano, Massimo Tivoli, Daniele Missiroli, Angela Catalini, Nunzio Campanelli, Enrico Gallerati, Angelo Manarola,
a cura di Ida Dainese.
Scarica questo testo in formato PDF (676,30 KB) - scaricato 58 volte.
oppure in formato EPUB (757,58 KB) (vedi anteprima) - scaricato 64 volte..
Lascia un commento.

La Gara 2 - 7 modi originali di togliere/togliersi la vita

La Gara 2 - 7 modi originali di togliere/togliersi la vita

(gennaio 2009, 30 pagine, 550,24 KB)

Autori partecipanti: AldaTV, Alida, Bonnie, Dalila, Devil, Michele Nigro, Sarahnelsole,
A cura di DaFank.
Scarica questo testo in formato PDF (550,24 KB) - scaricato 345 volte..
Lascia un commento.

Calendario BraviAutori.it "Writer Factor" 2013 - (in bianco e nero)

Calendario BraviAutori.it "Writer Factor" 2013 - (in bianco e nero)

(edizione 2013, 7,12 MB)

Autori partecipanti: (vedi sopra),
A cura di Tullio Aragona.
Scarica questo testo in formato PDF (7,12 MB) - scaricato 319 volte..





Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Museo letterario

Museo letterario

Antologia di opere letterarie ispirate dai capolavori dell'arte

Unire la scrittura all'immagine è un'esperienza antica, che qui vuole riproporsi in un singolare "Museo Letterario". L'alfabeto stesso deriva da antiche forme usate per rappresentare animali o cose, quindi tutta la letteratura è un punto di vista sulla realtà, per così dire, filtrato attraverso la sensibilità artistica connaturata in ogni uomo. In quest'antologia, diversi scrittori si sono cimentati nel raccontare una storia ispirata da un famoso capolavoro dell'Arte a loro scelta.
A cura di Umberto Pasqui e Massimo Baglione.
Introduzione del Prof. Marco Vallicelli.
Copertina di Giorgio Pondi.

Contiene opere di: Claudia Cuomo, Enrico Arlandini, Sandra Ludovici, Eleonora Lupi, Francesca Santucci, Antonio Amodio, Isabella Galeotti, Tiziano Legati, Angelo Manarola, Pasquale Aversano, Giorgio Leone, Alberto Tivoli, Anna Rita Foschini, Annamaria Vernuccio, William Grifò, Maria Rosaria Spirito, Cristina Giuntini, Marina Paolucci, Rosanna Fontana, Umberto Pasqui.
Vedi ANTEPRIMA (211,82 KB scaricato 146 volte).
info e commenti compralo su   amazon

Human Takeaway

Human Takeaway

(english version)

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
What if we were cattles grazing for someone who needs a lot of of food? How would we feel if it had been us to be raised for the whole time waiting for the moment to be slaughtered? This is the spark that gives the authors a chance to talk about the human spirit, which can show at the same time great love and indiscriminate, ruthless selfishness. In this original parody of an alien invasion, we follow the short story of a couple bound by deep love, and of the tragic decision taken by the heads of state to face the invasion. Two apparently unconnected stories that will join in the end for the good of the human race. So, this is a story to be read in one gulp, with many ironic and paradoxical facets, a pinch of sadness and an ending that costed dearly to the two authors. (review by Cosimo Vitiello)
Authors: Massimo Baglione and Alessandro Napolitano.
Cover artist: Roberta Guardascione.
Translation from Italian: Carmelo Massimo Tidona.
Vedi ANTEPRIMA (494,48 KB scaricato 172 volte).
info e commenti compralo su   amazon

FEMILIA - abbiamo sufficienti riserve di sperma

FEMILIA - abbiamo sufficienti riserve di sperma

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
In seguito a un'escalation di "femminicidi", in tutto il mondo nasce il movimento "SupraFem", ovvero: "ribellione delle femmine che ne hanno abbastanza delle violenze dei maschi". La scintilla che ha dato il via al movimento è scattata quando una giornalista ben informata, tale Tina Lagos, ha affermato senza mezzi termini che "nei laboratori criogenici di tutto il mondo ci sono sufficienti riserve di sperma da poter fare benissimo a meno dei maschi. Per sempre!". Le suprafem riescono ad avere un certo peso nella normale vita quotidiana; loro esponenti si sono infatti insediate in numerosi Palazzi, sia politici che economici, e sono arrivate al punto di avere sufficiente forza da poter pretendere Giustizia.

Copertina di Riccardo Simone
di Mary J. Stallone e Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (2,48 MB scaricato 166 volte).
info e commenti compralo su   amazon