Alba d'oriente

Spazio dedicato alla Gara stagionale di primavera 2021.

Sondaggio

1 - non mi piace affatto
1
9%
2 - mi piace pochino
0
Nessun voto
3 - si lascia leggere
4
36%
4 - è bello
4
36%
5 - mi piace tantissimo
2
18%
 
Voti totali: 11

Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 566
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Alba d'oriente

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »


«Ma stai scherzando, Nick? In India?»
 «No, Mark, non scherzo affatto, saresti il mio sostituto per un anno. Hai qualche giorno per pensarci e darmi una risposta. Diciamo quattro o cinque, non di più.»
 Rimasi muto, in quel momento non mi uscivano parole.
 «Mark, ci sei?»
 Mi ripresi: «Sì, sì, scusa. Stavo pensando…»
 «Tranquillo, pensaci e poi mi farai sapere. Attendo notizie quanto prima. E non deludermi, mi raccomando. Ti saluto.»
 «Sì, certo. Ciao, Nick, ciao.»
 Chiusi il telefono e andai al mobile bar. Avevo bisogno di sostegno e una bella dose di whisky mi avrebbe aiutato di sicuro.
 Sorseggiando l’Ancnoc invecchiato dodici anni, uno dei pochi che mi soddisfacevano, pensai a quanto mi era appena stato proposto. Un anno di cattedra alla Vikram University di Ujjain, nel Madhya Pradesh, a insegnare zoologia.
 Certo, visto il momento sarebbe andato benone, ma era solo un anno. E poi?
 "Devo pensarci. Andare là vuol dire tagliare ogni ponte e mi sta bene, ma non avrei sbocchi sul futuro. Non al momento."
 Versai dell’altro whisky.
 
 Mi svegliai sudato, con un’erezione come non avevo da tempo e un mal di testa micidiale. Forse il whisky era stato troppo.
 Dopo una doccia rilassante presi il telefono.
 «Nick? Sì, sono Mark.»
 «Ehilà, Mark, hai già preso una decisione? Ti avevo dato più tempo…»
 «Lo so, ma prima faccio e meglio è, almeno credo. Comunque ho deciso di accettare.»
 «Perfetto, Mark. Sapevo che non mi avresti deluso. Ti spedisco subito i documenti necessari a dimostrare che verrai per lavoro, così basterà un semplice visto. Ti mando anche delle mail esplicative che ti possano prefigurare cosa dovrai fare. Tu pensa al passaporto e prenota il biglietto, ci risentiamo a breve, magari su Skype.»
 Era eccitato, come lo ero stato io al risveglio.
 Sarà stata la sbornia, ma non avevo fatto altro che sognare di fare l’amore con Sally. In mille luoghi diversi e in altrettante posizioni.
 Sally… otto anni di matrimonio dove pareva tutto così bello tra noi e d’improvviso mi aveva lasciato per una sua vecchia fiamma. Ancora mi veniva difficile crederci.
 E faticavo ad accettarlo, ero quasi allo sbando. Per questo, dopo averla sognata tutta notte decisi di accettare. Per cambiare tutto o almeno provarci.
 
 “I passeggeri del volo Jet Airwais 177 per Mumbai sono pregati di recarsi all’imbarco. Ripeto, i passeggeri…”
 Il terminal 5 di Heathrow è quasi sempre un formicaio, ma soprattutto è un misto totale di razze, colori e voci. E in quel giorno non si smentiva.
 Mi misi tranquillamente in coda per salire sulla navetta che mi avrebbe portato al Boeing per Mumbai. Otto ore di volo e poi altro aereo per Indore, dove ci sarebbe stato Nick ad attendermi.
 Durante il viaggio per Mumbai mi assopii più volte e sognai. Sally, sempre lei.
 Me ne andavo per provare a dimenticarla e mi stava tormentando. O forse ero io a tormentarmi richiamandola inconsciamente.
 «Signore, che tipo di pasto desidera? Europeo o indiano?»
 La voce della hostess mi tolse dal torpore.
 Visto che mi ci stavo recando decisi che sarebbe stato opportuno provare il cibo asiatico.
 «Indiano, grazie.»
 «Bene. Da bere?»
 «Acqua naturale.»
 Si rivolse a un altro passeggero e richiusi gli occhi cercando di pensare a cosa mi aspettava. Nuovo lavoro, anzi, stesso lavoro ma in ambiente diverso e soprattutto nuovi luoghi da conoscere e ritmi da trovare.
 
 Non avevo mai assaggiato cibo indiano ed ero convinto fosse simile al cinese, che invece conoscevo bene, ma mi sbagliavo. Non so di preciso da cosa fosse composto il pasto, erano tutti assaggi, bocconcini con profumi e aromi davvero invitanti.
 Fatto sta che dovetti chiedere altra acqua per spegnere le fiamme che sentivo in gola.
 «Forse avrei dovuto avvisarla, signore, ma non sapevo fosse la prima volta» disse l’hostess porgendomi un’altra bottiglia.
 «Non si preoccupi, passerà. Ho vissuto momenti peggiori.» Fece un sorriso e si ritirò.
 Sei ore dopo ero in volo da Mumbai a Indore e ancora sentivo lo stomaco protestare.
 L’aereo toccò terra poco dopo le sei di sera, in perfetto orario. Nick mi aveva preparato all’impatto olfattivo con l’India, ciò nonostante quando scesi dal bus ebbi un senso di repulsione.
 Non era puzza, era qualcosa di cui l’aria era permeata. Quello che al momento mi faceva quasi ribrezzo era l’odore dell’India e un giorno l’avrei amato, ma ancora non lo sapevo.
 
 Sbrigate le pratiche in aeroporto, recuperai la valigia e mi recai all’uscita. Stava calando la sera e il cielo imbruniva. Fermandomi un istante a osservare il tramonto sperai con tutto il cuore si potesse trasformare in una nuova alba per me.
 «Mark, Mark, sono qui.»
 La voce di Nick mi distolse da pensieri profondi. Mi corse incontro agitando le mani, si capiva che era felice di vedermi. Lo conoscevo dai tempi dell’università ed eravamo sempre rimasti in contatto pur non avendo un’amicizia particolare, eppure mi abbracciò e cominciai a sospettare qualcosa.
 «Non vedevo l’ora che arrivassi. Dammi la valigia, vieni, c’è un taxi che ci aspetta. In un’oretta siamo a casa, vedrai.»
 «Ehi, Nick, calma. Cos’è tutta questa agitazione, mica è arrivata la regina.»
 Si rilassò un poco. Sembrava pervaso di ansia. «Hai ragione, scusami. Vieni, seguimi.»
 
 In realtà ci mettemmo un’ora e mezza, quasi due. Una volta fuori città il traffico non era notevole, però attraversammo parecchi paesi e anche se ebbi modo di ammirare poche cose, vista l’ora, trovai tutto piuttosto piacevole.
 Durante il viaggio Nick mi spiegò che a breve si sarebbe dovuto assentare per un periodo piuttosto lungo e quindi mi aveva chiesto di sostituirlo alla Vikram University dove teneva lezione.
 «Ho fatto il tuo nome e hanno accettato senza problemi. “L’importante” mi hanno detto, “è che si tratti di una persona capace e, ovviamente, in regola in tutto e per tutto.” E tu lo sei.»
 Mi stava adulando.
 «Domani ti porto là e ti presento sia ai colleghi che agli studenti, così comincerai a farti conoscere.»
 Andò avanti per tutto il tempo mentre io rispondevo a poco più che monosillabi cercando di scoprire qualcosa in più sul suo strano comportamento.
 Nonostante il buio ormai incombente, mi colpì uno stupendo arco all’entrata della città. Doppio arco, per l’esattezza, di tipica manifattura indiana. Magnifico.
 Nick se ne accorse. «Bello, vero? Ce n’è uno a ogni entrata, tutti diversi. Imparerai a conoscerli.»
 Il taxi si fermò davanti a una villetta. Nick pagò l’autista che subito se ne andò.
 «Abito qui. È un quartiere periferico di Ujjain. In realtà è un vero paese e si chiama Parsvnath City, ma ormai fa parte della città. La Vikram è poco distante, in dieci minuti ci arrivi a piedi.»
 Entrammo.
 Bella casa. Salone con cucina, due camere, bagno e studio. E sopra un balcone grande come tutta la costruzione. Ci poteva comodamente abitare una coppia con figli.
 «Caspita» me ne uscii, «devi prendere bene se ti puoi permettere un posto simile.»
 «No no, mi costa meno di trecento sterline al mese di affitto. Quattrocento dollari, per l’esattezza.»
 «Così poco?»
 «Caro mio, devi imparare tante cose di questo splendido paese. Ne avrai tutto il tempo, ora usciamo a mangiare un boccone. Offro io.»
 «Mangiare? Sì, ok, purché non sia come quello che mi hanno dato sull’aereo. Ho ancora lo stomaco che si lamenta.»
 Scoppiò in una risata: «Proprio come accadde a me, ma ci si abitua, te lo garantisco.»
 
 Nel locale l’odore delle spezie era pazzesco.
 «Una cucina per stomaci forti, questa.»
 «Se parli di quella tradizionale ti do ragione, ma in città c’è di tutto ormai. Qui fanno un ottimo pollo alla brace, per esempio. O lo vuoi all’indiana, tandoori?»
 «Non scherziamo, vada per il pollo alla brace. E una birra, se ce l’hanno.»
 «Certo che sì. Ora chiamo la ragazza» rispose alzando la mano per farsi vedere.
 Giunse tutto in breve tempo e mentre masticavo con piacere Nick disse: «Lo sai che qui passa il tropico del cancro?»
 «Davvero? Vuoi dire che siamo ai tropici?» risposi sghignazzando. «Me li sono sempre figurati diversi.»
 «E vedrai quando arriveranno i monsoni…»
 Lo guardai. «In che periodo?»
 «Maggio, di solito. Fra quattro mesi abbondanti.»
 La serata si chiuse lì. Mi cadde addosso la stanchezza del viaggio e Nick lo notò. Meno di un’ora dopo dormivo di gusto.
 
 Nei due giorni successivi Nick mi portò alla Vikram dove ebbi un colloquio col rettore e parte della dirigenza presentando tutte le mie credenziali, poi cominciai a conoscere i colleghi e infine mi portò con lui all’aula in cui avrebbe tenuto la lezione e presentato ai ragazzi come suo sostituto per i mesi a venire.
 Sabato e domenica li passammo invece girando per la città con i riksciò. Mi fece vedere alcuni templi e mi portò nelle vie centrali, dove si trovavano i negozi migliori. Ma soprattutto continuava a dire che sarebbe partito a breve e non ne spiegava il motivo trincerandosi dietro oscure storie di famiglia.
 L’accordo tra noi prevedeva che in sua assenza avrei gestito la casa, ma al ritorno gliela avrei resa e pertanto, nel frattempo, avrei dovuto cercarmi una sistemazione per il futuro.
 «Non è difficlie, vedrai. Ci sono molte buone occasioni, anche d’acquisto.»
 «Ma figuriamoci se acquisto. Tra un anno o anche meno torno a Londra, tranquillo.»
 Sbagliavo.
 Per tutta la settimana, mentre Nick era al lavoro, approfondii le conoscenze con gli altri docenti, alcuni studenti e la città di Ujjain. Soprattutto con quest’ultima dialogai parecchio.
 L’odore non lo sentivo più, mi ero assuefatto, ma camminando lungo le vie mi accorsi di quanta sporcizia vi fosse in ogni angolo e di come mi irritasse il comportamento degli indiani: sputavano per strada, si soffiavano il naso tappando prima una narice e poi l’altra. Sembravano non conoscere l’educazione. Se poi aggiungiamo che ogni tanto capitava di trovarsi davanti una mucca o i suoi escrementi… No, non era una città fatta per me.
 «L’India è questa e gli indiani sono così, Mark.»
 «Sarà, ma non mi pare il massimo della vita. Tropico del Cancro… mah.»
 
 
 «Cazzo, Nick, sono qui da due settimane soltanto, non puoi partire così di fretta.»
 «Mi spiace, ma devo assolutamente andare, Mark. Un giorno ti spiegherò ogni cosa.»
 «Certo, come no. E intanto io resto qui a cercare di sopravvivere in una città dove ancora non conosco nessuno o quasi. Sembri una moglie o un’amante che se ne va sul più bello.»
 Qualcosa nelle mie parole lo colpì e rimase in silenzio per qualche istante, pensando a cosa dire.
 «Tornerò presto, vedrai.»
 «Ecco, appunto. Va bene, d’accordo, segui la tua via, cercherò di arrangiarmi.»
 «Grazie, Mark…»
 «Ma quando torni facciamo i conti, te lo garantisco.»
 Non volle neppure lo accompagnassi all’aeroporto, prese un taxi e se ne andò lasciandomi mille dubbi e domande senza risposta.
 
 Partito lui presi il suo posto in università, mi immersi nel lavoro e nella conoscenza del paese.
 Cominciai così ad apprezzare tante cose, a partire dal cibo, facendomi consigliare da colleghi e studenti.
 Conobbi il masala dosa e le altre mille varianti della farina di ceci di cui fanno uso in India, dal chapati al samosa passando per le pakora. Ne uscivano dei piatti che se non erano conditi con aromi a dismisura, risultavano davvero gradevoli.
 Ma poco a poco prese lentamente a piacermi anche il gusto delle loro spezie, delle loro strade, vie, case, negozi, abiti. Donne.
 Già. Sarà perché ci passa il tropico del cancro, ma come un cancro questa città e i suoi componenti entrarono in me e cominciarono a divorarmi.
 
 Una dozzina di giorni dopo la partenza di Nick, tornando a casa dalla Vikram trovai una sorpresa.
 Sul momento non credetti ai miei occhi: seduta davanti alla porta c’era Sally.
 Nel vedermi sbarrò gli occhi e disse: «Mark, che ci fai qui?»
 «Scusa sai, ma io qui ci abito. Che ci fai tu, piuttosto?»
 «Io… ecco, io ero venuta per Nick. Dove lo posso trovare? Avevo capito che ci abitava lui in questo posto.»
 Sentii il cervello partire con una serie di elaborazioni.
 «Nick? E perché lo cerchi, se non sono indiscreto?»
 «Beh, vedi, io… oh, cazzo, Mark, è lui il mio amante, quello per cui ti ho lasciato. È venuto un paio di volte da me, poi ci siamo accordati per trovarci qui.»
 L’elaborazione si concluse e scoppiai in una risata memorabile. Ogni cosa si sistemava, ogni tassello del puzzle al proprio posto.
 «Sally, Nick è in Inghilterra, o almeno credo. È partito due settimana fa. Mi ha chiamato a sostituirlo nel lavoro perché diceva di avere un impegno di famiglia molto importante. Adesso capisco tutto, anche perché aveva tanta fretta di andarsene» dissi ridendo come un matto.
 «Che c’è da ridere, io non ci capisco nulla, invece. Mi aveva chiesto di raggiungerlo qua dove si era sistemato, per vivere insieme.»
 «Ti ha buggerato, Sally, come ha fatto con me. Però c’è una differenza e lo sai. Io non sono infastidito più di tanto, tu sì. Tantissimo.»
 In un attimo comprese l’accaduto, la truffa di Nick e quanto vi era collegato. Scoppiò in lacrime e non ebbi il coraggio di lasciarla sulla soglia, la feci entrare.
 
 Dopo essersi sfogata e aver scaricato la tensione tornò ad essere la Sally che conoscevo, ma c’era una differenza: non mi interessava più e, per fortuna, lo capì subito.
 Rimase a dormire da me e il giorno successivo la portai in giro per la città, come aveva fatto Nick con me, ma sempre rimanendo distaccato. Cosa non difficile, sebbene non l’avessi mai ritenuto possibile.
 La sera venne di nuovo colpita da una crisi di pianto e mi chiese di accompagnarla a Londra.
 «No, Sally. Posso accompagnarti all’aeroporto, ma oltre non vado. Io resto qui.»
 Non era una sciocca. Annuì.
 Si fermò altri due giorni, poi andammo in taxi fino a Indore e si imbarcò per Mumbai, dove avrebbe preso il volo per Londra.
 Tornando verso casa mi ritrovai a sorridere ripensando a lei.
 Una volta arrivato esplosi in una risata tremenda, poi mi masturbai violentemente, piangendo e pensandola.
 
 Passò un altro mese tra alti e bassi, ricordi e rimpianti, poi venni convocato dal rettore.
 «Il signor Wailey ha dato le dimissioni, lei se la sente di prendere il suo posto in via definitiva?»
 «Come, scusi? Nick si è licenziato?»
 «Sì, Nicholas Wailey si è licenziato, se così vogliamo dire. Lei?»
 «Mah, non so. Senta, posso darle la risposta fra qualche giorno?»
 «Certo, signor Greebe, ma tenga presente che prima lo fa e meglio è.»
 M’illuminai d’improvviso: «Ha ragione, accetto la proposta.»
 Mi guardò, perplesso. «È sicuro, signor Greebe? Non vuole pensarci almeno un poco?»
 «No, va bene così. Accetto.» Gli porsi la mano e me ne andai, sorridendo, a conoscere parti della città che mi mancavano.
 
 Con la nuova euforia che mi permeava mi trovai a frequentare luoghi già conosciuti avendo uno spirito diverso e trovarli cambiati, per niente uguali a prima.
 E m’innamorai.
 Del cibo.
 Della vita.
 Del tropico del cancro.
 Di Bhavya. Dolce, bella, elegante, come dice il suo nome. Occhi neri dentro un volto ramato. Una dea indiana, tutta per me.
 Anche lei, come un cancro, entrò in me e prese a espandersi, a consumarmi.
 E lo fece a tal punto che la chiesi in moglie secondo le regole indiane. Mi sentivo ridicolo e al tempo stesso orgoglioso quando uscimmo dal tempio dedicato a Shiva, novelli sposi tutti ricoperti di fiori colorati. Quell’alba che speravo di trovare era arrivata e mi illuminava corpo, anima e cuore.
 
 
 Sono passati anni, qui al tropico del cancro, e non ho più avuto notizie di Nick e Sally.
 Non sento la mancanza della nebbia londinese. Qui si sta bene tutto l’anno, a parte il periodo dei monsoni, comunque sopportabile senza fatica.
 La casa l’ho comprata e ci vivo con mia moglie Bhavya e i nostri figli, Ramesh e Jyoti.
 Ora lei aspetta il terzo ed è felice.
 E pure io, sebbene i tropici me li aspettassi diversi.
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Roberto Virdo'
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 353
Iscritto il: 08/06/2020, 11:04

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Virdo' »

Bene Fausto, molto bene! Sei riuscito a inventarti questa storia in una cornice davvero intrigante. Sai far suscitare, o almeno hai saputo farlo con me, una curiosità niente male. Complimenti per questa bella carrellata di nomi, posti e ricette, si avverte una grande, sentita passione per l'India.
Bella scrittura, scorrevole, senza intoppi. Trama particolare con doppia sorpresa che colpisce: l'amico non può competere con il protagonista né la ex moglie con la nuova indiana piena di fiori e colori. Un volo di fantasia niente male, che peraltro ci sta tutto.
Mi permetto una piccola "sconsiderazione". In tempi non meglio definiti ricevetti in regalo un album dei Pooh - gruppo allora tra i miei preferiti -. L'album era "Tropico del Nord", titolo che dice poco a noi italiani ma, nella lingua inglese, si riferisce proprio al Tropico del Cancro. L'unico brano che mi piaceva davvero di quel disco era "Solo Voci" e di questo una frase: "e gli aeroporti per andare via, se vuoi". Bravo Fausto, facci volare dentro un sogno.
Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 566
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

Roberto Virdo' ha scritto: 22/03/2021, 12:11 Bene Fausto, molto bene! Sei riuscito a inventarti questa storia in una cornice davvero intrigante. Sai far suscitare, o almeno hai saputo farlo con me, una curiosità niente male. Complimenti per questa bella carrellata di nomi, posti e ricette, si avverte una grande, sentita passione per l'India.
Bella scrittura, scorrevole, senza intoppi. Trama particolare con doppia sorpresa che colpisce: l'amico non può competere con il protagonista né la ex moglie con la nuova indiana piena di fiori e colori. Un volo di fantasia niente male, che peraltro ci sta tutto.
Mi permetto una piccola "sconsiderazione". In tempi non meglio definiti ricevetti in regalo un album dei Pooh - gruppo allora tra i miei preferiti -. L'album era "Tropico del Nord", titolo che dice poco a noi italiani ma, nella lingua inglese, si riferisce proprio al Tropico del Cancro. L'unico brano che mi piaceva davvero di quel disco era "Solo Voci" e di questo una frase: "e gli aeroporti per andare via, se vuoi". Bravo Fausto, facci volare dentro un sogno.
ti ringrazio, Roberto, per le belle parole spese.
sì, amo l'India davvero, ci sono stato più volte e ci tornerei in ogni momento se solo potessi.
non conosco l'album dei Pooh, non sono tra i miei gruppi preferiti sebben abbia amato molte loro canzoni.
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Francesco Pino
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 171
Iscritto il: 09/05/2020, 17:55

Author's data

Re: Alba d'oriente

Messaggio da leggere da Francesco Pino »

Un viaggio per lasciarsi alle spalle il passato che finisce poi per cambiare tutta la vita. La trama è veramente intrigante e il racconto è scritto molto molto bene. Ottime le descrizioni. Sconfino anch'io nel campo musicale perché il riferimento mi ha ricordato Vasco Rossi: la canzone "Tropico del cancro"... "mai nessun altro lo vide più. Dice che è in America e che non vuole tornare più!".
Complimenti per il bel lavoro.
Immagine
Laura Traverso
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 481
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

Mi è piaciuta la descrizione dell' India, terra unica e meravigliosa. Gli odori speziati nell'aria non si dimenticano... Circa la storia, carina! Anche se assai fantasiosa. Le masturbazioni, a mio giudizio, ci crescono, ma si sa, non siamo tutti uguali... Il racconto comunque è scritto bene, forse è un poco artificiale la terminologia usata per i dialoghi, ma nulla di più.
Andr60
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 163
Iscritto il: 15/11/2019, 15:45

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Andr60 »

Una storia interessante e ben scritta con un'ambientazione esotica che fa venir voglia di conoscere ancora meglio un paese (anzi, un sub-continente) in gran parte ignoto, almeno per me.
Ed anche un suggerimento per il futuro, visto che nella UE tira davvero una brutta aria, e non è dovuta all'uso eccessivo di spezie.
Avatar utente
Ishramit
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 37
Iscritto il: 28/02/2021, 11:29
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Ishramit »

Un buon racconto, ben costruito e ben ambientato, anche se sulle prime sembrava che l'india fosse semplicemente "molto indiana" poi effettivamente il tutto prende gradualmente corpo in maniera egregia. Un limite credo che sia la narrazione, forse inficiata dalla prima persona: il narratore sembra distaccato, lontano, e la cosa ha senso nel contesto del racconto (dove lui si è lasciato tutto alle spalle) ma l'ho sentita castrante rispetto al potenziale emotivo di un colpo di scena… che il lettore non vive come tale. L'inizio in medias res è un po' disorientante, o forse sono io che oggi sono un po' rimbambito: fatto sta che ho dovuto rileggerlo un paio di volte perché all'inizio avevo capito che Nick andava in India e Mark doveva prendere il suo posto al lavoro nel luogo dove vivevano, poi chiaramente c'era qualcosa che non portava e sono tornato indietro :roll:
Avatar utente
M.perrella
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 42
Iscritto il: 28/03/2020, 19:22

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da M.perrella »

Ci sono tutti gli ingredienti per una buona storia con una trama avvincente che si dipana in modo lineare, con qualche digressione, fino alla rivelazione finale.
Ben caratterizzati i personaggi.
Letylety
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 14
Iscritto il: 21/03/2020, 12:12

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Letylety »

Un bel racconto che fa venir voglia di partire subito. Ahimè, purtroppo non sarà così ma sognare in qualche modo aiuta.
I due ragazzi sono simpatici. Uno per quell'ingenuità che aiuta a trovare la propria strada, l'altro per essere un mascalzoncello che scappa da qualcuno che potrebbe diventare la sua prigione.
Sally dovrà pensare bene ai fatti accaduti e spegnere in fretta quel cerino che le è rimasto in mano.
Avatar utente
Liliana Tuozzo
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 150
Iscritto il: 18/03/2010, 17:09

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Liliana Tuozzo »

Un viaggio lungo una vita. In questo racconto il lettore viene trasportato on hoaggio col protagonista, lo segue nel volo in aereo, me assapora le pietanze sconosciute, ne annusa gli odori pungenti. Hai descritto benissimo l' India e ho trovato la prima parte molto intensa. Sei stato bravo a suscitare curiosità, però la storia che si legge alla fine è quasi ordinaria. Per come è stato scritto lo ritengo un lavoro ottimo.
Bellissimo il titolo. Bravo.
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Athosg
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 33
Iscritto il: 17/12/2016, 13:41

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Athosg »

Un bel racconto che copre lo spazio di parecchi anni. Dopotutto non ricordo chi diceva che i giorni importanti in una vita sono cinque o sei, il resto fa volume. Mi ci sono immedesimato in Mark, nelle sue esitazioni, nelle sue decisioni e nella sua sincerità di fondo. Alla fine ognuno nella vita trova la sua strada.
Egidio
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 12
Iscritto il: 14/04/2021, 6:05

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Egidio »

Storia che si fonda su dialoghi tra personaggi un po' di maniera, ma comunque ben caratterizzanti. La trama è fantasiosa e ben intessuta. Avrei evitato l'accenno alla masturbazione: poco fine. Il ritratto dell'India e degli indiani mi pare poco realistico, poco credibile. Comunque, questo racconto ha i suoi pregi: bella trama ed è scritto in buon italiano.
Rispondi

Torna a “Gara di primavera, 2021”



Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


IperStore - il lato oscuro dello Shopping

IperStore - il lato oscuro dello Shopping

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
È il giorno dell'inaugurazione di un supermercato, uno davvero grande, uno iper, uno dei tanti che avrete voi stessi frequentato e arricchito. Durante questa giornata di festa e di aggregazione sociale, qualcuno leggerà un dattiloscritto ancora inedito il cui contenuto trasformerà l'impossibile in normalità.
"...come se dal cielo fosse calata la mano divina di un Dio stanco e dispiaciuto dei propri errori, o come se tutte le altre grandi divinità fin'ora inventate dal Genere umano per compensare la propria inconsapevole ignoranza tribale e medievale verso i misteri della Natura e della Vita, si rivoltassero ai propri Creatori e decidessero di governare le loro fantasie".
La storia è leggermente erotica, vagamente fantasy, macchiata di horror e forse un po' comica.
Di Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (166,68 KB scaricato 44 volte).
info e commenti compralo su   amazon


BReVI AUTORI - volume 5

BReVI AUTORI - volume 5

collana antologica multigenere di racconti brevi

BReVI AUTORI è una collana di libri multigenere, ad ampio spettro letterario. I quasi cento brevi racconti pubblicati in ogni volume sono suddivisi usando il seguente schema ternario:

Fantascienza + Fantasy + Horror
Noir + Drammatico + Psicologico
Rosa + Erotico + Narrativa generale

La brevità va a pari passo con la modernità, basti pensare all'estrema sintesi dei messaggini telefonici o a quelli usati in internet da talune piattaforme sociali per l'interazione tra utenti. La pubblicità stessa ha fatto della brevità la sua arma più vincente, tentando (e spesso riuscendo) in pochi attimi di convincerci, di emozionarci e di farci sognare.
Ma gli estremismi non ci piacciono. Il nostro concetto di brevità è un po' più elastico di un SMS o di un aforisma: è un racconto scritto con cura in appena 2500 battute (sì, spazi inclusi).
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Marco Bertoli, Angela Catalini, Francesco Gallina, Liliana Tuozzo, Roberto Bonfanti, Enrico Teodorani, Laura Traverso, Antonio Mattera, Beno Franceschini, F. T. Leo, Fausto Scatoli, Alessandro Chiesurin, Selene Barblan, Giovanni Teresi, Noemi Buiarelli, Maria Rupolo, Alessio Del Debbio, Francesca Gabriel, Gabriele Iacono, Marco Vecchi, SmilingRedSkeleton, Alessandro Pesaresi, Gabriele Iacono, Gabriele Laghi, Ilaria Motta.
Vedi ANTEPRIMA (263,51 KB scaricato 47 volte).
info e commenti compralo su   amazon


L'Animo spaziale

L'Animo spaziale

Tributo alla Space Opera

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
L'Animo Spaziale è un tributo alla space opera. Contiene una raccolta di racconti dell'autore Massimo Baglione, ambientati nella fantascienza spaziale. Un libro dove il concetto di fantascienza è quello classico, ispirato al Maestro Isaac Asimov. La trilogia de "L'Animo Spaziale" (Intrepida, Indomita e Impavida) è una storia ben raccontata con i giusti colpi di scena. Notevole la parentesi psicologica, in Indomita, che svela la complessa natura di Susan, elemento chiave dell'intera vicenda. "Intrepida", inoltre, ha vinto il primo premio nel concorso di letteratura fantascientifica "ApuliaCon 2006" (oggi "Giulio Verne"). I racconti brevi "Mr. Sgrultz", "La bottiglia di Sua Maestà" e "Noi, sorelle!" sono stati definiti dalla critica "piccoli capolavori di fantascienza da annoverare negli annali.
Di Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (1,68 MB scaricato 265 volte).
info e commenti compralo su   amazon





Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 58 - A volte ritornano

La Gara 58 - A volte ritornano

(marzo/aprile 2016, 18 pagine, 500,19 KB)

Autori partecipanti: Giorgio Leone, Patrizia Chini, Nunzio Campanelli, Laura Chi, Alberto Tivoli, Annamaria Vernuccio,
a cura di Lodovico.
Scarica questo testo in formato PDF (500,19 KB) - scaricato 40 volte.
oppure in formato EPUB (1,03 MB) (vedi anteprima) - scaricato 84 volte..
Lascia un commento.

La Gara 10 - Dreaming of a Weird Christmas

La Gara 10 - Dreaming of a Weird Christmas

(gennaio 2010, 20 pagine, 1,56 MB)

Autori partecipanti: Giacomo Scotti, Bonnie, Cosimo Vitiello, ArditoEufemismo, Mario, Dafank, Phigreco, Pia,
A cura di CMT.
Scarica questo testo in formato PDF (1,56 MB) - scaricato 350 volte..
Lascia un commento.

La Gara 70 - Troppo tardi

La Gara 70 - Troppo tardi

(aprile 2018, 20 pagine, 663,34 KB)

Autori partecipanti: Roberto Bonfanti, Patrizia Chini, Daniele Missiroli, Gabriele Ludovici, Ida Dainese,
a cura di Lodovico Ferrari.
Scarica questo testo in formato PDF (663,34 KB) - scaricato 64 volte.
oppure in formato EPUB (326,04 KB) (vedi anteprima) - scaricato 77 volte..
Lascia un commento.