I passeri

Spazio dedicato alla Gara stagionale di primavera 2021.

Votazione

1 - non mi piace affatto
0
Nessun voto
2 - mi piace pochino
0
Nessun voto
3 - si lascia leggere
3
30%
4 - è bello
4
40%
5 - mi piace tantissimo
3
30%
 
Voti totali: 10

Alessandro Mazzi
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 30
Iscritto il: 27/03/2019, 22:45

Author's data

I passeri

Messaggio da leggere da Alessandro Mazzi »


Il telefono squilla per pochi secondi. La fastidiosa musichetta viene interrotta alle prime note dal dito di Sara che striscia verso destra sullo schermo. L’orario è sempre lo stesso, puntuale come la morte. È diventato un appuntamento fisso, qualcosa che ti aspetti ma che non desideri realmente.
 Sara rimane muta. Come di consueto non dirà una parola; lascerà che sia la voce all’altro capo della conversazione a parlare, a ripetere per la centesima volta le stesse identiche cose.
 Sarà davvero la telefonata numero cento? Non ne è poi così sicura; non le ha mai contate ma di certo sono passati tre mesi da quella prima volta. E da allora il suo smartphone ha squillato inesorabilmente ogni giorno.
 Una voce maschile, calda e profonda le giunge all’orecchio; le parla di uccelli, passeri per la precisione, e del loro inquieto muoversi in circoli nel cielo.
 La ragazza non dice nulla, sa che non ce n’è di bisogno. La linea cade all’improvviso e nemmeno quella è una sorpresa, anzi si tratta ormai di quotidiana routine.
 Sua madre entra nella stanza, osserva la figlia stringere in mano il cellulare.
 - Ancora lui? - domanda rivolgendosi alla giovane seduta contro il vetro della finestra.
 Sara non risponde. Ci pensano le lacrime a parlare per lei; scorrono rapide lungo i lineamenti del viso pallido sussurrando un “si” troppo amaro per trovar voce.
 
 
 Giampaolo si appoggia al cancello di ferro. Intorno a lui tutto sembra muoversi al rallentatore. Si sente sospeso in un limbo di irrealtà.
 Le acque dell’Adige scorrono inesorabili e tumultuose, mentre una carovana di bianche nubi si sposta al piccolo trotto in un cielo più azzurro che mai.
 Lo sguardo dell’uomo si perde nello spettacolo che lo sovrasta. I suoi occhi sono tristi e velati, colmi di ansia. È un uomo stanco, quasi incapace di reggersi sulle proprie gambe; cerca un sollievo lontano, forse irraggiungibile.
 Uno stormo di passeri fluttua nervosamente sopra la sua testa. È il segnale che attende, la sua occasione. Prende il telefono e con un paio di tocchi delle dita è in attesa di comunicare con sua figlia. L’uso del cellulare per lui ormai si riduce a quella banale azione.
 Un paio di squilli, questione di pochi secondi ed è in comunicazione con la ragazza. C’è un momento di silenzio, quell’attimo in cui ci si aspetterebbe di udire un “pronto”, e invece nulla.
 - Sara, che significa quando i passeri girano in cerchio? Sono tantissimi, lì vedo sulla mia testa. Cercano qualcosa? - domanda l’uomo a voce bassa.
 La voce della figlia non arriva alle sue orecchie. La comunicazione si interrompe come di consueto.
 Il volto di Giampaolo è disteso nonostante sembri che l’uomo si stia lentamente consumando in una vana attesa.
 Gli sciami nel cielo intanto si muovono in balia della debole brezza primaverile. Volteggiano e creano figure vagamente riconoscibili. La forma di un uomo …
 
 
 I passeri sono tornati alla finestra. Sara li osserva muta. La sua mente è un tumulto di pensieri ed emozioni. È incapace di esprimersi, fatica a esternare i propri stati d’animo e le lacrime sono il suo unico sfogo, quasi fosse una pentola a pressione sul punto di esplodere.
 Sua madre le sta accanto, le posa una mano sulla spalla. Da tempo cerca di aiutare la figlia quattordicenne ad aprire lo scrigno del cuore barricato.
 - Forse è tempo che lo lasci andare – sussurra la donna all’orecchio della ragazza.
 Sara abbassa lo sguardo; all’improvviso sente di non riuscire più a reggere la vista di tutti quei passeri sul muro esterno della finestra.
 - Sono passati tre mesi, Sara. Tre mesi non sono nulla in confronto a tutta la vita che hai davanti. Trova la forza che ti serve …
 La frase si spegne di colpo nel silenzio della stanza. Sara singhiozza piano, quasi a non volersi far sentire.
 Tre mesi dall’inizio delle chiamate, dalla comparsa dei passeri, dalla morte che ti strappa via ogni certezza.
 Il becco di un uccello gratta contro il vetro producendo un fastidioso rumore che gela il sangue nelle vene di Sara. Quel suono arriva dritto al cuore della giovane, si condensa nell’aria e si traduce in parole umane.
 - Liberami da questo tormento – piagnucola una voce familiare nella sua mente
 
 
 Passano ventiquattro ore e il telefonino squilla di nuovo. La reazione della ragazza è fulminea, forse più del solito.
 La stessa domanda di ogni giorno riecheggia nelle orecchie, si propaga fino a raggiungere il cervello, risvegliando e scuotendo ogni organo del corpo.
 Sara trema: sa che non le resta molto tempo prima che la comunicazione si interrompa. Ma oggi è diverso, è decisa a chiudere questa storia.
 Con voce ferma e decisa risponde per la prima volta.
 - Ti voglio bene, papà. Scusa se non te l’ho mai detto prima. Ora è tempo di dirsi addio. -
 Il fiato si spezza in gola e quel crac immaginario genera un’esondazione di lacrime. La diga che ostruiva il cuore è finalmente abbattuta; emozioni contrastanti bagnano il viso di Sara.
 Sua madre l’abbraccia. È fiera di sua figlia, sa che ha compiuto un importante passo nel tortuoso cammino della vita.
 Dall’altra parte del telefono giunge un lieve sospiro, poi uno sbattere d’ali frenetico sovrasta ogni cosa col suo rumore. La conversazione termina per l’ultima volta.
 In un posto remoto e imprecisato, un uomo di nome Giampaolo, padre di una figlia chiamata Sara si sta lasciando andare al flusso inesorabile del destino.
 Stormi di passeri lo avvolgono, coprendolo interamente. Lo sollevano in alto e piano piano si dileguano nel rossore del crepuscolo serale. Dell’uomo non resta traccia.
 
 
 Gli occhi umidi di Sara risplendono del colore caldo del cielo. Gli uccelli disegnano una forma vagamente umana e si disperdono in una danza armoniosa, svanendo dietro l’orizzonte.
 - Non torneranno più – mormora Sara, guardando la madre seduta vicino a lei.
 La donna accarezza i lunghi capelli biondi della figlia, che le pone un’ultima domanda.
 - Cos’erano quei passeri, mamma? - chiede in tono dubbioso, sapendo che sua madre ha sempre una risposta a tutto.
 - Qualcuno li chiama psicopompi. Traghettano nell’aldilà le anime inquiete che faticano a trovar pace. Con le tue parole hai liberato tuo padre, gli hai dato l’ultima cosa che lo legava a questa esistenza terrena. -
 Sara dà un’ultima occhiata alla finestra: probabilmente non riceverà più quelle telefonate. Gli uccelli se ne sono andati per sempre e con loro anche suo padre.
 Mentre gli ultimi bagliori di luce nel cielo svaniscono, la ragazza si lascia andare al fiume in piena delle sue emozioni. Sa che almeno quelle rimarranno.
Roberto Virdo'
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 353
Iscritto il: 08/06/2020, 11:04

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Virdo' »

Davvero molto bello e pieno di poesia. La delicatezza delle immagini evocate, la leggerezza della storia in sè che contrasta con la realtà raccontata mi ha lasciato di stucco. Difficile, particolarmente difficile riuscire a prenderci per mano e guidare i nostri sensi. In particolare, non si tratta di vedere ma di sentire. Un sentire che rimbalza da fuori a dentro. La realtà viene elaborata e noi diventiamo particelle trasportate in questa trasformazione. Giampaolo non c'è, lo intuiamo, infine lo sappiamo. Eppure è lì. Un dolore che solo alla fine riesce a scorrere come il fiume. Alessandro, chapeau.
Ultima modifica di Roberto Virdo' il 31/03/2021, 9:47, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
Massimo Baglione
rank (info):
Site Admin
Messaggi: 9274
Iscritto il: 11/04/2007, 12:20
Località: Belluno
Contatta:

Author's data

Re: I passeri

Messaggio da leggere da Massimo Baglione »

Ricordatevi di specificare esattamente "Commento" come titolo del messaggio usato per commentare le opere in Gara (senza prefissi come "Re:" o altro), altrimenti non verranno conteggiati dal sistema, grazie!
Se invece state solo rispondendo, non serve specificare.
Ricordatevi anche che il testo del commento deve essere lungo almeno 200 battute.
Vi rimando alle istruzioni delle Gare letterarie.
Immagine

Immagine <<< io ero nel Club dei Recensori di BraviAutori.it.

Immagine

www.massimobaglione.org
Avatar utente
Liliana Tuozzo
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 150
Iscritto il: 18/03/2010, 17:09

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Liliana Tuozzo »

Una figlia che non accetta la morte del padre. Molto commovente e ben descritto questo racconto . Sono i passeri che nei loro voli parlano dell' uomo e lei lo sente anche se rimane in silenzio. L'attenzione del lettore è catturata da questo dramma raccontato nelle sue sfumature e nel pianto incontenibile. Finalmente alla fine trova la forza di lasciarlo andare. Bel lavoro.
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Francesco Pino
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 171
Iscritto il: 09/05/2020, 17:55

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Francesco Pino »

L’antico mito dello psicopompo riproposto con una storia dei giorni nostri dal forte impatto emotivo. C’è perfino il fiume tumultuoso davanti a quest’anima che ha bisogno di trovar pace per passare dall’altra parte. E come mai potrebbe trovarla la pace restando col dubbio sull’affetto della figlia nei suoi confronti?
Un buon racconto, complimenti.
Immagine
Avatar utente
Ishramit
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 37
Iscritto il: 28/02/2021, 11:29
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Ishramit »

Fino alle battute finali corre il rischio di risultare estremamente artificioso, ma la scelta di virare espicitamente sul "mistico" anziché sullo psicologico lo salva e lo rende un bel racconto, dato che così i comportamenti di madre e figlia risultano effettivamente credibili. Riuscito bene anche nei ritmi e nei toni, ottimo lavoro.
SmilingRedSkeleton
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 27
Iscritto il: 31/08/2016, 13:39

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da SmilingRedSkeleton »

Un racconto molto delicato e decisamente commovente. Un lutto difficile da superare e un primo passo verso il futuro resi meno angoscianti dalla graziosa immagine dei passeri come traghettatori. Ammetto che inizialmente avevo pensato a più inquietanti allucinazioni XD
Egidio
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 12
Iscritto il: 14/04/2021, 6:05

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Egidio »

Concordo con chi ha espresso i giudizi precedenti: c'è molta delicata poesia in questo racconto. Aggiungo che, almeno finora, i lavori che ho letto mi sono sembrati tutti di buon livello. Trovo che la trama sia interessante, e sicuramente coinvolgente. Il partecipare alle iniziative del sito, mi sarà da stimolo per provare a scrivere nuovi romanzi brevi. Potrò prendere spunto dai lavori, così ben fatti, degli altri autori. Bravo Alessandro!
Avatar utente
Isabella Galeotti
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 289
Iscritto il: 29/12/2011, 18:08
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Isabella Galeotti »

Una lacrima è scesa anche a me. Dal titolo pensavo tutt'altro. Invece mi trovo a lottare con vecchi scheletri che a volte ritornano quando leggo delle storie come questa. Mi ha toccato il cuore, gli uccellini per me erano veri. Si trattava di bengalini brillantini. Ecco del perchè emotivamente travolta da questo turbine, che ho passato pure io. Ho gugolato, non sapevo del trapasso tramite i passeri. I miei bengalini invece li ho tenuti ancora per qualche tempo. Poi senza mio padre, se ne sono andati anche loro, uno dopo l'altro. Vabbe parliamo del racconto che è ben strutturato. Il personaggio di Sara è ben raccontato. Anche l'ambientazione e la costante presenza dei passare fa che il brano prenda ancora più spessore. Buon racconto
Immagine
Rispondi

Torna a “Gara di primavera, 2021”


Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 58 - A volte ritornano

La Gara 58 - A volte ritornano

(marzo/aprile 2016, 18 pagine, 500,19 KB)

Autori partecipanti: Giorgio Leone, Patrizia Chini, Nunzio Campanelli, Laura Chi, Alberto Tivoli, Annamaria Vernuccio,
a cura di Lodovico.
Scarica questo testo in formato PDF (500,19 KB) - scaricato 40 volte.
oppure in formato EPUB (1,03 MB) (vedi anteprima) - scaricato 84 volte..
Lascia un commento.

La Gara 10 - Dreaming of a Weird Christmas

La Gara 10 - Dreaming of a Weird Christmas

(gennaio 2010, 20 pagine, 1,56 MB)

Autori partecipanti: Giacomo Scotti, Bonnie, Cosimo Vitiello, ArditoEufemismo, Mario, Dafank, Phigreco, Pia,
A cura di CMT.
Scarica questo testo in formato PDF (1,56 MB) - scaricato 350 volte..
Lascia un commento.

La Gara 70 - Troppo tardi

La Gara 70 - Troppo tardi

(aprile 2018, 20 pagine, 663,34 KB)

Autori partecipanti: Roberto Bonfanti, Patrizia Chini, Daniele Missiroli, Gabriele Ludovici, Ida Dainese,
a cura di Lodovico Ferrari.
Scarica questo testo in formato PDF (663,34 KB) - scaricato 64 volte.
oppure in formato EPUB (326,04 KB) (vedi anteprima) - scaricato 77 volte..
Lascia un commento.





Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


IperStore - il lato oscuro dello Shopping

IperStore - il lato oscuro dello Shopping

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
È il giorno dell'inaugurazione di un supermercato, uno davvero grande, uno iper, uno dei tanti che avrete voi stessi frequentato e arricchito. Durante questa giornata di festa e di aggregazione sociale, qualcuno leggerà un dattiloscritto ancora inedito il cui contenuto trasformerà l'impossibile in normalità.
"...come se dal cielo fosse calata la mano divina di un Dio stanco e dispiaciuto dei propri errori, o come se tutte le altre grandi divinità fin'ora inventate dal Genere umano per compensare la propria inconsapevole ignoranza tribale e medievale verso i misteri della Natura e della Vita, si rivoltassero ai propri Creatori e decidessero di governare le loro fantasie".
La storia è leggermente erotica, vagamente fantasy, macchiata di horror e forse un po' comica.
Di Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (166,68 KB scaricato 44 volte).
info e commenti compralo su   amazon


BReVI AUTORI - volume 5

BReVI AUTORI - volume 5

collana antologica multigenere di racconti brevi

BReVI AUTORI è una collana di libri multigenere, ad ampio spettro letterario. I quasi cento brevi racconti pubblicati in ogni volume sono suddivisi usando il seguente schema ternario:

Fantascienza + Fantasy + Horror
Noir + Drammatico + Psicologico
Rosa + Erotico + Narrativa generale

La brevità va a pari passo con la modernità, basti pensare all'estrema sintesi dei messaggini telefonici o a quelli usati in internet da talune piattaforme sociali per l'interazione tra utenti. La pubblicità stessa ha fatto della brevità la sua arma più vincente, tentando (e spesso riuscendo) in pochi attimi di convincerci, di emozionarci e di farci sognare.
Ma gli estremismi non ci piacciono. Il nostro concetto di brevità è un po' più elastico di un SMS o di un aforisma: è un racconto scritto con cura in appena 2500 battute (sì, spazi inclusi).
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Marco Bertoli, Angela Catalini, Francesco Gallina, Liliana Tuozzo, Roberto Bonfanti, Enrico Teodorani, Laura Traverso, Antonio Mattera, Beno Franceschini, F. T. Leo, Fausto Scatoli, Alessandro Chiesurin, Selene Barblan, Giovanni Teresi, Noemi Buiarelli, Maria Rupolo, Alessio Del Debbio, Francesca Gabriel, Gabriele Iacono, Marco Vecchi, SmilingRedSkeleton, Alessandro Pesaresi, Gabriele Iacono, Gabriele Laghi, Ilaria Motta.
Vedi ANTEPRIMA (263,51 KB scaricato 47 volte).
info e commenti compralo su   amazon


L'Animo spaziale

L'Animo spaziale

Tributo alla Space Opera

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
L'Animo Spaziale è un tributo alla space opera. Contiene una raccolta di racconti dell'autore Massimo Baglione, ambientati nella fantascienza spaziale. Un libro dove il concetto di fantascienza è quello classico, ispirato al Maestro Isaac Asimov. La trilogia de "L'Animo Spaziale" (Intrepida, Indomita e Impavida) è una storia ben raccontata con i giusti colpi di scena. Notevole la parentesi psicologica, in Indomita, che svela la complessa natura di Susan, elemento chiave dell'intera vicenda. "Intrepida", inoltre, ha vinto il primo premio nel concorso di letteratura fantascientifica "ApuliaCon 2006" (oggi "Giulio Verne"). I racconti brevi "Mr. Sgrultz", "La bottiglia di Sua Maestà" e "Noi, sorelle!" sono stati definiti dalla critica "piccoli capolavori di fantascienza da annoverare negli annali.
Di Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (1,68 MB scaricato 265 volte).
info e commenti compralo su   amazon