Il professore

Spazio dedicato alla Gara stagionale di primavera 2021.

Sondaggio

1 - non mi piace affatto
0
Nessun voto
2 - mi piace pochino
0
Nessun voto
3 - si lascia leggere
2
29%
4 - è bello
3
43%
5 - mi piace tantissimo
2
29%
 
Voti totali: 7

Roberto
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 29
Iscritto il: 17/05/2020, 18:34

Author's data

Il professore

Messaggio da leggere da Roberto »


Il fuoco scoppiettava nel camino. Lungo le pareti nere di fumo, scintille salivano dai ciocchi stagionati. Il pavimento era di tavole grezze di pino; i muri, intonacati in maniera grossolana, erano un po’ sporgenti o lievemente rientranti.
 Il vecchio tavolo stava accostato alla parete, tre sedie di paglia intorno. Una scala nell’angolo portava al piano di sopra, quello della camera da letto; riscaldata dal tiepido intonaco che copriva la canna del camino. Il tepore durava finchè il fuoco non si spegneva di notte, e allora si stava caldi solo avvolti stretti nella vecchia trapunta.
 Dall’unica finestra entrava la luce del giorno, ora quasi al tramonto. Il rosso della sera si mescolava al rosso della fiamma e nel silenzio della stanza si provava una sensazione di pace.
 A lato della finestra, fra questa e l’angolo del muro, stava una libreria di castagno, scura, con i ripiani incurvati sotto il peso di libri accatastati in tutte le posizioni, qualcuno spinto a forza fra uno e l’altro.
 Un uomo alto, non vecchio, sedeva comodo in una poltrona accostata al camino con i piedi scalzi sullo scalino rialzato. Leggeva.
 Un po’ più in là, arrotolato e con la schiena appoggiata allo stesso scalino stava un cane da caccia, bruno, muso sopra le zampe, occhi chiusi e russava lievemente accordandosi al rumore del legno che bruciava.
 L’uomo chiuse con uno scatto il libro. Il cane aprì subito gli occhi, subito allerta. Spingendosi sui braccioli, intorpidito dalla posizione seduta, l’uomo si mise in piedi, infilandosi le ciabatte.
 Il cane fu subito in piedi anche lui, scrollandosi vigorosamente, tanto che il pelo fulvo fluttuava attorno al suo corpo dandogli una forma indefinita.
 “Altair, non è il caso che ti alzi. Vado solo nella legnaia a prendere un altro po’ di legna, stai tranquillo”
 Inutile: già gli annusava le gambe per poi dirigersi verso la porta.
 
 A metà settembre l’aria lassù, a oltre mille metri, era piuttosto fresca; anzi, fredda, sul far della sera.
 Verso nord c’era una muraglia altissima, prossima ai tremila metri: una lunga cresta orizzontale che chiudeva la valle. Brillavano ancora i ghiacciai illuminati dai raggi obliqui del sole al tramonto. La luce si rifrangeva sui seracchi e molte tonalità dello spettro luminoso lampeggiavano e coloravano quei pendii che erano in realtà di un biancore abbagliante.
 La casa, quattro sassi e un tetto di pietra, era situata, assieme a una decina di altre simili, su un cucuzzolo al centro della valle; sopraelevato di parecchio rispetto al fondovalle. La stradina asfaltata ma piena di buche che da giù saliva fino al borgo era ripidissima e non sempre praticabile d’inverno.
 Vivevano lassù non più di venti persone, la maggior parte giovani, alcuni sposati.
 “Fresco eh, professore? Un po’ di legna per stanotte?”
 “Salve Carlo. Come va? Sì, la cassetta è quasi vuota e preferisco uscire adesso, fin che c’è luce”.
 Erano d’accordo gli abitanti di quella piccola frazione: tutti facevano legna nei boschi, poi la accumulavano in un’unica legnaia e se ne servivano ogni volta che ne avevano bisogno.
 “Aspetta prof, ti do una mano”.
 “Grazie, molto gentile, Carlo”.
 Si avviarono su per la scala esterna di legno dal mancorrente traballante, grigia per gli anni e ancor di più per la pioggia e la neve.
 “Ecco, mettiamola lì, nella cesta”
 Carlo si premurò di sistemare la legna con ordine. Poi si alzò per uscire,
 “Carlo, è quasi ora di cena. Siedi un momento. Ci vuole un aperitivo, che dici?” nel mentre apriva una credenza ordinata, dove stavano impilati dei piatti, delle pentole, qualche bicchiere capovolto e alcune bottiglie di cui una trasparente, di grappa fatta in qualche fienile.
 “Ti ringrazio, prof, ma non è il caso”, ma già scostava una sedia dal tavolo e si sedeva con piacere.
 “Figurati, Carlo. E Sara, come sta?”
 “Bene, grazie. Il raffreddore le è passato e posso infine sentirla parlare con la sua voce squillante mentre mi rimprovera perché lascio tutto in disordine. Ancora poche settimane e nasce il secondo!”
 Si guardava intorno, nel frattempo:
 “Vedo che non smetti mai di leggere, eh prof?” mentre sfogliava il libro rimasto sulla poltrona.
 Lo chiamavano tutti prof o professore, dopo che, tre anno addietro, era arrivato nel borgo con una montagna di libri.
 “Che mestiere fai?” fu una delle prime domande che gli fecero.
 “Ormai sono in pensione, dall’anno scorso. Ho insegnato filosofia. In un certo senso mi sento come se non avessi mai smesso.
 Dicono che Socrate, mentre gli preparavano il veleno per ucciderlo in carcere, stava imparando una nuova melodia al flauto. Gli amici che lo circondavano gli chiesero (con pessimo gusto, secondo me) perché mai si sforzasse di imparare un nuovo brano, dal momento che…Lui rispose: ‘E’ vero, sto per morire, ma morirò conoscendo una musica che non conoscevo prima’. Capito, Carlo? Bada che ti racconto questo aneddoto non certo per paragonarmi a Socrate, sia chiaro. Ma anch’io sento quasi un bisogno fisico di leggere, non posso farne a meno.”.
 Il professore, abbiamo detto, era arrivato lassù tre anni prima. Durante una gita in montagna era capitato in quello sperduto borgo.
 La giornata era meravigliosa, tutti i colori della tarda primavera cospiravano a far sembrare quelle quattro case come fossero magiche, un’emanazione del bosco. Anche il cielo, senza una nuvola, contribuiva con un azzurro intenso a marcare il confine fra la roccia e l’aria. E il silenzio! Questa pace interrotta solo dal fruscio delle foglie morte e di quelle nuove sui giganteschi castani…
 Si era innamorato del posto e della gente, dopo essere tornato e tornato più volte.
 Aveva comprato quella casetta dove ora viveva e ci si era trasferito nonostante le difficoltà logistiche per scendere ogni giorno a fondovalle, a scuola.
 Era solo; dunque non doveva convincere nessuno.
 Ma, contrariamente a quel che si pensa, non si era stabilito in quel posto remoto per amore della solitudine, per sfuggire alla vita frenetica, per la pace interiore.
 Se questo fosse stato il suo scopo non avrebbe resistito più di qualche settimana.
 La mancanza apparente di ‘vita’ l’avrebbe oppresso inesorabilmente.
 No, era venuto quassù perché si era reso conto, dopo una vita frenetica ma priva di contatti umani, che qui poteva finalmente trovare un universo di sensazioni e di amicizie.
 Qui poteva conoscere tutti, ed erano tantissimi a paragone con le moltitudine amorfe che corrono ogni ora del giorno nelle città. Qui poteva sperare esistesse ancora la ‘persona’. E qui era venuto, una scommessa con se stesso.
 Ricordava alle volte la vita nel condominio dove abitava. Lasciando perdere le baruffe e gli odii alle riunioni dei condomini, si era reso conto, con sgomento, di non sapere quasi i loro nomi. Quando li incontrava per la scala o in ascensore, a malapena riceveva un ‘…giorno’; e poi via, ognuno per conto suo.
 In dieci anni non era riuscito a farsi invitare, non dico per una cena, ma quantomeno per un caffè; anche al bar. Neppure se era lui a invitare (‘mi spiace, oggi proprio non posso; un’altra volta, d’accordo?’).
 Mentre sorseggiavano in silenzio il loro martini, Altair aveva appoggiato il muso sulla coscia di Carlo
 “Certo che il tuo cane è un tesoro, professore. E’ buono come il pane, ha degli occhi così neri, profondi…”
 “E’ vero, è buono. Lo sai che Altair è una stella?”
 Carlo era ingegnere edile, un giovane di quarant’anni, sempre in movimento fra i cantieri del fondovalle e la sua meravigliosa casa. Era nato proprio lì, in quella frazione. Durante gli anni al poli aveva conosciuto Sara. Si erano sposati ed erano venuti quassù. Mai avrebbero lasciato quello che per loro era un paradiso. Ora aspettavano un secondo figlio, ancora poche settimane di attesa.
 “Sì, prof, lo so. Nella costellazione dell’aquila, bellissima. Come sai ho un piccolo telescopio a casa, ma mi capita di guardare il cielo più spesso a occhio nudo. Mi pare di percepire meglio la sua immensità. Cosa vuol dire Altair?”
 “Vuol dire ‘l’aquila volante’, dal nome arabo che risale al medioevo.
 L’hai chiamato ‘il tuo cane’, parlando di Altair. So bene che, se vogliamo intenderci e uscire da gineprai inestricabili, bisogna che usiamo i possessivi: mio, tuo, loro, eccetera. Ma, forse, non è del tutto corretto, se ci pensi. E qui entra, spero di non essere pedante, il professore di filosofia. Cosa vuol dire ‘mio’? Sarei disposto, a mente fredda, a dare la mia vita per lui? Per quanto gli voglia bene, sono quasi certo che no, non lo farei. E lui? Ci scommetto tutto quello che vuoi: morirebbe per me. Allora…chi è di chi? Mi ama a tal punto da sacrificarsi per me. Non è più giusto dire che sono ‘suo’, invece di dire che lui è ‘mio’?”
 “Professore, professore…con te non discuto; tanto lo so bene che mi puoi girare come vuoi. Non te l’ho mai detto, ma sono proprio contento che ti sia unito a noi. E così pensano tutti gli altri. Siamo un po’ montagnini e non ci piace scoprirci troppo. Beh! Ora vado, c’è Sara che mi starà aspettando ed è meglio che l’aiuti, fatica non poco in questi ultimi giorni. Ciao, buona notte”.
 “Buona notte anche a te, Carlo. E saluta Sara”.
 Se n’era appena andato, quando sentì bussare leggermente.
 “Sì? Avanti, apri”
 Era Sofia, la figlia di Caterina, la vecchia del paese. Dicevano, ma appena sussurrato, che era una ‘strega’; nel senso buono del termine, forse una fattucchiera. Qualcuno diceva che era una sensitiva: ti toccava e sapeva tutto di te.
 “Ciao, Sofia, entra entra!”
 “Ciao Giacomo, ti ho portato una minestra di fagioli, se la vuoi. Te la manda la mamma…e anch’io ovviamente”, e un sorriso le accendeva gli occhi verdi.
 Era l’unica che lo chiamava per nome. Ancora una bella donna, forse di cinquant’anni, ma giovanile, energica e dolce. Il prof si illuminava quando la vedeva.
 “Grazie Sofia, siete molto gentili, tu e tua madre. Uno di questi giorni farò qualcosa di speciale e sarete tutti invitati, mi sembra il minimo”.
 “Oh, non preoccuparti, Giacomo. Quando lo fai, comunque, dimmelo prima, che ti vengo ad aiutare. D’accordo?”
 “Certo, Sofia”, ma già era sulla scala e scendeva veloce.
 La porta si chiuse e lui rimase per un momento a fissare quell’uscio muto.
 Ogni partenza gli trafiggeva il cuore, come quando Elena, la sua Elena, se n’era andata. Erano passati più di trent’anni ormai. Per lei, pensava, avrebbe potutto usare il possessivo ‘sua’. Il mondo aveva continuato a girare, insensibile a tutto.
 
 Si era giunti all’estate, il ventiquattro di giugno, san Giovanni.
 Vicino al borgo c’era un’ampia radura, quasi piana. Avevano accatastato legna e fascine e la pira era alta quanto un uomo.
 L’antica tradizione celtica, ereditata e trasformata poi dal cristianesimo, si riferiva al sole e al solstizio d’estate. I fuochi dovevano essere lo stimolo perché il sole risplendesse forte e presto divennero il simbolo dell’amicizia virile.
 Tutti gli uomini e le donne del borgo s’erano affacendati durante il giorno. Ora riposavano all’ombra di qualche elce, pronti a consumare un pasto frugale con la smania di accendere il falò. L’avrebbero visto anche dal fondovalle, sicuro. Gli uomini e i ragazzi più coraggiosi l’avrebbero saltato quando fosse un po’ scemato. La festa stava per iniziare.
 Il prof era seduto sull’erba tenera, tutti intorno alla pira a formare un cerchio. Era calata la notte e i ‘grandi’ avevano acceso le fascine.
 In breve le fiamme si alzarono, almeno tre o quattro metri. Il riverbero della luce rendeva i volti quasi spettrali e deformi. Tutti ridevano. Il calore li aveva costretti ad allontanarsi un po’, prima che la peluria delle braccia prendesse fuoco; e si cominciasse a sentire quel caratteristico odore di pollo rosolato. Che, ad ogni modo, in breve avrebbero sentito tutti.
 Giacomo era seduto vicino alla vecchia Caterina e a sua figlia. Le aveva aiutate ad alzarsi e a spostarsi indietro.
 Una volta sedute fece per abbandonare le loro mani, ma Caterina continuava a trattenere la sua fra le sue vecchie dita. Lo fece sedere al suo fianco, così lui era in mezzo fra madre e figlia. Poi gli parlò piano:
 “Sei triste, vero prof?”
 “No, Caterina, anzi è un’allegra compagnia e mi sto molto divertendo”
 “Sentimi bene, prof. Devi lasciarla andare, chiunque essa fosse. Lasciala! Se, come penso, le vuoi bene, lasciala andare. Sarà sempre con te comunque, ma tu sei quello che deve lasciarla libera”
 I ragazzi e i giovani stavano saltando il fuoco, capelli e peli di braccia e gambe bruciacchiati. Il fuoco era basso e faville salivano nel vento della notte.
 La gente si stava ritirando salutandosi.
 Giacomo si avviò con le due donne, poi la vecchia entrò in casa.
 “Buonanotte, Giacomo, diceva Sofia. Mi sono molto divertita. Guarda che bel cielo, guarda lassù”
 In alto, sopra la testa, luccicava la w di Cassiopeia. Loro erano un po’ girati e la lettera pareva quasi verticale, una E stilizzata.
 “Domani scendo in paese a far delle compere. Mi accompagni?”
 Certo, l’avrebbe accompagnata.
 
 
 
 Scrivi qui il tuo racconto...
Roberto Virdo'
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 353
Iscritto il: 08/06/2020, 11:04

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Virdo' »

Roberto, condividiamo il nome e questo è il primo accenno a una certa affinità del sentire che mi sembra di scorgere.
E' il secondo racconto in questa gara in cui "bisogna lasciar andare chi non c'è". Qualcosa su cui pensare, certamente. Assolutamente valido come spunto, te ne rendo merito. Ma lo prendo come punto di partenza per una profonda riflessione, molto intima e personale, in cui ognuno saprà se davvero riconoscersi in Giacomo. Molto molto bello, in ogni caso.
Splendido testo, significativo sotto ogni aspetto. Una forma lineare, limpida, scorrevole come poche fa da impalcatura a una trama poliedrica. Il punto di vista si sposta dal protagonista ai visitatori, agli amici, quelli che finalmente hanno una reale consistenza a differenza delle evanescenti, insignificanti figure cittadine. Intervallare lo svolgimento con la figura di Altair, che immediatamente suscita affetto e simpatia, è stata una mossa sapiente, e non parlo di furbizia ma di sensibilità. I cenni ad astronomia (superfluo dirti che mi hai colpito al cuore) e filosofia sono le due ali di questa bella storia, che ha nelle sue corde una sottile ma incessante poesia. Forse per tutto questo ci fa, inevitabilmente, alzare lo sguardo al cielo. Non posso che restare ammirato di fronte al tuo lavoro. Vedrai che, come l'Altair mitologico, volerà alto. Molto alto.
Roberto
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 29
Iscritto il: 17/05/2020, 18:34

Author's data

Re: Il professore

Messaggio da leggere da Roberto »

Grazie Roberto. Sei molto, molto gentile e grazie per il tuo bel commento. Ti auguro con tutto il cuore una felice Pasqua. Un abbraccio,
Roberto.
Francesco Pino
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 171
Iscritto il: 09/05/2020, 17:55

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Francesco Pino »

Una piacevole lettura e un racconto ben fatto. Mi ha soprattutto colpito il ragionamento sulla mancanza di rapporti sociali in città (e quanto è vero che nel condominio non si conosce nessuno!), che possono invece essere trovati in un piccolo villaggio. Il personaggio esce dunque fuori dallo stereotipo dell’uomo che si ritira a far l’eremita per combattere il dolore. Poi anche la riflessione filosofica legata al cane è uno spunto di riflessione interessante.
Molto bene Roberto.
Immagine
Andr60
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 163
Iscritto il: 15/11/2019, 15:45

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Andr60 »

Un racconto con un bello svolgimento e che tocca punti interessanti: l'incomunicabilità metropolitana, causata dai suoi ritmi frenetici, contrapposta alle amicizie che s'instaurano invece nelle piccole comunità, dove tutti si conoscono e si aiutano.
Il protagonista è ancora legato al ricordo della moglie defunta, ma la vicina di casa capisce che sta per cedere, basta una piccola spinta...
Avatar utente
Liliana Tuozzo
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 150
Iscritto il: 18/03/2010, 17:09

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Liliana Tuozzo »

Di questo racconto mi è piaciuto molto il modo in cui curi le descrizioni, conmpreso il cane accucciato ai suoi piedi. una storia molto intima che colpisce, di un uomo che si rifugia in un luogo solitario perchè ha perso qualcuno che gli era molto caro. Mi ha colpito quella riflessione sul possessivo si può possedere una persona o anche un cane. No, si possono solo amare come compagni di una parte della vita. Piacuto.
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Roberto
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 29
Iscritto il: 17/05/2020, 18:34

Author's data

Re: Il professore

Messaggio da leggere da Roberto »

Grazie Liliana.
Buona Pasqua,
Roberto
Avatar utente
M.perrella
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 42
Iscritto il: 28/03/2020, 19:22

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da M.perrella »

Una piacevole lettura, Roberto. La descrizione dei luoghi molto accurata, introduce nell'atmosfera della narrazione, crepuscolare come il protagonista, professore di filosofia in pensione.
Le frasi brevi si alternano alle lunghe, dando maggior ritmo alla trama che si dipana in modo lineare, con qualche digressione utile alla comprensione delle motivazioni alla base del comportamento del personaggio principale. La creazione di scene e dialoghi, concorrono a formare un impianto valido dagli elementi narrativi in equilibrio.
Egidio
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 12
Iscritto il: 14/04/2021, 6:05

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Egidio »

Questa storia mi ha catturato in profondità per il tuo bel modo di raccontare. Ben costruita, con una sua poesia di fondo, si avvale di dialoghi mai banali, sempre sapientemente costruiti, senza, però, risultare mai forzati. Complimenti.
Avatar utente
Isabella Galeotti
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 289
Iscritto il: 29/12/2011, 18:08
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Isabella Galeotti »

Scrittura piacevole e scorrevole. Sono entrata nella storia del professore senza problemi. Il paragone tra città e frazione, è calzante, anche se non sempre accade che i montagnini si aprano. Infatti tu prima lo dici che sono diventati amici, poi invece racconti che sono un pochino chiusi. Credo che la seconda sia quella più plausibile. Io Milanese ora vivo in un paesino di 250 abitanti in collina, e ti dico che non si aprono. Torniamo al bel racconto che ho appena gustato. Il Titolo mi ha aperto le trame di mille possibili sviluppi, ma non mi sarei mai aspettata una trama questa questa. Delicata, intima, e introspettiva. Bel racconto. PS Tu scivi “Ti ringrazio, prof, ma non è il caso”, ma già scostava una sedia dal tavolo e si sedeva con piacere.
“Figurati, Carlo. E Sara, come sta?”
“Bene, grazie. Il raffreddore le è passato e posso infine sentirla parlare con la sua voce squillante mentre mi rimprovera perché lascio tutto in disordine. Ancora poche settimane e nasce il secondo!”
Si guardava intorno, nel frattempo:
“Vedo che non smetti mai di leggere, eh prof?” mentre sfogliava il libro rimasto sulla poltrona."
Sopra scrivi che Carlo si era seduto, poi lo trovo che sfoglia il libro che si trova sulla poltrona? Come lo mettiamo Carlo: seduto sulla sedia, oppure che gironzola per la stanza e nota il libro e lo sfoglia? Ho trovato delle ripetizioni, qui su BA abbiamo uno strumento stupefacente che adoperano persino i CE, EDORA, passalo su edora e ti accorgerai di alcune fastidiose ripetizioni. Ultima cosetta, si tratta della cura nel presentare il brano, siamo tra di noi a me non interessa. Tipo la e accentata maiuscola, oppure i punti ecc. A parte questo lo reputo dal mio modestissimo pdv un buon racconto.
Immagine
Mariovaldo
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 69
Iscritto il: 16/12/2019, 7:27
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Mariovaldo »

. Si da' il caso che io , da parecchi anni, abbia una casetta in montagna, un antico rascard in una frazione della val d'Ayas. Seguendo il filo del tuo racconto mi pareva di essere li, a condividere le tue riflessioni e le tue sensazioni. Un racconto di questo genere , se non scritto bene, risulterebbe faticoso alla lettura, se non addirittura noioso, ma il tuo è scritto benissimo, con profondita' di pensiero e molto "visivo", ricco com'è di dettagli pertinenti che lo fanno risultare quasi cinematografico, ma da film d'autore.
Complimenti ammirati
Roberto
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 29
Iscritto il: 17/05/2020, 18:34

Author's data

Re: Il professore

Messaggio da leggere da Roberto »

Ti ringrazio Mariovaldo, sei molto gentile. Ho bazzicato molto la montagna e, quando ti entra nel sangue, ti fa sua. Bella la val d'Ayas, come tutta la val d'Aosta. Arrampicate e bivacchi dovunque...che bei ricordi.
Un caro saluto,
Roberto.
Rispondi

Torna a “Gara di primavera, 2021”


Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 58 - A volte ritornano

La Gara 58 - A volte ritornano

(marzo/aprile 2016, 18 pagine, 500,19 KB)

Autori partecipanti: Giorgio Leone, Patrizia Chini, Nunzio Campanelli, Laura Chi, Alberto Tivoli, Annamaria Vernuccio,
a cura di Lodovico.
Scarica questo testo in formato PDF (500,19 KB) - scaricato 40 volte.
oppure in formato EPUB (1,03 MB) (vedi anteprima) - scaricato 84 volte..
Lascia un commento.

La Gara 10 - Dreaming of a Weird Christmas

La Gara 10 - Dreaming of a Weird Christmas

(gennaio 2010, 20 pagine, 1,56 MB)

Autori partecipanti: Giacomo Scotti, Bonnie, Cosimo Vitiello, ArditoEufemismo, Mario, Dafank, Phigreco, Pia,
A cura di CMT.
Scarica questo testo in formato PDF (1,56 MB) - scaricato 350 volte..
Lascia un commento.

La Gara 70 - Troppo tardi

La Gara 70 - Troppo tardi

(aprile 2018, 20 pagine, 663,34 KB)

Autori partecipanti: Roberto Bonfanti, Patrizia Chini, Daniele Missiroli, Gabriele Ludovici, Ida Dainese,
a cura di Lodovico Ferrari.
Scarica questo testo in formato PDF (663,34 KB) - scaricato 64 volte.
oppure in formato EPUB (326,04 KB) (vedi anteprima) - scaricato 77 volte..
Lascia un commento.





Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


IperStore - il lato oscuro dello Shopping

IperStore - il lato oscuro dello Shopping

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
È il giorno dell'inaugurazione di un supermercato, uno davvero grande, uno iper, uno dei tanti che avrete voi stessi frequentato e arricchito. Durante questa giornata di festa e di aggregazione sociale, qualcuno leggerà un dattiloscritto ancora inedito il cui contenuto trasformerà l'impossibile in normalità.
"...come se dal cielo fosse calata la mano divina di un Dio stanco e dispiaciuto dei propri errori, o come se tutte le altre grandi divinità fin'ora inventate dal Genere umano per compensare la propria inconsapevole ignoranza tribale e medievale verso i misteri della Natura e della Vita, si rivoltassero ai propri Creatori e decidessero di governare le loro fantasie".
La storia è leggermente erotica, vagamente fantasy, macchiata di horror e forse un po' comica.
Di Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (166,68 KB scaricato 44 volte).
info e commenti compralo su   amazon


BReVI AUTORI - volume 5

BReVI AUTORI - volume 5

collana antologica multigenere di racconti brevi

BReVI AUTORI è una collana di libri multigenere, ad ampio spettro letterario. I quasi cento brevi racconti pubblicati in ogni volume sono suddivisi usando il seguente schema ternario:

Fantascienza + Fantasy + Horror
Noir + Drammatico + Psicologico
Rosa + Erotico + Narrativa generale

La brevità va a pari passo con la modernità, basti pensare all'estrema sintesi dei messaggini telefonici o a quelli usati in internet da talune piattaforme sociali per l'interazione tra utenti. La pubblicità stessa ha fatto della brevità la sua arma più vincente, tentando (e spesso riuscendo) in pochi attimi di convincerci, di emozionarci e di farci sognare.
Ma gli estremismi non ci piacciono. Il nostro concetto di brevità è un po' più elastico di un SMS o di un aforisma: è un racconto scritto con cura in appena 2500 battute (sì, spazi inclusi).
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Marco Bertoli, Angela Catalini, Francesco Gallina, Liliana Tuozzo, Roberto Bonfanti, Enrico Teodorani, Laura Traverso, Antonio Mattera, Beno Franceschini, F. T. Leo, Fausto Scatoli, Alessandro Chiesurin, Selene Barblan, Giovanni Teresi, Noemi Buiarelli, Maria Rupolo, Alessio Del Debbio, Francesca Gabriel, Gabriele Iacono, Marco Vecchi, SmilingRedSkeleton, Alessandro Pesaresi, Gabriele Iacono, Gabriele Laghi, Ilaria Motta.
Vedi ANTEPRIMA (263,51 KB scaricato 47 volte).
info e commenti compralo su   amazon


L'Animo spaziale

L'Animo spaziale

Tributo alla Space Opera

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
L'Animo Spaziale è un tributo alla space opera. Contiene una raccolta di racconti dell'autore Massimo Baglione, ambientati nella fantascienza spaziale. Un libro dove il concetto di fantascienza è quello classico, ispirato al Maestro Isaac Asimov. La trilogia de "L'Animo Spaziale" (Intrepida, Indomita e Impavida) è una storia ben raccontata con i giusti colpi di scena. Notevole la parentesi psicologica, in Indomita, che svela la complessa natura di Susan, elemento chiave dell'intera vicenda. "Intrepida", inoltre, ha vinto il primo premio nel concorso di letteratura fantascientifica "ApuliaCon 2006" (oggi "Giulio Verne"). I racconti brevi "Mr. Sgrultz", "La bottiglia di Sua Maestà" e "Noi, sorelle!" sono stati definiti dalla critica "piccoli capolavori di fantascienza da annoverare negli annali.
Di Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (1,68 MB scaricato 265 volte).
info e commenti compralo su   amazon