Una settimana d'estate

Spazio dedicato alla Gara stagionale di primavera 2021.

Sondaggio

1 - non mi piace affatto
1
13%
2 - mi piace pochino
2
25%
3 - si lascia leggere
2
25%
4 - è bello
2
25%
5 - mi piace tantissimo
1
13%
 
Voti totali: 8

Egidio
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 12
Iscritto il: 14/04/2021, 6:05

Author's data

Una settimana d'estate

Messaggio da leggere da Egidio »


7 dicembre 1999
 
 Una settimana d'estate
 
 Fuori, la mattina era tutta un coro festante d'uccellini. La luce traspariva da dietro gli scuri, e il bimbetto era impaziente d'alzarsi per iniziare l'avventura di una nuova giornata. Si trovava nella casa di montagna che era appartenuta agli avi di sua madre, poi agli zii e ai cugini. Il nonno Angelo era stato in guerra e ne era tornato vivo per miracolo, ma senza una gamba, e con l'altra ridotta a un moncherino. Poiché invalido, non era potuto rimanere a lavorare come contadino insieme ai fratelli, e, dopo un periodo di cure e di studi a Milano, aveva lasciato il paese natio e si era trasferito in una cittadina della medesima vallata, dove aveva trovato un impiego come contabile in una banca. La secondogenita dei quattro figli nati dal matrimonio di Angelo con Lucia si chiamava Matilde, ed era la madre del bimbo. Il nonno aveva ricevuto da suo padre in eredità due locali, adibiti uno ad uso di cucina, l'altro ad uso di camera da letto – il secondo si trovava proprio sopra il primo, che era al piano terra. Matilde soleva trascorrere l'estate con i suoi bambini in quel luogo ameno, che le rammentava le sue radici, ed era considerato una sorta di Eden alpestre dalle combriccole di fanciulli che l'abitavano in quel periodo con i genitori.Il bimbetto si chiamava Eugenio ; osservandolo, si poteva dedurre per lui un'età compresa tra i sette e i nove anni. Finalmente la mamma aprì gli scuri ed egli balzò dal lettuccio e si precipitò nel piccolo bagno comune, che si trovava due rampe di scale più su, per adempiere ad una spiccia toelette mattutina. Quello era un giorno speciale – sebbene lui trovasse qualcosa di speciale in ogni sua giornata! –, un giorno "molto" speciale, pensò: sarebbe andato sui monti assieme alla zia Olimpia e al cuginetto Enos, più giovane di lui di qualche anno. La zia andava a trovare il marito all'alpeggio e contava di rimanere lassù una settimana, a lavare la biancheria del consorte e a sbrigare altre faccende : perché, si sa, ella pensava, una baita gestita solo da uomini, difficilmente mantiene l'originario lindore. Occorre la mano sapiente ed esperta di una donna. I tre s'avviarono per il sentiero che s'inerpicava lungo i fianchi della montagna, stimolati dall'aria pungente del primo mattino. La zia saliva con passo lento e regolare, portando tutto il necessario, e forse anche un po' di superfluo, nel grande zaino che le gravava sulle spalle, imponendole quel sacrificio quotidiano che la sua condizione di contadina esigeva, ma che lei accettava senza lamentarsi, ben sapendo che, nella vita, senza sacrificio non si ottiene nulla che abbia un autentico valore. Eugenio e il cuginetto la precedevano, leggeri come uccellini, contenti per quanto di bello e di nuovo il loro sguardo poteva cogliere ; s'incantavano a guardare fiori colorati e api ronzanti, laghetti che sembravano enormi specchi e le creste lontane, o i dirupi, tanto scoscesi da dare le vertigini, quando il sentiero li costeggiava per brevi tratti. ( Olimpia, allora, raccomandava loro di restare sul sentiero, ma era un richiamo inutile, perché i due per istinto lo avrebbero fatto comunque ).Dopo alcune ore erano ormai in vista della meta : sentivano l'abbaiare dei cani da pastore e li videro mentre facevano rientrare nei ranghi delle mucche ribelli, che si erano ostinate ad allontanarsi dalla mandria, cercando forse zolle d'erba incontaminata. Erano cani meticci, mezzo lupi e mezzo bergamaschi, dal pelo lanuginoso e sozzo, ma dallo sguardo intelligente e buono. Era ormai sera, e i pastori si erano adunati per la cena accanto a un falò allestito con sapiente destrezza da mani abituate a tale operazione, dove bolliva l'acqua per la polenta. Eugenio, dopo aver cenato e gustato il cibo fumante che gli veniva porto, stanco e contento si rannicchiò sotto una pelle di capra che serviva da coperta, e un vecchio pastore dalle mani nodose gliela rimboccò con un gesto paterno e affettuoso, che al bimbo ricordò quello del padre e lo comunicò a un mondo atavico, dal quale, generazione dopo generazione, si era giunti fino a lui. Poi tutto si confuse e divenne indistinto nel torpore del sonno che a poco a poco lo vinse. Sognò le stesse esperienze del giorno appena trascorso, ma circonfuse da un alone di magia e di mistero surreale, come la nostra immagine riflessa in uno specchio deformante. Trascorse una settimana, e i due bambini si divertirono nel loro mondo personale, dove l'infanzia regnava innocente e incontrastata. Si trattenevano lunghe ore presso una pozza dove guazzavano i girini delle temporarie e catturarono anche alcune rane adulte, facendole gareggiare con balzi in serie provocati da piccoli, abili tocchi nella parte posteriore della groppa. Il loro giocare era fatto di una crudeltà priva di malizia, come è possibile solo ai bimbi. Di tanto in tanto, nelle boscaglie montane echeggiava il richiamo del cuculo e ad Eugenio sembrava il distinto suono di un mondo di fiaba che lo attirava e lo stupiva. Venne il giorno del ritorno, Enos ed Eugenio avrebbero voluto rimanere ancora ad accompagnare i pastori mentre questi lavoravano, e, a loro modo si davano d'intendere d'aiutarli, facendo i "cascin", cioè, governando le mandrie e attirando, per radunarle, le capre con il sale. Ovviamente era la loro fantasia a far credere possibile ai bimbi una simile situazione, mentre la realtà erano dei buffi tentativi di imitare i grandi, che li coccolavano con la loro condiscendenza. Essi vivevano gli avvenimenti come se avessero avuto qualcosa di epico, e ricordavano con emozione mista a soddisfazione quanto la zia aveva raccontato loro a proposito di un fatto capitato il giorno avanti. Il papà di Enos, nel trasferire una mandria dalla Val Varrone a un monte vicino ( "in Larecc" egli diceva in dialetto, raccontando il fatto ) era stato caricato da un toro, che lo aveva incornato e fatto ruzzolare lungo il pendio. Ma, come per miracolo, ne era uscito un po' contuso ma illeso. Consapevole del rischio che aveva corso ( nella caduta rovinosa avrebbe potuto anche rompersi l'osso del collo ) ne aveva informato la moglie, ed essa, un po' per amore di verità, un po' perché sapeva quanto questo avrebbe impressionato i frugoletti, lo aveva riportato loro. Il viaggio di ritorno fu, per loro, più malinconico e pieno di motivi di rimpianto rispetto a quello d'andata : era un po' come lasciare l'Eden. Ma ben presto si consolarono giocando e reimmergendosi nel limbo dorato della loro fanciullezza. A un certo punto piovve : furono sorpresi da un temporale maligno che ben presto li inzuppò da capo a piedi, nonostante il berrettuccio, la mantellina impermeabile e gli scarponcini, i quali non riuscirono se non temporaneamente a rallentare gli effetti del diluvio. I fulmini s'abbattevano ora più vicini e fragorosi, ora più lontani e accompagnati da tuoni più rassicuranti, sebbene pur sempre un po' cupi e con un brontolio di sottofondo. Arrivarono a Castello, un antico borgo che, solo d'estate, i valligiani abitavano, mentre un tempo era abitato dagli avi tutto l'anno. Qui Olimpia aveva dei parenti e trovò rifugio coi due bambini presso di loro. Eugenio diventò amico di una bambina dai capelli biondi e dallo sguardo sveglio e insieme si divertirono ad esplorare le antiche stanze della casa mettendo sottosopra il contenuto di cassetti, cassettini e cassettoni e sentendo poi i rimbrotti della parente della zia (senza però dar loro alcun peso ). Il giorno dopo il sole splendeva di nuovo ed essi compirono il breve tragitto che li separava da casa ed Eugenio poté riabbracciare i genitori ; ma alla felicità di questo evento s'unì il rimpianto per quel mondo semplice ma pieno di valori autentici, che lui, nella sua ingenuità, aveva tuttavia ben percepito e che gli sarebbero rimasti nell'anima per sempre: impressi come l'immagine di una bella fotografia.
Francesco Pino
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 171
Iscritto il: 09/05/2020, 17:55

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Francesco Pino »

La forma è da rivedere, ci sono un paio di errori di battitura (come per esempio il punto davanti alla parentesi) e ci sono alcuni errori ripetuti più volte: lo spazio dentro le parentesi, dopo il punto e virgola e dopo i due punti. A parte questo ho trovato il racconto un po' noioso. Va bene che si tratta di un insieme di "fotografie" della settimana passata dal bambino in montagna, però non c'è alcun episodio che mi abbia in qualche modo colpito.
Immagine
Roberto Virdo'
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 353
Iscritto il: 08/06/2020, 11:04

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Virdo' »

Egidio, non sono un bravo recensore, ogni tanto mi piace ricordarlo. A volte parto con quelle che io chiamo "sconsiderazioni", quindi non ci fare troppo caso. Ed ecco la prima: Piccolo Mondo Antico. Mi riferisco al solo titolo, che troverei perfetto per questo tuo testo. Poi ti dirò, Eugenio, Egidio. Vedo quattro lettere uguali in questi due nomi, ma avrai capito che sono affetto da "fantasia galoppante". E veniamo al puro scritto. La valutazione di Francesco Pino va certamente presa in considerazione. Io però vorrei partire da quella e allargarmi un attimo. Per la mia modesta opinione, scrivi benissimo. Veramente bene: non è affatto facile creare quella sequenza di immagini. Se tu fossi un pittore, ti direi che hai un'abilità con i colori notevole. Mi sembra chiaro che possiedi l'indole del narratore, di chi scrive senza bisogno di dialoghi ma affidandosi alle pure descrizioni. E in questo vedo un aspetto comune. Non c'è bisogno di aggiungere che hai uno strumento in mano con potenzialità notevoli. Voglio azzardare un'ipotesi, credo che tu sia molto affezionato a questo tuo racconto.
Ho letto la tua poesia di tre soli versi: Io Amo. Se tu in tre versi sei riuscito a comprimere un qualcosa di tanto significativo, sono certo che presto stupirai molti qui.
Il mio consiglio è, nel prossimo testo, di incastrare la tua poesia tra le righe, unendo bellezza a sentimento. Di lanciare i personaggi in una trama e coinvolgerli, in qualche modo "esporli". Ti assegno un voto che tenga conto della stile che mi piace molto, con descrizioni di un notevole dettaglio. Ma puoi puntare più in alto senza dubbio.
Andr60
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 163
Iscritto il: 15/11/2019, 15:45

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Andr60 »

Un racconto che si lascia leggere ma che non mi ha dato particolari emozioni, e qui concordo con Francesco Pino. Però è vero che scrivi proprio bene, Roberto Virdò ha ragione: le "fotografie" di cui è composto il racconto prendono vita, i colori e i suoni escono dalla carta e avvolgono il lettore, che (forse) ricorderà qualcosa che si era dimenticato.
D'altra parte un racconto, specialmente se di lunghezza breve-media come in queste disfide, dovrebbe (secondo la mia personalissima opinione, quindi del tutto opinabile) offrire sorprese o colpi di scena in grado di spiazzare il lettore. Quindi il mio voto è intermedio rispetto ai precedenti, di stima ma consapevole che nelle prossime gare potrai fare sicuramente meglio.
Avatar utente
Liliana Tuozzo
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 150
Iscritto il: 18/03/2010, 17:09

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Liliana Tuozzo »

Quasi una pagina di diario. Un bambino racconta una settimana di vacanza vissuta con la zia in un alpeggio dove ha modo di vedere con i propri occhi e di vivere a contatto con la natura. Porterà con sè il fascino di quei luoghi come qualcosa di prezioso.
Forse un'esperienza vissuta raccontata con garbo e semplicità.
un buon racconto.
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Avatar utente
Isabella Galeotti
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 289
Iscritto il: 29/12/2011, 18:08
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Isabella Galeotti »

Piacevole. Ho percorso con te il sentiero ho visto i cani meticci. La sensazione terribile del - un temporale maligno- . Il temporale maligno è divertente e preoccupante. Ottimo. Sembra, o forse lo è una pagina di un diario di questo bimbo. Il titolo mi ha ingannato, perchè pensavo ad una spiaggia, invece mi hai portata tre le montagne che adoro. Personaggi ben delineati, struttura valida. Avrei inserito qualche dialogo. Il raccontare, questo è il mio parere, deve essere anche corredato di tanto in tanto da qualche dialogo. Eugenio ad esempio è un bambino quindi sarebbe stato divertente sentire la sua voce, con qualche flessione dialettale, e usare il linguaggio dei quell'età, magari questo diario è proprio il tuo!!! Comunque buon racconto.
Immagine
Errepi60
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 17
Iscritto il: 07/02/2020, 8:53

Author's data

Re: Una settimana d'estate

Messaggio da leggere da Errepi60 »

Un racconto che si lascia leggere e che propone 'fotografie' ben realizzate e che ci fanno pensare di essere lì con i bimbi e gli altri personaggi.
Un racconto, che a mio avviso, manca di qualcosa che sorprenda, un piccolo colpo discena.
Il mio giudizio è comunque buono.
Mariovaldo
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 69
Iscritto il: 16/12/2019, 7:27
Contatta:

Author's data

Re: Una settimana d'estate

Messaggio da leggere da Mariovaldo »

Amo la montagna e da anni trascorro molti giorni in un vecchio rascard in una frazioncina in alto, quasi a duemila metri. Questo per dire che, a prescindere da ogni considerazione stilistica o grammaticale, l'argomento del tuo racconto mi trova molto ben disposto. Secondo il mio modestissimo parere il tuo lavoro andrebbe un poco rivisto, occorrerebbe infondergli la vita che non ha. Mi spiego.
Io lo ho trovato una successione di fatterelli senza un guizzo, un motivo di vero interesse, narrato con frasi troppo lunghe dove tenti di racchiudere tutta la magia che un bambino assapora in quei luoghi. Impresa difficile e riuscita solo in parte
Avatar utente
Massimo Baglione
rank (info):
Site Admin
Messaggi: 9274
Iscritto il: 11/04/2007, 12:20
Località: Belluno
Contatta:

Author's data

Re: Una settimana d'estate

Messaggio da leggere da Massimo Baglione »

Ricordatevi di specificare esattamente "Commento" come titolo del messaggio usato per commentare le opere in Gara (senza prefissi come "Re:" o altro), altrimenti non verranno conteggiati dal sistema, grazie!
Se invece state solo rispondendo, non serve specificare.
Ricordatevi anche che il testo del commento deve essere lungo almeno 200 battute.
Vi rimando alle istruzioni delle Gare letterarie.
Immagine

Immagine <<< io ero nel Club dei Recensori di BraviAutori.it.

Immagine

www.massimobaglione.org
Stefyp
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 232
Iscritto il: 26/07/2019, 18:48

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Stefyp »

Leggendo questo racconto ho pensato che fosse un po' "troppo". È scritto troppo bene, dove sicuramente ogni frase è stata vagliata e ponderata, ogni parola cercata e ricercata. Il risultato a mio parere è che il tutto risulta troppo poco emozionante e coinvolgente. Scusa se mi sono permessa di esagerare, ma il tuo racconto offre tantissimo materiale per farne un racconto eccellente. Hai ben descritto l'ambiente e i personaggi, ora mettici qualche dialogo, magari con qualche accenno dialettale, fissa l'attenzione su un episodio anche piccolo e raccontacelo con più spontaneità alla fine il tutto risulterà più godibile. A rileggerti
Rispondi

Torna a “Gara di primavera, 2021”



Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


IperStore - il lato oscuro dello Shopping

IperStore - il lato oscuro dello Shopping

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
È il giorno dell'inaugurazione di un supermercato, uno davvero grande, uno iper, uno dei tanti che avrete voi stessi frequentato e arricchito. Durante questa giornata di festa e di aggregazione sociale, qualcuno leggerà un dattiloscritto ancora inedito il cui contenuto trasformerà l'impossibile in normalità.
"...come se dal cielo fosse calata la mano divina di un Dio stanco e dispiaciuto dei propri errori, o come se tutte le altre grandi divinità fin'ora inventate dal Genere umano per compensare la propria inconsapevole ignoranza tribale e medievale verso i misteri della Natura e della Vita, si rivoltassero ai propri Creatori e decidessero di governare le loro fantasie".
La storia è leggermente erotica, vagamente fantasy, macchiata di horror e forse un po' comica.
Di Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (166,68 KB scaricato 44 volte).
info e commenti compralo su   amazon


BReVI AUTORI - volume 5

BReVI AUTORI - volume 5

collana antologica multigenere di racconti brevi

BReVI AUTORI è una collana di libri multigenere, ad ampio spettro letterario. I quasi cento brevi racconti pubblicati in ogni volume sono suddivisi usando il seguente schema ternario:

Fantascienza + Fantasy + Horror
Noir + Drammatico + Psicologico
Rosa + Erotico + Narrativa generale

La brevità va a pari passo con la modernità, basti pensare all'estrema sintesi dei messaggini telefonici o a quelli usati in internet da talune piattaforme sociali per l'interazione tra utenti. La pubblicità stessa ha fatto della brevità la sua arma più vincente, tentando (e spesso riuscendo) in pochi attimi di convincerci, di emozionarci e di farci sognare.
Ma gli estremismi non ci piacciono. Il nostro concetto di brevità è un po' più elastico di un SMS o di un aforisma: è un racconto scritto con cura in appena 2500 battute (sì, spazi inclusi).
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Marco Bertoli, Angela Catalini, Francesco Gallina, Liliana Tuozzo, Roberto Bonfanti, Enrico Teodorani, Laura Traverso, Antonio Mattera, Beno Franceschini, F. T. Leo, Fausto Scatoli, Alessandro Chiesurin, Selene Barblan, Giovanni Teresi, Noemi Buiarelli, Maria Rupolo, Alessio Del Debbio, Francesca Gabriel, Gabriele Iacono, Marco Vecchi, SmilingRedSkeleton, Alessandro Pesaresi, Gabriele Iacono, Gabriele Laghi, Ilaria Motta.
Vedi ANTEPRIMA (263,51 KB scaricato 47 volte).
info e commenti compralo su   amazon


L'Animo spaziale

L'Animo spaziale

Tributo alla Space Opera

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
L'Animo Spaziale è un tributo alla space opera. Contiene una raccolta di racconti dell'autore Massimo Baglione, ambientati nella fantascienza spaziale. Un libro dove il concetto di fantascienza è quello classico, ispirato al Maestro Isaac Asimov. La trilogia de "L'Animo Spaziale" (Intrepida, Indomita e Impavida) è una storia ben raccontata con i giusti colpi di scena. Notevole la parentesi psicologica, in Indomita, che svela la complessa natura di Susan, elemento chiave dell'intera vicenda. "Intrepida", inoltre, ha vinto il primo premio nel concorso di letteratura fantascientifica "ApuliaCon 2006" (oggi "Giulio Verne"). I racconti brevi "Mr. Sgrultz", "La bottiglia di Sua Maestà" e "Noi, sorelle!" sono stati definiti dalla critica "piccoli capolavori di fantascienza da annoverare negli annali.
Di Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (1,68 MB scaricato 265 volte).
info e commenti compralo su   amazon





Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 58 - A volte ritornano

La Gara 58 - A volte ritornano

(marzo/aprile 2016, 18 pagine, 500,19 KB)

Autori partecipanti: Giorgio Leone, Patrizia Chini, Nunzio Campanelli, Laura Chi, Alberto Tivoli, Annamaria Vernuccio,
a cura di Lodovico.
Scarica questo testo in formato PDF (500,19 KB) - scaricato 40 volte.
oppure in formato EPUB (1,03 MB) (vedi anteprima) - scaricato 84 volte..
Lascia un commento.

La Gara 10 - Dreaming of a Weird Christmas

La Gara 10 - Dreaming of a Weird Christmas

(gennaio 2010, 20 pagine, 1,56 MB)

Autori partecipanti: Giacomo Scotti, Bonnie, Cosimo Vitiello, ArditoEufemismo, Mario, Dafank, Phigreco, Pia,
A cura di CMT.
Scarica questo testo in formato PDF (1,56 MB) - scaricato 350 volte..
Lascia un commento.

La Gara 70 - Troppo tardi

La Gara 70 - Troppo tardi

(aprile 2018, 20 pagine, 663,34 KB)

Autori partecipanti: Roberto Bonfanti, Patrizia Chini, Daniele Missiroli, Gabriele Ludovici, Ida Dainese,
a cura di Lodovico Ferrari.
Scarica questo testo in formato PDF (663,34 KB) - scaricato 64 volte.
oppure in formato EPUB (326,04 KB) (vedi anteprima) - scaricato 77 volte..
Lascia un commento.