Il roseto

Spazio dedicato alla Gara stagionale di primavera 2021.

Sondaggio

1 - non mi piace affatto
0
Nessun voto
2 - mi piace pochino
1
13%
3 - si lascia leggere
3
38%
4 - è bello
3
38%
5 - mi piace tantissimo
1
13%
 
Voti totali: 8

Stefyp
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 248
Iscritto il: 26/07/2019, 18:48

Author's data

Il roseto

Messaggio da leggere da Stefyp »


Alla fine era stato più facile prendersi cura del roseto piuttosto che coltivare la loro relazione.
 Chissà se anche lei sta giungendo alla stessa conclusione, se vorrà buttare uno sguardo a quei cespugli mentre scende i gradini di casa con le valige in mano.
 Perché se ne sta andando lei. Lei lascerà il “tetto coniugale”.
 «Preferisco così» aveva detto «non resisterei dentro questa casa, è troppo piena di brutti ricordi.»
 Questa era stata la frase che più di tutte gli aveva dato l’idea, forse per la prima volta, dell’enormità di quel che stava per succedere. In quel momento aveva capito di essere arrivato a un punto di non ritorno.
 Perché lui in quella casa non aveva solo brutti ricordi. C’erano, questo è ovvio, ma se scavava, se toglieva di mezzo quegli ultimi anni, lui riusciva a vedere anche quanto di buono c’era stato tra loro, quanto di bello avevano condiviso tra quelle mura.
 «Io non ne sono poi così sicura» aveva detto lei quando lui aveva cercato di salvare il salvabile «forse un tempo saremo anche stati felici, ma ti assicuro che sei riuscito a farmi dimenticare quei momenti.»
 Per notti intere s’era chiesto cosa avesse fatto di terribile, se davvero era stata una così brutta persona da causare tutto quel rancore.
 «Guarda che la croce si fa con due bastoni» aveva tentato di replicare lui.
 «Piantala con i tuoi proverbi, ti credi simpatico e invece mi fanno uscire di testa.»
 Eppure le piacevano un tempo, «ne hai uno per ogni occasione» diceva ridendo, poi lo stuzzicava perché lui ne trovasse sempre di nuovi.
 «Be’ comunque è vero: la croce si fa con due bastoni» urla, mentre la macchina di sua moglie svolta l’angolo forse per l’ultima, «si tratta di stabilire qual è il più lungo» finisce però con un sussurro.
 È disposto ad ammettere di aver aperto gli occhi troppo tardi, di essersi crogiolato nell’illusione che tutto andasse bene, o per lo meno non troppo male. Ma che addirittura sia solo sua la colpa del disastro, questo no, non lo accetta.
 «Ho aspettato che i ragazzi fossero grandi e fuori di casa, avessi potuto me ne sarei andata prima» gli aveva detto lei più di una volta.
 «Perché non mi hai mai detto niente?»
 «Perché tu non hai mai capito niente?»
 È una colpa questa? Lui non è fatto per le intuizioni, le introspezioni. È uomo d’azione lui.
 Dategli un problema e lui ve lo risolverà, dicono di lui i colleghi. Se lei sin da subito avesse manifestato chiaramente cosa la tormentava, lui avrebbe agito.
 «Tanto per cominciare, passavi più tempo con quelle tue maledette rose piuttosto che a chiederti come stavo io.»
 Be’, tanto per chiarire quelle rose non erano le “sue” rose, erano le loro rose. Anzi, era stata lei a volerle.
 «Coltiveremo rose» aveva annunciato di punto in bianco in luna di miele davanti a un tramonto spettacolare.
 «Dobbiamo coltivare rose?» Aveva chiesto lui sorpreso.
 «Si, ci prenderemo cura di loro per prenderci cura di noi.»
 Lui non ne aveva compreso la similitudine, ma aveva acconsentito, nonostante si sentisse lontano dal giardinaggio quanto alla luna che stava sorgendo davanti a loro. Ma allora avrebbe fatto ogni cosa a lei fosse venuta in mente pur di accontentarla, disposto a tutto purché quegli occhi meravigliosi continuassero a guardarlo come lo guardavano in quel momento.
 Appena tornati dal viaggio di nozze lei l’aveva trascinato con impazienza in un vivaio e l’aveva convinto a prendere qualche decina di piantine da sistemare nel giardino della loro nuova casa.
 «Perché l’amore va coltivato giorno dopo giorno, come queste rose, va annaffiato, potato, coccolato» ripeteva lei in continuazione «ogni volta che faremo qualcosa per loro, sarà come se lo facessimo per il nostro amore.»
 Avevano poco più che vent’anni e la vita sembrava così semplice allora: un po’ d’acqua e di concime, tante risate e tutto si sistemava.
 Poi col passare del tempo lui a quelle rose s’era appassionato davvero. Dedicava loro parecchio del suo tempo libero, quasi fossero un balsamo contro tutte le fatiche della vita.
 Solo con il senno di poi s’era reso conto che lei a quelle rose aveva smesso di badare da tempo.
 «Perché io badavo alle cose importanti! Forse non te ne sei accorto, ma c’era una casa da mandare avanti.»
 «Vorresti dire che io non ho contribuito?»
 «Certo, secondo le tue priorità.»
 Di sicuro il lavoro era stata una sua priorità, ma erano d’accordo entrambi che fosse lui a puntare sulla carriera. Guadagnava bene, a sufficienza per garantire alla famiglia tutto quello di cui avevano bisogno e molto di più. In poco tempo era arrivato, di promozione in promozione, fino in cima alla piramide e lei sembrava godere quanto lui dei suoi successi.
 Non l’ascoltava sempre con interesse quando lui le raccontava tutto quello che succedeva in ufficio?
 Il tempo per la famiglia diminuiva sempre di più, ma era inevitabile e lei s’era detta d’accordo.
 D’altra parte stare a casa a fare la mamma era stata una sua scelta, lui non glielo aveva certo imposto. Quando erano arrivati i gemelli, lei non ci aveva pensato due volte a licenziarsi.
 «A me non importa, non mi dispiace lasciare il lavoro, penso io a tutto» l’aveva sentito lui con le sue orecchie, perché poi s’era rimangiata tutto?
 «E comunque, anch’io ho fatto la mia parte, mi sono preso cura delle nostre rose.»
 Perché non riusciva a capire? Non era stata forse lei a dire che prendersi cura delle rose era come prendersi cura del loro amore? Lui l’aveva fatto per lei, per loro. Cosa c’era di sbagliato, in questo?
 «Rosa rossa Asso di Cuori, petali carnosi di un rosso intenso e brillante, fiorisce da maggio a ottobre e resiste bene alla intemperie, profumo delicato» recita a fior di labbra accarezzando con delicatezza uno dei boccioli.
 Le rosse sono da sempre le sue preferite, lei invece amava quelle bianche.
 «Non c’è paragone» insisteva lei «le rosse sono scontate, le bianche le devi scoprire. Ogni petalo ha una sua sfumatura particolare, per niente uguale al petalo vicino.»
 Ma poi ne avevano piantate dei più diversi colori: gialle, rosate, screziate, rampicanti e profumate, soprattutto profumate.
 I primi tempi passavano ore sul prato, ai piedi del cespuglio a lasciarsi inondare dal loro profumo. «Non sono mica tutti uguali i profumi, ogni rosa ha il suo e bisogna imparare a cogliere le differenze»
 «Rosa Blue Monday, di color lilla, dallo stelo lungo con fiore solitario, resistente e dalla forma perfetta, profumo molto intenso» continua a recitare, quasi fosse un libro stampato.
 Questa era l’ultima arrivata, l’aveva scovata da poco e aveva attecchito bene; ne era molto fiero.
 Lei invece non l’aveva degnata di uno sguardo. Quello avrebbe dovuto essere un campanello d’allarme, ma lui non l’aveva colto.
 
 «Guarda, i cespugli sono pieni di boccioli, aspetta qualche giorno, almeno fino quando tutte le nostre rose saranno sbocciate, te ne prego» l’ha implorata quella mattina.
 Non sapeva perché l’avesse detto, forse nell’estrema speranza che la bellezza primaverile dei cespugli che un tempo toglieva loro il fiato, sarebbe stata sufficiente a farla rimanere.
 «Non essere patetico» l’aveva liquidato lei, senza nemmeno guardarlo negli occhi. Poi era salita in macchina e se n’era andata.
 Il rumore secco della portiera sbattuta con forza gli era rimbombato dentro per ore.
 
 Strappa con forza uno dei boccioli e una spina gli si conficca nel dito. Una goccia di sangue cade sul selciato solo di poco preceduta da una lacrima, poi da un’altra e un’altra ancora.
 «Madre natura è saggia» diceva spesso sua moglie «senza queste spine a proteggerle, povere rose!»
 Una piccola pozza di un rosso sbiadito dalle sue lacrime si allarga tra i piedi e lui non fa niente per fermare né il sangue né il suo pianto.
 Chi protegge un uomo che ha sbagliato? Un uomo a cui è stato strappato tutto, forse per colpa sua?
 Un uomo che ha capito troppo tardi di non aver capito niente della vita?
 Le estirperà tutte, ormai ha deciso. Gli darà fuoco, le reciderà con la cesoia una a una, oppure butterà loro del veleno.
 Qualcosa farà, non le vuole più vedere. Come si permettono di essere così sfacciatamente rigogliose, quando dentro di lui tutto sta morendo? Dovrebbero sfiorire ora, in questo instante.
 Non possono continuare a esistere, sbocciare e crescere. Hanno fallito il loro compito e hanno permesso a lui di fallire il proprio.
 Il campanile batte i rintocchi delle ore, li batte ancora, poi di nuovo e parecchie altre volte. Le ombre della sera si allungano veloci.
 Ma lui è sempre lì.
 Lì, dove lei l’ha visto per l’ultima volta e dove lui l’aspetterà, dovesse mai cambiare idea.
 Anche se fa freddo, perché in primavera le sere sono ancora fredde e forse lo saranno per sempre, il buio sarà sempre più buio e il silenzio infinito, da ora in poi.
 O forse no.
 Da lontano un rombo, un rumore che ben riconosce, dapprima sommesso poi sempre più vicino, lo desta dal suo torpore. Due fasci di luce tremolanti sembrano davvero venire verso di lui e rischiarare la notte. L’auto arriva piano e parcheggia proprio lì, dove ha sempre parcheggiato.
 Dopo un tempo che a lui sembra eterno, la portiera si apre e poi con delicatezza, con infinita dolcezza, si chiude.
Andr60
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 169
Iscritto il: 15/11/2019, 15:45

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Andr60 »

Quand'è che un amore finisce? Quando i pregi del partner scompaiono e i difetti diventano insopportabili. Nel caso di questa coppia, lui dedica troppo tempo al lavoro e alle rose e poco a lei, che alla fine se va. O forse no: si sa, le donne sono multitasking, cioè oltre e fare più cose insieme a volte pensano sì e no contemporaneamente, per questo capirle non è semplice.
Il giardiniere ha tutta la mia solidarietà, e il racconto pure.
Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 590
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

se non fosse per il finale, direi che mi è piaciuto parecchio.
e invence il ritorno di lei mi sa di melenso, di lieta fine obbligatoria.
davvero, avrei preferito una chiusura tragica, tipo l'incendio delle rose, a quella che ho letto.
la storia è scritta bene, anche se non chiarisce perché lei se ne va in quel modo e poi ritorna.
le descrizioni sono buone, è un buon lavoro in generale.
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Stefyp
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 248
Iscritto il: 26/07/2019, 18:48

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Stefyp »

Andr60 ha scritto: 15/05/2021, 10:43 Quand'è che un amore finisce? Quando i pregi del partner scompaiono e i difetti diventano insopportabili. Nel caso di questa coppia, lui dedica troppo tempo al lavoro e alle rose e poco a lei, che alla fine se va. O forse no: si sa, le donne sono multitasking, cioè oltre e fare più cose insieme a volte pensano sì e no contemporaneamente, per questo capirle non è semplice.
Il giardiniere ha tutta la mia solidarietà, e il racconto pure.
Già ammetto che a volte capire noi donne è alquanto faticoso :lol: Ti ringrazio per il commento
Stefyp
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 248
Iscritto il: 26/07/2019, 18:48

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Stefyp »

Fausto Scatoli ha scritto: 15/05/2021, 15:41 se non fosse per il finale, direi che mi è piaciuto parecchio.
e invence il ritorno di lei mi sa di melenso, di lieta fine obbligatoria.
davvero, avrei preferito una chiusura tragica, tipo l'incendio delle rose, a quella che ho letto.
la storia è scritta bene, anche se non chiarisce perché lei se ne va in quel modo e poi ritorna.
le descrizioni sono buone, è un buon lavoro in generale.
Nelle mie intenzioni iniziali il racconto finiva proprio con la distruzione delle rose, poi mi è stato fatto notare da chi mi sta vicino che ultimamente i miei racconti sono un po' troppo tragici o malinconici. Quindi, visto anche il periodo, ho avuto voglia di un po' di speranza e ho cambiato il finale.
Ti ringrazio per le parole di apprezzamento
Francesco Pino
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 181
Iscritto il: 09/05/2020, 17:55

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Francesco Pino »

Io non ho capito perché lei se n'è andata e forse questo è un punto a favore del racconto, visto che nemmeno il protagonista lo capisce. Qualcosa cambia nella testa delle persone man mano che si cresce, che si invecchia… qualcosa cambia dentro di noi e pretendiamo che il nostro Partner cambi di conseguenza. Mi è piaciuto questo personaggio che rinfaccia senza tanti fronzoli che era stata lei a voler lasciare il lavoro, che era stata lei a volere le rose, che quei proverbi che le piacevano tanto dicono anche verità che non si vogliono ascoltare. E come reagisce questa persona che è cambiata, che dice di non essere più sicura che ci siano stati momenti felici in quella casa? Come reagisce al dolore del protagonista? Con un "Sei patetico". Il finale dà secondo me un tocco di dolcezza al racconto e rafforza l'idea che non ci sia nulla da capire su quel "perché se n'è andata"?
C'è solo un passaggio che mi ha fatto storcere un attimo il naso: "Come si permettono di essere così sfacciatamente rigogliose, quando dentro di lui tutto sta morendo? Dovrebbero sfiorire ora, in questo instante." Se il concetto fosse stato espresso in maniera più sofferta il racconto sarebbe stato praticamente perfetto.
Ottimo lavoro, fin dal titolo.
Immagine
Avatar utente
Liliana Tuozzo
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 154
Iscritto il: 18/03/2010, 17:09

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Liliana Tuozzo »

la vita è come una rosa ha le sue delicatezze,il suo profumo,ma ti può ferire con le spine. E così il rapporto tra i due conugi si logora nel tempo perchè l'inversione dei ruoli è difficile e crea incomprensioni. In alcuni punti forse un po' troppo lungo, il racdconto ci riserva un lieto fine. Un buon racconto.
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Laura Traverso
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 485
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

il racconto è scritto correttamente ma non mi ha molto convinto la storia narrata. Come mai lei se ne va? E poi alla stessa, non spiegata maniera, ritorna? Mah! Mi sembra che la storia contenga non poche contraddizioni. Comunque massimo rispetto per la tua scelta narrativa anche se io non l' avrei svolta allo stesso modo. Ognuno ha il proprio stile e va bene così. Ciao
Egidio
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 15
Iscritto il: 14/04/2021, 6:05

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Egidio »

Ho appena letto il tuo racconto e, devo dire, che mi è piaciuto. Hai descritto in modo efficace una relazione di coppia attraverso un dialogo tra lui e lei davvero esplicativo, coinvolgente, realistico. Complimenti!
Rispondi

Torna a “Gara di primavera, 2021”



Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


BiciAutori - racconti in bicicletta

BiciAutori - racconti in bicicletta

Trentun paia di gambe hanno pedalato con la loro fantasia per guidarci nel puro piacere di sedersi su una bicicletta ed essere spensierati, felici e amanti della Natura.
A cura di Massimo Baglione.
Copertina e logo di Diego Capani.

Contiene opere di: Alessandro Domenici, Angelo Manarola, Bruno Elpis, Cataldo Balducci, Concita Imperatrice, Cristina Cornelio, Cristoforo De Vivo, Eliseo Palumbo, Enrico Teodorani, Ettore Capitani, Francesco Paolo Catanzaro, Germana Meli (gemadame), Giovanni Bettini, Giuseppe Virnicchi, Graziano Zambarda, Iunio Marcello Clementi, Lodovico Ferrari, Lorenzo Dalle Ave, Lorenzo Pompeo, Patrizia Benetti, Raffaella Ferrari, Rebecca Gamucci, Rosario Di Donato, Salvatore Stefanelli, Sara Gambazza, Sandra Ludovici, Sonia Piras, Stefano Corazzini, Umberto Pasqui, Valerio Franchina, Vivì.
Vedi ANTEPRIMA (1,29 MB scaricato 357 volte).
info e commenti compralo su   amazon


Storie Gotiche, del Terrore e del Mistero

Storie Gotiche, del Terrore e del Mistero

antologia di opere ispirate alla paura dell'ignoto

Nella ricerca di un tema che potesse risultare gradito a più autori, ci è sembrato infine appropriato proporre un'antologia di opere il cui fattor comune fosse il brivido. Un termine per molti versi ingannevole, almeno quanto lo sono certe credenze e immagini che la ragione volutamente ignora, o perfino deride. Eppure, l'ignoto ci aspetta al varco, silenzioso e paziente, per catapultarci nello strapiombo degli incubi o nel vortice di ansie e desideri repressi.
A cura di Roberto Virdo'.

Contiene opere di: Ida Dainese, Francesca Paolucci, Marcello Rizza, Fausto Scatoli, Annamaria Ricco, Francesco Cau, Valentino Poppi, Mario Flammia, Essea, Umberto Pasqui, Enrico Teodorani, Roberto Masini, Maria Perrella, Giacomo Baù, Eliseo Palumbo, Selene Barblan, Stefano Bovi, Ibbor OB, Andrea Teodorani, Simona Geninazza, Lidia Napoli, Mario Malgieri, Michele Silvi, Ida Daneri, Alessandro Mazzi.
Vedi ANTEPRIMA (681,69 KB scaricato 30 volte).
info e commenti compralo su   amazon


L'Animo spaziale

L'Animo spaziale

Tributo alla Space Opera

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
L'Animo Spaziale è un tributo alla space opera. Contiene una raccolta di racconti dell'autore Massimo Baglione, ambientati nella fantascienza spaziale. Un libro dove il concetto di fantascienza è quello classico, ispirato al Maestro Isaac Asimov. La trilogia de "L'Animo Spaziale" (Intrepida, Indomita e Impavida) è una storia ben raccontata con i giusti colpi di scena. Notevole la parentesi psicologica, in Indomita, che svela la complessa natura di Susan, elemento chiave dell'intera vicenda. "Intrepida", inoltre, ha vinto il primo premio nel concorso di letteratura fantascientifica "ApuliaCon 2006" (oggi "Giulio Verne"). I racconti brevi "Mr. Sgrultz", "La bottiglia di Sua Maestà" e "Noi, sorelle!" sono stati definiti dalla critica "piccoli capolavori di fantascienza da annoverare negli annali.
Di Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (1,68 MB scaricato 268 volte).
info e commenti compralo su   amazon





Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 17 - Non è vero ma ci credo

La Gara 17 - Non è vero ma ci credo

(novembre/dicembre 2010, 55 pagine, 1,04 MB)

Autori partecipanti: Stefy71, Cazzaro, Skyla74, Arditoeufemismo, Manuela, Vit, Matteo, Gloria, Roberto Guarnieri, Tania Maffei, Gigliola, Mastronxo, Ser Stefano, Davide Sax, Arianna, Exlex, Dandyx, Titty Terzano, Pia,
A cura di VecchiaZiaPatty.
Scarica questo testo in formato PDF (1,04 MB) - scaricato 519 volte.
oppure in formato EPUB (481,03 KB) (vedi anteprima) - scaricato 190 volte..
Lascia un commento.

La Gara 25 - Dietro la maschera!

La Gara 25 - Dietro la maschera!

(novembre 2011, 84 pagine, 2,22 MB)

Autori partecipanti: Diego Capani, Mastronxo, Ser Stefano, Unanime Uno, Aleeee76, Angela Di Salvo, Tuarag, Stefano di Stasio, Tania Maffei, Cordelia, Licetti, Lodovico, Triptilpazol, Ritavaleria, Maria92, Davide Sax, Cazzaro, Ser Stefano, Nathan,
A cura di Morgana Bart e Tullio Aragona.
Scarica questo testo in formato PDF (2,22 MB) - scaricato 692 volte..
Lascia un commento.

Calendario BraviAutori.it "Writer Factor" 2015 - (in bianco e nero)

Calendario BraviAutori.it "Writer Factor" 2015 - (in bianco e nero)

(edizione 2015, 3,39 MB)

Autori partecipanti: (vedi sopra),
A cura di Tullio Aragona.
Scarica questo testo in formato PDF (3,39 MB) - scaricato 126 volte..