Lo sbarco

Spazio dedicato alla Gara stagionale di primavera 2021.

Sondaggio

1 - non mi piace affatto
0
Nessun voto
2 - mi piace pochino
1
17%
3 - si lascia leggere
2
33%
4 - è bello
3
50%
5 - mi piace tantissimo
0
Nessun voto
 
Voti totali: 6

Ibbor OB
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 45
Iscritto il: 13/06/2020, 18:46

Author's data

Lo sbarco

Messaggio da leggere da Ibbor OB »


Era partita a notte fonda per essere lì all'alba. Il freddo le entrava nelle ossa e l'aria impregnata di salsedine le bruciava la gola. Nonostante questo, però, si sentiva dannatamente bene: era esattamente dove voleva essere. Urlava con tutto il fiato che aveva in corpo. I lunghi capelli blu ondeggiavano in balia della brezza marina impigliandosi nei grandi orecchini rotondi che indossava. La maglietta stretta sottolineava le dolci curve di quel corpo curato. Si scagliava ripetutamente contro gli scudi trasparenti di quei maledetti uomini dello stato, che considerava l'avanguardia armata di una società ricca che da sempre schiacciava i poveri del mondo. Gli ematomi sulle costole e sulle gambe per lei sarebbero stati dei trofei da esibire: nessun dolore, nessuna paura.
 "Fateli scendere! Fateli scendere!". Urlava, assieme alle sue compagne e ai suoi compagni di lotta.
 "Fateli scendere! Fateli scendere!". Era evidente che la ragione fosse dalla sua. I profughi sarebbero sbarcati, senza alcun dubbio. Chi si opponeva stava dalla parte sbagliata della storia. E avrebbe perso.
 A un certo punto, inaspettatamente, si aprì un varco fra la piccola folla degli uomini in divisa e si intravidero i volti dei naufraghi, recuperati da pochi giorni dal mare. Fuggivano dalla guerra. Almeno questa era l'opinione comune. Le facce stanche ma lo sguardo fiero. Li osservava con vera ammirazione e commozione. Avrebbe voluto abbracciarli, accarezzare quei capelli crespi, sentire i loro muscoli consumati dagli stenti. Dare conforto alle loro pance vuote.
 "Eccoli! Eccoli! Scendono! Da questa parte! Venite! Forza!". I sui compagni gridavano attorno a lei mentre si spostavano tutti dall'altro lato del molo. Riuscì ad avvicinarsi e per un istante sfiorò con le dita la mano di uno di loro. Percepì il calore di quel corpo forte e di quella pelle ruvida e possente. Sentì una dolce sensazione lungo le sue fragili ossa indistruttibili. Fu un attimo. Poi la rabbia e la foga si riappropriarono della sua mente. "Fateli scendere! Fateli scendere!"
 
 Assan aveva imboccato la passerella per primo. Mentre camminava lentamente, con la testa china, guardava interessato la donna bianca che si agitava e gli correva incontro. Era bella. Gli sorrideva. Benché non capisse bene la sua lingua, era sicuro di aver compreso il significato delle sue parole. Soffocò un sorriso compiaciuto. Si aggiustò la coperta termica che gli avevano dato appena sceso dal barcone in modo da coprire leggermente il suo volto… non si sa mai, pensava.
 Per un brevissimo istante la sua mente lo riportò al mondo che aveva lasciato. Alle persone che aveva ucciso, alle sue mogli e ai figli abbandonati mesi prima senza preavviso. Ai lunghi anni passati al servizio di vari signori della guerra e ai suoi compagni, anch'essi partiti per quel suo stesso viaggio, che ora si accingeva a portare finalmente a termine. Lui era lì ora. Finalmente era sbarcato. A loro avrebbe pensato forse più avanti, appena si fosse sistemato. Magari si sarebbe lasciato tutto alle spalle, come aveva pensato tante volte. Non voleva deciderlo adesso comunque. Per uno come lui non era una scelta facile e forse nemmeno conveniente dopotutto. Gli avevano raccontato tante cose di questa terra lontana e lui non ci aveva creduto davvero. Ora, dopo aver visto lo sguardo di quella donna bianca, non sapeva più cosa pensare.
 
 D'un tratto vide una delicata mano femminile protesa nella sua direzione. Era lei. Notò gli anelli. La perfezione della pelle e l'assenza di tagli o callosità di alcun genere. Con un movimento che dissimulava involontarietà, si avvicinò e sfiorò quella pelle candida e bianca. Capì con soddisfazione e incredulità quanto quella donna e pure tutti quegli altri esagitati con lei fossero dalla sua parte. I loro sguardi si incrociarono per un fugace attimo. Per la seconda volta soffocò un leggero sorriso compiaciuto.
 
 Chissà cosa avrebbero pensato se avessero saputo chi era davvero e cosa aveva fatto per arrivare dov'era. Non rischiava molto pensò fra sé e sé, era certo che nessuno avrebbe voluto sentire quella versione della storia né tantomeno crederci.
 
 Immerso in questi pensieri andò avanti procedendo con gli altri verso i pullman preparati per scortarli in qualche altro luogo.
Immagine

Immagine
Andr60
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 169
Iscritto il: 15/11/2019, 15:45

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Andr60 »

Non tutti i profughi sono meritevoli di assistenza, anche perché non sono profughi ma qualcos'altro.
Purtroppo gli operatori umanitari, con le migliori intenzioni, possono essere uno strumento inconsapevole di infiltrazioni di veri o aspiranti terroristi. Rimangono sullo sfondo i burattinai, con interessi più o meno inconfessabili di sviluppare trame oscure che passino sulla testa sia dei terroristi che degli operatori umanitari. Ma questa è un'altra storia...
Un buon racconto
Francesco Pino
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 181
Iscritto il: 09/05/2020, 17:55

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Francesco Pino »

Non mi era ancora capitato di leggere un racconto che mostrasse questo lato dell'immigrazione, eppure la storia ci insegna che ogni flusso migratorio porta con se una piccola percentuale di delinquenza, da ovunque esso arrivi e ovunque esso vada; è perfino inevitabile. Il racconto poi mi sembra scritto bene, sia per stile che per forma. Voto: 4.

Vorrei pero' aggiungere un commento a parte. L'immigrazione non è la gestione dell'accoglienza dei profughi e a sua volta quest'ultima non è la risposta verso un'emergenza. Sono tre cose diverse. Compito di chi risponde all'emergenza è tirare fuori dall'acqua i naufraghi e metterli all'asciutto con qualcosa da mangiare. Si trattasse anche di un cargo pieno di comprovati assassini il dovere morale delle istituzioni impone - prima ancora che il diritto internazionale - che vi si presti soccorso. La ragazza coi capelli blu non grida "fateli restare", grida "fateli scendere" e troppe volte i segni lasciati dai manganelli sono la conseguenza di una mentalità che ignora volutamente quei doveri morali che dovrebbero essere il distintivo di una società civile.
Immagine
Avatar utente
Liliana Tuozzo
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 154
Iscritto il: 18/03/2010, 17:09

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Liliana Tuozzo »

Uno sbarco narrato da un altro punto di vista. Le associazioni aiutano questi disperati ad avere i primi soccorsi come esseri umani, nessuno sa cosa si nasconde dietro quegli sguardi stremati. Qualcuno è sfuggito a una guerra , qualcuno viene a trovare fortuna e magari non ha la coscienza tranquilla. Il tuo compito di raccontare una storia diversa è dunque riuscito.
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Ibbor OB
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 45
Iscritto il: 13/06/2020, 18:46

Author's data

Re: Lo sbarco

Messaggio da leggere da Ibbor OB »

Grazie dei commenti. Queste gare stagionali sono ardue… Mi sono immaginato come sia stato lo sbarco di chi camuffandosi in mezzo a tutti gli altri in realtà nascondeva un abisso nel cuore pronto a farvi cadere dentro qualche innocente, come quel tunisino che sbarcato a Lampedusa finì a Nizza per compiere un atto terroristico uccidendo tre persone nella cattedrale di Notre-Dame oppure un altro anch'esso sbarcato sulla stessa piccola isola italiana, che decise di lanciarsi con un camion contro la folla dei mercatini di Natale a Berlino uccidendo dodici persone per poi venir ucciso a sua volta in un conflitto a fuoco con dei poliziotti alle porte di Milano. Quando arrivarono credo che sembrassero come gli altri, ma non lo erano.
Immagine

Immagine
Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 590
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

l'idea è buona e meritevole: punto di vista opposto al solito, per intenderci.
la storia è ben esposta, se si eccettuano alcuni refusi, comunque non gravi.
però... boh, però.
non so cosa c'è che mi vieta di gradire il racconto, non riesco a capirlo con esattezza.
sta di fatto che mi rimane in sospeso, non entra e non colpisce come dovrebbe, vista la storia
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Namio Intile
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 320
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Namio Intile »

Ottima prosa, molto scorrevole, non ho nulla da segnalarti. Come in ogni storia breve che si rispetti tenti il colpo di scena che qui consiste nel ribaltamento del senso comune: il buono, il soccorso, il povero cristo mezzo annegato è in realtà un terribile assassino e chi più ne ha più ne metta. E secondo me in parte ci riesci a stupire, pure se tanta retorica ci abbia ormai abituato anche a questa narrazione capovolta.
Gli uomini in mare vanno salvati, non lo dico io ma il diritto internazionale, a prescindere da chi siano o da cosa abbiano fatto.
Cosa poi facciano queste persone una volta a terra è un altro paio di maniche.
A mio modo di vedere è il sistema paese, da quarant'anni a questa parte, che ha consentito l'immigrazione clandestina come riserva di manodopera a basso costo. Quando terminò quella dal Sud del paese (oggi demograficamente un deserto) iniziò quella dalla sponda sud del Mediterraneo.
Per cui a mio avviso, e ribalto la tua narrazione, chi si oppone ai respingimenti (fasulli) è in realtà pro sistema.
Discorso troppo lungo e voto alto.
Se non l'avessi mai fatto ti consiglio Furore di Steinbeck, dove il tema immigrazione è trattato a mio avviso nel modo corretto.
Ibbor OB
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 45
Iscritto il: 13/06/2020, 18:46

Author's data

Re: Lo sbarco

Messaggio da leggere da Ibbor OB »

Namio, conoscendo il tuo valore nello scrivere ed essendo io abbastanza neofita, ho apprezzato molto il tuo commento e lo tengo davvero da conto.
Venendo invece all'argomento, concordo con te che il discorso sull'immigrazione clandestina sia troppo complesso per essere affrontato in poche righe e sinceramente non ho la presunzione di essere in grado di darne una interpretazione esaustiva.
Volevo evidenziare una delle tante contraddizioni di questo processo in atto.
Una ragazza dai capelli blu molto probabilmente votata alla causa femminista che accoglie un uomo cresciuto in un paese dove la donna è considerata un essere umano di serie B, la poligamia è legale e viene praticata ogni forma di violenza sulle donne. E oltre a questo è pure un potenziale terrorista.
Per quanto riguarda poi il destino di questi migranti come hai accennato anche tu nel commento è noto che molti finiranno nelle nostre campagne a raccogliere pomodori in regime di schiavitù. Molti altri invece accetteranno semplicemente i lavori che prima facevano gli Italiani, ma lo faranno per una paga più bassa e con meno diritti.
La domanda che mi pongo quindi è: come andrà a finire? Ovviamente non ho la risposta ma, come si sarà capito, non mi sento molto ottimista.
Grazie della lettura.
Immagine

Immagine
Rispondi

Torna a “Gara di primavera, 2021”



Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


BiciAutori - racconti in bicicletta

BiciAutori - racconti in bicicletta

Trentun paia di gambe hanno pedalato con la loro fantasia per guidarci nel puro piacere di sedersi su una bicicletta ed essere spensierati, felici e amanti della Natura.
A cura di Massimo Baglione.
Copertina e logo di Diego Capani.

Contiene opere di: Alessandro Domenici, Angelo Manarola, Bruno Elpis, Cataldo Balducci, Concita Imperatrice, Cristina Cornelio, Cristoforo De Vivo, Eliseo Palumbo, Enrico Teodorani, Ettore Capitani, Francesco Paolo Catanzaro, Germana Meli (gemadame), Giovanni Bettini, Giuseppe Virnicchi, Graziano Zambarda, Iunio Marcello Clementi, Lodovico Ferrari, Lorenzo Dalle Ave, Lorenzo Pompeo, Patrizia Benetti, Raffaella Ferrari, Rebecca Gamucci, Rosario Di Donato, Salvatore Stefanelli, Sara Gambazza, Sandra Ludovici, Sonia Piras, Stefano Corazzini, Umberto Pasqui, Valerio Franchina, Vivì.
Vedi ANTEPRIMA (1,29 MB scaricato 357 volte).
info e commenti compralo su   amazon


Storie Gotiche, del Terrore e del Mistero

Storie Gotiche, del Terrore e del Mistero

antologia di opere ispirate alla paura dell'ignoto

Nella ricerca di un tema che potesse risultare gradito a più autori, ci è sembrato infine appropriato proporre un'antologia di opere il cui fattor comune fosse il brivido. Un termine per molti versi ingannevole, almeno quanto lo sono certe credenze e immagini che la ragione volutamente ignora, o perfino deride. Eppure, l'ignoto ci aspetta al varco, silenzioso e paziente, per catapultarci nello strapiombo degli incubi o nel vortice di ansie e desideri repressi.
A cura di Roberto Virdo'.

Contiene opere di: Ida Dainese, Francesca Paolucci, Marcello Rizza, Fausto Scatoli, Annamaria Ricco, Francesco Cau, Valentino Poppi, Mario Flammia, Essea, Umberto Pasqui, Enrico Teodorani, Roberto Masini, Maria Perrella, Giacomo Baù, Eliseo Palumbo, Selene Barblan, Stefano Bovi, Ibbor OB, Andrea Teodorani, Simona Geninazza, Lidia Napoli, Mario Malgieri, Michele Silvi, Ida Daneri, Alessandro Mazzi.
Vedi ANTEPRIMA (681,69 KB scaricato 30 volte).
info e commenti compralo su   amazon


L'Animo spaziale

L'Animo spaziale

Tributo alla Space Opera

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
L'Animo Spaziale è un tributo alla space opera. Contiene una raccolta di racconti dell'autore Massimo Baglione, ambientati nella fantascienza spaziale. Un libro dove il concetto di fantascienza è quello classico, ispirato al Maestro Isaac Asimov. La trilogia de "L'Animo Spaziale" (Intrepida, Indomita e Impavida) è una storia ben raccontata con i giusti colpi di scena. Notevole la parentesi psicologica, in Indomita, che svela la complessa natura di Susan, elemento chiave dell'intera vicenda. "Intrepida", inoltre, ha vinto il primo premio nel concorso di letteratura fantascientifica "ApuliaCon 2006" (oggi "Giulio Verne"). I racconti brevi "Mr. Sgrultz", "La bottiglia di Sua Maestà" e "Noi, sorelle!" sono stati definiti dalla critica "piccoli capolavori di fantascienza da annoverare negli annali.
Di Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (1,68 MB scaricato 268 volte).
info e commenti compralo su   amazon





Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 17 - Non è vero ma ci credo

La Gara 17 - Non è vero ma ci credo

(novembre/dicembre 2010, 55 pagine, 1,04 MB)

Autori partecipanti: Stefy71, Cazzaro, Skyla74, Arditoeufemismo, Manuela, Vit, Matteo, Gloria, Roberto Guarnieri, Tania Maffei, Gigliola, Mastronxo, Ser Stefano, Davide Sax, Arianna, Exlex, Dandyx, Titty Terzano, Pia,
A cura di VecchiaZiaPatty.
Scarica questo testo in formato PDF (1,04 MB) - scaricato 519 volte.
oppure in formato EPUB (481,03 KB) (vedi anteprima) - scaricato 190 volte..
Lascia un commento.

La Gara 25 - Dietro la maschera!

La Gara 25 - Dietro la maschera!

(novembre 2011, 84 pagine, 2,22 MB)

Autori partecipanti: Diego Capani, Mastronxo, Ser Stefano, Unanime Uno, Aleeee76, Angela Di Salvo, Tuarag, Stefano di Stasio, Tania Maffei, Cordelia, Licetti, Lodovico, Triptilpazol, Ritavaleria, Maria92, Davide Sax, Cazzaro, Ser Stefano, Nathan,
A cura di Morgana Bart e Tullio Aragona.
Scarica questo testo in formato PDF (2,22 MB) - scaricato 692 volte..
Lascia un commento.

Calendario BraviAutori.it "Writer Factor" 2015 - (in bianco e nero)

Calendario BraviAutori.it "Writer Factor" 2015 - (in bianco e nero)

(edizione 2015, 3,39 MB)

Autori partecipanti: (vedi sopra),
A cura di Tullio Aragona.
Scarica questo testo in formato PDF (3,39 MB) - scaricato 126 volte..