L'orologiaio

Spazio dedicato alla Gara stagionale di primavera 2021.

Sondaggio

Sondaggio concluso il 20/06/2021, 1:00

1 - non mi piace affatto
0
Nessun voto
2 - mi piace pochino
0
Nessun voto
3 - si lascia leggere
1
11%
4 - è bello
3
33%
5 - mi piace tantissimo
5
56%
 
Voti totali: 9

Namio Intile
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 325
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Author's data

L'orologiaio

Messaggio da leggere da Namio Intile »


«Mi aveva detto che per questo pomeriggio sarebbe stato pronto» si lamentò il cliente, e tamburellò con le dita sopra il ripiano di vetro che fungeva da vetrina e da divisorio tra il laboratorio e la zona esposizione del minuscolo locale.
«Mi deve scusare, ma stamattina ho avuto un incidente con l’auto.»
«Niente di grave, mi auguro» aggiunse con voce piatta il cliente, senza riuscire a nascondere la propria insofferenza.
«No, per fortuna. Ma una inevitabile perdita di tempo... Pensavo di aver terminato, ma c’è qui ora qualcosa che non va...» mormorò l’orologiaio, appollaiato sopra la vecchia sedia di paglia intrecciata che era stata di suo nonno.
Nuovamente si concentrò sulla cassa di acciaio inox aperta tra le sue mani.
«Non è il solito ingranaggio difettoso?»
«Stavolta no. È una ruota dentata che… Eh, non ne fanno più di così belli.»
«Guardi che se mi costa troppo...»
«Non lo ripara? Un simile gioiello? Non si preoccupi del prezzo» lo rassicurò, come si fa coi bambini.
«Ce la fa per oggi?» Domandò spazientito, dopo un paio di minuti.
«Forse domani. Me lo lasci ancora un po’... e mi scusi per l’inconveniente.»
Namio Intile era un orologiaio. Per generazioni la sua famiglia si era occupata degli strumenti che misurano il tempo, anzi egli credeva che la sua famiglia si fosse occupata di orologi sin da quando essi esistevano e piccole ruote dentate e bilancieri avevano iniziato a misurare la quarta dimensione.
«Il tempo» mormorò la signora con la veletta démodé entrata senza che lui se ne accorgesse, senza neanche far trillare il campanello posto sopra la porta d'ingresso.
Namio Intile la osservò e si sentì sicuro di non averla mai vista prima, benché il viso gli sembrasse familiare.
Era molto bella, ma fu soprattutto quella voce, calda, avvolgente, sensuale, a provare a forzare una porta che aveva chiuso da tempo.
La sua immaginazione galoppò alla ricerca di un precedente incontro, anche casuale, nei dintorni del negozio; ma non riuscì a ricordare e suppose che si fosse trasferita in zona da poco o che venisse da un altro quartiere.
Perché altrimenti l'avrei notata, rifletté in mezzo al silenzioso frastuono di mille ticchettii.
«Il tempo può scorrere solo in una direzione e sempre alla stessa velocità» aggiunse la donna, e gli sembrò che volesse concludere un altro pensiero con quella frase.
«Come prego?» Domandò l’orologiaio, frastornato.
È proprio bella, gli balenò nella mente, un essere perfetto.
«A differenza delle altre dimensioni, che si possono percorrere alla velocità che vogliamo e, soprattutto, nella direzione che preferiamo, il tempo scorre solo in un senso: dal presente a un altro presente, che ancora non esiste...» spiegò la donna, con voce ferma.
«Einstein la pensava diversamente, credo.»
«Davvero lei può credere a un vecchio che fa le faccette quando lo fotografano?»
«Beh…» annaspò, allargando le braccia. «Cosa posso fare per lei? Deve forse fare un regalo...» provò a indovinare l’orologiaio per vincere l’imbarazzo di quella conversazione surreale.
Provò a essere professionale per non pensare quanto fosse incommensurabilmente bella quella donna e si forzò per non mantenere lo sguardo fisso su di lei.
«Sì, è un regalo.»
«Una ricorrenza?»
«Il dono è per lei» precisò con dolcezza
E quando fu costretto ad alzare gli occhi si accorse che lei lo stava fissando.
Namio Intile sentì le gambe tremare ed ebbe paura di perdersi negli occhi di quella sconosciuta. Profondi e dal colore indefinito.
«Un regalo per me?» Ripeté.
In un momento di lucidità considerò che si stesse prendendo gioco di lui o che fosse un’abile tattica di aggancio per riuscire a vendergli una qualunque banalità.
O magari si tratta di un’astuta ladra, pensò.
«Guardi, mi dispiace, ma io non compro niente» replicò a bassa voce.
«E io non vendo nulla. Vede, mio marito era un ingegnere, ed era irlandese» raccontò la donna, e si avvicinò al banco trasparente mostrando le belle dita affusolate, con le unghie laccate con una tonalità particolare di rosso. «Gremory… lui aveva una particolare passione per gli orologi. Non per il design, sia chiaro. Ma per il loro funzionamento.»
«Una passione in comune, allora. Ma io come posso...»
«Guardi» lo interruppe la donna, e uscì dei fogli di carta dalla borsa. Li sistemò, poi li porse all’orologiaio.
Con cautela l’uomo prese i fogli e li esaminò.
«Cosa ne pensa?»
«Soluzioni...» cercò le parole, «molto eleganti, originali. Io... non so che dirle. Sono solo un piccolo orologiaio. Perché è venuta da me?»
«Sono mesi che la osservo. Da fuori. Chino su quel tavolo col monocolo di precisione all’occhio destro e quei minuscoli attrezzi che si muovono veloci tra le dita, ogni volta come se eseguissero una danza diversa per seguire uno spartito che solo lei conosce.»
Namio Intile abbassò lo sguardo, si sentì lusingato e avrebbe voluto baciare le labbra di quella donna che sembrava cogliere l’essenza del suo lavoro. Gli venne fuori soltanto una comica smorfia.
La donna fece per uscire.« Mi scusi, lei mi è parso un uomo singolare, ma forse mi sono sbagliata.»
«La prego, si accomodi» cercò di fermarla, con fare deciso.
«L’ho già disturbata troppo. Sono entrata per darle questi disegni, ecco tutto; li tenga lei. Sono suoi.»
«Miei?»
«Sì. Le appartengono adesso. Li merita qualcuno con la stessa passione di mio marito» concluse, e si voltò verso la porta. Poi sulla soglia si fermò. «Un unico consiglio: non tenti mai di realizzare quell’orologio.»
«Non capisco.»
«L’orologio dei disegni non deve costruirlo... mai. Lei possiede i disegni, non l’orologio» l'avvertì.
«Perché no?» Replicò l’orologiaio, che per un momento pensò che quella donna bellissima non dovesse starci più molto con la testa.
«Perché quest’orologio misura il tempo secondo i desideri del suo costruttore.»
«Come ogni orologio» scherzò Namio Intile.
«Non si burli di me. Sono molto seria. E sono sana di mente, anche se in questo momento lei starà considerando l'esatto contrario. Non lo costruisca. Lo dico per il suo bene.»
«Come lei desidera» concluse l’orologiaio, preso da un’improvvisa voglia di sbarazzarsi di quell’essere misterioso il prima possibile.
Le aprì la porta e l’accompagnò oltre l’uscio.
Passarono i giorni, trascorsero i mesi.
Di quelle carte, di quei disegni, Namio Intile si era completamente dimenticato, erano finite tutte in fondo a un cassetto, sotto il banco da lavoro del laboratorio.
Finché un giorno, mentre cercava i suoi occhiali di precisione, quei fogli saltarono fuori e, come spinti da una mano invisibile, caddero in terra. Namio li raccolse e li esaminò, per la prima volta con attenzione. Si rese conto che, nei tanti e proficui anni in cui aveva svolto il suo mestiere d’artigiano, non s’era mai imbattuto in nulla di simile.
Non era che la tecnologia fosse al di là della sua comprensione, tutt’altro. Quei disegni mostravano solo comuni ruote dentate, ingranaggi, bilancieri. Ciò che era stupefacente era invece la meccanica, più precisamente, la logica del funzionamento.
Ebbe un’intuizione e pensò che non fosse solo un’opera di fantasia, che fosse possibile realizzarla e farla funzionare; poi la curiosità prese il sopravvento.
Lesse con attenzione ogni pagina e quindi cominciò ad assemblare il modello dimenticandosi della sua promessa.
Il tempo volò via, senza che se ne accorgesse. Chiuse la saracinesca per la sera e rimase dentro a lavorare, ossessionato da quella intuizione. Non dormì affatto e la mattina seguente l’orologio, come era stato minuziosamente disegnato dal defunto ingegnere, fu pronto.
«Di sicuro non partirà» esclamò a gran voce, e si stupì della vibrazione della sua voce tra le mura ovattate del negozio.
Diede la carica ruotando la ghiera sulla destra e l’orologio, con suo stupore, prese a muoversi in senso orario; dapprima partì la lancetta dei secondi, poi la seguì quella dei minuti, più lentamente.
Osservò il manufatto con attenzione. Funzionava né più né meno come un normale orologio, anche se non avrebbe potuto. Anche se non avrebbe dovuto.
«Che sia tutto uno scherzo?» Mormorò incredulo.
Poi tirò in avanti il datario di un giorno, due, tre, quattro fino alla fine del mese e poi ancora avanti sino ad allinearlo con la data di quel giorno.
Ripose l’orologio, si guardò allo specchio posto di fianco al bancone. «Sono proprio un idiota, ma cosa volevo che succedesse?»
Uscì che era già mattina avanzata e, dopo aver alzato la saracinesca, si accorse che qualcosa non andava. Davanti a lui la strada era chiusa e vi erano dei lavori in corso per il rifacimento del manto stradale, in stato di avanzamento.
Che strano, non ho sentito qualcuno lavorare questa notte. Sono sicuro che quando ho chiuso il negozio la strada era sana, borbottò tra sé e sé.
Poi si avvicinò all’edicola all’angolo e vide la data del giorno. Era avanti di un mese rispetto a quella che ricordava. Sgranò gli occhi tentando di mettere bene a fuoco e passò a un altro giornale, e a un altro ancora. Poi, spaventato, cercò istintivamente di fuggire tra le mura note del suo negozio.
Nel tragitto s’imbatté in Ermanno, il fiorista che aveva la bottega di fianco alla sua, che lo agguantò per le spalle e disse: «Namio, ma che diavolo ti è successo? È un mese che tieni chiuso e al telefono non rispondi. Sei stato male? Eravamo tutti in ansia per te.»
«Sì...» rispose l’orologiaio a voce bassa, credendo veramente di stare male, anzi di essere impazzito. «Molto male» sussurrò.
Poi la verità gli apparve in tutta la sua scarna crudezza.
Il tempo scorre a mio piacimento, pensò e, nel tempo che un lampo impiega a squarciare l’oscurità, si materializzarono le infinite possibilità che quel prodigio poteva offrirgli.
Rientrò in negozio e vide l’orologio che funzionava regolarmente, secondo dopo secondo, minuto dopo minuto. Prese il coraggio a due mani e riportò il datario indietro, al giorno da cui era partito. Uscì fuori e dei lavori stradali non v’era traccia. Si affrettò a controllare in edicola e questa volta vide il giorno preciso in cui si doveva trovare: diciassette marzo.
«Sono il padrone del tempo» ghignò soddisfatto, e nei suoi occhi balenò una strana luce.
E così in breve ogni ricchezza divenne sua.
Ogni potere sugli uomini fu suo.
La sua avidità si arricchiva ogni momento di un nuovo desiderio.
Tutte le creature della Terra, tutte le Nazioni, tutti gli eserciti si piegarono al volere del padrone del tempo, stretto al suo prezioso strumento: l’orologio che lo governa.
Passarono degli anni, forse decenni, e un bel giorno si ricordò della donna e del suo dono.
E pensò che sarebbe stato giusto e saggio onorarla con un immenso tempio e che tutti gli abitanti della Terra si dovessero flettere almeno una volta al giorno davanti alla sua immagine.
Impiegò decine di migliaia di uomini nella costruzione di quell'edificio, il più grande mai costruito dall'uomo.
E in quell’impresa ciclopica furono molti quelli che perirono.
Alla fine, davanti alla gigantesca statua di una donna dalle sembianze che seguivano i suoi sbiaditi ricordi, l’uomo più potente della Terra, s’inchinò.
Fu un attimo e Namio Intile, il Signore del Tempo, si ritrovò seduto nella sua vecchia bottega di orologiaio, sulla sedia di paglia che era stata di suo nonno, con l’orologio tra le sue mani.
«L’avevo avvertita» lo rimproverò la donna.
Nel rivederla ne fu sicuro, era bella più di ogni altra donna avesse mai visto in tutto il tempo del mondo.
«Non doveva costruirlo. Soltanto custodirne i disegni.»
«Ma… lei chi è?» Balbettò impaurito Namio Intile, e tutta la lunga e felice vita fino ad allora vissuta gli sembrò solo un attimo evanescente, uno sbiadito sogno notturno.
Si sentì stanco e vecchio. Senza forze. Si guardò allo specchio di lato al bancone, come se lo avesse lasciato lì appena la sera prima.
Ma lo specchio non mentiva: il tempo era passato davvero. Era un vecchio, un vecchio decrepito.
«A volte capitano delle cose strane» commentò la donna. «Ancora non mi riconosci?»
L’uomo fece cenno di sì. «Perché proprio io? Perché sono così speciale?» supplicò.
«Non darti l'importanza che non hai. Mi ha vinto la noia. Avevo visto qualcosa di particolare nei tuoi occhi e ho scommesso su di te, perdendo. Tu ti sei dimostrato così banalmente ordinario nella tua avidità.»
«Tutto qui?»
«Tutto qui. Ci rivedremo presto purtroppo» disse la donna alzando le spalle, e uscì in strada, identica a quella prima volta in cui era entrata.
Ibbor OB
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 46
Iscritto il: 13/06/2020, 18:46

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Ibbor OB »

Bellissimo racconto, davvero avvincente. Scritto molto bene. Ho trovato qualche affinità tra l'orologio magico e l'Almanacco sportivo di "Ritorno al futuro"...se qualcuno se lo ricorda. Il finale rimane aperto. Sarebbe interessante sapere qualcosa di più della donna misteriosa.
Immagine

Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine
Andr60
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 188
Iscritto il: 15/11/2019, 15:45

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Andr60 »

Caro Namio, innanzitutto Bentornato! Il racconto è (almeno credo) una specie di parabola su cosa faremmo se fossimo dotati di un simile potere, come del resto la donna misteriosa fa intendere al protagonista. Torneremmo indietro per fini personali oppure no? Ci arricchiremmo (Biff che ruba l'elenco dei vincitori sportivi e diventa il padrone della città, in Ritorno al Futuro II, come ci ricorda Ibbor più sopra) oppure faremmo qualcosa di utile per la società? Per quanto mi riguarda, non ho dubbi: andrei subito a Seattle nel 1975, mi procurerei dieci chilogrammi di tritolo e lo piazzerei in un garage occupato da un adolescente sociopatico.
L'orologiaio invece fa la scelta sbagliata, peccato...
Namio Intile
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 325
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Author's data

Re: L'orologiaio

Messaggio da leggere da Namio Intile »

Ciao, Andr, grazie per il ben trovato, sono contento anch'io di ritrovare te. In tutta franchezza non so cosa farei se potessi disporre del tempo, ma qualche idea mi verrebbe di sicuro in mente nella direzione che tu conosci.
Il racconto è di quelli miei che definisco senza troppe ambizioni, ma spero comunque gradevole.
Grazie anche a Ibbor OB per il passaggio.
GeraGera
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 5
Iscritto il: 26/12/2015, 18:51

Author's data

Re: L'orologiaio

Messaggio da leggere da GeraGera »

Ciao, bellissimo e ben scritto, mi è piaciuto molto e a tratti molto gradevole.. a rileggerti
Roberto Virdo'
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 374
Iscritto il: 08/06/2020, 11:04

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Virdo' »

Namio, lietissimo di ritrovarti, mi ripeto lo so, ma ci sta.Ho letto questo tuo racconto appena lo hai pubblicato e l'ho fatto con avidità, inchiodato sapientemente dalla storia. Complimenti.

Ma sono stato colto di sorpresa quando di colpo mi è zampillato davanti l'imprevisto: Namio Intile è l'orologiaio. Ho avuto un attimo di sbandamento da lettura. Spiazzato non poco, lo confesso. Quel Namio piantato lì mi ha fatto decidere, dopo la prima lettura, di ritornarci sopra a mente sgombra.

Dopo una buona settimana eccomi qui. Rileggo il tutto con il medesimo piacere: complimenti! Però stavolta voglio capire. Carta e penna, prendo i primi appunti. Se vuoi segui le mie sconsiderazioni e sopportale bonariamente...

"Da un presente a un altro presente". E' una bellissima espressione, ritorna un pò la visione filosofica del tempo composto solo da una serie di momenti.

Sorrido per la "faccetta" di Einstein, che magicamente mi è apparsa davanti.

"Gremory", scopro che è un demone con le sembianze di una splendida donna dai poteri ipnotici. Mi colpisce la precisione nel dettaglio: ingegnere, irlandese? Nuovi dubbi.

"Lui possiede i disegni, non l'orologio". Non proprio una frasetta per riempire qualche riga.

"La gigantesca statua di una donna che seguiva i suoi sbiaditi ricordi".

E ultimo ma non ultimo, "si sentì stanco e vecchio".

Namio mi ha appassionato tanto questo testo che si discosta un pò dal tuo solito scrivere. Siamo entrati in un campo sfumato, dove non sono abituato a trovarti, forse più consono a me. Ma la "zampata" l'hai comunque data mettendoci, letteralmente, te stesso.

L'avidità tu dici. Eppure è per una donna che hai fatto costruire una statua, davanti alla quale ti sei inchinato. Come se l'Amore avesse vinto il Tempo. Questa donna mi sembra così reale, reale quanto l'inganno di una vita intera, quello di cui ci rendiamo conto solo una volta divenuti "old and wise" (Alan Parson Project). Ma una lei, l'unica, la sola, nel nostro cuore c'è sempre. Io la voglio vedere così.
Massimo dei voti, ma soprattutto a presto, un pò più old, un pò più wise.
Ultima modifica di Roberto Virdo' il 28/05/2021, 13:16, modificato 1 volta in totale.
Mariovaldo
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 77
Iscritto il: 16/12/2019, 7:27
Contatta:

Author's data

Re: L'orologiaio

Messaggio da leggere da Mariovaldo »

Che dire di un capolavoro? Non voglio sprecare aggettivi scontati, dico solo che ho letto un racconto non certo da semplice scrittore dilettante, andando avanti con la lettura percepivo echi di Poe, Lovercraft e altri Maestri . Ho detto abbastanza? Ah, dimenticavo: massimo dei voti, ovviamente
Namio Intile
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 325
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Author's data

Re: L'orologiaio

Messaggio da leggere da Namio Intile »

Ebbene sì, Roberto, l'orologiaio sono proprio io. O meglio, il mio nick. E Namio non resiste alla tentazione, novello Adamo, o novello Prometeo, di cogliere il frutto proibito, la conoscenza, e di appropriarsi di qualcosa che non può appartenergli, perché non può comprendere e non può gestire ciò di cui solo la superficie coglie. Viene punito per la sua avidità, la dissennatezza, cosicché l'intera sua vita, per una sorte di ybris non sarà altro che un sogno, una vita non vissuta, un gigantesco errore dipeso soltanto dal caso. Non avrà vissuto eppure vivrà di rimorsi.
Amor vincit omnia, perché alla fine quel caso fortuito pare proprio quello.
Namio Intile
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 325
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Author's data

Re: L'orologiaio

Messaggio da leggere da Namio Intile »

E grazie a Mariovaldo e a Gera per la lettura.
Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 590
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

molto bello, Namio, complimenti.
gran storia che ricorda un mio vecchissimo racconto fantasy (Il signore del tempo) con declinazioni e finale ben diversi, ovviamente.
splendide le descrizioni, scontato invece il risultato finale e il comportamento dell'orologiaio.
ottimo lavoro.
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Egidio
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 15
Iscritto il: 14/04/2021, 6:05

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Egidio »

Leggendo questo racconto, non ho potuto fare a meno di pensare al fatto che è costruito con maestria davvero notevole. Prenderò spunto per i miei più imperfetti tentativi. Ma dove l'hai trovata tutta quella fantasia, per scrivere una storia così bella e significativa?
Stefyp
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 252
Iscritto il: 26/07/2019, 18:48

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Stefyp »

Letto avidamente dalla prima all'ultima riga. Sarebbe un 5 netto se non fosse per la parte centrale. Avrei gradito se ti fossi dilungato un pochino di più nel descriverci cosa ha fatto con l'orologio in suo potere, qualcosina di meno vago. Rispetto allo stile niente da dire, ma solo da imparare.
Lucia De Falco
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 144
Iscritto il: 08/03/2020, 14:37

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Lucia De Falco »

Anche questo racconto, come il precedente, riguarda un mestiere "in solitaria": l'orologiaio, come l'antiquario di libri, sembra di immaginarlo nella solitudine nella sua bottega. È un racconto avvincente, da leggere tutto d'un fiato. Interessante la scelta dell'autore di identificarsi anche nel nome col protagonista.
La bella donna che porta i progetti del marito? Per me è senz'altro la morte, perché alla fine dice al protagonista che si vedranno presto, purtroppo. È un racconto molto interessante, che offre spunti di riflessione sul tempo che passa, sul desiderio di fermare il tempo o di tornare indietro nel tempo. Io non avrei usato quel dono per arricchirmi, ma per rivivere situazioni del passato, per rivedere persone care che non ci sono più.
Rispondi

Torna a “Gara di primavera, 2021”


Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 27 - Io, frammenti di autobiografie

La Gara 27 - Io, frammenti di autobiografie

(gennaio 2012, 80 pagine, 1,06 MB)

Autori partecipanti: Lodovico, Ardito eufemismo, Skyla74, Nathan, Feffone, Mariadele, Stilledernacht, Tania Maffei, Angela di Salvo, Unanime uno, Cordelia, Ritavaleria, hellies15, Manuela, Tuarag, Licetti, Roberta Michelini, Antonella P, Kutaki Arikumo, Ser Stefano, Alessandro Napolitano, Alessandra 90, Alheli, Triptilpazol,
A cura di Ser Stefano.
Scarica questo testo in formato PDF (1,06 MB) - scaricato 454 volte.
oppure in formato EPUB (668,88 KB) (vedi anteprima) - scaricato 212 volte..
Lascia un commento.

La Gara 46 - Non più in vita

La Gara 46 - Non più in vita

(maggio 2014, 17 pagine, 337,04 KB)

Autori partecipanti: Lodovico, Annamaria Vernuccio, Nunzio Campanelli, Patrizia Chini, Awomanofnoimportance,
a cura di Ser Stefano.
Scarica questo testo in formato PDF (337,04 KB) - scaricato 133 volte.
oppure in formato EPUB (359,27 KB) (vedi anteprima) - scaricato 234 volte..
Lascia un commento.

La Gara 7 - L'Incubo

La Gara 7 - L'Incubo

(agosto 2009, 38 pagine, 1,54 MB)

Autori partecipanti: Yle, Gerardo, Rona, Valentina, Manuela, Devil, Arditoeufemismo, Macripa, Pia, Bonnie, Piero Macrelli, Alessandro Napolitano, Dafank, Miriam,
A cura di CMT.
Scarica questo testo in formato PDF (1,54 MB) - scaricato 366 volte..
Lascia un commento.





Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Human Take Away

Human Take Away

Umani da asporto

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
"Human Take Away" è un racconto corale dove gli autori Alessandro Napolitano e Massimo Baglione hanno immaginato una prospettiva insolita per un contatto alieno. In questo testo non è stata ideata chissà quale novità letteraria, né gli autori si sono ispirati a un particolare film, libro o videogioco già visti o letti. La loro è una storia che gli è piaciuto scrivere assieme, per divertirsi e, soprattutto, per vincere l'Adunanza letteraria del 2011, organizzata da BraviAutori.it. Se con la narrazione si sono involontariamente avvicinati troppo a storie già famose, affermano, non era voluto. Desiderano solo che vi gustiate l'avventura senza scervellarvi troppo sul come gli sia venuta in mente.
Vedi ANTEPRIMA (497,36 KB scaricato 480 volte).
info e commenti compralo su   amazon


Blue Bull

Blue Bull

Poliziesco ambientato a Chicago e Nuovo Messico

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
Un poliziesco vecchio stile, cazzuto, ambientato un po' a Chicago e un po' in New Mexico, dove un poliziotto scopre di avere un figlio già adulto e, una volta deciso di conoscerlo, si accorgerà che non sarà così semplice. Una storia dura e forse anche vera.
Frank Malick, attempato sergente della polizia di Chicago, posto finalmente di fronte alle conseguenze d'una sua mancanza commessa molti anni prima, intraprende un viaggio fino in Nuovo Messico alla ricerca di qualcosa a metà tra il perdono delle persone che aveva fatto soffrire e la speranza di un'improbabile redenzione.
Di Massimo Baglione e Cataldo Balducci.
Vedi ANTEPRIMA (482,65 KB scaricato 227 volte).
info e commenti compralo su   amazon


BReVI AUTORI - volume 1

BReVI AUTORI - volume 1

collana antologica multigenere di racconti brevi

BReVI AUTORI è una collana di libri multigenere, ad ampio spettro letterario. I quasi cento brevi racconti pubblicati in ogni volume sono suddivisi usando il seguente schema ternario:

Fantascienza + Fantasy + Horror
Noir + Drammatico + Psicologico
Rosa + Erotico + Narrativa generale

La brevità va a pari passo con la modernità, basti pensare all'estrema sintesi dei messaggini telefonici o a quelli usati in internet da talune piattaforme sociali per l'interazione tra utenti. La pubblicità stessa ha fatto della brevità la sua arma più vincente, tentando (e spesso riuscendo) in pochi attimi di convincerci, di emozionarci e di farci sognare.
Ma gli estremismi non ci piacciono. Il nostro concetto di brevità è un po' più elastico di un SMS o di un aforisma: è un racconto scritto con cura in appena 2500 battute (sì, spazi inclusi).
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Fausto Scatoli. Giorgio Leone, Annamaria Vernuccio, Luca Franceschini, Alphaorg, Daniel Carrubba, Francesco Gallina, Serena Barsottelli, Alberto Tivoli, Giuseppe C. Budetta, Luca Volpi, Teresa Regna, Brenda Bonomelli, Liliana Tuozzo, Daniela Rossi, Tania Mignani, Enrico Teodorani, Francesca Paolucci, Umberto Pasqui, Ida Dainese, Marco Bertoli, Eliseo Palumbo, Francesco Zanni Bertelli, Isabella Galeotti, Sandra Ludovici, Thomas M. Pitt, Stefania Fiorin, Cristina Giuntini, Giuseppe Gallato, Marco Vecchi, Maria Lipartiti, Roberta Eman, Lucia Amorosi, Salvatore Di Sante, Valentina Iuvara, Renzo Maltoni, Andrea Casella.
Vedi ANTEPRIMA (1,41 MB scaricato 147 volte).
info e commenti compralo su   amazon