Gli occhi di neve

Spazio dedicato alla Gara stagionale di primavera 2021.

Sondaggio

1 - non mi piace affatto
1
17%
2 - mi piace pochino
2
33%
3 - si lascia leggere
0
Nessun voto
4 - è bello
2
33%
5 - mi piace tantissimo
1
17%
 
Voti totali: 6

Avatar utente
Nicolandrea Riccio
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 7
Iscritto il: 26/10/2020, 21:21

Author's data

Gli occhi di neve

Messaggio da leggere da Nicolandrea Riccio »


Gli occhi di neve
 
  1 Il ritorno di Aranel
 
  Sul treno diretto ai confini del mondo, Narcissa mi scrutava con i suoi grandi occhi azzurri. Dopo mesi passati nel silenzio venne da me, mi invitò nella sua casa, un luogo dove l’odore di muffa era quasi insostenibile, e l’assenza di arredamento mi dava una sensazione di abbandono tanto profonda da far scorrere fredde lacrime sulle mie guance. Lei dipingeva, io la guardavo, e nessuno di noi diceva una parola. Ricordo solo il rumore ovattato di rami spogli mossi dal vento, che udivo seduto sul pavimento, sotto una vecchia finestra chiusa.
  Decisi di lasciare quel posto, così tornai a casa dai miei cari amici, Febe e Pietro. Mi accolsero con gioia dopo quello che sembrava essere stato un grande lasso di tempo. Felici, girovagammo tutta la notte senza meta, Pietro non smise mai di fumare, mentre Febe mi raccontò le sue lunghe giornate passate alla batteria, e di quanto fosse migliorata dall’ultima volta, quella volta prima di lasciarla. Sentii suonare il citofono a mezzogiorno, mi trovavo a casa di Febe, cercavo di riposare dopo l’intera notte trascorsa a passeggiare. Aprii la porta e mi trovai davanti Asia, una vecchia amica ed una chitarrista di grande talento. La ricordavo tremendamente insicura, così mi sorpresi quando quel giorno mi chiese di formare una band, credo proprio che sia stato il mio ritorno a spronarla. Asia era una musicista versatile, ed il suono che costruì con il tempo la rese una chitarrista solista inconfondibile alle mie orecchie. La sua opinione nei miei riguardi non era da meno, un muro sonoro solido ed un senso del ritmo sorprendente, questo fu il suo giudizio quando mi sentì suonare la chitarra per la prima volta, tanto tempo fa. Euforica, Asia contattò una sua amica che suonava il basso, così nel pomeriggio si presentò Bianca, una musicista che ironicamente definivo operaia, fu la persona che ci diede equilibrio.
 Suonammo ogni giorno a casa di Febe, e dopo pochi mesi avevamo un album, Gli occhi di neve, disco omonimo della band. Cominciammo a suonare in giro, e ai nostri concerti vendemmo tutte le copie del nostro vinile. I gestori dei locali si mostravano contenti, adoravano il mio gruppo, non per le nostre competenze musicali, bensì per la nostra immagine. Condividevamo un volto angelico, Febe, Bianca ed Asia erano terribilmente simili, vestivano eleganti, ed i loro lunghi capelli di un nero corvino, facevano risaltare occhi di un verde tanto chiaro, che alle volte mi apparivano quasi bianchi, così come i miei lunghi capelli ricci.
  Arrivò presto il giorno in cui il mondo confezionato con cura da ognuno di noi, e nella quale potevamo essere felici, venne scosso da un avvenimento agghiacciante, il mio vecchio compagno Pietro morì suicida. Pietro era un musicista mediocre, e quando venne escluso dal progetto Gli occhi di neve, rimase a suonare nella sua cameretta insieme a degli zombie. Dopo la sua dipartita mi ritirai, decisi di tornare per un po’ da dove ero venuto. Me ne andai certo del fatto che le mie compagne sarebbero state bene anche senza di me, d'altronde sarei ritornato presto.
 
  2 La voce di Febe
 
  Suonavo insieme ad una band molti anni fa. La bassista, Bianca, era la più ritardataria, sua madre la costringeva in casa il più possibile, una donna tanto malata quanto cattiva, una vita al servizio di una vecchia fetida e ammorbante. Quello che si faceva chiamare Aranel era mio ospite fisso, suonava la chitarra insieme ad Asia, la quale aveva una tecnica superiore a lui, nonostante la scarsa creatività, in cui Aranel eccelleva. I miei compagni erano parte di me ed io di loro, cominciai a provare paura il giorno in cui mi resi conto che tutto quello che era esistito fino a quel momento, stava lentamente scomparendo, e che non sarebbe mai più tornato.
 Incidemmo un solo album, la band si sciolse dopo la scomparsa di Aranel. Asia si trasferì negli Stati uniti, e non ebbe problemi a trovare una band affermata con cui poter lavorare. In quanto a Bianca, dopo la morte di sua madre iniziò a lavorare come badante. Uscì dalla mia vita anche lei, lasciandomi sola, a sopportare il dolore causato dall’assenza del mio caro amico.
 
  3 L’appartamento spoglio
 
  Ritornai nel luogo in cui passavo il tempo in silenzio ad osservare la bellezza, ma qualcosa era cambiato. Narcissa non c’era più, al suo posto trovai qualcuno di completamente diverso. Appena entrato in casa sentii subito quell’inconfondibile odore di muffa, e l’appartamento era ancora povero nell’arredamento, esattamente come lo lasciai, ma davanti alla finestra fradicia del soggiorno, un ragazzo dal volto sterile stava fumando una sigaretta. Non fu per nulla sorpreso del mio arrivo, ci guardammo attentamente per qualche secondo, poi spense lentamente le luci di casa, raggiunse la porta d’ingresso socchiusa, e prima di spegnere l’ultima luce del soggiorno, mi chiese di accompagnarlo sul lungomare. Il rumore delle onde era assordante, il vento freddo mi bruciava il viso, ed il buio di quella notte era terrificante, lo seguii spinto dalla paura di restare solo.
 Durante il nostro cammino quel ragazzo non disse una parola, e ad ogni passo si incupiva sempre di più. Ero dietro di lui, la sua andatura diventava sempre più frettolosa con il passare dei secondi, fino a quando scomparve in lontananza, inghiottito dal buio. Il mio cammino si interruppe, non avevo più alcuna idea di dove fossi, ne di come tornare a casa. Pensai alle persone che avevo lasciato, le mie compagne, e cercai di convincermi che sarei riuscito a tornare di nuovo, prima o poi. Ancora oggi mi chiedo se Gli occhi di ghiaccio esistano ancora.
Ultima modifica di Nicolandrea Riccio il 27/05/2021, 0:17, modificato 1 volta in totale.
Roberto Virdo'
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 362
Iscritto il: 08/06/2020, 11:04

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Virdo' »

Derogo per la seconda volta alla linea che mi sono imposto in questa gara per esprimere una valutazione su questo testo di Nicolandrea Riccio. Credo sia uno dei commenti più difficili con cui mi sia mai cimentato.

Ho avuto modo di leggere brani di questo autore in passato e confesso di subirne un fascino irresistibile. Qualcosa che va oltre la sfera del razionale, toccando corde che non saprei spiegare. La capacità di creare delle immagini è impressionante. Invito a leggere con attenzione il primo paragrafo di questo racconto, il cui incipit resta, per il mio modesto parere, davvero magnifico: "Sul treno diretto ai confini del mondo, Narcissa mi scrutava con i suoi grandi occhi azzurri". Trovo una soffusa poesia, penetrante, antica. Per quanto mi riguarda, irresistibile.

Non si può tuttavia negare che la lettura sia abbastanza complessa. Con pazienza ho annotato nomi ed elementi principali su un foglio, cercando di "allineare" la trama. Del resto il procedere a salti mi sembra una caratteristica peculiare dell'autore, una vera e propria impronta digitale che, gestita con cura, rappresenterà un ulteriore valore aggiunto con la crescente esperienza.

Pur ammettendo di non essere riuscito a ricevere appieno il senso del tutto e restando quindi un che di indefinibile, mi sento di fare i complimenti a Nicolandrea per un'estetica spiccata, per le immagini che vengono dal profondo, per la poesia intrinseca. Vedo una enorme potenzialità che, ribadisco, va ammaestrata pur mantenendone i tratti caratteristici. Io ho dovuto effettuare diverse riletture per cercare di chiudere un cerchio, ma non so quanti avranno la pazienza di farlo. Non vorrei dimenticare di menzionare il titolo, appropriato e scelto con estrema cura.​

In conclusione il mio voto è 4 perché non posso trascurare l'impegno che, con sincera passione, ho voluto metterci nel leggerlo. In prospettiva futura, con l'affinamento e l'esperienza di sviluppo su trama e "salti", diventerà​ un 5 netto. C'è da lavorare ma, secondo me, sulla base di un indubbio talento.​
Avatar utente
Nicolandrea Riccio
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 7
Iscritto il: 26/10/2020, 21:21

Author's data

Re: Gli occhi di neve

Messaggio da leggere da Nicolandrea Riccio »

Rinnovo il mio apprezzamento per la tanta attenzione dedicata al testo.
Stefyp
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 248
Iscritto il: 26/07/2019, 18:48

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Stefyp »

Penso di non aver capito a fondo questo racconto. Non ho capito cosa vuole dirmi soprattutto nella parte finale. Sarà un limite mio, ma non l'ho capito neanche dopo la seconda lettura.
Ho riscontrato qualche problema anche con la punteggiatura: qualche punto a capo in più io l'avrei messo.
Alcune frasi mi sono sembrate un po' forzate: "dopo quello che sembrava essere stato un grande lasso di tempo",
"Dopo la sua dipartita",
rimase a suonare nella sua cameretta insieme a degli zombie (chi sono gli zombie?)
"facevano risaltare occhi di un verde tanto chiaro, che alle volte mi apparivano quasi bianchi, così come i miei lunghi capelli ricci" (anche i capelli ricci appaiono bianchi?).
Questo è ovviamente un parere molto personale perchè, come ho detto altre volte, se tu queste frasi le hai scritte così è perchè a te suonavano bene così come le hai fatte.
Avatar utente
Nicolandrea Riccio
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 7
Iscritto il: 26/10/2020, 21:21

Author's data

Re: Gli occhi di neve

Messaggio da leggere da Nicolandrea Riccio »

La ringrazio per la lettura. Devo dire che non sono un grande amante del senso, non lo ricerco mai con fervore quando scrivo. Qualcuno potrebbe trovarlo, ma moltissimi altri no, neanche in uno dei miei scritti.
Avatar utente
M.perrella
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 45
Iscritto il: 28/03/2020, 19:22

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da M.perrella »

Di certo un modo di narrare fuori dagli schemi, che ha anche un suo pregio nel presentare un evento che ha accomunato vite in un momento creativo. Solo una parentesi descritta come un sogno, con tonalità oscure e rarefatte, appunto come produzioni oniriche che emanano un sentore indefinibile di nostalgia e smarrimento. Sensazioni che lascia addosso questo racconto.
Mi dispiace non poter votare.
Avatar utente
Nicolandrea Riccio
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 7
Iscritto il: 26/10/2020, 21:21

Author's data

Re: Gli occhi di neve

Messaggio da leggere da Nicolandrea Riccio »

Apprezzo moltissimo il suo commento, e mi fa piacere che il mio testo le abbia suscitato le sensazioni che ha descritto. Proprio quelle che ho provato io nel scriverlo.
Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 590
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

in tutta sincerità devo dire di non aver capito il racconto, perlomeno non del tutto.
che crei sensazioni particolari è indubbio, ma non riesco ad annodare i vari lembi che vi ritrovo.
vi sono descrizioni notevoli, ma ne vedo altre prive di significato o, all'apparenza, scollegate dal lla storia.
francamente sono molto indeciso sul voto, che per ora rimando.
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Rispondi

Torna a “Gara di primavera, 2021”


Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 17 - Non è vero ma ci credo

La Gara 17 - Non è vero ma ci credo

(novembre/dicembre 2010, 55 pagine, 1,04 MB)

Autori partecipanti: Stefy71, Cazzaro, Skyla74, Arditoeufemismo, Manuela, Vit, Matteo, Gloria, Roberto Guarnieri, Tania Maffei, Gigliola, Mastronxo, Ser Stefano, Davide Sax, Arianna, Exlex, Dandyx, Titty Terzano, Pia,
A cura di VecchiaZiaPatty.
Scarica questo testo in formato PDF (1,04 MB) - scaricato 519 volte.
oppure in formato EPUB (481,03 KB) (vedi anteprima) - scaricato 190 volte..
Lascia un commento.

La Gara 25 - Dietro la maschera!

La Gara 25 - Dietro la maschera!

(novembre 2011, 84 pagine, 2,22 MB)

Autori partecipanti: Diego Capani, Mastronxo, Ser Stefano, Unanime Uno, Aleeee76, Angela Di Salvo, Tuarag, Stefano di Stasio, Tania Maffei, Cordelia, Licetti, Lodovico, Triptilpazol, Ritavaleria, Maria92, Davide Sax, Cazzaro, Ser Stefano, Nathan,
A cura di Morgana Bart e Tullio Aragona.
Scarica questo testo in formato PDF (2,22 MB) - scaricato 692 volte..
Lascia un commento.

Calendario BraviAutori.it "Writer Factor" 2015 - (in bianco e nero)

Calendario BraviAutori.it "Writer Factor" 2015 - (in bianco e nero)

(edizione 2015, 3,39 MB)

Autori partecipanti: (vedi sopra),
A cura di Tullio Aragona.
Scarica questo testo in formato PDF (3,39 MB) - scaricato 126 volte..





Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


BiciAutori - racconti in bicicletta

BiciAutori - racconti in bicicletta

Trentun paia di gambe hanno pedalato con la loro fantasia per guidarci nel puro piacere di sedersi su una bicicletta ed essere spensierati, felici e amanti della Natura.
A cura di Massimo Baglione.
Copertina e logo di Diego Capani.

Contiene opere di: Alessandro Domenici, Angelo Manarola, Bruno Elpis, Cataldo Balducci, Concita Imperatrice, Cristina Cornelio, Cristoforo De Vivo, Eliseo Palumbo, Enrico Teodorani, Ettore Capitani, Francesco Paolo Catanzaro, Germana Meli (gemadame), Giovanni Bettini, Giuseppe Virnicchi, Graziano Zambarda, Iunio Marcello Clementi, Lodovico Ferrari, Lorenzo Dalle Ave, Lorenzo Pompeo, Patrizia Benetti, Raffaella Ferrari, Rebecca Gamucci, Rosario Di Donato, Salvatore Stefanelli, Sara Gambazza, Sandra Ludovici, Sonia Piras, Stefano Corazzini, Umberto Pasqui, Valerio Franchina, Vivì.
Vedi ANTEPRIMA (1,29 MB scaricato 357 volte).
info e commenti compralo su   amazon


Storie Gotiche, del Terrore e del Mistero

Storie Gotiche, del Terrore e del Mistero

antologia di opere ispirate alla paura dell'ignoto

Nella ricerca di un tema che potesse risultare gradito a più autori, ci è sembrato infine appropriato proporre un'antologia di opere il cui fattor comune fosse il brivido. Un termine per molti versi ingannevole, almeno quanto lo sono certe credenze e immagini che la ragione volutamente ignora, o perfino deride. Eppure, l'ignoto ci aspetta al varco, silenzioso e paziente, per catapultarci nello strapiombo degli incubi o nel vortice di ansie e desideri repressi.
A cura di Roberto Virdo'.

Contiene opere di: Ida Dainese, Francesca Paolucci, Marcello Rizza, Fausto Scatoli, Annamaria Ricco, Francesco Cau, Valentino Poppi, Mario Flammia, Essea, Umberto Pasqui, Enrico Teodorani, Roberto Masini, Maria Perrella, Giacomo Baù, Eliseo Palumbo, Selene Barblan, Stefano Bovi, Ibbor OB, Andrea Teodorani, Simona Geninazza, Lidia Napoli, Mario Malgieri, Michele Silvi, Ida Daneri, Alessandro Mazzi.
Vedi ANTEPRIMA (681,69 KB scaricato 30 volte).
info e commenti compralo su   amazon


L'Animo spaziale

L'Animo spaziale

Tributo alla Space Opera

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
L'Animo Spaziale è un tributo alla space opera. Contiene una raccolta di racconti dell'autore Massimo Baglione, ambientati nella fantascienza spaziale. Un libro dove il concetto di fantascienza è quello classico, ispirato al Maestro Isaac Asimov. La trilogia de "L'Animo Spaziale" (Intrepida, Indomita e Impavida) è una storia ben raccontata con i giusti colpi di scena. Notevole la parentesi psicologica, in Indomita, che svela la complessa natura di Susan, elemento chiave dell'intera vicenda. "Intrepida", inoltre, ha vinto il primo premio nel concorso di letteratura fantascientifica "ApuliaCon 2006" (oggi "Giulio Verne"). I racconti brevi "Mr. Sgrultz", "La bottiglia di Sua Maestà" e "Noi, sorelle!" sono stati definiti dalla critica "piccoli capolavori di fantascienza da annoverare negli annali.
Di Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (1,68 MB scaricato 268 volte).
info e commenti compralo su   amazon