Procol Harum

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'estate 2021.

Sondaggio

Sondaggio concluso il 21/09/2021, 0:00

1 - non mi piace affatto
0
Nessun voto
2 - mi piace pochino
4
22%
3 - si lascia leggere
5
28%
4 - è bello
7
39%
5 - mi piace tantissimo
2
11%
 
Voti totali: 18

Namio Intile
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 330
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Author's data

Procol Harum

Messaggio da leggere da Namio Intile »

leggi documento Spiacente ma, in questo browser, la lettura a voce non funziona.

La luce penetrò nella feritoia della Procol Harum e dilagò all’interno tingendo l’abitacolo di una tonalità opalescente di celeste.
- Dove diavolo siamo finiti?- Domandò Keith Reid preoccupato, e provò a consultare la strumentazione che aveva intorno.
- Raggi Gamma! - Urlò Jezahel mentre le sue dita sottili danzavano sui pannelli del Progrock.
- Voglio sapere ora dove siamo - la incalzò Keith con nervosa insistenza.
- Un orizzonte degli eventi… - mormorò Jethro Tull sconvolto.
Da quando erano state ritrovate, sepolte negli oceani ghiacciati di Fleetwood Mac, microscopica luna di Urano, le sonde ELP, come le Sirene che avevano rapito Nettuno, erano servite agli esseri umani per viaggiare nella galassia,
Nessuno sapeva spiegare come potessero funzionare, però funzionavano. Si attivavano in modo automatico quando i tre sedili erano occupati contemporaneamente, nel modo in cui erano state programmate forse un eone prima dalla razza sconosciuta che le aveva progettate: la PFM.
E non c’era modo di ingannarle, né più né meno che impressioni di settembre, loro partivano quando i tre membri dell’equipaggio avevano preso posto.
I fisici discutevano di brane, di multiversi, di worm holes, di delirium, arzigogolate teorie che erano tentativi di spiegare razionalmente la comunicazione e la coesistenza di diverse dimensioni dello spazio-tempo in un solo tempo e in un solo spazio; ma nessuno poteva con certezza affermare come le sonde ELP si muovessero, né perché.
- Non ci siamo ancora dentro - sussurrò Jezahel, che diventò d’una tonalità più bianca del pallido, e alimentò la speranza dei suoi compagni di viaggio.
- Attiviamo il programma di fuga della capsula di discesa - suggerì Jethro Tull, con la voce d’un flauto dolce, e roteò gli occhi in cerca dell’approvazione dei compagni.
- Se abbandoniamo la nave madre perderemo la sicurezza di ritornare alla base Led Zeppelin - obiettò Jezahel. - E moriremo comunque. -
- Ti sbagli. Le statistiche della Corporazione Clash indicano una piccola percentuale di attivazione del programma di ritorno anche nella capsula di discesa… In caso di imprevisti non pronosticabili le direttive della Corporazione consigliano di abbandonare la nave madre e di rifugiarsi in quella sussidiaria - la contraddisse Jethro Tull, nel disperato tentativo di offrire una percentuale accettabile di rischio ai suoi compagni e a se stesso.
- Quali sono le reali probabilità di tornare se lasciamo la nave madre? - Chiese Keith Reid.
- Due per cento - replicò Jezahel, stordita e confusa.
- E se rimanessimo? -
- Se la nave madre non rientra tra dieci minuti le possibilità di sopravvivenza sono pari a zero. -
Il viaggio delle sonde ELP era imprevedibile nella destinazione oltre che nella durata. Nonostante ciò, nel corso di parecchie decadi, erano partite migliaia di missioni. All’inizio erano andati via i migliori e con le migliori intenzioni, ma col tempo gli equipaggi erano stati selezionati con criteri sempre meno rigorosi.
Infine, trascorso quasi un secolo da quella prima partenza, agli Eroi dei primi viaggi si erano sostituiti dei semplici avventurieri in cerca di ricchezza e fama a qualsiasi costo in un punto qualsiasi della galassia. I rischi per chi partiva erano enormi perché i viaggi potevano terminare nei pressi di una stella trasformatasi in gigante rossa, o in un campo di detriti, o disintegrarsi dentro un corpo celeste qualsiasi. O qualcosa poteva andar storto nella discesa su di un pianeta o in mille e mille altre eventualità. Non era insolito neanche che la nave madre ripartisse troppo presto abbandonando la sonda di discesa e il suo equipaggio. Molti uomini e donne avevano fatto quella fine e una nave fantasma era ritornata a Led Zeppelin vuota. Di contro poteva capitare di riportare sulla Terra inimmaginabili tesori scientifici e tecnologici in modo da risolvere per sempre la situazione economica propria e dei propri discendenti.
Ma mai era capitato di riaffiorare nei pressi di un buco nero.
- Quanto tempo ancora ci rimane? - Keith interrogò Jezahel.
- Cinque minuti, poi l’orizzonte degli eventi ci attrarrà in modo irreversibile e non avremo altra speranza che la discesa nelle sue viscere.-
- Allora aspetteremo l’ultimo istante prima di rifugiarci nella capsula di discesa e di sganciarla dalla nave madre. Ridurremo così i rischi al minimo: forse la razza PFM conosceva già il Buco Nero e la nave tornerà di sicuro indietro all’ultimo momento. Tenetevi pronti! - Ordinò Keith Reid.
La donna si alzò dal suo posto e si arrampicò sulla scaletta che conduceva all’unità gemella.
- Manca un minuto - mormorò Jezahel mentre Jethro Tull prendeva posto accanto a lei. – Ti aspettiamo, Keith. -
- Solo un attimo, finisco di raccogliere questi dati sull’orizzonte degli eventi. Varranno pure qualcosa per qualcuno queste informazioni e noi siamo qui unicamente per il denaro.-
- Il denaro non vale la tua vita - lo supplicò Jezahel.
Il denaro purtroppo è il prezzo della vita di tutti noi, balenò in un lampo a Keith.
E Jezahel aveva appena terminato quella frase quando la nave madre si separò dalla capsula di discesa.
- Keith - urlò Jezahel. - Keith - gridò con quanto fiato aveva in corpo, mentre la capsula sussidiaria con lei dentro veniva catapultata nell’orizzonte degli eventi.
Il consiglio direttivo della Corporazione Clash lo interrogò a lungo. In quasi dieci decadi di viaggi non era mai accaduto che una nave ELP si fermasse nei pressi di un orizzonte degli eventi. E mai era accaduto che la capsula di discesa si separasse automaticamente dalla nave madre e fosse impiegata come una sonda a perdere. Il consiglio pertanto arrivò alla conclusione che se l’equipaggio fosse rimasto all’interno della nave madre si sarebbe salvato ed emanò le opportune linee guida per il futuro. Nessuna colpa venne addebitata all’unico superstite.
Keith Reid tornò alla sua vita che visse agiatamente grazie al copyright sui dati dell’orizzonte degli eventi. Non partecipò ad alcuna altra missione lotteria con le navi ELP. Perché in fondo quelle sonde rappresentavano proprio questo: una lotteria, con la vita come posta e la ricchezza come palio.
Negli anni seguenti gli capitò spesso di riguardare le registrazioni di quel lungo momento, del momento del distacco delle due navi, e sentì mille, centomila, un milione di volte l’urlo di Jezahel che pronunziava il suo nome mentre gli tendeva le braccia in un ultimo infinito abbraccio.
- Babe, I’m gonna leave you – mormorò, mentre un filo di lacrime gli solcavano le gote.
Keith visse a lungo dopo quel viaggio, ma Jezahel sarebbe vissuta in eterno e non sarebbe mai invecchiata.
Sarebbe rimasta là, ai confini dell’orizzonte degli eventi, ad urlare terrorizzata il suo nome, cristallizzata in quell’infinito istante, in quell’addio doloroso che sarebbe durato quanto l’universo stesso.
E quando lui sarebbe morto da secoli, da millenni, da eoni, Jezahel, sua moglie, avrebbe continuato ad amarlo e a maledirlo, ferma in quel medesimo istante lungo quanto l’eternità.
Francesco Pino
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 209
Iscritto il: 09/05/2020, 17:55

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Francesco Pino »

Colpito dal titolo sono andato a leggere immediatamente il racconto. Scopriamo dunque i gusti musicali di Namio Intile tramite un'avventura cosmica piena zeppa di citazioni (Io adoro i Clash e i Led Zeppelin e mi piaciucchiano gli altri citati… I Fletwood Mac me li andro' ad ascoltare invece). Ci sono anche i Delirium, ma da questioni di consonanti immagino che l'autore preferisca la cover in inglese.
Il fatto è che in mezzo a tutta questa musica ho un po' smarrito il senso del racconto… non importa, quando si finisce citando "Babe, I'm gonna leave you" va bene comunque.
Immagine
Marcello Rizza
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 404
Iscritto il: 23/06/2015, 23:54

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Marcello Rizza »

Ascolta Namio. Del tuo racconto non ho capito nulla (una mazza) ma di slancio ti assegno subito un cinque per come mi hai divertito e sorpreso. Per il commento semi serio rimando a quando lo rileggerò (e commenterò) sul PC, che dallo smartphone è faticoso. Questa inaspettata versione di Namio mi sta facendo scompisciare dalle risate. No sense, tributi a gruppi che a suo tempo ho macinato (e sotto le righe ci sono i Gong con la loro teiera volante), ma...sto anticipando troppo. Torno qui. Grazie.
Namio Intile
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 330
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Author's data

Re: Procol Harum

Messaggio da leggere da Namio Intile »

Visto il tenore dei primi due commenti azzardo una interpretazione autentica.
Il racconto c'è e ha una sua logica, con un finale non certo divertente. L'orizzonte degli eventi cristallizza l'abbandono di Jezahel nella capsula di discesa, abbandono il quale letteralmente non ha mai fine. Della serie reato permanente. Quanto ai nomi, anziché scervellarmi per inventarne di fantasia che non dicevano nulla a me e a chi leggeva ho attinto a piene mani dal rock progressive degli anni sessanta settanta, l'unico tentativo di trasformare un genere commerciale come il rock in qualcosa di più complesso.
Una sorta di strampalato omaggio, mi rendo conto, con citazioni di gruppi, di componenti di quei gruppi e di qualche pezzo, come il più bianco del pallido o impressioni di settembre. Ma mi rendo conto di aver troppo preteso da me stesso, non leggo fantascienza da decenni e non ascolto progrock da anni.
Ormai vago solitario tra Bach Albinoni e Corelli, non fatemene una colpa: la fantascienza con nomi italiani non funziona proprio.
Avatar utente
Massimo Baglione
rank (info):
Site Admin
Messaggi: 9382
Iscritto il: 11/04/2007, 12:20
Località: Belluno
Contatta:

Author's data

Re: Procol Harum

Messaggio da leggere da Massimo Baglione »

Namio Intile ha scritto: 24/06/2021, 10:38 la fantascienza con nomi italiani non funziona proprio.
Non sono affatto d'accordo.
Immagine

Immagine <<< io ero nel Club dei Recensori di BraviAutori.it.

Immagine

www.massimobaglione.org
Andr60
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 203
Iscritto il: 15/11/2019, 15:45

Author's data

Re: Procol Harum

Messaggio da leggere da Andr60 »

Massimo Baglione ha scritto: 24/06/2021, 12:29 Non sono affatto d'accordo.
Ah, ma questa è una difesa d'ufficio di NASF! :)
Comunque la sottoscrivo, e aggiungo che i migliori attuali diffusori di s.f. italiani (genere distopico) sono i nostri virologi da circo. Il termine "diffusori" non è casuale.
Avatar utente
Massimo Baglione
rank (info):
Site Admin
Messaggi: 9382
Iscritto il: 11/04/2007, 12:20
Località: Belluno
Contatta:

Author's data

Re: Procol Harum

Messaggio da leggere da Massimo Baglione »

Andr60 ha scritto: 24/06/2021, 13:02 Ah, ma questa è una difesa d'ufficio di NASF! :)
Era d'obbligo 8)
E poi io stesso ne scrivo, quindi è una garanzia :lol:
Immagine

Immagine <<< io ero nel Club dei Recensori di BraviAutori.it.

Immagine

www.massimobaglione.org
Roberto Virdo'
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 428
Iscritto il: 08/06/2020, 11:04

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Virdo' »

Incredibilmente fantasioso, uno spunto geniale, peraltro non fine a sè stesso ma pregno di una malinconia disperata. Contrapposto al sogno per sempre cristallizzato, la promessa del ProgRock, vivrà il tradimento perpetrato da un mondo musicale spietato. Il premio: una generazione per sempre marchiata dal peccato originale, coloro che hanno visto la Terra Promessa senza entrarvi.

Non credo parteciperò più alle gare, ma qui Namio Intile ci ha dato una ulteriore prova del suo nuovo percorso e non ho resistito a esprimere un mio commento. Tentare, azzardare, stupire, con una virata rinasce il nuovo autore costringendoci a riaprire le vecchie, meravigliose pagine. Lo zoccolo duro in cui scorgeremo inevitabilmente il maturo leone in tutta la sua forza, che qui è diventata musica.
Ho cercato di seguire le note di questo testo. Ammetto di non esserne all'altezza e anzi faccio i complimenti sinceri a Marcello Rizza per un riferimento di quella portata. Resto impressionato.

Keith Reid, Jethro Tull e il flauto di Ian Anderson, i Fleetwood Mac, gli ELP, la PFM, i Delirium, i Led Zeppelin, i Clash. E ancora, Jezahel, impressioni di settembre, una tonalità più bianca del pallido, Babe I’m gonna leave you. Sono sicuro peraltro di essermi perso qualcosa, forse siamo ormai "troppo lontani da queste cose" (...)

I riferimenti di astrofisica sono rimarchevoli e appropriati. Una menzione particolare per le brane, di nuovo resto un attimo spiazzato. Menzione lirica per l'orizzonte degli eventi trasformato in un poetico, attuale quanto triste aldilà.

Amiche e amici che dirvi? Può piacere o non piacere, ma con un imprevisto tuffo nel futuro, tra stringhe e buchi neri, l'autore ci ha inchiodato al passato, grazie ai miracoli della relatività musicale. Complimenti siceri, e poi che lo dico a fare: con me Namio ha settato i controlli per il cuore del Sole. Centrato!
Namio Intile
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 330
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Author's data

Re: Procol Harum

Messaggio da leggere da Namio Intile »

Un intervento sofisticato, Roberto. Complimenti. Mi è piaciuto più del racconto, quindi non mi pare il caso che tu annunci il ritiro dalle gare. Partecipa, davvero qui vincere conta poco.
Un grazie di cuore, hai centrato l'obiettivo.
Namio Intile
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 330
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Author's data

Re: Procol Harum

Messaggio da leggere da Namio Intile »

Massimo, quella sulla fantascienza con i nomi italiani che non funziona era solo una battuta.
Ma voglio fare un ragionamento serio sul tema, seppure credo che non sia la prima volta che approccio l'argomento.
Io credo che il genere letterario fantascienza sia in grave difficoltà e i motivi sono a mio avviso sia culturali, filosofici, che antropologici. Tutti ricordiamo Verne, credo, io l'ho letto quando ero bambino e mi ero entusiasmato leggendo del Nautilus o del viaggio sulla Luna, o del giro del mondo in ottanta giorni. Poi Clarke, Asimov, e tanti altri della prima metà del secolo scorso.
La visione del mondo, per chi ha vissuto tra l'ultima metà del XIX secolo e la prima metà del XX, non poteva fare a meno di considerare la scienza un grande alleato per il progresso dell'umanità, anzi l'unico. Le ferrovie, i piroscafi, il telegrafo, l'energia elettrica, le automobili, poi gli aerei, palazzi sempre più alti, città in crescita, i vaccini, la scienza medica che compiva passi da gigante ogni giorno, la natura finalmente avvinta e piegata ai voleri dell'uomo.
Il grande nemico dell'uomo, la natura, vinta grazie alla scienza e alla tecnica.
Permeata da questo sentimento globale di amore per la scienza, che ha investito ogni nazione della Terra, e ogno popolo, una scienza che ha portato evidenti e innegabili vantaggi all'Uomo, nasce la fantascienza come genere letterario.
Io per primo ho sognato nuovi meravigliosi mondi leggendo Clarke o Herbert, Zelazny o Vance o Delany o Simak. Erano sempre nuovi e meravigliosi mondi e il futuro che attendeva l'umanità era quasi sempre radioso.
La scienza ci aveva anche donato la preveggenza, noi potevamo quasi vedere un futuro sempre migliore: città sulla Luna e su Marte, forse le stelle.
Poi qualcosa si è spezzato, ossia il legame che lega la scienza al progresso. Il futuro si è fatto oscuro, torbido, minaccioso, imperscrutabile, e proprio a causa della scienza. L'olocausto nucleare (chi ricorda l'Eternauta?) catastrofi chimiche, batteriologiche, anche l'IT è diventata minacciosa, anzi la vera minaccia, a partire da Dick per poi passare a Gibson e a tanti altri.
La libertà dell'uomo minacciata dall'invasività della tecnologia, un nuovo grande nemico, come la Natura dei nostri avi.
Quindi la scienza trasformata, non più risorsa ma problema, e il genere fantascienza che rimane a mio avviso spiazzato da questo sviluppo, e legato alle sue radici progressiste e deterministe e impossibilitato quindi ad andare avanti, a esaminare in modo critico lo sviluppo diacronico della storia e del futuro che ci attende e delle cause che stanno producendo questo futuro.
La pandemia odierna, se vogliamo, è lo specchio di quanto sta accadendo da decenni.
Gli Stati Uniti che accusano la Cina di aver fatto uscire il virus dai loro laboratori di Wuhan(vi ricordate le armi di distruzione di massa di Saddam Hussein?) e la Cina che accusa gli Stati Uniti di una fuoriscita di materiale batteriologico da una base della Virginia che poi ha infettato il mondo.
Sia come sia, non credo né all'uno né all'altro, e il virus può benissimo essersi sviluppato per vie naturali, ma a causa della crescente occupazione e trasformazione di suolo e alla capacità di spostamento quasi illimitata di merci e persone.
Sia come sia entrambe le parti tacitamente ammettono di lavorare alla costruzione di armi batteriologiche, come di armi nucleari e così via.
Sia da una parte che dall'altra nessun senso etico, nessuna misura, il loro agire è solo il frutto avvelenato di un apparato tecnico scientifico che ha come unico scopo quello di ampliare a dismisura la propria potenza, con la distruzione dell'umanità come mera appendice, puro accidente di percorso.
Se l'olocausto era nucleare ai tempi della guerra con l'Unione Sovietica (vi ricordate Chernobyl? L'Europa è stata a un passo dalla catastofe, evitata grazie a migliaia di poveri soldati mandati a morire sulle macerie del reattore) oggi è batteriologico.
È questa la vera essenza della scienza, il proprio illimitato accrescimento seguendo il motto che tutto ciò che può essere immaginato deve esser prodotto.
Mi si obietterà che i vaccini sono frutto della scienza. È vero, mi sono vaccinato anch'io e grazie alla scienza il disastro sarà evitato, questa è la narrazione corrente.
Ma a quali e quante libertà abbiamo dovuto rinunciare per far fronte a questo pericolo comunque prodotto dalla scienza?
A molte, lo sapete tutti voi, e non sappiamo quante e in che modo ci verranno restituite, se dimezzate, sterilizzate o svanite del tutto.
Fatto questo inciso torno alla fantascienza. A mio avviso il genere ignora del tutto il problema di come si sia evoluta la scienza e attribuisce al cattivo uso della scienza da parte dell'uomo ogni difficoltà, ogni contraddizione. Esistono uomini buoni e uomini cattivi, ma la scienza è neutrale. Un'arma nucleare non fa male a nessuno se non viene adoperata. Come un reattore nucleare. È solo l'uomo, con la sua avidità e cattiveria che provocano danni.
Ma questo non è sempre vero.
La scienza non è neutrale, un'arma nucleare per il solo fatto di esistere costituisce un pericolo, influenza le nostre vite, ci condiziona (la storia umana negli anni della Guerra Fredda lo dimostra) come un reattore nucleare. Fukushima insegna. Sono gli uomini che governano la Terra o è l'apparato tecnico scientifico che mira al proprio autoaccrescimento che lo fa?
Di questi interrogativi sarebbe bene che la fantascienza ne prendesse atto se non vuole rimanere in quel ruolo ancillare nei confronti della scienza qual è stato fin dalla sua nascita.
Avatar utente
Massimo Baglione
rank (info):
Site Admin
Messaggi: 9382
Iscritto il: 11/04/2007, 12:20
Località: Belluno
Contatta:

Author's data

Re: Procol Harum

Messaggio da leggere da Massimo Baglione »

Di Fantascienza ne ho letta di tutti i tipi, di tanti autori e di vario livello contenutistico. Sebbene ora non riesca a citare nomi, cognomi e titoli, di tutto ciò che tu hai inciso qui sopra ne ho letto più volte, specialmente da autori praticamente sconosciuti.
Di certo nessuno può davvero dire di aver letto tutto di un genere, quindi probabilmente ciò che auspichi esiste già su carta e deve solo passare sotto la tua attenzione.
Immagine

Immagine <<< io ero nel Club dei Recensori di BraviAutori.it.

Immagine

www.massimobaglione.org
Andr60
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 203
Iscritto il: 15/11/2019, 15:45

Author's data

Re: Procol Harum

Messaggio da leggere da Andr60 »

Namio Intile ha scritto: 25/06/2021, 11:04 Massimo, quella sulla fantascienza con i nomi italiani che non funziona era solo una battuta.
Ma voglio fare un ragionamento serio sul tema, seppure credo che non sia la prima volta che approccio l'argomento.
Io credo che il genere letterario fantascienza sia in grave difficoltà e i motivi sono a mio avviso sia culturali, filosofici, che antropologici. Tutti ricordiamo Verne, credo, io l'ho letto quando ero bambino e mi ero entusiasmato leggendo del Nautilus o del viaggio sulla Luna, o del giro del mondo in ottanta giorni. Poi Clarke, Asimov, e tanti altri della prima metà del secolo scorso.
La visione del mondo, per chi ha vissuto tra l'ultima metà del XIX secolo e la prima metà del XX, non poteva fare a meno di considerare la scienza un grande alleato per il progresso dell'umanità, anzi l'unico. Le ferrovie, i piroscafi, il telegrafo, l'energia elettrica, le automobili, poi gli aerei, palazzi sempre più alti, città in crescita, i vaccini, la scienza medica che compiva passi da gigante ogni giorno, la natura finalmente avvinta e piegata ai voleri dell'uomo.
Il grande nemico dell'uomo, la natura, vinta grazie alla scienza e alla tecnica.
Permeata da questo sentimento globale di amore per la scienza, che ha investito ogni nazione della Terra, e ogno popolo, una scienza che ha portato evidenti e innegabili vantaggi all'Uomo, nasce la fantascienza come genere letterario.
Io per primo ho sognato nuovi meravigliosi mondi leggendo Clarke o Herbert, Zelazny o Vance o Delany o Simak. Erano sempre nuovi e meravigliosi mondi e il futuro che attendeva l'umanità era quasi sempre radioso.
La scienza ci aveva anche donato la preveggenza, noi potevamo quasi vedere un futuro sempre migliore: città sulla Luna e su Marte, forse le stelle.
Poi qualcosa si è spezzato, ossia il legame che lega la scienza al progresso. Il futuro si è fatto oscuro, torbido, minaccioso, imperscrutabile, e proprio a causa della scienza. L'olocausto nucleare (chi ricorda l'Eternauta?) catastrofi chimiche, batteriologiche, anche l'IT è diventata minacciosa, anzi la vera minaccia, a partire da Dick per poi passare a Gibson e a tanti altri.
La libertà dell'uomo minacciata dall'invasività della tecnologia, un nuovo grande nemico, come la Natura dei nostri avi.
Quindi la scienza trasformata, non più risorsa ma problema, e il genere fantascienza che rimane a mio avviso spiazzato da questo sviluppo, e legato alle sue radici progressiste e deterministe e impossibilitato quindi ad andare avanti, a esaminare in modo critico lo sviluppo diacronico della storia e del futuro che ci attende e delle cause che stanno producendo questo futuro.
La pandemia odierna, se vogliamo, è lo specchio di quanto sta accadendo da decenni.
Gli Stati Uniti che accusano la Cina di aver fatto uscire il virus dai loro laboratori di Wuhan(vi ricordate le armi di distruzione di massa di Saddam Hussein?) e la Cina che accusa gli Stati Uniti di una fuoriscita di materiale batteriologico da una base della Virginia che poi ha infettato il mondo.
Sia come sia, non credo né all'uno né all'altro, e il virus può benissimo essersi sviluppato per vie naturali, ma a causa della crescente occupazione e trasformazione di suolo e alla capacità di spostamento quasi illimitata di merci e persone.
Sia come sia entrambe le parti tacitamente ammettono di lavorare alla costruzione di armi batteriologiche, come di armi nucleari e così via.
Sia da una parte che dall'altra nessun senso etico, nessuna misura, il loro agire è solo il frutto avvelenato di un apparato tecnico scientifico che ha come unico scopo quello di ampliare a dismisura la propria potenza, con la distruzione dell'umanità come mera appendice, puro accidente di percorso.
Se l'olocausto era nucleare ai tempi della guerra con l'Unione Sovietica (vi ricordate Chernobyl? L'Europa è stata a un passo dalla catastofe, evitata grazie a migliaia di poveri soldati mandati a morire sulle macerie del reattore) oggi è batteriologico.
È questa la vera essenza della scienza, il proprio illimitato accrescimento seguendo il motto che tutto ciò che può essere immaginato deve esser prodotto.
Mi si obietterà che i vaccini sono frutto della scienza. È vero, mi sono vaccinato anch'io e grazie alla scienza il disastro sarà evitato, questa è la narrazione corrente.
Ma a quali e quante libertà abbiamo dovuto rinunciare per far fronte a questo pericolo comunque prodotto dalla scienza?
A molte, lo sapete tutti voi, e non sappiamo quante e in che modo ci verranno restituite, se dimezzate, sterilizzate o svanite del tutto.
Fatto questo inciso torno alla fantascienza. A mio avviso il genere ignora del tutto il problema di come si sia evoluta la scienza e attribuisce al cattivo uso della scienza da parte dell'uomo ogni difficoltà, ogni contraddizione. Esistono uomini buoni e uomini cattivi, ma la scienza è neutrale. Un'arma nucleare non fa male a nessuno se non viene adoperata. Come un reattore nucleare. È solo l'uomo, con la sua avidità e cattiveria che provocano danni.
Ma questo non è sempre vero.
La scienza non è neutrale, un'arma nucleare per il solo fatto di esistere costituisce un pericolo, influenza le nostre vite, ci condiziona (la storia umana negli anni della Guerra Fredda lo dimostra) come un reattore nucleare. Fukushima insegna. Sono gli uomini che governano la Terra o è l'apparato tecnico scientifico che mira al proprio autoaccrescimento che lo fa?
Di questi interrogativi sarebbe bene che la fantascienza ne prendesse atto se non vuole rimanere in quel ruolo ancillare nei confronti della scienza qual è stato fin dalla sua nascita.
Concordo con quanto risposto da Massimo più sotto, sul fatto che altri autori più recenti si occupano di questo aspetto, venuto fuori con prepotenza negli ultimi 20 anni. Per combinazione, col trionfo del liberismo economico: la presunta "neutralità" della scienza ormai suona come una barzelletta, tra indici di Borsa e conflitti d'interesse miliardari, dai quali gli "scienziati" (altra grassa risata: Burioni è uno scienziato, secondo voi?) non sono certo immuni.
Il vero problema della s.f. odierna (specie di quella distopica) è come fare a scrivere un romanzo sull'argomento, che sia interessante e credibile, quando la realtà è molto più distopica dell'immaginazione?
Selene Barblan
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 619
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Non posso dire di aver davvero capito tutto; come quando mi è stata spiegata la teoria delle stringhe o la teoria quantistica, sul momento mi pare di comprendere, di afferrare almeno il senso generale, poi mi perdo un po’ via. Sono ormai rassegnata, so di avere dei limiti seri… comunque l’ho letto tre volte e la trama è ben comprensibile seppur non immediata, la musica che lampeggia un po’ dappertutto nella storia è come un enigma da risolvere, stimolante.
L’immagine finale mi ha fatto ricordare uno dei film di Superman, se non sbaglio, dove, credo, uno dei cattivi (?) viene intrappolato in una sorta di vetro bidimensionale e scaraventato per l’eternità. Non c’è immagine, ai miei occhi, più terribile. Neanche la prospettiva di liberazione grazie alla morte… .
Ti segnalo una virgola al posto del punto che ti deve essere sfuggita dopo “galassia”.

Riguardo il voto: sono un po’ in difficoltà. A livello oggettivo penso sia un ottimo racconto. Sei una garanzia di scrittura eccellente e anche in termini di originalità e di ricercatezza il livello è sempre molto alto.
Come impatto emotivo e piacere di lettura devo dire che ho preferito altri tuoi racconti.
Facendo una somma e calcolando che il finale mi ha comunque smosso qualcosa dentro mi sono decisa per un 5.
Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 636
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

bella storia di fantascienza che mi riporta a due romanzi: La porta dell'infinito (premio Nebula) e il suo seguito Oltre l'orizzonte azzurro. Autore Frederik Pohl.
trovo parecchie similitudini con questa storia, gradevole e di pregevole fattura, che riporta alla luce i nomi di tanti personaggi musicali che ho apprezzato a suo tempo.
ben scritto, scorrevole ed emblematico.
ottimo lavoro, come sempre.
p.s. concordo con Massimo Baglione, anche i nomi italiani possono stare in fs.
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Macrelli Piero
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 71
Iscritto il: 24/02/2020, 15:22

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Macrelli Piero »

Amo le citazioni, anche quando sono tante e formano l'ossatura del racconto stesso, se poi le citazioni sono musicali allora godo veramente tanto a riconoscerle e, quando non le riconosco, ad andarle a verificare. E poi aggiungiamo l'ingrediente fantascienza e il piatto è servito. Bello.
Avatar utente
Eleonora2
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 40
Iscritto il: 04/07/2021, 19:23

Author's data

Commento Procol Harum

Messaggio da leggere da Eleonora2 »

Commento
La Fantascienza non è tra i miei generi preferiti. Quando vedo Fantascienza cerco qualcos'altro. Torniamo al testo. Il racconto è corretto, scritto in bella forma, i dialoghi al posto giusto danno un bel ritmo, lo scritto ben fatto, di qualità, il finale, anche se si intuisce, chiude il cerchio. I riferimenti musicali poi sono più di un nome (vedi titolo). Proprio per questo, mi aspetto altro. Il testo non mi ha lasciato niente. Su questo, credo, dovrai lavorare: sul trasmettere, sull'empatia con almeno uno dei personaggi. Ho dato un 3 per la forma. Hai detto di affrontare un cambio di rotta, nella scrittura, o ho capito male ? A presto. Buona domenica.
Ultima modifica di Eleonora2 il 24/07/2021, 19:41, modificato 1 volta in totale.
Temistocle
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 33
Iscritto il: 03/07/2021, 8:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Temistocle »

Ho provato a leggere il racconto senza badare a tutti i nomi e i riferimenti musicali (ma forse erano indispensabili alla narrazione?) e mi è piaciuto comunque. Forse leggere quei nomi è stato anche un po' disturbante ai fini della lettura, perché il cervello andava subito alla musica. Ma è un parere ultra personale. Racconto non eccelso ma bello, per questo ho dato 4. Mi è piaciuta la sinteticità temporale, cioé l'andare subito alla conclusione, che è stata un fulmine a ciel sereno. Sicuramente è un'idea interessante che magari meriterebbe qualche pagina in più.
Alberto Marcolli
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 49
Iscritto il: 08/05/2018, 18:06

Author's data

Commento a Procol Harum

Messaggio da leggere da Alberto Marcolli »

Vista l'abbondanza di commenti molto approfonditi, mi limito a qualche segnalazione, necessariamente limitata alle prime pagine:
Frase agli inizi del racconto:
“Da quando erano state ritrovate, sepolte negli oceani ghiacciati di Fleetwood Mac, microscopica luna di Urano, le sonde ELP, come le Sirene che avevano rapito Nettuno, erano servite agli esseri umani per viaggiare nella galassia.”

D’accordo che nella fantascienza tutto può accadere, ma se queste sonde erano “sepolte” in un oceano ghiacciato e, in quanto a tecnologia spaziale, gli umani erano ancora a livello “primitivo”, ovvero quello odierno, almeno spiegare come siano riusciti a disseppellirle sotto kilometri di ghiaccio non al nostro polo sud, ma su una microscopica luna di Urano, sarebbe dovuto.

Frase successiva:
“Si attivavano in modo automatico quando i tre sedili erano occupati contemporaneamente, nel modo in cui erano state programmate forse un eone prima dalla razza sconosciuta che le aveva progettate: la PFM.”

Non capisco bene. Da dizionario un eone sarebbe un intermediario fra Dio e il mondo. Non so se esprime correttamente ciò si intende dire, ma secondo me la frase sarebbe più chiara così:
erano state progettate e programmate forse da un eone prima della razza sconosciuta che le aveva poi utilizzate: la PFM.”

Oppure
erano state programmate forse da un eone, prima della razza sconosciuta che le aveva progettate: la PFM.”

Frase successiva:
“nel corso di parecchie decadi, erano partite migliaia di missioni”
Caspita! Ma quante erano queste sonde ritrovate su questa microscopica luna di Urano? Oppure gli umani avevano imparato a costruirle da soli?

L’idea di citare i nomi dei complessi musicali degli anni 60/70 a me sembra molto originale, ma non sono un lettore accanito di fantascienza
Andr60
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 203
Iscritto il: 15/11/2019, 15:45

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Andr60 »

Caro Namio, mi hai riportato alla musica dell'adolescenza (e solo per questo, meriteresti un plauso); il racconto solleva alcuni interrogativi (già evidenziati) ma l'epilogo, in bilico fra il dramma e la poesia, è magnifico: la spaghettificazione di Jezahel è un'immagine potente.
Laura Traverso
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 519
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

Un Namio insolito con questo racconto scritto molto bene, ma non c'è da stupirsi. Per quanto riguarda il genere... non è proprio il mio genere. Non sono molto portata per la fantascienza anche se apprezzo la conoscenza necessaria per avventurarsi sui descritti altri lidi. Mi è piaciuta, soprattutto, la parte finale che ho trovato tenera e struggente. I nomi dei personaggi, anche se immagino fossero necessari al contesto, mi hanno reso un po' pesante la lettura, ma come già detto, probabilmente perché l' argomento non mi cattura.
Synbios
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 15
Iscritto il: 09/07/2021, 14:47

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Synbios »

Il racconto è interessante e su alcuni punti anche diverso dal solito. L'unico neo è forse la confusione. Ho dovuto rileggere varie volte la parte finale per capirmi, cosa che mi ha un po' infastidito. Superato però questo scoglio si è fatto apprezzare.
Lucia De Falco
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 191
Iscritto il: 08/03/2020, 14:37

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Lucia De Falco »

Innanzitutto complimenti per la tua versatilità. Anch'io non preferisco questo genere e mi sono piaciuti di più altri tuoi racconti, forse perché ho trovato un po' faticosa la lettura nella parte iniziale. Mi ha colpito molto la parte finale, che ha dato risalto al resto del racconto. Il potere economico che mette tutto in secondo piano, anche la vita della propria moglie: credo sia un tema sotteso dietro l'apparente ironia del finale.
Stefyp
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 289
Iscritto il: 26/07/2019, 18:48

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Stefyp »

Il racconto è scritto molto bene, ma visto chi ne è l'autore non c'è da stupirsi. Io non amo la fantascienza e non conosco quel genere di musica, quindi l'insieme non ha giocato a favore di questo racconto. Ho dovuto rileggerlo per raccapezzarmi e non sono sicura di esserci riuscita.
La parte che apprezzo di più è senza dubbio il finale.
Avatar utente
Ishramit
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 64
Iscritto il: 28/02/2021, 11:29
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Ishramit »

Il racconto sul finale è toccante, potente, ma sento di non avere i requisiti per valutarlo davvero. Il punto è che se già di fantascienza capisco poco, di questo genere musicale molto meno. Non riesco a cogliere le citazioni se non per l'impressione del "sentito dire" che senz'altro non è abbastanza, e dagli altri commenti mi sono accorto che alcune espressioni nei dialoghi che mi facevano storcere il naso sono probabilmente proprio citazioni che in tal caso avrebbero senso. Sento di non poter esprimere un voto con cognizione di causa in questo caso.
Avatar utente
MattyManf
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 148
Iscritto il: 07/11/2020, 15:35
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da MattyManf »

Condire un racconto fantascientifico di citazioni rock è un idea che sulle prime mi ha messo qualcje dubbio... Ma funziona! Tutti i termini si prestano bene e anche leggendolo da profani (cosa che non sono) tutto risulta credibile e ben accomodato nel contesto futuristico.
Che dire, mi hai fatto ricordare unnsacco di splendidi brani e grandissimi artisti (i miei preferiti ci sono quasi tutti!)
Buona anche la descrizione del Buco Nero.

Unica pecca del racconto? Ad un certo punto nella parte centrale mo sono un po'perso.

Per il resto, complimenti!
Errepi60
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 32
Iscritto il: 07/02/2020, 8:53

Author's data

Commento: Procol Harum

Messaggio da leggere da Errepi60 »

La cultura del rock è evidente e i personaggi sono molteplici, tuttavia mi sono un pò perso andando avanti nella lettura.
RobertoBecattini
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 34
Iscritto il: 25/11/2018, 0:46

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da RobertoBecattini »

Gli ho dato un bel 4, perché la metafora è fin troppo chiara in realtà, ed è un'idea (anzi forse sono due) niente male. Poi è sci-fi, ed essendo cultore della materia, non poteva non piacermi. I difetti? Occorre una cultura musicale sugli anni 70 e il prog sopra la media soprattutto per chi non ha vissuto quegli anni, per apprezzare fino in fondo il racconto. Tutti quei nomi mi hanno distratto dalla lettura, e per esempio non ho capito se Jethro Tull ha un ruolo negativo, cosa che non meriterebbe tutto sommato. Non ho capito se i nomi sono stati scelti alla fine un po' caso o no. Per esempio i Clash davvero sono stati qualcosa di assai diverso dagli altri nomi citati.
RobediKarta
Rispondi

Torna a “Gara d'estate, 2021”



Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Fungo più, fungo meno...

Fungo più, fungo meno...

Nessuno li ha mai raccontati in maniera avvincente.

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
Cosa può accadere se una élite di persone geneticamente Migliore si accorge di non essere così perfetta come crede?
Una breve storia di Fantascienza scritta da Carlo Celenza, Ida Dainese, Lodovico Ferrari, Massimo Baglione e Tullio Aragona.
Vedi ANTEPRIMA (1,11 MB scaricato 73 volte).
info e commenti compralo su   amazon


Dieci

Dieci

antologia di opere ispirate dal numero dieci, in omaggio al decimo compleanno dell'associazione culturale BraviAutori.it

Non amiamo l'auto-celebrazione, tuttavia ci è piaciuto festeggiare il nostro decimo compleanno invitando gli autori a partecipare alla composizione di un'antologia di opere di genere libero che avessero come traccia il numero 10. Ventidue autori hanno accettato l'invito e ciò che ci hanno regalato è stato confezionato in queste pagine.
Con la presente antologia abbiamo voluto ringraziare tutti i collaboratori, gli autori e i visitatori che hanno contribuito a rendere BraviAutori.it ciò che è oggi, e che continuerà a essere finché potrà.
A cura di Massimo Baglione.
Copertina di Giuseppe Gallato.

Contiene opere di: Ferruccio Frontini, Giuseppe Gallato, Mirta D, Salvatore Stefanelli, Gabriella Pison, Alberto Tivoli, Massimo Tivoli, Francesca Gabriel, Francesca Santucci, Enrico Teodorani, Gabriele Ludovici, Martina Del Negro, Alessandro Borghesi, Cristina Giuntini, Umberto Pasqui, Marezia Ori, Fausto Scatoli, Arcangelo Galante, Giorgio Leone, Fabio Maltese, Selene Barblan, Marco Bertoli.
Vedi ANTEPRIMA (869,97 KB scaricato 86 volte).
info e commenti compralo su   amazon


Scene da coronavirus

Scene da coronavirus

antologia di racconti, testi teatrali brevi e sceneggiature di cortometraggi di carattere umoristico e satirico che raccontano la permanenza in casa legata alla pandemia del Covid-19

A cura di Lorenzo Pompeo e Marco Belocchi.

Contiene opere di: Eliana Farotto, Stefano D'Angelo, Lidia Napoli, Alessandro Mazzi, Enrico Arlandini, Ida Dainese, Gabriella Pison, Gerardo Porciani, Mariana Ugrica, Lorenzo Pompeo.
Vedi ANTEPRIMA (1,03 MB scaricato 28 volte).
info e commenti compralo su   amazon





Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


Gara d'estate 2020 - Anniversari, e gli altri racconti

Gara d'estate 2020 - Anniversari, e gli altri racconti

(estate 2020, 45 pagine, 516,87 KB)

Autori partecipanti: Andrepoz, Mariovaldo, Namio Intile, Selene Barblan, Roberto, Roberto Virdo', Lodovico, Carol Bi, Fausto Scatoli, Laura Traverso,
a cura di Massimo Baglione.
Scarica questo testo in formato PDF (516,87 KB) - scaricato 28 volte.
oppure in formato EPUB (389,76 KB) (vedi anteprima) - scaricato 16 volte..
Lascia un commento.

La Gara 15 - Risorse a piccoli sorsi

La Gara 15 - Risorse a piccoli sorsi

(luglio/agosto 2010, 60 pagine, 845,46 KB)

Autori partecipanti: Cmt, Gloria, Arianna, SerStefano, Arditoeufemismo, hellies15, Giacomo Scotti, Carlocelenza, Vit, Manuela, Daniela F, Vecchiaziapatty, pieromacrelli, Gigliola, Biancaspina, Titty Terzano, Michele,
A cura di Mastronxo.
Scarica questo testo in formato PDF (845,46 KB) - scaricato 417 volte.
oppure in formato EPUB (487,29 KB) (vedi anteprima) - scaricato 224 volte..
Lascia un commento.

La Gara 26 - Sulle note di una canzone

La Gara 26 - Sulle note di una canzone

(dicembre 2011, 69 pagine, 438,74 KB)

Autori partecipanti: Cazzaro, Kutaki Arikumo, Arditoeufemismo, Ser Stefano, Mariadele, Triptilpazol, Judith_Star, StillederNacht, Jane90, Unanime Uno, Maria92, Nathan, Lodovico, Tania Maffei, Cordelia, Ritavaleria, Tuarag, Manuela, Diego Capani, Lucia Manna,
A cura di Nathan.
Scarica questo testo in formato PDF (438,74 KB) - scaricato 698 volte.
oppure in formato EPUB (233,50 KB) (vedi anteprima) - scaricato 219 volte..
Lascia un commento.