Io c'ho 'l scooter

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'estate 2021.

Sondaggio

Sondaggio concluso il 21/09/2021, 0:00

1 - non mi piace affatto
0
Nessun voto
2 - mi piace pochino
6
40%
3 - si lascia leggere
9
60%
4 - è bello
0
Nessun voto
5 - mi piace tantissimo
0
Nessun voto
 
Voti totali: 15

Errepi60
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 32
Iscritto il: 07/02/2020, 8:53

Author's data

Io c'ho 'l scooter

Messaggio da leggere da Errepi60 »

leggi documento Spiacente ma, in questo browser, la lettura a voce non funziona.

Breve nota. Mi sono laureato in Farmacia decenni fa. Nel lavoro mi sono ritrovato sempre ad avere come capo e colleghi dei laureati in chimica, mi hanno fatto sempre sentire come una simpatica pecora nera, da cui quanto segue.


Sono sempre stato un possessore di scooter, un po' per esigenza ed un po' per scelta. Quando acquistai il primo credetti di aver fatto un buon affare, non ottimo ma buono. Non era una moto e non mi importava, desideravo un mezzo a due ruote dotato di motore, per muovermi in libertà.
In quel periodo, dove vivevo, solo pochi avevano la moto poiché non c'erano concessionari nella mia città e neppure in quelle vicine e poi costava di più, molto di più.
Giudicavo il mio scooter come un ottimo mezzo e avevo imparato a guidarlo bene, almeno a detta di coloro che erano venuti in strada con me, che fossero scooteristi o motociclisti, anche se questi ultimi mi dicevano spesso: - tu hai un buon mezzo, guidi bene e sei di buona compagnia, ma, ma… ma non è una moto."-
A volte pensavo, senza mai esprimerlo chiaramente, che se uno ha lo scooter magari di buona cilindrata e lo sa guidare, forse può fare più strada e magari anche in meno tempo di uno che ha una moto, ma erano mie considerazioni, di fatto era vero, io non guidavo una moto. Ero un motociclista acquisito, non puro.
Poco dopo aver acquistato il mio scooter mi ritrovai a fare delle uscite con un gruppo di dueruotisti della mia zona. Il capogruppo era un tipo piuttosto strano; non era troppo simpatico, aveva una grossa Harley e la guidava davvero bene. Quando affrontava una curva piegava e piegava ancora finché le pedane scintillavano al contatto con l'asfalto ma lui non perdeva mai il controllo del mezzo. Il rombo cupo e potente della sua moto sembravano descriverlo minuziosamente ancor prima di vederlo.
Dopo qualche uscita insieme mi fece capire che veniva volentieri con me; ero un pochino lento ma si trovava bene. Pensava fossi divertente, ma era stato subito chiaro: - dove andiamo lo decido io perché sono più anziano, conosco meglio le strade e poi perchè tu hai uno scooter e starai sempre in fondo al gruppo. -
Nonostante io fossi abbastanza orgoglioso del mio bicilindrico accettai lo stato di motociclista di serie B. A quel tempo la cosa più importante era far parte di un gruppo che uscisse ogni settimana, per poter vedere posti nuovi e strade nuove e quel 'capo' era duro ma gli piaceva insegnare ai giovani. Leggendo una cartina sapeva sempre quale tragitto scegliere per trovare poco traffico e strade panoramiche e io ero felice di poter guidare in sua compagnia.
Nel tempo si unirono a noi altri personaggi, tutti con la moto e io, invariabilmente, chiudevo la colonna. Alcuni di coloro che avevano le moto guidavano male, rallentavano eccessivamente a centro curva, non conoscevano bene neppure la segnaletica stradale, ma tant'è io ero sempre quello che chiudeva la fila e che alle volte doveva fare strane manovre per evitare di tamponare quei guidatori incapaci, che tuttavia erano considerati migliori di me perchè guidavano la moto.
Però quando quei personaggi divennero troppi, Il gruppo, pian piano si trovò in disaccordo. Troppi guidatori improvvisati che con moto performanti pensavano di meritarsi le prime file.
Giusto per dire la mia, non puoi essere il leader di un gruppo di dueruotisti e per principio fare stare in testa coloro che guidano le moto, perché se i guidatori non sono capaci, si mette a rischio l'incolumità dell'intero gruppo. Accettavo che i motociclisti mi stessero davanti, ma qualcuno di loro proprio non poteva, che guidasse la moto o meno. Uno di loro, che pretendeva di stare nelle prime posizioni, quando ci fermavamo a fare benzina, solo per estrarre la pistola e inserirla nel serbatoio impiegava lo stesso tempo che tutto il resto del gruppo impiegava per fermarsi, fare rifornimento e ripartire. Era difficile, ogni volta, dover aspettare quell'incapace e poi dover guidare dietro a lui, rischiando ad ogni curva di investirlo a causa del suo stile di guida. Così, avendo lo scooter e dovendo stare sempre dietro a tutti, decisi di cercare altri compagni di uscite.
Alla fine, dopo qualche tempo trovai una nuova squadra. In realtà, all'inizio, era formato da una sola persona, un motociclista con decine di migliaia di chilometri alle spalle e con una grossa1200 da enduro con la quale girava l'Italia in lungo e in largo. Era stato anche nel Nord Europa e in Spagna, aveva un curriculum di viaggiatore di tutto rispetto. Si era trasferito da poco nella mia zona e cercava di formare un nuovo gruppo.
Quando mi accettò mi disse che di fatto c'era un altro motociclista, con una moto piccola ma che guidava molto bene e quindi che presto si sarebbe unito al gruppo. Nonostante mostrasse un certo interesse per il mio arrivo, ci tenne a puntualizzare, immediatamente: - però ricorda che guidando uno scooter starai nelle posizioni di retroguardia. -
Non mi ci volle molto a capire il senso, leader nuovo frase vecchia. Non importa che scooter hai o come e se lo sai guidare, se viaggi con chi ha la moto tu rimani sempre quello con lo scooter.
Nel nuovo gruppo mi trovai fin da subito molto bene. In effetti eravamo spesso in tre e con le stesse idee, gli itinerari erano graditi a tutti in ugual misura e ogni domenica uscivamo insieme e insieme tornavamo a casa la sera felici della giornata trascorsa a guidare i nostri mezzi. Alle volte, quando l'itinerario ci portava verso Ovest, incontravamo altri motociclisti, tutti toscani, tutti con la moto; chi di grossa cilindrata, chi meno ma andavamo d'accordo, io chiudevo sempre il gruppo ma ero contento. Sotto la guida del capo viaggiavamo insieme, lui sapeva come fare: teneva un'andatura che mi si addiceva molto e il gruppetto viaggiava compatto e ravvicinato, tanto che spesso potevamo indicare l'un l'altro una vista particolare solo allungando un braccio in quella direzione. Eravamo un gruppo unito e a pranzo mangiavamo sempre assieme.

Nel corso degli anni il gruppo cambiò; arrivarono nuove persone, tutte con la moto, dopotutto quello era un motoclub non uno scooterclub, ma io venivo ancora accettato con simpatia. Essendo uno scooterista, ero considerato un amante delle due ruote a corto raggio. L'idea era che, avendo uno scooter, non potessi coprire grandi distanze in tempi relativamente brevi, per questo motivo non potevo aspirare a niente di più che viaggiare in coda. Sapevo che in altri motoclub scooteristi con mezzi di cilindrata inferiore al mio, erano invitati a fare viaggi internazionali e qualcuno di loro, addirittura guidare il gruppo di cui facevano parte ma quello non era contemplato nello statuto del mio motoclub. Nonostante ciò ero felice lo stesso, quindi pur viaggiando sempre in ultima posizione ero contento così. Nessuno mi aveva mai promesso che avrei viaggiato in testa o che avrei deciso io dove andare.
Tutti i nuovi adepti del nostro motoclub, di fatto avevano la moto, alcuni di loro di piccola o piccolissima cilindrata, altri che non conoscevano né le strade né sapevano guidare, ma come nel mio primo motoclub io venivo dopo di loro perché… io c'avev 'l scooter.

Trascorsi alcuni anni il vecchio capo abdicò in favore del suo secondo e lì iniziarono i problemi. Il nuovo leader guidava bene e all'inizio aveva mantenuto le stesse gerarchie nonostante, spesso, avesse criticato alcuni componenti. C'era quello che affrontava qualsiasi curva ad una velocità ridotta, c'era quello che frenava troppo presto per non parlare di uno degli ultimi, questa volta non io, che spesso, negli incroci, senza ascoltare nessuno, prendeva la strada sbagliata e bisognava perdere un sacco di tempo per farlo tornare in gruppo. Io, come ultimo della fila, ero spesso 'accusato' di non tenerlo abbastanza d'occhio, vista la giovane età di quel motociclista, ma dovetti ribattere che, nonostante in certi incroci mettessi la freccia ben prima del momento, lui, comunque prendeva un'altra via.

Nel determinare le posizioni dei vari dueruotisti, dietro il capo nuovo erano stati 'sistemati' due pilotini rampanti con due 750 cc. Le due moto erano della stessa marca e modello, solo pochi mesi e pochi chilometri le differenziavano una dall'altra, ma la vera differenza era nei due guidatori. Il primo aveva una guida tutta on-off, un'accelerata e una frenata, il movimento che ne derivava era un beccheggio continuo che sembrava rendere il mantenimento della traiettoria piuttosto difficile, ma il motociclista aveva il merito di mantenerla sempre nella giusta traiettoria.
Il secondo era davvero un gran pilota, spesso si distraeva e si ritrovava quasi al mio fianco, magari scambiava anche qualche gesto o qualche parola con me, ma quando decideva di tornare al suo posto in formazione, allora scendeva in piega come nessuno e in due curve aveva recuperato tutti.

Ma quello che era cambiato, purtroppo, era lo spirito di gruppo, se di solito eravamo dispersi in circa 500 metri, col cambio di guida, la distanza tra il leader e me era di oltre tre chilometri. Quando arrivavamo alla trattoria prescelta, in ordine sparso e nell'arco di una decina di minuti e trovavamo il leader in compagnia di un altro paio di ragazzi, seduti ad un tavolo apparecchiato e pronti a mangiare, mentre io e gli altri 3 o 4 dovevamo trovare un accordo con il ristoratore. Loro mangiavano subito, noi quando gli altri già bevevano il caffè.
Le uscite si fecero sempre più rade e dovunque andassimo e per quanto tempo guidassimo non c'era modo di pranzare tutti assieme. Il capogruppo incontrava sempre qualcuno con cui condividere il tavolo, ma non eravamo più noi. Io per parte mia, dopo un paio di 'stranezzè mi ero chiamato fuori portandomi il pranzo da casa e consumandolo in tranquilla solitudine a bordo strada.
Per tutto quel periodo il vecchio leader guardava e non parlava, sembrava che una parvenza di tristezza aleggiasse sul suo volto ma non proferì mai parola. Di tanto in tanto, quando gli andava di mangiare un panino, saltava la tavolata, ne acquistava uno e mi chiedeva di raggiungerlo per mangiare insieme, io e lui. Ogni tanto, scherzando, mi diceva che del vecchio gruppo eravamo rimasti io e lui. Due vecchi dinosauri.
Se avessi avuto nei fatti, tutto l'apprezzamento ricevuto a parole sarei stato un leader, scooter o meno, ma tra le parole e i fatti certi personaggi ci mettono in mezzo un oceano. Comunque quelle parole e la scelta di trascorrere con me il tempo del pranzo mi inorgoglivano, ma mi sbagliavo, la sua non era stima ma qualcos'altro che non so definire. Nei fatti continuò sempre a sostenere che siccome avevo lo scooter dovevo stare indietro, davanti ci stanno quelli con le moto. Un dogma!

Dopo molto tempo, quando del motoclub rimaneva ormai solo il nome e poco altro, il vecchio leader in un moto di amarcord convocò tutti coloro che ancora ne facevano parte per una uscita -l'ultima per me -, disse quasi con le lacrime agli occhi.
- Vi vorrei tutti con me, su un vecchio percorso, sotto la mia guida. Per una volta ancora. -Un'uscita che forse avrebbe ricompattato il gruppo verso nuove gite domenicali, quando fui convocato risposi così: - leader ti voglio bene, ma io sò quel sal scooter, e domenica mangio a casa mia -.
Francesco Pino
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 209
Iscritto il: 09/05/2020, 17:55

Author's data

Re: Io c'ho 'l scooter

Messaggio da leggere da Francesco Pino »

Ci sono alcuni errori di forma (probabilmente dovuti al fatto di non aver riletto bene prima di pubblicare) e la premessa è del tutto superflua. Ho letto il racconto con un certo interesse perché ho sempre adorato le due ruote e volevo vedere come finiva la storia, che pero' ho trovato eccessivamente semplice, troppo in "stile diario" piuttosto che un racconto vero e proprio.
Opinione esterna al giudizio: secondo me anche chi gira col SI Piaggio è un motociclista.
Immagine
Selene Barblan
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 619
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Dal racconto traspare la grande passione di chi scrive, ma, secondo me, questa non si trasforma in modo efficace per coinvolgere e catturare il lettore. Trovo il testo piuttosto ripetitivo e non trovo un significato a parte quello della “rivincita” finale. Per questo motivi mi è piaciuto pochino, voto 2.
Errepi60
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 32
Iscritto il: 07/02/2020, 8:53

Author's data

Re: Io c'ho 'l scooter

Messaggio da leggere da Errepi60 »

Salve Francesco,
grazie di aver letto questo breve scritto e per le giuste critiche. Sono felice di trovare qualcuno che la pensa come te riguardo scooter e moto, purtroppo non è per tutti così.
Francesco Pino ha scritto: 26/06/2021, 18:05 Ci sono alcuni errori di forma (probabilmente dovuti al fatto di non aver riletto bene prima di pubblicare) e la premessa è del tutto superflua. Ho letto il racconto con un certo interesse perché ho sempre adorato le due ruote e volevo vedere come finiva la storia, che pero' ho trovato eccessivamente semplice, troppo in "stile diario" piuttosto che un racconto vero e proprio.
Opinione esterna al giudizio: secondo me anche chi gira col SI Piaggio è un motociclista.
Francesco Pino ha scritto: 26/06/2021, 18:05 Ci sono alcuni errori di forma (probabilmente dovuti al fatto di non aver riletto bene prima di pubblicare) e la premessa è del tutto superflua. Ho letto il racconto con un certo interesse perché ho sempre adorato le due ruote e volevo vedere come finiva la storia, che pero' ho trovato eccessivamente semplice, troppo in "stile diario" piuttosto che un racconto vero e proprio.
Opinione esterna al giudizio: secondo me anche chi gira col SI Piaggio è un motociclista.
Errepi60
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 32
Iscritto il: 07/02/2020, 8:53

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Errepi60 »

Salve Selene,
la ringrazio per aver letto il racconto e soprattutto per le critiche, che fanno sempre bene.
In effetti non sono riuscito a trasmettere il significato che volevo attribuirgli.

Selene Barblan ha scritto: 27/06/2021, 18:59 Dal racconto traspare la grande passione di chi scrive, ma, secondo me, questa non si trasforma in modo efficace per coinvolgere e catturare il lettore. Trovo il testo piuttosto ripetitivo e non trovo un significato a parte quello della "rivincita" finale. Per questo motivi mi è piaciuto pochino, voto 2.
Laura Traverso
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 519
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

Racconto divertente, un po' da "calimero". Inizia dall'incipit, questa condizione, dove il protagonista racconta un aneddoto della sua laurea in cui si è sentito un po' "pulcino nero". Situazione che si ripete anche nell'ambito delle due ruote. E" ben descritta la differenza tra scooteristi e motociclisti. Non so se nella realtà ciò corrisponda al vero, comunque per me il racconto è gradevole e si lascia senz'altro leggere.
Errepi60
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 32
Iscritto il: 07/02/2020, 8:53

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Errepi60 »

Salve Laura,
grazie di aver letto il racconto e delle belle parole a commento.
Colgo l'occasione per cercare di spiegare che la nota doveva, nel mio intento, servire a spiegare il testo. In realtà il racconto non parla di scooter e moto ma di una vita lavorativa trascorsa sempre in coda al gruppo di lavoro solo per essere in possesso di una laurea non in chimica. Gli scooteristi, quasi sempre, allo stesso modo, sono considerati non motociclisti.
Non importa quanto puoi essere 'sveglio' o 'brillantè la laurea conta più delle persone e lo stesso vale per gli scooter. Non importa quanto bravo sei nella guida o quanto ti intendi di meccanica e viaggi. Non sei un motociclista.
Grazie ancora per avermi dato modo di spiegare.

Laura Traverso ha scritto: 29/06/2021, 20:17 Racconto divertente, un po' da "calimero". Inizia dall'incipit, questa condizione, dove il protagonista racconta un aneddoto della sua laurea in cui si è sentito un po' "pulcino nero". Situazione che si ripete anche nell'ambito delle due ruote. E" ben descritta la differenza tra scooteristi e motociclisti. Non so se nella realtà ciò corrisponda al vero, comunque per me il racconto è gradevole e si lascia senz'altro leggere.
Temistocle
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 33
Iscritto il: 03/07/2021, 8:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Temistocle »

Bel racconto 'diaristico', che tra l'altro mi ha fatto conoscere le dinamiche dei gruppi di motociclisti che s'incontrano per strada. D'ora in poi farò più caso a come sono sistemati e ne capirò il perché… Non c'è una storia vera e propria, ma il testo si lascia leggere bene. Forse avrei spostato quella che è l'introduzione alla fine del testo (o ne avrei fatto un cenno ad un certo punto) per un parallelismo più comprensibile.
Ultima modifica di Temistocle il 03/07/2021, 15:02, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
Massimo Baglione
rank (info):
Site Admin
Messaggi: 9382
Iscritto il: 11/04/2007, 12:20
Località: Belluno
Contatta:

Author's data

Re: Io c'ho 'l scooter

Messaggio da leggere da Massimo Baglione »

Ricordatevi di specificare esattamente "Commento" come titolo del messaggio usato per commentare le opere in Gara (senza prefissi come "Re:" o altro), altrimenti non verranno conteggiati dal sistema, grazie!
Se invece state solo rispondendo, non serve specificare.
Ricordatevi anche che il testo del commento deve essere lungo almeno 200 battute.
Vi rimando alle istruzioni delle Gare letterarie.
Immagine

Immagine <<< io ero nel Club dei Recensori di BraviAutori.it.

Immagine

www.massimobaglione.org
Avatar utente
Ishramit
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 64
Iscritto il: 28/02/2021, 11:29
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Ishramit »

Io dalla premessa avevo capito subito che il racconto sarebbe stata un'allegoria della condizione lavorativa dei laureati in farmacia, e l'idea mi sembra buona. Funziona anche direi, finché l'intento è quello di esprimere la frustrazione per un'integrazione impossibile persino quando i rapporti personali sembrano buoni, a causa di un pregiudizio di superiorità fondato sul nulla (cosa che senza conoscere gli ambienti da dentro mi pare più ovvia nell'ambito accademico, magari gli scooter hanno davvero dei limiti che rende preferibile tenerli dietro... O no? Mai guidato una moto io :D ). Però a livello narrativo non funziona altrettanto bene, per lo meno con chi non sente sulla pelle l'emozione del viaggio in moto, o su chi non ha gli strumenti per collegare i personaggi del racconto (anche quelli immagino allegorici) con i tuoi colleghi di lavoro. Forse c'è un modo per permetterci di entrare meglio dentro la storia, "sentirla" di più. Però rimane un esperimento letterario interessante.
Errepi60
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 32
Iscritto il: 07/02/2020, 8:53

Author's data

Re: Io c'ho 'l scooter

Messaggio da leggere da Errepi60 »

salve Ishramit,
grazie per aver letto il racconto. Non si tratta di frustrazione, solo la descrizione di un modo di pensare che mi sembra riduttivo, tutto qui.
È incredibile, invece, l'anologia tra le due situazioni. Ho avuto sia moto che scooter e se viaggi con la prima i moociclisti ti salutano con il classico gesto della mano, se guidi lo scooter solo qualcuno di loro lo fa (pochissimi). Non importa chi sei importa cosa guidi.
Un saluto.
Alberto Marcolli
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 49
Iscritto il: 08/05/2018, 18:06

Author's data

Commento - Io c'ho 'l scooter

Messaggio da leggere da Alberto Marcolli »

Per i racconti più lunghi preferisco prima sfruttare la lettura ad alta voce del testo. Sappiamo che non è perfetta ma il ritmo di lettura, dettato dalla punteggiatura, lo trovo molto buono. Anche le varie consecutio si colgono bene se si ascolta con attenzione.
Tutto ciò premesso, questo racconto ha superato brillantemente questa prova, a differenza di tutti gli altri racconti, mio compreso, che “scricchiolano” qua e là.
Voto dunque ottimo, ma non me la sento di assegnare un cinque per l’argomento scelto e la narrazione che alla fine ho trovato, sempre buona, intendiamoci, ma un po’ ripetitiva.
Prima o poi mi aspettavo, che so, un incontro, un contrattempo eccitante, un colpo di teatro, insomma, e quando già speravo che sarebbe arrivato, tutto si è chiuso con quel “mangio a casa mia” punto. Proprio da qui, invece, ci avrei visto bene l’introduzione di una nuova finestra, con avvenimenti, magari anche un po’ “piccanti”, rimanendo sempre in tema motoristico, ma con altre prospettive.
Voto, a malincuore, 3
Ultima modifica di Alberto Marcolli il 18/09/2021, 9:15, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
Eleonora2
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 40
Iscritto il: 04/07/2021, 19:23

Author's data

Re: Commento Io c'ho 'l scooter

Messaggio da leggere da Eleonora2 »

Dalla premessa avevo capito.... il testo. scritto bene, davvero bene, non arriva a me, lettrice, se non come cronaca. Poco diverso dagli altri, se non per il linguaggio e l'esposizione, dai discorsi da bar. Cosa ha quindi di differente? Come già detto, il modo di porre le questioni. Sai scrivere, e anche bene, forse ti manca quello sforzo che rende un testo diverso da un altro o forse sono io a non capire, perché l'argomento non mi interessa. il 3 non è un brutto voto. Hai detto tu di non essere riuscito a rendere la metafora! Bravi Autori non è un sito di professionisti e, proprio per questa ragione, al di là dei complimenti, mi piacerebbe che i miei scritti venissero giudicati. Buona giornata.
Errepi60
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 32
Iscritto il: 07/02/2020, 8:53

Author's data

Re: Io c'ho 'l scooter

Messaggio da leggere da Errepi60 »

Salve,
sono stato assente per qualche giorno e colgo l'occasione per ringraziare con un solo messaggio sia Eleonora2 che Alberto. Grazie di aver letto lo scritto e grazie per i voti. 3 è un buon voto, sono d'accordo.
Un saluto ad entrambi.
Lucia De Falco
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 191
Iscritto il: 08/03/2020, 14:37

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Lucia De Falco »

Anche se l'argomento forse è un po' più maschile, il racconto mi ha interessato, perché ha un certo ritmo, non stanca. Ho immaginato con piacere quelle gite in scooter. Si dà anche molta importanza allo spirito del gruppo, che verso la fine si perde. Non mi è molto chiaro il finale. È una sorta di ribellione del protagonista per l'emarginazione a cui è sempre stato sottoposto per avere lo scooter e non la moto?
Errepi60
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 32
Iscritto il: 07/02/2020, 8:53

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Errepi60 »

Lucia De Falco ha scritto: 04/08/2021, 16:07 Anche se l'argomento forse è un po' più maschile, il racconto mi ha interessato, perché ha un certo ritmo, non stanca. Ho immaginato con piacere quelle gite in scooter. Si dà anche molta importanza allo spirito del gruppo, che verso la fine si perde. Non mi è molto chiaro il finale. È una sorta di ribellione del protagonista per l'emarginazione a cui è sempre stato sottoposto per avere lo scooter e non la moto?
Salve Lucia,
è un pò come hai scritto nel commento. Quando ci sono preconcetti, più o meno giustificati, prima o poi lo spirito di gruppo va a farsi benedire.
grazie del bel commento.
Antonino Trovato
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 28
Iscritto il: 30/07/2021, 23:15

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Antonino Trovato »

Il significato è evidente, ma non traspare appieno nel testo, che considero più una pagina di diario che un vero racconto. Si lascia leggere, al di là di alcune imperfezioni da curare, però anch'io l'ho trovato spesso ripetitivo, e non mi ha coinvolto più di tanto, ma forse perchè non mi sono trovato a mio agio con l'argomento.
Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 636
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

mah, sono un poco perplesso.
ho avuto la moto per 25 anni, quindi so cosa significa usare una due ruote.
venduta per problemi fisici, sono passato allo scooter, che ho tuttora.
c'è una bella differenza, è vero, ma è sempre un modo di andare con la faccia contro il vento.
il racconto di per sè non sarebbe male se fosse un po' più condensato.
nella sua attuale forma mi risulta monotono e ripetitivo.
e poi, in tutta sincerità, se non mi trovo bene in un gruppo me ne vado ben prima del protagonista e cerco altro.
ci sono errori e refusi da segnalare, tipo la mancanza di maiuscole nei dialoghi.
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
RobertoBecattini
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 34
Iscritto il: 25/11/2018, 0:46

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da RobertoBecattini »

Carino, molto autobiografico direi). Sincero, schietto. Anti-spettacolare quasi. In un certo senso non succede mai niente. Mi aspettavo almeno un finale più "forte". Veramente un po' troppo ripetuto il concetto dello scooter-Calimero. Non avendo mai avuto il motorino non mi ha coinvolto, però ho apprezzato il realismo nella descrizione delle dinamiche di gruppo, dinamiche che è possibile trovare anche altrove. In questo senso è azzeccato.
RobediKarta
Avatar utente
MattyManf
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 148
Iscritto il: 07/11/2020, 15:35
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da MattyManf »

Piu che un racconto è una cronaca, o un diario.
Fin qui è stile... Quello che secondo me non funziona è il fatto che tutto viene raccontato, ma non mostrato.
Qualche dialogo, la descrizone di uno sguardo, un paesaggio, una moto particolare.
Insomma, il materiale c'è, ma non è presentato nel più accattivante dei modi.
Ci tengo a dire che da come scrivi è chiaro che potresti realizzare la tua allegoria in maniera più efficace.
Comunque, la lettura è scorrevole e il testo curato.
Stefyp
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 289
Iscritto il: 26/07/2019, 18:48

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Stefyp »

Verso la metà del racconto ho pensato: "ma perchè non se ne va e non cerca uno scooterclub, per essere tra pari? Posso capire il senso solo se considero il parallelismo con il lavoro. Come ha detto qualcuno prima di me, questo racconto appare più raccontato che mostrato e questo lo rende meno stimolante e accattivante. Però è scritto bene, a parte uno o due tempi verbali non precisi.
Rispondi

Torna a “Gara d'estate, 2021”


Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 9 - Un racconto per un cortometraggio

La Gara 9 - Un racconto per un cortometraggio

(dicembre 2009, 46 pagine, 456,32 KB)

Autori partecipanti: Cmt, Manuela, Daniela, Arditoeufemismo, Mario, Augusto, Magnonove, Cosimo Vitiello, Miriam, Snuff, Phigreco, Pia,
A cura di Alessandro Napolitano.
Scarica questo testo in formato PDF (456,32 KB) - scaricato 491 volte.
oppure in formato EPUB (343,81 KB) (vedi anteprima) - scaricato 198 volte..
Lascia un commento.

Gara d'Autunno 2018 - Lettera a Giovanni, e gli altri racconti

Gara d'Autunno 2018 - Lettera a Giovanni, e gli altri racconti

(autunno 2018, 35 pagine, 707,65 KB)

Autori partecipanti: Fausto Scatoli, Ida Dainese, Nunzio Campanelli, Carol Bi, Lodovico, Roberto Bonfanti, Liliana Tuozzo, Daniele Missiroli, Laura Traverso, Tiziano Legati, Draper,
a cura di Massimo Baglione e Laura Ruggeri.
Scarica questo testo in formato PDF (707,65 KB) - scaricato 67 volte.
oppure in formato EPUB (336,32 KB) (vedi anteprima) - scaricato 57 volte..
Lascia un commento.

Calendario BraviAutori.it "Writer Factor" 2016 - (a colori)

Calendario BraviAutori.it "Writer Factor" 2016 - (a colori)

(edizione 2016, 11,89 MB)

Autori partecipanti: Giuseppe Bauleo, Cristina Giuntini, Giorgio Leone, Ida Dainese, Anna Rita Foschini, Patrizia Chini, Nunzio Campanelli, Daniela Rossi, Lodovico, Marco Bertoli, Alberto Tivoli, Sandra Ludovici, Cristina Biolcati, Marina Paolucci,
A cura di Tullio Aragona.
Scarica questo testo in formato PDF (11,89 MB) - scaricato 187 volte..
Lascia un commento.





Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Carosello

Carosello

antologia di opere ispirate dal concetto di Carosello e per ricordare il 40° anniversario della sua chiusura

Nel 1977 andava in onda l'ultima puntata del popolare spettacolo televisivo serale seguito da adulti e bambini. Carosello era una sorta di contenitore pubblicitario, dove cartoni animati e pupazzetti vari facevano da allegro contorno ai prodotti da reclamizzare. Dato che questo programma andava in onda di sera, Carosello rappresentò per molti bambini il segnale di "stop alle attività quotidiane". Infatti si diffuse presto la formula "E dopo il Carosello, tutti a nanna".
Per il 40° anniversario della sua chiusura, agli autori abbiamo chiesto opere di genere libero che tenessero conto della semplicità che ha caratterizzato Carosello nei vent'anni durante i quali è andato felicemente in onda. I dodici autori qui pubblicati hanno partecipato alle selezioni del concorso e sono stati selezionati per questo progetto letterario. Le loro opere sono degni omaggi ai nostri ricordi (un po' sbiaditi e in bianco e nero) di un modo di stare in famiglia ormai dimenticato.
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Giorgio Leone, Enrico Teodorani, Cristina Giuntini, Maria Rosaria Spirito, Francesco Zanni Bertelli, Serena Barsottelli, Alberto Tivoli, Laura Traverso, Enrico Arlandini, Francesca Rosaria Riso, Giovanni Teresi, Angela Catalini.
Vedi ANTEPRIMA (357,78 KB scaricato 59 volte).
info e commenti compralo su   amazon


Ero sposata da poco e già mi stavo annoiando

Ero sposata da poco e già mi stavo annoiando

(soprattutto a letto)

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
Marika è una giovane ragazza. Non ha avuto alcuna esperienza sessuale e sta per sposarsi. Essendo molto intelligente, si accorge presto di essere una bella donna e sente di non poter rinchiudersi per tutta la vita in un contesto matrimoniale forzato e prematuro. Conosce un uomo, il quale la porta per gradi a conoscere tutto ciò che c'è da sapere sul sesso. è un uomo speciale, totalmente diverso dal suo fidanzato e ne nasce una relazione molto particolare. Molto di quello che Marika impara può non corrispondere a quello che le donne desiderano, ma sono certa che, segretamente, prima o poi ci avranno pensato. è un racconto erotico, scritto però senza parole scurrili od offensive.

Copertina di Roberta Guardascione
di Mary J. Stallone
a cura di Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (252,71 KB scaricato 189 volte).
compralo su   amazon


A Quattro mani

A Quattro mani

antologia di opere scritte a più mani

Una collaborazione, di qualunque natura essa sia, diventa uno stimolo, la fusione di peculiarità ben definite, la concretizzazione di un'intesa, la meraviglia di scoprire quel qualcosa che individualmente non si sarebbe mai potuta fare. È una prova, una necessità di miglioramento, il superamento dei propri limiti stilistici o di quei blocchi creativi che sovente ci pongono di fronte a un disarmante "foglio bianco". Gli autori di questa antologia ci hanno voluto provare.
A cura di Massimo Baglione.
Copertina di Antonio Abbruzzese.

Contiene opere di: Chiara Masiero, Mauro Cancian, Stefania Fiorin, Anna Rita Foschini, Ida Dainese, Alberto Tivoli, Marina Paolucci, Maria Rosaria Spirito, Marina Den Lille Havfrue, Cristina Giuntini, David Bergamaschi, Giuseppe Gallato, Maria Elena Lorefice.
Vedi ANTEPRIMA (802,46 KB scaricato 119 volte).
info e commenti compralo su   amazon