Fragole, cioccolata e pasta dentifricia

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'autunno 2021.

Sondaggio

1 - non mi piace affatto
0
Nessun voto
2 - mi piace pochino
1
4%
3 - si lascia leggere
2
8%
4 - è bello
10
40%
5 - mi piace tantissimo
12
48%
 
Voti totali: 25

Marcello Rizza
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 460
Iscritto il: 23/06/2015, 23:54

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Marcello Rizza »

Giovanni p ha scritto: 16/10/2021, 20:28 Secondo me c'è tanta umanità e tanta tenerezza in un racconto come questo dove Gildo si riesce ad immaginarlo benissimo. Il testo è scritto bene, forse un po' troppo breve visto che la storia è interessante e si legge bene. Sulla lunghezza non è una critica, mi sarebbe piaciuto leggere di più visto che è scritto bene.
Ciao Giovanni. Si, il testo è breve perché era un esercizio di scrittura, il primo, quando nel 2015 ho frequentato un corso di scrittura creativa. In non più di 3500 battute bisognava scrivere un testo dopo aver ascoltato in biblioteca un brano musicale, era una sorta di flamenco etnico. Potrei effettivamente allungarlo, ci potrei provare, ma questo racconto forse vive bene com'è l'urgenza poetica. Grazie per il tuo bel e utile commento al mio lavoro. A ritrovarti.
Marcello Rizza
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 460
Iscritto il: 23/06/2015, 23:54

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Marcello Rizza »

Egidio ha scritto: 19/10/2021, 7:31 Si tratta della descrizione di un momento della giornata di Gildo, un ospite di una struttura per anziani. La resa poetica c'è, anche se lo stile aulico toglie qualcosa. Anch'io, spesso, scrivo in prosa poetica, ma uso toni bassi. Comunque, devo riconoscere che, per quel che ti riguarda, i risultati ci sono lo stesso.
Ciao Egidio. Sto facendo un grande lavoro su me stesso per "limitare" uno stile aulico, e ti assicuro che mi è difficile perché scrivevo (ancora oggi qualche volta ci casco) come mi piace leggere. Ho frequentato il corso di scrittura creativa dopo aver letto, rimanendone impressionato, Dialoghi con Leucò di Pavese. Altro che aulico, quello. Ma non avevo letto nulla di più bello fino a quel momento, per i miei gusti. Ma oggi ricerco (con fatica, già detto) uno stile meno ricercato, più immediato. E mi è utile che me lo si ricordi, mi è utile questo tuo bel commento. Grazie di essere passato da qui.
Marcello Rizza
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 460
Iscritto il: 23/06/2015, 23:54

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Marcello Rizza »

Marino Maiorino ha scritto: 23/10/2021, 9:34 Molto triste nel senso, il brano è capace di trasformare la scena illustrata in dolcezza e consolare.
Ben scritto, accidenti, e pieno di vita, eppure inquietante al limite dell'amletico.
Su tutto, la lista delle persone importanti al principio del brano ci ricorda che la cosa più importante nella nostra vita sono le persone che abbiamo amato, e finite quelle...
Ciao Marino. Si. Le persone. Quei nomi che cito sono dei partecipanti al corso di scrittura in quel momento. In quel momento quei compagni di percorso con cui mi confrontavo erano importanti. Hai ragione, le persone positive sono quelle che con la vecchiaia poi ti si "appiccicano" e ti accompagnano. Grazie del tuo bel commento. A ritrovarci.
Marcello Rizza
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 460
Iscritto il: 23/06/2015, 23:54

Author's data

Re: commento

Messaggio da leggere da Marcello Rizza »

Stefyp ha scritto: 05/11/2021, 23:28 Un testo molto bello, poetico e delicato. Alcuni passaggi mi sono piaciuti particolarmente. Posso permettermi di segnalarti due dettagli?
"come un Hidalgo di Cervantes" togli di Cervantes, se il lettore non sa chi è Hidalgo se lo andrà a cercare.
"Si avvicinò una donna magra, asciugata da una vita dedicata al servizio, sui cinquant'anni," io toglierei sui cinquant'anni, spezza il ritmo. Il lettore sa che non è né una ragazza né una vecchia perché l'hai definita "donna".
Sono inezie, ma il racconto è impeccabile e allora mi permetto di trovare l'ago nel pagliaio.
Ciao Stepyp. Penso che hidalgo voglia significare "guerriero" o qualcosa di simile. Associarlo a Cervantes mi è parso utile per far poi comprendere la battaglia alle pecore, o Dulcinea. Ma valuterò il tuo consiglio. Grazie per il generoso e utile tuo intervento. Passa a trovarmi ogni tanto. Così farò con te.
Marcello Rizza
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 460
Iscritto il: 23/06/2015, 23:54

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Marcello Rizza »

Messedaglia ha scritto: 11/11/2021, 21:16 Ciao Marcello, come promesso eccomi qua a commentarti.
Racconto scritto molto bene, senza ombra di dubbio. Unico rilievo, forse il linguaggio è appunto talmente aulico da portare il lettore a concentrarsi più sulle parole che sul contenuto del racconto. Mi è piaciuto moltissimo il dettaglio indicato nel titolo e inserito alla fine della storia: quella caramella al gusto, tra le altre cose, di dentifricio, di colpo riporta il protagonista (e il lettore) alla realtà, dopo il volo pindarico alla Don Chisciotte. Ma è un atterraggio morbido e delicato, senza contraccolpi, dove predomina in chi legge un sentimento di tenerezza nei confronti dell’anziano signore. Credo che, nell’ambito delle storie brevi, sia già di per sé un ottimo risultato quando si riesce a condensare l’essenza del racconto in un piccolo, e apparentemente insignificante, particolare. Apro una piccola parentesi: a proposito di Don Chisciotte, se già non la conosci, ti suggerisco di ascoltarti il testo dell’omonima canzone di Guccini, in cui il dialogo fra il cavaliere errante e il suo scudiero è a dir poco magistrale, in un crescendo fino all’esternazione finale dei due protagonisti. Scusa, ho un po’ divagato. Voto 5.
Ciao Messedaglia. Si, hai mantenuto la promessa ora tocca a me. Ho già letto una volta il tuo racconto ma prima di commentarlo ho sentito la necessità di farlo un attimo decantare e di rileggerlo. Sul linguaggio aulico, hai perfettamente ragione. Già ad altri, sopra, ho dato una spiegazione a questo testo. Grande il tuo moto a farmi ascoltare la canzone di Guccini. Ricambio consigliandoti due brani che hanno inciso su questo mio lavoro : Gildo di Giorgio Gaber e Figure di Cartone delle Orme. Ci si ritrova, volentieri, sulla tua pagina.
Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 679
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

scritto molto bene, liscio, scorrevole e davvero di piacevole lettura.
ho trovato solo un paio di refusi, tra cui segnalo " gli pareva di udire voci dispettose e malvagie che però destrutturava per togliergli potere" secondo me dovresti correggere in "togliere loro potere", visto che si tratta di voci al plurale.
ma questo non influisce sulla gradevolezza del testo, a tratti dolcemente poetico.
bella prova, bravo
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Gabi Celeste Pisani
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 34
Iscritto il: 10/11/2021, 12:25

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Gabi Celeste Pisani »

Niente, sicuramente Gildo è entrato nel mio cuore e lì ha intenzione di rimanere. A parte il fatto che penso sia scritto molto bene, in modo poetico e con bellissime metafore, quello che più mi colpisce è la sensibilità con cui viene trattato un tema così importante; per fare un esempio "Erano nomi di persone care, che meritavano la dedica di un fiore, anche se non ricordava quando e perché quelle persone fossero state belle", una frase semplice eppure ricca di significato.
Questo testo trasmette quanto sia naturale per te scrivere, come riuscire a donare un'emozione.
Buona fortuna per la gara
Temistocle
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 79
Iscritto il: 03/07/2021, 8:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Temistocle »

Cercavo una storia nel racconto, ma poi ho capito che il racconto stesso era proprio in quelle immagini a volte ardite a volte placide.
Tutto fluisce: scrittura e, insieme, lo sguardo e i passi di Gildo, come fossero una danza immortalata, fermata dalla parola.
Molto bello!
Francesco Pino
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 235
Iscritto il: 09/05/2020, 17:55

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Francesco Pino »

Molto bello questo tuo racconto, complimenti.
Gildo è una persona distaccata dalla realtà, senza tempo e forse senza più dolore. Il ricordo dei nomi di quelle persone perché "belle" è quasi toccante, ma in fondo lo è quasi ogni scena della storia... si riesce quasi s vederla.
Bravo Marcello.
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine
Nuovoautore
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 19
Iscritto il: 23/11/2021, 17:56

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Nuovoautore »

A me è piaciuto moltissimo. Malinconicamente poetico, Gildo preda del male che ti ruba la memoria, vive in un mondo a parte... sembrerebbe anche sereno... ma riuscirà mai la scienza a leggere e capire cosa accade veramente dentro una mente dove i ricordi vengono avvolti da una nebbia sempre più fitta, sino a svanire? Ciao.
Rispondi

Torna a “Gara d'autunno, 2021”


Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 13 - Per modo di dire

La Gara 13 - Per modo di dire

(maggio 2010, 64 pagine, 857,12 KB)

Autori partecipanti: Stefy71, Bonnie, Magasulla, Ser Stefano, GiuseppeN, Vit, Manuela, Vecchiaziapatty, Carlocelenza, Lunanera, Mastronxo, Arianna, Gigliola, Giacomo Scotti, Alessandro Napolitano, Lucia Manna, Michele, Macripa,
A cura di Arditoeufemismo.
Scarica questo testo in formato PDF (857,12 KB) - scaricato 502 volte.
oppure in formato EPUB (525,77 KB) (vedi anteprima) - scaricato 199 volte..
Lascia un commento.

La Gara 49 - La contrapposizione

La Gara 49 - La contrapposizione

(novembre/dicembre 2014, 34 pagine, 560,91 KB)

Autori partecipanti: Umberto Pasqui, Nembo13, Nunzio Campanelli, Annamaria Vernuccio, Patrizia Chini, Milicianto, Ser Stefano, Francesca Santamaria, Lodovico, Giorgio Leone, Cladinoro, Silvia Torre,
a cura di Maddalena Cafaro.
Scarica questo testo in formato PDF (560,91 KB) - scaricato 167 volte.
oppure in formato EPUB (319,02 KB) (vedi anteprima) - scaricato 222 volte..
Lascia un commento.

La Gara 5 - A modo mio

La Gara 5 - A modo mio

(giugno 2009, 40 pagine, 758,80 KB)

Autori partecipanti: Cmt, Pia, Massimo Baglione, Bonnie, Miriam, DaFank, Rona, Manuela, Massimo, Clali, Alessandro Napolitano, Gio, Snuff, Aigor, Yle,
A cura di Pia.
Scarica questo testo in formato PDF (758,80 KB) - scaricato 339 volte.
oppure in formato EPUB (555,57 KB) (vedi anteprima) - scaricato 211 volte..
Lascia un commento.





Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Human Take Away

Human Take Away

Umani da asporto

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma appartiene a un amico "speciale" dell'Associazione culturale.
"Human Take Away" è un racconto corale dove gli autori Alessandro Napolitano e Massimo Baglione hanno immaginato una prospettiva insolita per un contatto alieno. In questo testo non è stata ideata chissà quale novità letteraria, né gli autori si sono ispirati a un particolare film, libro o videogioco già visti o letti. La loro è una storia che gli è piaciuto scrivere assieme, per divertirsi e, soprattutto, per vincere l'Adunanza letteraria del 2011, organizzata da BraviAutori.it. Se con la narrazione si sono involontariamente avvicinati troppo a storie già famose, affermano, non era voluto. Desiderano solo che vi gustiate l'avventura senza scervellarvi troppo sul come gli sia venuta in mente.
Vedi ANTEPRIMA (497,36 KB scaricato 485 volte).
info e commenti compralo su   amazon


Déjà vu - il rivissuto mancato

Déjà vu - il rivissuto mancato

antologia poetica di AA.VV.

Talvolta, a causa di dinamiche non sempre esplicabili, uno strano meccanismo nella nostra mente ci illude di aver già assistito a una scena che, in realtà, la si sta vivendo solo ora. Il dèjà vu diventa così una fotocopia mentale di quell'attimo, un incontro del pensiero con se stesso.
Chi non ha mai pensato (o realmente vissuto) un'istantanea della propria vita, gli stessi gesti e le stesse parole senza rimanerne perplesso e affascinato? Chi non lo ha mai rievocato come un sogno o, perché no, come un incubo a occhi aperti?
Ventitrè autori si sono cimentati nel descrivere le loro idee di déjà vu in chiave poetica.
A cura di Francesco Zanni Bertelli.

Contiene opere di: Alberto Barina, Angela Catalini, Enrico Arlandini, Enrico Teodorani, Fausto Scatoli, Federico Caruso, Francesca Rosaria Riso, Francesca Gabriel, Francesca Paolucci, Gabriella Pison, Gianluigi Redaelli, Giovanni Teresi, Giuseppe Patti, Ida Dainese, Laura Usai, Massimo Baglione, Massimo Tivoli, Pasquale Aversano, Patrizia Benetti, Pietro Antonio Sanzeri, Silvia Ovis, Umberto Pasqui, Francesco Zanni Bertelli.
Vedi ANTEPRIMA (941,40 KB scaricato 77 volte).
info e commenti compralo su   amazon


Il Bene o il Male

Il Bene o il Male

Trenta modi di intendere il Bene, il Male e l'interazione tra essi.

Dodici donne e diciotto uomini hanno tentato di far prevalere la propria posizione, tuttavia la Vita ci insegna che il vincitore non è mai scontato. La Natura ci dimostra infatti che dopo un temporale spunta il sole, ma ci insegna altresì che non sempre un temporale è il Male, e che non sempre il sole è il Bene.
A cura di Massimo Baglione
Copertine di Giuliana Ricci.

Contiene opere di: Antonella Cavallo, Michele Scuotto, Nunzio Campanelli, Rosanna Fontana, Giorgio Leone, Ida Dainese, Angelo Manarola, Anna Rita Foschini, Angela Aniello, Maria Rosaria Del Ciello, Fausto Scatoli, Marcello Nucciarelli, Silvia Torre, Alessandro Borghesi, Umberto Pasqui, Lucia Amorosi, Eliseo Palumbo, Riccardo Carli Ballola, Maria Rosaria Spirito, Andrea Calcagnile, Greta Fantini, Pasquale Aversano, Fabiola Vicari, Antonio Mattera, Andrea Spoto, Gianluigi Redaelli, Luca Volpi, Pietro Rainero, Marcello Colombo, Cristina Giuntini.
Vedi ANTEPRIMA (455,65 KB scaricato 149 volte).
info e commenti compralo su   amazon