Mi ha telefonato Oscar Wilde

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'autunno 2021.

Sondaggio

1 - non mi piace affatto
0
Nessun voto
2 - mi piace pochino
1
17%
3 - si lascia leggere
5
83%
4 - è bello
0
Nessun voto
5 - mi piace tantissimo
0
Nessun voto
 
Voti totali: 6

Anto58
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 25
Iscritto il: 07/03/2021, 18:21

Author's data

Mi ha telefonato Oscar Wilde

Messaggio da leggere da Anto58 »

leggi documento Spiacente ma, in questo browser, la lettura a voce non funziona.

Questa mattina, mentre stavo facendo colazione, mi ha chiamato al telefono l’amico Oscar. Sì, proprio lui, l’irlandese Oscar Fingal O’Flahertie Wilde!
Mi ha confessato che la notte scorsa ha ripensato alle sue famose passeggiate alla Royal Arcad di Londra, ha pensato così che sarebbe stato bello ritornare nel mondo; del resto la sua prima esperienza non è finita bene, vorrebbe perciò di nuovo fare della sua vita un’opera d’arte, come spesso soleva dire.
“Intanto ti premetto, ho subito risposto, “che la tua casa al 34 di Tate Street di Chelsea in cui hai vissuto con tua moglie Constance e con i tuoi due figli, dov’è nato “Il ritratto di Dorian Gray”, non è più disponibile e non credo sia il caso che tu soggiorni al Cadogan Hotel, nella tua stanza preferita, la 118, ti ricordi che proprio lì si è consumata la storia con Bosie, proprio lì sei stato arrestato , no , impossibile, troppi ricordi dolorosi!"
“Ma ancora se ne parla? Non ci posso credere!” ribattè lui .
“Beh, risposi , “sicuramente quando si parla di te si pensa subito al tuo arresto, alla dura pena che hai dovuto scontare, alle gravi accuse che ti sono state imputate, non puoi negare che lo scandalo c’è stato, ma l’hai pagata cara, con due anni di prigione al Reading Gaol, dove hai scritto il meraviglioso De Profundis, la pena ha causato la tua morte a 46 anni, nel pieno della maturità artistica ed esistenziale.
Diciamo che oggi molte cose sono cambiate, però le accuse sono state gravi e non si conosce la verità, un giorno me la racconterai?”
“Preferisco di no, preferisco ricordare la mia splendida vita prima del carcere, prima di finire in quel misero alberghetto a Parigi dove morii abbandonato da tutti nel 1900” , ha replicato lui tristemente .
“Pensa che nel 1901 è morta la regina Vittoria segnando la fine dell’epoca vittoriana che così tanto ha influito sul tuo destino”, ho affermato, “ma la tua tomba a Parigi è sempre bellissima ed è tuttora omaggio di donne che vi lasciano l’ impronta del rossetto...quanta sensualità! Recentemente tuo nipote Merlin Holland ha posto una barriera di vetro per proteggere la divinità alata che sovrasta la tua tomba”.
“Ebbene, sì, fui amato da uomini e donne, ma vedo che continuo ad essere amato”, ha risposto compiaciuto.
“Lo sai che io, come tanti, ti ho sempre amato, non solo per il personaggio di Dorian Gray che rimane uno dei capolavori della letteratura, ma anche per la raccolta delle cinque storie che leggevi ai tuoi bambini intitolata ‘Il Principe Felice’. Cinque favole dedicate ai più piccoli, ma amate dai più grandi, ricche di personaggi fantastici ed indimenticabili. ‘Happy Prince’ è anche il titolo del film (poi ti spiego esattamente cosa è un film…) interpretato da Rupert Everett.
Ti ho amato e ti amo per i tuoi impareggiabili Aforismi sempre attuali, per le tue commedie, per le poesie , per tutte le tue opere”, ho aggiunto con enfasi.
“Ah, le favole…, ha risposto, “vedi che comunque avevo una certa innocenza, amavo i miei bambini e a mio modo anche mia moglie Constance, poi è finito tutto in tragedia, d’altra parte una persona come me non poteva condurre in una vita modesta ed ordinaria”.
“Come eri originale ed elegante quando passeggiavi per Piccadilly e ti fermavi all’Hotel Cafè Royal, non prima di essere passato dal fioraio all’angolo per acquistare gli inconfondibili garofani verdi che mettevi all’occhiello della giacca! Chi meglio di te ha incarnato lo stile dandy? “ ho confermato sognante.
“Ma il meglio, ha ribattuto Oscar , “lo diedi quando nel 1881 sbarcai negli Stati Uniti per un ciclo di conferenze sull’estetismo, indossavo colbacco e pelliccia, mi fotografò Sarony..gli americani mi adoravano”.
“Ho tutte le tue foto, ho replicato prontamente, “ certo, ti avverto che se tornerai oggi nel mondo non troverai più quell’eleganza, quell’amore per l’arte che connotavano la tua vita, troverai per lo più appiattimento e volgarità; uno dei tuoi aforismi che trovo più belli è ‘La vita imita l’arte più di quanto l’arte imiti la vita’, solo dopo l’impareggiabile ‘L’unico modo per resistere alle tentazioni è cedervi’ ( e questo l’hai veramente messo in pratica).
“Già ….bei tempi “, ha esclamato con rimpianto , “ poi, nel momento del dolore, nel De Profundis ho scritto: ‘Era sempre primavera, un tempo, nel mio cuore. Il mio temperamento inclinava alla felicità. Ora mi accosto alla vita da un punto di vista completamente nuovo, e anche soltanto concepire la felicità mi è spesso estremamente difficile’ “.
“Hai sofferto molto, gli ho confermato, “ è vero che i tempi sono mutati, ma non sono sicura che il mondo oggi ti accoglierebbe per così come sei, senza pregiudizi e senza condannarti pur non sapendo esattamente se sei innocente o colpevole riguardo alle gravi accuse mosse nei tuoi confronti durante il processo”.
“Per carità ,non voglio un altro processo, pur avendo scontato la mia pena, sono sicuro che mi processereste di nuovo”, ha esclamato preoccupato, “ e non potrei sopportarlo una seconda volta, vorrei vivere finalmente solo come artista!”
“Forse è vero, in fondo il mondo è cambiato solo apparentemente, ma non nella sua essenza, in realtà l’animo umano non cambia mai. Saresti di nuovo giudicato e messo alla gogna, senza sapere se sei veramente colpevole e colpevole di cosa? Ma sì, rimani lì dove sei, nell’olimpo della poesia, del lusso e dell’intelligenza, dell’anticonformismo e del piacere intellettuale, quello che non fa mai male a nessuno, ma che riempie ancora la nostra vita di vera classe ed eleganza. Ciao Oscar, maestro dello stile, del paradosso e dell’arte della buona conversazione. A presto!” , così ho concluso la telefonata con una sorta di incertezza e malinconia.
D’altra parte l’ha detto lui tanto tempo fa, ma vale anche per oggi: “Si vive in un’epoca in cui solo gli ottusi sono presi sul serio, e io vivo nel terrore di non essere frainteso”.
Superfluo aggiungere altro.
Avatar utente
Alberto Marcolli
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 66
Iscritto il: 08/05/2018, 18:06

Author's data

Commento : Mi ha telefonato Oscar Wilde

Messaggio da leggere da Alberto Marcolli »

Il testo è ben scritto, a parte qualche piccolissimo refuso, la solita d eufonica e tralascio la punteggiatura nei dialoghi (anch'io non so usare bene i caporali).
Ho scritto volutamente testo e non racconto, perché mi sembra più che altro un modo diverso di raccontare, in parte, la biografia di Oscar Wilde. Non ho voluto consultare Wikipedia, mi fido di quanto scritto. Ho comunque apprezzato le rare considerazioni dell'io narrante sulla attuale società, paragonandola con quella di fine '800.
La frase finale "superfluo aggiungere altro" non l'ho approvata.
Ma come! Proprio adesso che, finita la telefonata, mi aspettavo di leggere vita, storia e emozioni della nostra narratrice, intenta a far colazione?
Voto 3, per la bontà della scrittura.
RobertoBecattini
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 41
Iscritto il: 25/11/2018, 0:46

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da RobertoBecattini »

Non mi è piaciuto molto, il motivo principale è che sembra un testo didattico, quasi nozionistico, con l'aggiunta di qualche curiosità su vita e opere del sommo Wilde. E' una celebrazione nemmeno molto originale, si poteva osare di più e personalizzare maggiormente. Il modello sembra quello de "Le interviste impossibili" di Umberto Eco, andate in onda alla radio negli anni 70. Wilde fu interpretato in quell'occasione da Carmelo Bene. Consiglio all'autore di andarsi a sentire il podcast (ci sono ancora sul sito di Radio Rai), sono certo che ne trarrà nuovi spunti per migliorare il testo. Curiosità: Wilde è morto nel 1900, non poteva conoscere il cinema, ma i telefoni erano già così diffusi nell'anno 1900 e precedenti) ?
RobediKarta
Anto58
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 25
Iscritto il: 07/03/2021, 18:21

Author's data

Re: Mi ha telefonato Oscar Wilde

Messaggio da leggere da Anto58 »

Non capisco cosa c'entri la diffusione del telefono....il racconto è immaginario. Questa non è un"intervista, stile Umberto Eco, ma una telefonata tra "amici", con l'accenno ad una possibile rivisitazione di Wilde nel contesto della nostra epoca. Grazie per il commento.
Avatar utente
Roberto Bonfanti
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 490
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

Sono abbastanza d'accordo con chi mi ha preceduto nel commentare.
Il brano è ben scritto e fa trasparire la passione per l'autore (fra l'altro ho sbirciato il tuo profilo e ho visto che hai usato questo format anche per altri scrittori), è un modo interessante per parlare della vita e delle opere di Wilde senza essere nozionistici. Ma è poco "racconto", l'idea, invece, si presterebbe a tanti sviluppi, fantasiosi, comici o surreali.
Formattazione da rivedere, soprattutto nei dialoghi, tanti spazi vuoti da togliere, ma il testo è corretto e piacevole da leggere.
Che ci vuole a scrivere un libro? Leggerlo è la fatica. (Gesualdo Bufalino)
https://chiacchieredistintivorb.blogspot.com/
Intervista su BraviAutori.it: https://www.braviautori.it/forum/viewto ... =76&t=5384
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine
Avatar utente
Grb2016
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 32
Iscritto il: 01/01/2016, 17:43

Author's data

Re: Mi ha telefonato Oscar Wilde

Messaggio da leggere da Grb2016 »

Forse è il fatto del telefonare che ha influenzato l'opera in un certo senso limitandola!Se si fosse trattato di un incontro surreale in cui tessere una comunicazione più libera penso che ne avrebbe giovato il racconto.
Mi complimento per la conoscenza storica dell'autore!
Laura Traverso
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 545
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

Inizio col dire che, come già è stato evidenziato, le virgole vanno per conto loro... Ma non perché siano posizionate a sproposito, ma perché sono staccate dalle parole, come non sono usati i - durante le conversazioni, ma invece le virgole (che non vanno e confondono la lettura). Ciò mi meraviglia perché il testo è ben esposto e scritto bene. Circa il contenuto della trama, a me è piaciuto. Il fatto che tutto scorra con una telefonata, perché no? E' chiaro che si tratta di una scelta fantasiosa e poco importa se all'epoca della vita di Wilde ci fossero o meno i telefoni. D'altra parte è fantasia anche il dialogo a... distanza. E a proposito di dialogo, secondo me, è ciò che lo rende racconto e non trattato storico (anche se attraverso il loro dire si percorre la vita di Wilde, ma direi che è ovvio). Per concludere, a parte le piccole cose evidenziate circa la stesura del narrato, trovo sia un buon lavoro e il mio voto oscilla tra il 3 e il 4. Ancora non darò la mia valutazione. Voglio rileggerlo ancora una volta.
Anto58
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 25
Iscritto il: 07/03/2021, 18:21

Author's data

Re: Mi ha telefonato Oscar Wilde

Messaggio da leggere da Anto58 »

Non è obbligatorio l'uso dei trattini nei dialoghi, si possono utilizzare anche le virgole.
Grazie per il commento positivo.
Giovanni p
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 12
Iscritto il: 13/10/2021, 17:38

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Giovanni p »

Ottima e fantasiosa intervista, buona anche la scrittura. magari non è proprio il mio genere, però si vede che chi ha scritto questa storia legge e conosce il soggetto che sta trattando.E' interessante immaginare un elemento classico catapultato nella modernità.
Rispondi

Torna a “Gara d'autunno, 2021”


Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 50 - La Verità

La Gara 50 - La Verità

(gennaio 2015, 24 pagine, 2,01 MB)

Autori partecipanti: Ser Stefano, Patrizia Chini, Nunzio Campanelli, Nembo13, Mastronxo, Michele, Eliseo Palumbo,
a cura di Cladinoro.
Scarica questo testo in formato PDF (2,01 MB) - scaricato 112 volte..
Lascia un commento.

La Gara 37 - Il trinomio Fantastico

La Gara 37 - Il trinomio Fantastico

(aprile/maggio 2013, 50 pagine, 1,25 MB)

Autori partecipanti: Nunzio Campanelli, Marino Maiorino, Lodovico, Patrizia Benetti, Antares, Monica Porta may bee, Licetti, Yendis, Carlocelenza, Scrittore97, Anto Pigy, Pardan, Freecora, Lorella15, Polly Russell, LeggEri,
A cura di Mastronxo e Ser Stefano.
Scarica questo testo in formato PDF (1,25 MB) - scaricato 378 volte.
oppure in formato EPUB (1,30 MB) (vedi anteprima) - scaricato 224 volte..
Lascia un commento.

Calendario BraviAutori.it "Year-end writer" 2021 - (in bianco e nero)

Calendario BraviAutori.it "Year-end writer" 2021 - (in bianco e nero)

(edizione 2021, 973,27 KB)

Autori partecipanti: (vedi sopra),
A cura di Tullio Aragona.
Scarica questo testo in formato PDF (973,27 KB) - scaricato 16 volte..





Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Déjà vu - il rivissuto mancato

Déjà vu - il rivissuto mancato

antologia poetica di AA.VV.

Talvolta, a causa di dinamiche non sempre esplicabili, uno strano meccanismo nella nostra mente ci illude di aver già assistito a una scena che, in realtà, la si sta vivendo solo ora. Il dèjà vu diventa così una fotocopia mentale di quell'attimo, un incontro del pensiero con se stesso.
Chi non ha mai pensato (o realmente vissuto) un'istantanea della propria vita, gli stessi gesti e le stesse parole senza rimanerne perplesso e affascinato? Chi non lo ha mai rievocato come un sogno o, perché no, come un incubo a occhi aperti?
Ventitrè autori si sono cimentati nel descrivere le loro idee di déjà vu in chiave poetica.
A cura di Francesco Zanni Bertelli.

Contiene opere di: Alberto Barina, Angela Catalini, Enrico Arlandini, Enrico Teodorani, Fausto Scatoli, Federico Caruso, Francesca Rosaria Riso, Francesca Gabriel, Francesca Paolucci, Gabriella Pison, Gianluigi Redaelli, Giovanni Teresi, Giuseppe Patti, Ida Dainese, Laura Usai, Massimo Baglione, Massimo Tivoli, Pasquale Aversano, Patrizia Benetti, Pietro Antonio Sanzeri, Silvia Ovis, Umberto Pasqui, Francesco Zanni Bertelli.
Vedi ANTEPRIMA (941,40 KB scaricato 75 volte).
info e commenti compralo su   amazon


A Quattro mani

A Quattro mani

antologia di opere scritte a più mani

Una collaborazione, di qualunque natura essa sia, diventa uno stimolo, la fusione di peculiarità ben definite, la concretizzazione di un'intesa, la meraviglia di scoprire quel qualcosa che individualmente non si sarebbe mai potuta fare. È una prova, una necessità di miglioramento, il superamento dei propri limiti stilistici o di quei blocchi creativi che sovente ci pongono di fronte a un disarmante "foglio bianco". Gli autori di questa antologia ci hanno voluto provare.
A cura di Massimo Baglione.
Copertina di Antonio Abbruzzese.

Contiene opere di: Chiara Masiero, Mauro Cancian, Stefania Fiorin, Anna Rita Foschini, Ida Dainese, Alberto Tivoli, Marina Paolucci, Maria Rosaria Spirito, Marina Den Lille Havfrue, Cristina Giuntini, David Bergamaschi, Giuseppe Gallato, Maria Elena Lorefice.
Vedi ANTEPRIMA (802,46 KB scaricato 120 volte).
info e commenti compralo su   amazon


Carosello

Carosello

antologia di opere ispirate dal concetto di Carosello e per ricordare il 40° anniversario della sua chiusura

Nel 1977 andava in onda l'ultima puntata del popolare spettacolo televisivo serale seguito da adulti e bambini. Carosello era una sorta di contenitore pubblicitario, dove cartoni animati e pupazzetti vari facevano da allegro contorno ai prodotti da reclamizzare. Dato che questo programma andava in onda di sera, Carosello rappresentò per molti bambini il segnale di "stop alle attività quotidiane". Infatti si diffuse presto la formula "E dopo il Carosello, tutti a nanna".
Per il 40° anniversario della sua chiusura, agli autori abbiamo chiesto opere di genere libero che tenessero conto della semplicità che ha caratterizzato Carosello nei vent'anni durante i quali è andato felicemente in onda. I dodici autori qui pubblicati hanno partecipato alle selezioni del concorso e sono stati selezionati per questo progetto letterario. Le loro opere sono degni omaggi ai nostri ricordi (un po' sbiaditi e in bianco e nero) di un modo di stare in famiglia ormai dimenticato.
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Giorgio Leone, Enrico Teodorani, Cristina Giuntini, Maria Rosaria Spirito, Francesco Zanni Bertelli, Serena Barsottelli, Alberto Tivoli, Laura Traverso, Enrico Arlandini, Francesca Rosaria Riso, Giovanni Teresi, Angela Catalini.
Vedi ANTEPRIMA (357,78 KB scaricato 59 volte).
info e commenti compralo su   amazon