Levare l'ancora

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'autunno 2021.

Votazione

1 - non mi piace affatto
1
5%
2 - mi piace pochino
2
10%
3 - si lascia leggere
3
15%
4 - è bello
7
35%
5 - mi piace tantissimo
7
35%
 
Voti totali: 20

Selene Barblan
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 665
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Levare l'ancora

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

leggi documento Spiacente ma, in questo browser, la lettura a voce non funziona.

Una cornice nera, di plastica, contorna una figura serena, la mano sinistra al petto, distesa, rilassata. La mano destra porge un libro, luminoso, come il viso, che non mi guarda. I suoi occhi sono rivolti verso luoghi lontani, le guance sono solcate da pieghe asimmetriche. Un sorriso o una smorfia, non saprei dire. Attorno al capo un cerchio perfetto, azzurro, bordato di rosso. La divisa nera dà risalto alle mani, al viso, allo sfondo sognante, nuvole di zucchero filato in un cielo di un celeste improbabile.
L’immagine mi sovrasta, appesa, ma sembra quasi sospesa, decentrata rispetto al pulpito dal quale l’oratrice cerca di spiegare concetti, modulando la voce, rivolgendosi in modo magistrale ai vari interlocutori, ponendo interrogativi, sottolineando le parole importanti, danzando nello spazio ridotto del suo palco.
Non riesce però a coinvolgermi, sono distratta, annoiata. Il mio sguardo vaga. Ora guardo la composizione di fiori gialli che, a sinistra del Santo (che non so identificare), brillano anch’essi nonostante la polvere che si è posata nel tempo, sulle foglie di carta, sui petali artificiali.

“… se il bambino è in difficoltà a svolgere il compito…”

Le due grandi finestre arrivano quasi al soffitto, aprono verso l’interno, fintamente accoglienti. Le sbarre tolgono la speranza di far entrare l’aria, di evadere, vagare per la bella città, le tende velano e colorano di rosa i mattoni del “Beata Vergjne di San Luca”.

“… il compito è più complesso perché è nuovo…”

Le grosse lampade sporche mi sembrano ghiaccioli esagerati appena usciti dal congelatore; la loro luce rimbalza sui perni dei due grossi ventilatori che, tristi, aspettano immobili il ritorno dell’estate.

“… perché il compito in sé richiede una certa dose di rapidità…”

Le ombre delle gambe delle sedie si intrecciano e sovrappongono come i rami dei cespugli fitti dove, a scuola, correvo a nascondermi nei minuti di ricreazione. Momenti che si dilatavano all’infinito, facendomi perdere il senso del tempo e anche lo spazio perdeva consistenza. Non ero più lì, non ero più una bambina in un giardino, ma un’ospite di un mondo caldo, ovattato, dove luci e ombre, sensazioni, odori prendevano il sopravvento e mi catturavano. Mi soffermavo sulle venature delle sottili cortecce, sulle file di formiche soldato, sui mucchietti di terriccio smosso da insetti o lombrichi esploratori. Mi sentivo talmente protetta dai cunicoli cavernosi e segreti da dimenticare tutto il resto, così che il suono del “gong” doveva risuonare parecchie volte prima di introdursi faticosamente nella mia coscienza. “Din, don, dan, …“ inevitabilmente rientravo tardi in classe…

“… allenare la propria mente, è un’immagine che piace…”

Alle pareti pendono rappresentazioni di quadri che rappresentano fiori. Una croce, legno e oro. “Vietato fumare” dice il muro. Anche gli oggetti parlano. Di questo sono sempre stata convinta. Una delle tante particolarità che mi hanno spesso fatto sentire distante dai miei coetanei. Con loro riuscivo a giocare avventure spensierate, ma solo da sola con me stessa riuscivo a godere appieno della fantasia, potevo tornare a quel mondo dell’assurdo e della magia.

“… un contesto che acc…”

Sono tutti seduti, composti, attenti. Riescono a intervenire, parlare, discutere. Farsi capire, articolare pensieri. Io sono stanca di provarci. Ho tentato e stentato per tutta la vita. Forse semplicemente non sono fatta per tutto ciò. Non sono niente di speciale, non sono migliore. Ma non mi sento parte di loro. L’altro mondo mi appartiene di più.

Nell’aula la docente è ancora intenta a cercare le parole accurate per far passare i concetti fondamentali del corso, quando lo sguardo le cade sulla strana signora in fondo all’aula. Quella introversa, con la quale non ha scambiato molte parole durante le pause. Ora ha qualcosa di strano. La bocca è leggermente aperta. Lo sguardo fisso. E mentre la guarda la bocca si spalanca, il bianco degli occhi sorge a cancellare ogni forma di contatto. Gli occhiali scivolano, colano giù lungo il naso lungo. La testa prende una piega strana, si flette. Le spalle perdono tono, le braccia scivolano giù dal banco, la penna cade per terra.
L’insegnante si avvicina piano per capire cosa stia accadendo e vede fuoriuscire dal lato destro della bocca della donna un filo argenteo di saliva, che scorre piano sul mento, poi languidamente si stacca e va a bagnare la maglia sformata indossata dalla sua alunna. Lentamente come la goccia scivola anche il corpo morto, rimbomba a terra. Ogni legame, ogni attaccamento, ogni vincolo si scioglie.
Marcello Rizza
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 460
Iscritto il: 23/06/2015, 23:54

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Marcello Rizza »

Non so ancora perché, sto cercando di cogliere ogni aspetto di questo racconto, e quindi ribadisco, non so perché ma questo racconto concorrerà certamente per il podio. È istintivamente bello, ma come per ogni sua opera occorre una indagine appropriata, ne vale la pena. L'autrice ci spiegherà il titolo. Tornerò qui. Intanto, per stima e convinzione, voto senza dubbio "5".
Selene Barblan
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 665
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Marcello Rizza ha scritto: 28/09/2021, 22:09 Non so ancora perché, sto cercando di cogliere ogni aspetto di questo racconto, e quindi ribadisco, non so perché ma questo racconto concorrerà certamente per il podio. È istintivamente bello, ma come per ogni sua opera occorre una indagine appropriata, ne vale la pena. L'autrice ci spiegherà il titolo. Tornerò qui. Intanto, per stima e convinzione, voto senza dubbio "5".
Grazie Marcello, sei generoso; l’ho intitolato così perché nel mio immaginario la protagonista scivola via come una barca, salpa per altri mari, a modo suo…
Avatar utente
Alberto Marcolli
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 87
Iscritto il: 08/05/2018, 18:06

Author's data

Commento : Levare l'ancora

Messaggio da leggere da Alberto Marcolli »

Dopo ben quattro letture ho cominciato a capirci qualche cosa, ma sempre con molti dubbi.
E’ una scrittura ermetica, temo di dovermi abituare. Non è il primo testo che mi fa questa impressione. Ma non è mai troppo tardi per imparare: bene!
Si inizia in prima persona, facendo parlare la morta, questo l’ho capito (se l’ho capito) molto tempo dopo...
Ovvio che solo una mente allenata, io non lo sono, sa districarsi nel non detto e intuisce quello che a un semplice umano non è intuibile.
Negli ultimi due paragrafi si entra nella descrizione onnisciente dell’accaduto in una classe non meglio specificata, ovvero la morte della strana signora in fondo all’aula.
Raccontare in questo modo, giocando a non farsi capire, sarà anche divertente per chi scrive, ma come lettore non mi diverte, cosa ci posso fare?
Se ho preso delle cantonate spero che l’autrice non me ne vorrà.
Per ora non voto. Non vorrei sbagliare, visto, a quanto pare, che non è possibile cambiare idea.
Selene Barblan
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 665
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Re: Commento : Levare l'ancora

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Alberto Marcolli ha scritto: 29/09/2021, 15:04 Dopo ben quattro letture ho cominciato a capirci qualche cosa, ma sempre con molti dubbi.
E’ una scrittura ermetica, temo di dovermi abituare. Non è il primo testo che mi fa questa impressione. Ma non è mai troppo tardi per imparare: bene!
Si inizia in prima persona, facendo parlare la morta, questo l’ho capito (se l’ho capito) molto tempo dopo...
Ovvio che solo una mente allenata, io non lo sono, sa districarsi nel non detto e intuisce quello che a un semplice umano non è intuibile.
Negli ultimi due paragrafi si entra nella descrizione onnisciente dell’accaduto in una classe non meglio specificata, ovvero la morte della strana signora in fondo all’aula.
Raccontare in questo modo, giocando a non farsi capire, sarà anche divertente per chi scrive, ma come lettore non mi diverte, cosa ci posso fare?
Se ho preso delle cantonate spero che l’autrice non me ne vorrà.
Per ora non voto. Non vorrei sbagliare, visto, a quanto pare, che non è possibile cambiare idea.
Ciao Alberto, beh spero di non averti causato un mal di testa 😅.
Allora, solitamente tendo a non spiegare ciò che scrivo, però in questo caso mi sento di intervenire, anche perché ti sei dato la pena di leggerlo quattro volte… ti ringrazio già solo per questo.
Nella mia mente, probabilmente bacata, il paragrafo finale dovrebbe spiegare il tutto, evidentemente non è stato così, per lo meno per te. Il discorso in prima persona è effettivamente ciò che passa per la mente della “morta” come l’hai chiamata tu, mente segue una lezione (non si sa di cosa). Gli intermezzi tra virgolette sono stralci di ciò che sente ma che non riescono a catturare la sua attenzione. In questo quindi non ci siamo capiti, nel senso che succede tutto lo stesso giorno, infatti nel paragrafo finale con il cambio di prospettiva si vede ciò che le capita attraverso lo sguardo della docente.

Quindi capisco che sia per te difficile dare un voto positivo, non l’hai capito/non si capisce (questo lo valuterò meglio se avrò altri riscontri) e non è di tuo gusto, non c’è problema. Se avessi la pazienza di spiegarmi cosa, secondo te, manca per essere più comprensibile penso mi potrebbe essere utile, per questo o anche per ciò che forse scriverò in futuro.
Da altri tuoi commenti so anche che sei un lettore attento, mi interesserebbe sapere anche se hai qualche appunto/consiglio riguardo la forma. Senza impegno, già ne hai donato tanto a questa lettura, e vedo che la gara è piuttosto polposa.

Quindi vota senza remore, se poi proprio dovessi cambiare idea io ho lasciato l’opzione di poter modificare il voto. Non particolare paura dei numeri uno o due 😉
Namio Intile
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 361
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Namio Intile »

Ciao, Selene. Non sono afflitto ancora da demenza senile, perciò l'ho riconosciuto subito questo tuo magnifico racconto. Riconfermo dunque la recensione che ti lasciai oltre un anno or sono nella tua pagina personale.
Un caro saluto e voto massimo.
Avatar utente
Roberto Bonfanti
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 513
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

Il racconto è indubbiamente di valore, richiede un po' d'attenzione, come spesso capita per i tuoi scritti, e questo non è un difetto, anzi…
Bello il paragrafo dove la moritura rivede se stessa bambina e ricorda l'origine del suo sentirsi inadeguata alla vita, il segno di una sconfitta che viene da lontano.
Bella anche la scrittura, complimenti Selene!
Che ci vuole a scrivere un libro? Leggerlo è la fatica. (Gesualdo Bufalino)
https://chiacchieredistintivorb.blogspot.com/
Intervista su BraviAutori.it: https://www.braviautori.it/forum/viewto ... =76&t=5384
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine
Selene Barblan
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 665
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Namio Intile ha scritto: 30/09/2021, 11:30 Ciao, Selene. Non sono afflitto ancora da demenza senile, perciò l'ho riconosciuto subito questo tuo magnifico racconto. Riconfermo dunque la recensione che ti lasciai oltre un anno or sono nella tua pagina personale.
Un caro saluto e voto massimo.
Grazie Namio, sia per l’apprezzamento sia per la bellissima recensione che mi avevi regalato, un saluto a te.
Selene Barblan
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 665
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Roberto Bonfanti ha scritto: 30/09/2021, 18:47 Il racconto è indubbiamente di valore, richiede un po' d'attenzione, come spesso capita per i tuoi scritti, e questo non è un difetto, anzi…
Bello il paragrafo dove la moritura rivede se stessa bambina e ricorda l'origine del suo sentirsi inadeguata alla vita, il segno di una sconfitta che viene da lontano.
Bella anche la scrittura, complimenti Selene!
Grazie Roberto, queste tue parole mi fanno davvero molto piacere, soprattutto perché penso indichino un’evoluzione rispetto alle prime cose che ho proposto.
Laura Traverso
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 567
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

Il tuo racconto, non di immediata comprensione, è molto poetico dal mio punto di vista. Il fine vita di quella "bambina" è descritto al meglio durante la conferenza, di non si sa che cosa... Soprattutto la parte finale è veramente di grande impatto emotivo, ossia quanto la docente si rende conto che qualcosa di strano è capitato alla signora introversa seduta in fondo all'aula. Brava Selene, complimenti! Voto alto
Selene Barblan
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 665
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Grb2016 ha scritto: 02/10/2021, 14:26 L'impressione che ho avuto così di prima lettura,è quella di un surrealismo alla rovescia.
Qui non è l' inconscio che si evidenzia in significanti e significati,ma sono alcuni significati e significanti che invitano a navigare nell' inconscio.
Un levare le ancore interessante e quanto meno liberatorio😇
Ciao, grazie per il passaggio e per l’interessante commento.
Selene Barblan
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 665
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Laura Traverso ha scritto: 03/10/2021, 16:09 Il tuo racconto, non di immediata comprensione, è molto poetico dal mio punto di vista. Il fine vita di quella "bambina" è descritto al meglio durante la conferenza, di non si sa che cosa... Soprattutto la parte finale è veramente di grande impatto emotivo, ossia quanto la docente si rende conto che qualcosa di strano è capitato alla signora introversa seduta in fondo all'aula. Brava Selene, complimenti! Voto alto
Grazie Laura, sono felice di queste tue parole, soprattutto che ciò che ho scritto ha un impatto, è un bel risultato, trovo.
Temistocle
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 79
Iscritto il: 03/07/2021, 8:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Temistocle »

Non c'è molto da dire…
Si entra subito nell'ambiente, sia quello fisico che quello psicologico e spirituale.
La scrittura, poetica, supporta perfettamente la storia e la innalza di un gradino (non è facile trovare una scrittura che vada a braccetto con la storia!).
Tutto scorre come dovrebbe e via via personaggi e sfondo si fondono fino a che la 'decandenza' del personaggio si unisce a quella della cornice, anzi quasi ne viene inghiottita.
Non ho trovato alcuna stonatura stilistica o grammaticale: per me è tutto al meglio.
Il voto naturalmente è 5.
Selene Barblan
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 665
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Temistocle ha scritto: 04/10/2021, 10:48 Non c'è molto da dire…
Si entra subito nell'ambiente, sia quello fisico che quello psicologico e spirituale.
La scrittura, poetica, supporta perfettamente la storia e la innalza di un gradino (non è facile trovare una scrittura che vada a braccetto con la storia!).
Tutto scorre come dovrebbe e via via personaggi e sfondo si fondono fino a che la 'decandenza' del personaggio si unisce a quella della cornice, anzi quasi ne viene inghiottita.
Non ho trovato alcuna stonatura stilistica o grammaticale: per me è tutto al meglio.
Il voto naturalmente è 5.
Caspita, grazie mille Temistocle, che bel commento, sono felice ti sia piaciuto!
Andr60
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 240
Iscritto il: 15/11/2019, 15:45

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Andr60 »

Un racconto quasi onirico che si svela solo alla fine; di difficile lettura anche per me, che prediligo svolgimenti più lineari, però devo dire che mi ha "preso" e rimane impresso.
Complimenti, Selene
Selene Barblan
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 665
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Andr60 ha scritto: 07/10/2021, 19:04 Un racconto quasi onirico che si svela solo alla fine; di difficile lettura anche per me, che prediligo svolgimenti più lineari, però devo dire che mi ha "preso" e rimane impresso.
Complimenti, Selene
Grazie Andr60, mi fa molto piacere; è un’evoluzione rispetto ai primi racconti pubblicati, rimango un po’ troppo criptica forse, ciononostante il racconto ha fatto abbastanza presa, guardando la maggioranza dei commenti ricevuti.
Anto58
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 30
Iscritto il: 07/03/2021, 18:21

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Anto58 »

Anche per me il racconto è stato di lettura difficile, nel senso che non ho compreso subito chi fosse la signora che stava morendo. E' una bella storia, scritta molto bene, intima e profonda, il finale mi lascia perplessa, è molto duro, quasi fulminante, avrei preferito più dolcezza in linea con il tratto intimistico del racconto. Voto 4
Selene Barblan
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 665
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Anto58 ha scritto: 13/10/2021, 18:28 Anche per me il racconto è stato di lettura difficile, nel senso che non ho compreso subito chi fosse la signora che stava morendo. E' una bella storia, scritta molto bene, intima e profonda, il finale mi lascia perplessa, è molto duro, quasi fulminante, avrei preferito più dolcezza in linea con il tratto intimistico del racconto. Voto 4
Ciao Anto58, grazie per il tuo commento; capisco il tuo commento riguardo il finale e che non sia del tutto di tuo gusto, però se ti ha spiazzato mi fa pensare che sia efficace (dal mio punto di vista). Grazie anche per il tuo bel voto!
Giovanni p
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 42
Iscritto il: 13/10/2021, 17:38

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Giovanni p »

La storia in sé per sé non mi ha entusiasmo, ma è un mio gusto personale infatti ho dato 4. È scritta veramente bene le descrizioni scivolano senza stridere, i tempi e la scorrevolezza sono piacevoli e le parole sono sempre ben scelte
Egidio
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 52
Iscritto il: 14/04/2021, 6:05

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Egidio »

Anche a me il tuo racconto è piaciuto tantissimo. Da quel che ho capito, è ambientato in una chiesa dove un' insegnante sta tenendo una non ben precisata lezione. Vengono descritti i pensieri di una sua allieva poco prima che quest'ultima muoia, colpita presumibilmente da un ictus. Molto efficace il colpo di scena finale.
Selene Barblan
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 665
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Giovanni p ha scritto: 16/10/2021, 20:11 La storia in sé per sé non mi ha entusiasmo, ma è un mio gusto personale infatti ho dato 4. È scritta veramente bene le descrizioni scivolano senza stridere, i tempi e la scorrevolezza sono piacevoli e le parole sono sempre ben scelte
Ciao Giovanni p, grazie per il tuo commento e per il giudizio positivo!
Selene Barblan
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 665
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Egidio ha scritto: 19/10/2021, 6:32 Anche a me il tuo racconto è piaciuto tantissimo. Da quel che ho capito, è ambientato in una chiesa dove un' insegnante sta tenendo una non ben precisata lezione. Vengono descritti i pensieri di una sua allieva poco prima che quest'ultima muoia, colpita presumibilmente da un ictus. Molto efficace il colpo di scena finale.
Grazie Egidio; effettivamente quando l’ho scritto pensavo a una stanza facente parte di un complesso religioso ma non proprio una chiesa. Grazie mille per il commento e il giudizio positivo!
Stefyp
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 332
Iscritto il: 26/07/2019, 18:48

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Stefyp »

La prima lettura non mi ha entusiasmato, l'ho riletta una seconda volta e sono entrata un pochino più nel racconto. In genere i testi che dicono e non dicono non mi piacciono molto. Forse spiegare qualche passaggio avrebbe dato più fluidità al tutto, secondo me. Non hai voluto esplicitare l'argomento del corso, io l'avrei fatto, avrei dato un senso alle frasi del docente, magari la spiegazione di un'opera artistica... così sembrano frasi messe a caso che distolgono l'attenzione del lettore. Ovviamente questo è il mio umile parere. Lo stile invece mi piace, scorre vie bene. Mi permetto un paio di appunti:
"rappresentazioni di quadri che rappresentano" qui c'è una ripetizione,
"fuoriuscire dal lato destro della bocca", basta fuoriuscire dalla bocca, il resto spezza il ritmo,
"Le grosse lampade sporche mi sembrano ghiaccioli esagerati appena usciti dal congelatore" è l'unica descrizione che non mi piace, eliminerei per prima cosa l'aggettivo esagerati. Altre descrizioni invece sono ottime.
Avatar utente
Alberto Marcolli
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 87
Iscritto il: 08/05/2018, 18:06

Author's data

Re: Levare l'ancora

Messaggio da leggere da Alberto Marcolli »

Mi sono permesso di eseguire una analisi più approfondita del racconto (gradita spero).

Segnalazioni sul testo
appesa, ma sembra quasi sospesa --- appesa… sospesa
sguardo vaga. Ora guardo --- sguardo… guardo
le pareti pendono rappresentazioni di quadri che rappresentano fiori --- rappresentazioni --- rappresentano
'insegnante si avvicina piano per capire cosa stia accadendo e vede fuoriuscire dal lato destro della bocca della donna un filo argenteo di saliva, che scorre piano sul mento --- Due volte avverbio piano in poche righe

poi languidamente si stacca e va a bagnare la maglia sformata indossata dalla sua alunna. Lentamente come --- due avverbi in …mente in due righe

Proposta per evitare l'uso ravvicinato della preposizione "delle"
"Le ombre delle gambe delle sedie si intrecciano e sovrappongono come i rami" --- "Le gambe delle sedie allungano ombre che s'intrecciano e sovrappongono come i rami"

Considerazioni sul racconto:

L'autore vuole comunicarmi qualche cosa? NO
L'autore esprime il suo punto di vista? NO
Riesce l' autore a trasmettermi un messaggio, anche senza formularlo in maniera esplicita? NO

Quali principali sentimenti suscita in me la lettura del racconto?
Piacere? Non direi
Sorpresa? In parte, se non altro perché rimane oscuro fino al finale, e tutto sommato è un pregio.
Emozione? NO
Dolore? Sempre quando ci sono dei morti
Ilarità? Proprio no

CONCLUSIONE: il racconto non comunica niente di particolare, e non trasmette messaggi. Cattura in parte la mia attenzione, non suscita piacere, non emoziona, non fa sorridere, in compenso sorprende nella svolgimento della sua trama e parlando di morti suscita anche dolore.
Franco Giori
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 18
Iscritto il: 10/01/2021, 15:44

Author's data

Levare l'ancora

Messaggio da leggere da Franco Giori »

Un racconto "Barblanesco", ovvero caratterizzato da minuziose descrizioni di oggetti e soggetti marginali. Nella donna protagonista, chi più chi meno, possiamo ritrovarci tutti. Dubito ci siano persone che mai si sono sentite diverse, incomprese, estranee al "mondo normale". Nell'Anno del Dragone di quel cattivone di Virdò ti segnalo: TOP "la loro luce rimbalza sui perni di due grossi ventilatori che, tristi, aspettano immobili il ritorno dell'estate". Descrivi al meglio la frustrazione delle due ventole in cassa integrazione. DOWN, riga 38 "Momenti che si dilatavano all'infinito, facendomi perdere il senso del tempo e anche lo spazio perdeva consistenza". Dopo "tempo" o punto, o punto e virgola, oppure "e la consistenza dello spazio". Secondo me. Il tuo racconto non è nelle mie corde di narratore: per scrivere ho bisogno di una trama, sennò la tastiera resta disoccupata come i ventilatori di "Levare l'ancora". Per questo, colmo d'invidia, ti assegno un 5. Ciao, Franco.
Selene Barblan
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 665
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Re: Levare l'ancora

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Ciao Alberto, scusami se rispondo solo ora, mi sa che sono entrata in letargo un po’ in anticipo.

Innanzitutto ti ringrazio molto per aver ripreso in mano il mio testo e per avergli dedicato del tempo. Tra le prime letture e quest’ultima analisi mi sembra che “mi hai dato” molto”, a prescindere dal gradimento. Quindi sì, è apprezzato.

Ho letto le tue segnalazioni sul testo, grazie; sicuramente modificherò quel raddoppio dell’avverbio “piano”, che è effettivamente una ripetizione. Le altre segnalazioni: ritengo che non si possano considerare errori (appesa/sospesa e guardò/sguardo, rappresentazioni ripetuto) ma piuttosto una questione di stile, che ovviamente può non piacere. A me serviva per dare una certa cadenza alle frasi, mi piace così e non credo che lo modificherò.

Languidamente/lentamente prenderò in considerazione l’idea di cambiarne uno

Proposta per evitare l'uso ravvicinato della preposizione "delle"
"Le ombre delle gambe delle sedie si intrecciano e sovrappongono come i rami" --- "Le gambe delle sedie allungano ombre che s'intrecciano e sovrappongono come i rami"

Ottima proposta, grazie.

Riguardo le considerazioni sul racconto. Le rispetto ma mi sento di dover “ribattere”:

L'autore vuole comunicarmi qualche cosa? NO
L'autore esprime il suo punto di vista? NO

Considerazioni discutibili; forse il messaggio e il punto di vista non arrivano (a te per lo meno), ma non credo tu possa sapere cosa passava nella mia mente mentre lo scrivevo. Inoltre a mio parere in un racconto non bisogna forzatamente esprimere un punto di vista, un messaggio o altro. Credo (senza certezze perché quando scrivo non ragiono quasi mai, e forse è questo che può non piacere), di scrivere per condividere un mio mondo, e per vedere come esso si riflette negli occhi degli altri.

Riesce l' autore a trasmettermi un messaggio, anche senza formularlo in maniera esplicita? NO

Più o meno ho già risposto a questo.

Quali principali sentimenti suscita in me la lettura del racconto?
Piacere? Non direi
Sorpresa? In parte, se non altro perché rimane oscuro fino al finale, e tutto sommato è un pregio.
Emozione? NO
Dolore? Sempre quando ci sono dei morti
Ilarità? Proprio no

Che il racconto non susciti piacere o ilarità credo proprio sia naturale, dato che parla di noia estrema e distacco/morte, da ciò che scrivi (ma forse mi sbaglio), sembra che suscitare dolore nella lettura sia una cosa negativa. In questo non mi trovo d’accordo. Il dolore è una cosa potente e va espresso, evitarlo porta secondo me a danni ancora più gravi. Ma forse ho frainteso. Mi stupisce un po’ anche quando dici che non suscita emozioni, in quanto dolore e sorpresa sono effettivamente emozioni. Questo risponde anche al tuo commento finale:


CONCLUSIONE: il racconto non comunica niente di particolare, e non trasmette messaggi. Cattura in parte la mia attenzione, non suscita piacere, non emoziona, non fa sorridere, in compenso sorprende nella svolgimento della sua trama e parlando di morti suscita anche dolore.

Detto ciò, ancora grazie per il tuo commento, lo trovo utile e mi permette di comprendere il tuo punto di vista (e probabilmente anche quello di altri).
Selene Barblan
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 665
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Re: commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Stefyp ha scritto: 19/10/2021, 21:54 La prima lettura non mi ha entusiasmato, l'ho riletta una seconda volta e sono entrata un pochino più nel racconto. In genere i testi che dicono e non dicono non mi piacciono molto. Forse spiegare qualche passaggio avrebbe dato più fluidità al tutto, secondo me. Non hai voluto esplicitare l'argomento del corso, io l'avrei fatto, avrei dato un senso alle frasi del docente, magari la spiegazione di un'opera artistica... così sembrano frasi messe a caso che distolgono l'attenzione del lettore. Ovviamente questo è il mio umile parere. Lo stile invece mi piace, scorre vie bene. Mi permetto un paio di appunti:
"rappresentazioni di quadri che rappresentano" qui c'è una ripetizione,
"fuoriuscire dal lato destro della bocca", basta fuoriuscire dalla bocca, il resto spezza il ritmo,
"Le grosse lampade sporche mi sembrano ghiaccioli esagerati appena usciti dal congelatore" è l'unica descrizione che non mi piace, eliminerei per prima cosa l'aggettivo esagerati. Altre descrizioni invece sono ottime.
Ciao Stefyp, grazie anche a te per l’attenzione che dedichi sempre ai racconti.
Sì, capisco il tuo punto di vista riguardo l’aspettò ermetico del racconto. Non esplicito l’argomento del corso perché è ininfluente, è ciò che annoia la protagonista, ciò che la allontana e la fa tornare all’infanzia e al suo mondo interiore. Riguardo agli appunti di stile grazie, sicuramente rivedrò il testo e aggiusterò.
Mariovaldo
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 99
Iscritto il: 16/12/2019, 7:27
Contatta:

Author's data

Re: Levare l'ancora

Messaggio da leggere da Mariovaldo »

Confesso: ho dovuto costringermi a proseguire sino alla fine, colpa, se si puo' chiamare cosi , della mia propensione a brani che non impegnino i miei pochi neuroni superstiti,
Arrivato in fondo, direi che ne e' valso lo sforzo, la pagina e' di quelle che non si dimenticano cinque minuti dopo la lettura. Apprezzata molto la scrittura e il linguaggio, merita di certo un voto alto.
Selene Barblan
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 665
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Re: Levare l'ancora

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Franco Giori ha scritto: 26/10/2021, 7:48 Un racconto "Barblanesco", ovvero caratterizzato da minuziose descrizioni di oggetti e soggetti marginali. Nella donna protagonista, chi più chi meno, possiamo ritrovarci tutti. Dubito ci siano persone che mai si sono sentite diverse, incomprese, estranee al "mondo normale". Nell'Anno del Dragone di quel cattivone di Virdò ti segnalo: TOP "la loro luce rimbalza sui perni di due grossi ventilatori che, tristi, aspettano immobili il ritorno dell'estate". Descrivi al meglio la frustrazione delle due ventole in cassa integrazione. DOWN, riga 38 "Momenti che si dilatavano all'infinito, facendomi perdere il senso del tempo e anche lo spazio perdeva consistenza". Dopo "tempo" o punto, o punto e virgola, oppure "e la consistenza dello spazio". Secondo me. Il tuo racconto non è nelle mie corde di narratore: per scrivere ho bisogno di una trama, sennò la tastiera resta disoccupata come i ventilatori di "Levare l'ancora". Per questo, colmo d'invidia, ti assegno un 5. Ciao, Franco.
Aha “Barblanesco” mi piace 😀 devo dire che ci hai anche azzeccato, è al 90% autobiografico, tranne il finale (o forse no? 👻). Se devo essere sincera è partito un po’ come un esperimento, poi tempo fa l’ho pubblicato e per questa gara, non avendo niente di nuovo l’ho proposto, anche perché mi convinceva ancora abbastanza.
Grazie per gli input, prenderò il tempo, giuro per ritoccarlo secondo i vari input.
Capisco bene anche le tue considerazioni finali, grazie mille per il tuo tempo e per le tue considerazioni! E per il bel voto.
Selene Barblan
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 665
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Re: Levare l'ancora

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Mariovaldo ha scritto: 30/10/2021, 11:25 Confesso: ho dovuto costringermi a proseguire sino alla fine, colpa, se si puo' chiamare cosi , della mia propensione a brani che non impegnino i miei pochi neuroni superstiti,
Arrivato in fondo, direi che ne e' valso lo sforzo, la pagina e' di quelle che non si dimenticano cinque minuti dopo la lettura. Apprezzata molto la scrittura e il linguaggio, merita di certo un voto alto.
Ciao Mariovaldo, grazie per la resilienza 😃 riguardo i neuroni non voglio contraddirti ma quelli che hai lavorano al 1000 per mille a giudicare da come scrivi! Tornando a ciò che ho scritto io sono felice già del fatto che non passi inosservato e che sia scritto bene. Grazie quindi per il commento e il bel voto!
Rispondi

Torna a “Gara d'autunno, 2021”


Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 39 - Le nostre scelte generano molti mondi

La Gara 39 - Le nostre scelte generano molti mondi

(giugno 2013, 40 pagine, 630,19 KB)

Autori partecipanti: Scrittore 97, Lodovico, Robygian, Filippo Puddu, Rovignon, Anto Pigy, Nunzio Campanelli, Ser Stefano, Monica Porta may bee,
A cura di Nunzio Campanelli.
Scarica questo testo in formato PDF (630,19 KB) - scaricato 230 volte.
oppure in formato EPUB (551,18 KB) (vedi anteprima) - scaricato 231 volte..
Lascia un commento.

Calendario BraviAutori.it "Writer Factor" 2014 - (in bianco e nero)

Calendario BraviAutori.it "Writer Factor" 2014 - (in bianco e nero)

(edizione 2014, 4,52 MB)

Autori partecipanti: (vedi sopra),
A cura di Tullio Aragona.
Scarica questo testo in formato PDF (4,52 MB) - scaricato 254 volte..

La Gara 29 - Storie parallele

La Gara 29 - Storie parallele

(marzo 2012, 44 pagine, 863,42 KB)

Autori partecipanti: Polly Russel, Nathan, Lodovico, Jane90, Conrad, Carlocelenza, Tuareg, Luigi Bonaro, Lorella15, Roberta Michelini, Antonella P, Diego Capani,
A cura di Ser Stefano.
Scarica questo testo in formato PDF (863,42 KB) - scaricato 173 volte.
oppure in formato EPUB (794,38 KB) (vedi anteprima) - scaricato 463 volte..
Lascia un commento.





Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Blue Bull

Blue Bull

Poliziesco ambientato a Chicago e Nuovo Messico

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma appartiene a un amico "speciale" dell'Associazione culturale.
Un poliziesco vecchio stile, cazzuto, ambientato un po' a Chicago e un po' in New Mexico, dove un poliziotto scopre di avere un figlio già adulto e, una volta deciso di conoscerlo, si accorgerà che non sarà così semplice. Una storia dura e forse anche vera.
Frank Malick, attempato sergente della polizia di Chicago, posto finalmente di fronte alle conseguenze d'una sua mancanza commessa molti anni prima, intraprende un viaggio fino in Nuovo Messico alla ricerca di qualcosa a metà tra il perdono delle persone che aveva fatto soffrire e la speranza di un'improbabile redenzione.
Di Massimo Baglione e Cataldo Balducci.
Vedi ANTEPRIMA (482,65 KB scaricato 233 volte).
info e commenti compralo su   amazon


Non spingete quel bottone

Non spingete quel bottone

antologia di racconti sull'ascensore

Hai mai pensato a cosa potrebbe accadere quando decidi di mettere piede in un ascensore? Hai immaginato per un attimo a un incontro fatale tra le fredde braccia della sua cabina? Hai temuto, per un solo istante, di rimanervi chiuso a causa di un imponderabile guasto? E se dietro a quel guasto ci fosse qualcosa o qualcuno?
Trentuno autori di questa antologia dedicata all\'ascensore, ideata e curata da Lorenzo Pompeo in collaborazione col sito BraviAutori.it, hanno provato a dare una risposta a queste domande.
A cura di Lorenzo Pompeo
Introduzione dell\'antropologo Vincenzo Bitti.
Illustrazioni interne di Furio Bomben e AA.VV.
Copertina di Roberta Guardascione.

Contiene opere di: Vincenzo Bitti, Luigi Dinardo, Beatrice Traversin, Paul Olden, Lodovico Ferrari, Maria Stella Rossi, Enrico Arlandini, Federico Pergolini, Emanuele Crocetti, Roberto Guarnieri, Andrea Leonelli, Tullio Aragona, Luigi Bonaro, Umberto Pasqui, Antonella Provenzano, Davide Manenti, Mara Bomben, Marco Montozzi, Stefano D'Angelo, Amos Manuel Laurent, Daniela Piccoli, Marco Vecchi, Claudio Lei, Luca Carmelo Carpita, Veronica Di Geronimo, Riccardo Sartori, Andrea Andolfatto, Armando d'Amaro, Concita Imperatrice, Severino Forini, Eliseo Palumbo, Diego Cocco, Roberta Eman.
Vedi ANTEPRIMA (2,58 MB scaricato 513 volte).
info e commenti compralo su   amazon


BiciAutori - racconti in bicicletta

BiciAutori - racconti in bicicletta

Trentun paia di gambe hanno pedalato con la loro fantasia per guidarci nel puro piacere di sedersi su una bicicletta ed essere spensierati, felici e amanti della Natura.
A cura di Massimo Baglione.
Copertina e logo di Diego Capani.

Contiene opere di: Alessandro Domenici, Angelo Manarola, Bruno Elpis, Cataldo Balducci, Concita Imperatrice, Cristina Cornelio, Cristoforo De Vivo, Eliseo Palumbo, Enrico Teodorani, Ettore Capitani, Francesco Paolo Catanzaro, Germana Meli (gemadame), Giovanni Bettini, Giuseppe Virnicchi, Graziano Zambarda, Iunio Marcello Clementi, Lodovico Ferrari, Lorenzo Dalle Ave, Lorenzo Pompeo, Patrizia Benetti, Raffaella Ferrari, Rebecca Gamucci, Rosario Di Donato, Salvatore Stefanelli, Sara Gambazza, Sandra Ludovici, Sonia Piras, Stefano Corazzini, Umberto Pasqui, Valerio Franchina, Vivì.
Vedi ANTEPRIMA (1,29 MB scaricato 371 volte).
info e commenti compralo su   amazon