Io non vendo

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'autunno 2021.

Sondaggio

1 - non mi piace affatto
0
Nessun voto
2 - mi piace pochino
0
Nessun voto
3 - si lascia leggere
0
Nessun voto
4 - è bello
7
100%
5 - mi piace tantissimo
0
Nessun voto
 
Voti totali: 7

Temistocle
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 44
Iscritto il: 03/07/2021, 8:53

Author's data

Io non vendo

Messaggio da leggere da Temistocle »

leggi documento Spiacente ma, in questo browser, la lettura a voce non funziona.

Sopra le nuvole c'è sempre il sole, da qualche parte.
Così stava pensando Gustav mentre tornava a casa.
Aveva chiuso una mezz'ora prima la gioielleria e ora voleva pensare solo ad una doccia, una mozzarella di bufala con olio e origano e una birra rossa.
Il tutto davanti alla TV che avrebbe potuto trasmettere qualsiasi cosa, perché a lui interessava solo il brusio di fondo.
Sopra le nuvole c'è sempre il sole, si diceva ripensando alla giornata di lavoro; e se le nuvole erano il negozio, il sole era la sua casa che l'aspettava accogliente.
Passò al semaforo col giallo e girò a destra sul viale che portava ad una serie di villette. La terza era la sua.
A cinquant'anni Gustav si teneva fisicamente ancora bene, grazie anche al tennis settimanale e al footing che praticava ogni mattina.
Era sempre stato uno sportivo e il suo metro e ottantacinque di altezza gli aveva permesso di sviluppare anche una muscolatura invidiabile.
Viso sempre ben rasato e capelli a spazzola (che ormai cominciavano a virare sul sale e pepe) lo facevano assomigliare ad un marine in servizio permanente.
Al contrario di Frederik, il suo socio nella gioielleria da più di dieci anni.
Frederik si era lasciato andare dopo che Eveline, la moglie, se ne era andata sei anni prima portandosi dietro la figlia. Il suo sport preferito era la scelta della bottiglia di vino da aprire e terminare nell'arco di un pranzo o una cena. E spesso anche di un mattino o di un pomeriggio.
Ma aveva la dote di essere simpatico ed empatico; un giullare, insomma.
Era per questo che Gustav lo aveva accettato come socio nell'attività: il suo savoir faire, il suo sapersi presentare ai clienti serviva alla causa specie quando l'acquirente era indeciso.
E un altro motivo che aveva spinto Gustav ad allargare la società era che Frederik ci metteva un bel po' di soldi.
Tuttavia questa loro miscela di caratteri e presenze non faceva molto bene alla ditta. Sempre più spesso ultimamente litigavano anche per minuzie, ma la ragione principale era che Frederik voleva mollare.
Più volte aveva chiesto a Gustav di sciogliere la società o almeno di avere la sua parte e liberarsi della gioielleria.
E questo Gustav non poteva permetterselo, soprattutto perché la parte di Frederik era la più grossa e lui non avrebbe saputo dove prendere i soldi per liquidarlo senza vendere la gioielleria che era molto ben avviata e con una clientela tra le più prestigiose della città.
Sopra le nuvole c'è sempre il sole, si diceva, ma ormai le nuvole erano arrivate fin lì: la Chevrolet Bel Air verde pistacchio di Frederik, infatti, era parcheggiata davanti a casa sua.
Gustav entrò nel vialetto che portava al garage e dallo specchietto retrovisore vide l'altra auto muoversi e mettersi dietro la sua.
E ora cosa c'è? si chiese. Non bastano otto ore al giorno di discussioni continue?
Scese dall'auto, prese la valigetta e si avviò verso la veranda in legno su cui si affacciava la porta di casa, facendo finta di non aver visto la manovra del socio.
- Ehi, Gustav!
La voce di Frederik era allegra, come sempre, come se fosse lì per organizzare il barbeque domenicale.
Gustav si girò mentre saliva i gradini e fece all'amico un cenno di saluto con la mano.
Il tempo di infilare la chiave nella toppa e Frederik era già dietro di lui.
- Anche stasera stessa solfa Gustav? Verdurine, fettina e patatine? Ma quand'è che cambi e provi un bel McDonald?
Gustav entrò in casa e aspettò che Frederik entrasse per chiudere la porta; sempre senza dire una parola.
- Quand'è che cambi tu, piuttosto? Non vedi come sei ingrassato? – disse Gustav mettendo la valigetta sul tavolo. Si tolse la giacca e sedette sul divano.
- Cosa vuoi, piuttosto? Non mi dire che sei arrivato fin qui solo per fare una lezione di dietetica? – continuò mentre Frederik sedeva sulla poltrona in finta pelle rossa che era 'sua' quando andava a trovare l'amico.
- Ok, stasera stai nervoso… - il tono della sua voce era calato almeno di un'ottava. – Vengo subito al punto: ho trovato un acquirente.
Gustav rimase a guardare l'altro per un po'. Non sapeva se farsi una risata, essere arrabbiato o far finta di stare a ragionarci su.
- Quindi mi stai dicendo che nonostante sai come la penso su questa cosa, ti sei dato da fare, hai parlato in giro e, così per caso, un giorno ti si è parato davanti qualcuno che ti ha detto: "sai che c'è? ho sempre sognato di comprare una gioielleria!" È così, vero?
- Gustav! Non fare lo stronzo! È una cosa seria! – sbottò Frederik.
Il tono della sua voce era risalito e per un attimo sembrò virare verso l'incazzato. Poi si raddolcì nuovamente.
- Hai capito quello che voglio dire. Finora ne abbiamo parlato tutti i giorni ma sempre in astratto, come un progetto futuro. Ora invece è una cosa vera, attuale: c'è un tizio che vorrebbe rilevare la nostra attività e ad un prezzo che è anche superiore a quello che io avevo immaginato.
- Ecco: che [i]tu[/i] avevi immaginato, perché come sai molto bene, [i]io[/i] non ho nessuna intenzione di vendere la gioielleria.
Frederik stava facendo andare i neuroni a mille perché pensava che la cosa dell'acquirente possibile potesse portare una novità nelle loro discussioni permanenti.
Ma fu Gustav a parlare:
- Se proprio sei convinto della tua decisione, vendigli la tua parte e risolviamo così.
Frederik rimase spiazzato per un attimo, poi cercò di prender tempo.
- Ma guarda che non c'è niente di certo! Solo due chiacchiere al pub di sera. Si faceva per parlare, era solo un'idea: lui ha un bel po' di soldi da investire e noi vorremmo andarcene in pensione a goderci la vita. Così ho pensato che le due cose potessero quagliare insieme…
- Le due cose – rispose Gustav – non possono [i]quagliare [/i]come dici tu, perché io non ho nessuna intenzione di andare in pensione e quindi di vendere. Ti ripeto: se vuoi, vendigli la tua parte.
- Ma lui è un tipo decisionista, sai di quelli che sono abituati a prendere le decisioni personalmente su tutto e non è disposto a spartire…
Gustav l'interruppe:
- Ma avete fatto due chiacchiere o avete stesso proprio un contratto? Perché mi sembra che per essere solo due chiacchiere sono abbastanza approfondite.
- Ma no! Ci mancherebbe! Cosa vai a pensare! Dopo un paio di bourbon cosa vuoi che si facciano discorsi seri…
- Ecco, benissimo allora. La mia risposta è sempre quella che ti ho dato da quando abbiamo iniziato queste inutili discussioni.
Nel silenzio che seguì si udirono dei colpi alla porta.
- Aspetti qualcuno? Una cenetta galante? Chiese Frederik buttando sul ridere una discussione che si stava facendo tesa.
- Ma quale cenetta galante, non aspetto nessuno… - rispose Gustav alzandosi e andando ad aprire.
Quello che successe dopo accadde in pochi istanti.
Appena Gustav ebbe aperto la porta, due uomini col volto coperto da un passamontagna fecero irruzione nella stanza. Tutti e due erano armati.
Il primo ad entrare puntò la pistola contro Gustav e lo spinse fino a farlo cadere sul divano, mentre l'altro chiudeva la porta.
- Lui chi è? – disse l'uomo facendo segno verso Frederik.
Gustav riprese subito il controllo e disse a sua volta:
- Chi siete voi, piuttosto, e cosa volete?
L'uomo, alto e robusto, ribatté:
- Io faccio le domande, perché io ho questa – e mostrò l'arma.
Nel frattempo l'altro uomo era andato dietro la poltrona di Frederik e gli stava puntando la pistola alla nuca.
Gustav capì che era meglio assecondare quella gente.
- Lui è Frederik, un mio amico.
- Ah, il tuo socio!
- Come fate a sapere… - cominciò Gustav, ma l'uomo lo interruppe:
- Sappiamo, certo che sappiamo. Sappiamo che hai, anzi avete, la gioielleria ed è per questo che siamo qui.
- Cosa c'entra la gioielleria?
- C'entra, perché nella gioielleria ci sono i gioielli e i soldi. Sappiamo che non versi mai l'incasso giornalmente, che metti tutto in cassaforte e vai in banca una volta la settimana, cioè domani. Perciò ora lì dentro ci saranno un bel po' di soldi ad aspettare. E, se non l'hai capito, aspettano noi.
Gustav cominciò a focalizzare la situazione: era come aveva letto tante volte nei libri gialli: i cattivi arrivano a casa, sequestrano la famiglia e poi aspettano che uno di loro vada a prendere i soldi. Se non torna, i cattivi fanno una strage. Ma lui non aveva famiglia e loro non sapevano che Frederik era lì…
- Il nostro piano era un po' diverso, veramente… - disse l'uomo incappucciato. – Saremmo dovuti andare tutti insieme a fare una passeggiata per prendere i soldi, ma ora c'è il tuo amico e socio qui, quindi si fa una variazione sul tema. Io e lui restiamo qui a fare compagnia a … come ha detto che ti chiami? disse rivolgendosi a Frederik.
- Frederik e…
- Non mi interessa altro. Stavo dicendo che noi restiamo qui a fare compagnia a Frederik e tu vai a prendere i soldi. Non vogliamo i gioielli, ché quelli si riconoscono facilmente e si possono rintracciare. I soldi invece hanno tutti lo stesso profumo. Hai … vediamo … un'ora e mezza per andare e tornare con la valigetta piena. Se non torni in tempo … penso che tu abbia capito cosa succederà al tuo amico e socio, vero?
Gustav assentì col capo. Rimase ancora qualche secondo seduto, poi si alzò e andò verso il tavolo.
- Dove vai? – sibilò l'uomo.
- Mi serve la valigetta se devo metterci i soldi.
- Ok, te la prendo io, non vorrei tu avessi qualche sorpresa dentro.
- Ma quale sorpresa…
L'uomo prese la valigetta, la aprì e svuotò il contenuto sul tavolo: qualche foglio intestato, uno spazzolino e un pettine.
- Che vita grama che fai, amico! Neanche una rivista porno, qualche foto di squinzie, che so'…
- Gliel'ho sempre detto che fa' una vita da monaco certosino! – esclamò Frederik.
- Qualcuno ha chiesto il tuo parere, socio? – disse l'uomo voltandosi di scatto. – Tu sei solo merce di scambio adesso, capito?
- Ok… - mormorò Frederik.
- Eccoti la valigetta. Sai quello che devi fare e quanto tempo hai.
Diede la valigetta a Gustav e guardò l'orologio.
- Sono le 21:30, se entro le 23 non sei qui, preparati a dover pulire quella bella poltrona domattina. Non mi sembra di dover aggiungere che chiamare la polizia non è salutare per lui e a questo punto neanche per te, ti pare?
Gustav guardò Frederik che ricambiò uno sguardo terrorizzato.
- Vai, Gustav, fai presto…
- Hai sentito? Fai presto, l'orologio è già partito.
Gustav uscì. Stava ancora cercando di metabolizzare quello che era accaduto negli ultimi quindici minuti.
Andò verso la sua auto, ma mentre saliva si rese conto che era bloccata da quella di Frederik. L'avrebbe dovuta spostare per uscire con la sua, ma pensò che avrebbe perso minuti preziosi.
Così andò verso la Chevrolet di Frederik e salì.
Le chiavi non erano nel quadro, ma sapeva che Frederik le teneva sempre nella tasca dello sportello.
Infilò la mano e le tirò fuori. Al portachiavi, una specie di fermaglio porta soldi in oro, rimase attaccato un foglio piegato in due. Lo gettò sul sedile del passeggero, sopra la valigetta.
A quell'ora non c'era molto traffico, ma era sempre bene rispettare il codice della strada, pensò Gustav; vedi mai che qualche zelante poliziotto decida che sto superando i limiti di velocità o abbia bruciato un giallo e mi fermi.
Uscì dalla traversa che dalla zona residenziale dove abitava immetteva sulla principale e dovette frenare bruscamente per non essere centrato da un pick up bianco che arrivava a tutta velocità.
La valigetta e il foglio caddero dal sedile, ma ora non aveva tempo per riprenderli.
Seguì il flusso del traffico.
Vide in lontananza un semaforo che era appena passato al giallo. Rallentò e si fermò allo stop dietro un paio di auto.
Si chinò a raccogliere valigetta e foglio e li appoggiò sul sedile. Buttò un occhio all'orologio dell'auto: erano trascorsi venti minuti, quindi era in perfetto orario.
La mente andò a casa dove c'erano Frederik e i due uomini armati.
Cosa sarebbe potuto accadere se non tornava in tempo?
Veramente alle ventitre e un minuto Frederik sarebbe stato ucciso?
Guardò verso la valigetta in cui doveva mettere i soldi e notò che il foglio che era poggiato sopra era intestato alla gioielleria.
Lo prese e cominciò a leggere. Era firmato da Frederik e aveva come destinatario un nome che non conosceva.
Sentì un clacson dietro di lui, alzò gli occhi e vide che il semaforo era diventato verde. Ingranò la marcia e ripartì gettando il foglio sul cruscotto.
Ma la curiosità lo vinse quando scorse sul foglio una cifra scritta in grassetto. Ed era una grossa cifra.
Nella testa cominciarono a rincorrersi immagini e situazioni.
Vedeva i due uomini armati e la cassaforte. Riandava alla discussione con Frederik di poco prima, al suo essere evasivo e gigionesco. Sentì lo stress a cui lo sottoponeva il socio, sempre con lo stesso argomento: vendiamo, vendiamo…
Accostò l'auto: doveva leggere quel foglio. Un minuto in più non avrebbe mandato a monte l'operazione e sarebbe tornato in tempo a casa per evitare che Frederik fosse ucciso.
Prese il foglio e lo scorse con calma da cima a fondo.
In pratica era un impegno della gioielleria (non personale di Frederik ma della ditta!) a vendere l'attività al sig. Males entro sei mesi per una cifra che era sicuramente sovrastimata. (Doveva dare atto a Frederik, comunque, che ci sapeva fare veramente.)
Ecco il motivo della visita improvvisa del suo socio! Della sua insistenza malcelata!
Avrebbe fatto di tutto per convincerlo a vendere perché si era impegnato per iscritto. E, da quel che vedeva, si era già intascato una sostanziosa caparra.
Gustav rimase appoggiato sul volante a fissare il foglio.
Come aveva potuto arrivare a tanto? E come pensava di convincerlo?
Questo "scherzo" stavolta non glielo avrebbe fatto passare. Doveva capire che quando era troppo, era troppo. Una volta finita quella storia assurda e criminale, l'avrebbe affrontato a brutto muso.
Non la poteva passare liscia.
Guardò l'orologio del cruscotto: erano le 22:22.
Era in ritardo, per la miseria!
Sarebbe riuscito in tre quarti d'ora ad arrivare in gioielleria, aprire la cassaforte (ci volevano cinque minuti solo per sbloccare il sistema di chiusura informatizzato), prendere i soldi e tornare di corsa a casa?
Immaginava già di arrivare in ritardo anche solo di cinque minuti e di trovare Frederik morto, ucciso con un colpo di pistola in fronte.
Ripartì sgommando sul brecciolino.
Quel rumore di pietruzze schizzate contro la carrozzeria interna dell'auto fu come una frustata. Come se qualcuno l'avesse colpito e quel colpo avesse rotto un involucro in cui si trovava imprigionato.
Esisteva un Gustav… dentro Gustav. Un Gustav che si era stancato di essere gentile con Frederik, che cercava di tenerselo buono perché, alla fine, aveva bisogno di lui, non solo economicamente.
Dieci anni vissuti insieme in negozio erano come dieci anni vissuti in famiglia, perché il negozio era la sua famiglia, la sua vita. E Frederik era in fondo l'unico parente che vedeva tutti i giorni.
Ma si sa che proprio i parenti spesso sono le peggiori persone con cui avere a che fare.
Lanciò l'auto in direzione della gioielleria.
Fece un chilometro, svoltò a sinistra e vide subito l'insegna, che restava accesa fino alle ventitre.
Si fermò in seconda fila proprio davanti al negozio.
Prese la valigetta e, prima di aprire lo sportello, lo sguardo ricadde sul foglio di Frederik.
No, no, gli bruciava troppo quella cosa fatta alle sue spalle.
Aveva sempre ritenuto Frederik un fanfarone, un frivolo, uno che si faceva portare dal vento del successo e dell'insuccesso; ma un traditore non l'avrebbe mai immaginato.
E invece… le prove erano davanti ai suoi occhi, nero su bianco e con tanto di firma.
Guardò l'orologio: le 22:53.
Materialmente non aveva più il tempo di prendere i soldi e tornare a casa. Ma avrebbe potuto fare una telefonata, giustificare il proprio ritardo e dire che sarebbe comunque arrivato con la valigetta piena.
Scese dall'auto e rimase con la mano sulla maniglia dello sportello.
Cominciò a piovere.
In fondo, pensò, non sarebbe stato lui a premere il grilletto contro Frederik; non era stato lui a organizzare il colpo.
E, soprattutto, la firma sull'accordo di vendita non era la sua.
Tornò in macchina e si accese una sigaretta aspettando che si spegnesse l'insegna della gioielleria.
Ultima modifica di Temistocle il 06/10/2021, 7:54, modificato 2 volte in totale.
Avatar utente
Alberto Marcolli
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 73
Iscritto il: 08/05/2018, 18:06

Author's data

Commento: Io non vendo

Messaggio da leggere da Alberto Marcolli »

Cambiare per un McDonald mai! (Scusa: parere personale)
Uso della d eufonica da rivedere. (comincio a temere che sia una mia mania, ma non è così!)
"la penso su questa cosa ti sei dato da fare" – dopo cosa ci vuole una virgola
"dell'acquirente possibile poteva portare" – direi: potesse portare
"Nel silenzio che seguì si udirono dei colpi alla porta." - Dopo seguì ci metterei una virgola
"galante? chiese Frederik" – chiese maiuscolo
"due uomini col volto coperto da un passamontagna fecero irruzione nella stanza." – propongo due virgole per separare la frase: coperto da un passamontagna
"– Saremo dovuti andare tutti insieme" – propongo saremmo
"foglio. un minuto in più" – un è maiuscolo

Al termine delle due letture non mi sono accorto di altro.
La storia scorre veloce e, onestamente, il finale me l'aspettavo, ma non è una colpa, sarebbe come pretendere che Montalbano alla fine non scopra l'assassino.
In gioventù sono stato una gran lettore di libri gialli e questa storia non sfigura. Un mio difetto è considerare i romanzi gialli come una letteratura minore e per questo motivo il mio voto è 4, e non il massimo, che mi auguro altri commentatori vogliano dare.
Temistocle
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 44
Iscritto il: 03/07/2021, 8:53

Author's data

Re: Commento: Io non vendo

Messaggio da leggere da Temistocle »

Alberto Marcolli ha scritto: 04/10/2021, 11:24 Cambiare per un McDonald mai! (Scusa: parere personale)
Uso della d eufonica da rivedere. (comincio a temere che sia una mia mania, ma non è così!)
"la penso su questa cosa ti sei dato da fare" – dopo cosa ci vuole una virgola
"dell'acquirente possibile poteva portare" – direi: potesse portare
"Nel silenzio che seguì si udirono dei colpi alla porta." - Dopo seguì ci metterei una virgola
"galante? chiese Frederik" – chiese maiuscolo
"due uomini col volto coperto da un passamontagna fecero irruzione nella stanza." – propongo due virgole per separare la frase: coperto da un passamontagna
"– Saremo dovuti andare tutti insieme" – propongo saremmo
"foglio. un minuto in più" – un è maiuscolo

Al termine delle due letture non mi sono accorto di altro.
La storia scorre veloce e, onestamente, il finale me l'aspettavo, ma non è una colpa, sarebbe come pretendere che Montalbano alla fine non scopra l'assassino.
In gioventù sono stato una gran lettore di libri gialli e questa storia non sfigura. Un mio difetto è considerare i romanzi gialli come una letteratura minore e per questo motivo il mio voto è 4, e non il massimo, che mi auguro altri commentatori vogliano dare.
Grazie della lettura così approfondita!
Appena posso vado a fare le correzioni.
In effetti sapevo già dall'inizio che il finale era scontato. Questo racconto mi è venuto in mente proprio leggendo un'antologia di gialli brevi dove c'era una storia 'scontata' ma raccontata con garbo, che alla fine si faceva apprezzare. Così mi sono chiesto se era possibile, pur nell'alveo di una storia letta e riletta, fare qualche piccola modifica: non è la solita famiglia, ma due soci in affari; il socio decide di far uccidere l'altro quando scopre la lettera dell'impegno di vendita; il restare fino all'ultima riga sospesi tra il tornare e il non tornare…
Cose così, insomma.
Spero di esser riuscito nell'intento.
E dall'ottimo voto penso di si!
Grazie ancora!
Avatar utente
Roberto Bonfanti
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 492
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

Sì, il finale è un po' scontato ma ci sta visto l'andamento della trama. Fra l'altro, scritto così, rimane aperto, quindi provo a immaginare uno sviluppo: che la rapina non sia un'idea di Frederik per fregare il socio?
Qualcosa non ha funzionato nella formattazione del testo (quei segni fra parentesi quadra) e qualche altra cosuccia (fa, ventitré).
Il racconto fila, letto e apprezzato.
Che ci vuole a scrivere un libro? Leggerlo è la fatica. (Gesualdo Bufalino)
https://chiacchieredistintivorb.blogspot.com/
Intervista su BraviAutori.it: https://www.braviautori.it/forum/viewto ... =76&t=5384
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine
Temistocle
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 44
Iscritto il: 03/07/2021, 8:53

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Temistocle »

Roberto Bonfanti ha scritto: 05/10/2021, 20:57 Sì, il finale è un po' scontato ma ci sta visto l'andamento della trama. Fra l'altro, scritto così, rimane aperto, quindi provo a immaginare uno sviluppo: che la rapina non sia un'idea di Frederik per fregare il socio?
Qualcosa non ha funzionato nella formattazione del testo (quei segni ) e qualche altra cosuccia (fa, ventitré).
Il racconto fila, letto e apprezzato.
Grazie anche del tuo contributo!
In effetti il finale, almeno nelle mie intenzioni, non è aperto visto che si dice che Gustav aspetterà le 23.00 (lo spegnersi dell'insegna) per tornare. Certamente però i 'cattivi' possono anche decidere di non uccidere il socio e di aspettare oltre l'orario stabilito, ma certamente l'idea di Gustav è quella di fare fuori Frederik tramite i rapinatori.
Ho riprovato con la formattazione (doveva essere un corsivo), ma mi da' sempre lo stesso problema; correggerò le altre 'cosucce'.
Bella l'idea della rapina organizzata dal socio!
Avatar utente
Maria Spanu
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 15
Iscritto il: 16/09/2014, 18:09

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Maria Spanu »

A livello tecnico non posso esprimermi, essendo ancora inesperta e autodidatta.
Il racconto si fa leggere, scorrevole ma a tratti va un po' troppo per le lunghe. Si potrebbe aprire un dibattito infinito sulla morale finale, cruda e vendicativa, ma che è pienamente riscontrabile nelle azioni di molti individui. Ovviamente non siamo qui a giudicare nulla, sarebbe ipocrita... A livello di climax, a mio parere, i tempi sono giusti; non è sbrigativo e non anticipa il finale.
Con le giuste considerazioni tecniche fatte dagli altri autori, si potrebbe ottenere un risultato migliore e magari una prosecuzione del racconto, visti i molteplici scenari lasciati aperti.
Voto personale: 4
Immagine

Immagine

Immagine
Io sono nel Club dei Recensori di BraviAutori.it
Temistocle
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 44
Iscritto il: 03/07/2021, 8:53

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Temistocle »

Maria Spanu ha scritto: 06/10/2021, 15:41 A livello tecnico non posso esprimermi, essendo ancora inesperta e autodidatta.
Il racconto si fa leggere, scorrevole ma a tratti va un po' troppo per le lunghe. Si potrebbe aprire un dibattito infinito sulla morale finale, cruda e vendicativa, ma che è pienamente riscontrabile nelle azioni di molti individui. Ovviamente non siamo qui a giudicare nulla, sarebbe ipocrita… A livello di climax, a mio parere, i tempi sono giusti; non è sbrigativo e non anticipa il finale.
Con le giuste considerazioni tecniche fatte dagli altri autori, si potrebbe ottenere un risultato migliore e magari una prosecuzione del racconto, visti i molteplici scenari lasciati aperti.
Voto personale: 4
Grazie del commento e del voto!
Nessuno di noi, penso, è uno scrittore quindi tutti possiamo dare un nostro giudizio. D'altra parte basta essere lettori per capire se un discorso fila o meno.
Quanto alla morale… non mi sono posto il problema del finale. Spesso voglio che un mio racconto abbia una morale e cerco di dargliela, ma in questo caso mi interessava solo la storia.
Sei già la seconda che mi dice che potrebbero esserci degli sviluppi: magari ci penso seriamente!
Andr60
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 222
Iscritto il: 15/11/2019, 15:45

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Andr60 »

Il racconto scorre bene e si legge d'un fiato; è vero però che anch'io mi aspettavo un colpo di scena nel finale.
E' una strana coincidenza questa proposta di acquisto e, subito dopo, la rapina: le coincidenze sono sempre molto sospette, sia nei racconti che nella vita.
E poi, il fatto che la sorte dell'amico gaudente rimanga in bilico, esige una risposta: non si possono deludere i lettori!
Temistocle
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 44
Iscritto il: 03/07/2021, 8:53

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Temistocle »

Andr60 ha scritto: 07/10/2021, 19:25 Il racconto scorre bene e si legge d'un fiato; è vero però che anch'io mi aspettavo un colpo di scena nel finale.
E' una strana coincidenza questa proposta di acquisto e, subito dopo, la rapina: le coincidenze sono sempre molto sospette, sia nei racconti che nella vita.
E poi, il fatto che la sorte dell'amico gaudente rimanga in bilico, esige una risposta: non si possono deludere i lettori!
Grazie anche a te per il commento!
Mi sa che alla fine un sequel dovrò farlo visto che tutti volete sapere come va a finire.
L'amico sarà d'accordo con i cattivi o si beccherà una palla in fronte? La gioielleria si venderà e/o la banda si prenderà i soldi e se la svignerà indisturbata? E se invece Gusatv tornerà a casa coi soldi, salverà Frederick e dall'indomani continua il solito tran tran?
Mi avete fatto sorgere domande interessanti...
Selene Barblan
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 645
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Racconto scritto bene, coinvolgente, scorre facilmente grazie a uno stile semplice ma efficace. Ad esempio la descrizione di Gustav mi ha subito fatto pensare a un marine. I dialoghi sono buoni, forse l’unico un po’ troppo forzato è quando il rapinatore spiega perché il piano è cambiato, non me lo vedo tanto un personaggio simile a dilungarsi troppo in dettagli. Nella formattazione ti escono i corsivi con davanti le sigle, non so se riesci a cambiarle.

“Ma lui è un tipo decisionista, sai di quelli che sono abituati a prendere le decisioni personalmente su tutto e non è disposto a spartire…”

Cambierei “decisionista” che non mi suona bene e in più nella stessa frase scrivi decisioni.

Complessivamente un buon lavoro, voto 4.
Temistocle
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 44
Iscritto il: 03/07/2021, 8:53

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Temistocle »

Selene Barblan ha scritto: 10/10/2021, 9:36 Racconto scritto bene, coinvolgente, scorre facilmente grazie a uno stile semplice ma efficace. Ad esempio la descrizione di Gustav mi ha subito fatto pensare a un marine. I dialoghi sono buoni, forse l'unico un po' troppo forzato è quando il rapinatore spiega perché il piano è cambiato, non me lo vedo tanto un personaggio simile a dilungarsi troppo in dettagli. Nella formattazione ti escono i corsivi con davanti le sigle, non so se riesci a cambiarle.

"Ma lui è un tipo decisionista, sai di quelli che sono abituati a prendere le decisioni personalmente su tutto e non è disposto a spartire…"

Cambierei "decisionista" che non mi suona bene e in più nella stessa frase scrivi decisioni.

Complessivamente un buon lavoro, voto 4.
Grazie del bel commento!
Ho provato a modificare a formattazione, ma invece del corsivo mi da sempre le sigle.
In effetti nella frase che citi c'è due volte la parola decisione. Cercherò di cambiarla come di rivedere la risposta del rapinatore.
Visto che il racconto sembra piacere veramente, può essere che ne farò un sequel!
Selene Barblan
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 645
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Temistocle ha scritto: 10/10/2021, 16:35 Grazie del bel commento!
Ho provato a modificare a formattazione, ma invece del corsivo mi da sempre le sigle.
In effetti nella frase che citi c'è due volte la parola decisione. Cercherò di cambiarla come di rivedere la risposta del rapinatore.
Visto che il racconto sembra piacere veramente, può essere che ne farò un sequel!
Buona idea 🙂, buon lavoro allora!
Namio Intile
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 345
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Namio Intile »

Inutile perdere tempo con grassetti e corsivi, il sistema non li supporta. Detto questo l'ho trovato un buon racconto, fila via liscio senza scossoni dall'inizio alla fine, che poi è quella che ti aspetti perché tu l'hai concepita in questo modo e hai condotto lì il lettore sin dalle prime battute. Il tuo protagonista in fondo fa, o sembra fare, proprio quello che ci si aspetta che debba fare.
Eppure, proprio perché manca quella ricerca del colpevole tipica del genere giallo, a differenza di altri, non lo inserirei tra questi e non parlerei di racconto giallo.
Dal punto di vista formale come vizio ricorrente ti segnalo quelle maiuscole alla fine di un discorso diretto chiuso da punti fermi che invece tu rendi con le minuscole. Roba da nulla.
Perciò molto bene, Temistocle, eccellente lavoro.
Temistocle
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 44
Iscritto il: 03/07/2021, 8:53

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Temistocle »

Namio Intile ha scritto: 15/10/2021, 15:18 Inutile perdere tempo con grassetti e corsivi, il sistema non li supporta. Detto questo l'ho trovato un buon racconto, fila via liscio senza scossoni dall'inizio alla fine, che poi è quella che ti aspetti perché tu l'hai concepita in questo modo e hai condotto lì il lettore sin dalle prime battute. Il tuo protagonista in fondo fa, o sembra fare, proprio quello che ci si aspetta che debba fare.
Eppure, proprio perché manca quella ricerca del colpevole tipica del genere giallo, a differenza di altri, non lo inserirei tra questi e non parlerei di racconto giallo.
Dal punto di vista formale come vizio ricorrente ti segnalo quelle maiuscole alla fine di un discorso diretto chiuso da punti fermi che invece tu rendi con le minuscole. Roba da nulla.
Perciò molto bene, Temistocle, eccellente lavoro.
Sono contento che ti sia piaciuto! Sì, forse il fatto di averlo inserito nel genere "giallo" ha fuorviato il lettore. Per le maiuscole/minuscole, ho rivisto il testo molte volte ma evidentemente ancora ci sono errori. Chiedo venia!
Messedaglia
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 8
Iscritto il: 28/09/2021, 9:42

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Messedaglia »

Giallo breve dal finale un po' scontato, ma con i ritmi giusti e piacevole da leggere. Ho un dubbio: i rapinatori non mi danno l'impressione di essere davvero cattivi e soprattutto così ingenui da lasciarsi dietro un cadavere dopo essere rimasti a bocca asciutta. Temo che il piano di Gustav fallirà. Voto 4.
Temistocle
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 44
Iscritto il: 03/07/2021, 8:53

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Temistocle »

Messedaglia ha scritto: 17/10/2021, 8:24 Giallo breve dal finale un po' scontato, ma con i ritmi giusti e piacevole da leggere. Ho un dubbio: i rapinatori non mi danno l'impressione di essere davvero cattivi e soprattutto così ingenui da lasciarsi dietro un cadavere dopo essere rimasti a bocca asciutta. Temo che il piano di Gustav fallirà. Voto 4.
A questo finale non avevo pensato! I miei personaggi non sono mai veramente cattivi. Nell'unico romanzo che ho scritto c'è il ritrovamento di un cadavere, ma poi si scopre che era per cause naturali. E in tutti i racconti, anche in quelli "polizieschi", non muore mai nessuno.
Grazie per la pazienza di avermi letto e per il giudizio!
Rispondi

Torna a “Gara d'autunno, 2021”


Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 66 - Onirica

La Gara 66 - Onirica

(settembre/ottobre 2017, 30 pagine, 1,04 MB)

Autori partecipanti: Massimo Tivoli, Angela Catalini, Enrico Gallerati, Mastronxo, Roberta Michelini, Lodovico, Daniele Missiroli, Ilaria Rucco, Patrizia Chini, Nunzio Campanelli, Fabrizio Bonati, Ida Dainese, Michele,
a cura di Ser Stefano.
Scarica questo testo in formato PDF (1,04 MB) - scaricato 74 volte.
oppure in formato EPUB (1,52 MB) (vedi anteprima) - scaricato 74 volte..
Lascia un commento.

Gara d'Autunno 2018 - Lettera a Giovanni, e gli altri racconti

Gara d'Autunno 2018 - Lettera a Giovanni, e gli altri racconti

(autunno 2018, 35 pagine, 707,65 KB)

Autori partecipanti: Fausto Scatoli, Ida Dainese, Nunzio Campanelli, Carol Bi, Lodovico, Roberto Bonfanti, Liliana Tuozzo, Daniele Missiroli, Laura Traverso, Tiziano Legati, Draper,
a cura di Massimo Baglione e Laura Ruggeri.
Scarica questo testo in formato PDF (707,65 KB) - scaricato 67 volte.
oppure in formato EPUB (336,32 KB) (vedi anteprima) - scaricato 58 volte..
Lascia un commento.

La Gara 19 - Un incipit da Re

La Gara 19 - Un incipit da Re

(febbraio 2011, 70 pagine, 821,30 KB)

Autori partecipanti: Skyla74, Exlex, Ser Stefano, Arianna, Emma Saponaro, Arditoeufemismo, GTrocc, Manuela, Carlocelenza, Pia, Hellies15, Bludoor, Mastronxo, Roberto Guarnieri, Yle, Tania Maffei, Angela Di Salvo, Lucia Manna, Michele, StillederNacht, Vit,
A cura di Miriam Mastrovito.
Scarica questo testo in formato PDF (821,30 KB) - scaricato 503 volte.
oppure in formato EPUB (496,96 KB) (vedi anteprima) - scaricato 229 volte..
Lascia un commento.





Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Blue Bull

Blue Bull

Poliziesco ambientato a Chicago e Nuovo Messico

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma appartiene a un amico "speciale" dell'Associazione culturale.
Un poliziesco vecchio stile, cazzuto, ambientato un po' a Chicago e un po' in New Mexico, dove un poliziotto scopre di avere un figlio già adulto e, una volta deciso di conoscerlo, si accorgerà che non sarà così semplice. Una storia dura e forse anche vera.
Frank Malick, attempato sergente della polizia di Chicago, posto finalmente di fronte alle conseguenze d'una sua mancanza commessa molti anni prima, intraprende un viaggio fino in Nuovo Messico alla ricerca di qualcosa a metà tra il perdono delle persone che aveva fatto soffrire e la speranza di un'improbabile redenzione.
Di Massimo Baglione e Cataldo Balducci.
Vedi ANTEPRIMA (482,65 KB scaricato 232 volte).
info e commenti compralo su   amazon


Time City

Time City

amanti nel tempo

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma appartiene a un amico "speciale" dell'Associazione culturale.
Con questo romanzo scopriremo in che modo un rivoluzionario viaggio nel Tempo darà il via a un innovativo sistema di colonizzare la Luna e, forse, l'intero Universo. Partendo dalla Terra con una macchina del Tempo, è possibile arrivare sulla Luna? In queste pagine vi sarà raccontato del lato "Tempo" di questa domanda. La parte "Luna" (qui solo accennata) verrà sviluppata più corposamente nel seguito di questo libro auto-conclusivo. L'autore ha cercato a lungo qualche riferimento a opere che narrassero di un crononauta che sfrutti il viaggio nel Tempo per raggiungere il nostro satellite naturale, ma non è riuscito a trovarne alcuna. Lo scrittore Giovanni Mongini (autore, tra le varie cose, dello splendido articolo "Viaggio al centro del tempo") lo ha confortato in tal senso, perciò si vuole concedere il lusso di indicare la sua persona come colei che ha inventato per prima questo tipo di viaggio Terra-Tempo-Luna. Concedeteglielo, vi prego, almeno per un po' di… tempo.
Di Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (1,00 MB scaricato 416 volte).
info e commenti compralo su   amazon


Carosello

Carosello

antologia di opere ispirate dal concetto di Carosello e per ricordare il 40° anniversario della sua chiusura

Nel 1977 andava in onda l'ultima puntata del popolare spettacolo televisivo serale seguito da adulti e bambini. Carosello era una sorta di contenitore pubblicitario, dove cartoni animati e pupazzetti vari facevano da allegro contorno ai prodotti da reclamizzare. Dato che questo programma andava in onda di sera, Carosello rappresentò per molti bambini il segnale di "stop alle attività quotidiane". Infatti si diffuse presto la formula "E dopo il Carosello, tutti a nanna".
Per il 40° anniversario della sua chiusura, agli autori abbiamo chiesto opere di genere libero che tenessero conto della semplicità che ha caratterizzato Carosello nei vent'anni durante i quali è andato felicemente in onda. I dodici autori qui pubblicati hanno partecipato alle selezioni del concorso e sono stati selezionati per questo progetto letterario. Le loro opere sono degni omaggi ai nostri ricordi (un po' sbiaditi e in bianco e nero) di un modo di stare in famiglia ormai dimenticato.
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Giorgio Leone, Enrico Teodorani, Cristina Giuntini, Maria Rosaria Spirito, Francesco Zanni Bertelli, Serena Barsottelli, Alberto Tivoli, Laura Traverso, Enrico Arlandini, Francesca Rosaria Riso, Giovanni Teresi, Angela Catalini.
Vedi ANTEPRIMA (357,78 KB scaricato 59 volte).
info e commenti compralo su   amazon