Single di ritorno

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'autunno 2021.

Sondaggio

1 - non mi piace affatto
0
Nessun voto
2 - mi piace pochino
0
Nessun voto
3 - si lascia leggere
5
36%
4 - è bello
5
36%
5 - mi piace tantissimo
4
29%
 
Voti totali: 14

Laura Traverso
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 545
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

Single di ritorno

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

leggi documento Spiacente ma, in questo browser, la lettura a voce non funziona.

Era febbraio, il mese più freddo di quell’inverno. Una fastidiosa influenza mi costrinse a stare in casa.
Il forzato fermo mi portò a fare un po’ di conti sulla mia vita, indagine che normalmente evitavo in quanto le tante cose che occupavano le mie giornate facevano da anestetico, mi allontanavano da me stessa.
L’occasione, però, non mi dava scampo, sentivo come non mai un fremito sotto la pelle, una sorta di sottile noia e insoddisfazione che non sapevo come affrontare.
L’aspetto che maggiormente mi causava inquietudine era quello sentimentale.
Era stagnante da ormai troppo tempo e ciò mi procurava una sorta di sensazione da antinferno: sospinta dal vento e sballottata da una parte all’altra.
Non stavo male ma neppure bene, ero così, con molteplici interessi molti dei quali appaganti, altri invece compensatori; servivano per colmare dei vuoti.
Così anche quel giorno, per cercare di allontanare la mente, non trovai miglior occupazione che il computer attraverso il quale avrei avviato ricerche su Internet.
Durante la connessione, su l’home page di Libero, la mia attenzione si fermò su ciò che non avevo mai voluto considerare: un sito specializzato per la ricerca dell’anima gemella.
La pubblicità lampeggiava ammiccante a lato del file di partenza, da dove ogni giorno m’introducevo nel magico mondo virtuale per attingere a notizie d’ogni genere.
Certo, ero informata sul metodo, sapevo che c’era, ma lo avevo sempre ignorato.
Mi ero tolta da un matrimonio ormai stantio, ma il presente non era certo appagante, anzi, a volte, molte volte mi domandavo se non avessi commesso un errore a lasciare il certo che avevo anche se, molto sovente, in quella certezza mi pareva di soffocare, e proprio per ciò non ero più stata capace di rimanerci. Tutto era diventato piatto e senza vita, il dialogo era quasi assente, il sesso, ormai da un bel pezzo, un peso: un frettoloso atto meccanico. L’amore e la passione erano dimenticati, troppo lontani nel tempo. Di ciò che fu era rimasto solo un pallido e sbiadito ricordo. L’ unica cosa che faceva ancora rumore, all’interno di casa nostra, era la televisione. Veramente da spararsi!
A quel vivere, ormai che i figli erano grandi e indipendenti, non avevo più potuto resistere mettendo fine al mio percorso matrimoniale.
Claudio non l’aveva presa troppo bene; si sa come sono gli uomini, a lui poteva andare anche così, con il solito e logorato tran-tran, rallegrato dai vari programmi televisivi ai quali stava con gli occhi appiccicati per quasi tutto il tempo che trascorreva in casa. Ecco, i motivi della fine del matrimonio erano questi, non avevo amanti, neppure lui ne aveva - almeno credo - problemi del genere non ce n’erano mai stati. Ma si sa, non son solo le corna a far tramontare le unioni, anzi, a quanto si dice, a volte fanno da collante; rendono il fedifrago più gentile e premuroso, per quel senso di colpa che, per navigati che si possa essere, un poco affiora nei confronti del coniuge tradito.
Ma a volte, diverse volte, mi pareva di essere caduta dalla padella alla brace. Anche l’attuale situazione non sempre era soddisfacente. Da quando ero entrata nel mondo dei single di ritorno il mio vivere il tempo libero era caratterizzato da una certa superficialità. Mi trovavo sovente con coetanei che, in barba agli anni, si sentivano autorizzati, quasi obbligati, a tornare indietro nel tempo assumendo sovente atteggiamenti da "troppo giovani", con il risultato da sembrare assai patetici. Ciò mi piaceva poco e mi infastidiva molto.

Così, inchiodata in casa dal fastidioso malanno di stagione, esplorai quel mondo sconosciuto.
Davanti ai miei occhi si aprirono moltissime pagine con sopra stampigliate le foto di possibili partner: la maggior parte con foto, ma anche senza, i più riservati senza, solo con la descrizione di provenienza e l’età anagrafica.
Dinnanzi alle molte immagini in mostra, la mia parte bambina emerse tutta. Fui assalita da un’incontenibile risata, non riuscivo a smettere, mi pareva di assistere a uno spettacolo comico.
Alcuni avevano un aspetto tipo necrologio, altri sembravano scappati da casa; ma non tutti… dovetti ammetterlo, ce n’erano anche di veramente niente male, belli e attraenti.
Insomma, un mercato umano ricco di varietà.
Però, a quel punto, dinnanzi a quel carosello di proposte, qualcosa nella mia mente scattò. L’incertezza, che mediamente mi accompagna, fu sostituita da una ferma certezza. No, non avrei fatto parte di quel “catalogo”. Compresi bene che il mezzo proposto non poteva fare per me. Chiusi il sito sul quale mi ero immessa e mai più ci ritornai. Mi sarei impegnata a trovare svaghi più consoni alla mia persona, senza adattarmi a uscite non gradite tanto per riempire il tempo libero. Ero certa, a quel punto, che qualcosa di valido da fare lo avrei trovato. Intanto - aspetto non da poco - mi sentii serena, felice di essere scampata a un qualcosa di non adatto a me. Il tour, sul sito specializzato fu utile, mi aprì la mente. Una forza mi avvolse mentre l’angoscia, stranamente, scomparve. In fondo - pensai - non bisogna forzare le cose. L'amore sarebbe arrivato, se ciò era nel mio disegno di vita.
Ultima modifica di Laura Traverso il 06/10/2021, 14:47, modificato 2 volte in totale.
Avatar utente
Alberto Marcolli
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 75
Iscritto il: 08/05/2018, 18:06

Author's data

Commento : Single di ritorno

Messaggio da leggere da Alberto Marcolli »

Unico suggerimento:

malanno di stagione esplorai… Dopo stagione ci metterei una virgola

Il racconto è la fotografia delle tante situazioni in cui ci si infila, nostro malgrado, quando la vita coniugale raggiunge l’inevitabile fase di “stanca”, con l’uscita di casa dei figli e l’arrivo della pensione, solitamente del marito. Durante gli anni di intenso di lavoro, pochi si preparano in anticipo per una ripartenza nella nuova vita. Questo spiega l’ozio forzato davanti alla TV, mentre la moglie si vede rivoluzionate le sue abitudini dalla presenza ingombrante di questo uomo che vaga per casa.
Si dovrebbe usare la testa e affrontare la situazione, invece di troncare tutto, con il risultato di cadere spesso dalla padella nella brace.
È il caso di questa coppia che non trova di meglio che separarsi.
Rimasta sola la nostra Signora, come vive la sua ritrovata libertà? Vagando in rete davanti al computer, o frequentando vecchi coetanei, in vena di comportarsi da giovinotti a sessant’anni! Ridicolo.
Tenta, senza successo, anche la via pericolosa dei siti specializzati nel trovare l’”anima gemella”.
Il racconto chiude con una ritrovata speranza per un futuro non ben definito. Ma il ritorno della fiducia basterà a questa Signora per aprire la sua mente e cancellare tutte le angosce?

Lo stile è leggero e scorrevole, di chi sa ben padroneggiare la propria scrittura.
Una considerazione, da lettore, del contenuto.
La chiusura del racconto, con il ritorno a una certa tranquillità interiore, mi è sembrato troppo affrettata. Io ci avrei messo qualche esperienza concreta, magari con uno di quei “belli” del sito di incontri, e dalla sua delusione far sorgere quella forza che l’avvolge, con l’angoscia che, stranamente, scompare.
Certo che questo avrebbe voluto dire allungare di molto il racconto e forse l’autrice non lo voleva.
Voto 4
Laura Traverso
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 545
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

Re: Single di ritorno

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

Ti ringrazio molto per la dettagliata recensione al mio scritto e al voto alto assegnato. Circa il tuo suggerimento, (virgola), grazie, ne terrò conto sicuramente. Per quanto riguarda il finale, certo, avrei potuto dilungarmi come dici, ma desideravo fosse un racconto breve e così ho fatto. Diversamente, come ben hai fatto notare tu, sarebbe diventato assai lungo il testo. Grazie ancora, ciao
Giovangal
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 15
Iscritto il: 03/04/2016, 18:52

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Giovangal »

neppure lui nè aveva… credo che la è non vada accentata.
Sono attirato dai racconti brevi e questo lo è senz'altro, soprattutto quelli che in poche righe sanno rendere il senso della storia. Ecco qui mi sembra che sia esile l'evento, inteso come il segno di qualcosa che resta. Il punto nodale (l'evento) sarebbe l'accesso al sito specializzato nella ricerca dell'anima gemella che incuriosisce e diverte inizialmente, ma poi scatta la consapevolezza di qualcosa che può sfuggire di mano, si ritorna allora nell'alveo della normalità, l'angoscia scompare, la speranza di un nuvo amore è affidato al… destino. Anche la chiusura andava forse strutturata meglio.
Comunque scrittura fluida e scorrevole.
Avatar utente
Roberto Bonfanti
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 495
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

Racconto interessante, anche molto attuale nella premessa. Tante unioni, al giorno d'oggi, finiscono così, senza un motivo scatenante, per esaurimento, diciamo.
La protagonista, per noia, per curiosità, si affaccia su un mondo che le è del tutto estraneo, lo osserva con ironia e distacco, poi conclude che non fa per lei e se ne allontana senza rimpianti. È una donna forte, appagata dalla sua ritrovata serenità, aperta al mondo ma decisa a non scendere a compromessi.
Scrittura lineare e adeguata al tono leggero del racconto, per me è un'ottima prova, Laura.
Che ci vuole a scrivere un libro? Leggerlo è la fatica. (Gesualdo Bufalino)
https://chiacchieredistintivorb.blogspot.com/
Intervista su BraviAutori.it: https://www.braviautori.it/forum/viewto ... =76&t=5384
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine
Marcello Rizza
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 425
Iscritto il: 23/06/2015, 23:54

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Marcello Rizza »

Ciao Laura. Ho letto con molto piacere questo racconto perché mi ci sono ritrovato in pieno. Ho detto ad altri, e non smetterò di dirlo, che amo altri tipi di racconti. Cerco tanto la poesia quanto il "fantastico" sia quando leggo che quando scrivo. Ma non sono "cieco", non sono "bigotto", e so riconoscere un buon testo anche se non è nelle mie corde. La tua forza, nel mio "sentire", è che, maledizione, mi hai descritto. È così facile descrivermi? Ma questo è un problema mio. Sto vivendo un rapporto di riconciliazione "esattamente come lo descrivi tu" di una coppia di amici bellissimi che stanno provando a cauterizzare cicatrici profonde. E non parlo delle mie cicatrici, perché già lo fai tu col tuo racconto. Sarò sincero, non tutto ciò che hai esposto l'ho trovato organico, ma non intendo farmi condizionare da uno stile, preferisco immergermi in un mondo. Voto, convintamente, 5.
Laura Traverso
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 545
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

Marcello Rizza ha scritto: 05/10/2021, 22:57 Ciao Laura. Ho letto con molto piacere questo racconto perché mi ci sono ritrovato in pieno. Ho detto ad altri, e non smetterò di dirlo, che amo altri tipi di racconti. Cerco tanto la poesia quanto il "fantastico" sia quando leggo che quando scrivo. Ma non sono "cieco", non sono "bigotto", e so riconoscere un buon testo anche se non è nelle mie corde. La tua forza, nel mio "sentire", è che, maledizione, mi hai descritto. È così facile descrivermi? Ma questo è un problema mio. Sto vivendo un rapporto di riconciliazione "esattamente come lo descrivi tu" di una coppia di amici bellissimi che stanno provando a cauterizzare cicatrici profonde. E non parlo delle mie cicatrici, perché già lo fai tu col tuo racconto. Sarò sincero, non tutto ciò che hai esposto l'ho trovato organico, ma non intendo farmi condizionare da uno stile, preferisco immergermi in un mondo. Voto, convintamente, 5.
Grazie Marcello per il tuo bel commento e voto. Purtroppo la situazione descritta è anche troppo comune e riporta a esperienze proprie o di amici e conoscenti, pertanto, come dici tu, ci si ritrova, tristemente. E' un peccato che le coppie "scoppino" oramai con così tanta frequenza. Ciò porta poi ad adattamenti che non sempre rendono felici. Beh! Bando ai sentimentalismi... Grazie ancora, ciao
Laura Traverso
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 545
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

Roberto Bonfanti ha scritto: 05/10/2021, 21:20 Racconto interessante, anche molto attuale nella premessa. Tante unioni, al giorno d'oggi, finiscono così, senza un motivo scatenante, per esaurimento, diciamo.
La protagonista, per noia, per curiosità, si affaccia su un mondo che le è del tutto estraneo, lo osserva con ironia e distacco, poi conclude che non fa per lei e se ne allontana senza rimpianti. È una donna forte, appagata dalla sua ritrovata serenità, aperta al mondo ma decisa a non scendere a compromessi.
Scrittura lineare e adeguata al tono leggero del racconto, per me è un'ottima prova, Laura.
Ciao Roberto, ti ringrazio moltissimo per il tua ottima valutazione e per il generoso voto. Purtroppo, anche se scritto in tono leggero, il racconto riporta a una realtà attuale non delle più allegre...Abbiamo il covid, le restrizioni a cui ci costringono, e la crescente difficoltà a non riuscire a fare durare i rapporti sentimentali. Peccato! Un caro saluto, grazie ancora e, ancora bentornato!
Ultima modifica di Laura Traverso il 06/10/2021, 0:01, modificato 1 volta in totale.
Laura Traverso
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 545
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

Giovangal ha scritto: 05/10/2021, 19:44 neppure lui nè aveva… credo che la è non vada accentata.
Sono attirato dai racconti brevi e questo lo è senz'altro, soprattutto quelli che in poche righe sanno rendere il senso della storia. Ecco qui mi sembra che sia esile l'evento, inteso come il segno di qualcosa che resta. Il punto nodale (l'evento) sarebbe l'accesso al sito specializzato nella ricerca dell'anima gemella che incuriosisce e diverte inizialmente, ma poi scatta la consapevolezza di qualcosa che può sfuggire di mano, si ritorna allora nell'alveo della normalità, l'angoscia scompare, la speranza di un nuvo amore è affidato al… destino. Anche la chiusura andava forse strutturata meglio.
Comunque scrittura fluida e scorrevole.
Ti ringrazio molto per aver dedicato il tuo tempo ad aver letto e commentato il mio racconto. Bene che tu vi abbia trovato almeno una scrittura scorrevole. Circa il ne accentato è una svista, certamente l'accento non ci va. A fine gara lo correggerò. Ciao
Avatar utente
Massimo Baglione
rank (info):
Site Admin
Messaggi: 9410
Iscritto il: 11/04/2007, 12:20
Località: Belluno
Contatta:

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Massimo Baglione »

Laura Traverso ha scritto: 05/10/2021, 23:48...Circa il ne accentato è una svista, certamente l'accento non ci va. A fine gara lo correggerò.
Puoi farlo anche subito :-)
Immagine

Immagine <<< io ero nel Club dei Recensori di BraviAutori.it.

Immagine

www.massimobaglione.org
Avatar utente
Grb2016
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 32
Iscritto il: 01/01/2016, 17:43

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Grb2016 »

Ho letto con piacere questo racconto,scorrevole e con una emotività discreta come piace a me!
Avresti potuto scrivere un finale meno rassegnato e prudente:
intuizione e una scelta probabilistica!
Dopo tutto,chi può dire qual'è il modo di scegliere migliore?
Voto 4
Ultima modifica di Grb2016 il 06/10/2021, 11:11, modificato 2 volte in totale.
Andr60
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 223
Iscritto il: 15/11/2019, 15:45

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Andr60 »

Un racconto ben scritto che descrive minuziosamente come finiscono molti rapporti d'amore: nella noia e nella sopportazione reciproca. E, quando entrambe superano una certa soglia individuale (di solito, della donna), finiscono.
Manca però un dettaglio importante: la casa di famiglia a chi va? Perché un conto è auto-commiserarsi in un appartamento di quattro stanze con ampio balcone e vista panoramica, un altro in un monolocale al piano terra o, peggio, nella cameretta della casa di papà e mammà.
Comunque bene ha fatto la protagonista della storia a sfilarsi dalla ricerca dell'anima gemella: potrebbe trovarla, e allora chissà che cosa potrebbe accadere...
Laura Traverso
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 545
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

Andr60 ha scritto: 06/10/2021, 11:09 Un racconto ben scritto che descrive minuziosamente come finiscono molti rapporti d'amore: nella noia e nella sopportazione reciproca. E, quando entrambe superano una certa soglia individuale (di solito, della donna), finiscono.
Manca però un dettaglio importante: la casa di famiglia a chi va? Perché un conto è auto-commiserarsi in un appartamento di quattro stanze con ampio balcone e vista panoramica, un altro in un monolocale al piano terra o, peggio, nella cameretta della casa di papà e mammà.
Comunque bene ha fatto la protagonista della storia a sfilarsi dalla ricerca dell'anima gemella: potrebbe trovarla, e allora chissà che cosa potrebbe accadere...
Ho sorriso con simpatia quando ho letto circa la tua domanda sulla casa di famiglia. Non lo avevo preso in considerazione il particolare... Vero quello che dici però, chiunque sarebbe meno angosciato se fosse in un appartamento con balcone ecc ecc. Grazie anche a te per la bella recensione al mio scritto, per il voto e il tempo dedicato alla lettura, ciao
Laura Traverso
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 545
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

Massimo Baglione ha scritto: 06/10/2021, 2:05 Puoi farlo anche subito :-)
Lo faccio subito, grazie Massimo, ciao
Laura Traverso
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 545
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

Grb2016 ha scritto: 06/10/2021, 10:42 Ho letto con piacere questo racconto,scorrevole e con una emotività discreta come piace a me!
Avresti potuto scrivere un finale meno rassegnato e prudente:
intuizione e una scelta probabilistica!
Dopo tutto,chi può dire qual'è il modo di scegliere migliore?
Voto 4
E si, hai ragione Grb, è davvero difficile scegliere, sempre. E dopo aver scelto si spera di averla indovinata... Ti ringrazio per aver letto il mio racconto, per il voto molto ok e per averlo trovato scorrevole e di discreta emotività. Mi piace che tu abbia colto questo ultimo particolare. Era quello che volevo trasmettere; ho voluto affrontare il tema, non da poco, ma senza eccessi. Ciao
Avatar utente
Maria Spanu
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 15
Iscritto il: 16/09/2014, 18:09

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Maria Spanu »

Da donna capisco benissimo il pensiero espresso in questo racconto. Spesse volte ci si accontenta troppo pur di non stare soli ed essere rosi dalle paure e dalla solitudine nera, ci si imbatte in personaggi che forse era meglio non conoscere mai. La riflessione finale, inoltre offre una chiara risposta a chi, scetticamente, dichiara che un disegno non c'è. La casualità degli eventi, secondo la mia piccola e umile opinione, non esiste; non posso dire che vi è un entità soprannaturale che controlla ogni cosa, non ne ho nè i titoli nè le prove, ma posso affermare che ad ogni azione corrisponde una reazione, per niente casuale ma piuttosto CAUSALE. Tralasciando il discorso religioso, che reputo sia una cosa molto soggettiva, le conseguenze delle nostre azioni portano ad una serie di eventi concatenati che alcuni chiamano "destino". In parte lo costruiamo noi, in parte sono eventi che non puoi controllare. Un po' come quando si programma un algoritmo, per intenderci. Non mi dilungo sul discorso che magari può risultare stucchevole.
Ti faccio i miei complimenti per questo racconto, molto sensibile e che porta ad una riflessione ben chiara: non accontentarti e non metterti in vetrina, l'amore, quello giusto, non ha bisogno di presentazioni.
Voto 5
Immagine

Immagine

Immagine
Io sono nel Club dei Recensori di BraviAutori.it
Laura Traverso
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 545
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

Maria Spanu ha scritto: 06/10/2021, 17:03 Da donna capisco benissimo il pensiero espresso in questo racconto. Spesse volte ci si accontenta troppo pur di non stare soli ed essere rosi dalle paure e dalla solitudine nera, ci si imbatte in personaggi che forse era meglio non conoscere mai. La riflessione finale, inoltre offre una chiara risposta a chi, scetticamente, dichiara che un disegno non c'è. La casualità degli eventi, secondo la mia piccola e umile opinione, non esiste; non posso dire che vi è un entità soprannaturale che controlla ogni cosa, non ne ho nè i titoli nè le prove, ma posso affermare che ad ogni azione corrisponde una reazione, per niente casuale ma piuttosto CAUSALE. Tralasciando il discorso religioso, che reputo sia una cosa molto soggettiva, le conseguenze delle nostre azioni portano ad una serie di eventi concatenati che alcuni chiamano "destino". In parte lo costruiamo noi, in parte sono eventi che non puoi controllare. Un po' come quando si programma un algoritmo, per intenderci. Non mi dilungo sul discorso che magari può risultare stucchevole.
Ti faccio i miei complimenti per questo racconto, molto sensibile e che porta ad una riflessione ben chiara: non accontentarti e non metterti in vetrina, l'amore, quello giusto, non ha bisogno di presentazioni.
Voto 5
Grazie Maria per l'analisi perfetta che hai formulato sulla storia da me narrata. Sono d'accordo con te circa la legge di causa ed effetto che citi. Anche io penso che molto dipenda da ciò, da come seminiamo, per intenderci... e poi certo, ci sono eventi che non si possono controllare. Grazie moltissime per aver apprezzato il mio racconto e per il punteggio grande che gli hai assegnato. Mi piace veramente tanto anche questa tua ultima frase " l'amore, quello giusto, non ha bisogno di presentazioni". Grazie ancora, ciao
Selene Barblan
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 645
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Ciao Laura, ecco premettendo che il genere rosa non è quello che scelgo solitamente quando entro in libreria, leggendo questo tuo racconto non ho provato quella sensazione di “uff, ecco un’altra storia d’amore”. Come dire, ha un che di leggero che lo rende piacevole, come un film. Trovo il testo molto ben calibrato nelle sue parti, molto corretto e scorrevole. Se non sbaglio hai modificato il finale rispetto alla prima lettura che ho dato quando l’hai pubblicato e lo trovo bello. Titolo azzeccato, rimando al titolo messo al punto giusto, giusto equilibrio tra sensazioni piacevoli (divertimento/voglia di amare) e meno piacevoli (malinconia, imbarazzo). Trovo quindi che sia un bel racconto, mi è piaciuto, voto 4.

Ps: ti è sfuggita una spaziatura qui:

“L’ unica cosa che faceva ancora rumore, all’interno di casa nostra, era la televisione. Veramente da spararsi!”
Laura Traverso
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 545
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

Selene Barblan ha scritto: 07/10/2021, 12:48 Ciao Laura, ecco premettendo che il genere rosa non è quello che scelgo solitamente quando entro in libreria, leggendo questo tuo racconto non ho provato quella sensazione di “uff, ecco un’altra storia d’amore”. Come dire, ha un che di leggero che lo rende piacevole, come un film. Trovo il testo molto ben calibrato nelle sue parti, molto corretto e scorrevole. Se non sbaglio hai modificato il finale rispetto alla prima lettura che ho dato quando l’hai pubblicato e lo trovo bello. Titolo azzeccato, rimando al titolo messo al punto giusto, giusto equilibrio tra sensazioni piacevoli (divertimento/voglia di amare) e meno piacevoli (malinconia, imbarazzo). Trovo quindi che sia un bel racconto, mi è piaciuto, voto 4.

Ps: ti è sfuggita una spaziatura qui:

“L’ unica cosa che faceva ancora rumore, all’interno di casa nostra, era la televisione. Veramente da spararsi!”
Ti ringrazio Selene, mi fa molto piacere che il racconto ti sia piaciuto. In effetti avevo modificato il finale, subito dopo averlo postato. Grazie anche per la segnalazione della spaziatura nella frase che hai riportato, per il bel voto e per l'attenta recensione. Ciao
Letylety
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 21
Iscritto il: 21/03/2020, 12:12

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Letylety »

Un buon racconto che tratta uno degli argomenti del futuro. Le statistiche dicono che il 25% delle nuove coppie si sono conosciute sul web. E nel futuro prossimo non potranno che aumentare considerando l'evolversi della società. Potresti lasciare lo scritto nel cassetto e riprenderlo tra qualche tempo, inventando la nascita di una nuova coppia. La realtà spesso supera la fantasia.
Macrelli Piero
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 73
Iscritto il: 24/02/2020, 15:22

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Macrelli Piero »

Ottimo il prologo, a.quando il racconto? Scherzi a parte, la prova è buona, formalmente corretta e può anche considerarsi conclusa, ma vorrei vedere cosa succede di altro alla protagonista. L' approccio al web cosa ha provocato? Non hai detto la verità, non tutta e non intendo inconfessabili perversioni, ma emozioni, un po' come i personaggi di Carver.
Laura Traverso
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 545
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

Letylety ha scritto: 07/10/2021, 23:43 Un buon racconto che tratta uno degli argomenti del futuro. Le statistiche dicono che il 25% delle nuove coppie si sono conosciute sul web. E nel futuro prossimo non potranno che aumentare considerando l'evolversi della società. Potresti lasciare lo scritto nel cassetto e riprenderlo tra qualche tempo, inventando la nascita di una nuova coppia. La realtà spesso supera la fantasia.
Vero quello che dici! Grazie per il pertinente commento e per la lettura del mio racconto, ciao
Namio Intile
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 345
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Namio Intile »

È una riflessione su se stessi, sulla fine di un rapporto e infine sul suo significato per se stessi. L'ho trovato equilibrato, ben condotto, dall'inizio fino alla fine, con una chiusa da manuale. Forse avrei speso qualche parola in più sulla decisione di non cercare su di un sito ad hoc l'anima gemella, che poi è il centro del racconto. Ma la chiusa è, mi ripeto, perfetta quindi va bene così. Ciò che perdi in profondità acquisti in rapidità e leggiadria. Il che per un racconto breve è sempre un bene.
Nulla da segnalarti dal punto di vista formale. Forse solo quell'appagante che adoperi una volta di troppo, ma non è nulla di che.
Complimenti
RobertoBecattini
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 43
Iscritto il: 25/11/2018, 0:46

Author's data

Re: Single di ritorno

Messaggio da leggere da RobertoBecattini »

Una riflessione sincera, un racconto minimalista, ben scritto, forse però è "dalla padella nella brace". La protagonista è una donna matura in tutti i sensi, quindi non può che sorridere del mercato virtuale in cui si imbatte nella seconda parte. In effetti il miglior modo di ritrovare l'Amore è amare ciò che si fa o meglio ancora, fare ciò che si ama per stare bene con se stessi, primo passo per stare bene con gli altri.
RobediKarta
Anto58
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 26
Iscritto il: 07/03/2021, 18:21

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Anto58 »

Apprezzo molto la sincerità e la sensibilità con cui è stato scritto questo racconto, seppure tutto resti in superficie, la situazione matrimoniale mi pare abbastanza banalizzata e scontata. Credo che nell'ultimo capoverso non sia stato usato correttamente il congiuntivo, ma si legge piacevolmente.
Laura Traverso
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 545
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

Namio Intile ha scritto: 09/10/2021, 17:18 È una riflessione su se stessi, sulla fine di un rapporto e infine sul suo significato per se stessi. L'ho trovato equilibrato, ben condotto, dall'inizio fino alla fine, con una chiusa da manuale. Forse avrei speso qualche parola in più sulla decisione di non cercare su di un sito ad hoc l'anima gemella, che poi è il centro del racconto. Ma la chiusa è, mi ripeto, perfetta quindi va bene così. Ciò che perdi in profondità acquisti in rapidità e leggiadria. Il che per un racconto breve è sempre un bene.
Nulla da segnalarti dal punto di vista formale. Forse solo quell'appagante che adoperi una volta di troppo, ma non è nulla di che.
Complimenti
Ciao Namio, mi fa molto piacere leggere il tuo commento; tra l'alto molto positivo. Ti ringrazio tanto perché so bene quanta attenzione tu ponga per ogni valutazione che esprimi sui racconti in gara, pertanto la tua opinione mi è particolarmente gradita e tengo sempre conto di ogni tuo suggerimento. Grazie anche per il voto grandissimo che hai dato. Un caro saluto, ciao
Ultima modifica di Laura Traverso il 11/10/2021, 19:25, modificato 1 volta in totale.
Laura Traverso
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 545
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

Anto58 ha scritto: 10/10/2021, 23:24 Apprezzo molto la sincerità e la sensibilità con cui è stato scritto questo racconto, seppure tutto resti in superficie, la situazione matrimoniale mi pare abbastanza banalizzata e scontata. Credo che nell'ultimo capoverso non sia stato usato correttamente il congiuntivo, ma si legge piacevolmente.
Grazie molte anche a te Anto, mi fa piacere che tu abbia letto e commentato il mio racconto, grazie anche per la valutazione espressa. Ciao
Laura Traverso
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 545
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

Re: Single di ritorno

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

RobertoBecattini ha scritto: 10/10/2021, 23:00 Una riflessione sincera, un racconto minimalista, ben scritto, forse però è "dalla padella nella brace". La protagonista è una donna matura in tutti i sensi, quindi non può che sorridere del mercato virtuale in cui si imbatte nella seconda parte. In effetti il miglior modo di ritrovare l'Amore è amare ciò che si fa o meglio ancora, fare ciò che si ama per stare bene con se stessi, primo passo per stare bene con gli altri.
Direi che no, "dalla padella ALLA brace", ossia da una cosa all'altra... Ma comunque ci sta anche come dici tu, son talmente piccole cose... A parte ciò grazie molte per la tua analisi che condivido assolutamente. Hai colto assai bene l'essenza della protagonista che hai spiegato al meglio. Anche grazie per il voto assegnato e per aver letto il mio racconto, ciao
Laura Traverso
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 545
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

Macrelli Piero ha scritto: 08/10/2021, 6:32 Ottimo il prologo, a.quando il racconto? Scherzi a parte, la prova è buona, formalmente corretta e può anche considerarsi conclusa, ma vorrei vedere cosa succede di altro alla protagonista. L' approccio al web cosa ha provocato? Non hai detto la verità, non tutta e non intendo inconfessabili perversioni, ma emozioni, un po' come i personaggi di Carver.
Grazie per il tuo simpatico commento. Sì, certo, avrei potuto dire... ma essendo un "breve" mi sono voluta limitare a quanto ho detto. E poi, le emozioni, dal mio punto di vista, sono state espresse. Sempre "in breve"... Grazie per tutto, per il voto e per il positivo commento. Ciao
Giovanni p
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 28
Iscritto il: 13/10/2021, 17:38

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Giovanni p »

Il racconto non è nei generi che preferisco, ma la scrittura è ottima. Non mi dispiace l'empatia con la quale si utilizzano e personaggi, in particolare come viene sottolineata la fragilità della protagonista, ed il rapporto con i figli.
Rispondi

Torna a “Gara d'autunno, 2021”



Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Il sole è nudo

Il sole è nudo

Antologia di opere che mettono a nudo la pratica del nudismo.
Questo libro non vuole essere un dibattito pro o contro; non ci riguarda, abbiamo solo avuto il desiderio di spogliarci con voi.
A cura di Angelo Manarola e Massimo Baglione.
Copertina di Roberta Guardascione.

Contiene opere di: Concita Imperatrice, M. C, Gianni Veggi, 1 s3mpl1c3 nud1sta, Paolo De Andreis, Mario Stallone, Leonardo Rosso, Iconat, Sergio Bartolacelli, Donatella Ariotti, Franca Riso, Lodovico Ferrari, Goldchair60, Emanuele Cinelli, Vittoria Tomasi, Simone Pasini, Anna Rita Foschini, Matteone, Galiano Rossi, Franca Mercadante, Massimo Lanari, Francesco Paolo Catanzaro, Francesco Guagliardo, Giacobsi, Bayron, Marina Paolucci, Guglielmo A. Ferrando, Stefano Bozzato, Marco Murara, Francesca Miori, Lorenzo Moimare, Vincenzo Barone, Rupert Mantovani, Domenico Ciccarelli, Siman, Roberto Gianolio, Francesco Marcone, utente anonimo, Jole Gallo, Giovanni Altieri, Daniela Zampolli, Robi Nood, Mauro Sighicelli, Lucica Talianu, Giovanni Minutello, Naturizia, Serena Carnemolla, Carla Bessi.
Vedi ANTEPRIMA (407,33 KB scaricato 617 volte).
info e commenti compralo su   amazon


Non spingete quel bottone

Non spingete quel bottone

antologia di racconti sull'ascensore

Hai mai pensato a cosa potrebbe accadere quando decidi di mettere piede in un ascensore? Hai immaginato per un attimo a un incontro fatale tra le fredde braccia della sua cabina? Hai temuto, per un solo istante, di rimanervi chiuso a causa di un imponderabile guasto? E se dietro a quel guasto ci fosse qualcosa o qualcuno?
Trentuno autori di questa antologia dedicata all\'ascensore, ideata e curata da Lorenzo Pompeo in collaborazione col sito BraviAutori.it, hanno provato a dare una risposta a queste domande.
A cura di Lorenzo Pompeo
Introduzione dell\'antropologo Vincenzo Bitti.
Illustrazioni interne di Furio Bomben e AA.VV.
Copertina di Roberta Guardascione.

Contiene opere di: Vincenzo Bitti, Luigi Dinardo, Beatrice Traversin, Paul Olden, Lodovico Ferrari, Maria Stella Rossi, Enrico Arlandini, Federico Pergolini, Emanuele Crocetti, Roberto Guarnieri, Andrea Leonelli, Tullio Aragona, Luigi Bonaro, Umberto Pasqui, Antonella Provenzano, Davide Manenti, Mara Bomben, Marco Montozzi, Stefano D'Angelo, Amos Manuel Laurent, Daniela Piccoli, Marco Vecchi, Claudio Lei, Luca Carmelo Carpita, Veronica Di Geronimo, Riccardo Sartori, Andrea Andolfatto, Armando d'Amaro, Concita Imperatrice, Severino Forini, Eliseo Palumbo, Diego Cocco, Roberta Eman.
Vedi ANTEPRIMA (2,58 MB scaricato 513 volte).
info e commenti compralo su   amazon


Il Bene o il Male

Il Bene o il Male

Trenta modi di intendere il Bene, il Male e l'interazione tra essi.

Dodici donne e diciotto uomini hanno tentato di far prevalere la propria posizione, tuttavia la Vita ci insegna che il vincitore non è mai scontato. La Natura ci dimostra infatti che dopo un temporale spunta il sole, ma ci insegna altresì che non sempre un temporale è il Male, e che non sempre il sole è il Bene.
A cura di Massimo Baglione
Copertine di Giuliana Ricci.

Contiene opere di: Antonella Cavallo, Michele Scuotto, Nunzio Campanelli, Rosanna Fontana, Giorgio Leone, Ida Dainese, Angelo Manarola, Anna Rita Foschini, Angela Aniello, Maria Rosaria Del Ciello, Fausto Scatoli, Marcello Nucciarelli, Silvia Torre, Alessandro Borghesi, Umberto Pasqui, Lucia Amorosi, Eliseo Palumbo, Riccardo Carli Ballola, Maria Rosaria Spirito, Andrea Calcagnile, Greta Fantini, Pasquale Aversano, Fabiola Vicari, Antonio Mattera, Andrea Spoto, Gianluigi Redaelli, Luca Volpi, Pietro Rainero, Marcello Colombo, Cristina Giuntini.
Vedi ANTEPRIMA (455,65 KB scaricato 146 volte).
info e commenti compralo su   amazon





Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 27 - Io, frammenti di autobiografie

La Gara 27 - Io, frammenti di autobiografie

(gennaio 2012, 80 pagine, 1,06 MB)

Autori partecipanti: Lodovico, Ardito eufemismo, Skyla74, Nathan, Feffone, Mariadele, Stilledernacht, Tania Maffei, Angela di Salvo, Unanime uno, Cordelia, Ritavaleria, hellies15, Manuela, Tuarag, Licetti, Roberta Michelini, Antonella P, Kutaki Arikumo, Ser Stefano, Alessandro Napolitano, Alessandra 90, Alheli, Triptilpazol,
A cura di Ser Stefano.
Scarica questo testo in formato PDF (1,06 MB) - scaricato 457 volte.
oppure in formato EPUB (668,88 KB) (vedi anteprima) - scaricato 214 volte..
Lascia un commento.

La Gara 70 - Troppo tardi

La Gara 70 - Troppo tardi

(aprile 2018, 20 pagine, 663,34 KB)

Autori partecipanti: Roberto Bonfanti, Patrizia Chini, Daniele Missiroli, Gabriele Ludovici, Ida Dainese,
a cura di Lodovico Ferrari.
Scarica questo testo in formato PDF (663,34 KB) - scaricato 71 volte.
oppure in formato EPUB (326,04 KB) (vedi anteprima) - scaricato 82 volte..
Lascia un commento.

Calendario BraviAutori.it "Year-end writer" 2018 - (in bianco e nero)

Calendario BraviAutori.it "Year-end writer" 2018 - (in bianco e nero)

(edizione 2018, 4,37 MB)

Autori partecipanti: (vedi sopra),
A cura di Tullio Aragona.
Scarica questo testo in formato PDF (4,37 MB) - scaricato 77 volte..