Sangue di pietra

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'autunno 2021.

Sondaggio

1 - non mi piace affatto
0
Nessun voto
2 - mi piace pochino
1
7%
3 - si lascia leggere
2
14%
4 - è bello
7
50%
5 - mi piace tantissimo
4
29%
 
Voti totali: 14

Giovanni p
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 42
Iscritto il: 13/10/2021, 17:38

Author's data

Sangue di pietra

Messaggio da leggere da Giovanni p »

leggi documento Spiacente ma, in questo browser, la lettura a voce non funziona.

In una grotta vicino al mare dove il fragore delle onde copriva ogni rumore Petro si risvegliò dal suo sonno. Furono gli antichi a portarlo lì. Lo trasportarono con navi vetuste e primitive fatte di legno di cedro ritenuto sacro e rifinite in bronzo. Quelle navi venivano da lontano ed arrivarono su quelle coste allora disabitate e selvagge. Gli antichi lo avevano scolpito nella roccia e con formule note solo a loro lo avevano animato dandogli il soffio della vita. Nessuno sapeva perché avessero creato Petro né perché lo avessero nascosto in una grotta vicino al mare. Di quel popolo antico e misterioso si sa soltanto che erano tante le insidie e pericoli che ne minacciavano la sopravvivenza. Si presume che ne abbiano creati altri di giganti come Petro, lasciandoli qua e là come semi pronti a sbocciare o vulcani in attesa di poter eruttare distruggendo tutto quello che avrebbero incontrato. L’aspetto di Petro suggeriva un suo utilizzo bellico. Il suo corpo era inscalfibile, il suo organismo non necessitava di cibo e la fatica non apparteneva alla sua natura. I primi ricordi di Petro si rifacevano ai giorni della sua costruzione. Ciò avvenne in una città fantastica, nascosta fra le montagne nel deserto. Una città fatta di cupole d’oro e rame, lucenti ed alte. Ricordava in maniera nitida gli scalpellini che lo scolpivano con strumenti fatti di diamante e metalli sconosciuti. Ricordava gli anziani vestiti di blu con le barbe candide e la pelle bruna che lo esaminavano parlandogli in una lingua che mai avrebbe risentito, neanche se avesse girato il mondo intero. I soliti uomini si erano messi in mare ed una volta individuata la grotta lo trasportarono dentro, utilizzando macchine fatte di rame e leghe nobili. Lo coricarono con una delicatezza quasi materna in quel luogo buio e umido. Una volta adagiato al suolo iniziarono ad intonare una ninnananna. Petro sentì che il sonno stava prendendo il sopravvento, il suo corpo iniziò ad irrigidirsi e il suo cuore rallentò fino ad assopirsi. Prima di andarsene, uno di quegli anziani vestiti di blu carezzò la sua guancia rocciosa e sussurrò nel suo orecchio:

- Sii libero. La tua forza non ci salverà, niente può arrestare la nostra fine. Forse non ci rivedremo più. Addio prodigio vivente.

Petro cadde nel sonno più profondo, sentendo l’aggressività che gli era stata piantata dentro svanire. Un altro anziano vestito di blu promise a Petro che se fosse vissuto abbastanza lo sarebbe venuto a prendere, ma lui dormiva già e non sentì quella promessa. Gli antichi però non tornarono mai e Petro entrò nel letargo senza conoscere il senso della sua creazione. Senza uno scopo dormiva mentre il mare urlava, ed il tempo scorreva.
Molto tempo dopo in quella grotta dischiuse gli occhi, solo e disorientato comprese di essere orfano. Non sapeva cosa fosse il tempo né la vita. Esisteva e basta. La vista gli dava sempre il solito panorama buio fatta eccezione per i pochi e sottili raggi di luce che filtravano dall’esterno. Il mare e il suo ruggito interrompevano di tanto in tanto i suoi ricordi, l’unica cosa che possedeva al mondo. Si chiedeva dove fossero gli antichi, dove fosse la città dalle cupole d’oro e cosa le facesse scintillare dato che adesso era tutto buio. Illuminando le mani con la poca luce a disposizione capì di essere fatto di pietra, la solita materia della quale era fatta la caverna. Quella caverna era come un enorme grembo materno dal quale prima o dopo sarebbe dovuto uscire. In alcuni punti del suo corpo il muschio era cresciuto come una seconda pelle, soffice e scura. L’acqua che gocciolava dal soffitto della caverna lo incuriosiva, non ne afferrava la natura né il senso. Non capiva se fosse qualcosa di vivo dato che aveva una sua dinamicità o se fosse inanimata come la pietra che lo circondava. La luce che andava a stamparsi sulle pareti e l’acqua erano gli unici elementi oltre la pietra. Provò spesso ad afferrare la luce, ma non aveva peso e sostanza. Notò poi che ogni giorno la luce colpiva i soliti punti, lo intuì perché incise il bordo dei raggi solari sulla parete della caverna e si accorse che ogni giorno quei raggi si muovevano andando ad illuminare sempre i soliti posti. Non sapeva cosa fosse il tempo, ma comprese cosa fosse la costanza.
Dopo aver ragionato su questo, decise di andare incontro alla luce. Andandole incontro, la luce si fece sempre più intensa, fino al giorno in cui trovò l’uscita della caverna.
Fuori dalla caverna tutto era luce, tutto era fatto di colori. La prima volta si spaventò. Non aveva mai provato niente del genere. Sentì qualcosa di caldo scorrergli dentro e la sua pelle farsi più pesante. Senza che se ne fosse accorto aveva innescato un meccanismo di autodifesa che lo rendeva ancora più forte e resistente. Quando uscì per la seconda volta il coraggio era saldo in lui, decise quindi di esplorare il mondo circostante. Il mare e il cielo furono la prima cosa che riuscì a vedere e in un certo senso a capire. Si accorse che non erano la stessa cosa e notò che l’acqua era per lui qualcosa di pericoloso. Dei sassi sdrucciolarono in mare andando giù senza riemergere, questo gli creò un po’ di ansia. Il cielo era alto, limpido e innocuo. Gli piacque. Si arrampicò su per la scogliera ed arrivò in un bosco fatto di pini verdi. Toccò gli alberi, anche questi sembravano fatti di pietra ma notò che erano molto più fragili. La loro corteccia si sfaldava con estrema facilità. Non erano simili a Petro in nulla e di questo se ne dispiacque dato che gli piacevano. Vide poi degli animali e sentì che gli piacevano. Trovava belli i serpenti, lucidi e scintillanti. Amava i conigli soffici e timidi. Adorava gli uccelli dinamici e esuberanti. Negli animali vedeva e sentiva qualcosa di strano. La vita e il movimento erano bizzarri per lui. Ma niente di tutto quello che trovava bello e interessante gli somigliava, questo gli fece sperimentare la solitudine e i sentimenti che ne derivavano.
Senza che afferrasse il concetto di tempo iniziò ad interrogarsi su se stesso, riesaminando i suoi ricordi per poi confrontarli con le sue nuove esperienze. Cosa lo teneva in vita? Quali erano i meccanismi che lo differenziavano dal resto delle altre creature? Quali erano i processi che innescavano le sue idee? Cosa scorreva sotto la pietra che lo componeva?
Iniziò a studiare il movimento del sole e delle stelle. Capì che la luce andava e veniva sempre nella stessa maniera. Ma non avendo concezione del tempo non dette troppo peso a ciò, anzi credette che il sole appartenesse al regno animale e come lui anche le stelle. Vedeva ogni giorno il sole e ogni notte la luna e le stelle. Erano lontani e luminosi. Durante le notti dove la luna splendeva pensava spesso agli antichi e alla loro città. Quando di notte pensava a loro il giorno seguente tornava alla grotta. Ma le possenti navi in cedro non c’erano e nemmeno gli antichi dalla pelle bruna e le vesti blu. La nostalgia e la speranza lo attanagliavano spesso facendolo sentire un estraneo, un alieno caduto dal cielo in un mondo bello, ma che non gli apparteneva.
Non era infelice, ma i suoi creatori li avrebbe rincontrati volentieri. Volentieri avrebbe rivisto i loro abiti blu, la loro barba bianca, riascoltato la loro voce. La loro ninnananna che ancora riecheggiava nella sua testa granitica era l’unico gesto di affetto che aveva ricevuto e che mai avrebbe scordato.
Poi un giorno qualcosa nell’aria mentre vagabondava fra i pini lo destò dai suoi pensieri. Inizialmente credette di aver sognato, di essersi immaginato tutto. Ma poco dopo la sentì di nuovo. Sentì la voce di un uomo. Non poteva sbagliare visto che nessun animale poteva replicare un suono come quello. Pensò subito agli antichi, forse erano venuti a prenderlo.
Seguì la voce e seguendola si accorse che il bosco spariva. Ai margini della vegetazione gli si parò davanti uno spettacolo singolare e bizzarro. In un agglomerato di sassi simili a grotte c’erano dei curiosi esseri. Avevano le fattezze degli antichi, delle similitudini nei tratti. Ma il disgusto che sentì non lo aveva mai provato. Quelli non erano gli antichi, quei “cosi” potevano avere due braccia e due gambe come loro, ma non erano loro. La loro lingua era volgare e fastidiosa, il loro tono nel parlare era rozzo. Gli abiti che portavano addosso erano logori e banali. Le loro case, che Petro aveva confuso per grotte, erano squallide. In niente quell’accozzaglia di pietre e ciottoli assomigliava alla città dalle cupole d’oro. In nulla la voce e le parole di chi lo aveva creato erano simili ai volgari rantoli di quelle bestie su due zampe.
La delusione diventò orrore quando li vide mangiare. Uccidevano e mangiavano gli animali che lui amava. Sentì l’impulso di ucciderli tutti, ma poi si domandò “a che fine farlo?”. La loro natura era quella, misera e brutta. Non avrebbe vendicato la sofferenza delle bestie, le quali anche loro mangiavano e uccidevano, né avrebbe istruito quei mostri ad una vita migliore. Sarebbe stata violenza fine a se stessa se li avesse uccisi. Sarebbe di conseguenza diventato come loro, come l’unica cosa che odiava al mondo. I comportamenti degli uomini fecero sì che Petro iniziasse a guardarsi dentro, così da interrogarsi su cosa fosse giusto o sbagliato.
Il giorno si fece notte e le stelle e la luna apparvero. Si rallegrò del fatto che almeno loro non fossero spariti nelle loro disgustose bocche. I grilli frinivano nella testa di Petro, una melodia trita ma rassicurante. Era la musica della terra, utile a cose che lui non sapeva, ma che avrebbe voluto conoscere. Gli interrogativi sul mondo che lo circondava erano tanti. Avrebbe voluto capire tutto, ma senza un maestro, un amico o qualsiasi essere col quale comunicare era tutto complicato. Era come giocare ad un gioco senza saperne le regole. Poteva solo osservare ed ascoltare quello che lo circondava, trarre delle conclusioni che potevano essere giuste o sbagliate e questo solo grazie al suo intelletto continuamente martellato da interrogativi. Poi qualcosa di diverso lo fece sobbalzare. Un suono unico, una melodia che gli entrò nelle orecchie, qualcosa di nuovo, di mai ascoltato. Provò qualcosa di simile alla paura che lo aveva assalito il primo giorno fuori dalla grotta. Ma poi la paura svanì e diventò qualcosa di diverso, che non sapeva spiegare.
Si avvicinò verso quel suono delicato, simile in qualche modo alle parole degli antichi e quando capì da dove venisse fu stupore, confusione e meraviglia. Affacciata alla finestra di una casupola fatiscente una ragazza pregava illuminata da una candela. Era così bella da spaventarlo. Quella ragazza era una di loro, ma non era come loro. Non era viscida, né grezza. Era bella anche se non conosceva il significato di questa parola. Il suo volto non era volgare, come non lo erano le sue mani, né la sua voce delicata. Petro ascoltò le sue note vocali senza capire una sola parola. Ma non aveva importanza per lui. La candela poi si spense e la ragazza sparì nell’ombra. Tornò lì ogni notte e lei ogni notte pregava a voce alta, incantandolo.
Grazie a lei iniziò ad elaborare e capire ed apprezzare il concetto di bellezza. Era qualcosa di più profondo della meraviglia o dello stupore. Quelli li aveva sperimentati velocemente perché ciò che lo circondava, specialmente una volta uscito dalla grotta, era tutto una scoperta, una novità.
La sua intelligenza si era evoluta, portandolo a fare ragionamenti o speculazioni. Ma quella ragazza era qualcosa di più. Davanti a lei non ragionava. Si perdeva. Perdeva la sua abitudine di giudicare, di chiedersi il perché di tutto. Era bella, semplicemente bella. E non lasciava adito ad altro. Non c'era da chiedersi perché. Lui poteva solo star lì a fissarla, senza pensare ad altro.
Ascoltandola iniziò a capirla. Iniziò a tradurre in oggetti e concetti i suoni che lo affascinavano. Quella creatura unica chiedeva non si sa a chi delle ricchezze.
Per scoprire cosa fosse la ricchezza Petro dovette umiliarsi nel dover osservare gli altri uomini e donne. Non fu facile spiarli senza farsi vedere, ma ci riuscì.
Capì che la ricchezza e la felicità erano connesse, ma non erano la solita cosa. La maggior parte degli uomini bramava le ricchezze senza però mai ottenerle. Offendevano i pochi che ne possedevano e si lanciavano in sfuriate patetiche quando a sera si ubriacavano dopo aver faticato tutto il giorno. Altri rubavano, altri si vendevano, molti tradivano per queste ricchezze.
Aveva un opinione degli uomini sempre più bassa. Si domandò perché la ragazza, tanto bella e gentile, aspirasse alla solita cosa di quei ridicoli e gretti esseri. Ogni notte la vedeva e l’ascoltava, avrebbe fatto qualsiasi cosa per lei, per esaudire i suoi desideri. Lei di ricchezza a Petro ne aveva elargita tanta senza saperlo. Si sentiva ricco grazie a lei. Il senso di vuoto era sparito da quando l’aveva vista per la prima volta, avere un esistenza piena per lui era la ricchezza più grande.
Era comunque difficile capire cosa fosse materialmente la ricchezza. Gli uomini del posto barattavano tutto, non usavano ricchezze per sostentarsi. Un giorno però un uomo diverso dagli altri, uno che in quel paesino non aveva mai visto, arrivò da lontano. Gli altri uomini era ammutoliti al suo cospetto, docili e guardinghi. Le loro espressioni di fronte a quello straniero erano contrite, sembrava che lo temessero, ma ciò nonostante erano goffamente servili nei suoi riguardi. Quest’uomo, con sprezzo malcelato, tirò fuori di tasca una pepita d’oro lucente e tutti si misero in moto come burattini al suo servizio. Tutti correvano per accontentarlo, gli sorridevano e si sforzavano di essere meno brutti e rozzi. Lui li derideva e loro facevano a gara nel farsi deridere. Quella pepita riaccese i ricordi più lontani di Petro. Le cupole della città degli antichi erano fatte di quella sostanza luminosa. Gli antichi ne avevano da buttare di quel metallo straordinario. Certo, loro non lo usavano come moneta. L‘oro degli antichi serviva per catturare i fulmini ed innescare enormi macchine di straordinaria bellezza. Petro rise di quell’uomo. Usava un oggetto del genere per avere in cambio gli oggetti e i servizi di quei barbari.
La nostalgia per un momento gli appesantì l’animo, ma poi si rallegrò.
Di oro o ricchezze simili la terra è piena. Gli antichi glielo avevano detto, anzi era una delle sue mansioni trovare l’oro. Avrebbe trovato l’oro e lo avrebbe consegnato alla ragazza rendendola ricca. Sentì la felicità scorrergli dentro, qualcosa di caldo che nella sua vita aveva sperimentato poche volte. Aspettò con ansia il buio, poi avrebbe atteso la luce della candela e infine la voce della ragazza.

Anche quella sera le andò incontro dopo averla sentita pregare. Quella notte avrebbe dato qualsiasi cosa per poterla toccare. Si avvicinò lentamente. Lei non lo sentì né lo vide. Poi lui per la prima volta in vita sua parlò. Il suo fu più in rantolo, non aveva mai parlato in vita sua e nemmeno sentito mai il suono della propria voce. Rimase stupito oltre che imbarazzato, ma non volle farci caso visto che la ragazza lo aveva sentito e aveva smesso di pregare. Sentendo quel suono strano la ragazza si era bloccata, domandò chi ci fosse, ma nessuno le rispose. Un colosso di Pietra le stava di fronte, ma lei non lo vedeva. I suoi occhi, grandi e bellissimi, fissavano il vuoto e le sue mani si agitavano l’una con l’altra. Petro comprese che la ragazza non lo avrebbe visto, come mai avrebbe potuto vedere nulla. Pensò alla ragazza, ai suoi ricordi fatti di soli suoni, senza immagini ne colori. La ragazza domandò di nuovo chi fosse, Petro si sentì triste come mai si era sentito. Si fece coraggio e le chiese il suo nome

- Iris. Rispose lei con un po’ di apprensione.

Vide i suoi grandi occhi verdi socchiudersi, non aveva paura e questo lo intenerì ancora di più . Avrebbe voluto accarezzarla, dimostrale l’affetto che lo scaldava sotto la sua scorza rocciosa. Ma si congedò, promettendo che sarebbe tornato per esaudire i suoi desideri. Lei lo lasciò andare credendo forse che un angelo fosse sceso in terra per ascoltarla.
Petro tornò nella caverna dalla quale era uscito molto tempo prima e iniziò a scavare. La pietra della caverna si sgretolava sotto i suoi possenti colpi. Un metro alla volta Petro aprì una voragine ciclopica, più estesa del villaggio di Iris. Senza vedere più il sole e la luna perse la cognizione del tempo. Scavò sempre più a fondo fino a che una vena d’oro illuminò il buio. Era riuscito nel suo scopo. L’oro era stato trovato e con esso anche molte gemme preziose. Ne raggruppò una quantità non indifferente che a mala pena riusciva a trasportare e una volta presa fra le sue possenti mani uscì dalla grotta. Fuori era buio, s’incamminò verso il villaggio di Iris, ma i punti di riferimento che ricordava erano scomparsi. Il bosco era praticamente sparito, adesso delle lunghe spighe avevano sostituito gli alberi. Con grosse difficoltà ritrovò il villaggio. Non era più squallido e fatiscente, sembrava più ordinato e curato. In giro non c’era nessuno, solo qualche gatto. Non si capacitava del perché ci fossero tanti cambiamenti. Poi vide una ragazza dove una volta Iris pregava. Anche la casa di Iris era cambiata, sembrava più grande e meno brutta. Si avvicinò a quella ragazza che nel buio teneva in mano qualcosa di luminoso. A farle luce non c’era una candela, ma una piccola sfera di luce che lui non aveva mai visto.
Fu invaso dalla gioia e per poco non fece cadere l’oro e le gemme. La ragazza era Iris.
Si avvicinò convinto di non essere visto, ma la ragazza alzò lo sguardo su di lui e rimase impietrita dal terrore. Lui non arrestò la sua avanzata e una volta al suo cospetto le mostrò l’oro e le gemme che aveva estratto dalla grotta. La ragazza rimase interdetta, non disse nulla, fu Petro a chiamarla per nome.

- Iris.

Lei guardò le ricchezze e poi il colosso di pietra che gliele porgeva. Cercò di dominare la paura e con un filo di voce.

- Io non sono Iris. Mi chiamo Rosa. Iris era mia nonna.

Lui rimase ammutolito.

- Purtroppo mia nonna è morta quindici anni fa. Era molto anziana. Mi dispiace.

Quelle parole scossero dentro di lui qualcosa che non si muoveva da molto, forse troppo, tempo. Iniziò a sentir scorrere dentro di se qualcosa di caldo. Quella sostanza gli ricordò istintivamente l’acqua. Riusciva ad avvertirne la consistenza anche se tutto avveniva dentro di lui. Il suo corpo si stava intorpidendo, un po’ come quando gli antichi cantarono la ninnananna che lo fece addormentare. Ma stavolta era diverso. Un pezzo alla volta la sua enorme mole iniziò a sgretolarsi fino a diventare polvere. L’ultima cosa che vide furono gli occhi verdi di Rosa, identici a quelli di Iris, e poi più nulla. Ai piedi della ragazza rimase un piccolo cumulo di polvere nera, simile alla cenere ma con dei riflessi vetrosi. Dalla polvere spuntarono simili a dei funghi le gemme e l’oro che scintillavano sotto la luce della luna. Le gemme brillarono più forti dopo che il vento soffiò via la polvere nera. Quel manto nero volò leggero fino al mare, forse fino alla città dalle cupole dorate.
Ultima modifica di Giovanni p il 16/11/2021, 16:32, modificato 3 volte in totale.
Avatar utente
Roberto Bonfanti
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 513
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

Pietro, un Golem misterioso, creato da esseri sovrannaturali ormai scomparsi, ritrova una scintilla di umanità alla presenza della bella e cieca Iris e di sua nipote, debolezza che è capace di consumarlo, cosa che non era riuscita neanche al tempo.
Un racconto fantasy, ben scritto, che si presta a diverse interpretazioni. Trovo un po' consueta la contrapposizione fra mostruosità e bellezza, dal romanzo gotico in poi (ma anche prima) è una formula molto usata in letteratura, come il sottinteso messaggio ecologista, l'incapacità degli uomini di vivere in sintonia con la natura.
Nel complesso lo stile è piacevole, fatto di frasi brevi e asciutte; per quanto poco nelle mie corde, l'ho trovata una lettura piacevole.
Due segnalazioni di refusi: "Questo tirò fuori di tasta una pepita d'oro lucente", "L'ultima cosa che vide furono gli occhi verde di Rosa".
Che ci vuole a scrivere un libro? Leggerlo è la fatica. (Gesualdo Bufalino)
https://chiacchieredistintivorb.blogspot.com/
Intervista su BraviAutori.it: https://www.braviautori.it/forum/viewto ... =76&t=5384
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine
Giovanni p
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 42
Iscritto il: 13/10/2021, 17:38

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Giovanni p »

Roberto Bonfanti ha scritto: 14/10/2021, 13:06 Pietro, un Golem misterioso, creato da esseri sovrannaturali ormai scomparsi, ritrova una scintilla di umanità alla presenza della bella e cieca Iris e di sua nipote, debolezza che è capace di consumarlo, cosa che non era riuscita neanche al tempo.
Un racconto fantasy, ben scritto, che si presta a diverse interpretazioni. Trovo un po' consueta la contrapposizione fra mostruosità e bellezza, dal romanzo gotico in poi (ma anche prima) è una formula molto usata in letteratura, come il sottinteso messaggio ecologista, l'incapacità degli uomini di vivere in sintonia con la natura.
Nel complesso lo stile è piacevole, fatto di frasi brevi e asciutte; per quanto poco nelle mie corde, l'ho trovata una lettura piacevole.
Due segnalazioni di refusi: "Questo tirò fuori di tasta una pepita d'oro lucente", "L'ultima cosa che vide furono gli occhi verde di Rosa".
la ringrazio per il commento costruttivo, utlile e interessante.
ho bisogno di tutti i pareri possibili per migliorare, mi dispiace solo per gli errori ortografici che mi sono sfuggiti. ho scoperto tardi questo spazio che considero utile ed interessante.
grazie ancora per il voto positivo.
Anto58
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 30
Iscritto il: 07/03/2021, 18:21

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Anto58 »

Anche per me il racconto è molto originale, ben scritto. Si sente il pathos e di ha voglia di continuare a leggere per sapere come va a finire. Non amo il fantasy ma questo pezzo mi è piaciuto molto per la notevole sensibilità e umanità che lascia trasparire. Voto 4
Giovanni p
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 42
Iscritto il: 13/10/2021, 17:38

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Giovanni p »

Anto58 ha scritto: 14/10/2021, 23:20 Anche per me il racconto è molto originale, ben scritto. Si sente il pathos e di ha voglia di continuare a leggere per sapere come va a finire. Non amo il fantasy ma questo pezzo mi è piaciuto molto per la notevole sensibilità e umanità che lascia trasparire. Voto 4
Grazie mille per il commento ed il voto, è bello che si percepisca l'impegno messo.
Athosg
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 40
Iscritto il: 17/12/2016, 13:41

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Athosg »

Ho avuto l'impressione di leggere un testo esoterico, dove il lettore sente il freddo della caverna dove vive Pietro. Mi ha colpito per il passo lento e per la qualità dei sentimenti, emersi e sottostanti.
Giovanni p
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 42
Iscritto il: 13/10/2021, 17:38

Author's data

Re: Sangue di pietra

Messaggio da leggere da Giovanni p »

Grazie mille per il commento ed il voto. Si, vuole essere esoterico più che fantasy. Grazie ancora
Laura Traverso
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 567
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

Complimenti davvero per questo bel racconto/fiaba che racchiude tutto. Parla della vita, della cupidigia degli umani e delle loro debolezze. Parla della natura, descrivendo al meglio, con molta grazia e sensibilità, la sua meraviglia. Racconta degli animali, della loro unicità e bellezza (e anche dell'orrore provato nel vedere gli uomini mangiarseli). E parla di solitudine, ma anche dell'amore che ha infine conosciuto e vissuto. Si sente, leggendo il tuo racconto, molta empatia nei confronti del solitario uomo di pietra. Bello pure il finale: lascia intendere che Pietro, sgretolato per amore sino a diventare polvere, possa essersi avviato verso la propria felicità.
Alcuni piccoli refusi da segnalare: "sentii l'impulso di ucciderli..." dato che il raccontò non è scritto in prima persona, credo sia meglio dire: "sentì...". Poi: "quello che circondava" direi meglio: "quello che LO circondava". Infine, la parola "ricchezza" è un poco ripetuta. Ma al di là di queste piccolezze, il brano è scritto molto bene e la storia narrata è avvincente. Pertanto massimo dei voti, 5.
Giovanni p
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 42
Iscritto il: 13/10/2021, 17:38

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Giovanni p »

Laura Traverso ha scritto: 15/10/2021, 16:59 Complimenti davvero per questo bel racconto/fiaba che racchiude tutto. Parla della vita, della cupidigia degli umani e delle loro debolezze. Parla della natura, descrivendo al meglio, con molta grazia e sensibilità, la sua meraviglia. Racconta degli animali, della loro unicità e bellezza (e anche dell'orrore provato nel vedere gli uomini mangiarseli). E parla di solitudine, ma anche dell'amore che ha infine conosciuto e vissuto. Si sente, leggendo il tuo racconto, molta empatia nei confronti del solitario uomo di pietra. Bello pure il finale: lascia intendere che Pietro, sgretolato per amore sino a diventare polvere, possa essersi avviato verso la propria felicità.
Alcuni piccoli refusi da segnalare: "sentii l'impulso di ucciderli..." dato che il raccontò non è scritto in prima persona, credo sia meglio dire: "sentì...". Poi: "quello che circondava" direi meglio: "quello che LO circondava". Infine, la parola "ricchezza" è un poco ripetuta. Ma al di là di queste piccolezze, il brano è scritto molto bene e la storia narrata è avvincente. Pertanto massimo dei voti, 5.

grazie mille per il commento e per il voto che sono entrambi preziosissimi per la mia crescita dato che ancora ho tanta strada da fare.
Egidio
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 52
Iscritto il: 14/04/2021, 6:05

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Egidio »

Mi piace questo tuo testo a metà strada tra la fiaba e il racconto esoterico. È scritto bene e tocca tematiche importanti. Hai davvero sbrigliato la tua fantasia nel costruire la trama. L' unica critica che mi sento di fare è per la lunghezza: una maggior sintesi non avrebbe stonato. Voto 4
Giovanni p
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 42
Iscritto il: 13/10/2021, 17:38

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Giovanni p »

Egidio ha scritto: 17/10/2021, 15:47 Mi piace questo tuo testo a metà strada tra la fiaba e il racconto esoterico. È scritto bene e tocca tematiche importanti. Hai davvero sbrigliato la tua fantasia nel costruire la trama. L' unica critica che mi sento di fare è per la lunghezza: una maggior sintesi non avrebbe stonato. Voto 4
Grazie mille per il voto ed il commento. Forse avrei dovuto condensare certe situazioni invece di dilungarmi.
Giovanni p
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 42
Iscritto il: 13/10/2021, 17:38

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Giovanni p »

questo è il primo concorso letteriaro al quale partecipo, spero di divertirmi e sopratutto di ricevere molti commenti utili a migliorare il mio stile di scrittura. rigrazio chiunque mi commentarà e voterà sperando che la storia piaccia.
Andr60
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 240
Iscritto il: 15/11/2019, 15:45

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Andr60 »

Un racconto che somiglia a una favola fantasy; non è il mio genere ma lo svolgimento è interessante, così come la descrizione dei sentimenti di questa specie di golem, così come la sua percezione del tempo, così diversa da quella umana.
E che, a differenza del golem originale, diventa umano poiché soffre e infine muore, per amore.
Avatar utente
Alberto Marcolli
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 87
Iscritto il: 08/05/2018, 18:06

Author's data

commento a Sangue di pietra

Messaggio da leggere da Alberto Marcolli »

Alcuni refusi che mi sono balzati all'occhio nelle due letture. Non giuro siano tutti, naturalmente.

Gli antichi lo avevo scolpito nella roccia -- avevano
soffice ed scura -- e scura
trovò l'uscita dalle caverna. – dalla
ed a iniziare a capire cosa fosse giusto --- e iniziare
modo alla parole degli antichi, --- alle
tirò fuori di tasta--- tasca
lo sentì ne lo vide --- né

Uso della virgola di cui mi sono accorto e che a mio parere modificherei

sdraiarono dentro utilizzando macchine fatte -- dopo "dentro" ci vuole una virgola
Andandogli incontro la luce si fece sempre --- virgola dopo incontro
Dopo aver capito questo decise di andare incontro --- virgola dopo capito
Per capire cosa fosse la ricchezza Pietro dovette --- virgola dopo ricchezza
similitudini nei tratti in effetti. -- Virgola dopo tratti
sdraiarono dentro utilizzando macchine fatte -- dopo "dentro" ci vuole una virgola

Considerazioni sulla bontà testo. Sempre parere personale.

Non mi spiego come mai gli attenti commentatori che mi hanno preceduto non si siano accorti che per ben 22 volte è usato il verbo capire nelle varie declinazioni, eppure è molto semplice trovarle, basta usare ctrl + f.

Rilevo l'uso scorretto della d eufonica che in questo scritto abbonda a profusione.
Vista la sua presenza massiccia in molti altri racconti, ormai mi sono rassegnato, sono io che sbaglio.

Non serve raddoppiare sempre gli aggettivi. Appesantiscono la lettura. Il "bravo autore" ne sceglie uno adatto e questo basta.

È un racconto fantasy, o almeno credo, e qui su Bravi Autori peste colga chi non sa apprezzarne la bellezza.
Mi limito soltanto a esprimere il mio voto sulla qualità della scrittura, ovvero dal 2 al 3. Arrotondo a 3
Giovanni p
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 42
Iscritto il: 13/10/2021, 17:38

Author's data

Re: Sangue di pietra

Messaggio da leggere da Giovanni p »

Grazie mille davvero per tutte queste correzioni e suggerimenti. Questo è il primo concorso al quale partecipo e ho bisogno di consigli e critiche per migliorare. Ho solo una domanda è possibile ricaricare il racconto dopo averlo corretto senza uscire dal concorso?
Avatar utente
Massimo Baglione
rank (info):
Site Admin
Messaggi: 9445
Iscritto il: 11/04/2007, 12:20
Località: Belluno
Contatta:

Author's data

Re: Sangue di pietra

Messaggio da leggere da Massimo Baglione »

è possibile ricaricare il racconto dopo averlo corretto senza uscire dal concorso?
Sì, dovesti avere un'iconcina a forma di matitina, vicino al titolo. Cliccala e riedita il testo.
Immagine

Immagine <<< io ero nel Club dei Recensori di BraviAutori.it.

Immagine

www.massimobaglione.org
Avatar utente
Marino Maiorino
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 340
Iscritto il: 15/10/2012, 0:01
Località: Barcellona
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Marino Maiorino »

Bello ma triste, triste assai: anche Pietro alla fine scompare, come la civiltà che l'ha generato, e senza essere riuscito a fare qualcosa per Iris.
C'è fantasia, uno spunto gradevole, elaborato, mistero. Eppure alle volte sembra perdersi, e non solo dietro al testo stesso: davvero sembra che non riesca a decidere se proseguire la vicenda o perdersi in un'ennesima giustificazione, che è poi la trappola peggiore per questo genere di racconti.
Che, purtroppo, a me piace, quindi il voto subisce l'effetto di questa preferenza per il genere.
«Amare, sia per il corpo che per l'anima, significa creare nella bellezza» - Diotima

Immagine
Immagine

ImmagineRacconti alla Luce della Luna

Sono su:
Immagine
Immagine
Giovanni p
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 42
Iscritto il: 13/10/2021, 17:38

Author's data

Re: Sangue di pietra

Messaggio da leggere da Giovanni p »

Grazie mille per il voto ed il commento che mi è piaciuto tantissimo. Grazie ancora
Selene Barblan
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 665
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Avevo letto anche questo, di racconto, qualche tempo fa e anche in questo caso mi è rimasto impresso. Perché, trovo, è ben costruito, è studiato, ammiro chi riesce a concepire tutto un mondo, una scenografia. Mi ricorda tre cose diverse, prima di tutto "La nube purpurea" di M. P. Shiel, ma anche un racconto mitologico o spirituale/allegorico. Quindi un'opera complessa. Come "La nube purpurea" non risulta una lettura leggerissima, necessita una lettura un pò attenta, ma questa non è una critica, assolutamente, il limite in questo caso sarebbe del lettore.
Ci sono però delle cose che non mi convincono tanto, provo a elencarle qui sotto:

- ci sarebbero delle piccole correzioni da fare, ad esempio:

"lo sdraiarono dentro" non si sdraia qualcuno, lo fecero sdraiare? lo posero?
"un alieno caduto dal cielo in mondo bello..." in un mondo bello
"sentii" sentì
"la ragazza poteva dirsi accontentata e lui si sarebbe sdebitato..." avrebbe potuto dirsi accontentata?

- alcune scelte stilistiche secondo me andrebbero riconsiderate:

"inscalfibile"
"scalpellini che scolpivano"
"di illuminare sempre i soliti posti" cambierei soliti
"rincontrati"
"aspirasse alla solita cosa di quei ridicoli gretti esseri" la solita cosa mi suona male

- A volte i tempi verbali mi sembrano strani ma non mi pronuncio perché non saprei spiegarne il motivo.

- troverei dei sinonimi di antichi, la parola si ripete davvero troppo spesso

- nel paragrafo dove trova oro e gemme, dedicherei qualche riga in più per dare maggiormente il senso del tempo trascorso

- alcuni paragrafi sono un pò densi a livello visivo

- il dialogo finale mi sembra un pò "secco" rispetto a tutta la descrizione particolareggiata di ciò che avviene prima, penso potresti svilupparlo meglio, o eventualmente evitare il discorso diretto e inserirlo come ultimo ricordo di Pietro

- ultima cosa, Pietro immagino tu abbia scelto il nome perché si tratta di un essere di pietra, ma a me rimanda immediatamente al Pietro della religione cattolica. Non è sicuramente un errore o una cosa sbagliata, ma se, come ho letto in un tuo commento, vorresti dargli un'impronta esoterica, forse si può trovare un nome che non dà un rimando così immediato a una specifica dottrina

Spero di esserti stata utile e di non essere risultata tediosa, volevo solo far capire il perché del mio voto che è forse un pò basso rispetto al potenziale che ha secondo me il racconto. Per me il voto è 3.
Giovanni p
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 42
Iscritto il: 13/10/2021, 17:38

Author's data

Re: Sangue di pietra

Messaggio da leggere da Giovanni p »

Salve

Non risulta affatto tediosa anzi questi sono tutti consigli utili grazie mille
Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 677
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

parto con i punti negativi per finire in positivo, se non ti spiace.
allora, intanto c'è una marea di d eufoniche da togliere, poi c'è la punteggiatura da rivedere in toto.
ci sno tante, troppe virgole fuori posto o mancanti.
un appunto: la luce è femminile, quindi non "gli" si va incontro, ma "le".
un altro: come può un essere fatto di pietra e cosciente da poco aver dimenticato cos'è la vita? manco la conosceva.
per finire, la storia non è male e alcune descrizioni sono buone, ma necessita di una revisione generale per poter arrivare con piacere alle corde di lettura di tanti.
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Giovanni p
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 42
Iscritto il: 13/10/2021, 17:38

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Giovanni p »

Fausto Scatoli ha scritto: 16/11/2021, 13:30 parto con i punti negativi per finire in positivo, se non ti spiace.
allora, intanto c'è una marea di d eufoniche da togliere, poi c'è la punteggiatura da rivedere in toto.
ci sno tante, troppe virgole fuori posto o mancanti.
un appunto: la luce è femminile, quindi non "gli" si va incontro, ma "le".
un altro: come può un essere fatto di pietra e cosciente da poco aver dimenticato cos'è la vita? manco la conosceva.
per finire, la storia non è male e alcune descrizioni sono buone, ma necessita di una revisione generale per poter arrivare con piacere alle corde di lettura di tanti.
grazie mille per i suggerimenti e per aver letto il racconto. Effettivamente l'utilizzo delle virgole e delle eufoniche, soprattutto ED, è stato veramente improprio. Forse mi sono concentrato troppo sulla storia e nel provare a renderla più breve possibile.
Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 677
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

Giovanni p ha scritto: 16/11/2021, 16:35 grazie mille per i suggerimenti e per aver letto il racconto. Effettivamente l'utilizzo delle virgole e delle eufoniche, soprattutto ED, è stato veramente improprio. Forse mi sono concentrato troppo sulla storia e nel provare a renderla più breve possibile.
sicuramente saprai trarre beneficio da ogni suggerimento.
è essenziale rendersi conto di cosa non va e avere il coraggio di modificarlo.
costa, lo so, l'ho provato pure io, ma serve tanto
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Francesco Pino
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 234
Iscritto il: 09/05/2020, 17:55

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Francesco Pino »

Stavo per abbandonare il racconto dopo le prime righe perché il genere non mi piace molto. Poi mi sono detto: "bah, una volta che ho cominciato Andiamo avanti come con gli altri!". Ne è valsa la pena. Mi hai fatto percepire le sensazioni che probabilmente prova una creatura intelligente all'inizio della sua vita: esce fuori dal buio che lo protegge con paura, ma quel mondo esterno fatto di colori gli piace. Non sa spiegarsi nulla di cio' che lo circonda, scopre tutto a piccoli passi. Poi arriva quel momento del primo amore, per il quale si farebbe qualsiasi cosa in cambio dell'essere corrisposti. Qui Petro diventa molto umano nel suo dolore di non trovar più Iris dopo aver raccolto quei tesori solo per lei.
Mi è piaciuto il concetto dell'oro usato nella maniera "sbagliata" rispetto a come se lo ricordava Petro. Viceversa mi ha mandato un po' in confusione il passaggio sugli esseri umani. Cioé: Petro vede delle bestie a due zampe che emettono dei rantoli e rifiuta di riconoscerli come simili degli "antichi". Si indigna perché uccidono e mangiano gli animali che lui ama, ma - dice - anche gli animali sono bestie che uccidono e mangiano gli altri animali. In cosa il sentimento di Petro è diverso in questo caso? Perché avrebbe voluto uccidere quei "cosi" e non gli altri esseri viventi che facevano lo stesso?
Insomma, a parte gli errori che ti hanno già segnalato in tanti la tua prova è senz'altro positiva.
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine
Giovanni p
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 42
Iscritto il: 13/10/2021, 17:38

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Giovanni p »

Francesco Pino ha scritto: 19/11/2021, 18:28 Stavo per abbandonare il racconto dopo le prime righe perché il genere non mi piace molto. Poi mi sono detto: "bah, una volta che ho cominciato Andiamo avanti come con gli altri!". Ne è valsa la pena. Mi hai fatto percepire le sensazioni che probabilmente prova una creatura intelligente all'inizio della sua vita: esce fuori dal buio che lo protegge con paura, ma quel mondo esterno fatto di colori gli piace. Non sa spiegarsi nulla di cio' che lo circonda, scopre tutto a piccoli passi. Poi arriva quel momento del primo amore, per il quale si farebbe qualsiasi cosa in cambio dell'essere corrisposti. Qui Petro diventa molto umano nel suo dolore di non trovar più Iris dopo aver raccolto quei tesori solo per lei.
Mi è piaciuto il concetto dell'oro usato nella maniera "sbagliata" rispetto a come se lo ricordava Petro. Viceversa mi ha mandato un po' in confusione il passaggio sugli esseri umani. Cioé: Petro vede delle bestie a due zampe che emettono dei rantoli e rifiuta di riconoscerli come simili degli "antichi". Si indigna perché uccidono e mangiano gli animali che lui ama, ma - dice - anche gli animali sono bestie che uccidono e mangiano gli altri animali. In cosa il sentimento di Petro è diverso in questo caso? Perché avrebbe voluto uccidere quei "cosi" e non gli altri esseri viventi che facevano lo stesso?
Insomma, a parte gli errori che ti hanno già segnalato in tanti la tua prova è senz'altro positiva.

Grazie mille per aver dato fiducia al mio racconto, e grazie per il commento e i suggerimenti o pareri dati. Non ho capito se ha votato oppure no, ma mi ha fatto piacere leggere la parola "positiva" accostata al racconto
Giovanni p
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 42
Iscritto il: 13/10/2021, 17:38

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Giovanni p »

Fausto Scatoli ha scritto: 16/11/2021, 17:07 sicuramente saprai trarre beneficio da ogni suggerimento.
è essenziale rendersi conto di cosa non va e avere il coraggio di modificarlo.
costa, lo so, l'ho provato pure io, ma serve tanto
Se non si ha il coraggio di accettare critiche o suggerimenti non vale la pena iscriversi ad un concorso. Mi sono iscritto a questo concorso proprio per avere dei confronti, altrimenti non si può migliorare. Ringrazio chiunque abbia commentato e ancora di più chi mi ha fatto notare quello che non va.
Temistocle
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 79
Iscritto il: 03/07/2021, 8:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Temistocle »

"Era bella anche se non conosceva il significato di questa parola." Penso che in questa frase sia racchiuso tutto il dramma dell'uomo di oggi: vivere nel mondo da 'castrato', cioè da persona che ha deciso di recidere i ponti tra il suo bisogno di bellezza e armonia, di sacro e d'ignoto e la vita quotidiana. Da persona che pur sentendo in sé i germi di qualcosa che lo trascende (e di cui la bellezza è un segno) decide che è meglio affidarsi solo a ciò che può vedere, toccare e misurare, eliminando dal suo vivere quotidiano le proprie sensazioni ed emozioni.
Per tornare al racconto, a parte qualche 'imperfezione linguistica' che fa inciampare la lettura tutto scorre bene.
Solo una curiosità: nel testo il personaggio si chiama Petro; non è stata una svista, vero? anche perché ho visto che molti commentatori hanno scritto "Pietro"…
Giovanni p
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 42
Iscritto il: 13/10/2021, 17:38

Author's data

Re: Sangue di pietra

Messaggio da leggere da Giovanni p »

Buongiorno

Grazie mille sia per il voto che per il commento che mi è piaciuto molto. Inizialmente si chiamava Pietro ma mi è ststo fatto notare che stona un po' è l ho cambiato in Petro che fra l altro mi piace di più. Grazie ancora
Rispondi

Torna a “Gara d'autunno, 2021”


Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 11 - Parole in padella

La Gara 11 - Parole in padella

(febbraio 2010, 50 pagine, 904,84 KB)

Autori partecipanti: Alessandro Napolitano, Arditoeufemismo, Mario, Stefy, Massimo Baglione, Dino, Cosimo Vitiello, Bonnie, Nembo13, Giacomo Scotti, Erika, Manuela, Carlocelenza, CMT, Sphinx, Giuseppe, Miriam, Rita Di Sano, Abigail,
A cura di Pia.
Scarica questo testo in formato PDF (904,84 KB) - scaricato 516 volte..
Lascia un commento.

Gara d'estate 2020 - Anniversari, e gli altri racconti

Gara d'estate 2020 - Anniversari, e gli altri racconti

(estate 2020, 45 pagine, 516,87 KB)

Autori partecipanti: Andrepoz, Mariovaldo, Namio Intile, Selene Barblan, Roberto, Roberto Virdo', Lodovico, Carol Bi, Fausto Scatoli, Laura Traverso,
a cura di Massimo Baglione.
Scarica questo testo in formato PDF (516,87 KB) - scaricato 32 volte.
oppure in formato EPUB (389,76 KB) (vedi anteprima) - scaricato 18 volte..
Lascia un commento.

La Gara 9 - Un racconto per un cortometraggio

La Gara 9 - Un racconto per un cortometraggio

(dicembre 2009, 46 pagine, 456,32 KB)

Autori partecipanti: Cmt, Manuela, Daniela, Arditoeufemismo, Mario, Augusto, Magnonove, Cosimo Vitiello, Miriam, Snuff, Phigreco, Pia,
A cura di Alessandro Napolitano.
Scarica questo testo in formato PDF (456,32 KB) - scaricato 493 volte.
oppure in formato EPUB (343,81 KB) (vedi anteprima) - scaricato 205 volte..
Lascia un commento.





Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


I sette vizi capitali

I sette vizi capitali

antologia AA.VV. di opere ispirate alle inclinazioni profonde, morali e comportamentali dell'anima umana

A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Marco Bertoli, Federico Mauri, Emilia Pietropaolo, Francesca Paolucci, Enrico Teodorani, Umberto Pasqui, Lidia Napoli, Alessandro Mazzi, Monica Galli, Andrea Teodorani, Laura Traverso, Nicolandrea Riccio, F. T. Leo, Francesco Pino, Franco Giori, Valentino Poppi, Stefania Paganelli, Selene Barblan, Caterina Petrini, Fausto Scatoli, Andr60, Eliana Farotto.
Vedi ANTEPRIMA (535,81 KB scaricato 18 volte).
info e commenti compralo su   amazon


L'anno della Luce

L'anno della Luce

antologia ispirata all'Anno della Luce proclamato dall'ONU

Il 2015 è stato proclamato dall'Assemblea generale dell'Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU) Anno internazionale della luce e delle tecnologie basate sulla luce. Obiettivo dell'iniziativa adottata dall'ONU è promuovere la consapevolezza civile e politica del ruolo centrale svolto dalla luce nel mondo moderno. Noi di BraviAutori.it abbiamo pensato di abbracciare questa importante iniziativa proponendo agli autori di scrivere, disegnare o fotografare il loro personale legame con la luce, estendendo però la parola "luce" a tutti i suoi sinonimi, significati e scenari.
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Alessandro Carnier, Amelia Baldaro, Andrea Teodorani, Angelo Manarola, Anna Barzaghi, Annamaria Vernuccio, Anna Rita Foschini, Antonella Cavallo, Camilla Pugno, Cinzia Colantoni, Claudia Cuomo, Daniela Rossi, Daniela Zampolli, Domenico Ciccarelli, Dora Addeo, Elena Foddai, Emilia Cinzia Perri, Enrico Arlandini, Enrico Teodorani, Francesca Paolucci, Francesca Santucci, Furio Detti, Gilbert Paraschiva, Giorgio Billone, Greta Fantini, Ianni Liliana, Imma D'Aniello, Lucia Amorosi, Maria Rosaria Spirito, Maria Spanu, Marina Den Lille Havfrue, Marina Paolucci, Massimo Baglione, Mauro Cancian, Raffaella Ferrari, Rosanna Fontana, Salvatore Musmeci, Sandra Ludovici, Simone Pasini, Sonia Tortora, Sonja Radaelli, Stefania Fiorin, Umberto Pasqui.
Vedi ANTEPRIMA (1,65 MB scaricato 204 volte).
info e commenti compralo su   amazon


Dieci

Dieci

antologia di opere ispirate dal numero dieci, in omaggio al decimo compleanno dell'associazione culturale BraviAutori.it

Non amiamo l'auto-celebrazione, tuttavia ci è piaciuto festeggiare il nostro decimo compleanno invitando gli autori a partecipare alla composizione di un'antologia di opere di genere libero che avessero come traccia il numero 10. Ventidue autori hanno accettato l'invito e ciò che ci hanno regalato è stato confezionato in queste pagine.
Con la presente antologia abbiamo voluto ringraziare tutti i collaboratori, gli autori e i visitatori che hanno contribuito a rendere BraviAutori.it ciò che è oggi, e che continuerà a essere finché potrà.
A cura di Massimo Baglione.
Copertina di Giuseppe Gallato.

Contiene opere di: Ferruccio Frontini, Giuseppe Gallato, Mirta D, Salvatore Stefanelli, Gabriella Pison, Alberto Tivoli, Massimo Tivoli, Francesca Gabriel, Francesca Santucci, Enrico Teodorani, Gabriele Ludovici, Martina Del Negro, Alessandro Borghesi, Cristina Giuntini, Umberto Pasqui, Marezia Ori, Fausto Scatoli, Arcangelo Galante, Giorgio Leone, Fabio Maltese, Selene Barblan, Marco Bertoli.
Vedi ANTEPRIMA (869,97 KB scaricato 90 volte).
info e commenti compralo su   amazon