L'Angelo Triste

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'autunno 2021.

Sondaggio

1 - non mi piace affatto
0
Nessun voto
2 - mi piace pochino
0
Nessun voto
3 - si lascia leggere
4
31%
4 - è bello
7
54%
5 - mi piace tantissimo
2
15%
 
Voti totali: 13

Avatar utente
Marino Maiorino
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 342
Iscritto il: 15/10/2012, 0:01
Località: Barcellona
Contatta:

Author's data

L'Angelo Triste

Messaggio da leggere da Marino Maiorino »

leggi documento Spiacente ma, in questo browser, la lettura a voce non funziona.

Udite dunque la storia meravigliosa dell’Angelo Triste, così come è tramandata nei testi antichi ed è giunta fino a noi grazie alla cura di pochi uomini saggi che, in ogni epoca, hanno colto in essa un insegnamento degno di essere tramandato. Uditela con attenzione, perché in essa molti misteri sono svelati, e molte cose che generano confusione e turbamento nei cuori degli uomini sono chiarite, sì che ciascuno potrà trovare in essa una risposta alle proprie domande.
Si dice che la storia sia stata raccontata da un piccolo Angelo a un uomo buono migliaia di anni fa, e che egli abbia subito cercato di ripeterla ai suoi familiari e amici, ma mentre l’Angelo era dotato della facoltà di imprimere fedelmente il proprio pensiero nella mente dell’uomo, la parola dell’uomo è materia più rozza, e di bocca in bocca il racconto originale è certamente cambiato, si è corrotto, perdendo qualcosa della sua maestosa bellezza.
Pure, dicono i commentatori, l’Angelo non avrebbe donato questa conoscenza all’uomo se non fosse stato certo che il suo insegnamento più importante si sarebbe conservato inalterato per tutte le ere a venire. Perciò ecco ora il racconto, confidando che, come già accaduto innumerevoli volte in passato, anche questa volta la penna non ne tradisca il messaggio.

Questa vicenda rimonta a prima che l’Uomo venisse al mondo, quando Dio stesso era ancora alle prese con la sua Creazione, opera meravigliosa per la quale si faceva aiutare da stormi di Angeli di ogni tipo.
Nella sua infinita saggezza, il Signore aveva infatti già creato questi esseri di puro Spirito, totalmente dediti a servirlo per l’Amore che portavano al loro Creatore.
La loro capacità era quella di farsi tramite della volontà creatrice, strumenti di quella e, ricolmi com’erano d’Amore, provavano infinito diletto dall’essere da Lui impiegati per realizzare qualunque cosa, per piccola che fosse.
Ce n’erano che curavano il suolo e lo rendevano fertile, sapendo che su quel terreno il loro Signore avrebbe fatto crescere piante; c’erano quelli che aiutavano il Signore a disegnare i miliardi di forme che le foglie degli alberi avrebbero assunto per tutte le primavere a venire; c’erano quelli che creavano fiocchi di neve, ciascuno diverso dall’altro, quali più artistici, quali più indicati per ricoprire un intero continente sotto centinaia di metri di neve… Sarebbe impossibile descrivere quanti e quali erano, e quanto meravigliosi mentre erano presi dalle loro incombenze!
Ma ancora più meravigliosa era l’armonia fra tutti, perché per piccolo che fosse il loro compito nella Creazione, l’essere toccati dal loro Signore anche una sola volta in tutta l’Eternità era premio superiore a qualunque altro che possiamo immaginare: in quel singolo tocco essi si riunivano al loro Sommo Bene.
E giacché a ciascuno toccava solo una piccola parte dell’Opera che il Signore stava creando, tra tutti c’era anche una meravigliosa intesa, perché a ciascuno era stata data abbastanza saggezza da capire che solo grazie all’aiuto di tutti gli altri il Creato sarebbe stato all’altezza del progetto divino.
Alcuni di questi Angeli si trovavano spesso a lavorare insieme: quelli ai quali era stato dato potere sull’acqua e sulla terra tracciarono insieme mari, laghi e fiumi; quelli dell’acqua e dell’aria crearono nuvole e pioggia; quelli di fuoco e terra generarono i vulcani che, sebbene terribili a vedersi, diventavano isole lussureggianti dove più forte attecchiva qualunque tipo di pianta… Visto con la Suprema Saggezza del Creatore, ogni angolo della sua Opera sarebbe diventato pari in splendore a un altro progetto, ancora più grandioso, al quale aveva cominciato a pensare, e che aveva chiamato “Paradiso”.
E siccome alcuni Angeli, ricolmi com’erano di quest’Amore divino, devoti ciascuno al proprio compito, diventavano massimamente abili proprio grazie alla vicinanza e all’aiuto dei loro consimili, tra loro si sviluppavano naturali e istintivi sentimenti di affetto, amicizia, e amore.
Si vedevano così Angeli andare spesso abbracciati gli uni agli altri mentre compivano il loro compito, e nessuno ne restava scandalizzato, perché ciò che gli Angeli creavano insieme era sempre più meraviglioso di ciò che avrebbero potuto mai realizzare ciascuno per proprio conto.
Questa storia narra di due di questi piccoli Angeli che avevano trovato grande diletto dall’operare insieme. Vaserel era un Angelo delle acque, chiaro d’aspetto, esile di forma al punto di potersi intrufolare ovunque il Creatore gli avesse chiesto di andare. Docile di temperamento e accomodante come pochi, aveva una voce malinconica come il suono delle onde che sempre richiamano i marinai a casa dalla spiaggia. Era anche dotato di grande pazienza e, sebbene sembrasse che quando cominciava un’opera si arrendesse alla prima difficoltà per allontanarsene, col tempo insisteva caparbiamente, la sua volontà ferma sull’obiettivo da raggiungere, sicché non c’era compito che il Signore gli affidasse che non fosse condotto a termine nel giusto tempo. Vaserel era un Angelo che il Signore prediligeva quando un compito richiedeva una lealtà costante come il firmamento.
Fayerel era invece un Angelo delle lave vulcaniche. Dotato di un temperamento esplosivo, la sua forma pesante travolgeva spesso tutto ciò che gli si parava dinanzi. Negli occhi gli covava sempre un fuoco rosso che egli non sapeva spiegare, e che pure era la Luce della Creazione filtrata appena dalla sua particolare essenza. Anche sul lavoro Fayerel era spesso impulsivo, impetuoso; diversamente da Vaserel egli agiva sempre con gran fretta, poco badando alla qualità del proprio operato e spesso eccessivamente alacre, bruciando in lui il desiderio di essere costantemente gratificato dal Creatore per aver compiuto rapidamente ciò che gli era stato chiesto.
Né Vaserel né Fayerel si illudevano di essere più meritevoli di tanti altri loro compagni dell’apprezzamento divino, ma entrambi godevano dell’essere sé stessi agli occhi di Dio.
Il quale un giorno convocò Vaserel e gli disse: «Vaserel, io apprezzo enormemente la pazienza che usi in tutto ciò che fai, e ti sarei enormemente grato se d’ora in avanti volessi dedicarti a un piccolo tratto di mare di particolare bellezza, e sul quale desidero lavorare molto a lungo. Vorresti accompagnarmi in quest’opera?»
«Farò tutto ciò che il Signore chiede», rispose Vaserel, deliziato, «e l’impazienza di mettermi all’opera mi fa chiedere quale possa essere questo tratto di mare, perché il Creato è ormai quasi a punto».
«Certo, hai ragione, guarda», il Creatore gli indicò una lunga penisola al centro di un grande mare. «Vorrei che ti occupassi delle acque costiere di questo golfo».
Vaserel osservò con sorpresa la zona indicatagli, una piccola cosa rispetto alle immense vastità degli oceani che aveva contribuito a coprire, e il Signore gli lesse la delusione nell’animo.
«Non temere che ti sia stato affidato un compito di poca importanza», gli disse, «perché nell’affrontarlo capirai che le tue doti sono le uniche che possono portarlo a compimento. Come ti ho già detto, per quest’angolo di mondo ho previsto bellezza senza eguali, e tu ne sarai l’artefice. Ti affiancherò qualcuno che possa aiutarti col suo particolare temperamento».
Così confortato e reso orgoglioso dalle belle parole del Creatore, che gli aveva affidato un compito di speciale importanza, Vaserel scese sulle acque e cominciò a dimorare nei luoghi che erano stati affidati alle sue cure. Lì trovò sabbie finissime e rocce bianche, e pesci d’ogni tipo, e coralli rossi, e si dedicò a curare ogni cosa come aveva imparato a fare in tanto tempo al servizio del Signore con scrupolo meticoloso, come solo lui avrebbe saputo fare.
Nello stesso tempo, il Creatore chiamò a sé anche Fayerel, e gli fece una richiesta simile, ma più acconcia al diverso carattere di quest’Angelo di maggior temperamento: «Fayerel, io apprezzo enormemente l’energia che infondi in tutto ciò che fai, e ti sarei enormemente grato se d’ora in avanti volessi dedicarti a un piccolo tratto di costa di particolare bellezza, e sul quale desidero lavorare molto a lungo. Vorresti accompagnarmi in quest’opera?»
«Farò tutto ciò che il Signore chiede», rispose Fayerel con entusiasmo, «Dove devo andare, Signore? Qual è questo tratto di costa? Perché il Creato è ormai quasi a punto».
«Certo, hai ragione, guarda», il Creatore gli indicò la stessa lunga penisola che aveva già indicato a Vaserel, al centro del grande mare. «Vorrei che ti occupassi della costa di questo golfo».
Fayerel osservò con sorpresa la zona indicatagli, una piccola cosa rispetto ai continenti che aveva contribuito a sollevare, e il Signore gli lesse la delusione nell’animo.
«Non temere che ti sia stato affidato un compito di poca importanza», gli disse, «perché nell’affrontarlo capirai che il tuo entusiasmo è unico per portarlo a compimento. Come ti ho già detto, per quest’angolo di mondo ho previsto bellezza senza eguali, e tu ne sarai l’artefice. Ti ho affiancato qualcuno che possa aiutarti a realizzare il tuo compito che è così difficile, lo vedrai, che richiederà le tue energie per molto tempo».
Così confortato e reso orgoglioso dalle belle parole del Creatore, che gli aveva affidato un compito di speciale importanza, Fayerel scese sulla costa e cominciò a dimorare nei luoghi che erano stati affidati alle sue cure. Lì fece sorgere colline e cominciò a spingere il suolo dal basso finché, su, su, creò alte montagne che cominciarono a eruttare con violenza fuoco, cenere e lapilli, e si dedicò a far emergere l’impressionante potenza nascosta nel sottosuolo come aveva imparato a fare in tanto tempo al servizio del Signore, con energia impareggiabile, come solo lui avrebbe saputo fare.

È a questo punto doveroso osservare che, pur rispettando l’opera dei loro simili, gli Angeli della Creazione peccano spesso di zelo: quando si mettono al lavoro, non pensano ad altro che a compiere quanto è stato loro comandato, e non pensano minimamente a qualunque altra cosa intorno a loro. Così accadde anche a Fayerel che, mentre stava spingendo cenere e lave roventi dal sottosuolo, nemmeno si accorse che tanta materia incandescente stava rapidamente coprendo tutto il territorio che gli era stato affidato, era corsa lungo i ripidi pendii delle montagne che egli aveva innalzato, e si stava versando nelle acque del mare dov’era Vaserel. Al contatto tra la lava e l’acqua una gran nube di fumo si alzò con un rumoroso schiumare, e per un momento i due Angeli fermarono ciò che stavano facendo per capire che origine avesse quel suono che non avevano mai udito prima.
Fu così che Fayerel guardò in direzione dell’acqua, alla quale non aveva prima nemmeno fatto caso, e Vaserel guardò verso la terraferma, alla quale neanche lui aveva badato, si guardarono negli occhi, e per quanto potessero essere diversi nel loro aspetto, seppero in quello stesso istante chi era l’aiuto che il Creatore aveva mandato a ciascuno dei due.
Vaserel vide negli occhi di Fayerel, quegli occhi attraverso i quali ancora bruciava inestinguibile la Luce della Creazione, e Fayerel vide lo stesso in quelli di Vaserel, con la loro regale serenità. I due si corsero immediatamente incontro come se si fossero sempre conosciuti e si fossero appena ritrovati dopo una ricerca lunga e, finalmente, felicemente conclusa.
Da allora, e a lungo, i due operarono insieme tutto il tempo, Fayerel creando montagne di lava che giungevano a mare che, prima si ritraeva, poi subito raffreddava la lava in roccia dalle forme fantastiche, dura come non avrebbe mai potuto essere senza l’intervento dell’acqua, allungando la linea di costa nel mare e innalzandola velocemente, rendendola ricca di scogli e anfratti tra i quali trovavano riparo migliaia di conchiglie; e le alghe che lì crescevano erano forti e vigorose come poche in tutto il Creato, ed erano cibo e riparo eccezionali per gli innumerevoli pesci che vennero a dimorare costì.
Sì che ciascuno dei due Angeli cominciò a pensare dentro di sé: «Il Signore mi ha mandato un compagno che rende la mia opera davvero meritevole, perché senza di lui tutto quello che creo non sarebbe altrettanto bello: ciò che io faccio sarebbe il mio lavoro di sempre, ma con lui ha quelle qualità che a me mancano, ed è davvero più meraviglioso così di quanto io avessi mai potuto precedentemente immaginare».
In questo modo entrambi erano grati al Signore di ciò che Egli aveva chiesto loro, e lo lodavano nelle loro preghiere, il loro modo di parlare con Lui, e anziché sentirsi sminuiti dal fatto che per realizzare tanta bellezza Egli li avesse affiancati a un loro simile, se ne sentivano esaltati, perché vedevano quanto la loro opera congiunta fosse superiore alla somma di quanto avrebbero mai potuto realizzare individualmente.
Col tempo, con la vicinanza, con l’amicizia, col vedere la Luce della Creazione l’uno negli occhi dell’altro, tra loro nacque Amore, e a tutti gli altri Angeli sembrava incredibile che due tra loro, apparentemente così diversi per aspetto, natura e temperamento, potessero vivere in una tale armonia, e quando qualcuno li vedeva anche da lontano riconosceva in essi una Luce ancora più forte, che era solo riflesso di quella del Creatore, e che pure così spingeva chiunque a innalzare un canto di lode al Signore.

Altrove si narra di come un Angelo si ribellò al Signore. Quel racconto è troppo triste e crudele per riportarne qui anche solo i tratti più importanti. Inoltre, la sua materia è troppo controversa per arrischiarsi a darne qualsiasi lettura o interpretazione. Io stesso ne ho sentito molte versioni diverse, ciascuna con il suo fondato valore. Ciò che è certo è che molti Angeli abbandonarono il Regno Celeste.
Prima di conoscere Vaserel, Fayerel era stato spesso in compagnia di quell’Angelo che avrebbe guidato la rivolta, e ne condivideva per temperamento alcuni tratti. Se normalmente Fayerel era impulsivo ed energico, in compagnia di quello diventava impaziente e iroso; ne condivideva l’incantamento per le luci brillanti; si faceva spesso guidare dalla fretta avventata e sconsiderata combinando spesso qualche guaio, sia pure involontariamente. Perciò, di questo ne era cosciente, aver trovato Vaserel era stato per lui un riconciliarsi totalmente con la propria natura angelica. Ma ecco che la rivolta, o quello che fu, scosse i pilastri del Creato, e tutti gli Angeli decisero di sostenere l’una o l’altra parte della contesa.
Nonostante l’Amore che c’era tra i due, pur sempre solo un riflesso della Luce della Creazione, Vaserel decise di restare fedele al Signore, mentre Fayerel si fece trascinare dall’ira e si allontanò con l’altro Angelo. Si dice che, nonostante la confusione del momento, la loro separazione poté udirsi come un profondo boato che sovrastò ogni altro suono in tutto il Creato per un istante. Si dice anche che, udito il suono e riconosciutolo, Dio stesso abbia versato molte lacrime, talmente cocenti che, cadendo sulla trama del tempo, vi aprirono uno squarcio.
Né Vaserel né Fayerel, totalmente frastornati da ciò che stava accadendo, presero più parte a quei dolorosi eventi, annichiliti nello spirito dalla loro separazione.
Cosa sia dell’Angelo di Fuoco non è dato sapere, ma di Vaserel si dice che dimori ancora lungo la costa che il Signore gli aveva affidato, incapace di abbandonarla, perennemente intento a lavorare all’opera affidatagli, sebbene i suoi modi e la sua arte siano molto cambiati da quando Fayerel l’ha abbandonato. Come se il suo Amato debba tornare da un momento all’altro, non tocca più le rocce che ha imparato a riconoscere come quelle che Fayerel trasformava, e la sua maestria si è così raffinata in forme ardite e incomprensibili, tranne che per chi sappia vedere in quelle stesse forme l’impronta di ciò che esse sarebbero se anche la mano di Fayerel vi operasse. Vedreste lì caverne aprirsi sul mare, perché Vaserel ancora aspetta che Fayerel porti le sue lave a chiuderle, e spuntoni di roccia smozzicati, perché era Fayerel che dava loro il tocco finale, e scogli sorgere in circolo laddove Fayerel avrebbe un giorno appoggiato mensole di roccia, sì che chi vive in tutta quella vasta regione sente una perenne malinconia al solo vederla, perché gli occhi riconoscono in essa un progetto sempre iniziato, e mai condotto a termine.
Finché un giorno il Signore, mosso a compassione per l’evidente stato di prostrazione di Vaserel, lo mandò a chiamare e gli chiese se l’opera non gli fosse diventata troppo gravosa.
«Sono passato di là», disse, «e ho apprezzato tutte le deliziose minuzie nelle quali ti sei espresso, ma il luogo comunica in ogni anfratto malinconia, la [i]tua[/i] malinconia! Temo per te, e capisco che ogni istante che spendi in quei luoghi dev’essere un continuo e straziante richiamo dei ricordi di Fayerel».
«Signore», rispose l’Angelo, «questo è il compito che mi hai dato, e ricordo che già allora mi anticipasti che solo le mie qualità avrebbero reso possibile la sua realizzazione.
«Intendo che già allora non ti riferivi a quanto difficile potesse essere l’opera in sé, quanto piuttosto a quanto difficile essa potesse rivelarsi dopo la perdita dell’amato Fayerel. In considerazione di ciò, se nella tua infinita Saggezza hai valutato che potessi realizzare questo compito, io lo condurrò a termine, confidando nella tua Misericordia».
«Eppure, buon Vaserel», gli disse il Creatore, «tutti nel Creato vedono la tua pena, e temo che ne sarai infine consumato. Permetti allora che io la renda più lieve facendoti dono di una facoltà nuova: che il suono delle onde da te governate e tanto care al tuo amato Fayerel divenga canto, e possa quel canto, misto a lacrime che hanno il salso sapore del mare e accompagnato da singhiozzi rumorosi come il verso dei gabbiani, essere fonte di calore per cuori che sentono il freddo dell’abbandono come quello del mare in tempesta. Possa quel canto, Vaserel, spingere per sempre gli amanti a tornare agli amati, e possa tu trovare, nel testimoniare del loro reincontrarsi, speranza al di là di quella che Io stesso posso infonderti».
«Il Signore mi fa un gran dono e mi concede un grande privilegio!», rispose l’Angelo offrendo un inchino.
«Pure», ammise il Creatore, «ci saranno giorni che nessun dono e nessun privilegio sembreranno colmare il vuoto che questa faida ha scavato dentro di te. Di ciò mi dolgo molto».
«Possa la mia fiducia in Te mai venir meno», pregò Vaserel, «perché vedo che mi è stato dato più di quanto fosse lecito chiedere senza sconvolgere i Tuoi disegni. Ora, se permetti, tornerò alla mia opera, perché nessuno dei Tuoi doni viene senza che debba essere messo a buon frutto».
Il Signore vide che Vaserel aveva colto tutte le implicazioni del dono ricevuto e lo congedò con ogni forma di benevolenza. «Vai, allora», gli disse, «e continua a operare bene».
Vaserel andò via e, proprio come il Signore aveva anticipato, da allora in poi la sua voce si ode lungo le coste di quel golfo: un perenne richiamo per gli amanti che si trovano separati dal caso e da altre vicende della vita. Molti, seguendo quella voce, hanno ritrovato sul bagnasciuga un amore perduto, e nel loro abbraccio Vaserel si è sentito ogni volta enormemente confortato.
La sua voce, che i più solo percepiscono senza poterla udire distintamente, risuona però chiara e squillante nei cuori di artisti e poeti, sì che molte leggende sono state scritte su quel tratto di mare, che in quelle leggende sarebbe popolato da creature magiche e mitologiche di ogni tipo, anche da sirene, che col loro canto invitano i marinai ad abbandonare il pericolo dei flutti e a tornare verso il loro amore a terra.
Solo i più attenti odono distintamente quella voce malinconica ma, non intendendo cosa dica, riconoscendone la natura angelica ma non essendo stati dotati del dono di poter vedere creature così elevate, dicono nelle loro rime che lì dimora, di tutto il Creato, l’unico Angelo Triste.

Quello che non tutti sanno, né va detto a Vaserel stesso, è che, appena Vaserel fu tornato alle sue acque, il Signore chiamò a sé un altro Angelo, il quale gli restituì quasi furtivamente un piccolo pezzo di qualcosa che sembrava una stoffa impalpabile, eppure impossibile da piegare: nelle mani del Creatore essa assunse ogni forma immaginabile, poi divenne un grande fiore candido che Egli strinse tra le mani come se la cosa gli arrecasse dolore.
«Signore, tutti qui sappiamo che indossate sempre bene in vista quel frammento di tempo quasi fosse un promemoria, di cosa, non sappiamo. Perché non avete voluto tenerlo con voi dinanzi a Vaserel?», chiese l’Angelo.
«Perché un giorno Io riunirò tutto il Creato», rispose il Creatore e, meraviglia!, il Sommo Bene piangeva di dolore, «e Vaserel e Fayerel torneranno ad amarsi come un tempo. Quel giorno io ricucirò lo strappo nella trama del tempo causato dalla loro separazione e cancellerò dalle loro menti ogni singolo istante di dolore che possano aver provato».
L’Angelo restò meravigliato dalla maestà espressa dal Creatore in quel momento, una luce abbagliante e universale come non s’era vista dai tempi della Creazione. S’inginocchiò in segno di riverenza e si ritirò dalla presenza di Dio, ora assorto in tristi pensieri.
Restato solo, il Signore diede nuovamente bella forma al fiore che aveva tra le mani e vi si adornò la cintura, per non separarsene mai più.
Ultima modifica di Marino Maiorino il 22/10/2021, 12:11, modificato 2 volte in totale.
«Amare, sia per il corpo che per l'anima, significa creare nella bellezza» - Diotima

Immagine
Immagine

ImmagineRacconti alla Luce della Luna

Sono su:
Immagine
Immagine
Avatar utente
Alberto Marcolli
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 88
Iscritto il: 08/05/2018, 18:06

Author's data

Commento : L'Angelo Triste

Messaggio da leggere da Alberto Marcolli »

Qualche refuso
avevano trovarono grande diletto
ma con lui ha quelle qualità che a me mancano, e
cancellerò dalla loro menti ogni singolo istante
Ce ne saranno magari altri, ma dalle due letture solo questi mi sono balzati all'occhio

Considerazioni sul tipo di prosa.

Il testo mi appare costruito con un intreccio molto elaborato, di fatto pesante alla lettura.

Alcuni tra i tanti possibili esempi:

primo esempio:
"diversamente da Vaserel egli agiva sempre con gran fretta, poco badando alla qualità del proprio operato e spesso eccessivamente alacre, bruciando in lui il desiderio di essere costantemente gratificato dal Creatore per aver compiuto rapidamente ciò che gli era stato chiesto."

In tre righe ci sono ben quattro avverbi in …mente

secondo esempio:
"La sua voce, che i più solo percepiscono senza poterla udire distintamente, risuona però chiara e squillante nei cuori di artisti e poeti, sí che molte leggende sono state scritte su quel tratto di mare, che in quelle leggende sarebbe popolato da creature magiche e mitologiche di ogni tipo, anche da sirene, che col loro canto invitano i marinai ad abbandonare il pericolo dei flutti e a tornare verso il loro amore a terra."

L'autore è talmente impegnato a dimostrare la sua abilità di scrittore che si dimentica l'esistenza di un lettore, ubriacato da tanta bravura.

Considerazioni sul tipo di storia

Non c'è niente da fare, i "Bravi autori" amano il fantasy alla follia. Non so se questo sia un fantasy ma nella mia ignoranza in materia, così mi è sembrato

Una mia sciocchezza: il nostro pianeta è meno di un granello di sabbia nell'universo, chissà quanti miliardi di miliardi di miliardi … di angeli saranno serviti a costruirlo!

Mi astengo dall'esprimere un voto.
Avatar utente
Marino Maiorino
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 342
Iscritto il: 15/10/2012, 0:01
Località: Barcellona
Contatta:

Author's data

Re: L'Angelo Triste

Messaggio da leggere da Marino Maiorino »

Grazie mille, Alberto, per l'esaustivo commento.
Mi era naturalmente sfuggito il primo refuso, ma il secondo NON lo è: gli angeli parlano della qualità del loro lavoro, non di sé! Il terzo non capisco perché sarebbe un refuso.
Sì, è pesante alla lettura: un po' il mio "stile", un po' lo stile del brano che, dati i soggetti, ammiccava ai testi sacri, non al fantasy. Ma in mente io ho molti più avverbi! :D
No, non ero impegnato per niente mentre scrivevo questa cosa, che di fatto mi è uscita di getto: stesa, riletta, punto. Appena il tempo di farla rileggere a un amicizia per verificare che non urtasse sensibilità di altre religioni. Da quel lato, non ho ricevuto fortunatamente critiche.
Sì, amo il fantasy alla follia, ma questo decisamente non è fantasy.
E quello che dici sulla quantità di angeli... Non è affatto una sciocchezza!
Grazie ancora per il commento, del quale farò tesoro.

Una domanda sul regolamento: è possibile editare il testo per correggere i refusi?
«Amare, sia per il corpo che per l'anima, significa creare nella bellezza» - Diotima

Immagine
Immagine

ImmagineRacconti alla Luce della Luna

Sono su:
Immagine
Immagine
Avatar utente
Alberto Marcolli
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 88
Iscritto il: 08/05/2018, 18:06

Author's data

Re: L'Angelo Triste

Messaggio da leggere da Alberto Marcolli »

Se l'hai scritto di getto, allora sei complicato di tuo.
refuso
cancellerò dalla loro menti ogni singolo istante
io direi dalle loro menti.
In quanto alla faccenda del fantasy (et similia) converrai con me che un povero cristo, desideroso di raccontare la vita reale, così come gli umani la incontrano ogni giorno su questa terra, con tutte le sue contraddizioni, inciampi, dolori, gioie, amori, ecc. non si senta in buona compagnia con questi amanti dell'immaginario. Io la definisco scrittura di evasione, buona per immergersi nei sogni, forse per sfuggire a una realtà dolorosa che, purtroppo, finito il sogno, ritorna con tutta la sua forza dirompente.

Tornando al tuo testo: se lo scopo è quello di intrattenere devi far di tutto per renderlo scorrevole. Io uso il sistema di spezzare le frasi, trasformando le subordinate in principali.
Avatar utente
Alberto Marcolli
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 88
Iscritto il: 08/05/2018, 18:06

Author's data

Re: L'Angelo Triste

Messaggio da leggere da Alberto Marcolli »

Mi ero dimenticato.
Ti confermo che È POSSIBILE CORREGGERE IL TESTO dopo averlo già pubblicato. In alto a destra, all'altezza del titolo, come autore "loggato" troverai l'icona simile a una matita, accanto alle solite altre due.
Stefano M.
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 17
Iscritto il: 14/09/2021, 23:48

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Stefano M. »

Premetto che, non amando questo genere, le mie annotazioni sono del tutto personali e pertanto non vogliono assumere alcun carattere generale.
Mi è piaciuto molto lo stile “epico” che, nonostante qualche piccola caduta di stile, rende alla narrazione il tono che merita. Se talvolta appare un po’ pesante forse la colpa è dell’impaginazione piuttosto che della tecnica in sé: se fosse stampata su carta con un Times 12 di certo farebbe un altro effetto! Anche le parole pressoché identiche utilizzate nel discorso fra il Creatore con i due angeli richiama molto lo stile biblico/evangelico, secondo me correttamente.
La trama vira dalla gioia alla malinconia con un certo garbo, senza particolari scossoni (alcuni amano colpi di scena improvvisi, io invece credo che tutto arrivi con una certa gradualità nella vita). L’unica pecca che intravedo sta nel finale, a cui manca forse un colpo di scena. Sarebbe stato interessante legare la storia ad un luogo preciso esistente sulla Terra (non so, il Golfo di Napoli, con le sue bellezze e il Vesuvio?), in modo da far assumere una certa familiarità alla narrazione.
Valuto comunque l’opera con un 4 pieno.
Piccola nota: la virgola, a meno che serva a chiudere un inciso, non dovrebbe mai essere usata prima della congiunzione “e”.
Avatar utente
Marino Maiorino
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 342
Iscritto il: 15/10/2012, 0:01
Località: Barcellona
Contatta:

Author's data

Re: L'Angelo Triste

Messaggio da leggere da Marino Maiorino »

Grazie Alberto, hai ragione: mi era totalmente sfuggita quea concordanza di caso, grazie!
Complicato di mio? :D È un eufemismo!
Sul fantasy, il tuo è un punto di vista assai condiviso, ma alla sua base c'è un malinteso sul senso del fantasy (peraltro, abusato da tanti che il fantasy lo scrivono): il fantasy OFFRE evasione, ma NON È evasione! È un modo per ricordare a noi stessi quali sono i grandi principi e valori che dovrebbero guidare il nostro comportamento, né per importi, né per sognare di fare i bambini, ma per poterne parlare, per ricordare che esistono. Attraverso quel ricordo, magari, per cercare di applicarli nella nostra vita quotidiana che hai descritto fin troppo bene, e che magari è quello che è proprio perché siamo fin troppo abituati a mettere in soffitta certi ideali.
Come vedi, il mio scopo letterario non è intrattenere, ma far riflettere.
Sul fatto che fosse possibile correggere il testo, avevo notato il pulsante, la mia domanda era piuttosto del tipo se è permesso.
Un saluto!
«Amare, sia per il corpo che per l'anima, significa creare nella bellezza» - Diotima

Immagine
Immagine

ImmagineRacconti alla Luce della Luna

Sono su:
Immagine
Immagine
Avatar utente
Marino Maiorino
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 342
Iscritto il: 15/10/2012, 0:01
Località: Barcellona
Contatta:

Author's data

Re: L'Angelo Triste

Messaggio da leggere da Marino Maiorino »

Grazie mille, Stefano, per il commento e, come non riconoscerlo?, il voto.
Ma il luogo particolare l'hai correttamente riconosciuto! A quanto pare non era necessario dire di più, né volevo, o sarei caduto nel tormentone di Marino...
Sulla virgola prima della e... Me lo ripetono in tanti ma alle volte non ci riesco, DEVO usarle così per forzare una pausa ulteriore nella lettura, perché VOGLIO separare quelli che grammaticalmente sarebbero periodi "congiunti" e non lo sono narrativamente, come un'emozione che si prova dopo aver visto una scena.
Cerco, davvero, di evitarlo ma, ogni tanto, eccoollà!
Ancora grazie, e buona gara!
«Amare, sia per il corpo che per l'anima, significa creare nella bellezza» - Diotima

Immagine
Immagine

ImmagineRacconti alla Luce della Luna

Sono su:
Immagine
Immagine
Avatar utente
Roberto Bonfanti
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 514
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

Una storia complessa, quasi un episodio apocrifo della Genesi, per questo ho trovato adeguato lo stile ridondante e un po' verboso, tipico dei racconti biblici, appunto, fonte d'ispirazione che tu stesso hai confermato nei commenti.
L'ho apprezzata anche perché, come scrissi riguardo a un testo di una gara precedente, provo ammirazione (invidia?) per chi riesce a immaginare e mettere nero su bianco soggetti così articolati che, a mio parere, meriterebbero sviluppi in opere più lunghe di un semplice racconto.
Veniamo ai refusi: "intepretazione", "sì che" è accettabile come forma arcaica di sicché, ma non "sí che" (fra l'altro anche difficile da digitare, almeno sulla mia tastiera), "rispose il Creatore e, meraviglia!," (la virgola dopo il punto esclamativo).
Forse qualche ripetizione ravvicinata di termini: "Fayerel, io apprezzo enormemente l'energia che infondi in tutto ciò che fai, e ti sarei enormemente grato…"
Molti "meraviglioso", "meravigliosi" ecc. Servono a sottolineare la grandiosità della Creazione?
Il racconto mi ha richiesto più di una lettura, soprattutto in certi passi, anche questo lo considero un punto a favore.
Che ci vuole a scrivere un libro? Leggerlo è la fatica. (Gesualdo Bufalino)
https://chiacchieredistintivorb.blogspot.com/
Intervista su BraviAutori.it: https://www.braviautori.it/forum/viewto ... =76&t=5384
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine
Avatar utente
Marino Maiorino
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 342
Iscritto il: 15/10/2012, 0:01
Località: Barcellona
Contatta:

Author's data

Re: L'Angelo Triste

Messaggio da leggere da Marino Maiorino »

Grazie Roberto, "la lode dei meritevoli è la più gradita" (cit.)
Devo acchiappare quel "sì che", probabilmente uscito dalla tastiera spagnola (digita prima l'accento, poi la vocale, dopo ore di spagnolo...). Grazie per gli altri refusi.
I due "enormemente": una sorta di apprezzamento. "La mia gratitudine sarebbe pari allo sforzo che profondi se..."
Sì, molti "meraviglioso", aggettivo che cerco di usare onomatopeicamente, infantilmente, evocativamente (affinché il suo significato predisponga infantilmente il lettore all'emozione della meraviglia).
Ancora grazie!
«Amare, sia per il corpo che per l'anima, significa creare nella bellezza» - Diotima

Immagine
Immagine

ImmagineRacconti alla Luce della Luna

Sono su:
Immagine
Immagine
Egidio
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 53
Iscritto il: 14/04/2021, 6:05

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Egidio »

Dei racconti letti finora è quello che più mi è piaciuto per intensità narrativa e forza poetica. Sebbene sia piuttosto lungo, non si fa nessuna fatica a leggerlo, anzi, questa storia ha tutta la leggerezza e l'incanto di una fiaba! Voto 5
Avatar utente
Marino Maiorino
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 342
Iscritto il: 15/10/2012, 0:01
Località: Barcellona
Contatta:

Author's data

Re: L'Angelo Triste

Messaggio da leggere da Marino Maiorino »

Grazie mille Egidio,
naturalmente, i complimenti fanno sempre piacere, ma è vedere trasmesso ciò che si è tentato di comunicare che premia di più.
Buona gara!
«Amare, sia per il corpo che per l'anima, significa creare nella bellezza» - Diotima

Immagine
Immagine

ImmagineRacconti alla Luce della Luna

Sono su:
Immagine
Immagine
Stefyp
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 332
Iscritto il: 26/07/2019, 18:48

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Stefyp »

Ho trovato questo racconto un po' troppo lungo. Non che io sia contraria ai racconti lunghi, ma qualche taglio qua e la l'avrebbe reso più scorrevole e godibile.
Lo stile è molto elaborato e accurato, se l'hai scritto di getto complimenti, i refusi sono pochi.
Io ho riscontrato qualche ripetizione (nelle prime righe "essa" è usata un po' troppe volte),
"Questa vicenda rimonta a prima che l’Uomo venisse al mondo" rimonta è il verbo giusto?
Penso che metterò 3 come voto, il racconto è scritto bene ma non mi ha emozionato.
Laura Traverso
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 567
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

Concordo con chi ha suggerito di "sfoltire" un poco il tuo racconto che, pur se ben esposto, risulta, almeno per me, un poco pesante. Ho trovato diverse ripetizioni di vocaboli. La storia è piacevole ma non mi ha coinvolto più di tanto. Comunque sicuramente non è male, si lascia leggere.
Avatar utente
Marino Maiorino
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 342
Iscritto il: 15/10/2012, 0:01
Località: Barcellona
Contatta:

Author's data

Re: L'Angelo Triste

Messaggio da leggere da Marino Maiorino »

Grazie, Laura e Stefyp, del tempo dedicato a esprimere il vostro parere.
La cosa migliore di queste gare è il poter sottoporre la propria scrittura a varie opinioni. Farò tesoro delle vostre
Un saluto!
«Amare, sia per il corpo che per l'anima, significa creare nella bellezza» - Diotima

Immagine
Immagine

ImmagineRacconti alla Luce della Luna

Sono su:
Immagine
Immagine
Namio Intile
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 362
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Namio Intile »

A mio avviso è una fiaba, ne contiene tutti gli elementi principali: dalla morale all'apoteosi finale passando per l'inderterminatezza di luoghi e personaggi e l'incredibilità dei fatti narrati.
E inquadrata come fiaba è anche una bella fiaba, col suo linguaggio che richiama i versi dell'Antico Testamento.
Però qualcosa ritengo che non funzioni in modo corretto nell'organizzazione del testo e, più precisamente, nell'intercalare della voce narrante.
Parti con " Udite la storia meravigliosa... Uditela dunque" un lungo periodo didascalico con una concordanza di tempi al passato. E ci sta, serve a dare spiegazioni.
Ma dopo introduci un altro lungo periodo didascalico, dove fai emergere i personaggi, la voce narrante sembra avere un altro tenore anche perché la concordanza dei tempi vira al passato.
La voce narrante torna per una breve proposizione al presente: " È a questo punto doveroso osservare..." e sembra quasi che parli l'autore per spiegare a modo suo. Per passare la parola poi alla voce narrante al passato dopo il punto fermo:"Così accadde anche a..."
E così via fino alla fine con una voce narrante che vira dal presente al passato e che a volte si confonde con la voce dell'autore viene infine narrata la storia.
Dunque il testo ritengo che necessiti di una approfondita messa a punto per diventare la gradevole fiaba che è in potenza.
Avatar utente
Marino Maiorino
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 342
Iscritto il: 15/10/2012, 0:01
Località: Barcellona
Contatta:

Author's data

Re: L'Angelo Triste

Messaggio da leggere da Marino Maiorino »

Grazie Namio, per il tuo bel, articolato e apprezzato commento.
Posso solo ripetere quanto già scritto in precedenza: è venuta giù di getto. Se a questo aggiungi che "sento le voci"... :D
Ma tutti i punti che hai sottolineato sono da considerare attentamente, grazie!
«Amare, sia per il corpo che per l'anima, significa creare nella bellezza» - Diotima

Immagine
Immagine

ImmagineRacconti alla Luce della Luna

Sono su:
Immagine
Immagine
Giovanni p
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 43
Iscritto il: 13/10/2021, 17:38

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Giovanni p »

Una storia che un po' disorienta nel leggererla, ma che a me piace. Mi piace la storia e lo stile che è molto personale. Il genere a me piace perché permette di spaziare con l immaginazione. Per me il voto è 4 strameritato.
Avatar utente
Marino Maiorino
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 342
Iscritto il: 15/10/2012, 0:01
Località: Barcellona
Contatta:

Author's data

Re: L'Angelo Triste

Messaggio da leggere da Marino Maiorino »

Grazie mille, Giovanni!
Mi fa piacere che abbia incontrato il tuo gradimento.
«Amare, sia per il corpo che per l'anima, significa creare nella bellezza» - Diotima

Immagine
Immagine

ImmagineRacconti alla Luce della Luna

Sono su:
Immagine
Immagine
Andr60
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 242
Iscritto il: 15/11/2019, 15:45

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Andr60 »

Se lo stile di scrittura non è fine a se stesso ma è adeguato all'argomento, ritengo sia un punto a favore. Come in questo caso, in cui la favola dei due angeli è resa in uno stile aulico ed elaborato di non facile lettura ma che ne richiama ben altri. Al di là dei refusi e di qualche ripetizione, il racconto scorre bene e si legge con interesse. Voto 4
Avatar utente
Marino Maiorino
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 342
Iscritto il: 15/10/2012, 0:01
Località: Barcellona
Contatta:

Author's data

Re: L'Angelo Triste

Messaggio da leggere da Marino Maiorino »

Grazie mille, Andr60.
La fusione di stile, tema e linguaggio è in effetti uno dei miei crucci.
Mi fa piacere aver raccolto il tuo gradimento.
«Amare, sia per il corpo che per l'anima, significa creare nella bellezza» - Diotima

Immagine
Immagine

ImmagineRacconti alla Luce della Luna

Sono su:
Immagine
Immagine
Selene Barblan
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 671
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Sicuramente non è il genere di racconto che prediligo; ciononostante l'ho letto abbastanza con piacere, è ben scritto e scorrevole e non vedo incoerenze o "pezzi mancanti". Le descrizioni sia dei personaggi che dei luoghi e degli avvenimenti sono minuziose e rendono bene l'idea.
Alcune cose non mi convincono:

ripetizione di "tramandato ... tramandato" all'inizio
"tramandata nei testi antichi" mi suona meglio è stata tramandata, o tramandata dai testi antichi
"ce n'erano che" metterei ce n'erano alcuni che o c'erano quelli che

Penso anche che potrebbe risultare più scorrevole sforbiciando qua e là

comunque un buon lavoro, voto 4
Avatar utente
Marino Maiorino
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 342
Iscritto il: 15/10/2012, 0:01
Località: Barcellona
Contatta:

Author's data

Re: L'Angelo Triste

Messaggio da leggere da Marino Maiorino »

Grazie mille, Selene.
Darò una rilettura al testo alla luce di quanto suggerisci: spesso dobbiamo inforcare nuovi occhiali quando abbiamo portato i nostri per troppo tempo.
«Amare, sia per il corpo che per l'anima, significa creare nella bellezza» - Diotima

Immagine
Immagine

ImmagineRacconti alla Luce della Luna

Sono su:
Immagine
Immagine
Temistocle
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 79
Iscritto il: 03/07/2021, 8:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Temistocle »

Sono stato talmente preso dalla storia e dalla poesia della narrazione che, sinceramente, non ho fatto caso ai refusi segnalati! Ad una prima vista un testo così corposo mi sembrava sarebbe stato difficile da digerire, ma addentrandomi nella lettura mi sono reso conto che invece tutto scorreva alla perfezione. Non mi sembra ci sia altro da aggiungere! Bravo!
Avatar utente
Marino Maiorino
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 342
Iscritto il: 15/10/2012, 0:01
Località: Barcellona
Contatta:

Author's data

Re: L'Angelo Triste

Messaggio da leggere da Marino Maiorino »

Grazie infinite, Temistocle!
Si scrive per il proprio diletto, ma trovare chi apprezzi il come di ciò che si fa riconcilia con sé stessi.
🙏
«Amare, sia per il corpo che per l'anima, significa creare nella bellezza» - Diotima

Immagine
Immagine

ImmagineRacconti alla Luce della Luna

Sono su:
Immagine
Immagine
Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 679
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

può essere letto come fiaba o come racconto fantastico, il senso non cambia.
non ho trovato refusi particolari se non qualche ripetizione di troppo.
a mio parere è un po' troppo lungo, personalmente lo sfoltirei un pochino, ma rispetto la scelta dell'autore.
considerando che non è il genere di racconti che amo, lo premio comunque per la bella scrittura e per l'idea originale.
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Avatar utente
Marino Maiorino
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 342
Iscritto il: 15/10/2012, 0:01
Località: Barcellona
Contatta:

Author's data

Re: L'Angelo Triste

Messaggio da leggere da Marino Maiorino »

Grazie mille, Fausto.
Considerato che è nato come impulso a buttare su carta un rigurgito di quello che mi stava succedendo, credo di non potermi proprio lamentare! Grazie mille per l'apprezzamento.
«Amare, sia per il corpo che per l'anima, significa creare nella bellezza» - Diotima

Immagine
Immagine

ImmagineRacconti alla Luce della Luna

Sono su:
Immagine
Immagine
Rispondi

Torna a “Gara d'autunno, 2021”



Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Human Take Away

Human Take Away

Umani da asporto

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma appartiene a un amico "speciale" dell'Associazione culturale.
"Human Take Away" è un racconto corale dove gli autori Alessandro Napolitano e Massimo Baglione hanno immaginato una prospettiva insolita per un contatto alieno. In questo testo non è stata ideata chissà quale novità letteraria, né gli autori si sono ispirati a un particolare film, libro o videogioco già visti o letti. La loro è una storia che gli è piaciuto scrivere assieme, per divertirsi e, soprattutto, per vincere l'Adunanza letteraria del 2011, organizzata da BraviAutori.it. Se con la narrazione si sono involontariamente avvicinati troppo a storie già famose, affermano, non era voluto. Desiderano solo che vi gustiate l'avventura senza scervellarvi troppo sul come gli sia venuta in mente.
Vedi ANTEPRIMA (497,36 KB scaricato 485 volte).
info e commenti compralo su   amazon


Déjà vu - il rivissuto mancato

Déjà vu - il rivissuto mancato

antologia poetica di AA.VV.

Talvolta, a causa di dinamiche non sempre esplicabili, uno strano meccanismo nella nostra mente ci illude di aver già assistito a una scena che, in realtà, la si sta vivendo solo ora. Il dèjà vu diventa così una fotocopia mentale di quell'attimo, un incontro del pensiero con se stesso.
Chi non ha mai pensato (o realmente vissuto) un'istantanea della propria vita, gli stessi gesti e le stesse parole senza rimanerne perplesso e affascinato? Chi non lo ha mai rievocato come un sogno o, perché no, come un incubo a occhi aperti?
Ventitrè autori si sono cimentati nel descrivere le loro idee di déjà vu in chiave poetica.
A cura di Francesco Zanni Bertelli.

Contiene opere di: Alberto Barina, Angela Catalini, Enrico Arlandini, Enrico Teodorani, Fausto Scatoli, Federico Caruso, Francesca Rosaria Riso, Francesca Gabriel, Francesca Paolucci, Gabriella Pison, Gianluigi Redaelli, Giovanni Teresi, Giuseppe Patti, Ida Dainese, Laura Usai, Massimo Baglione, Massimo Tivoli, Pasquale Aversano, Patrizia Benetti, Pietro Antonio Sanzeri, Silvia Ovis, Umberto Pasqui, Francesco Zanni Bertelli.
Vedi ANTEPRIMA (941,40 KB scaricato 77 volte).
info e commenti compralo su   amazon


Il Bene o il Male

Il Bene o il Male

Trenta modi di intendere il Bene, il Male e l'interazione tra essi.

Dodici donne e diciotto uomini hanno tentato di far prevalere la propria posizione, tuttavia la Vita ci insegna che il vincitore non è mai scontato. La Natura ci dimostra infatti che dopo un temporale spunta il sole, ma ci insegna altresì che non sempre un temporale è il Male, e che non sempre il sole è il Bene.
A cura di Massimo Baglione
Copertine di Giuliana Ricci.

Contiene opere di: Antonella Cavallo, Michele Scuotto, Nunzio Campanelli, Rosanna Fontana, Giorgio Leone, Ida Dainese, Angelo Manarola, Anna Rita Foschini, Angela Aniello, Maria Rosaria Del Ciello, Fausto Scatoli, Marcello Nucciarelli, Silvia Torre, Alessandro Borghesi, Umberto Pasqui, Lucia Amorosi, Eliseo Palumbo, Riccardo Carli Ballola, Maria Rosaria Spirito, Andrea Calcagnile, Greta Fantini, Pasquale Aversano, Fabiola Vicari, Antonio Mattera, Andrea Spoto, Gianluigi Redaelli, Luca Volpi, Pietro Rainero, Marcello Colombo, Cristina Giuntini.
Vedi ANTEPRIMA (455,65 KB scaricato 149 volte).
info e commenti compralo su   amazon





Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 13 - Per modo di dire

La Gara 13 - Per modo di dire

(maggio 2010, 64 pagine, 857,12 KB)

Autori partecipanti: Stefy71, Bonnie, Magasulla, Ser Stefano, GiuseppeN, Vit, Manuela, Vecchiaziapatty, Carlocelenza, Lunanera, Mastronxo, Arianna, Gigliola, Giacomo Scotti, Alessandro Napolitano, Lucia Manna, Michele, Macripa,
A cura di Arditoeufemismo.
Scarica questo testo in formato PDF (857,12 KB) - scaricato 502 volte.
oppure in formato EPUB (525,77 KB) (vedi anteprima) - scaricato 199 volte..
Lascia un commento.

La Gara 49 - La contrapposizione

La Gara 49 - La contrapposizione

(novembre/dicembre 2014, 34 pagine, 560,91 KB)

Autori partecipanti: Umberto Pasqui, Nembo13, Nunzio Campanelli, Annamaria Vernuccio, Patrizia Chini, Milicianto, Ser Stefano, Francesca Santamaria, Lodovico, Giorgio Leone, Cladinoro, Silvia Torre,
a cura di Maddalena Cafaro.
Scarica questo testo in formato PDF (560,91 KB) - scaricato 167 volte.
oppure in formato EPUB (319,02 KB) (vedi anteprima) - scaricato 222 volte..
Lascia un commento.

La Gara 5 - A modo mio

La Gara 5 - A modo mio

(giugno 2009, 40 pagine, 758,80 KB)

Autori partecipanti: Cmt, Pia, Massimo Baglione, Bonnie, Miriam, DaFank, Rona, Manuela, Massimo, Clali, Alessandro Napolitano, Gio, Snuff, Aigor, Yle,
A cura di Pia.
Scarica questo testo in formato PDF (758,80 KB) - scaricato 339 volte.
oppure in formato EPUB (555,57 KB) (vedi anteprima) - scaricato 211 volte..
Lascia un commento.