Qualche vecchia Parola

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'autunno 2021.

Sondaggio

1 - non mi piace affatto
0
Nessun voto
2 - mi piace pochino
1
7%
3 - si lascia leggere
5
33%
4 - è bello
7
47%
5 - mi piace tantissimo
2
13%
 
Voti totali: 15

Mariovaldo
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 101
Iscritto il: 16/12/2019, 7:27
Contatta:

Author's data

Qualche vecchia Parola

Messaggio da leggere da Mariovaldo »

leggi documento Spiacente ma, in questo browser, la lettura a voce non funziona.

“… la parola umana è spesso come un pentolino di latta su cui andiamo battendo melodie da far ballare gli orsi mentre vorremmo intenerire le stelle”
(Gustave flaubert)

Meditavo su questa frase, reminiscenza di passate letture, durante una delle mie frequenti passeggiate per la città.
Forse Flaubert aveva un poco esagerato: senza pretendere di dare lezioni all’illustre scrittore, io sono del parere che ci siano parole e Parole.
Quelle con la “p” minuscola appartengono alla categoria dei saltimbanchi e degli addestratori di orsi. Si usano, ottengono il loro effetto e poi scivolano via senza che le stelle sentano la loro mancanza.
Ma ci sono anche le Parole con la “P” maiuscola.

Quelle di oggi, per esempio. Mi seguono da quando sono uscito e continuano a sussurrarmi ricordi di antiche letture.
Una piccola terrazza a picco sul mare mi tenta con le sue tovagliette svolazzanti e la promessa di una sosta. Ad altri questo Libeccio teso, col suo sentore di strane creature marine suggerirebbe di proseguire a passo svelto, ma le Parole chiedono di fermarmi e ascoltare.
Così mi siedo, unico cliente di un barista triste che osserva gli altri quattro tavolini pateticamente vuoti.
Chiedo un Cuba Libre, pure lui parola desueta, e mi guardo intorno.
La terrazza trema un poco a ogni ondata che s’infrange sulla scogliera, appena più in basso. Il cielo è percorso da nembi scuri e disordinati che si accalcano da ovest e cambiano continuamente forma mentre transitano a perpendicolo sulla mia testa. Credo che non lascino cadere la pioggia per puro calcolo utilitaristico: - Il piccolo ometto e il suo tavolino saranno presto spazzati via da qualche ondata, inutile sprecarci la nostra acqua.–
Io, stoico, sorseggio il mio drink. Mentre poso il bicchiere, mi pare di scorgere delle piccole onde sollevarsi dalla superficie ambrata, con i frammenti di ghiaccio che, in un impeto di megalomania, si atteggiano a iceberg. Al largo, laggiù verso sudest dove le nubi si tuffano in mare e tutto si perde in una specie di oscura foschia, appare la sagoma alata di un veliero.
Veliero: ecco una Parola che si fa strada tra le altre e mi racconta.
Achab, forse quello è il tuo Pequod? E tu, Corsaro Nero, Duca di Ventimiglia, la Folgore solca ancora il mare delle Antille? Long John Silver, hai trovato il tesoro? Horatio, congratulazioni per la tua promozione a Commodoro!
- Due mani di terzaroli, signor Bush, barra tre punti a sinistra.-
Passo gli ordini al mio secondo con voce ferma e chiara.
- Aye aye, capitano.-
Il Sutherland, vascello di linea da settantaquattro cannoni, ha lasciato Portsmouth da un mese ed io, Horatio Hornblower, ne sono il comandante. Gli ordini sono semplici: incrociare lungo le rotte atlantiche e attaccare, affondare o catturare qualsiasi naviglio francese.
Avanziamo sulle onde molto inclinati sulla dritta, la velatura appena ridotta.
Il signor Bush indica un punto tre quarti a sinistra. Un lampo rischiara i flutti e il tuono secco e vicino copre per lunghi istanti il rombo dei marosi che s’ingrossano e sembrano scaraventarsi sulla nave.
- Arriva, comandante! -
Il rollio si accentua, la ruota mette a dura prova la forza di McNulty, il timoniere, ma i miei ordini si susseguono rapidi e sicuri, lo sguardo fisso in avanti, a meno di un miglio dal nostro bompresso:
- Alla via così. Spegnere i fuochi, cannonieri ai pezzi! E’ più pesante di noi e la prua affonda troppo, stavolta lo prendiamo! Aprire i portelli! -
Poco più avanti, il “Courage”, nave di linea francese da novanta cannoni, se la passa peggio. Non ha fatto in tempo a ridurre la velatura e il colpo di mare gli spezza il pennone di trinchetto. Trattenuto dalle sartie, il troncone cade in mare con le sue vele e il Courage sbanda paurosamente come se avesse gettato un’ancora in piena corsa.
Lo stiamo inseguendo da due giorni e finalmente gli scivoliamo sul bordo di sinistra, a meno di duecento yarde.
- Pezzi di dritta, fuoco a volontà.-
Osservo impassibile l’effetto delle scariche che si susseguono rapide. Vedo brandelli di fasciame strapparsi dalla nave nemica, l’albero di maestra spezzarsi e precipitare sul ponte.
Sul Courage però si sono riorganizzati. Buoni marinai, anche sotto il fuoco sono riusciti a liberarsi del pennone e i cannonieri sono al loro posto.
Un’ondata solleva la nave francese che si era inclinata a babordo rendendo inservibili le batterie di sinistra. Ora le bocche da fuoco sono puntate dritte sul Southerland.
- Tutta la barra a sinistra! Adesso tocca a noi signor Bush, non possiamo evitarlo.-
Una tremenda salva a palla e mitraglia ci spazza il ponte. Sangue e urla, sartie spezzate e brandelli di vele. Una palla porta via di netto la testa al guardiamarina Hampton, a due passi da me. Ma io continuo a impartire ordini con la voce tranquilla, la battaglia prosegue.
Meno di un’ora, l’ultima per tanti bravi marinai.
La tempesta è scemata; il Southerland è ferito ma vittorioso grazie alle mie doti di marinaio e di comandante. Sono stato pronto a sfruttare la maggiore velocità e manovrabilità della mia nave che ora scarroccia sospinta da un vento leggero, uno strallo per governare, le altre vele superstiti terzarolate. Sull’oceano, pochi relitti e alcuni corpi inanimati indicano la tomba del Courage e del suo equipaggio.
- Un’altra vittoria per la Corona. Signor Bush, faccia l’appello degli uomini, voglio sapere qual è stato il prezzo.-
- Sono sette Euro e cinquanta, ma veramente mi chiamo Luigi; Bush chi? Quello con gli occhietti piccoli che governava l’America?-
Il cameriere è in piedi vicino a me, lo scontrino in mano. Già, lui vuole le palanche, non gli importa delle mie Parole. Gli porgo una banconota da dieci e gli lascio il resto, mica sempre si può fare il taccagno e poi lo devo ringraziare, mi guarda come se fossi matto ma non ha chiamato il 113.
Esco e mi avvio su per la scalinata, le raffiche di vento mi fanno rabbrividire e le nuvole devono aver perso la pazienza perché inizia a piovere. Per fortuna sono previdente: rialzo il bavero del mio vecchio impermeabile... “Impermeabile”: questa Parola si fa avanti di prepotenza mentre allaccio la logora cintura.
Accidenti al clima di New York. Capace che a mezzogiorno crepi dal caldo e due ore dopo gli Adirondack ti spediscono giù dall’Hudson un vento della malora che ti mette i brividi e porta la pioggia. Proprio come adesso. Non finisco d’imprecare che sento dei passi affrettati dietro di me. Su questa scalinata ventosa che dal molo ventisette porta alla nona io credevo di essere solo. Mi volto, saranno una ventina di gradini e vedo che mi viene dietro un tipo sospetto. E’ grosso, ha la faccia cattiva, scommetto che sotto quella giacca ha pure l’artiglieria.
Stamattina mentre stavo uscendo dall’ufficio, Velda, una pupa in gamba che non per nulla mi fa da segretaria, mi aveva avvertito:
- Attento a quello che fai Mike, Half Nose Buddy ha giurato di fartela pagare.-
- Non aver paura, piccola, il piombo che deve ammazzare il vecchio Mike Hammer non è stato ancora estratto dalla miniera! - Ma avevo toccato nervosamente il calcio della mia Betsy, la Colt quarantacinque che mi fa sempre compagnia nella fondina sotto l’ascella.
Betsy è femmina e come tutte le femmine sa essere sinuosa e letale; il suo contatto mi rassicura: lei ed io abbiamo fatto un bel po’ di buchi nella pancia degli imbecilli che volevano la mia pelle e i vermi dei cimiteri ringraziano. Ma Buddy è un duro, lo chiamano Half Nose perché va in giro con una dannata protesi di metallo sulla faccia; da ragazzo, un certo Joe Cribano gli ha tagliato metà del naso che Buddy aveva ficcato dove non doveva. E Buddy che fa? Appena uscito dall’ospedale, aspetta Joe sotto casa, gli fracassa le gambe con un bastone, poi gli taglia i testicoli e glieli ficca in bocca. Ecco chi è Buddy, meglio non farlo incazzare.
Invece io, tre giorni fa, ho dovuto piantare una libbra di piombo nella testa di suo fratello mentre indagavo su quel pasticcio del cambiavalute morto ammazzato, giù a Little Italy.
Buddy è in galera e ci resterà per un pezzo, ma non l’ha presa bene.
- C'è un bel mucchio di fessi là fuori che ti farebbe la festa volentieri anche gratis, ma Buddy ha promesso una pila di verdoni a chi ti farà fuori. Stai in campana Mike, sarebbe un peccato, sei un così bell’uomo...- . L’ultimo avvertimento mi era arrivato appena ieri sera da Red, il barista dell’ Happy Dog sulla trentaduesima. L’ho ringraziato stendendo con un gancio destro un tale che lo stava prendendo per il sedere. Già, Red è un dannato finocchio e non fa nulla per nasconderlo, ma per il resto è un tipo a posto.
Intanto il tizio continua a seguirmi. Faccio finta di niente, mi chino ad allacciarmi una scarpa. Dannazione, oggi ho messo i mocassini, forse non sono troppo convincente. Comunque il tizio si ferma anche lui e si mette a guardare una vetrina. Peccato che sia spenta e non si vede un accidenti. Allora segue proprio me! M’infilo sulla Harrison, qui c’è traffico e gente, non sarebbe salutare spararmi alla schiena. Lui sempre dietro, sento i suoi passi sciacquettare nelle pozzanghere. In breve sono alla stazione della metro di Franklin e scendo le scale.
Ecco, arriva il treno, aspetto di sentire il sibilo dell’aria compressa che chiude le porte e salto sopra. Il ciccione non ce la fa e rimane a terra. Mi guarda strano mentre io gli sfilo davanti e gli faccio ciao con la mano. Intorno, sul vagone, non vedo altre facce sospette. Ora posso rilassarmi e togliere la mano dalla fondina.
E’ la mia fermata, scendo. Due passi e sono arrivato. Velda, la bella e calda Velda, mi starà aspettando per darmi il ben tornato a modo suo.
Mi frugo in tasca, apro con la chiave.
- Da dove vieni Gianni, dalle paludi? Pulisciti le scarpe, fannullone che non sei altro, non vedi che ho dato la cera? Poi togliti quell’impermeabile bagnato che sgoccioli dappertutto e sembri un vecchio esibizionista… almeno avessi qualcosa di decente da esibire!
- Sì Vel… cara, scusa, è pronta la cena? -
- Ma sentilo! Se ne va a zonzo tutto il pomeriggio, io invece qui ad ammazzarmi in casa. Poi con questo tempo, sei mica un giovanotto. Ma dove sei stato, cosa hai combinato?-
Sulle mie Parole cala un manto pesante di realtà; così come la polvere copre ogni cosa, la realtà sovrasta i sogni che vorresti gridare e ti spezza la voce.
Riesco appena a sussurrare una risposta:
- Nulla di particolare, ho passato il pomeriggio in compagnia di qualche vecchia Parola.-
Avatar utente
Alberto Marcolli
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 88
Iscritto il: 08/05/2018, 18:06

Author's data

Commento Qualche vecchia Parola

Messaggio da leggere da Alberto Marcolli »

Unica segnalazione:
Una piccola terrazza a picco --- picco picco – un po' stona, o no?

L'illusione di leggere qualche cosa di interessante si è presto infranta con l'apparizione della "sagoma alata di un veliero". Ma per fortuna mi sbagliavo o meglio la storia si sposta su un altro piano. Basta mare, qui siamo a NewYork, catapultati sul set di un film poliziesco. Altro cambio di scena e approdiamo nella dura banalità quotidiana di un moglie brontolona, ovvero: "cala un manto pesante di realtà" e buona notte ai suonatori.
Che dire? Se lo scopo era quello di intrattenere per cinque minuti, senza troppe pretese: bersaglio raggiunto.
Personalmente, dopo il dotto inizio con citazione di Flaubert, mi aspettavo qualche considerazione più profonda, ma "Nulla di particolare, ho passato il pomeriggio in compagnia di qualche vecchia Parola."

Come ho trovato la scrittura? Direi quella di una persona esperta che ci sa fare, e proprio per questo pretendo di più: che so, una battuta scherzosa, un messaggio di vita, un "coup de foudre" per dirla alla francese, e invece mi sono beccato il "il pomeriggio in compagnia di qualche vecchia Parola".
Voto 3
RobertoBecattini
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 47
Iscritto il: 25/11/2018, 0:46

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da RobertoBecattini »

Notevole il livello di scrittura, complimenti. Forse hai solo un po' ecceduto nella terminologia marinara nella prima parte, ma per il resto scorre che è un piacere. Mi hai fatto venire in mente un finale diverso, dove magari si scopre che anche il sognatore è un personaggio di un romanzo. Anche se scorre su binari sicuri, resta un ottimo lavoro soprattutto dal punto di vista formale, sopra la media decisamente. 4.
RobediKarta
Andr60
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 240
Iscritto il: 15/11/2019, 15:45

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Andr60 »

Ho apprezzato il cambio di registro, dal marinaresco di Hornblower all'hard boiled del detective Mike Hammer: un sogno a occhi aperti seguendo le Parole, almeno quello non ce l'hanno ancora tolto.
Voto 4
Avatar utente
Marino Maiorino
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 341
Iscritto il: 15/10/2012, 0:01
Località: Barcellona
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Marino Maiorino »

Piaciuto come simpatico gioco letterario, svago personale e disincantato.
Dal punto di vista della scrittura, nulla da eccepire: il tema scelto dal racconto erano le parole e l'autore dimostra di saper tenere registri notevolmente diversi. Immagino che dietro ciascun termine marinaresco ci sia stata un'accorta ricerca (anche storica) per impiegarlo con cognizione di causa.
Quello che un po' meno ho gradito è l'effetto mitraglia, l'impiego così indiscriminato di tante parole appartenenti a un determinato gergo in uno spazio ridottissimo, e che mi pare vada esattamente contro il senso dell'incipit: parole ne ho lette molte, ma quante Parole ha realmente mostrato l'autore? Veliero e impermeabile? E non Libeccio o "picco sul mare", o "mare" tout-court? In questo dubbio il gradevole racconto diventa personale.
Grazie all'autore per averci aperto una finestra sulle proprie reminiscenze letterarie.
«Amare, sia per il corpo che per l'anima, significa creare nella bellezza» - Diotima

Immagine
Immagine

ImmagineRacconti alla Luce della Luna

Sono su:
Immagine
Immagine
Avatar utente
Roberto Bonfanti
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 514
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

Mi è piaciuto questo gioco letterario, che poi è tipico di ogni divoratore di libri che si rispetti, immergersi a tal punto nelle parole, nelle storie, da dimenticarsi della banale realtà che lo circonda.
Sull'aspetto formale ti segnalo solo che il trattino alla fine dei dialoghi è superfluo.
Un buon racconto.
Che ci vuole a scrivere un libro? Leggerlo è la fatica. (Gesualdo Bufalino)
https://chiacchieredistintivorb.blogspot.com/
Intervista su BraviAutori.it: https://www.braviautori.it/forum/viewto ... =76&t=5384
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine
Namio Intile
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 361
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Namio Intile »

Ciao, ti è venuto fuori un bel divertissement, che ho letto volentieri, pure se quell'incipit preso in prestito da Flaubert ritengo che non c'entri molto. Non so, per me le parole sono sempre una cosa seria, anzi sono pietre per parafrasare Carlo Levi, e non riesco proprio a inserirle nella categoria del gioco, eccetto per lo Scarabeo, piuttosto mi fan venire voglia di lavorarci sopra, di studiarle, l'etimo come la fonetica, né più né meno come alla fine hai fatto tu partendo da Flaubert La loro compagnia è sempre piuttosto ingombrante e preferisco il silenzio o le parole mute del mondo che ci circonda, o la musica, per rilassarmi. E alla fine, con questa recensione, mi pare d'aver cominciato a giocare pure io... Cose strane succedono con le parole.
Bravo, un caro saluto.
Egidio
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 52
Iscritto il: 14/04/2021, 6:05

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Egidio »

E', a mio avviso, un racconto scritto bene, con un lessico che spazia dal raffinato al gergale (nella fantasticheria sul mondo dei gangsters). Concordo con l'opinione dell'autore circa la diversa valenza delle parole (soprattutto estetica). Mi pare che il protagonista utilizzi le proprietà della Parola per tentare di sfuggire allo squallore del quotidiano, dove regna la impoetica parola.
Anto58
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 30
Iscritto il: 07/03/2021, 18:21

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Anto58 »

Mi è piaciuto tanto questo racconto che spazia tra vari stili portandoci in mondi lontani, letterariamente fantastici. Si torna alla realtà con rammarico, la scrittura è ordinata ed efficace, veramente bravo e complimenti. Voto 4
Mariovaldo
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 101
Iscritto il: 16/12/2019, 7:27
Contatta:

Author's data

Re: Qualche vecchia Parola

Messaggio da leggere da Mariovaldo »

Probabilmente ho commesso qualche errore: non mi spiego perchè da quando ho inserito questo racconto, pur avendo lasciato almeno tre commenti ad altrettanti compagni di avventura, il mio brano risulti tuttora nel limbo degli autori distratti, quelli che non hanno ancora lasciato alcun commento. Per favore, segnalatemi cosa non va, grazie
Mariovaldo
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 101
Iscritto il: 16/12/2019, 7:27
Contatta:

Author's data

Re: Qualche vecchia Parola

Messaggio da leggere da Mariovaldo »

Anto, grazie per il tuo commento lusinghiero. Hai trovato lla giusta chiave di lettura ela cosa mi fa molto piacere,
Alla prossima, spero
Mariovaldo
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 101
Iscritto il: 16/12/2019, 7:27
Contatta:

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Mariovaldo »

Egidio ha scritto: 29/10/2021, 19:59 E', a mio avviso, un racconto scritto bene, con un lessico che spazia dal raffinato al gergale (nella fantasticheria sul mondo dei gangsters). Concordo con l'opinione dell'autore circa la diversa valenza delle parole (soprattutto estetica). Mi pare che il protagonista utilizzi le proprietà della Parola per tentare di sfuggire allo squallore del quotidiano, dove regna la impoetica parola.
Egidio, sì, è esatto: a volte ci perdiamo nelle nostre Parole preferite e cosi' facendo possiamo ignorare la realta' che ci circonda. Ma poi, inesorabilmente, siamo risucchiati d altre parole, quelle meno piacevoli della routine cuotiidiana, dei doveri, delle scelte che abbiamo compiuto.
Grazie di tutto.
Avatar utente
Roberto Bonfanti
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 514
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Re: Qualche vecchia Parola

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

Ciao Mariovaldo, devi mettere "Commento" come titolo del commento (scusa il gioco di parole), altrimenti il sistema non lo riconosce come tale e non lo considera ai fini della partecipazione.
Che ci vuole a scrivere un libro? Leggerlo è la fatica. (Gesualdo Bufalino)
https://chiacchieredistintivorb.blogspot.com/
Intervista su BraviAutori.it: https://www.braviautori.it/forum/viewto ... =76&t=5384
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine
Avatar utente
Massimo Baglione
rank (info):
Site Admin
Messaggi: 9447
Iscritto il: 11/04/2007, 12:20
Località: Belluno
Contatta:

Author's data

Re: Qualche vecchia Parola

Messaggio da leggere da Massimo Baglione »

Confermo quanto sopra. Vedi istruzioni. :-)
Immagine

Immagine <<< io ero nel Club dei Recensori di BraviAutori.it.

Immagine

www.massimobaglione.org
Stefyp
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 332
Iscritto il: 26/07/2019, 18:48

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Stefyp »

Non so che dire. Letteralmente. Dopo aver letto questo racconto sono rimasta un po' a fissarlo senza sapere cosa scrivere.
Ho ben capito il tuo intento, ma... L'ho trovato un po' faticoso, non mi ha entusiasmato.
È scritto benissimo, tutte le parole e le Parole al punto giusto senza sbavature o imprecisioni. Ma il tutto è un po' troppo, almeno per me.
Mariovaldo
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 101
Iscritto il: 16/12/2019, 7:27
Contatta:

Author's data

Re: commento

Messaggio da leggere da Mariovaldo »

Stefyp ha scritto: 02/11/2021, 22:07 Non so che dire. Letteralmente. Dopo aver letto questo racconto sono rimasta un po' a fissarlo senza sapere cosa scrivere.
Ho ben capito il tuo intento, ma... L'ho trovato un po' faticoso, non mi ha entusiasmato.
È scritto benissimo, tutte le parole e le Parole al punto giusto senza sbavature o imprecisioni. Ma il tutto è un po' troppo, almeno per me.
Sono soddisfatto del tuo commento, lo dico sul serio. Credo che quasi tutti noi che ci divertiamo a scrivere, vorremmo diventare Veri Scrittori ma, a prescindere dal talento naturale che si puo' avere oppure no, occorre tra le altre cose un buon bagno di umilta' che ci tenga con i piedi ben saldi sul suolo. Quindi le critiche ben centrate e motivate sono preziosi strumenti di miglioramento.
Ti ringrazio sinceramente.
Stefyp
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 332
Iscritto il: 26/07/2019, 18:48

Author's data

Re: Qualche vecchia Parola

Messaggio da leggere da Stefyp »

Sono contenta che tu abbia capito lo spirito del mio commento. È molto facile scrivere dare un giudizio quando si è entusiasti di quello che si legge, meno quando qualcosa non ci convince.
Ma penso che noi si sia qui per questo, farci dire quello che non va per migliorare e imparare da chi è un po' più in là rispetto a noi.
Quando ti ho detto che è scritto benissimo lo pensavo davvero, alcuni passaggi li vorrei copiare e usare a mia volta tanto mi son piaciuti (non lo farò, naturalmente...). Da qui la mia difficoltà nel risponderti.
«Chissà che racconto ne sarebbe uscito fuori, se anche la trama fosse stata quella giusta» mi son detta.
Messedaglia
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 28
Iscritto il: 28/09/2021, 9:42

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Messedaglia »

Bel racconto, che descrive in modo efficace e coinvolgente una caratteristica tipica di chi (perlomeno io mi ci ritrovo) trova in ogni nuova lettura un mondo lontano in cui sprofondarsi: sognare costantemente ad occhi aperti. In particolare mi è piaciuta, questo per mio gusto personale, la parte relativa alla battaglia tra velieri, o meglio, tra legni, come direbbe un contemporaneo del capitano Hornblower. Quasi quasi vado a rileggermi "L'isola del tesoro" di Stevenson... :D. Voto 4.
Mariovaldo
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 101
Iscritto il: 16/12/2019, 7:27
Contatta:

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Mariovaldo »

Messedaglia ha scritto: 06/11/2021, 14:03 Bel racconto, che descrive in modo efficace e coinvolgente una caratteristica tipica di chi (perlomeno io mi ci ritrovo) trova in ogni nuova lettura un mondo lontano in cui sprofondarsi: sognare costantemente ad occhi aperti. In particolare mi è piaciuta, questo per mio gusto personale, la parte relativa alla battaglia tra velieri, o meglio, tra legni, come direbbe un contemporaneo del capitano Hornblower. Quasi quasi vado a rileggermi "L'isola del tesoro" di Stevenson... :D. Voto 4.
Long John Silver ti attende, con il suo pappagallo sulla spalla, non deluderlo, vai ! :lol:
Grazie per la tua accurata lettura e sì, anche quella era una delle mie letture preferite, dai sei anni in su l'avro' riletto decine di volte....
Buona giornata
Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 677
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

scritto molto bene, senza refusi se si eccettuano i trattini a fine dialogo, superflui.
una lettura in compagnia delle parole, appunto, che diviene una sorta di sogno a occhi aperti.
disincantato, senza un filo conduttore reale se non proprio le parole con cui giochi.
alla fine diviene un poco pesante, però è una buon lavoro.
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Avatar utente
Massimo Baglione
rank (info):
Site Admin
Messaggi: 9447
Iscritto il: 11/04/2007, 12:20
Località: Belluno
Contatta:

Author's data

Re: Qualche vecchia Parola

Messaggio da leggere da Massimo Baglione »

Ricordatevi di specificare esattamente "Commento" nel campo "Titolo" del messaggio usato per commentare le opere in Gara (senza prefissi come "Re:" o altro), altrimenti non verranno conteggiati dal sistema, grazie!
Se invece state solo rispondendo, non serve specificare.
Ricordatevi anche che il testo del commento deve essere lungo almeno 200 battute.
Vi rimando alle istruzioni delle Gare letterarie.
Immagine

Immagine <<< io ero nel Club dei Recensori di BraviAutori.it.

Immagine

www.massimobaglione.org
Mariovaldo
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 101
Iscritto il: 16/12/2019, 7:27
Contatta:

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Mariovaldo »

Lyanna ha scritto: 16/11/2021, 10:35 Ciao!

Scrivi benissimo, forse un po' ostentato a volte ma mi piace il tuo stile dinamico che si adatta alla scena che racconti: battaglia in mare, poliziesco con detective privato.

Mi piace l'idea di determinate parole che per il personaggio hanno un'importanza, un peso, perché lo portano ad immaginare storie fantastiche e lo aiutano a trovare un rifugio dalla banalità della vita di tutti i giorni.

"Day dreaming", giusto? Io lo "pratico" ancora oggi che sono adulta, moglie e mamma ;)

Molto bello il tuo testo, tempi giusti, finale ad hoc. Hai deciamente talento. In bocca al lupo per la gara!
Mi fa molto piacere aprire la giornata con un caloroso ringraziamento. Il tuo commento ni ridà la carica, spero di meritarne altri cosi' in futuro... almeno quella parte di futuro cui puo' aspirare un nonnetto (ho 5 nipotin) come il sottoscritto
Mariovaldo
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 101
Iscritto il: 16/12/2019, 7:27
Contatta:

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Mariovaldo »

Lyanna ha scritto: 17/11/2021, 11:22 I tuoi nipoti sono fortunati ad avere un nonno come te! Hai immaginazione da vendere e la sai esprimere benissimo a parole, é un dono =)

Sono sicura che commenti come il mio arriveranno anche in futuro. Posso chiederti se hai scritto dei libri? Immagino di sì, anzi, spero proprio di sì =)

Ps: ho riletto il tuo testo stamattina e mi rimangio l"ostentato" del primo commento.

Ti auguro una buona giornata!
BUONA giornata a te, I miei fortunati nipotini sono molto piu' interessati a chat, videogiochi e quant'altro offre la tecnologia piuttosto che a fatine e lupi cattivi. La piu' piccina, 5 anni, usa il PC e il telecomando della smart TV molto meglio di me...
Mi chiedi se ho scritto un libro? Ebbene sì. o meglio, un libricino con una raccolta di racconti sulla Grande Guerra, collegati da i protagonisti principali. E' in vendita sul web e credo ne siano state vendute una dozzina (forse), Il primo capitolo e' pubblicato anche qui, col titolo "La padrona di casa" ma visto il successo (passato quasi inosservato) non credo che pubblicherò gli altri capitoli.
Ancora grazie delle tue belle parole, ogni tanto ci vogliono, fanno bene più di una delle molte pillole che sono costretto a ingurgitare.
Gabi Celeste Pisani
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 34
Iscritto il: 10/11/2021, 12:25

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Gabi Celeste Pisani »

Ho trovato il tuo testo scritto in modo perfetto, con un linguaggio ricercato e una struttura chiara. Però personalmente non l'ho trovato molto interessante; ovviamente questa è un'opinione personale e probabilmente anche un mio limite. Però penso che avrei gradito qualcosa di più personale o comunque una maggiore profondità in quello che leggevo.
A parte questo però hai sicuramente molto talento nello scrivere, una cosa non da poco.
Mariovaldo
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 101
Iscritto il: 16/12/2019, 7:27
Contatta:

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Mariovaldo »

Gabi Celeste Pisani ha scritto: 18/11/2021, 12:50 Ho trovato il tuo testo scritto in modo perfetto, con un linguaggio ricercato e una struttura chiara. Però personalmente non l'ho trovato molto interessante; ovviamente questa è un'opinione personale e probabilmente anche un mio limite. Però penso che avrei gradito qualcosa di più personale o comunque una maggiore profondità in quello che leggevo.
A parte questo però hai sicuramente molto talento nello scrivere, una cosa non da poco.
"perfetto" non me lo aveva mai detto nessuno! Meglio così, guai a lasciarsi cullare dal suono di questa parola e magari perdere la coscienza dei propri limiti.
Ti ringrazio anche per il "talento", con queste due parole mi sono assicurato gia' di buonora una bella giornata di soddisfazioni.
Quanto alla tua critica sullo scarso interesse dell'argomento, direi che non e' un tuo limite, come asserisci, è piuttosto un dato di fatto: ognuno ha il proprio patrimonio culturale, i propri interessi, e per chi scrive a volte non e' facile, destare l'interesse di ciascun lettore.
Temistocle
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 79
Iscritto il: 03/07/2021, 8:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Temistocle »

Un bel racconto, con una scrittura fluida e un passaggio dal piano della fantasia a quello della realtà (nel finale) ben congegnato.
Forse, come già suggerito, l'introduzione flaubertiana è un po' eccessiva visti gli sviluppi del racconto, ma dopo aver letto il tutto, è perdonabile.
Mariovaldo
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 101
Iscritto il: 16/12/2019, 7:27
Contatta:

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Mariovaldo »

Temistocle ha scritto: 24/11/2021, 8:26 Un bel racconto, con una scrittura fluida e un passaggio dal piano della fantasia a quello della realtà (nel finale) ben congegnato.
Forse, come già suggerito, l'introduzione flaubertiana è un po' eccessiva visti gli sviluppi del racconto, ma dopo aver letto il tutto, è perdonabile.
Temistocle... (a proposito, complimenti per il nick, mi hai suscitato antichi ricordi scolastici, Atene, Sparte
, le Termopili... mi sono emozionato, io che appartengo a quel tempo, beh quasi, diciamo che sono antico pure io :shock: ) grazie per la lettura attenta e quanto a Flaubert forse hai ragione, tu e gli altri che hanno detto la stessa cosa, il fatto e' che a me Flaubert piace e lo metterei dappertutto, com il prezzemolo.
Temistocle
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 79
Iscritto il: 03/07/2021, 8:53

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Temistocle »

Mariovaldo ha scritto: 24/11/2021, 9:02 Temistocle… (a proposito, complimenti per il nick, mi hai suscitato antichi ricordi scolastici, Atene, Sparte
, le Termopili… mi sono emozionato, io che appartengo a quel tempo, beh quasi, diciamo che sono antico pure io :shock: ) grazie per la lettura attenta e quanto a Flaubert forse hai ragione, tu e gli altri che hanno detto la stessa cosa, il fatto è che a me Flaubert piace e lo metterei dappertutto, com il prezzemolo.
Non so se ti daro' una delusione, ma Temistocle è il mio nome, non un nick… (o forse intendevi dire proprio 'nomè?)
Ma ne vado orgoglioso, anche perché vengo da una terra (la Calabria) che ha dato le radici culturali all'Italia mediterranea, colta e accogliente.
Mariovaldo
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 101
Iscritto il: 16/12/2019, 7:27
Contatta:

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Mariovaldo »

Temistocle ha scritto: 24/11/2021, 9:10 Non so se ti daro' una delusione, ma Temistocle è il mio nome, non un nick… (o forse intendevi dire proprio 'nomè?)
Ma ne vado orgoglioso, anche perché vengo da una terra (la Calabria) che ha dato le radici culturali all'Italia mediterranea, colta e accogliente.
Concordo col tuo essere orgoglioso della tua Terra, tanto che io, pur non essendo Calabrese , ho dato la Calabria come terra natale del protagonista di una serie di racconti sulla prima guerra mondiale, un eroico dottore sui campi di battaglia sul fronte alpino. (senza dimenticare che due dei miei nipotini sono per meta' calabresi)
Selene Barblan
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 667
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Davvero un bel racconto, con un ottima, come sempre, scrittura e una sorta d’incanto che mi riporta ai miei estraneamenti infantili (che fortunatamente mi prendono ancora adesso, anche se con minor frequenza). Qui l’omaggio a un amore letterario è reso pienamente, per quanto io non abbia le conoscenze necessarie a giudicare i contenuti. Quando un’ottima scrittura si combina a un contenuto che mi prende non posso che assegnare un voto alto, 5 per me.
Rispondi

Torna a “Gara d'autunno, 2021”


Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 43 - Cantami, o diva...

La Gara 43 - Cantami, o diva...

(dicembre 2013, 30 pagine, 1,91 MB)

Autori partecipanti: Polly Russell, Lodovico, Eddie1969, Kaipirissima, Nunzio Campanelli, Alessandro D, Anto Pigy, Cladinoro, Marino Maiorino,
A cura di Antonella Pighin.
Scarica questo testo in formato PDF (1,91 MB) - scaricato 219 volte..
Lascia un commento.

La Gara 18 - Brividi a Natale

La Gara 18 - Brividi a Natale

(gennaio 2011, 40 pagine, 731,48 KB)

Autori partecipanti: Miriam Mastrovito, Ser Stefano, Alessandro Napolitano, Manuela, Roberto Guarnieri, Skyla, Exlex, Hellies15, Davide Sax, Tania Maffei, Cazzaro,
A cura di Mastronxo.
Scarica questo testo in formato PDF (731,48 KB) - scaricato 521 volte.
oppure in formato EPUB (394,72 KB) (vedi anteprima) - scaricato 216 volte..
Lascia un commento.

La Gara 61 - Ai confini della Realtà

La Gara 61 - Ai confini della Realtà

(novembre/dicembre 2016, 15 pagine, 777,31 KB)

Autori partecipanti: Massimo Tivoli, Ida Dainese, Gabriele Ludovici, Angela Catalini,
a cura di Massimo Tivoli.
Scarica questo testo in formato PDF (777,31 KB) - scaricato 104 volte.
oppure in formato EPUB (579,86 KB) (vedi anteprima) - scaricato 119 volte..
Lascia un commento.





Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Un lavoro Fantastico

Un lavoro Fantastico

Antologia di opere ispirate a lavori inventati e ai mestieri del passato riadattati al mondo attuale.
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Gabriele Laghi, Alessandro Mazzi, Isabella Galeotti, Marco Bertoli, Carlo Ragonese, Stefania Paganelli, Elegant Stork, Selene Barblan, Domenico De Stefano, Andrea Teodorani, Eliana Farotto, Andrea Perina, Gabriella Pison, F. T. Leo, Ida Dainese, Lisa Striani, Umberto Pasqui, Lucia De Falco, Laura Traverso, Valentino Poppi, Francesca Paolucci, Gianluca Gemelli.
Vedi ANTEPRIMA (973,26 KB scaricato 29 volte).
info e commenti compralo su   amazon


Antologia visual-letteraria (Volume uno)

Antologia visual-letteraria (Volume uno)

Collage di opere grafiche e testuali pubblicate sul portale www.BraviAutori.it

Il libro è un collage di opere grafiche e testuali pubblicate sul portale www.BraviAutori.it e selezionate tenendo conto delle recensioni ricevute, del numero di visualizzazioni e, concedetecelo, il nostro gusto personale. L'antologia non segue un determinato filone letterario e le opere sono state pubblicate volutamente in ordine casuale.
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Dino Licci, Annamaria Trevale, Sara Palladino, Filippo C. Battaglia, Gilbert Paraschiva, Luigi Torre, Francesco Vespa, Luciano Somma, Francesco Troccoli, Mitsu, Alda Visconti Tosco, Mauro Cancian, Dalila, Elisabetta Maltese, Daniela Tricarico, Antonella Iacoli, Jean Louis, Alessandro Napolitano, Daniela Cattani Rusich, Simona Livio, Michele Della Vecchia, Giovanni Saul Ferrara, Simone De Foix, Claudia Fanciullacci, Giorgio Burello, Antonia Tisoni, Carlo Trotta, Matteo Lorenzi, Massimo Baglione, Lorenzo Zanierato, Riccardo Simone, Monica Giussani, Annarita Petrino, Luigi Milani, Michele Nigro, Paolo Maccallini, Maria Antonietta Ricotti, Monica Bisin, Gianluca Gendusa, Cristiana, Simone Conti, Synafey, Cicobyo, Massimiliano Avi, Daniele Luciani, Cosimo Vitiello, Mauro Manzo.
Vedi ANTEPRIMA (3,85 MB scaricato 826 volte).
info e commenti compralo su   amazon


69 Orizzontale: l'Antologia erotica

69 Orizzontale: l'Antologia erotica

Oltre 300 pagine di ottimo erotismo sotto forma di racconti, poesie e illustrazioni. Contiene un racconto della scrittrice Valeria Ferracuti e disegni di Furio Bomben. Ogni testo è abbinato a una domanda in formato "settimana enigmistica" che testerà l'attenzione del lettore. La dura selezione alla quale sono stati sottoposti i partecipanti, garantisce al libro una qualità che raramente è stata raggiunta in passato.
A cura di Massimo Baglione, Angela Di Salvo e Alessandro Napolitano;
in collaborazione con Valeria Ferracuti di mysecretdiary.it;
copertina di Roberta Guardascione;
illustrazioni aggiuntive realizzate da Furio Bomben;
strisce enigmistiche di Diego Capani.

Contiene opere di: Allison Bersani, Gabriella Pison, Gianni Giovannone, Serena Rosata, Simone De Andreis Gerini, Thierry59, Grey Delacroix, Giovanni Altieri, Marina Priorini, Antonella Rita Provenzano, Furio Bomben, Alessandra Gaggioli, Marina Casali, Mew Notice, Enrica Restelli, Valter Padovani, Alessandro Moschini, Tullio Aragona, Elena Girotti, Edoardo Baietti, Gilbert Paraschiva, Gianluigi Redaelli, Connie Furnari, Flavia Ippolito, Mariella Scarano, Piergiorgio Annicchiarico, Poly, Alessio Boni, Carmine Rosano, Alberto Tristano, Barbara Bertucci, Armando D'Amaro, Livin Derevel, Stefano Masetti, Alfio Faedi, Giovanni Gentile, Bruno Elpis, Riccardo Carli Ballola, Roberta Eman, Anna Pisani, Ser Stefano, Riccardo Sartori, Giovanna Amoroso, Jen Ricci, Michele Cogni, Paolo Ferruccio Cuniberti, Claudio Gavina, Valeria Ferracuti.
Vedi ANTEPRIMA (298,69 KB scaricato 893 volte).
info e commenti compralo su   amazon