Giuditta

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'inverno 2021/2022.

Sondaggio

Sondaggio concluso il 23/03/2022, 0:00

1 - non mi piace affatto
1
5%
2 - mi piace pochino
3
16%
3 - si lascia leggere
3
16%
4 - è bello
10
53%
5 - mi piace tantissimo
2
11%
 
Voti totali: 19

Macrelli Piero
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 189
Iscritto il: 24/02/2020, 15:22

Author's data

Giuditta

Messaggio da leggere da Macrelli Piero »

leggi documento Spiacente ma, in questo browser, la lettura a voce non funziona.

GIUDITTA
(Love will Tears Us Apart. Joy Division, 1980)

L'insegnante del corso di scrittura creativa che sto frequentando lo ripete di continuo. Non bisogna raccontare, bisogna mostrare. Show don't tell, proprio così dice. E poi dice anche che bisogna usare pochi aggettivi e bisogna scordarsi degli avverbi. Ma allora io come faccio a raccontarvi questa storia, come faccio a farvela vedere?
Mi ero iscritto a questo corso che si teneva a Santarcangelo così, per caso. Cioè non proprio per caso, ma perché ero ridotto uno straccio e fare qualcosa di diverso, qualcosa al di fuori dalle mie solite cose forse mi avrebbe aiutato; e poi andare a Santarcangelo mi avrebbe portato fuori dai miei soliti giri, per quel che valevano oramai, ma così mi ero detto. Al corso siamo una dozzina e io sono l'unico ventenne. La maggior parte mi sembra che siano oltre i quaranta anni. Secondo me si sono iscritti per cercare di sistemare la loro esistenza, di mettere un po' d'ordine ai pensieri, come se la scrittura potesse risolvere i guai della vita. Questo è quello che mi sembra sperano tutti e siccome anche io lo spero, siamo tutti sulla stessa barca.
Per quanto riguarda me la colpa di tutti i miei guai è di Giuditta che poi non si chiama Giuditta, ma poco importa. Giuditta era il nome che le avevo dato io quando quando ancora non l'avevo conosciuta, ma la vedevo sempre in giro e mi piaceva da matti. Grazie al cazzo, Giuditta è una grandissima figa e sa di esserlo. È anche molto pericolosa, ma io questo ancora non lo sapevo.
Le avevo dato quel nome perché una volta alla libreria Riminese, quella di fronte al duomo, avevo sfogliato per caso un libro che avevano messo in vetrina. Era un libro su Klimt, su i suoi quadri e quando ho visto la foto del quadro di Giuditta ho sorriso perché ho visto lei, la tipa di cui vi racconto. Perciò se volete sapere di chi parlo cercate una foto di quel quadro. E se riuscite a immaginare la ragazza del quadro con i capelli spararti in alto alla new wave, con il trucco pesante alla Siouxie e la maglietta dei Joy Division capite subito di chi sto parlando e l'avete sicuramente già vista in giro allo Slego o all' Isola Che Non C'è. Lo sguardo è lo stesso, quegli occhi a metà, le sopracciglia sollevate e con quella bocca cattiva e con quella faccia da cazzo che sembra che le dai fastidio solo per il fatto di esistere.
Che poi io questo Klimt non sapevo nemmeno chi fosse. Io andavo in libreria perché amo la fantascienza, anche se nelle librerie la fantascienza è un po' trascurata, insomma roba da poco che la mettono sempre laggiù nascosta vicino ai libri sugli U.F.O, su Atlantide, sui misteri delle piramidi e cazzate del genere, che mi incazzo anche perché la fantascienza con quelle cose non c'entra niente. Invece se vuoi trovare della buona fantascienza devi andare in quella rivendita di libri usati davanti al cinema Santagostino che lì hanno gli Urania, i Galaxy e altre riviste fuori dall'editoria ufficiale. Però alla Riminese c'è questo tipo che ci conosciamo un po' perché anche lui viene allo Slego e frequentiamo gli stessi giri. E allora delle volte parliamo di musica e di cose così, oltre che dei libri. Ma mi sto perdendo in chiacchiere mentre dovrei rimanere sulla storia che vi voglio raccontare.
Durante la settimana io e i miei amici andavamo a passare le serate il questo locale che poi è un circolo Arci e si chiama L'Isola Che Non C'è, ma siccome il nome è troppo lungo tutti lo chiamano, l'Isola. Ci vediamo stasera all'Isola, così dicono tutti. È un locale alternativo che piace a quelli che poi il sabato vanno allo Slego e perciò tutti gli strambi di Rimini sono lì dentro e anche i tossici della piazza Cavour sono tutti lì dentro. Una bella compagnia, niente da dire. I fighetti di Rimini che vanno in discoteca al Paradiso e frequentano pub alla moda dicono che l'Isola è un posto da sfigati e anche dello Slego dicono che è un posto da sfigati. Lo dicono perché non capiscono un cazzo.

-Vuoi che sia, tenere chiuso lo Slego perché questi devono andare a Bologna a vedere il concerto dei Talking Heads? Mi sembra una stronzata.
-Ma ieri hanno detto così su Radio San Marino.
-Vorrà dire che sabato andremo all'Aleph.
-Sarai contento te, che vuoi sempre andare all'Aleph.
-Vaffanculo. Dico solo che qualche volta... si potrebbe andare anche là... va bene lo Slego, ma cazzo...
-Il sabato allo Slego non si tocca. È semplice.
-Però, visto che questo sabato lo Slego è chiuso...
-Non è detto, da qui a sabato questi Talking Heads del cazzo potrebbero anche morire tutti.

Noi quattro avevamo creato una banda e ci chiamavamo The Goorkies. Avevamo trovato dei pantaloni a righe molto fighi che erano diventati la nostra divisa e quando uscivamo insieme ci mettevamo sempre quei pantaloni e così avevamo iniziato a farci conoscere. Cioè, a parte fare casino, non facevamo niente. Ogni tanto veniva la voglia di metterci a suonare, ma poi la cosa finiva lì e si finiva a fare i persi allo Slego, che per me era già abbastanza.
Anche Giuditta veniva all'Isola, ma solo verso la fine della settimana perché sta a Bologna che studia al Dams. Così mi aveva raccontato una sua amica e mi aveva anche detto che le stavamo sul cazzo, cioè che i Goorkies le stavano sul cazzo, che in gruppo eravamo anche passabili, ma c presi uno per uno non valevamo un cazzo. Così diceva Giuditta alle amiche e così mi aveva raccontato la tipa e poi mi ha detto che invece secondo lei siamo fighi e che Giuduitta è una stronza. Che poi quella volta che mi ha detto questo dopo siamo finiti a fari i baci sui divani dello Slego. Perciò io le ho creduto e me la sono legata al dito.
Quando Giuditta arrivava All'Isola era sempre assieme alle sue amiche e si vedeva lontano un miglio che comandava lei. Si mettevano sempre in un tavolo a giocare a carte e più di una volta lei mi a sorpreso mentre la guardavo dal mio tavolo. Sembrava che il mio sguardo le pesasse addosso e così voltava il capo verso di me, senza fretta. E poi mi guardava con quei occhi e quell'espressione del cazzo e reggeva il mio sguardo senza mai scomporsi. Poi tornava alle sue carte, diceva qualcosa che non riuscivo a sentire alle sue amiche e scoppiava a ridere.

-Allora come hai fatto l'altro sabato che lo Slego era chiuso?
-Cosa intendi...
-Non dirmi che sei rimasto a casa invece di andate al concerto dei Talking Heads?
-Alla fine siamo andati all'Aleph... Ma perché?
-Guarda che l'altra volta ti ho sentito all'Isola che ti disperavi perché lo Slego stava chiuso per il concerto...
-Non ero mica disperato... dicevo solo...
-Sì, sì. E invece di andare al concerto sei andato All'Aleph...
-Perché tu sei andata al concerto?
-Dio, quanto sei marginale e periferico. C'è il concerto dei Talking Heads a Bologna e tu mi vai all'Aleph. Sicuro che sono andata al concerto.

A me quel cazzo di marginale e periferico aveva dato fastidio da matti. E poi che cazzo intendeva con marginale e periferico, che non l'ho mica capito.
Quel sabato mi ero ubriacato per bene per essere al massimo della potenza e quando l'avevo vista andare verso il bar dello Slego l'avevo raggiunta. Insomma, che ci considerasse degli sfigati non l'avevo mica mandata giù e mi ero messo in testa di sedurla per dispetto. Non solo per ripicca perché era una grande figa ma perché mi piaceva da matti e ne ero anche innamorato cotto, ma questo lo tenevo per me che volevo fare il duro.
Fu facile, troppo facile e la cosa avrebbe dovuto insospettirmi. Ma lei mi era sembrata più ubriaca più di me e mi ero spiegato così il fatto che in quattro e quattr'otto l'avevo portata sui divani a fare i baci. E che le donne fingono di essere ubriache, dicevamo fra amici per ridere, fingono per coprire i loro loschi affari. E che non hanno gli enzimi per l'alcol. Bevono e non si ubriacano e così fanno finta. La cosa ci divertiva molto a raccontarla, ma secondo me era anche una cosa molto vera.
E così sono caduto nella sua ragnatela e le sono bastare due o tre settimane per staccarmi dai miei amici e dalla banda. E io imbarcato come uno scemo non me ne sono reso conto. Mi trovai invischiato in assurde trasferte a Bologna per stare dietro a lei e ai suoi giri del cazzo del Dams. Che non era il mio ambiente e mi muovevo male e lei sembrava provare gusto a farmi fare delle figure di merda. Dio, come mi facevano male le sue risate quando sbagliavo la pronuncia di qualche parola in Inglese o non sapevo la differenza tra lo stile Liberty e il Decò. E anche quando mi portava a vedere gli spettacoli della Societas Raffaello Sanzio che sembrava si trascinasse dietro il fratello scemo. Lei mi pigliava per il culo e io facevo finta di niente che se ci penso adesso mi spaccherei la testa contro il muro. Ma è tutta colpa mia, che dovevo sottrarmi a questo suo gioco, a quello che era, adesso ne sono sicuro, un suo preciso piano per demolirmi.

E così un giorno mi ha liquidato con una telefonata, che le andavo stretto; che lei è una donna sofisticata e complicata; che io sono stato una delusione: un sempliciotto marginale e periferico; che tanto valeva che tornassi da quei deficienti dei miei amici. Ecco cosa mi ha detto.
Solo che i miei amici non ci sono più. Cioè ci sono, eccome se ci sono. È che io oramai sono stato tagliato fuori. Mi hanno detto che hanno conosciuto un tipo che suona il basso e sa anche cantare e che hanno messo su un gruppo. Poi mi hanno detto che Garattoni, il d.j. Dello Slego che è anche un grafico e cura l'immagine del locale, gli ha fatto il logo del gruppo dei Goorkies che è una figata e che adesso suoneranno anche allo Slego.
Per finire sono anche venuti a chiedermi i pantaloni per il bassista che dei pantaloni così non si trovano più. E io glieli ho anche dati anche se so benissimo che non torneranno più indietro.
È andata così, continuo a ripetermi.

Teoricamente, adesso che ho buttato fuori tutta la storia, che l'ho scritta, mi dovrei sentire meglio, ma non mi sento meglio neanche per il cazzo. Sono qui davanti allo specchio totalmente distrutto. Distrutto io, non lo specchio. Non riesco a capire come sia potuto succedere tutto questo e come sia potuto cadere così facilmente nelle mani di Giuditta.
Mi sento la faccia scottare e ronzare come se fossi sotto l'effetto di un potente anestetico del dentista. Mi sento la testa staccata dal corpo e l'unica cosa che provo è solo un gran disprezzo verso me stesso.
Ultima modifica di Macrelli Piero il 20/03/2022, 23:12, modificato 1 volta in totale.
Macrelli Piero
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 189
Iscritto il: 24/02/2020, 15:22

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Macrelli Piero »

Eccomi di nuovo a voi. Chi ha avuto la pazienza di leggere i miei precedenti lavori si sarà accorto che molti trovano collocazione nella scena underground riminese anni '80. Questo può essere un limite, ma per me è un buon laboratorio dove sperimentare e evolvere la mia scrittura. Anni '80 come un "Vetrino di Petri" dove fare crescere le mie culture letterarie.
L'epigramma è tratto dal titolo di una delle canzoni più famose e strazianti dei Joy Division.
Allegati
fet.jpg
fet.jpg (14.88 KiB) Visto 562 volte
Gustav_Klimt_039.jpg
Gustav_Klimt_039.jpg (21.58 KiB) Visto 562 volte
fet.jpg
fet.jpg (14.88 KiB) Visto 562 volte
Egidio
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 106
Iscritto il: 14/04/2021, 6:05

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Egidio »

Riguardo alle virgole, anche a me sembrava di averne messe troppe! So che, in certi casi, sono facoltative, ma non bisogna esagerare: se la frase è scorrevole si possono omettere. Proverò a revisionare il racconto. Mi spiace che, quest'ultimo ti sia piaciuto solo parzialmente. Forse è perché prediligi tutt'altro genere. Tu, infatti, scrivi usando il linguaggio proprio della tua generazione. Nel fare questo, riesci bene.
Andr60
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 316
Iscritto il: 15/11/2019, 15:45

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Andr60 »

Mi è piaciuto molto il modo di raccontare adeguato al personaggio. La storia ricorda il rapporto vittima/carnefice de L'Angelo Azzurro, almeno al "marginale e periferico" è stato risparmiato il chicchirichì e il suo livello di esasperazione non è sfociato in omicidio.
Voto 4
RobertoBecattini
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 87
Iscritto il: 25/11/2018, 0:46

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da RobertoBecattini »

Mi è piaciuto perché hai saputo ricreare un vissuto col linguaggio del protagonista, e c'è una storia con un finale amarognolo. È assolutamente da fare una revisione del testo, ci sono errori che non sono legati al flusso di pensieri un po' sgrammaticato dell'io narrante. la digressione sulla fantascienza non c'entra molto col racconto, lo ammette lui stesso. Invece funzionano le annotazioni sull'epoca (anni 80), perché pure io ricordo che in quegli anni non veniva dato molto peso al genere nelle librerie, mentre adesso… prova a lavorare più su queste osservazioni (non scontate) che riportano le differenze con l'attualità. Ma è un bel 4.
RobediKarta
Athosg
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 54
Iscritto il: 17/12/2016, 13:41

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Athosg »

Racconti come questo fanno riaffiorare i ricordi dei mitici anni '80. Leggendolo ho rivissuto le alchimie di quei tempi, dove la musica non era dominata dal sistema ma lasciava spazio anche a chi sapeva poco suonare (Sex Pistols) ma aveva energia e rabbia da vendere. Ti ricorderai sempre di Giuditta e custodirai con affetto quella storia, perché era figlia di un tempo particolare. Per ultimo i Joy Division, grandissimi ed eterni. Per tutti quelli che leggeranno il tuo racconto, se non li conoscete, provate ad ascoltare i Joy Division, canzoni come Decades, New Dawn Fades o The Eternal, o tante altre che conosco a memoria, ma di cui non ricordo il titolo.
Ascoltateli, e poi uscite a prendere una boccata d’aria, come farò io, adesso. Il mondo vi sembrerà un posto migliore.
Laura Traverso
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 682
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

Racconto scritto correttamente, direi. Però, per me, contiene troppo turpiloquio. La storia non mi ha molto entusiasmato, anzi. Ma ho apprezzato certamente l'impegno dell'autore che con questo racconto ha voluto percorrere un'epoca ormai remota, e che ricalca un po' i precedenti suoi scritti. Ecco, se posso permettermi un consiglio, gli direi di cambiare un poco il tema di ciò che scrive. Ma è una mia opinione, ovviamente. Se all'autore piace così...ok!
Macrelli Piero
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 189
Iscritto il: 24/02/2020, 15:22

Author's data

Re: Giuditta

Messaggio da leggere da Macrelli Piero »

Di solito non replicò ai commenti perché sono sempre tutti utili e legittimi, ma ci rifletto per migliorare e imparare e questo modello di gare letterarie è il migliore che ho trovato. E non è importante chi vince.
Sulla scena underground riminese anni '80 ho una quindicina di racconti e mi piacerebbe farne una raccolta. Sulla pagina facebook dello Slego e sul mio profilo (su f. B. Sono Paolo Nessuno) sono riportati tutti anche quelli che non ho mai messo in gara.
Sono quasi sessantenne e se voglio parlare di ventenni non posso non rivolgermi agli anni '80. Se ambientarsi le mie storie adesso passerei subito da boomer ignorante.
Il turpiloquio è inevitabile; non usarlo sarebbe falso e tristemente politicamente corretto.
Quindi sui dialoghi sono abbastanza convinto che un
personaggio non avrebbe mai detto: " È un uomo di colore antipatico" ma avrebbe detto: "È un negro del cazzo".
Sulla voce narrante (Quindi non in terza persona distaccata e onnipotente che deve possedere la lingua e la grammatica perfette) parla in prima persona ed è fortemente coinvolta nella storia ed è sodale con gli altri personaggi che non frequentano il liceo classico e la buona società.
In alcune gare ho messo racconti molto più edulcorati.
Ciao.
Temistocle
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 148
Iscritto il: 03/07/2021, 8:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Temistocle »

C'è una scrittura che trascina e fa seguire il filo dei pensieri, attraverso un linguaggio tipico di quegli anni (ma non solo). Da ultra sessantenne quale sono, rivedo e risento situazioni dell'epoca. Quello che non cambia, invece, è il rapporto uomo - donna, e viceversa, quando c'è uno cotto e l'altro con la puzza soto il naso. A differenza di qualcuno qui sopra, ho apprezzato il riferimento alla fantascienza, non tanto perché c'entrasse direttamente con la storia (anche perché mi pare che questa sia minimalista e solo funzionale al voler descrivere un momento della grande e piccola storia del mondo), ma perché bisogna dire basta al luogo comune che ogni cosa fuori dal quotidiano è riconducibile alla fantascienza! Quanto al racconto in sé, una volta sistemati alcuni errorini, penso, di battitura ("bastare" invece di "bastate",...) è godibile. Un bel 4 ci sta tutto!
ElianaF
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 136
Iscritto il: 21/12/2019, 19:35

Author's data

Commento: Giuditta

Messaggio da leggere da ElianaF »

Il racconto mi è piaciuto, il ritmo è più serrato all'inizio e poi qui e là si perde. Avrei desiderato che fosse più dettagliato il rapporto con Giuditta, invece dal "Fu facile..." a "E cos' mi ha liquidato" il pezzo è molto breve, peccato.
Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 778
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

ottimo spaccato della società anni 80 che ricordo benissimo pure io.
la scrittura è buona e il ritmo abbastanza scorrevole, si legge con piacere.
è vero che ci sono espressioni al limite, ma quello era il linguaggio dell'ambiente in cui si svolge la storia, difficilmente esprimersi in maniera diversa. oltretutto non ci sono volgarità, quindi va bene così.
l'unica cosa che mi lascia perplesso è la figura che ci fa il protagonista, non me lo aspettavo.
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Macrelli Piero
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 189
Iscritto il: 24/02/2020, 15:22

Author's data

Re: Giuditta

Messaggio da leggere da Macrelli Piero »

Il fatto che non ti aspettavi la fine del protagonista lo leggo come un complimento.
Grazie.
Anto58
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 43
Iscritto il: 07/03/2021, 18:21

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Anto58 »

Il pezzo è ritmico, interessante, veloce. Lo paragono allo stile
"beat generation" anche se collocato in epoca diversa. Non è il mio genere ma riconosco in buona scrittura e anche il flusso dei pensieri lo trovo ben contestualizzato. Bravo! Voto 4
Gabriele Pecci
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 158
Iscritto il: 09/01/2022, 10:19

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Gabriele Pecci »

Macro lo sai che sono di parte, sono di Rimini, e sono degli anni 80 purtroppo sul finIre. Non scenderò nell'analisi tecnica del racconto non stavolta almeno. Posso solo dire che spacca come forse spaccava davvero la Rimini e dintorni di quegli anni, l'ambiente, la gente, i personaggi, la cultura i club. Dovevo esserci, viverli sulla pelle di un ventenne per capirne davvero lo spirito ma come sempre profonda ammirazione. Voto di parte 5/5.
Avatar utente
Alberto Marcolli
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 158
Iscritto il: 08/05/2018, 18:06

Author's data

Commento : Giuditta

Messaggio da leggere da Alberto Marcolli »

Penso che il linguaggio voglia essere quello degli anni 80, ma non sono sicuro.
Segnalo i refusi così come sono affiorati dalla lettura (3 volte)
Anche le considerazioni seguono la stessa non regola. D'altronde il testo a questo mi porta. Per la punteggiatura ognuno ha il suo stile e non vorrei peggiorare la situazione con le mie idee personali. Curare meglio il testo sarebbe auspicabile, prima di inviarlo, ma forse non serve, in fondo così è più autentico.

Per quanto riguarda me la colpa – metterei una virgola dopo me

avevo dato io quando quando ancora

Era un libro su Klimt --- trucco pesante alla Sioux -- maglietta dei Joy Division -- in giro allo Slego o all' Isola Che Non C'È --- questi riferimenti sono sicuramente azzeccati, ma non tutti sanno cosa sono e, in questo caso, dicono poco.

Per usare il tuo linguaggio, la parentesi sulla fantascienza, scusa, non ho capito a che ca… serve.

Sempre per usare il tuo linguaggio, è proprio un racconto del cazzo (15 volte), ma anche del che (82 volte)

In conclusione: racconto per riminesi autentici, non per i fighetti che vanno in discoteca al Paradiso e frequentano pub alla moda.

Giuduitta
con quei occhi e
a invece di andate
che le sono bastare due
che lei è una donna sofisticata --- forse meglio che lei era una donna sofisticata
Macrelli Piero
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 189
Iscritto il: 24/02/2020, 15:22

Author's data

Re: Giuditta

Messaggio da leggere da Macrelli Piero »

Non possiedo né l'esperienza né le capacità di una scrittura formale e controllata. Il flusso di coscienza è al momento l'unico modo che ho per produrre dei testi che raccontino qualche cosa.
Non dispero di riuscire un giorno a distillare il mio scrivere in un modello più formale.
Ma questo racconto aveva bisogno di questo linguaggio, dei 15 "cazzo" e degli 82 "che" (o almeno una cinquantina).
Le critiche sono sempre bene accette che poi ci penso e imparo a fare meglio.
Avatar utente
Alberto Marcolli
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 158
Iscritto il: 08/05/2018, 18:06

Author's data

Re: Giuditta

Messaggio da leggere da Alberto Marcolli »

Macrelli Piero ha scritto: 18/01/2022, 16:08 Non possiedo né l'esperienza né le capacità di una scrittura formale e controllata. Il flusso di coscienza è al momento l'unico modo che ho per produrre dei testi che raccontino qualche cosa.
Non dispero di riuscire un giorno a distillare il mio scrivere in un modello più formale.
Ma questo racconto aveva bisogno di questo linguaggio, dei 15 "cazzo" e degli 82 "che" (o almeno una cinquantina).
Le critiche sono sempre bene accette che poi ci penso e imparo a fare meglio.
Bravo e buona scrittura sempre.
Dopo tanti anni, ho sentito l'esigenza di partecipare ancora a queste gare e di commenti giusti quanto severi ne ricevo in abbondanza anch'io. Conta poco se uso il che con parsimonia e di cazzi poi non ce ne sono.
Avatar utente
Domenico Gigante
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 192
Iscritto il: 09/01/2022, 22:38
Località: Roma
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Domenico Gigante »

Beh! Il ritmo c'è, ma manca qualcosa a livello di costruzione della frase: dopo un po' lo leggevo senza capire il senso, come fossero le note di una canzone di cui non riuscivo più a capire il testo. Cmq mi ha divertito molto. Il continuo e ripetitivo girare intorno allo Slego del racconto, secondo me, gli dà carattere ed è una cifra stilistica che consente al tuo scritto di distinguersi da altri prodotti dello stesso genere che risultano un po' ripetitivi. La citazione di uno dei brani più belli del poeta Ian Curtis (r.i.p.) mi ha fatto venire una stretta al cuore: You cry out in your sleep / All my failings exposed. Dio, che dolore!
Vorrei essere il mare che si muove per rimanere se stesso e più di tanto non lo sposta il vento. Fragile ma tenace.
Avatar utente
Roberto Bonfanti
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 667
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

Un sacco di riferimenti, musicali, culturali, che mi riportano ai miei vent'anni (penso che io e te siamo praticamente coetanei), i Joy Division, i Talking Heads (in un caso hai lasciato una g), il teatro della Societas, Radio San Marino che ascoltavo quando andavo a Rimini…
Racconto che rende bene l'atmosfera dell'epoca, anche come linguaggio, inoltre è ben descritto il trauma che il protagonista subisce nelle grinfie della perfida "femme fatale".
Al volo ti segnalo un "quando" ripetuto due volte, un "ha" senza acca e una volta "Giuditta" scritto "Giuduitta", quando parli di Klimt penso che sarebbe meglio "sui suoi quadri", piuttosto che "su i suoi".
Mi è piaciuto.
Che ci vuole a scrivere un libro? Leggerlo è la fatica. (Gesualdo Bufalino)
https://chiacchieredistintivorb.blogspot.com/
Intervista su BraviAutori.it: https://www.braviautori.it/forum/viewto ... =76&t=5384
Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine
Mithril
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 72
Iscritto il: 21/02/2022, 1:04

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Mithril »

Bel racconto! La prima parte è molto immersiva e trascina nella storia, poi a mio avviso si perde un pochino quella compattezza. Mi aspettavo un colpo di scena più forte, avevo avuto l'impressione che si fosse lasciata sedurre con qualche secondo fine. Comunque molto buono
Stefano M.
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 44
Iscritto il: 14/09/2021, 23:48

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Stefano M. »

Parto subito dalla cosa che mi ha convinto meno del racconto, così mi levo subito il dente: ci sono un bel po’ di errori, refusi, ripetizioni e manca anche qualche concordanza fra i tempi verbali. Anche la punteggiatura è talvolta trascurata, generando qualche confusione. Ed è un peccato, perché lo slang è riproposto con cura e naturalezza (come se la gioventù dell’autore continuasse ancora…), rendendo vive anche le descrizioni di cose, situazioni e momenti che potrebbero altrimenti essere del tutto trascurabili, ma che invece si ripropongono vividi. Inutile andare a cercare una trama netta o un colpo di scena: il succo del racconto sta nel come, non nel cosa. Per questi due sentimenti contrastanti mi riservo di pensare un po’ alla valutazione.
Macrelli Piero
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 189
Iscritto il: 24/02/2020, 15:22

Author's data

Re: Giuditta

Messaggio da leggere da Macrelli Piero »

Purtroppo è vero: non riesco a lasciar decantare il testo il tempo necessario per una lucida revisione e lo pubblico così a caldo.
Però difendo la scelta di una voce narrante fortemente coinvolta nella narrazione, l'ossessiva ripetizione del termine "che". Mi sembra una scelta stilistica difendibile. Altro discorso se fosse scritto in terza persona. Come dico sempre revisionero' il testo...
Avatar utente
FraFree
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 386
Iscritto il: 08/09/2021, 19:21
Località: Bologna

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da FraFree »

Il linguaggio, come sorta di "parlato" senza filtri, in questo flusso di pensieri, ci sta bene ed è adeguato anche alla storia.
Il racconto andrebbe, però, rivisto nella forma, secondo me. Le frasi non sempre sono chiare e scorrevoli, la punteggiatura mi sembra un po' approssimativa, ci sono troppe ripetizioni (la parola cazzo è inflazionata) e ho notato pure degli errorini. Comunque, mi è piaciuto.
Ci sedemmo dalla parte del torto visto che tutti gli altri posti erano occupati. (B. Brecht)
Avatar utente
Marino Maiorino
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 488
Iscritto il: 15/10/2012, 0:01
Località: Barcellona
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Marino Maiorino »

L'insegnate del corso di scrittura creativa ha dato per scontate diverse cose, quindi non ha fatto alcune raccomandazioni ancora più basilari. Prima fra tutte: non affabulare il lettore (o almeno, che non capisca che cerchi di affabularlo).
Inciampi sull'ortografia come un correttore automatico, ma questo è il minimo.
Non è necessario ripetere "membro" fino allo sfinimento: abbiamo capito il tipo di protagonista nei primi paragrafi, quindi è pura vanità esporlo per tutto il racconto. Il dubbio è che Giuditta, se questo è il tipo di argomenti sciorinati durante la breve relazione, si sia presto stufata di tanto narcisismo.
La storia è pure "interessante", non per la sua novità, ma per la capacità di illustrarla, di aprire una finestra in questo mondo interiore, ma desolante: unico obiettivo la figa e non cogliere l'opportunità di crescere, culturalmente e come persona, perdendo l'occasione di fare (con la band, ad esempio). Il protagonista si ritrova a criticare gente che con vent'anni più di lui sta come lui sfogando il proprio vissuto in un corso di scrittura creativa.
Non sono gli avverbi: è la capacità di mettersi nei panni di chi legge.
«Amare, sia per il corpo che per l'anima, significa creare nella bellezza» - Diotima

Immagine
Immagine

ImmagineRacconti alla Luce della Luna

Sono su:
Immagine
Immagine
Macrelli Piero
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 189
Iscritto il: 24/02/2020, 15:22

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Macrelli Piero »

Autocommento. Mi ero ripromesso una revisione del testo qualora fossi rimasto nella decina dei pubblicabili. Temo sarò escluso ma pazienza. I commenti sono la cosa più importante per migliorarmi. Le mie voci narranti sono fortemente coinvolte e stremate e non credo che un italiano formale e corretto sia adatto. Se il protagonista ripete 80 volte "che" è perché non riesce a farne a meno. E dice anche "cazzo"e non membro.
Mi diverte notare che il commento precedente sostituisce cazzo con membro, ma quando si trova a parlare di figa la chiama figa e non vulva.
Con simpatia.
Avatar utente
Marino Maiorino
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 488
Iscritto il: 15/10/2012, 0:01
Località: Barcellona
Contatta:

Author's data

Re: Giuditta

Messaggio da leggere da Marino Maiorino »

Scusa Pie', è che a me mi piace di più! :D
No, davvero, del primo hai fatto fare indigestione. Poi, se credi che aiuti a farmi capire meglio, ti aggiungo pure io un bel "cazzo!" esclamativo.
Sempre con simpatia! :D
«Amare, sia per il corpo che per l'anima, significa creare nella bellezza» - Diotima

Immagine
Immagine

ImmagineRacconti alla Luce della Luna

Sono su:
Immagine
Immagine
Rispondi

Torna a “Gara d'inverno, 2021/2022”


Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 66 - Onirica

La Gara 66 - Onirica

(settembre/ottobre 2017, 30 pagine, 1,04 MB)

Autori partecipanti: Massimo Tivoli, Angela Catalini, Enrico Gallerati, Mastronxo, Roberta Michelini, Lodovico, Daniele Missiroli, Ilaria Rucco, Patrizia Chini, Nunzio Campanelli, Fabrizio Bonati, Ida Dainese, Michele,
A cura di Ser Stefano.
Scarica questo testo in formato PDF (1,04 MB) - scaricato 89 volte.
oppure in formato EPUB (1,52 MB) (vedi anteprima) - scaricato 94 volte..
Lascia un commento.

La Gara 67 - Cavalieri di ieri, di oggi e di domani

La Gara 67 - Cavalieri di ieri, di oggi e di domani

(novembre 2017, 30 pagine, 736,36 KB)

Autori partecipanti: Nunzio Campanelli, Alberto Tivoli, Daniele Missiroli, Lodovico, Massimo Tivoli, Conrad, Carlocelenza, Patrizia Chini,
A cura di Ida Dainese.
Scarica questo testo in formato PDF (736,36 KB) - scaricato 95 volte.
oppure in formato EPUB (907,03 KB) (vedi anteprima) - scaricato 95 volte..
Lascia un commento.

Calendario BraviAutori.it 2012 - (a colori)

Calendario BraviAutori.it 2012 - (a colori)

(edizione 2012, 6,33 MB)

Autori partecipanti: Marina, Paul Olden, Maurizio Vicedomini, Lady Rugiada, Andrea Leonelli, Angela Di Salvo, Celeste Borrelli, yami iume, Recenso, Simone Guidi, Mariadele, Tullio Aragona,
A cura di Tullio Aragona.
Scarica questo testo in formato PDF (6,33 MB) - scaricato 451 volte..
Lascia un commento.





Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Bagliori Cosmici

Bagliori Cosmici

la Poesia nella Fantascienza

Il sonetto "Aspettativa" di H. P. Lovecraft è stato il faro che ha guidato decine di autori nella composizioni delle loro poesie fantascientifiche pubblicate in questo libro. Scoprirete che quel faro ha condotto i nostri poeti in molteplici luoghi; ognuno degli autori ha infatti accettato e interpretato quel punto fermo tracciando la propria rotta verso confini inimmaginabili.
A cura di Alessandro Napolitano e Massimo Baglione.

Contiene opere di: Sandro Battisti, Meth Sambiase, Antonella Taravella, Tullio Aragona, Serena M. Barbacetto, Francesco Bellia, Gabriele Beltrame, Mara Bomben, Luigi Brasili, Antonio Ciervo, Iunio Marcello Clementi, Diego Cocco, Vittorio Cotronei, Lorenzo Crescentini, Lorenzo Davia, Angela Di Salvo, Bruno Elpis, Carla de Falco, Claudio Fallani, Marco Ferrari, Antonella Jacoli, Maurizio Landini, Andrea Leonelli, Paolo Leoni, Lia Lo Bue, Sandra Ludovici, Matteo Mancini, Domenico Mastrapasqua, Roberto Monti, Daniele Moretti, Tamara Muresu, Alessandro Napolitano, Alex Panigada, Umberto Pasqui, Simone Pelatti, Alessandro Pedretta, Mattia Nicolò Scavo, Ser Stefano, Marco Signorelli, Salvatore Stefanelli, Alex Tonelli, Francesco Omar Zamboni.
Vedi ANTEPRIMA (2,55 MB scaricato 357 volte).
info e commenti compralo su   amazon


Il Bestiario del terzo millennio

Il Bestiario del terzo millennio

raccolta di creature inventate

Direttamente dal medioevo contemporaneo, una raccolta di creature inventate, descritte e narrate da venti autori. Una bestia originale e inedita per ogni lettera dell'alfabeto, per un bestiario del terzo millennio. In questa antologia si scoprono cose bizzarre, cose del tutto nuove che meritano un'attenta e seria lettura.
Ideato e curato da Umberto Pasqui.
illustrazioni di Marco Casadei.

Contiene opere di: Bruno Elpis, Edoardo Greppi, Lucia Manna, Concita Imperatrice, Angelo Manarola, Roberto Paradiso, Luisa Gasbarri, Sandra Ludovici, Yara Źagar, Lodovico Ferrari, Ser Stefano, Nunzio Campanelli, Desirìe Ferrarese, Maria Lipartiti, Francesco Paolo Catanzaro, Federica Ribis, Antonella Pighin, Carlotta Invrea, Patrizia Benetti, Cristina Cornelio, Sonia Piras, Umberto Pasqui.
Vedi ANTEPRIMA (2,15 MB scaricato 353 volte).
info e commenti compralo su   amazon


L'anno della Luce

L'anno della Luce

antologia ispirata all'Anno della Luce proclamato dall'ONU

Il 2015 è stato proclamato dall'Assemblea generale dell'Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU) Anno internazionale della luce e delle tecnologie basate sulla luce. Obiettivo dell'iniziativa adottata dall'ONU è promuovere la consapevolezza civile e politica del ruolo centrale svolto dalla luce nel mondo moderno. Noi di BraviAutori.it abbiamo pensato di abbracciare questa importante iniziativa proponendo agli autori di scrivere, disegnare o fotografare il loro personale legame con la luce, estendendo però la parola "luce" a tutti i suoi sinonimi, significati e scenari.
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Alessandro Carnier, Amelia Baldaro, Andrea Teodorani, Angelo Manarola, Anna Barzaghi, Annamaria Vernuccio, Anna Rita Foschini, Antonella Cavallo, Camilla Pugno, Cinzia Colantoni, Claudia Cuomo, Daniela Rossi, Daniela Zampolli, Domenico Ciccarelli, Dora Addeo, Elena Foddai, Emilia Cinzia Perri, Enrico Arlandini, Enrico Teodorani, Francesca Paolucci, Francesca Santucci, Furio Detti, Gilbert Paraschiva, Giorgio Billone, Greta Fantini, Ianni Liliana, Imma D'Aniello, Lucia Amorosi, Maria Rosaria Spirito, Maria Spanu, Marina Den Lille Havfrue, Marina Paolucci, Massimo Baglione, Mauro Cancian, Raffaella Ferrari, Rosanna Fontana, Salvatore Musmeci, Sandra Ludovici, Simone Pasini, Sonia Tortora, Sonja Radaelli, Stefania Fiorin, Umberto Pasqui.
Vedi ANTEPRIMA (1,65 MB scaricato 214 volte).
info e commenti compralo su   amazon