Come una favola

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'inverno 2021/2022.

Votazione

Sondaggio concluso il 23/03/2022, 0:00

1 - non mi piace affatto
0
Nessun voto
2 - mi piace pochino
2
11%
3 - si lascia leggere
11
58%
4 - è bello
5
26%
5 - mi piace tantissimo
1
5%
 
Voti totali: 19

ElianaF
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 136
Iscritto il: 21/12/2019, 19:35

Author's data

Come una favola

Messaggio da leggere da ElianaF »

leggi documento Spiacente ma, in questo browser, la lettura a voce non funziona.

Se è vero che le fate nascono dalle risa dei bambini, già da molto piccola Anna aveva contribuito a popolare il mondo di magia. La sua risata cristallina si sbriciolava in migliaia di frammenti che si sparpagliavano tra le mura di casa, con un suono irresistibile che metteva il buonumore.
Occhi vispi, intelligenza vivace, procedeva nella vita guidata dalla sua curiosità. A 10 anni, alla testa di un gruppo di coetanei partiva per avventure nei campi vicino a casa, per tornare la sera impolverata e piena di graffi; poi, alla sera dopo il bagno, amava correre per casa senza vestiti addosso, saltando sul letto fino a sfinirsi.
Rivedendo le foto della sua infanzia nel letto d’ospedale, Anna non si capacitava di un destino così crudele. Perché era sopravvissuta all’impatto? Sarebbe stato meglio scomparire nel nulla, piuttosto che soffrire in quel modo, e vedere lo sguardo affranto dei suoi genitori, sentire le parole di incoraggiamento degli amici, che appena usciti dall’ospedale avrebbero ripreso la loro vita di sempre, dimentichi del suo dolore.
Per lei non c’era futuro, allora perché vivere? L’incidente in moto non era avvenuto per colpa sua, un'auto proveniente dal senso opposto di marcia aveva invaso la corsia durante un sorpasso, colpendola. Forse quella sera poteva rientrare prima o accettare il passaggio in auto che Marco le aveva proposto.
Una marea di forse ed un presente a 16 anni con un arto mancante. Le gravissime lesioni non avevano lasciato scelta ai medici: se la sentiva ancora la gamba sinistra, la pianta del piede mancante le prudeva in modo irresistibile. Odiava le stampelle, quando aveva provato a muovere i primi passi, era stata assalita da una rabbia incontenibile, aveva urlato lanciandole lontano mentre le lacrime le scendevano lungo il mento.
Inaspettatamente, una sera di fine estate avvertì una nuova sensazione: era bello essere ancora viva! Saranno stati il profumo dei fiori o le luci del tramonto, ma qualcosa in lei cedette e in quel momento decise che la sua vita era speciale e doveva essere vissuta intensamente.
Se l’amputazione era un urlo costante contro la crudeltà della vita, la protesi era la prova che combattere era possibile. Non solo camminare, lei voleva correre, e correre veloce come prima dell’incidente.
Ne parlò con i medici che la stavano curando: dapprima scettici, diventarono via via più ottimisti davanti alla sua rapida ripresa.
Qualcuno le parlò di Lorenzo, un coach adatto per lei. Il loro primo incontro fu impacciato: lui spaventato dalla nuova esperienza, lei desiderosa al massimo di piacergli. La prova con le diverse protesi fu uno scoglio difficile da superare, il dolore al moncone era insopportabile: fu in quel momento che Lorenzo accettò di seguirla, riconoscendo in lei una persona con la giusta grinta per raggiungere gli obiettivi.
La routine quotidiana di Anna era fatta di farmaci, fisioterapia e sport. La sua prima gara di corsa fu un sabato mattina nel cortile dell’ospedale, dove sfidò suo fratello e un’infermiera: non fu un successo, inciampò dopo qualche metro, ma seppe rialzarsi e terminare il giro mentre una piccola folla l’applaudiva.
Rientrata a casa decise di sfidare i limiti: terminare la scuola e diventare una vera atleta. Il suo istruttore le insegnò la tecnica, l’allenamento e la concentrazione e lei si impegnò a fondo. Sentiva che con l’allenamento il suo umore migliorava, stava crescendo: non poteva tornare a com’era prima dell’incidente, poteva solo essere diversa, anche migliore.
Trascorso un anno si trovò a gareggiare in un vero impianto di atletica e poi, ambiziosa e solare, riuscì a qualificarsi, vincita dopo vincita. I lunghi capelli raccolti, lo smalto colorato e un lieve trucco: le immagini sui giornali locali ritraevano il suo sorriso mentre stringeva la coppa o mostrava la medaglia appena vinta. Alle vittorie si alternarono gare disastrose che le insegnarono ad essere perseverante nei suoi sforzi.
- "Ho capito che dovevo impegnarmi di più e concentrarmi, come continuava a ripetere il mio allenatore”, dichiarò mesi dopo in un’intervista, con a fianco il suo coach Lorenzo che annuiva sorridendo.
Al primo raduno della Nazionale Italiana era felice, pronta a mettercela tutta, come le altre atlete con cui si confrontava. Mancava poco alle Paralimpiadi: ce la poteva fare!
- “Dai Anna, vai, vai! - le urlavano dagli spalti, e lei con tenacia accumulava trofei che l’avrebbero portata a gareggiare ai massimi livelli.
Nonostante tanta dedizione e sacrificio non mancarono i momenti di sfiducia e di delusione cocente: la fatica era insopportabile, le ulcere al moncone la tormentavano, l’impegno fisico e mentale richiesti la schiacciavano, ma il sostegno e la vicinanza delle persone e l’affetto dei genitori le testimoniavano che le sue non erano solo illusioni. Lei era forte, forte, forte!
L’emozione la travolse nel leggere la mail ufficiale del Comitato Paralimpico: si complimentavano con lei per i suoi risultati e la convocavano a partecipare ai Giochi.
Furono le amiche ad accompagnarla all’aeroporto: strillando di gioia si sbracciarono per salutarla fino a che non si imbarcò diretta oltreoceano per affrontare le più famose atlete a livello mondiale.
Era ancora molto giovane e si impegnò con tutta sé stessa nelle eliminatorie.
- “Corri, Anna, corri!”, il grido della folla la accompagnò durante tutte le sue prove nell’arena.
Contrariamente ai pronostici, si ritrovò a superare molte concorrenti: non sperava in un podio, ma si trovò ad affrontare la gara più importante.
Era la finale, volava leggera sulla pista, non esistevano più una gamba sana e una amputata, lei prendeva velocità con tutto il corpo, respirava e diventava aria proiettata verso la meta.
Arrivata al traguardo si lasciò cadere, sfinita: alzando gli occhi incredula lesse il suo nome sul tabellone, era il primo! Scoppiò a ridere, e la risata la portò alle lacrime, e le lacrime trascinarono altre lacrime. Rideva e piangeva ancora quando Lorenzo andò ad abbracciarla, la sua gioia coinvolse il pubblico nello stadio e venne ripresa sugli schermi di tutto il mondo quando sul podio le infilarono al collo la medaglia d’oro. Era piena di orgoglio, il suo cuore esultava: neanche ventenne, con la sua tenacia aveva trasformato la dura realtà in una favola a lieto fine.


Racconto dedicato ad Ambra Sabatini, a cui va tutta la mia ammirazione.
RobertoBecattini
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 87
Iscritto il: 25/11/2018, 0:46

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da RobertoBecattini »

Sarà anche inevitabilmente convenzionale e buonista, però l'hai scritto bene. Non importa quanto sia prevedibile in questi casi. Hai saputo rendere bene e senza lungaggini una storia di riscatto, e tanto basta.
RobediKarta
ElianaF
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 136
Iscritto il: 21/12/2019, 19:35

Author's data

Re: Come una favola

Messaggio da leggere da ElianaF »

grazie Roberto!
Egidio
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 106
Iscritto il: 14/04/2021, 6:05

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Egidio »

Hai scritto con buona tecnica, non sempre supportata da un'equivalente partecipazione emotiva. Il ritmo narrativo è a volte un po' fiacco. I sentimenti si esprimono meglio senza ridondanze di parole. La mia è comunque un'opinione: non sono un critico professionista.
Avatar utente
Alberto Marcolli
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 158
Iscritto il: 08/05/2018, 18:06

Author's data

Commento Come una favola

Messaggio da leggere da Alberto Marcolli »

forse ed un presente --- meglio… forse e un presente
presente a 16 anni con un arto --- meglio… sedici anni
insegnarono ad essere --- meglio… insegnarono a essere

Non è un racconto di narrativa classica ma piuttosto una cronaca giornalistica, ben scritta e con il giusto ritmo. Il lieto fine è nell'aria fin dall'inizio, ma non guasta, anzi. Un po' di sano ottimismo è necessario in questi tempi tribolati, non trovi?
Francesco Pino
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 356
Iscritto il: 09/05/2020, 17:55

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Francesco Pino »

Come è stato già scritto è più cronaca che racconto. Ho avuto l'impressione che tutto scorra un po' troppo velocemente, forse bisognava allungare il brodo in qualche maniera. Comunque non è scritto per niente male ed è una storia che non dispiace leggere.
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine
utore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine
ElianaF
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 136
Iscritto il: 21/12/2019, 19:35

Author's data

Re: Come una favola

Messaggio da leggere da ElianaF »

Grazie Francesco, Alberto, Egidio per i commenti!
Laura Traverso
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 682
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

Racconto piacevole, incoraggiante e scritto bene. Sì, forse come ha detto qualcuno assomiglia un poco ad una cronaca. Comunque, la storia, nella sua drammaticità è a lieto fine e fa bene al cuore. Esempi del genere, rappresentati nelle gare paralimpiadi ce ne sono molti. Sono esseri superiori, straordinari e fantastici.
Giovanni p
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 116
Iscritto il: 13/10/2021, 17:38

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Giovanni p »

Il racconto, in alcuni tratti, poteva essere scritto decisamente meglio. Però non ci posso fare nulla mi piace. Ci sono dentro tante emozioni che secondo me in un racconto di così poche parole lo rendono bello. Io lo riproporrei dopo qualche piccola correzione. Per me il voto è 4.
ElianaF
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 136
Iscritto il: 21/12/2019, 19:35

Author's data

Re: Come una favola

Messaggio da leggere da ElianaF »

Grazie Laura e Giovanni per i commenti!
Andr60
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 316
Iscritto il: 15/11/2019, 15:45

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Andr60 »

Una storia che si legge come una favola, anche se sappiamo che alcune favole, per fortuna, si realizzano davvero. E che sia di buon augurio per tutti, per un anno migliore di quello appena trascorso.
Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 778
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

la cronaca di un riscatto personale, questo ho letto, magari nei confronti del destino che ha dato un indirizzo particolare alla vita.
e una storia di perseveranza e fiducia in se stessi.
non è scritto benissimo, molte frasi potrebbero venire migliorate e acquisterebbero parecchio, però il senso del racconto è bello e dona un po' di ottimismo, che non guasta mai.
lettura gradevole, comunque.
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Lucia De Falco
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 239
Iscritto il: 08/03/2020, 14:37

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Lucia De Falco »

Credo che questa storia possa essere un esempio, un incoraggiamento per molti a non arrendersi mai. Forse è anche ispirata ad alcuni atleti che, nonostante la disabilità, non si sono abbattuti, quindi, pur intitolandosi "Favola", ha qualcosa di realistico. Mi piace il ritmo incalzante del racconto.
ElianaF
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 136
Iscritto il: 21/12/2019, 19:35

Author's data

Re: Come una favola

Messaggio da leggere da ElianaF »

Grazie Lucia, Fausto, Andr60 per i commenti.
Namio Intile
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 464
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Namio Intile »

Mi è apparsa da subito una sorta di agiografia.
Gli italiani adorano le agiografie, sin dal Medioevo, e anche oggi, in questa moderna età di mezzo, la nostra televisione sembra non saper produrre e proporre altro, laiche o religiose che siano. Ovunque magnifici esempi di comportamento e abnegazione o d'inventiva e genialità. Un'agiografia, purtroppo la tua (e pertanto scontato il finale sin dalle prime battute), e non un'agiologia, che forse avrei più gradito.
Il nome del santo, d'altra parte, l'hai rivelato tu con un poscritto al racconto, da solo non ci sarei mai arrivato. Non hai voluto lasciare nulla all'immaginazione, o al caso: tratto da una storia vera, potresti aggiungere al finale.
Quanto alla forma, non ho appunti rilevanti da farti e non li faccio. Il testo è espresso in un buon italiano ed è corretto l'uso dei tempi verbali. Quindi brava.
Per lo stile hai optato la scarna, e fredda, cronaca giornalistica, priva di dialoghi, senza personaggi a parte la solitaria protagonista in grado di superare belluinamente, disvelati scoramento e dubbi, qualsivoglia difficoltà. Dando per scontata la compartecipazione emotiva forse perché sufficiente l'ectesìa dell'invalidità per convertire ogni scetticismo in una magnifica epiclesi. Le acclamazioni del pubblico festante nel finale accompagnano, come una involontaria ecolalia, le catartiche gesta della santa eroina.
Purtroppo nessuna soterìa fa capolino dall'analisi del racconto, né la cronaca è riuscita a elicitare un qualsiasi coinvolgimento.

A rileggerti
Anto58
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 43
Iscritto il: 07/03/2021, 18:21

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Anto58 »

Non mia pare una scarna cronaca giornalistica, la scrittura mi sembra invece coinvolgente e partecipata. Difficile non strizzare l'occhio al sentimentalismo in questi casi, ma il racconto è scritto bene e con proprietà di linguaggio, e non è poco! Voto 3
ElianaF
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 136
Iscritto il: 21/12/2019, 19:35

Author's data

Re: Come una favola

Messaggio da leggere da ElianaF »

Grazie Anto58 per il commento. Namio, dopo la lettura della tua analisi multiparametrica ed una pausa di sacro silenzio, ti prego di gradire i miei ringraziamenti.
Avatar utente
Marino Maiorino
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 488
Iscritto il: 15/10/2012, 0:01
Località: Barcellona
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Marino Maiorino »

Nulla da dire, scritto davvero bene!
Mi è mancata un po' l'introspezione, mi hai fatto vivere la cronaca più che degli stati emozionali, ma è questione di "pesi" piuttosto che di contenuti, quindi una valutazione molto soggettiva. Brava!
Ultima modifica di Marino Maiorino il 21/01/2022, 18:06, modificato 1 volta in totale.
«Amare, sia per il corpo che per l'anima, significa creare nella bellezza» - Diotima

Immagine
Immagine

ImmagineRacconti alla Luce della Luna

Sono su:
Immagine
Immagine
Stefano M.
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 44
Iscritto il: 14/09/2021, 23:48

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Stefano M. »

Il titolo centra in pieno il discorso, una vera e propria favola moderna. Avete presente sfide, il programma in onda su RaiTre? Mi pare di vederne una puntata, leggendo il tuo scritto. C’è solo un piccolo particolare, abbastanza trascurabile: Sfide è un documentario. Se ti fossi focalizzata su qualche momento saliente della vicenda (ma c’è tutto il tempo per farlo…) il risultato sarebbe stato ancora migliore. Apprezzo, per un racconto breve, la linearità nella narrazione (altrimenti si spiazza il lettore…) e qui c’è tutta, unita peraltro ad una buona padronanza della lingua e termini dosati sempre con il bilancino. Nel complesso un bel lavoro, aggiungendo un po’ di calore migliorerebbe ancora, ma già ora soddisfa.
ElianaF
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 136
Iscritto il: 21/12/2019, 19:35

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da ElianaF »

Marino Maiorino ha scritto: 10/01/2022, 18:15 Nulla da dire, scritto davvero bene!
Mi è mancata un po' l'introspezione, ho vissuto più la cronaca, ma è questione di "pesi" piuttosto che di contenuti, quindi una valutazione molto soggettiva. Brava!
grazie Marino, sono contenta che il racconto ti sia piaciuto. Forse non ti sei accorto ma hai scritto un commento con meno di 200 battute, così il tuo voto non è valido....potresti per favore riscriverlo?
ElianaF
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 136
Iscritto il: 21/12/2019, 19:35

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da ElianaF »

Andr60 ha scritto: 01/01/2022, 21:07 Una storia che si legge come una favola, anche se sappiamo che alcune favole, per fortuna, si realizzano davvero. E che sia di buon augurio per tutti, per un anno migliore di quello appena trascorso.
grazie Andr60, sono contenta che il racconto ti sia piaciuto. Forse non ti sei accorto ma hai scritto un commento con meno di 200 battute, così il tuo voto non è valido....potresti per favore riscriverlo?
Avatar utente
Marino Maiorino
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 488
Iscritto il: 15/10/2012, 0:01
Località: Barcellona
Contatta:

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Marino Maiorino »

ElianaF ha scritto: 21/01/2022, 17:44 grazie Marino, sono contenta che il racconto ti sia piaciuto. Forse non ti sei accorto ma hai scritto un commento con meno di 200 battute, così il tuo voto non è valido....potresti per favore riscriverlo?
Ahia, cavolo, non avevo fatto caso a questo meccanismo, che ora mi fa riconsiderare alcune cose scritte in passato!
Mi spiego: se c'è qualcosa che mi piace così com'è, perché dovrei dilungarmi più di tanto?
Grazie per avermi fatto suonare l'allarme, corro subito ai ripari!
E quante scuse dovrò!!!
«Amare, sia per il corpo che per l'anima, significa creare nella bellezza» - Diotima

Immagine
Immagine

ImmagineRacconti alla Luce della Luna

Sono su:
Immagine
Immagine
ElianaF
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 136
Iscritto il: 21/12/2019, 19:35

Author's data

Re: Come una favola

Messaggio da leggere da ElianaF »

Grazie mille Marino per il nuovo commento e grazie Stefano per l’analisi è gli spunti.
Mark B
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 7
Iscritto il: 22/12/2020, 23:35

Author's data

Re: Come una favola

Messaggio da leggere da Mark B »

Buonasera Eliana, avevo letto e votato, poi un impegno improvviso non mi ha permesso di scrivere il commento. Mi piace anche perché amo le storie brevi. Come ha già detto qualcuno, forse è più una cronaca ma poco importa. Potrebbe essere la storia di tutti questi atleti che da sempre hanno la mia ammirazione per la loro tenacia e la loro voglia di rivalsa. Mi chiedo come facciano a volte, perché io mi sento che sprofonderei nella depressione. Riprendere in mano la propria vita non è semplice, soprattutto quando succedono cose brutte come questa che hai descritto bene a mio avviso. Un lieto fine non guasta mai. Un saluto
Avatar utente
Domenico Gigante
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 192
Iscritto il: 09/01/2022, 22:38
Località: Roma
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Domenico Gigante »

Cara Eliana, ti ringrazio per il tuo bel racconto. Ho dato come voto un "si lascia leggere", perché - come altri - l'ho trovato molto scorrevole nella lettura, ma un po' "giornalistico" e poco racconto. Forse un po' più di approfondimento psicologico non guastava. Mi ha molto colpito, invece, l'evidente familiarità che hai con le problematiche fisiche che causano le protesi e le difficoltà che incontra un paratleta. Mi incuriosisce sapere da cosa ti derivano. Qual è la tua storia.
Vorrei essere il mare che si muove per rimanere se stesso e più di tanto non lo sposta il vento. Fragile ma tenace.
ElianaF
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 136
Iscritto il: 21/12/2019, 19:35

Author's data

Re: Come una favola

Messaggio da leggere da ElianaF »

Grazie Mark per il commento, sono contenta che ti sia piaciuto il mio racconto.
ElianaF
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 136
Iscritto il: 21/12/2019, 19:35

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da ElianaF »

Domenico Gigante ha scritto: 26/01/2022, 14:38 Cara Eliana, ti ringrazio per il tuo bel racconto. Ho dato come voto un "si lascia leggere", perché - come altri - l'ho trovato molto scorrevole nella lettura, ma un po' "giornalistico" e poco racconto. Forse un po' più di approfondimento psicologico non guastava. Mi ha molto colpito, invece, l'evidente familiarità che hai con le problematiche fisiche che causano le protesi e le difficoltà che incontra un paratleta. Mi incuriosisce sapere da cosa ti derivano. Qual è la tua storia.
Grazie Domenico per il tuo commento, ho scelto volutamente un tono giornalistico, volevo raccontare i fatti in modo lineare come avviene nelle favole.
Non ho mai conosciuto un atleta paralimpico, diciamo che ho studiato per scrivere il racconto.
ElianaF
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 136
Iscritto il: 21/12/2019, 19:35

Author's data

Re: Come una favola

Messaggio da leggere da ElianaF »

Grazie Sandro per il tuo gentile e galante commento.
Avatar utente
Roberto Bonfanti
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 667
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

Non ho molto da aggiungere a quello che è già stato detto.
Bello il tema, una storia di riscatto e di volontà, il messaggio è forte, chiaro e condivisibile.
C’è poco racconto e molta buona prosa giornalistica.
Leggendo “Paralimpico” mi è venuta una curiosità: ricordo che un tempo si diceva “Paraolimpico” e “Paraolimpiadi”, così ho fatto una breve ricerca e ho scoperto che la forma attuale, la più diffusa e usata anche nelle comunicazioni ufficiali, deriva dall’inglese “Paralympic”; a mio avviso era meglio mantenere il termine originale, non intendo nel tuo racconto, ma in assoluto.
Che ci vuole a scrivere un libro? Leggerlo è la fatica. (Gesualdo Bufalino)
https://chiacchieredistintivorb.blogspot.com/
Intervista su BraviAutori.it: https://www.braviautori.it/forum/viewto ... =76&t=5384
Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine
ElianaF
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 136
Iscritto il: 21/12/2019, 19:35

Author's data

Re: Come una favola

Messaggio da leggere da ElianaF »

Grazie Roberto per il tuo commento.
Rispondi

Torna a “Gara d'inverno, 2021/2022”



Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Bagliori Cosmici

Bagliori Cosmici

la Poesia nella Fantascienza

Il sonetto "Aspettativa" di H. P. Lovecraft è stato il faro che ha guidato decine di autori nella composizioni delle loro poesie fantascientifiche pubblicate in questo libro. Scoprirete che quel faro ha condotto i nostri poeti in molteplici luoghi; ognuno degli autori ha infatti accettato e interpretato quel punto fermo tracciando la propria rotta verso confini inimmaginabili.
A cura di Alessandro Napolitano e Massimo Baglione.

Contiene opere di: Sandro Battisti, Meth Sambiase, Antonella Taravella, Tullio Aragona, Serena M. Barbacetto, Francesco Bellia, Gabriele Beltrame, Mara Bomben, Luigi Brasili, Antonio Ciervo, Iunio Marcello Clementi, Diego Cocco, Vittorio Cotronei, Lorenzo Crescentini, Lorenzo Davia, Angela Di Salvo, Bruno Elpis, Carla de Falco, Claudio Fallani, Marco Ferrari, Antonella Jacoli, Maurizio Landini, Andrea Leonelli, Paolo Leoni, Lia Lo Bue, Sandra Ludovici, Matteo Mancini, Domenico Mastrapasqua, Roberto Monti, Daniele Moretti, Tamara Muresu, Alessandro Napolitano, Alex Panigada, Umberto Pasqui, Simone Pelatti, Alessandro Pedretta, Mattia Nicolò Scavo, Ser Stefano, Marco Signorelli, Salvatore Stefanelli, Alex Tonelli, Francesco Omar Zamboni.
Vedi ANTEPRIMA (2,55 MB scaricato 357 volte).
info e commenti compralo su   amazon


Il Bestiario del terzo millennio

Il Bestiario del terzo millennio

raccolta di creature inventate

Direttamente dal medioevo contemporaneo, una raccolta di creature inventate, descritte e narrate da venti autori. Una bestia originale e inedita per ogni lettera dell'alfabeto, per un bestiario del terzo millennio. In questa antologia si scoprono cose bizzarre, cose del tutto nuove che meritano un'attenta e seria lettura.
Ideato e curato da Umberto Pasqui.
illustrazioni di Marco Casadei.

Contiene opere di: Bruno Elpis, Edoardo Greppi, Lucia Manna, Concita Imperatrice, Angelo Manarola, Roberto Paradiso, Luisa Gasbarri, Sandra Ludovici, Yara Źagar, Lodovico Ferrari, Ser Stefano, Nunzio Campanelli, Desirìe Ferrarese, Maria Lipartiti, Francesco Paolo Catanzaro, Federica Ribis, Antonella Pighin, Carlotta Invrea, Patrizia Benetti, Cristina Cornelio, Sonia Piras, Umberto Pasqui.
Vedi ANTEPRIMA (2,15 MB scaricato 353 volte).
info e commenti compralo su   amazon


L'anno della Luce

L'anno della Luce

antologia ispirata all'Anno della Luce proclamato dall'ONU

Il 2015 è stato proclamato dall'Assemblea generale dell'Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU) Anno internazionale della luce e delle tecnologie basate sulla luce. Obiettivo dell'iniziativa adottata dall'ONU è promuovere la consapevolezza civile e politica del ruolo centrale svolto dalla luce nel mondo moderno. Noi di BraviAutori.it abbiamo pensato di abbracciare questa importante iniziativa proponendo agli autori di scrivere, disegnare o fotografare il loro personale legame con la luce, estendendo però la parola "luce" a tutti i suoi sinonimi, significati e scenari.
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Alessandro Carnier, Amelia Baldaro, Andrea Teodorani, Angelo Manarola, Anna Barzaghi, Annamaria Vernuccio, Anna Rita Foschini, Antonella Cavallo, Camilla Pugno, Cinzia Colantoni, Claudia Cuomo, Daniela Rossi, Daniela Zampolli, Domenico Ciccarelli, Dora Addeo, Elena Foddai, Emilia Cinzia Perri, Enrico Arlandini, Enrico Teodorani, Francesca Paolucci, Francesca Santucci, Furio Detti, Gilbert Paraschiva, Giorgio Billone, Greta Fantini, Ianni Liliana, Imma D'Aniello, Lucia Amorosi, Maria Rosaria Spirito, Maria Spanu, Marina Den Lille Havfrue, Marina Paolucci, Massimo Baglione, Mauro Cancian, Raffaella Ferrari, Rosanna Fontana, Salvatore Musmeci, Sandra Ludovici, Simone Pasini, Sonia Tortora, Sonja Radaelli, Stefania Fiorin, Umberto Pasqui.
Vedi ANTEPRIMA (1,65 MB scaricato 214 volte).
info e commenti compralo su   amazon





Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 66 - Onirica

La Gara 66 - Onirica

(settembre/ottobre 2017, 30 pagine, 1,04 MB)

Autori partecipanti: Massimo Tivoli, Angela Catalini, Enrico Gallerati, Mastronxo, Roberta Michelini, Lodovico, Daniele Missiroli, Ilaria Rucco, Patrizia Chini, Nunzio Campanelli, Fabrizio Bonati, Ida Dainese, Michele,
A cura di Ser Stefano.
Scarica questo testo in formato PDF (1,04 MB) - scaricato 89 volte.
oppure in formato EPUB (1,52 MB) (vedi anteprima) - scaricato 94 volte..
Lascia un commento.

La Gara 67 - Cavalieri di ieri, di oggi e di domani

La Gara 67 - Cavalieri di ieri, di oggi e di domani

(novembre 2017, 30 pagine, 736,36 KB)

Autori partecipanti: Nunzio Campanelli, Alberto Tivoli, Daniele Missiroli, Lodovico, Massimo Tivoli, Conrad, Carlocelenza, Patrizia Chini,
A cura di Ida Dainese.
Scarica questo testo in formato PDF (736,36 KB) - scaricato 95 volte.
oppure in formato EPUB (907,03 KB) (vedi anteprima) - scaricato 95 volte..
Lascia un commento.

Calendario BraviAutori.it 2012 - (a colori)

Calendario BraviAutori.it 2012 - (a colori)

(edizione 2012, 6,33 MB)

Autori partecipanti: Marina, Paul Olden, Maurizio Vicedomini, Lady Rugiada, Andrea Leonelli, Angela Di Salvo, Celeste Borrelli, yami iume, Recenso, Simone Guidi, Mariadele, Tullio Aragona,
A cura di Tullio Aragona.
Scarica questo testo in formato PDF (6,33 MB) - scaricato 451 volte..
Lascia un commento.