Mia figlia è una zoccola

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'inverno 2021/2022.

Sondaggio

Sondaggio concluso il 23/03/2022, 0:00

1 - non mi piace affatto
0
Nessun voto
2 - mi piace pochino
2
9%
3 - si lascia leggere
5
23%
4 - mi piace
13
59%
5 - mi piace tantissimo
2
9%
 
Voti totali: 22

Messedaglia
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 83
Iscritto il: 28/09/2021, 9:42

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Messedaglia »

La lettura scorre fluida e piacevole, l'inaspettato finale è molto divertente e chiude la storia in modo confacente al tono generale del racconto. L'autore affronta con ironia e leggerezza, senza scadere nella volgarità e nella retorica, un tema di per sé scottante. In sintesi, una lettura di pura evasione. Voto 4.
Temistocle
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 148
Iscritto il: 03/07/2021, 8:53

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Temistocle »

Stefano M. ha scritto: 14/01/2022, 12:02 Il punto nettamente a favore è la completa mancanza di retorica nella storia; storie del genere sono spesso intrise di negatività, brutture come violenze e sfruttamento, patimenti, ecc…. Ma siamo proprio sicuri che è sempre davvero così? Il racconto ci dà, nella sua ironia, un’ipotesi completamente diversa, un lavoro come un altro. La trama forse poteva essere condensata un po’, ma nel complesso regge e il sorpresa finale è divertente, forse non inaspettata; il punto focale è che nemmeno il marito viene scalfito dalla cosa! Scrittura colloquiale, che forse non consente di mostrare tutte le abilità della scrittura, ma adeguata al tenore dello scritto; solo qualche piccola “elevazione” di tono (come “un muro pitturato di blu cobalto e non capisci perché hai l’impressione che ci sia qualcosa che non va”) non so quanto voluta.
Grazie per il commento! Non sono uno scrittore e non voglio diventarlo, quindi quando scrivo lo faccio come mi viene in quel momento. Finora ho pubblicato qui nelle gare racconti di fantascienza, gialli, ora questo mainstream. Cerco solo di adeguare la scrittura al contenuto... L'"Elevazione di tono" non era voluta: pensavo solo a quei tipi che fanno quelle cose per dare un tono alla propria casa solo perché l'hanno vista in qualche rivista per sciampiste (con tutto il rispetto per le sciampiste, che qua ti fucilano se non rispetti il politicamente corretto..)!
Temistocle
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 148
Iscritto il: 03/07/2021, 8:53

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Temistocle »

Messedaglia ha scritto: 22/01/2022, 10:05 La lettura scorre fluida e piacevole, l'inaspettato finale è molto divertente e chiude la storia in modo confacente al tono generale del racconto. L'autore affronta con ironia e leggerezza, senza scadere nella volgarità e nella retorica, un tema di per sé scottante. In sintesi, una lettura di pura evasione. Voto 4.
Grazie del commento! Sì, è pura evasione, null'altro. Ma senza dimenticare che c'è gente che con la prostituzione (purtroppo!!!) ci manda i figli a scuola e anche all'università. Anche a me piacerebbe un mondo bello e perfetto, ma non esiste, almeno per il momento.
Avatar utente
Domenico Gigante
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 192
Iscritto il: 09/01/2022, 22:38
Località: Roma
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Domenico Gigante »

Grazie Temistocle! Una storia che mi ha fatto veramente ridere di cuore. Non sono così "moderno" come i tuoi personaggi, ma li ho trovati cmq credibili nella loro vicenda familiare molto alternativa. Scritto molto bene. Spero di leggere qualcos'altro di tuo. A presto!
Vorrei essere il mare che si muove per rimanere se stesso e più di tanto non lo sposta il vento. Fragile ma tenace.
Temistocle
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 148
Iscritto il: 03/07/2021, 8:53

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Temistocle »

Sandro Dilaghi ha scritto: 31/01/2022, 6:19 Ciao Temistocle, complimenti.
Ora che scrivo il commento sono passati un po' di giorni da quando l'ho letto per la prima volta. Ma subito dopo averlo letto ero andato a dormire pensando: "Cazzo, che bel racconto… allora là fuori ce n'è di gente che mi da merda". Non so, secondo me non c'era neanche bisogno di dirlo che era tratto da una storia vera, anche se comunque penso sia proprio la trama il fuoco del racconto. Ma nulla toglie al modo in cui l'hai raccontato e allo sguardo che hai messo tu sulla vicenda. Andrò a leggere qualcos'altro di tuo. Però aspetta, devo anche leggere gli altri racconti in gara!
Mi è piaciuto il pezzo sul muro blu cobalto. Che ha di male un muro blu cobalto?
Grazie del commento! Spero che nel frattempo tu abbia riletto il racconto e ti sia confermato nel giudizio; e spero che sia andato a leggere qualche altro raccontino che ho messo qui su (la vanità è… scrittore, anzi BravoScrittore! ahahahah!). A parte gli scherzi, sono contento che hai apprezzato il mio testo e che ti abbia fatto passare due minuti di leggerezza.
Temistocle
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 148
Iscritto il: 03/07/2021, 8:53

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Temistocle »

Domenico Gigante ha scritto: 31/01/2022, 14:28 Grazie Temistocle! Una storia che mi ha fatto veramente ridere di cuore. Non sono così "moderno" come i tuoi personaggi, ma li ho trovati cmq credibili nella loro vicenda familiare molto alternativa. Scritto molto bene. Spero di leggere qualcos'altro di tuo. A presto!
Questa è la terza gara a cui partecipo e ho lasciato un altro paio di racconti on line su questa piattaforma, quindi se vuoi puoi soddisfare la tua 'speranza'. Grazie per il commento "ridere di cuore": evidentemente si riesce ancora a distinguere un racconto senza pretese da un trattato sul meetoo o sul politicamente corretto.
Avatar utente
Nunzio Campanelli
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 206
Iscritto il: 18/12/2012, 12:34

Author's data

Re: Commento a Mia figlia è una zoccola

Messaggio da leggere da Nunzio Campanelli »

Bel racconto, scritto con un registro leggero e divertente, che sia lascia leggere senza stancare. L'argomento, non certo una novità, mi ha riportato alla mente un film degli anni 70, "In nome del popolo italiano, di Dino Risi, dove una coppia di maturi artisti di strada denuncia alla polizia la scomparsa della figlia, dalla quale erano mantenuti, che per l'appunto era una escort.
Interessante
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Immagine
Avatar utente
Roberto Bonfanti
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 667
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

Il racconto è divertente, viene naturale accostarlo al filone della commedia italiana anni '70, nonostante tu ti sia ispirato a una storia vera.
Mi sembra adeguato il tono del narratore, colloquiale e informale, anche se, come padre e marito, è fin troppo accomodante nell'accettare l'attività delle donne di casa, ma ci sta, visto lo stile del racconto.
Rivedrei qualcosa nella punteggiatura e alcuni termini: élite, chissà chi, tranquillizzai.
Mi è piaciuto, hai trovato un modo leggero per narrare di un tema spinoso.
Che ci vuole a scrivere un libro? Leggerlo è la fatica. (Gesualdo Bufalino)
https://chiacchieredistintivorb.blogspot.com/
Intervista su BraviAutori.it: https://www.braviautori.it/forum/viewto ... =76&t=5384
Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine
Temistocle
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 148
Iscritto il: 03/07/2021, 8:53

Author's data

Re: Commento a Mia figlia è una zoccola

Messaggio da leggere da Temistocle »

Nunzio Campanelli ha scritto: 15/02/2022, 18:10 Bel racconto, scritto con un registro leggero e divertente, che sia lascia leggere senza stancare. L'argomento, non certo una novità, mi ha riportato alla mente un film degli anni 70, "In nome del popolo italiano, di Dino Risi, dove una coppia di maturi artisti di strada denuncia alla polizia la scomparsa della figlia, dalla quale erano mantenuti, che per l'appunto era una escort.
Interessante
Grazie per il commento e, soprattutto, per l'accostamento quanto meno memorialistico ai tempi che furono del cinema italiano. "un registro leggero e divertente" era proprio quelo che volevo mettere nel racconto e vedo di esserci riuscito.
Temistocle
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 148
Iscritto il: 03/07/2021, 8:53

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Temistocle »

Roberto Bonfanti ha scritto: 17/02/2022, 22:52 Il racconto è divertente, viene naturale accostarlo al filone della commedia italiana anni '70, nonostante tu ti sia ispirato a una storia vera.
Mi sembra adeguato il tono del narratore, colloquiale e informale, anche se, come padre e marito, è fin troppo accomodante nell'accettare l'attività delle donne di casa, ma ci sta, visto lo stile del racconto.
Rivedrei qualcosa nella punteggiatura e alcuni termini: élite, chissà chi, tranquillizzai.
Mi è piaciuto, hai trovato un modo leggero per narrare di un tema spinoso.
Grazie del commento e dei suggerimenti. Il tema diventa spinoso se ragioniamo con i criteri odierni, dove ogni cosa deve essere vagliata dall'inquisizione dell'intellighenzia culturale dominante. Se invece si ragione coi termini della realtà, senza paraocchi ma anche senza chiudere gli occhi, c'è più probabilità di fare un discorso serio e sensato. Scusami per lo sfogo, forse inopportuno su questa piattaforma...
Mithril
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 72
Iscritto il: 21/02/2022, 1:04

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Mithril »

È molto scorrevole e scritto bene, ironico e leggero. Dal mio punto di vista, forse un po' di conflitto almeno interiore e passeggero uno dei personaggi avrebbe potuto attraversarlo, ma capisco che sarebbe andato contro le intenzioni. Il continuo ritorno di "Monica, mia moglie" è un vezzo per caratterizzare la parlata?
Avatar utente
FraFree
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 386
Iscritto il: 08/09/2021, 19:21
Località: Bologna

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da FraFree »

Sarò sincera, seppure ironico, non ho gradito questo modo "idilliaco" di trattare la prostituzione. Ho lavorato in una casa protetta, dove venivano ospitate delle ragazze minorenni tolte dalla strada con retate della polizia e ho avuto modo di vedere la perniciosità di tale sfruttamento: ragazzine devastate fisicamente e psicologicamente. Credo non sia una scelta, se non in rarissimi casi, ma una costrizione, quella di fare la zoccola.
Ci sedemmo dalla parte del torto visto che tutti gli altri posti erano occupati. (B. Brecht)
Temistocle
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 148
Iscritto il: 03/07/2021, 8:53

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Temistocle »

Mithril ha scritto: 21/02/2022, 2:07 È molto scorrevole e scritto bene, ironico e leggero. Dal mio punto di vista, forse un po' di conflitto almeno interiore e passeggero uno dei personaggi avrebbe potuto attraversarlo, ma capisco che sarebbe andato contro le intenzioni. Il continuo ritorno di "Monica, mia moglie" è un vezzo per caratterizzare la parlata?
Sì, si rifà al parlare di chi non ha molta cultura ma vuole parlare in una specie di linguaggio forbito.
Il mio era un modo 'leggero' di affrontare l'argomento, quindi solo una nazzarazione senza risvolti psicologici o morali.
Grazie del commento!
Temistocle
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 148
Iscritto il: 03/07/2021, 8:53

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Temistocle »

FraFree ha scritto: 01/03/2022, 20:02 Sarò sincera, seppure ironico, non ho gradito questo modo "idilliaco" di trattare la prostituzione. Ho lavorato in una casa protetta, dove venivano ospitate delle ragazze minorenni tolte dalla strada con retate della polizia e ho avuto modo di vedere la perniciosità di tale sfruttamento: ragazzine devastate fisicamente e psicologicamente. Credo non sia una scelta, se non in rarissimi casi, ma una costrizione, quella di fare la zoccola.
Non ho voluto dare alcuna connotazione morale alla storia, tanto è vero che il titolo dice 'zoccola', come vengono chiamate in alcune zone d'Italia, non 'prostitute' o altro...
Pur senza ricorrere ai soliti esempi dei film italiani anni '70, ci sono diverso esempi in letteratura e cinematogafia di donne che hanno fatto della prostituzione (d'alto bordo) o della propria libertà sessuale il loro modo di vendicarsi del maschio o della società repressiva.
Avatar utente
Marino Maiorino
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 488
Iscritto il: 15/10/2012, 0:01
Località: Barcellona
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Marino Maiorino »

Devo darti un ottimo voto perché innegabilmente sai scrivere bene, nulla da eccepire.
E sai anche gettare uno stranimento nel lettore. Se questo era l'effetto che volevi ottenere, ci sei riuscito senza dubbio.
Ma tutto questo per mantenere un tenore di vita? Nemmeno mi piace la connotazione geografica del narratore, era necessaria?
Insomma, capisco cosa vuoi dire, ma forse hai giocato un po' troppo con l'innocenza del narratore, rischiando la tenuta di tutto il racconto.
«Amare, sia per il corpo che per l'anima, significa creare nella bellezza» - Diotima

Immagine
Immagine

ImmagineRacconti alla Luce della Luna

Sono su:
Immagine
Immagine
Temistocle
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 148
Iscritto il: 03/07/2021, 8:53

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Temistocle »

Marino Maiorino ha scritto: 16/03/2022, 17:37 Devo darti un ottimo voto perché innegabilmente sai scrivere bene, nulla da eccepire.
E sai anche gettare uno stranimento nel lettore. Se questo era l'effetto che volevi ottenere, ci sei riuscito senza dubbio.
Ma tutto questo per mantenere un tenore di vita? Nemmeno mi piace la connotazione geografica del narratore, era necessaria?
Insomma, capisco cosa vuoi dire, ma forse hai giocato un po' troppo con l'innocenza del narratore, rischiando la tenuta di tutto il racconto.
Anzitutto grazie per il commento e per il voto.
Non so se la letteratura (quella seria!) debba raccontare o giudicare. Forse un saggio sulla prostituzione, o su altro, potrebbe anche dare un giudizio; ma un raccontino di second'ordine come il mio potrebbe anche fermarsi ad una descrizione divertita. Non sto a ripetere tutto quello che è stato scritto da altri e da me qui sopra nei commenti… Senza neanche accostarmi agli esempi che riporterò, ma mi viene in mente "Petrolio" di Pasolini e la scena in cui Carlo (mi sembra si chiamasse il ragazzo) sodomizza la madre in bagno e, se non sbaglio, anche con dovizia di particolari; o il classico d'annata "Porci con le ali", pieno di scene non molto caste, per così dire.
Ma capisco la tua riflessione.
Grazie ancora.
Avatar utente
Marino Maiorino
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 488
Iscritto il: 15/10/2012, 0:01
Località: Barcellona
Contatta:

Author's data

Re: Mia figlia è una zoccola

Messaggio da leggere da Marino Maiorino »

"Raccontino di second'ordine"... Tutt'altro!
Creiamo cose di second'ordine quando crediamo che il nostro pubblico sia di second'ordine, o ci proviamo. La nostra classe (nel bene e nel male) trapela sempre, e il tuo racconto NON è di second'ordine. Tu stesso, d'altronde, per citare Pasolini, che all'epoca lo capivano in due: uno era lui, e l'altra la madre giusto perché "'a mamma capisce pure a 'o figlio muto"...
È una goliardata, te lo concedo, e da questo punto di vista mi ha pure divertito. Farlo differente? NO! E dai, ci perderebbe tutto.
È che alcune cose sono così, perfette nella loro limitatezza (intesa come mancanza di pretese), che è la loro natura. Ci sono quelli che spingeranno per aspirare sempre al massimo (che noia, mi ci metto io!), io riconosco piuttosto che ogni cosa ha il suo valore per quello che è e non per quello che avrebbe potuto essere. Il tuo racconto è così: la sua natura è irriverente, ma per tenere alta questa sua vena irriverente (a mio personale gusto) rischia quello di perdere a tratti tenuta perché sfocia nel paradossale, tutto qui.
«Amare, sia per il corpo che per l'anima, significa creare nella bellezza» - Diotima

Immagine
Immagine

ImmagineRacconti alla Luce della Luna

Sono su:
Immagine
Immagine
Rispondi

Torna a “Gara d'inverno, 2021/2022”


Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 66 - Onirica

La Gara 66 - Onirica

(settembre/ottobre 2017, 30 pagine, 1,04 MB)

Autori partecipanti: Massimo Tivoli, Angela Catalini, Enrico Gallerati, Mastronxo, Roberta Michelini, Lodovico, Daniele Missiroli, Ilaria Rucco, Patrizia Chini, Nunzio Campanelli, Fabrizio Bonati, Ida Dainese, Michele,
A cura di Ser Stefano.
Scarica questo testo in formato PDF (1,04 MB) - scaricato 89 volte.
oppure in formato EPUB (1,52 MB) (vedi anteprima) - scaricato 94 volte..
Lascia un commento.

La Gara 67 - Cavalieri di ieri, di oggi e di domani

La Gara 67 - Cavalieri di ieri, di oggi e di domani

(novembre 2017, 30 pagine, 736,36 KB)

Autori partecipanti: Nunzio Campanelli, Alberto Tivoli, Daniele Missiroli, Lodovico, Massimo Tivoli, Conrad, Carlocelenza, Patrizia Chini,
A cura di Ida Dainese.
Scarica questo testo in formato PDF (736,36 KB) - scaricato 95 volte.
oppure in formato EPUB (907,03 KB) (vedi anteprima) - scaricato 95 volte..
Lascia un commento.

Calendario BraviAutori.it 2012 - (a colori)

Calendario BraviAutori.it 2012 - (a colori)

(edizione 2012, 6,33 MB)

Autori partecipanti: Marina, Paul Olden, Maurizio Vicedomini, Lady Rugiada, Andrea Leonelli, Angela Di Salvo, Celeste Borrelli, yami iume, Recenso, Simone Guidi, Mariadele, Tullio Aragona,
A cura di Tullio Aragona.
Scarica questo testo in formato PDF (6,33 MB) - scaricato 451 volte..
Lascia un commento.





Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Bagliori Cosmici

Bagliori Cosmici

la Poesia nella Fantascienza

Il sonetto "Aspettativa" di H. P. Lovecraft è stato il faro che ha guidato decine di autori nella composizioni delle loro poesie fantascientifiche pubblicate in questo libro. Scoprirete che quel faro ha condotto i nostri poeti in molteplici luoghi; ognuno degli autori ha infatti accettato e interpretato quel punto fermo tracciando la propria rotta verso confini inimmaginabili.
A cura di Alessandro Napolitano e Massimo Baglione.

Contiene opere di: Sandro Battisti, Meth Sambiase, Antonella Taravella, Tullio Aragona, Serena M. Barbacetto, Francesco Bellia, Gabriele Beltrame, Mara Bomben, Luigi Brasili, Antonio Ciervo, Iunio Marcello Clementi, Diego Cocco, Vittorio Cotronei, Lorenzo Crescentini, Lorenzo Davia, Angela Di Salvo, Bruno Elpis, Carla de Falco, Claudio Fallani, Marco Ferrari, Antonella Jacoli, Maurizio Landini, Andrea Leonelli, Paolo Leoni, Lia Lo Bue, Sandra Ludovici, Matteo Mancini, Domenico Mastrapasqua, Roberto Monti, Daniele Moretti, Tamara Muresu, Alessandro Napolitano, Alex Panigada, Umberto Pasqui, Simone Pelatti, Alessandro Pedretta, Mattia Nicolò Scavo, Ser Stefano, Marco Signorelli, Salvatore Stefanelli, Alex Tonelli, Francesco Omar Zamboni.
Vedi ANTEPRIMA (2,55 MB scaricato 357 volte).
info e commenti compralo su   amazon


Il Bestiario del terzo millennio

Il Bestiario del terzo millennio

raccolta di creature inventate

Direttamente dal medioevo contemporaneo, una raccolta di creature inventate, descritte e narrate da venti autori. Una bestia originale e inedita per ogni lettera dell'alfabeto, per un bestiario del terzo millennio. In questa antologia si scoprono cose bizzarre, cose del tutto nuove che meritano un'attenta e seria lettura.
Ideato e curato da Umberto Pasqui.
illustrazioni di Marco Casadei.

Contiene opere di: Bruno Elpis, Edoardo Greppi, Lucia Manna, Concita Imperatrice, Angelo Manarola, Roberto Paradiso, Luisa Gasbarri, Sandra Ludovici, Yara Źagar, Lodovico Ferrari, Ser Stefano, Nunzio Campanelli, Desirìe Ferrarese, Maria Lipartiti, Francesco Paolo Catanzaro, Federica Ribis, Antonella Pighin, Carlotta Invrea, Patrizia Benetti, Cristina Cornelio, Sonia Piras, Umberto Pasqui.
Vedi ANTEPRIMA (2,15 MB scaricato 353 volte).
info e commenti compralo su   amazon


L'anno della Luce

L'anno della Luce

antologia ispirata all'Anno della Luce proclamato dall'ONU

Il 2015 è stato proclamato dall'Assemblea generale dell'Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU) Anno internazionale della luce e delle tecnologie basate sulla luce. Obiettivo dell'iniziativa adottata dall'ONU è promuovere la consapevolezza civile e politica del ruolo centrale svolto dalla luce nel mondo moderno. Noi di BraviAutori.it abbiamo pensato di abbracciare questa importante iniziativa proponendo agli autori di scrivere, disegnare o fotografare il loro personale legame con la luce, estendendo però la parola "luce" a tutti i suoi sinonimi, significati e scenari.
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Alessandro Carnier, Amelia Baldaro, Andrea Teodorani, Angelo Manarola, Anna Barzaghi, Annamaria Vernuccio, Anna Rita Foschini, Antonella Cavallo, Camilla Pugno, Cinzia Colantoni, Claudia Cuomo, Daniela Rossi, Daniela Zampolli, Domenico Ciccarelli, Dora Addeo, Elena Foddai, Emilia Cinzia Perri, Enrico Arlandini, Enrico Teodorani, Francesca Paolucci, Francesca Santucci, Furio Detti, Gilbert Paraschiva, Giorgio Billone, Greta Fantini, Ianni Liliana, Imma D'Aniello, Lucia Amorosi, Maria Rosaria Spirito, Maria Spanu, Marina Den Lille Havfrue, Marina Paolucci, Massimo Baglione, Mauro Cancian, Raffaella Ferrari, Rosanna Fontana, Salvatore Musmeci, Sandra Ludovici, Simone Pasini, Sonia Tortora, Sonja Radaelli, Stefania Fiorin, Umberto Pasqui.
Vedi ANTEPRIMA (1,65 MB scaricato 214 volte).
info e commenti compralo su   amazon