Un virus qui e uno là

Una zona dedicata alle riflessioni e alle idee.
(per pubblicare online poesie e racconti, usate il portale principale).
Avatar utente
carlocelenza
rank (info):
Sembro imbranato ma...
Messaggi: 448
Iscritto il: 05/03/2009, 9:37

Author's data

Un virus qui e uno là

Messaggio da leggere da carlocelenza »

Un virus qui un altro là.
La terra è piena di epidemie. Non è una novità e a oggi ci sono in giro tra i continenti almeno una decina di potenziali stragisti più uno, il virus X.
Alcuni degli agenti responsabili delle malattie sono spariti, il vaiolo per esempio sembra non esistere più, ma molti sono ancora tra noi. La cosa che rende questa convivenza possibile è la geografia.
Quando i pellegrini indiani andavano a fare il viaggio verso La Mecca se avevano il Colera, endemico nella loro terra, durante il lungo viaggio morivano e la malattia restava segregata, ma appena fu aperta una linea ferroviaria che univa i due paesi la malattia si diffuse e il Colera in Europa è un regalo del progresso.
In generale ogni grande agglomerato, che sia di persone, animali o cose genera problemi prima inesistenti.
Facile che in un allevamento intensivo un virus si trasformi in una catastrofe, stesso rischio che corrono le nostre città, specialmente le più grandi.
Fortunatamente siamo piuttosto avanti con la medicina, ma il virus X, che per definizione dell’OMS è quel patogeno che ancora non conosciamo e per cui non esiste cura, è li ad aspettarci da qualche parte in questo mondo e prima o poi ci colpirà.
Esiste però una difesa a tutto questo e non sta nella tecnologia ma nella sociologia.
Il nostro numero tende a crescere e quelle situazioni di rischio si moltiplicheranno fino al giorno del fatale e, cosi stando le cose, inevitabile appuntamento.
Continuiamo a ragionare in termini individuali senza renderci conto che siamo una sola razza e che il destino di tutti è nelle mani di “ tutti “ noi. I problemi che dovremo affrontare non possono essere risolti se non affrontiamo decisamente il sovraffollamento.
Non sta certo a me dire come dove e quando farlo, ma dovremmo essere tutti coscienti che se non lo facciamo la realtà lo farà per noi.
Scegliere che questo avvenga per nostra scelta e in modo indolore però, questo si che è compito di ognuno di noi. Non si tratta di riciclare, non inquinare, o non fare qualcosa di disdicevole, dobbiamo occuparci dei problemi che ci procuriamo col nostro numero.
Certamente esistono soluzioni tecniche a questi problemi, ma si tratta di una battaglia persa in partenza, più siamo più problemi ci creiamo e meno possiamo vincere.
Di queste cose non si parla quasi mai, si rischia di essere travisati e accusati di chissà quale degenerata filosofia, ma pensateci bene, meno ne parliamo e più i morti aumentano. Io non conosco la soluzione, espongo solo un problema.
Viviamo in un condominio. Secoli fa era poco popolato e ognuno faceva come gli pareva, ma con l’andare del tempo e l’aumento dei condomini sono arrivate le prime regole e la libertà di ognuno è stata limitata. Se si va avanti nel tempo troveremo regole sempre più coercitive e difficili da sopportare, non esiste altra logica conseguenza.
Il futuro è chiaro, ma io ormai sono vecchio e poco mi toccherà del casino che verrà, ma pensateci, i vostri figli si troveranno davanti un mondo poco piacevole se non iniziamo a parlare di queste cose per davvero.
Greta va in giro a parlare di problemi come inquinamento e cambiamento climatico, ma se è vero che siamo noi ad averli generati, non perdiamo di vista come e perché li abbiamo causati. Il vero problema siamo noi e il nostro non saperci gestire come razza.
Invocare una nuova coscienza morale non serve, si tratta di realtà e non di “una” realtà, che va capita e affrontata in tempo.
Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Roberto Ballardini
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 88
Iscritto il: 22/12/2019, 10:58

Author's data

Re: Un virus qui e uno la.

Messaggio da leggere da Roberto Ballardini »

Concordo assolutamente. Mi sono chiesto più volte perché in tutte le condizioni sociali peggiori si fanno più figli, perché decidere di generare altra sofferenza quando si sa benissimo a quale destino si mandano incontro i propri bambini. Poi mi sono detto che è una domanda retorica perché in realtà è facile capire come in certe situazioni mettere al mondo un bambino sia un atto molto poco consapevole, finalizzato in primo luogo ai desideri e alle necessità dei genitori, non dei figli (come si può parlare d'amore verso una creatura che non esiste ancora?). Credo che un figlio, per una coppia di adulti, rappresenti innanzitutto una necessità fisiologica di quegli adulti stessi. Un bisogno di speranza, di credere che in quel modo possano cambiare la propria esistenza (lo faranno, naturalmente, ma non sempre in meglio). Detto questo credo anch'io che si dovrebbe cominciare tutti a guardarsi bene attorno, ad agire razionalmente. Credo che prima o poi si sarà costretti a farlo. Mi viene anche da dire che forse, in questo momento, la figura che più potrebbe per limitare le nascite laddove non hanno alcun freno, è il Papa. Mi pare anche, però, che il concetto su cui si basa la religione continui a essere quello per cui non si possa fare altro che confidare in Dio, e poi piangere davanti alla televisione per ogni barcone che affonda.
Naturalmente è solo la mia opinione e comunque ci si potrebbero scrivere libri al riguardo, credo, ma tornando al tuo articolo sono d'accordo sul fatto che tutti i problemi endemici che attanagliano la razza umana derivino proprio dalla sovrappopolazione e che qualsiasi tentativo di produrre "pulito" poi sia destinato a fallire se si produce e si consuma sempre di più.
Avatar utente
Massimo Baglione
rank (info):
Site Admin
Messaggi: 9271
Iscritto il: 11/04/2007, 12:20
Località: Belluno
Contatta:

Author's data

Re: Un virus qui e uno là

Messaggio da leggere da Massimo Baglione »

I virus sono gli anticorpi di Madre Natura, e noi stiamo diventando il suo raffreddore.
Lei però ha i suoi tempi; in termini geologici, il suo sistema immunitario si è a malapena accorto di noi e si sta solo soffiando il naso.
Quando saremo davvero in troppi e troppo fastidiosi, Madre Natura farà un bello starnuto e… addio Umanità.
Immagine

Immagine <<< io ero nel Club dei Recensori di BraviAutori.it.

Immagine

www.massimobaglione.org
Avatar utente
carlocelenza
rank (info):
Sembro imbranato ma...
Messaggi: 448
Iscritto il: 05/03/2009, 9:37

Author's data

Re: Un virus qui e uno là

Messaggio da leggere da carlocelenza »

Quel che sta accadendo in Cina è in parte lo specchio di un possibile futuro. Comunità segregate e regole di convivenza sempre più ferree quanto insopportabili. Ma pensateci, 60 milioni di persone immobilizzate, più della popolazione italiana. Se ancora qualcuno pensa che la Cina stia vincendo la battaglia è un illuso. Prepariamoci, saranno tempi di trasformazione epocale.
Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Avatar utente
Massimo Baglione
rank (info):
Site Admin
Messaggi: 9271
Iscritto il: 11/04/2007, 12:20
Località: Belluno
Contatta:

Author's data

Re: Un virus qui e uno là

Messaggio da leggere da Massimo Baglione »

Sì, concordo. Ne parlavo anche QUI nel forum di NASF.
Io tifo per la Natura, quindi, per me, che ci faccia pure tanto male!
Immagine

Immagine <<< io ero nel Club dei Recensori di BraviAutori.it.

Immagine

www.massimobaglione.org
Andr60
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 162
Iscritto il: 15/11/2019, 15:45

Author's data

Re: Un virus qui e uno là

Messaggio da leggere da Andr60 »

Sulle implicazioni dell'infezione da coronavirus, non posso che rifarmi a quanto già detto nel forum di NASF. Aggiungo solo che il can can mediatico occidentale è una forma di guerra combattuta con altri mezzi. La conseguenza sarà il trasferimento di molte produzioni strategiche al di fuori della Cina (tra l'altro, in linea con quanto promesso da Trump in campagna elettorale).
Il paradosso è che il coronavirus è di gran lunga meno letale del virus del morbillo, che miete molte più vittime in conseguenza. più che altro, delle condizioni delle popolazioni colpite: malnutrizione e carenza di acqua potabile (cfr.: http://contropiano.org/news/scienza-new ... te-0124127).
Per quanto riguarda la sovrappopolazione, è un problema soprattutto nelle metropoli del terzo mondo, nelle quali il 90% dei cittadini vive o vivrà in bidonville all'ombra dei grattacieli, in condizioni igieniche pessime.
Già, perché tutti sono impegnati a trovare il vaccino contro il prossimo virus più o meno letale, nessuno (tantomeno il FMI) si interessa a trovare il vaccino contro la povertà.
Avatar utente
Massimo Baglione
rank (info):
Site Admin
Messaggi: 9271
Iscritto il: 11/04/2007, 12:20
Località: Belluno
Contatta:

Author's data

Re: Un virus qui e uno là

Messaggio da leggere da Massimo Baglione »

Andr60 ha scritto: 17/02/2020, 23:47...nessuno (tantomeno il FMI) si interessa a trovare il vaccino contro la povertà.
Sarebbe innaturale pure questo. Esisteranno sempre le disparità.
L'unica speranza che possa andare in quella direzione è che a governarci sia una fredda IA, o che noi diventiamo tutti dei robot impersonali, ma ho il sospetto che anche in questo caso troveremmo il modo di discriminarci per prestazioni, durata della batteria, potenza di calcolo eccetera. La diversità è alla base della Natura, è l'Evoluzione.
Noi però, a differenza del resto del regno animale, siamo dotati di un'Intelligenza tale che dovrebbe suggerirci un uso meno cruento e più equilibrato di tali disuguaglianze; è solo in questo aspetto che possiamo intervenire, ma solo discuterne si rischia di innescare un altro tipo di dibattito che non è il caso di affrontare in questo forum (politica ecc), perciò mi fermo qui e mi limito alla Fantascienza :-)
Immagine

Immagine <<< io ero nel Club dei Recensori di BraviAutori.it.

Immagine

www.massimobaglione.org
Roberto Ballardini
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 88
Iscritto il: 22/12/2019, 10:58

Author's data

Re: Un virus qui e uno là

Messaggio da leggere da Roberto Ballardini »

Massimo Baglione ha scritto: 16/02/2020, 23:56 Quando saremo davvero in troppi e troppo fastidiosi, Madre Natura farà un bello starnuto e… addio Umanità.
Oooh finalmente un po' di sano pessimismo. Musica per le mie orecchie, dopo l'allucinante-allucinato monologo trumpiano di Devos. Scherzi a parte, ottima discussione. Ottimi interventi.
Avatar utente
Massimo Baglione
rank (info):
Site Admin
Messaggi: 9271
Iscritto il: 11/04/2007, 12:20
Località: Belluno
Contatta:

Author's data

Re: Un virus qui e uno là

Messaggio da leggere da Massimo Baglione »

Il pessimismo ti salva la vita :-P
Immagine

Immagine <<< io ero nel Club dei Recensori di BraviAutori.it.

Immagine

www.massimobaglione.org
Avatar utente
carlocelenza
rank (info):
Sembro imbranato ma...
Messaggi: 448
Iscritto il: 05/03/2009, 9:37

Author's data

Re: Un virus qui e uno là

Messaggio da leggere da carlocelenza »

"Il pessimismo ti salva la vita". Si, se ti prepari.
Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Avatar utente
Massimo Baglione
rank (info):
Site Admin
Messaggi: 9271
Iscritto il: 11/04/2007, 12:20
Località: Belluno
Contatta:

Author's data

Re: Un virus qui e uno là

Messaggio da leggere da Massimo Baglione »

Sono pronto da una vita: in qualsiasi momento posso staccare la spina e sparire tra le montagne.
Immagine

Immagine <<< io ero nel Club dei Recensori di BraviAutori.it.

Immagine

www.massimobaglione.org
Avatar utente
carlocelenza
rank (info):
Sembro imbranato ma...
Messaggi: 448
Iscritto il: 05/03/2009, 9:37

Author's data

Re: Un virus qui e uno là

Messaggio da leggere da carlocelenza »

Chiama quando vai che ti raggiungo.
Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Avatar utente
Massimo Baglione
rank (info):
Site Admin
Messaggi: 9271
Iscritto il: 11/04/2007, 12:20
Località: Belluno
Contatta:

Author's data

Re: Un virus qui e uno là

Messaggio da leggere da Massimo Baglione »

Chiama quando vai che ti raggiungo.
Per me è OK, però non prenderla male se, al primo starnuto, mi sentirò obbligato ad abbatterti. Non sarà una questione personale, credimi, ti vorrò sempre bene :-)
Immagine

Immagine <<< io ero nel Club dei Recensori di BraviAutori.it.

Immagine

www.massimobaglione.org
Avatar utente
carlocelenza
rank (info):
Sembro imbranato ma...
Messaggi: 448
Iscritto il: 05/03/2009, 9:37

Author's data

Re: Un virus qui e uno là

Messaggio da leggere da carlocelenza »

E se lo fai prima tu? E poi non vale sai che starnuto sempre e con effetti dirompenti, potrei eliminarti con uno solo di quelli, virus a parte.
Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Avatar utente
Massimo Baglione
rank (info):
Site Admin
Messaggi: 9271
Iscritto il: 11/04/2007, 12:20
Località: Belluno
Contatta:

Author's data

Re: Un virus qui e uno là

Messaggio da leggere da Massimo Baglione »

Vabè, intanto ti ho avvisato :-)
Immagine

Immagine <<< io ero nel Club dei Recensori di BraviAutori.it.

Immagine

www.massimobaglione.org
Avatar utente
Massimo Baglione
rank (info):
Site Admin
Messaggi: 9271
Iscritto il: 11/04/2007, 12:20
Località: Belluno
Contatta:

Author's data

Re: Un virus qui e uno là

Messaggio da leggere da Massimo Baglione »

Secondo me, la Cina sarà la prima a rimettersi in piedi e, approfittando del crollo del resto del pianeta, lo conquisterà davvero tutto.
Immagine

Immagine <<< io ero nel Club dei Recensori di BraviAutori.it.

Immagine

www.massimobaglione.org
Rispondi

Torna a “Pensieri sparsi”


Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


Calendario BraviAutori.it "Writer Factor" 2013 - (a colori)

Calendario BraviAutori.it "Writer Factor" 2013 - (a colori)

(edizione 2013, 8,06 MB)

Autori partecipanti: Angela Di Salvo, Cmt, Jessica Rabbit, LiaTom, Lodovico, Mastronxo, Monica Porta may bee, Morgana Bart, Paride Bastuello, Polly Russel, Recenso, Sphinx,
A cura di Tullio Aragona.
Scarica questo testo in formato PDF (8,06 MB) - scaricato 687 volte..
Lascia un commento.

Gara d'autunno 2020 - Beu, e gli altri racconti

Gara d'autunno 2020 - Beu, e gli altri racconti

(autunno 2020, 46 pagine, 543,51 KB)

Autori partecipanti: Mariovaldo, Roberto Virdo', MattyManf, Marcello Rizza, Liliana Tuozzo, Anna Gri, Angelo Ciola, Carol Bi, Letylety, ElianaF,
a cura di Massimo Baglione.
Scarica questo testo in formato PDF (543,51 KB) - scaricato 19 volte.
oppure in formato EPUB (354,64 KB) (vedi anteprima) - scaricato 29 volte..
Lascia un commento.

La Gara 30 - La verità è là fuori

La Gara 30 - La verità è là fuori

(aprile-maggio 2012, 33 pagine, 1,57 MB)

Autori partecipanti: Nathan, Lodovico, StillederNacht, Licetti, Lorella15, Mastronxo, Selene B, Alhelì, Antonella P, Tuarag, Kutaki Arikumo,
A cura di Diego Capani e Luigi Bonaro.
Scarica questo testo in formato PDF (1,57 MB) - scaricato 462 volte..
Lascia un commento.





Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Intellinfinito (un passo avanti)

Intellinfinito (un passo avanti)

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
Questo libro è il seguito di "Un passo indietro". Come il primo, è autoconclusivo.
"Esistevano davvero, gli dèi. Ma non erano dèi. Non lo erano stati per un'oscura volontà divina, ma lo erano semplicemente diventati mediante un'accanita volontà terrena di sopravvivenza".
L'Evoluzione umana (e non) come non l'avete mai immaginata.
Un romanzo postumano e transumano che vi mostrerà un futuro che forse non tarderà a divenire.
Di Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (206,96 KB scaricato 70 volte).
info e commenti compralo su   amazon


BReVI AUTORI - volume 5

BReVI AUTORI - volume 5

collana antologica multigenere di racconti brevi

BReVI AUTORI è una collana di libri multigenere, ad ampio spettro letterario. I quasi cento brevi racconti pubblicati in ogni volume sono suddivisi usando il seguente schema ternario:

Fantascienza + Fantasy + Horror
Noir + Drammatico + Psicologico
Rosa + Erotico + Narrativa generale

La brevità va a pari passo con la modernità, basti pensare all'estrema sintesi dei messaggini telefonici o a quelli usati in internet da talune piattaforme sociali per l'interazione tra utenti. La pubblicità stessa ha fatto della brevità la sua arma più vincente, tentando (e spesso riuscendo) in pochi attimi di convincerci, di emozionarci e di farci sognare.
Ma gli estremismi non ci piacciono. Il nostro concetto di brevità è un po' più elastico di un SMS o di un aforisma: è un racconto scritto con cura in appena 2500 battute (sì, spazi inclusi).
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Marco Bertoli, Angela Catalini, Francesco Gallina, Liliana Tuozzo, Roberto Bonfanti, Enrico Teodorani, Laura Traverso, Antonio Mattera, Beno Franceschini, F. T. Leo, Fausto Scatoli, Alessandro Chiesurin, Selene Barblan, Giovanni Teresi, Noemi Buiarelli, Maria Rupolo, Alessio Del Debbio, Francesca Gabriel, Gabriele Iacono, Marco Vecchi, SmilingRedSkeleton, Alessandro Pesaresi, Gabriele Iacono, Gabriele Laghi, Ilaria Motta.
Vedi ANTEPRIMA (263,51 KB scaricato 47 volte).
info e commenti compralo su   amazon


Downgrade

Downgrade

Riduzione di complessità - il libro Downpunk

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
è probabilmente il primo libro del genere Downpunk, ma forse è meglio dire che il genere Downpunk è nato con questo libro. Sam L. Basie, autore ingiustamente sconosciuto, presenta una visione dell'immediato futuro che ci lascerà a bocca aperta. In un futuro dove l'individuo è perennemente connesso alla globalità tanto da renderlo succube grazie alla sua immediatezza, è l'Umanità intera a operare su se stessa una "riduzione di complessità", operazione resa necessaria per riportare l'Uomo a una condizione di vita più semplice, più naturale e più... umana. Nel libro, l'autore afferma che "anche solo una volta all'anno, l'Essere umano ha bisogno di arrangiarsi, per sentirsi vivo e per dare un senso alla propria vita", ma in un mondo dove tutto ciò gli è negato dall'estremo benessere e dall'estrema tecnologia, le menti si sviluppano in maniera assai precaria e desolante, e qualsiasi inconveniente possa capitare diventerà un dramma esistenziale.
Di Sam L. Basie
a cura di Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (2,50 MB scaricato 234 volte).
info e commenti compralo su   amazon