Intervista a Nicola Bibolotti

Area dedicata alle interviste con gli autori che sono diventati famosi o che hanno capito come uscire dall'ombra. In questa sezione ci si potrà dare appuntamento per discuterne con loro.
pia

Author's data

Intervista a Nicola Bibolotti

Messaggio da leggere da pia »

Nicola Bibolotti, un esordiente viareggino che racconta raccontandosi, due romanzi all'attivo molto apprezzati dal nostro gruppo, a breve avremo il piacere su averlo nostro ospite.
Restate sintonizzati :wink:

1) Ciao Nicola, parlaci un po’ di te, cosa fai nella vita?
Ciao a tutti. Sono un ex operaio metalmeccanico, attualmente alle prese col limbo dei contratti a termine del mondo dei supermercati. Se avessi avuto la costanza per imparare a suonare come si deve la chitarra elettrica, sicuramente avrei fatto parte di un gruppo di musica rock. Ho ripiegato sui libri. Sono sposato e ho una splendida famiglia composta da: Flavia e Sara, rispettivamente mia moglie e mia figlia; e Mina, Romina e Priscilla, le mie due gatte e la mia canina. Dall’anno scorso faccio parte del direttivo dell’associazione culturale “GLI EDITORI”, un ente che senza fini di lucro si occupa di promuovere eventi culturali in Versilia.

2) Leggendo il tuo libro, si ha la sensazione di trovarsi di fronte a una persona che legge moltissimo, è giusto? Quali sono gli autori che prediligi?
Leggo molto, anche se quel molto non è mai abbastanza. Amo in maniera viscerale autori come: Pratolini, Pavese, Silone, De Luca e Leone Sbrana, un autore viareggino che negli anni settanta pubblicò alcuni romanzi anche per una grande casa editrice italiana. Non perdono alla mia città di averne perso memoria, di non ricordarlo se non con una vietta periferica a lui intitolata e di cui quasi tutti i miei concittadini ne ignorano perfino l’esistenza. L’altra mia passione letteraria sono alcuni scrittori americani del secolo scorso. J. Fante e J. Steinbeck su tutti.

3) Ne “I Resistenti” e “L’undicesimo comandamento” sono descritti personaggi molto realistici e particolari, esistono nella realtà o sono solo frutto della tua fantasia?
Nei miei libri, purtroppo, la fantasia è come si suol dire ridotta ai minimi termini. Non riesco a scrivere cose di pura fantasia. Tutti i personaggi che fanno parte dei RESISTENTI sono realmente vissuti, fanno parte di me. Le uniche eccezioni sono Luigi e il parroco di ESAQUI (anagramma di QUIESA, un paesino della lucchesia). Del primo mi sono inventato anche la storiella: un disadattato che ogni anno, alla stessa ora dello stesso giorno, ha un fantomatico appuntamento al bar Casablanca col suo amico Giò. Ho scritto questo raccontino mentre ascoltavo “AL BAR CASABLANCA” di Gaber, storico locale della Passeggiata di Viareggio e dai cui tavoli è nato quello splendido pezzo. Per quanto riguarda il parroco di ESAQUI, invece, mi sono divertito con un personaggio di Italo Calvino… ho calvinizzato il vero parroco del QUIESA, detta in altre parole. Anche i coniugi Arciboldi dell’undicesimo comandamento, anche se solo in una certa misura, esistono realmente. Potremmo benissimo essere io e mia moglie tra una quarantina d’anni. Il Conte, invece, era un uomo che conobbi una ventina d’anni fa durante il servizio di leva.

4) Ne “I resistenti” parli di persone ai margini della società o al limite della devianza. Hai fatto personale conoscenze di questi tipi? Ti sei trovato realmente coinvolto con l’esperienza di qualcuno di essi? Insomma, sono un parto letterario oppure il frutto di un’osservazione diretta?
I personaggi dei RESISTENTI li ho tutti conosciuti. Anche il parroco, nonostante il mio innato anticlericalismo. Come ho detto: fanno parte di me. Alcuni di loro tipo il Biolle o Roberto (Felice nella realtà) sono stati dei veri fari e punti di riferimento: senza loro due non sarei mai diventato quello che sono oggi. Sicuramente mi sarei perso…

5) Il tessuto sociale e i problemi quotidiani di cui racconti, ripropongono tutte situazione nelle quali chiunque si può riconoscere, come nascono i tuoi romanzi?
I miei racconti nascono sempre da un forte mal di pancia. Fino a giugno 2008 non avevo mai scritto niente e non ero neanche un grande lettore, eccezione fatta per i periodici mensili sulla pesca. A far nascere quel libro fu la mia totale estraneità al mondo del lavoro in cui ero costretto a operare. Lavoravamo in condizioni al limite dell’umano, per dirla in breve. Per farvi rendere conto del degrado che regnava in quell’ambiente (la cantieristica navale) vi posso dire – e le cronache locali mi sono testimone - che dal 2008 a 2010 (anno del mio licenziamento) ho dovuto far i conti con il suicidio d’un amico, un tentato omicidio di un dipendente nei confronti del proprio datore di lavoro – gli ha sparato tre colpi di pistola calibro 22 nella pancia - e con la tragica fine di un ragazzo di 24 anni morto cadendo da un ponteggio. E’ da tutta questa melma che sono sbocciati quei dodici fiori

6) Ci sono delle frasi che mi hanno colpita particolarmente, una è: “Quando una persona sogna da sola è solo un sogno, quando si sogna in due incomincia la realtà”. Amicizia, cameratismo, solidarietà, sono sentimenti che abbondano nelle tue storie, quanto ci credi o ti piacerebbe crederci?
…e come ci hanno insegnato “quando una persona sogna da sola è solo un sogno, quando si sogna in due incomincia la realtà”. Questa frase non è mia ma di Ernesto Guevara. Gliela ho rubata. Potremmo discutere per mesi su quest’uomo, ma su una cosa credo che possiamo essere tutti d’accordo: il “Che” era un sognatore, e oltre a un grande condottiero fu anche un fine poeta. A me, personalmente, ha trasmesso moltissimo. Sono un idealista. Credo nell’amicizia e odio il cameratismo; il racconto di cui parlavo prima di Luigi e Giò, due persone appartenenti a due ceti sociali completamente diversi ma uniti a doppio nodo l’uno all’altro, credo ne sia un esempio. Quanto credo in certe virtù? Più o meno sono tutta la mia vita, assieme, ahimé, ai miei pacchetti di sigarette.

7) Dovendo fare una scala valori, cosa metteresti in cima, il lavoro o l’amicizia?
Bè, se devo fare una scelta di valori metto sicuramente al primo posto l’amicizia. Purtroppo mi sono accorto che non riesco a lavorare assieme a persone con cui non riesco a stringere un sincero ed effettivo rapporto d’amicizia. Ho dovuto quasi sempre far di necessità virtù.

8 ) La prosa apparentemente semileggera nulla toglie alla tragicità di alcune storie, come quella di Antonio e Sonia, con il loro essere uniti che li pone al di sopra di tutto e tutti. Quanto è voluta la strategia per non scadere nel patetico e arrivare diritto al cuore del lettore?
Nello scrivere “L’undicesimo comandamento” non mi sono posto strategie. Non sono uno stratega, ho solamente voluto accarezzare dei personaggi. Magari un’altra volta mi vien da prenderne a pugni degli altri. Questo credo sia il bello dello scrivere. Anche in questo caso, questo lo voglio dire, ad aprire le chiuse è stata una canzone di quello che attualmente è secondo me il più grande cantautore italiano in circolazione: Bobo Rondelli. Quando lo incontrerò dovrò sicuramente offrirgli una cena.

9) Hai mai provato a sottoporre i tuoi romanzi ad altre Case Editrici?
No, non ho mai provato e non ci ho mai pensato. Ho conosciuto il mio editore per puro caso e siamo diventati subito amici. Una cosa la voglio dire, a proposito della mia casa editrice: la Sirio Edizioni è l’unica piccola casa editrice della mia zona che pubblica libri ad autori sconosciuti come me senza chiedere un euro di contributo o l’acquisto di una sola copia. Ne vado orgogliosissimo. Se non avessi incontrato Irene e Giuliano non sarei mai riuscito a pubblicare una sola riga. Questo ve lo posso firmare col sangue, visto i quattrini che hanno dovuto sborsare alcuni miei amici per pubblicare i loro libri con altre case editrici. Credo che del primo libro ne siano state stampate circa 700 copie mentre del secondo 400 o 450. Anche questo, a chi mastica un po’ d’editoria locale, penso possa dir qualcosa sulla grandezza della mia piccola casa editrice. Insieme faremo grandi cose… sempre nel nostro piccolo, s’intende.

10) Ti sei mai cimentato in un altro genere?
Come ho detto non riesco a scrivere libri di fantasia. Tutto quello che scrivo lo devo aver masticato, magari anche soltanto a livello emotivo ma lo devo aver vissuto. E’ per questo che i miei libri o piacciono o non piacciono. Non esiste una via di mezzo, di questo ne sono convinto. Rispecchiano in tutto e per tutto il loro autore.

11) C’è già qualcos’altro pronto nel tuo cassetto?
Ho incominciato un racconto. S’intitolerà “1988” e sarà dedicato a un amico morto ammazzato in un carcere francese. Spero la giustizia gli renda da morto quello che gli ha negato da vivo. Era uno dei più grandi batteristi che ho mai conosciuto.

miriam

Author's data

Re: Intervista a Nicola Bibolotti

Messaggio da leggere da miriam »

Attendo anch'io l'incontro online. Nicola sembra una bellissima persona oltre che un bravo scrittore. :D

Rispondi

Torna a “Interviste e dibattiti con gli autori”



Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Carosello

Carosello

antologia di opere ispirate dal concetto di Carosello e per ricordare il 40° anniversario della sua chiusura

Nel 1977 andava in onda l'ultima puntata del popolare spettacolo televisivo serale seguito da adulti e bambini. Carosello era una sorta di contenitore pubblicitario, dove cartoni animati e pupazzetti vari facevano da allegro contorno ai prodotti da reclamizzare. Dato che questo programma andava in onda di sera, Carosello rappresentò per molti bambini il segnale di "stop alle attività quotidiane". Infatti si diffuse presto la formula "E dopo il Carosello, tutti a nanna".
Per il 40° anniversario della sua chiusura, agli autori abbiamo chiesto opere di genere libero che tenessero conto della semplicità che ha caratterizzato Carosello nei vent'anni durante i quali è andato felicemente in onda. I dodici autori qui pubblicati hanno partecipato alle selezioni del concorso e sono stati selezionati per questo progetto letterario. Le loro opere sono degni omaggi ai nostri ricordi (un po' sbiaditi e in bianco e nero) di un modo di stare in famiglia ormai dimenticato.
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Giorgio Leone, Enrico Teodorani, Cristina Giuntini, Maria Rosaria Spirito, Francesco Zanni Bertelli, Serena Barsottelli, Alberto Tivoli, Laura Traverso, Enrico Arlandini, Francesca Rosaria Riso, Giovanni Teresi, Angela Catalini.
Vedi ANTEPRIMA (357,78 KB scaricato 50 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

Luna 69-19

Luna 69-19

antologia di opere ispirate al concetto di "Luna" e dedicata al 50° anniversario della storica missione dell'Apollo 11

Il 20 luglio 1969 è la data che segna per sempre il momento in cui il primo essere umano ha posato per la prima volta i piedi sul suolo lunare. Quel giorno una parte di voi era d'avanti ai televisori in trepidante attesa del touch-down del lander, altri erano troppo piccoli per ricordarselo e altri ancora non erano neppure nati, tuttavia ne siamo stati tutti coinvolti in molteplici maniere.
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Alessandro Mazzi, Andrea Coco, Andrea Messina, Angelo Ciola, Cristina Giuntini, Daniele Missiroli, Enrico Teodorani, Francesca Paolucci, Franco Argento, F. T. Leo, Gabriele Laghi, Gabriele Ludovici, Gabriella Pison, Iunio Marcello Clementi, Laura Traverso, Marco Bertoli, Marco Daniele, Maria Emma Allamandri, Massimo Tessitori, Namio Intile, Pasquale Aversano, Pasquale Buonarotti, Pietro Rainero, Roberta Venturini, Roberto Paradiso, Saji Connor, Selene Barblan, Umberto Pasqui, Valentino Poppi, Vittorio Serra, Furio Bomben.
Vedi ANTEPRIMA (637,22 KB scaricato 51 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

BReVI AUTORI - volume 1

BReVI AUTORI - volume 1

collana antologica multigenere di racconti brevi

BReVI AUTORI è una collana di libri multigenere, ad ampio spettro letterario. I quasi cento brevi racconti pubblicati in ogni volume sono suddivisi usando il seguente schema ternario:

Fantascienza + Fantasy + Horror
Noir + Drammatico + Psicologico
Rosa + Erotico + Narrativa generale

La brevità va a pari passo con la modernità, basti pensare all'estrema sintesi dei messaggini telefonici o a quelli usati in internet da talune piattaforme sociali per l'interazione tra utenti. La pubblicità stessa ha fatto della brevità la sua arma più vincente, tentando (e spesso riuscendo) in pochi attimi di convincerci, di emozionarci e di farci sognare.
Ma gli estremismi non ci piacciono. Il nostro concetto di brevità è un po' più elastico di un SMS o di un aforisma: è un racconto scritto con cura in appena 2500 battute (sì, spazi inclusi).
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Fausto Scatoli. Giorgio Leone, Annamaria Vernuccio, Luca Franceschini, Alphaorg, Daniel Carrubba, Francesco Gallina, Serena Barsottelli, Alberto Tivoli, Giuseppe C. Budetta, Luca Volpi, Teresa Regna, Brenda Bonomelli, Liliana Tuozzo, Daniela Rossi, Tania Mignani, Enrico Teodorani, Francesca Paolucci, Umberto Pasqui, Ida Dainese, Marco Bertoli, Eliseo Palumbo, Francesco Zanni Bertelli, Isabella Galeotti, Sandra Ludovici, Thomas M. Pitt, Stefania Fiorin, Cristina Giuntini, Giuseppe Gallato, Marco Vecchi, Maria Lipartiti, Roberta Eman, Lucia Amorosi, Salvatore Di Sante, Valentina Iuvara, Renzo Maltoni, Andrea Casella.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (1,41 MB scaricato 125 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.



Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 28 - L'ultima notte

La Gara 28 - L'ultima notte

(febbraio 2012, 54 pagine, 1,94 MB)

Autori partecipanti: Nathan, Luigi Bonaro, Giorgio Arcari, Licetti, Ser Stefano, Antonella P, Arditoeufemismo, Jane 90, Lodovico, Flavio Graser, Angela Di Salvo, Roberta Michelini, Kutaki Arikumo, Tuarag, Unanime Uno, StillederNacht, Cordelia, ConcettaS, Mariadele, Lorella15, Alhelì, Morgana Bart, Bludoor, Diego Capani,
A cura di Lodovico.
Scarica questo testo in formato PDF (1,94 MB) - scaricato 575 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

La Gara 42 - Elogio della follia

La Gara 42 - Elogio della follia

(novembre 2013, 30 pagine, 763,20 KB)

Autori partecipanti: Nunzio Campanelli, Anto pigy, Pessimo autore, Eddie1969, Scrittore97, Alessandro D, Eliseo Palumbo, Luciallievi, Verity Hunt, Kaipirissima, Desiree Ferrarese,
A cura di Lodovico.
Scarica questo testo in formato PDF (763,20 KB) - scaricato 192 volte.
oppure in formato EPUB (390,15 KB) (vedi anteprima) - scaricato 186 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

La Gara 9 - Un racconto per un cortometraggio

La Gara 9 - Un racconto per un cortometraggio

(dicembre 2009, 46 pagine, 456,32 KB)

Autori partecipanti: Cmt, Manuela, Daniela, Arditoeufemismo, Mario, Augusto, Magnonove, Cosimo Vitiello, Miriam, Snuff, Phigreco, Pia,
A cura di Alessandro Napolitano.
Scarica questo testo in formato PDF (456,32 KB) - scaricato 476 volte.
oppure in formato EPUB (343,81 KB) (vedi anteprima) - scaricato 190 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.