Adorazione

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'autunno 2020.

Sondaggio

1 - non mi piace affatto
1
7%
2 - mi piace pochino
4
27%
3 - si lascia leggere
3
20%
4 - è bello
5
33%
5 - mi piace tantissimo
2
13%
 
Voti totali: 15

Letylety
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 7
Iscritto il: 21/03/2020, 12:12

Author's data

Adorazione

Messaggio da leggere da Letylety »


Il sole a ferragosto raggiunge lo zenit, immaginava l’uomo camminando pigramente lungo la banchina del porto. Tanti posti vuoti nei parcheggi acquatici, famiglie e variopinte compagnie di amici erano salpate di buon’ora per la giornata che rappresentava la festa dell’estate.
Nella sua testa molti ricordi affioravano come cartoline screpolate, dove il tempo della gioventù se n’era andato impercettibile. Era un pensiero ricorrente e la ricerca di quel cambio di passo, dal vociare esibito della giovinezza allo sciabordio silenzioso della maturità, non trovava mai risposta. Cos'era successo? Dov'era avvenuto il punto di svolta? E quanto era stato repentino per non essersene nemmeno accorto?
Quel sole abbagliante delle cinque della sera non gli metteva paura, anzi era una compagnia piacevole della sua solitudine. Aveva in sé il colore indefinito della speranza che crea un ordine naturale alle cose e il battito sincopato di un rimpianto impalpabile.
L’utopia è la miglior medicina nelle giornate estreme, pensava l’uomo.
Mentre il mondo celebrava la sua festa pagana, c’era chi si ritrovava completamente solo, con il carico del tempo. L’animo era leggero perché il caldo gli dava sempre un senso di festa. La pace interiore lo accompagnava durante quella passeggiata, dove le poche barche rimaste, ballavano placidamente la loro siesta e il vento tra gli alberi fischiava una musica antica.
Entrò in un bar e ordinò un caffè e un bicchiere d’acqua. Bevve tutto di un fiato, incocciando prima il caldo dalla tazzina e subito dopo il freddo del vetro. Pagò e uscì sulla strada bollente.
Fu lì che la vide.
Aveva I capelli color cenere e la pelle delicata. Il corpo snello e gli occhi azzurro-grigi lo bloccarono improvvisamente, che se si fosse trovato nella metro di una grande città, avrebbe creato problemi di assembramento, tanto improvviso fu il suo arresto.
Anche la ragazza lo guardò e sorrise. A occhio e croce aveva la metà dei suoi anni e il doppio della conoscenza del mondo.
Si avvicinò con sicurezza, con la testa vuota e nessun pensiero svolazzante se non l’ammirazione per una bellezza così perfetta. Le parlò brevemente. La ragazza tacque.
Rientrarono nel bar. L’uomo ordinò il solito caffè con un bicchiere d’acqua mentre la ragazza preferì una spremuta d’arancia. Rimasero in piedi lì, al bancone, nel bar senza clienti con il cameriere indaffarato a pulire i tavoli vuoti.
Terminata la consumazione uscirono camminando lentamente tra i marciapiedi deserti. Le mani si sfiorarono appena e loro subito sorrisero a quel leggero contatto.
Alla fine del viale arrivarono davanti a una porta che dava sulla strada. Era una tipica casa di mare, con le persiane azzurre, il muro intonacato di bianco e il tetto piano. L’uomo prese le chiavi poi spinse la porta e fece entrare la ragazza.
La stanza era tinta d’azzurro con piccole venature bianche al delimitare del soffitto. Sobria come la cella di un monaco: un tavolo di legno, una sedia e un piccolo letto ricoperto da lenzuola bianche la riempivano appena.
Unico oggetto fuori posto era un vecchio stereo messo in un angolo, collegato a un’unica cassa; e un disco, un vecchio quarantacinque giri senza copertina. Il locale era arioso e aperto al mondo e la notte avrebbe sicuramente riecheggiato dell’infrangersi delle onde, tanto era la vicinanza al mare.
La ragazza si pose al centro della stanza. Indossava un vestito sbracciato di lino bianco, con un leggero arricciamento intorno alla vita. Ai piedi aveva delle infradito color terra che si mimetizzavano con il pavimento, ad eccezione delle unghie laccate di bianco.
L’uomo si avvicinò e le chiese di rimanere scalza; anche lui fece lo stesso.
Appoggiò i piedi sul pavimento caldo. Il sole entrava dalla finestrella e illuminava i suoi capelli.
L’uomo le rivolse uno sguardo attento, poi andò verso il giradischi.
Una musica ipnotica riempì la stanza.
Io ballo a piedi nudi
Per un giro
Qualche strana musica mi attira
Le liriche di Patti Smith fluttuavano leggere nella stanza.
Lui s’inginocchiò e cominciò ad accarezzarle i piedi. Vi avvicinò il viso e li sfiorò con le labbra, passando le dita sulle caviglie.
Lei lo guardava incuriosita tenendo le braccia dritte lungo il corpo.
Poco alla volta l’uomo cominciò a risalire lungo le gambe. Non le scoprì, continuando ad
abbracciarla fino alla vita.
Le sue mani cercavano un appoggio sicuro, come un cieco che tasta il terreno. O come un naufrago della vita.
Arrivato alle spalle la cinse da dietro, sfiorandole il collo. Le mosse i capelli con il viso, tenendola per le braccia. Con le tempie si appoggiò alla nuca mentre la ragazza emetteva lunghi sospiri. Inspirò a lungo quell'odore di salsedine, stordente come un profumo d’oriente.
Si spostò e si piazzò davanti. Testa contro testa la strinse forte. E ridiscese verso il basso.
All'altezza dei seni si fermò, poi le baciò lo sterno, un bacio lunghissimo, puro, devoto.
Sto danzando a piedi nudi
Roteando
Una strana musica mi attira
Ritmi lenti e sincopati avvolgevano i due corpi.
Ridiscese lungo i fianchi immacolati di quel vestito di lino con il sole che scendeva. Giù giù lungo le gambe nude fino ai piedi color della terra.
Li strinse a sé, emettendo un lungo sospiro.
La ragazza mosse le braccia. Era la prima volta da quando era entrata in quella stanza. Le sue lunghe mani sottili gli sfiorarono i capelli lentamente. Poi li accarezzò con più forza, lo prese per la base del capo e lo portò più in alto, dove ardevano violenti gli umori di quell'estate solitaria.
Ansimava.
L’uomo in ginocchio la guardò con gli occhi umidi e trasognati.
Come un condannato arrivato all'ultimo respiro, come un monaco cenobita nella lode del mattino, giunse le mani in segno di supplica e le disse che non voleva profanare quel corpo che gli era offerto.
Avrebbe voluto continuare all'infinito quella sua personale adorazione.
Laura Traverso
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 421
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

Hai scritto questo racconto molto bene, con accurate descrizioni e sensazioni. Così ben espresse che pareva, leggendo, di viverle. Questo scritto, secondo me, è molto poetico e fiabesco: l'incontro, la sua rapida evoluzione e poi, l'adorazione… Normalmente nella vita reale succede il contrario. Credo sia difficile trovare uomini che, dinnanzi ad una richiesta così esplicita, supplichino di non procedere. Per ciò ho parlato di poesia… Brava! Mi è piaciuto. Voto alto
Lucia De Falco
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 95
Iscritto il: 08/03/2020, 14:37

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Lucia De Falco »

Il racconto mi è piaciuto innanzitutto per il linguaggio, molto curato, poi anche per la descrizione iniziale dello stato d'animo dell'uomo, con le riflessioni sull'utopia. La scena finale, più sensuale, è descritta in modo elegante, tra il detto e il non detto. Credo sia stato scritto da una donna, per la grande attenzione e sensibilità verso la figura femminile.
Roberto Virdo'
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 112
Iscritto il: 08/06/2020, 11:04

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Virdo' »

Una nota di merito per la citazione musicale. Ho dato uno sguardo al testo del brano, accipicchia che potenza poetica! Del resto quando parliamo di artisti di tale calibro difficile restare delusi. Chiedo scusa a LetyLety (Letizia?) per la digressione, probabilmente i più si ricorderanno la meravigliosa Frederick del 1979 che resta una pietra miliare dei suoi "best". Provare per credere.
Bello, molto. Scritto davvero bene. Padronanza della lingua notevole, a volte hai rischiato perfino di cadere nel troppo "ricercato" ma credo tu te lo possa permettere. E' vero la descrizione è poetica poiché incentrata sui sensi senza privilegiare in particolare la vista, cosa che trovo difficile ed estremamente pagante. La rinuncia (oserei dire estrema, ma senza ironia da parte mia) nobilita lo scritto innalzandolo a puro spirito. Sensibilità spiccata, complimenti per la scelta età matura vs giovane, anima vs corpo. Massimo voto.
Avatar utente
Ida-59
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 131
Iscritto il: 14/01/2020, 15:30
Località: Vigevano
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Ida-59 »

Breve racconto scritto bene, con l'introspettiva lentezza che mi piace. Quasi lirico in certi punti.
Il finale mi lascia però insoddisfatta perchè non mi spiega cosa è accaduto all'uomo, il cambiamento repentino tra giovinezza e maturità: è come se il finale fosse solo una parte della storia e ci fosse ancora un finale "vero" da leggere, che rispondesse alle domande che mi sono posta nella lettura.
Selene Barblan
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 417
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Un racconto sensoriale e estetico, mi viene da dire; sensoriale perché le descrizioni danno una panoramica dettagliata di ciò che provano i due personaggi, estetico perché le immagini create sono molto belle, calibrate e equilibrate. Mi piace molto lo stile e anche la vicenda, pur nella sua brevità. La scena finale, per come me la sono immaginata, sembra dipinta come in un quadro sacro. Anche le sensazioni che prova inizialmente l’uomo sono belle, nella sua solitudine riesce a trovare un senso e una pace. Bel racconto!
Mauro Conti
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 85
Iscritto il: 30/08/2020, 20:55

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Mauro Conti »

Bel pezzo sicuramente in primo luogo per la profondità emotiva, in secondo luogo per la fine descrizione dei dettagli ma senza che questi ultimi prendano il posto delle emozioni. E' il tipo di racconto che - per come sono fatto io e il mio "stile" - non riuscirò mai a comporre. E' una poesia in prosa e l'uso dei termini è veramente molto adeguato. Si sente una ventata di poesia e romanticismo.
Complimenti.
Macrelli Piero
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 44
Iscritto il: 24/02/2020, 15:22

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Macrelli Piero »

Questo è un commento in controtendenza rispetto agli altri e al risultato in classifica. Lo trovo un esercizio di stile formalmente curato, i rientri, gli a capo; cose del resto molto importanti nelle regole di queste gare (che io ho difficoltà a rispettare). A fine lettura mi è uscito un e allora? Dove si voleva andare a parare? I Personaggi mi sembrano stereotipati, in particolar modo la figura maschile che mostra troppo la mano femminile che lo crea.
Andr60
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 108
Iscritto il: 15/11/2019, 15:45

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Andr60 »

Racconto ben scritto, che evoca atmosfere rarefatte, tipiche dei pomeriggi estivi assolati e senza un alito di vento.
Dal mio punto di vista, si tratta di un voyeur (probabilmente feticista) particolarmente fortunato, visto che la ragazza lo ha accolto in casa propria, addirittura gratis!
A meno che, al termine delle liriche di Patti Smith, non gli chieda la carta di credito.
Francesco Pino
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 102
Iscritto il: 09/05/2020, 17:55

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Francesco Pino »

Il racconto è scritto indubbiamente bene, ma non mi esalta. La sofferenza del protagonista è solamente appena accennata, ci voleva, a moi parere, qualcosa che giustificasse il suo comportamento nel finale, del tutto atipico per un uomo in quella situazione. L'alone di mistero che circonda la ragazza va bene, ma forse tra lo scambio di sguardi el il bar quello che la convinse a seguire l'uomo andava un attimo chiarito… cosa si dissero?
Anna Gri
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 45
Iscritto il: 22/09/2020, 8:16

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Anna Gri »

Ho trovato questo racconto piacevole, da leggere. A dire il vero, il testo è riuscito a trasmettermi una forte sensazione di malinconia. Apprezzo la grazia e la capacità descrittiva dell’autrice, relativamente sia ai fatti che alle emozioni che ne scaturiscono.
Marcello Rizza
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 149
Iscritto il: 23/06/2015, 23:54

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Marcello Rizza »

Ciao Lety. E' il mio primo commento a un vostro racconto in questo concorso. Ho letto il tuo e mi sono fatta una idea. Poi ho letto i commenti e ho capito che dovevo rileggerlo. L'ho riletto altre due volte, con impegno. Pubblicamente ti dico che il tuo stile mi piace molto. La storia ha dei buchi importanti, che non racconto qui perché ognuno deve farsi una propria idea ma che ti spiegherò volentieri se vorrai contattarmi in privato. Il mio voto è 3 per stima riguardo al tuo lessico, alla tua poesia, a certe soluzioni immediate di assoluto effetto. anche se ero combattuto sul 2 perché la storia non funziona nei dettagli e in quell'immaginario che dev'essere comunque aiutato. Non per scoraggiarti. Senza questi commenti dalla mia editor non sarei cresciuto, sempre che sia cresciuto, e comunque non sono uno scrittore quindi prendi il mio giudizio come incompetente e ininfluente. Ai più sei piaciuta/o, a tutti sei piaciuta/o. Un abbraccio.
Ultima modifica di Marcello Rizza il 26/09/2020, 8:00, modificato 1 volta in totale.
Avatar utente
Massimo Baglione
rank (info):
Site Admin
Messaggi: 9337
Iscritto il: 11/04/2007, 12:20
Località: Belluno
Contatta:

Author's data

Re: Adorazione

Messaggio da leggere da Massimo Baglione »

Ricordatevi di specificare esattamente "Commento" come titolo del messaggio usato per commentare le opere in Gara (senza prefissi come "Re:" o altri suffissi), altrimenti non verranno conteggiati dal sistema, grazie!
Se invece state solo rispondendo, non serve specificare.
Ricordatevi anche che il testo del commento deve essere lungo almeno 200 battute.
Vi rimando alle istruzioni delle Gare letterarie.
Immagine

Immagine <<< io sono nel Club dei Recensori di BraviAutori.it.

Immagine

www.massimobaglione.org
ElianaF
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 75
Iscritto il: 21/12/2019, 19:35

Author's data

commento

Messaggio da leggere da ElianaF »

Racconto ben scritto, ma non mi appassiona. Mancano i dialoghi, è difatti un sogno. Trovo contrasto con l'inizio, dove la realtà è dettagliata, e poi si scivola nel sogno dove basta guardare una bella ragazza e lei segue l'uomo senza un perchè.
Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 509
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

scritto bene, praticamente senza errori o refusi a parte qualche virgola di troppo, forse con un linguaggio un po' esageratamente ricercato.
però faccio mio il commento di altri: alla fine cosa rimane? la figura di un adoratore maschio (che trovo anomala ma non impossibile) e niente altro.
mi manca il senso della storia, l'emozione reale...
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Avatar utente
carlocelenza
rank (info):
Sembro imbranato ma...
Messaggi: 448
Iscritto il: 05/03/2009, 9:37

Author's data

Re: Adorazione

Messaggio da leggere da carlocelenza »

Strana donna e strano uomo, lui desidera cosa? Lei sul più bello rifiutata cosa fa?
Descrivi un uomo che sogna da solo, tanto perso nelle sue elucubrazioni da essere alla fine deludente.
Non ci trovo un contrasto, un ripensamento, forse gli piace rimanere a piangersi addosso.
Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
Liliana Tuozzo
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 82
Iscritto il: 18/03/2010, 17:09

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Liliana Tuozzo »

Un racconto particolare. Scritto molto bene e con descrizioni accurate delle cose. Veniamo ai personaggi. Di lui, a parte che non è più tanto giovane ed è solo, sappiamo ben poco tranne che ha una casa in riva al mare e un giradischi con un vecchio disco. Di lei a parte il vestito bianco e gli infradito rimane ben poco, cosa pensa, cosa la spinge a seguire uno sconosciuto? Adorazione mi sempre una definizione un po' eccessiva, io direi piuttosto una commossa contemplazione.
Avatar utente
MattyManf
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 78
Iscritto il: 07/11/2020, 15:35
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da MattyManf »

Ho adorato lo stile di questo racconto. Le frasi sono intelligenti e si leggono con piacere. La passione, quella improvvisa, che orende per se ogni attenzione, è resa benissimo. Anche la parte più sensuale, quella in cui il protagonista moatra il suo modo di amare è coinvolgente, trovo reso bene anche il finale in cui rifiuta quel dono per cui nutre un'adorazione quasi sacarale.

Volendo trovare un difetto, forse sappiamo molto dell'adorata ma poco dell'adoratore. Puó esswrw una buona scelta se lo scopo è favorire l'immedesimazione in lui.

Altra piccola osservazione, nella parte centrale, al bar il livello (a parer mio) cala un pó e la scena risulta sbrigativa.

Nel complesso, il tuo racconto mi ha rqpito e incuriosito. È sensuale, ertoico, ma senza raggiungere una lascivia da cui potresti essere stato tentao, ma vhe avrebbe stomato con il resto.
:smt100 :smt100 :smt100
Date un'occhiara "Il Carillon di Absindaele" ,
il mio racconto gotico nella Gara d'Autnno!
Fatemi sapere cosa ne pensate!

Illustrazioni: https://www.instagram.com/chinevesperiane/
Wattpad: https://www.wattpad.com/user/NovelleVesperiane
Stefyp
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 189
Iscritto il: 26/07/2019, 18:48

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Stefyp »

Racconto ben scritto, ma che non mi ha lasciato nessuna emozione e un pochino mi ha annoiato. Abbastanza ben delineato lui, per niente lei. Forse era voluto, ma a me è sembrata una mancanza. Sembra quasi un esercizio stilistico più che un racconto. Mi spiace, ma il mio voto non può essere alto.
Rispondi

Torna a “Gara d'autunno, 2020”



Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


L'anno della Luce

L'anno della Luce

antologia ispirata all'Anno della Luce proclamato dall'ONU

Il 2015 è stato proclamato dall'Assemblea generale dell'Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU) Anno internazionale della luce e delle tecnologie basate sulla luce. Obiettivo dell'iniziativa adottata dall'ONU è promuovere la consapevolezza civile e politica del ruolo centrale svolto dalla luce nel mondo moderno. Noi di BraviAutori.it abbiamo pensato di abbracciare questa importante iniziativa proponendo agli autori di scrivere, disegnare o fotografare il loro personale legame con la luce, estendendo però la parola "luce" a tutti i suoi sinonimi, significati e scenari.
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Alessandro Carnier, Amelia Baldaro, Andrea Teodorani, Angelo Manarola, Anna Barzaghi, Annamaria Vernuccio, Anna Rita Foschini, Antonella Cavallo, Camilla Pugno, Cinzia Colantoni, Claudia Cuomo, Daniela Rossi, Daniela Zampolli, Domenico Ciccarelli, Dora Addeo, Elena Foddai, Emilia Cinzia Perri, Enrico Arlandini, Enrico Teodorani, Francesca Paolucci, Francesca Santucci, Furio Detti, Gilbert Paraschiva, Giorgio Billone, Greta Fantini, Ianni Liliana, Imma D'Aniello, Lucia Amorosi, Maria Rosaria Spirito, Maria Spanu, Marina Den Lille Havfrue, Marina Paolucci, Massimo Baglione, Mauro Cancian, Raffaella Ferrari, Rosanna Fontana, Salvatore Musmeci, Sandra Ludovici, Simone Pasini, Sonia Tortora, Sonja Radaelli, Stefania Fiorin, Umberto Pasqui.
Vedi ANTEPRIMA (1,65 MB scaricato 186 volte).
info e commenti compralo su   amazon

IperStore - il lato oscuro dello Shopping

IperStore - il lato oscuro dello Shopping

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
È il giorno dell'inaugurazione di un supermercato, uno davvero grande, uno iper, uno dei tanti che avrete voi stessi frequentato e arricchito. Durante questa giornata di festa e di aggregazione sociale, qualcuno leggerà un dattiloscritto ancora inedito il cui contenuto trasformerà l'impossibile in normalità.
"...come se dal cielo fosse calata la mano divina di un Dio stanco e dispiaciuto dei propri errori, o come se tutte le altre grandi divinità fin'ora inventate dal Genere umano per compensare la propria inconsapevole ignoranza tribale e medievale verso i misteri della Natura e della Vita, si rivoltassero ai propri Creatori e decidessero di governare le loro fantasie".
La storia è leggermente erotica, vagamente fantasy, macchiata di horror e forse un po' comica.
Di Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (166,68 KB scaricato 42 volte).
info e commenti compralo su   amazon

A Quattro mani

A Quattro mani

antologia di opere scritte a più mani

Una collaborazione, di qualunque natura essa sia, diventa uno stimolo, la fusione di peculiarità ben definite, la concretizzazione di un'intesa, la meraviglia di scoprire quel qualcosa che individualmente non si sarebbe mai potuta fare. È una prova, una necessità di miglioramento, il superamento dei propri limiti stilistici o di quei blocchi creativi che sovente ci pongono di fronte a un disarmante "foglio bianco". Gli autori di questa antologia ci hanno voluto provare.
A cura di Massimo Baglione.
Copertina di Antonio Abbruzzese.

Contiene opere di: Chiara Masiero, Mauro Cancian, Stefania Fiorin, Anna Rita Foschini, Ida Dainese, Alberto Tivoli, Marina Paolucci, Maria Rosaria Spirito, Marina Den Lille Havfrue, Cristina Giuntini, David Bergamaschi, Giuseppe Gallato, Maria Elena Lorefice.
Vedi ANTEPRIMA (802,46 KB scaricato 105 volte).
info e commenti compralo su   amazon




Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


Calendario BraviAutori.it "Writer Factor" 2016 -  (a colori)

Calendario BraviAutori.it "Writer Factor" 2016 - (a colori)

(edizione 2016, 11,89 MB)

Autori partecipanti: Giuseppe Bauleo, Cristina Giuntini, Giorgio Leone, Ida Dainese, Anna Rita Foschini, Patrizia Chini, Nunzio Campanelli, Daniela Rossi, Lodovico, Marco Bertoli, Alberto Tivoli, Sandra Ludovici, Cristina Biolcati, Marina Paolucci,
A cura di Tullio Aragona.
Scarica questo testo in formato PDF (11,89 MB) - scaricato 174 volte..
Lascia un commento.

La Gara 37 - Il trinomio Fantastico

La Gara 37 - Il trinomio Fantastico

(aprile/maggio 2013, 50 pagine, 1,25 MB)

Autori partecipanti: Nunzio Campanelli, Marino Maiorino, Lodovico, Patrizia Benetti, Antares, Monica Porta may bee, Licetti, Yendis, Carlocelenza, Scrittore97, Anto Pigy, Pardan, Freecora, Lorella15, Polly Russell, LeggEri,
A cura di Mastronxo e Ser Stefano.
Scarica questo testo in formato PDF (1,25 MB) - scaricato 374 volte.
oppure in formato EPUB (1,30 MB) (vedi anteprima) - scaricato 216 volte..
Lascia un commento.

La Gara 55 - La capsula del Tempo

La Gara 55 - La capsula del Tempo

(ottobre 2015, 25 pagine, 824,77 KB)

Autori partecipanti: Ida Dainese, Carlocelenza, Angelo Manarola, Giorgio Leone, Patrizia Chini, Alberto Tivoli, Nembo13,
a cura di Skyla74.
Scarica questo testo in formato PDF (824,77 KB) - scaricato 218 volte.
oppure in formato EPUB (287,35 KB) (vedi anteprima) - scaricato 215 volte..
Lascia un commento.