La guerra di Montecarlo

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'autunno 2020.

Sondaggio

Sondaggio concluso il 22/12/2020, 23:00

1 - non mi piace affatto
0
Nessun voto
2 - mi piace pochino
3
14%
3 - si lascia leggere
11
52%
4 - è bello
7
33%
5 - mi piace tantissimo
0
Nessun voto
 
Voti totali: 21

Avatar utente
Liliana Tuozzo
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 132
Iscritto il: 18/03/2010, 17:09

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Liliana Tuozzo »

Un racconto sotto forma di lettera che fa una cronaca fedele di una situazione disastrosa.il divario è tra il ricco e il povero, identificato nei migranti, è reso ancora più accentuato dal luogo dove avviene la rivolta Montecarlo, regno del benessere. La narrazione è quasi giornalistica, ma ben condotta dall'autore, colpisce il lettore in maniera adeguata. Un buon racconto.
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
MattQuagliata
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 17
Iscritto il: 15/11/2020, 17:39

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da MattQuagliata »

Buona ambientazione, strutturalmente ben scritto, ma scarsa narrazione nella parte centrale e scarsa caratterizzazione del personaggio, per la quale non ho provato empatia, nemmeno nel finale, a mio avviso troppo sintetico. Qualche rigo in più avrebbe sicuramente aiutato a creare più suspance nel momento in cui i nemici irrompono per andarlo a prendere. Si lascia leggere
Avatar utente
MattyManf
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 101
Iscritto il: 07/11/2020, 15:35
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da MattyManf »

C'è qualcosa che mi sfugge in questo racconto. Lo sitle è buono e la narrazione scorre bene. Anche il protagonista trasmette angoscia senza risultare illegibile.

Ma, come dicevo, c'è qualcosa che mi sfugge. Ho capito che il problema sembrerebbero essere i "migranti", ma non capisco come o in che modo. Sono organizzati? Hanno uno scopo preciso? Oppure è una semplice iniziativa collettiva ristretta che poi è divampata.
Forse l'dea è che ci sia una rivolta generalizzata degli immigrati, ma non mi torna col fatto che ruban e fanno altri atti di vandalismo.

Sembra che l'unico movemente della rivolta possa essere l'invidia verso uno status che non hanno e che gli viene spiattelato dinnanzi ogni giorno, Forse è questa la scintilla?

PEr il resto, il racconto si lascia sicuramente leggere. Ma, perdonami, temo di non essere stato capace di recepire il messaggio che sembrerebbe voler mandare qesto testo
Ultima modifica di MattyManf il 14/12/2020, 19:29, modificato 1 volta in totale.
:smt100 :smt100 :smt100
Date un'occhiata a "Rose Nere" in Concorso FLASH.

sono FELICE perché...
:bicipit"Il Carillon di Absindaele" ,
si è piazzato al 3° posto su 45 concorrenti in Gara d'Autunno 2020!!!!
Fatemi sapere cosa ne pensate!
Illustrazioni: @chinevesperiane
Wattpad: https://www.wattpad.com/user/NovelleVesperiane
Francesco Pino
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 140
Iscritto il: 09/05/2020, 17:55

Author's data

Re: La guerra di Montecarlo

Messaggio da leggere da Francesco Pino »

MattyManf ha scritto: 19/11/2020, 12:29 C'è qualcosa che mi sfugge in questo racconto. Lo sitle è buono e la narrazione scorre bene. Anche il protagonista trasmette angoscia senza risultare illegibile.

Ma, come dicevo, c'è qualcosa che mi sfugge. Ho capito che il problema sembrerebbero essere i "migranti", ma non capisco come o in che modo. Sono organizzati? Hanno uno scopo preciso? Oppure è una semplice iniziativa collettiva ristretta che poi è divampata.
Forse l'dea è che ci sia una rivolta generalizzata degli immigrati, ma non mi torna col fatto che ruban e fanno altri atti di vandalismo.

Sembra che l'unico movemente della rivolta possa essere l'invidia verso uno status che non hanno e che gli viene spiattelato dinnanzi ogni giorno, Forse è questa la scintilla?

PEr il resto, il racconto si lascia sicuramente leggere. Ma, perdonami, temo di non essere stato capace di recepire il messaggio che sembrerebbe voler mandare qesto testo
Nel racconto c'è scritto: "inizio' la fuori, vai a sapere come e vai a sapere perché. La scintilla non è mai la causa della rivolta, è solo la goccia che fa traboccare il vaso". Il movente della rivolta è la rabbia. Ti sembra razionale dar fuoco alle auto e rompere le vetrine? Eppure non è detto che chi lo fa sia dalla parte del torto… non esiste una violenza razionale, puo' essere solo giustificabile o meno.
Dove qualcuno vede invidia verso chi ha di più qualcun altro vede diseguaglianze sociali.
Avatar utente
MattyManf
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 101
Iscritto il: 07/11/2020, 15:35
Contatta:

Author's data

Re: La guerra di Montecarlo

Messaggio da leggere da MattyManf »

Ora mi è più chiaro il messaggio che vuoi dare.
In ogni caso, ci tengo a chiarire che era un dubbio e non una critiva sterile al tuo racconto (che ho apprezzato, a dire il vero).

No, non mi sembra razionale che le persone diano fuoco alle auto o rompano le vetrine. Proprio questa irrazionalità (bada, è un parere personale) non mi sembra la stessa che muove alla fine una ricvolta capace di mettere in crisi le fronitere tra stati diversi. Ma evidentemente non siamo dello stesso parere su un piano più politico-ideologico che letterario.

Ci tengo a precisare che non è con la politica o con l'ideologia che ho votato, ma con l'occhio di un lettore che ha apprezzato davvero il tuo lavoro.
Spero le mie parole non mi abbiano fatto fraintendere
:smt100 :smt100 :smt100
Date un'occhiata a "Rose Nere" in Concorso FLASH.

sono FELICE perché...
:bicipit"Il Carillon di Absindaele" ,
si è piazzato al 3° posto su 45 concorrenti in Gara d'Autunno 2020!!!!
Fatemi sapere cosa ne pensate!
Illustrazioni: @chinevesperiane
Wattpad: https://www.wattpad.com/user/NovelleVesperiane
Marcello Rizza
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 251
Iscritto il: 23/06/2015, 23:54

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Marcello Rizza »

Il racconto di Francesco è quello che, nel momento di votarlo, mi ha messo più in difficoltà. Non mi piaceva il sottotesto, non era lineare con il mio sentire. Mi sembrava di leggere una moderna rivoluzione francese, che tutti vedono come una meraviglia ma che molti scordano che per vederne gli effetti sono occorsi settanta anni di barbarie, di vendette, di altri sovranismi. E comunque sono sensibile alla disperazione di chi prova a sottrarsi dalla disperazione che vive chi scappa vedendo la meraviglia che esiste in altri posti e che chi vive in quei posti critica. Ma questo è un concorso letterario, non un gruppo di discussione, e dal punto di vista letterario questo racconto è scritto bene, è intelligente, è bello. E non capisco perché non sia più in alto in classifica.
Francesco Pino
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 140
Iscritto il: 09/05/2020, 17:55

Author's data

Re: La guerra di Montecarlo

Messaggio da leggere da Francesco Pino »

MattyManf ha scritto: 19/11/2020, 19:09 Ora mi è più chiaro il messaggio che vuoi dare.
In ogni caso, ci tengo a chiarire che era un dubbio e non una critiva sterile al tuo racconto (che ho apprezzato, a dire il vero).

No, non mi sembra razionale che le persone diano fuoco alle auto o rompano le vetrine. Proprio questa irrazionalità (bada, è un parere personale) non mi sembra la stessa che muove alla fine unvea ricvolta capace di mettere in crisi le fronitere tra stati diversi. Ma evidentemente non siamo dello stesso parere su un piano più politico-ideologico che letterario.

Ci tengo a precisare che non è con la politica o con l'ideologia che ho votato, ma con l'occhio di un lettore che ha apprezzato davvero il tuo lavoro.
Spero le mie parole non mi abbiano fatto fraintendere
No certo, io ti ho risposto telegraficamente in base a quel dubbio. Devi tener conto che c'è della fantasia nel racconto, il fatto non è mai accaduto.
Le distanze sociali provocano spesso rivolte (è accennato anche nel racconto), vedi cos'è accaduto in America ultimamente o anche in Francia con i gilet gialli. Nel racconto queste distanze sociali, già marcate per conto loro, vengono definitivamente segnate da un muro che io ho piazzato a Monaco ma che possiamo mettere dove vogliamo noi, anche metaforicamente. Le rivolte e i muri non sono opinioni, sono realtà che fra la gente creano poi opinioni differenti.
Francesco Pino
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 140
Iscritto il: 09/05/2020, 17:55

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Francesco Pino »

Marcello Rizza ha scritto: 19/11/2020, 19:55 Il racconto di Francesco è quello che, nel momento di votarlo, mi ha messo più in difficoltà. Non mi piaceva il sottotesto, non era lineare con il mio sentire. Mi sembrava di leggere una moderna rivoluzione francese, che tutti vedono come una meraviglia ma che molti scordano che per vederne gli effetti sono occorsi settanta anni di barbarie, di vendette, di altri sovranismi. E comunque sono sensibile alla disperazione di chi prova a sottrarsi dalla disperazione che vive chi scappa vedendo la meraviglia che esiste in altri posti e che chi vive in quei posti critica. Ma questo è un concorso letterario, non un gruppo di discussione, e dal punto di vista letterario questo racconto è scritto bene, è intelligente, è bello. E non capisco perché non sia più in alto in classifica.
Grazie del bel commento Marcello. E' una questione di gusti… a me non piacciono le storie d'amore e dunque ben difficilmente ne premierei una con un voto molto alto. Nel leggere quello che hai scritto del mio racconto i mi sento già vincitore del premio della critica :D
M.perrella
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 28
Iscritto il: 28/03/2020, 19:22

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da M.perrella »

Strabiliante la lucidità mentale di questa persona negli ultimi momenti della sua vita, mentre beve una bottiglia di vino, l'ultima, e ascolta con trepidazione le urla e il fracasso in avvicinamento ed è così reale che il lettore ne è coinvolto, anche se alcuni passaggi andrebbero tranquillamente eliminati per dare più forza al racconto. Ma questi sono solo punti di vista personali. E poi le considerazioni sociopolitiche che fanno da sfondo al dramma che si va consumando e che partono da lontano, fanno sì che nel protagonista avvenga un cambiamento reale, se non di comodo.
Simone_Non_é
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 160
Iscritto il: 16/12/2019, 1:27

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Simone_Non_é »

Racconto scritto bene che affronta il tema della diseguaglianza dal punto di vista di chi, forse, col passare del tempo allontanatosi dalle sue origini ha finito per essere vittima sacrificale di istinti violenti quanto rabbiosi. In questa parte "Questi non voglio spaccare tutto, vogliono le nostre teste!" immagino che quel "voglio" sia un "vogliono". Buona scrittura
Rispondi

Torna a “Gara d'autunno, 2020”



Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Carosello

Carosello

antologia di opere ispirate dal concetto di Carosello e per ricordare il 40° anniversario della sua chiusura

Nel 1977 andava in onda l'ultima puntata del popolare spettacolo televisivo serale seguito da adulti e bambini. Carosello era una sorta di contenitore pubblicitario, dove cartoni animati e pupazzetti vari facevano da allegro contorno ai prodotti da reclamizzare. Dato che questo programma andava in onda di sera, Carosello rappresentò per molti bambini il segnale di "stop alle attività quotidiane". Infatti si diffuse presto la formula "E dopo il Carosello, tutti a nanna".
Per il 40° anniversario della sua chiusura, agli autori abbiamo chiesto opere di genere libero che tenessero conto della semplicità che ha caratterizzato Carosello nei vent'anni durante i quali è andato felicemente in onda. I dodici autori qui pubblicati hanno partecipato alle selezioni del concorso e sono stati selezionati per questo progetto letterario. Le loro opere sono degni omaggi ai nostri ricordi (un po' sbiaditi e in bianco e nero) di un modo di stare in famiglia ormai dimenticato.
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Giorgio Leone, Enrico Teodorani, Cristina Giuntini, Maria Rosaria Spirito, Francesco Zanni Bertelli, Serena Barsottelli, Alberto Tivoli, Laura Traverso, Enrico Arlandini, Francesca Rosaria Riso, Giovanni Teresi, Angela Catalini.
Vedi ANTEPRIMA (357,78 KB scaricato 56 volte).
info e commenti compralo su   amazon

Se io fossi... scriverei!

Se io fossi... scriverei!

Antologia di opere ispirate dai nostri autori preferiti

Ognuno di noi ha un proprio autore preferito.
Cosa scrivereste se voi foste loro?
O se loro entrassero in voi?
A cura di Massimo Baglione.
Copertina di Giuliana Ricci.

Contiene opere di: Concita Imperatrice, Angela Di Salvo, Cinzia Colantoni, Daniela Rossi, Amelia Baldaro, Umberto Pasqui, Michela Giudici, Adriano Carrieri, Alma Trucillo, Diego Cocco, Laura Chiabudini, Enrico Arlandini, Franca Cini, Mauro Sighicelli, Flora Lalli, Anna Rita Foschini, Fabrizio Roscini, Maria Rosaria Spirito, Sandra Ludovici, Mauro Cancian, Agata Alleruzzo, Giorgio Leone, Cristina Giuntini, Sashenka, Gloria Dafne Fedi, Rosanna Fontana, Marina Paolucci.
Vedi ANTEPRIMA (1,02 MB scaricato 175 volte).
info e commenti compralo su   amazon

La spina infinita

La spina infinita

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
"La spina infinita" è stato scritto quasi vent'anni fa, quando svolgevo il mio servizio militare obbligatorio, la cosiddetta "naja". In origine era una raccolta di lettere, poi pian piano ho integrato il tutto cercando di dare un senso all'intera opera. Quasi tutto il racconto analizza il servizio di leva, e si chiude con una riflessione, aggiunta recentemente, che riconsidera il tema trattato da un punto di vista più realistico e maturo.
Di Mario Stallone
a cura di Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (467,93 KB scaricato 200 volte).
info e commenti compralo su   amazon




Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 59 - Siamo come ci vedono o come ci vediamo noi?

La Gara 59 - Siamo come ci vedono o come ci vediamo noi?

(giugno/luglio 2016, 35 pagine, 1,73 MB)

Autori partecipanti: Lodovico, Nunzio Campanelli, Massimo Tivoli, Carlocelenza, Stefania Di Giannantonio, Mirtalastrega, Skyla74, Patrizia Chini, Gabriele Ludovici, Giorgio Leone,
a cura di Alberto Tivoli.
Scarica questo testo in formato PDF (1,73 MB) - scaricato 167 volte.
oppure in formato EPUB (583,49 KB) (vedi anteprima) - scaricato 157 volte..
Lascia un commento.

La Gara 8 - La vendetta dei cattivi

La Gara 8 - La vendetta dei cattivi

(ottobre 2009, 28 pagine, 470,72 KB)

Autori partecipanti: Alessandro Napolitano, Manuela Costantini, Macripa, Valentina, Cmt, Bonnie, Carlocelenza, Arditoeufemismo, Barbara Bracci, Daniela Bisin,
A cura di Miriam.
Scarica questo testo in formato PDF (470,72 KB) - scaricato 369 volte.
oppure in formato EPUB (342,36 KB) (vedi anteprima) - scaricato 219 volte..
Lascia un commento.

La Gara 62 - La famiglia

La Gara 62 - La famiglia

(gennaio/febbraio 2017, 35 pagine, 763,98 KB)

Autori partecipanti: Ida Dainese, Giorgio Leone, Alberto Tivoli, Mirtalastrega, Angela Catalini, Laura Usai, Patrizia Chini, Gabriele Ludovici, Fabrizio Bonati, Francesca Facoetti,
a cura di Massimo Tivoli.
Scarica questo testo in formato PDF (763,98 KB) - scaricato 76 volte.
oppure in formato EPUB (599,54 KB) (vedi anteprima) - scaricato 72 volte..
Lascia un commento.