La guerra di Montecarlo

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'autunno 2020.

Sondaggio

Sondaggio concluso il 22/12/2020, 23:00

1 - non mi piace affatto
0
Nessun voto
2 - mi piace pochino
3
14%
3 - si lascia leggere
11
52%
4 - è bello
7
33%
5 - mi piace tantissimo
0
Nessun voto
 
Voti totali: 21

Avatar utente
Liliana Tuozzo
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 132
Iscritto il: 18/03/2010, 17:09

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Liliana Tuozzo »

Un racconto sotto forma di lettera che fa una cronaca fedele di una situazione disastrosa.il divario è tra il ricco e il povero, identificato nei migranti, è reso ancora più accentuato dal luogo dove avviene la rivolta Montecarlo, regno del benessere. La narrazione è quasi giornalistica, ma ben condotta dall'autore, colpisce il lettore in maniera adeguata. Un buon racconto.
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine
MattQuagliata
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 17
Iscritto il: 15/11/2020, 17:39

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da MattQuagliata »

Buona ambientazione, strutturalmente ben scritto, ma scarsa narrazione nella parte centrale e scarsa caratterizzazione del personaggio, per la quale non ho provato empatia, nemmeno nel finale, a mio avviso troppo sintetico. Qualche rigo in più avrebbe sicuramente aiutato a creare più suspance nel momento in cui i nemici irrompono per andarlo a prendere. Si lascia leggere
Avatar utente
MattyManf
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 101
Iscritto il: 07/11/2020, 15:35
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da MattyManf »

C'è qualcosa che mi sfugge in questo racconto. Lo sitle è buono e la narrazione scorre bene. Anche il protagonista trasmette angoscia senza risultare illegibile.

Ma, come dicevo, c'è qualcosa che mi sfugge. Ho capito che il problema sembrerebbero essere i "migranti", ma non capisco come o in che modo. Sono organizzati? Hanno uno scopo preciso? Oppure è una semplice iniziativa collettiva ristretta che poi è divampata.
Forse l'dea è che ci sia una rivolta generalizzata degli immigrati, ma non mi torna col fatto che ruban e fanno altri atti di vandalismo.

Sembra che l'unico movemente della rivolta possa essere l'invidia verso uno status che non hanno e che gli viene spiattelato dinnanzi ogni giorno, Forse è questa la scintilla?

PEr il resto, il racconto si lascia sicuramente leggere. Ma, perdonami, temo di non essere stato capace di recepire il messaggio che sembrerebbe voler mandare qesto testo
Ultima modifica di MattyManf il 14/12/2020, 19:29, modificato 1 volta in totale.
:smt100 :smt100 :smt100
Date un'occhiata a "Rose Nere" in Concorso FLASH.

sono FELICE perché...
:bicipit"Il Carillon di Absindaele" ,
si è piazzato al 3° posto su 45 concorrenti in Gara d'Autunno 2020!!!!
Fatemi sapere cosa ne pensate!
Illustrazioni: @chinevesperiane
Wattpad: https://www.wattpad.com/user/NovelleVesperiane
Francesco Pino
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 140
Iscritto il: 09/05/2020, 17:55

Author's data

Re: La guerra di Montecarlo

Messaggio da leggere da Francesco Pino »

MattyManf ha scritto: 19/11/2020, 12:29 C'è qualcosa che mi sfugge in questo racconto. Lo sitle è buono e la narrazione scorre bene. Anche il protagonista trasmette angoscia senza risultare illegibile.

Ma, come dicevo, c'è qualcosa che mi sfugge. Ho capito che il problema sembrerebbero essere i "migranti", ma non capisco come o in che modo. Sono organizzati? Hanno uno scopo preciso? Oppure è una semplice iniziativa collettiva ristretta che poi è divampata.
Forse l'dea è che ci sia una rivolta generalizzata degli immigrati, ma non mi torna col fatto che ruban e fanno altri atti di vandalismo.

Sembra che l'unico movemente della rivolta possa essere l'invidia verso uno status che non hanno e che gli viene spiattelato dinnanzi ogni giorno, Forse è questa la scintilla?

PEr il resto, il racconto si lascia sicuramente leggere. Ma, perdonami, temo di non essere stato capace di recepire il messaggio che sembrerebbe voler mandare qesto testo
Nel racconto c'è scritto: "inizio' la fuori, vai a sapere come e vai a sapere perché. La scintilla non è mai la causa della rivolta, è solo la goccia che fa traboccare il vaso". Il movente della rivolta è la rabbia. Ti sembra razionale dar fuoco alle auto e rompere le vetrine? Eppure non è detto che chi lo fa sia dalla parte del torto… non esiste una violenza razionale, puo' essere solo giustificabile o meno.
Dove qualcuno vede invidia verso chi ha di più qualcun altro vede diseguaglianze sociali.
Avatar utente
MattyManf
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 101
Iscritto il: 07/11/2020, 15:35
Contatta:

Author's data

Re: La guerra di Montecarlo

Messaggio da leggere da MattyManf »

Ora mi è più chiaro il messaggio che vuoi dare.
In ogni caso, ci tengo a chiarire che era un dubbio e non una critiva sterile al tuo racconto (che ho apprezzato, a dire il vero).

No, non mi sembra razionale che le persone diano fuoco alle auto o rompano le vetrine. Proprio questa irrazionalità (bada, è un parere personale) non mi sembra la stessa che muove alla fine una ricvolta capace di mettere in crisi le fronitere tra stati diversi. Ma evidentemente non siamo dello stesso parere su un piano più politico-ideologico che letterario.

Ci tengo a precisare che non è con la politica o con l'ideologia che ho votato, ma con l'occhio di un lettore che ha apprezzato davvero il tuo lavoro.
Spero le mie parole non mi abbiano fatto fraintendere
:smt100 :smt100 :smt100
Date un'occhiata a "Rose Nere" in Concorso FLASH.

sono FELICE perché...
:bicipit"Il Carillon di Absindaele" ,
si è piazzato al 3° posto su 45 concorrenti in Gara d'Autunno 2020!!!!
Fatemi sapere cosa ne pensate!
Illustrazioni: @chinevesperiane
Wattpad: https://www.wattpad.com/user/NovelleVesperiane
Marcello Rizza
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 251
Iscritto il: 23/06/2015, 23:54

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Marcello Rizza »

Il racconto di Francesco è quello che, nel momento di votarlo, mi ha messo più in difficoltà. Non mi piaceva il sottotesto, non era lineare con il mio sentire. Mi sembrava di leggere una moderna rivoluzione francese, che tutti vedono come una meraviglia ma che molti scordano che per vederne gli effetti sono occorsi settanta anni di barbarie, di vendette, di altri sovranismi. E comunque sono sensibile alla disperazione di chi prova a sottrarsi dalla disperazione che vive chi scappa vedendo la meraviglia che esiste in altri posti e che chi vive in quei posti critica. Ma questo è un concorso letterario, non un gruppo di discussione, e dal punto di vista letterario questo racconto è scritto bene, è intelligente, è bello. E non capisco perché non sia più in alto in classifica.
Francesco Pino
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 140
Iscritto il: 09/05/2020, 17:55

Author's data

Re: La guerra di Montecarlo

Messaggio da leggere da Francesco Pino »

MattyManf ha scritto: 19/11/2020, 19:09 Ora mi è più chiaro il messaggio che vuoi dare.
In ogni caso, ci tengo a chiarire che era un dubbio e non una critiva sterile al tuo racconto (che ho apprezzato, a dire il vero).

No, non mi sembra razionale che le persone diano fuoco alle auto o rompano le vetrine. Proprio questa irrazionalità (bada, è un parere personale) non mi sembra la stessa che muove alla fine unvea ricvolta capace di mettere in crisi le fronitere tra stati diversi. Ma evidentemente non siamo dello stesso parere su un piano più politico-ideologico che letterario.

Ci tengo a precisare che non è con la politica o con l'ideologia che ho votato, ma con l'occhio di un lettore che ha apprezzato davvero il tuo lavoro.
Spero le mie parole non mi abbiano fatto fraintendere
No certo, io ti ho risposto telegraficamente in base a quel dubbio. Devi tener conto che c'è della fantasia nel racconto, il fatto non è mai accaduto.
Le distanze sociali provocano spesso rivolte (è accennato anche nel racconto), vedi cos'è accaduto in America ultimamente o anche in Francia con i gilet gialli. Nel racconto queste distanze sociali, già marcate per conto loro, vengono definitivamente segnate da un muro che io ho piazzato a Monaco ma che possiamo mettere dove vogliamo noi, anche metaforicamente. Le rivolte e i muri non sono opinioni, sono realtà che fra la gente creano poi opinioni differenti.
Francesco Pino
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 140
Iscritto il: 09/05/2020, 17:55

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Francesco Pino »

Marcello Rizza ha scritto: 19/11/2020, 19:55 Il racconto di Francesco è quello che, nel momento di votarlo, mi ha messo più in difficoltà. Non mi piaceva il sottotesto, non era lineare con il mio sentire. Mi sembrava di leggere una moderna rivoluzione francese, che tutti vedono come una meraviglia ma che molti scordano che per vederne gli effetti sono occorsi settanta anni di barbarie, di vendette, di altri sovranismi. E comunque sono sensibile alla disperazione di chi prova a sottrarsi dalla disperazione che vive chi scappa vedendo la meraviglia che esiste in altri posti e che chi vive in quei posti critica. Ma questo è un concorso letterario, non un gruppo di discussione, e dal punto di vista letterario questo racconto è scritto bene, è intelligente, è bello. E non capisco perché non sia più in alto in classifica.
Grazie del bel commento Marcello. E' una questione di gusti… a me non piacciono le storie d'amore e dunque ben difficilmente ne premierei una con un voto molto alto. Nel leggere quello che hai scritto del mio racconto i mi sento già vincitore del premio della critica :D
M.perrella
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 28
Iscritto il: 28/03/2020, 19:22

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da M.perrella »

Strabiliante la lucidità mentale di questa persona negli ultimi momenti della sua vita, mentre beve una bottiglia di vino, l'ultima, e ascolta con trepidazione le urla e il fracasso in avvicinamento ed è così reale che il lettore ne è coinvolto, anche se alcuni passaggi andrebbero tranquillamente eliminati per dare più forza al racconto. Ma questi sono solo punti di vista personali. E poi le considerazioni sociopolitiche che fanno da sfondo al dramma che si va consumando e che partono da lontano, fanno sì che nel protagonista avvenga un cambiamento reale, se non di comodo.
Simone_Non_é
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 160
Iscritto il: 16/12/2019, 1:27

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Simone_Non_é »

Racconto scritto bene che affronta il tema della diseguaglianza dal punto di vista di chi, forse, col passare del tempo allontanatosi dalle sue origini ha finito per essere vittima sacrificale di istinti violenti quanto rabbiosi. In questa parte "Questi non voglio spaccare tutto, vogliono le nostre teste!" immagino che quel "voglio" sia un "vogliono". Buona scrittura
Rispondi

Torna a “Gara d'autunno, 2020”



Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


La donna dipinta per caso

La donna dipinta per caso

racconti e poesie imperniati sulla donna in tutte le sue sfaccettature

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
Il libro contiene quattro racconti lunghi, undici racconti brevi e trentuno poesie. Il tema principale è la donna in tutte le sue sfaccettature: amante, madre, figlia, gioco, musa, insegnante, dolore, tecnologia, delusione e speranza. Nella prefazione è ospitato un generoso commento del prof. Carlo Pedretti, professore emerito di storia dell'arte italiana e titolare della cattedra di studi su Leonardo presso l'Università della California a Los Angeles, dove dirige il Centro Hammer di Studi Vinciani con sede italiana presso Urbino. Copertina e alcune illustrazioni interne di Furio Bomben.
Di Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (2,11 MB scaricato 758 volte).
info e commenti compralo su   amazon

Downgrade

Downgrade

Riduzione di complessità - il libro Downpunk

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
è probabilmente il primo libro del genere Downpunk, ma forse è meglio dire che il genere Downpunk è nato con questo libro. Sam L. Basie, autore ingiustamente sconosciuto, presenta una visione dell'immediato futuro che ci lascerà a bocca aperta. In un futuro dove l'individuo è perennemente connesso alla globalità tanto da renderlo succube grazie alla sua immediatezza, è l'Umanità intera a operare su se stessa una "riduzione di complessità", operazione resa necessaria per riportare l'Uomo a una condizione di vita più semplice, più naturale e più... umana. Nel libro, l'autore afferma che "anche solo una volta all'anno, l'Essere umano ha bisogno di arrangiarsi, per sentirsi vivo e per dare un senso alla propria vita", ma in un mondo dove tutto ciò gli è negato dall'estremo benessere e dall'estrema tecnologia, le menti si sviluppano in maniera assai precaria e desolante, e qualsiasi inconveniente possa capitare diventerà un dramma esistenziale.
Di Sam L. Basie
a cura di Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (2,50 MB scaricato 232 volte).
info e commenti compralo su   amazon

Mai Più

Mai Più

Antologia di opere grafiche e letterarie aventi per tema il concetto del MAI PIÙ in memoria del centenario della fine della Prima Guerra Mondiale, di AA.VV.

Nel 2018 cade il centenario della fine della Prima Guerra Mondiale, perciò abbiamo voluto celebrare quella follia del Genere umano con un'antologia di opere grafiche e letterarie di genere libero aventi per tema il concetto del "mai più".

Copertina di Pierluigi Sferrella.
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Ida Dainese, Alessandro Carnier, Romano Lenzi, Francesca Paolucci, Pasquale Aversano, Luisa Catapano, Massimo Melis, Alessandro Zanacchi, Furio Bomben, Pierluigi Sferrella, Enrico Teodorani, Laura Traverso, F. T. Leo, Cristina Giuntini, Gabriele Laghi e Mara Bomben.
info e commenti compralo su   amazon




Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


Calendario BraviAutori.it "Year-end writer" 2017 - (in bianco e nero)

Calendario BraviAutori.it "Year-end writer" 2017 - (in bianco e nero)

(edizione 2017, 2,39 MB)

Autori partecipanti:
A cura di Tullio Aragona.
Scarica questo testo in formato PDF (2,39 MB) - scaricato 18 volte..
Lascia un commento.

La Gara 65 - Viaggi, amici, bagagli

La Gara 65 - Viaggi, amici, bagagli

(luglio/agosto 2017, 30 pagine, 676,30 KB)

Autori partecipanti: Ser Stefano, Massimo Tivoli, Daniele Missiroli, Angela Catalini, Nunzio Campanelli, Enrico Gallerati, Angelo Manarola.
a cura di Ida Dainese.
Scarica questo testo in formato PDF (676,30 KB) - scaricato 58 volte.
oppure in formato EPUB (757,58 KB) (vedi anteprima) - scaricato 64 volte..
Lascia un commento.

La Gara 49 - La contrapposizione

La Gara 49 - La contrapposizione

(novembre/dicembre 2014, 34 pagine, 560,91 KB)

Autori partecipanti: Umberto Pasqui, Nembo13, Nunzio Campanelli, Annamaria Vernuccio, Patrizia Chini, Milicianto, Ser Stefano, Francesca Santamaria, Lodovico, Giorgio Leone, Cladinoro, Silvia Torre.
a cura di Maddalena Cafaro.
Scarica questo testo in formato PDF (560,91 KB) - scaricato 163 volte.
oppure in formato EPUB (319,02 KB) (vedi anteprima) - scaricato 212 volte..
Lascia un commento.