L'importanza dei forum

Una zona dedicata alle riflessioni e alle idee.
(per pubblicare online poesie e racconti, usate il portale principale).
Namio Intile
Necrologista
Messaggi: 208
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Author's data

L'importanza dei forum

Messaggio da leggere da Namio Intile »

Il significato italiano della parola forum è quello di riunione pubblica, ma anche luogo d’incontro. Che su internet si fa virtuale. L’omologo termine latino ha un significato equivalente a quello della nostra piazza. Chi ricorda qualcosa di storia romana non avrà difficoltà ad agganciare il luogo, il foro, alle sue funzioni: di mercato pubblico, di luogo d’incontro per la discussione degli affari, del luogo fisico ove si amministra la giustizia. Di tutte queste funzioni è rimasta una reminiscenza nella lingua italiana: foro giudiziario, per esempio, ma anche nelle altre lingue romanze e non.
Il forum latino trae origine dall’agorà greca. Anch’essa equivalente nel significato alla nostra piazza; ma con uno spessore di significato irraggiungibile per l’italiano. L’agorà era lo spazio vuoto intorno al quale veniva edificata l’intera polis, a simboleggiare appunto l’importanza e la centralità di quel luogo d’incontro.
Infatti, la vita della polis greca si svolgeva attorno a tre luoghi cardine che delimitavano le tre sfere d’azione dell’esistenza umana. Sfere confinanti e comunicanti, ma dalle funzioni ben distinte.
La prima sfera era l’oikos, quella familiare e domestica in cui ogni individuo si formava. La seconda era l’ecclesìa, il luogo della politica, dove si affrontavano e risolvevano le questioni che riguardavano tutti i membri della polis. Tra oikos ed ecclesìa si trovava l’agorà. Il luogo che aveva la funzione di mettere in comunicazione questi due mondi, ma soprattutto di tenerli separati, ben divisi, salvaguardando l’integrità di ciascuno attraverso la loro comunicazione.
I greci di duemilacinquecento anni fa avevano compreso la funzione strategica e cruciale dell’agorà per il buon funzionamento della polis. L’autonomia dell’individuo cresciuto e formatosi all’interno dell’oikos trovava nell’agorà la sua esatta realizzazione e gli permetteva di decidere in libertà del proprio bene comune e di quanto fare per raggiungerlo. Questo peché l’agorà era un luogo privato/pubblico, un contesto ambivalente. Era un luogo di costante tensione e pertanto di compromesso, dialogo, cooperazione, ricerca della sintesi. Dentro l’agorà i cittadini imparavano da in-dividui (ciò che non è divisibile) le enormi possibilità spiegate dalla cooperazione.
Pertanto l’agorà era il luogo dell’intermediazione, dell’incontro, era il luogo dell’accrescimento delle idee; un po’ come dovrebbe avvenire nei forum virtuali. a Il cittadino cresciuto e formatosi nell’oikos e nell’agorà aveva poi la possibilità di mettersi alla prova nella sfera pubblica, di far politica, per il bene comune di tutti.
Ora, è interessante notare come oggi i forum virtuali stiano scomparendo. E insieme a essi stanno scomparendo, o si stanno indebolendo o cambiando la loro funzione, tutti i luoghi d’intermediazione come li abbiamo conosciuti negli ultimi due secoli; penso alle fabbriche e agli uffici, ai sindacati, ma anche alla scuola pubblica, alle sezioni dei partiti politici, intorno ai quali nascevano una miriade di altri luoghi e iniziative d’incontro, per non parlare della fine dei congressi nei partiti stessi. Penso alla Chiesa Cattolica con chiese e oratori vuoti, e a festività ridotte a pura liturgia.
Se la società moderna vede sparire i suoi luoghi d’incontro il risultato è che l’individuo, uscito di casa rimane solo.
Quindi il forum come luogo dell’incontro e della collaborazione.
La fine dei forum e delle agorà ci avvisa di un futuro che forse è già arrivato.

Avatar utente
Massimo Baglione
Site Admin
Messaggi: 9151
Iscritto il: 11/04/2007, 12:20
Località: Belluno
Contatta:

Author's data

Re: L'importanza dei forum

Messaggio da leggere da Massimo Baglione »

Ottima riflessione.
Se può consolarti, BraviAutori.it e il suo forum rimarranno fieramente qui, modernamente semplici, ad accogliere chi cerca un posto più semplice e umano dove scambiare idee e opinioni.
Immagine

Immagine <<< io sono nel Club dei Recensori di BraviAutori.it.

Immagine

www.massimobaglione.org

Selene Barblan
Necrologista
Messaggi: 297
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Re: L'importanza dei forum

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Trovo che l'articolo scritto da te sia molto interessante e che spieghi in modo accurato e sintetico le origini e il significato profondo del "forum". Le riflessioni sulle mancanze della società moderna rispecchiano il mio pensiero e le mie preoccupazioni; sono cresciuta con la difficoltà di comunicare per la tendenza di molti di voler prevaricare l'altro piuttosto che di ascoltare ed avere uno scambio puro e sincero, probabilmente anche per questo ho cominciato a scrivere. Anche ora che sono (solo un pochino) più decisa faccio fatica a farmi ascoltare, soprattutto in ambito professionale. Ho comunque la speranza che le cose possano migliorare, partendo dai singoli e dalle iniziative personali, come è d'ottimo esempio Bravi Autori.

Avatar utente
Massimo Baglione
Site Admin
Messaggi: 9151
Iscritto il: 11/04/2007, 12:20
Località: Belluno
Contatta:

Author's data

Re: L'importanza dei forum

Messaggio da leggere da Massimo Baglione »

Grazie per la stima, Selene :-)
Immagine

Immagine <<< io sono nel Club dei Recensori di BraviAutori.it.

Immagine

www.massimobaglione.org

Namio Intile
Necrologista
Messaggi: 208
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Author's data

Re: L'importanza dei forum

Messaggio da leggere da Namio Intile »

Grazie, Massimo. E grazie a te, Selene. Riflessione acuta la tua in quanto è legata alla fine dei processi di intermediazione. La volontà di prevaricazione e la difficoltà a farsi sentire sono le conseguenze della solitudine del cittadino globale, per parafrasare un saggio di Zygmunt Bauman. Quando soltanto alle proprie capacità (o a quelle della propria famiglia) viene demandato il successo individuale (che consiste nel corretto inserimento nella società), allora ogni mezzo necessario a raggiungere quel fine è lecito. Ed è lecito perché venuto meno ogni riferimento etico, morale, religioso. Come unico giudice dei comportamenti umani leciti è rimasta la norma giuridica. Pertanto la scorrettezza, il desiderio di prevaricare, l'aggressività, nella misura in cui non sono sanzionati sono non solo funzionali al raggiungimento degli obiettivi, ma persino benvisti e incoraggiati. È il darwinismo sociale, che ha stravolto il pensiero di Darwin appropriandosene indegnamente, dove trionfa la sopravvivenza del migliore. Non del più adatto. Ma solo di quello che di volta in volta viene dalla società considerato il migliore. Una meritocrazia globale (o familismo amorale declinato all'italiana) dove il merito è stabilito non in base alle qualità di ciascuno (coraggio, altruismo, generosità, saggezza, conoscenza), ma in base alla funzione (medico, avvocato, poliziotto) e quindi alla quantità di sapere accumulato (laurea in medicina, specializzazione in ginecologia ecc.).
Coltiva la tua in-dividualità avendo nostalgia per una collettività che non esiste più.

Avatar utente
carlocelenza
Sembro imbranato ma...
Messaggi: 429
Iscritto il: 05/03/2009, 9:37

Author's data

Re: L'importanza dei forum

Messaggio da leggere da carlocelenza »

Sante parole. Bravo tu e chi ha il coraggio di andare controcorrente dicendo pane al pane a vino al vino. Grazie.
Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Namio Intile
Necrologista
Messaggi: 208
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Author's data

Re: L'importanza dei forum

Messaggio da leggere da Namio Intile »

Grazie a te.

Donnamaruci
Foglio bianco
Messaggi: 1
Iscritto il: 27/06/2020, 8:17

Author's data

Re: L'importanza dei forum

Messaggio da leggere da Donnamaruci »

L'importanza del forum sta nella capacità di comunicare con persone diverse e discutere argomenti specifici ed esprimere la tua opinione. Inoltre, questa è una grande opportunità per fare nuove amicizie.

Avatar utente
Massimo Baglione
Site Admin
Messaggi: 9151
Iscritto il: 11/04/2007, 12:20
Località: Belluno
Contatta:

Author's data

Re: L'importanza dei forum

Messaggio da leggere da Massimo Baglione »

Ciao, Donnamaruci, benvenuta!
Se vuoi, pubblica qualcosa di tuo online (testo completo), o partecipa ai concorsi.
Ci sono anche le Gare letterarie stagionali e tanto altro.
Se ti piace leggere, ci sono da leggere e commentare le opere degli altri autori e i nostri ebook gratuiti.
Buon lavoro!
Immagine

Immagine <<< io sono nel Club dei Recensori di BraviAutori.it.

Immagine

www.massimobaglione.org

Rispondi

Torna a “Pensieri sparsi”


Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 48 - Stelle

La Gara 48 - Stelle

(settembre/ottobre 2014, 34 pagine, 799,91 KB)

Autori partecipanti: Maddalena Cafaro, Nunzio Campanelli, Stella_decadente, Marina Paolucci, Umberto Pasqui, Patrizia Chini, Annamaria Vernuccio, Paolo Ninzatti, Lodovico,
a cura di Marina Paolucci (con la supervisione di Lodovico Ferrari).
Scarica questo testo in formato PDF (799,91 KB) - scaricato 113 volte.
oppure in formato EPUB (380,91 KB) (vedi anteprima) - scaricato 168 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

La Gara 27 - Io, frammenti di autobiografie

La Gara 27 - Io, frammenti di autobiografie

(gennaio 2012, 80 pagine, 1,06 MB)

Autori partecipanti: Lodovico, Ardito eufemismo, Skyla74, Nathan, Feffone, Mariadele, Stilledernacht, Tania Maffei, Angela di Salvo, Unanime uno, Cordelia, Ritavaleria, hellies15, Manuela, Tuarag, Licetti, Roberta Michelini, Antonella P, Kutaki Arikumo, Ser Stefano, Alessandro Napolitano, Alessandra 90, Alheli, Triptilpazol,
A cura di Ser Stefano.
Scarica questo testo in formato PDF (1,06 MB) - scaricato 441 volte.
oppure in formato EPUB (668,88 KB) (vedi anteprima) - scaricato 197 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

La Gara 43 - Cantami, o diva...

La Gara 43 - Cantami, o diva...

(dicembre 2013, 30 pagine, 1,91 MB)

Autori partecipanti: Polly Russell, Lodovico, Eddie1969, Kaipirissima, Nunzio Campanelli, Alessandro D, Anto Pigy, Cladinoro, Marino Maiorino,
A cura di Antonella Pighin.
Scarica questo testo in formato PDF (1,91 MB) - scaricato 205 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.




Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


La Paura fa 90

La Paura fa 90

90 racconti da 666 parole

Questo libro è una raccolta dei migliori testi che hanno partecipato alla selezione per l'antologia La Paura fa 90. Ci sono 90 racconti da non più di 666 parole. A chiudere l'antologia c'è un bellissimo racconto del maestro dell'horror Danilo Arona. Leggete questa antologia con cautela e a piccole dosi, perché altrimenti correte il rischio di avere terribili incubi!
A cura di Alessandro Napolitano e Massimo Baglione.

Contiene opere di: Maria Arca, Pia Barletta, Ariase Barretta, Cristiana Bartolini, Eva Bassa, Maria Cristina Biasoli, Patrizia Birtolo, Andrea Borla, Michele Campagna, Massimiliano Campo , Claudio Candia, Carmine Cantile, Riccardo Carli Ballola, Matteo Carriero, Polissena Cerolini, Tommaso Chimenti, Leonardo Colombi, Alessandro M. Colombo, Lorenzo Coltellacci, Lorenzo Crescentini, Igor De Amicis, Diego Di Dio, Angela Di Salvo, Stefano di Stasio, Bruno Elpis, Valeria Esposito, Dante Esti, Greta Fantini, Emilio Floretto Sergi, Caterina Franciosi, Mario Frigerio, Riccardo Fumagalli, Franco Fusè, Matteo Gambaro, Roberto Gatto, Gianluca Gendusa, Giorgia Rebecca Gironi, Vincenza Giubilei, Emiliano Gotelli, Fabio Granella, Mauro Gualtieri, Roberto Guarnieri, Giuseppe Guerrini, Joshi Spawnbrød, Margherita Lamatrice, Igor Lampis, Tania Maffei, Giuseppe Mallozzi, Stefano Mallus, Matteo Mancini, Claudia Mancosu, Azzurra Mangani, Andrea Marà, Manuela Mariani, Lorenzo Marone, Marco Marulli, Miriam Mastrovito, Elisa Matteini, Raffaella Munno, Alessandro Napolitano, Roberto Napolitano, Giuseppe Novellino, Sergio Oricci, Amigdala Pala, Alex Panigada, Federico Pergolini, Maria Lidia Petrulli, Daniele Picciuti, Sonia Piras, Gian Filippo Pizzo, Lorenzo Pompeo, Massimiliano Prandini, Marco Ricciardi, Tiziana Ritacco, Angelo Rosselli, Filippo Santaniello, Gianluca Santini, Emma Saponaro, Francesco Scardone, Giacomo Scotti, Ser Stefano, Antonella Spennacchio, Ilaria Spes, Antonietta Terzano, Angela Maria Tiberi, Anna Toro, Alberto Tristano, Giuseppe Troccoli, Cosimo Vitiello, Alain Voudì, Danilo Arona.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (1,10 MB scaricato 660 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

I sogni di Titano

I sogni di Titano

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
Il "cubo sognatore" su Titano aveva rivelato una verità sconvolgente sull'Umanità, sulla Galassia e, in definitiva, sull'intero Universo, una verità capace di suscitare interrogativi sufficienti per una vita intera. Come poteva essere bonariamente digerito il concetto che la nostra civiltà, la nostra tecnologia e tutto ciò che riguardava l'Umanità… non esisteva?
"Siamo solo… i sogni di Titano", aveva riportato il comandante Sylvia Harrison dopo il primo contatto col cubo, ma in che modo avrebbe potuto l'orgoglio dell'Uomo accettarlo? Ovviamente, l'insaziabile sete di conoscenza dell'Essere umano anelava delle risposte, e la sua naturale curiosità non poteva che spingerlo alla ricerca dell'origine del cubo e delle ragioni della sua peculiare funzione.
Gli autori GLAUCO De BONA (vincitore del Premio Urania 2013) e MASSIMO BAGLIONE (amministratore di BraviAutori.it) vi presentano una versione alternativa del "Tutto" che vi lascerà senza parole. Di Glauco De Bona e Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (203,77 KB scaricato 22 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

Le radici del Terrore

Le radici del Terrore

Antologia di opere ispirate agli scritti e all'universo lovecraftiano

Questa antologia nasce dalla sinergia tra le associazioni culturali BraviAutori ed Electric Sheep Comics con lo scopo di rendere omaggio alle opere e all'universo immaginifico di Howard Phillips Lovecraft. Le ventitrì opere selezionate hanno come riferimento la narrativa "lovecraftiana" incentrata sui racconti del ciclo di Cthulhu, già fonte di ispirazione non solo per scrittori affermati come Stephen King, ma anche in produzioni cinematografiche, musicali e fumettistiche. Il motivo di tanto successo è da ricercare in quell'universo incredibile e "indicibile", fatto di personaggi e creature che trascendono il Tempo e sono una rappresentazione dell'Essere umano e delle paure che lo circondano: l'ignoto e l'infinito, entrambi letti come metafore dell'inconscio.
A cura di Massimo Baglione e Roberto Napolitano.
Copertina di Gino Andrea Carosini.

Contiene opere di: Silvano Calligari, Enrico Teodorani, Rona, Lellinux, Marcello Colombo, Sonja Radaelli, Pasquale Aversano, Adrio the boss, Benedetta Melandri, Roberta Lilliu, Umberto Pasqui, Eliseo Palumbo, Carmine Cantile, Andrea Casella, Elena Giannottu, Andrea Teodorani, Sandra Ludovici, Eva Bassa, Angela Catalini, Francesca Di Silvio, Anna Rita Foschini, Antonella Cavallo, Arianna Restelli.
Special guests: gli illustratori americani e spagnolo Harry O. Morris, Joe Vigil and Enrique Badìa Romero.
Vedi ANTEPRIMA (2,02 MB scaricato 180 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.