La morte più dolce

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'estate 2019.

Sondaggio

Sondaggio concluso il 21/09/2019, 0:00

1 - non mi piace affatto
3
21%
2 - mi piace pochino
4
29%
3 - si lascia leggere
6
43%
4 - è bello
1
7%
5 - mi piace tantissimo
0
Nessun voto
 
Voti totali: 14

Xenon86
Foglio bianco
Messaggi: 1
Iscritto il: 25/07/2019, 3:46

Author's data

La morte più dolce

Messaggio da leggere da Xenon86 »

Il suo tratto caratteristico, erano 2 occhi molto distanti.
Questo non inficiava minimamente la sua bellezza.
Alta quasi 1,80, curata, viveva la clinica come una passerella per le sue sfilate di moda.
Ci aveva stupiti tutti, ed io l'aveva puntata subito, neanche come donna, perché lei non lo era.
Non so cosa fosse, senz'altro una delle tante creature che mi avevano convinto che l'umanità era semplicemente un esperimento fallito.
Gelida, sincera, ninfomane.
Un dettaglio irrisorio, eroinomane.
Non so perché, ma più vado avanti con la vita più, il suo cinismo edonista mi pare l'unica stella polare che possa guidarci in questo deserto di finte relazioni umane.
Sapeva 4 lingue e spesso scriveva poesie in una qualsiasi come se fosse madre lingua.
Era come se la droga fosse una sorta di ovatta che lei utilizzava perché la sua intelligenza acutissima non penetrase come un coltello all'imterno della sua fragile carne.
E venne il giorno, io mi ero ripreso ero ritornato un uomo e avevo deciso di tentare scilla e cariddi, consapevole che si poteva sprofondare.
Le feci leggere la mia poesia mentre avevo il cazzo turgido per la sua bellezza, anche per la sua intelligenza, sapevo che io potevo penetrare fisicamente in lei, ma che lei poteva penetrarmi solo coi suoi occhi molto più profondamente

Overdose
I miei occhi
aperti per poco
mentre giaccio distesa
nel retro di una vecchia mercedes
vedono solo
lampioni che si susseguono
luci confuse
non capisco più nulla
non sono più nulla
questo è il mio mondo ora:
lampione
buio
lampione
buio
lampione
buio...
solo il ricordo
della bambina che ero
della bambina che sono
fa scendere ancora
qualche lacrima
su questi occhi vuoti
ma presto i negri
mi scaricheranno nel canale
e diventeranno ghiaccio.
E' sera
un alba che non verrà
il vuoto
il nero
l'abisso
salveranno la mia tenera
giovane carne
dall'orda di cannibali
chiamati giornalisti,
le loro bocche che si muovono
nelle TV, per strapparla e farla a pezzi,
ma io sono ancora la bambina che ride
e ride e corre
spensierata
nel grande prato verde
fino al ciglio di un burrone
e ora guarda stranita
OLTRE...

Presi il foglio dalle sue mani e l'abbracciai forte, sentivo che qualcosa in lei, della sua maschera aveva ceduto.
Immediatamente mi mise la lingua in bocca e cercò di abbassarmi i pantaloni.
Io la bloccai.
Ti amo anche se per poco, vieni un attimo con me prima devo fare una cosa, non me ne voglio andare senza prima averla fatta, poi saremo liberi di dimenticarci anche se io non ti dimenticherò.
Così lei mi guardò stranita, ma si lasciò condurre.
La portai nel bagno dove era pieno di polverina magica, eroina no per fortuna, non ancora,
Lei mi diede una slinguazzata e tentò di nuovo di ricominciare, io la bloccai, in un modo che stranamente lei sentì piacevole, piu piacevole del sesso, perché qualcuno la stava considerando come persona anche se lei non capiva come.
''Adesso amore'' le dissi mentre le accarezzavo i capelli e le baciavo la testa, ora guardati allo specchio.
All'inizio si riassestò i capelli civettuola come se niente fosse, poi all'improvviso un fulmine l'attraversò da parte a parte facendola fremere come in un elettroshock.
Continuava a guardarsi allo specchio, incominciò a tremare.
Io la strinsi forte, le dissi soffiandole sul collo: continua.
''Dov'è finita la vecchia bambina, sai che sei ancora tu, cucciola...'''
Lei impallidì completamente: disse tremando: ''io non so più chi sono''.
Non piangeva perché non era capace: la sua angoscia era troppa.
Divenne una statua di cera immobile, gli occhi fissi in sé stessi, persi, ebbi la stessa impressione di quando avevo fatto visita all'obitorio, quegli occhi vitrei, non erano di una persona viva, qualcosa l'aveva uccisa.
In un microsecondo lei si divincolò dalla mia presa e si chiuse nello stanzino.
Io sapevo cosa aveva in mente, e con botte se più forti sfondai la porta.
Ma era troppo tardi.
La spada conficcata nel braccio aveva iniettato una dose mortale.
Il suo cuore non batteva più.
Ancora in tailleur e tacchi a spillo si era data la morte.
Gli occhi di bambola nel vuoto, li richiusi delicatamente.
Ebbi una strana idea, farla finita con lei e porle la mia testa nel suo grembo.
Un utero nero chiamato morte, questa volta, il suo.
Poi mi inginocchiai le baciai la bocca già irrigidita.
Non riuscì nemmeno a piangere, me ne andai col cuore gonfio di dolore.

Avatar utente
Carol Bi
Pubblicista
Messaggi: 51
Iscritto il: 01/11/2018, 10:43

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Carol Bi »

Opsss...mi dispiace molto ma il tuo racconto è da riscrivere completamente: è confuso, "caotico", i tempi sono sbagliati, il modo...per non parlare degli errori ortografici. L'idea potrebbe essere buona, anche se non originale, ma và assolutamente rielaborata. Buon lavoro!

Avatar utente
Roberto Bonfanti
Correttore di bozze
Messaggi: 403
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

Un racconto cupo e doloroso. L’idea non è inedita, la figura della donna bella, intelligente e autodistruttiva è stato ampiamente canonizzato in letteratura, vedi il primo racconto di Storie di ordinaria follia di Bukowski, lo cito perché ho avuto l’impressione che la scrittura si muova da quelle parti, comunque qui la storia ha un certo fascino, impreziosito dalla poesia del protagonista.
Ci sono diversi refusi e, in generale, la formattazione è da rivedere.

Annibale
Foglio bianco
Messaggi: 2
Iscritto il: 27/07/2019, 1:14

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Annibale »

Lo stile è molto sofisticato si descrive un'atmosfera più che una storia. L'immagine della donna bella intelligente ed autodistruttiva è azzeccata e ben descritta. trovo che questo elaborato si avvicini più alla poesia che ai racconti.

Stefyp
Apprendista
Messaggi: 117
Iscritto il: 26/07/2019, 18:48

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Stefyp »

Ho dovuto pensarci un po' prima di decidere che voto dare. Non è il mio genere, ma questo è un problema mio ovviamente. Ci sono refusi e tempi da sistemare. Qualche frase da riconsiderare per rendere più leggibile il testo. "Slinguazzata" però non mi è proprio piaciuto.

Laura Traverso
Correttore di bozze
Messaggi: 348
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

Mah! non so tanto che dire... intanto non è il mio genere, ma ciò non deve importare ai fini di una valutazione. Certamente il racconto è abbastanza originale, ha anche "punti" di grande tenerezza, come il finale, ma anche parti che trovo un po' volgari, e non mi piace la volgarità. Concordo con le valutazioni di chi mi ha preceduto che andrebbe sistemato e alleggerito dai refusi.

Avatar utente
Isabella Galeotti
Necrologista
Messaggi: 283
Iscritto il: 29/12/2011, 18:08
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Isabella Galeotti »

Ho faticato a comprendere il racconto. Probabilmente è una mia lacuna, ma lo trovo poco scorrevole. Ho notato che prima di pubblicarlo non è stato revisionato, ci sono dei refusi semplici da individuare. Comunque l'argomento si potrebbe sviluppare meglio, l'inserto della poesia è un valore senza dubbio aggiunto, ma anch'essa non mi convince. Praticamente ci vorrebbe solo un'attenta revione e il racconto ne uscirebbe vincente.
Immagine

Angelo Ciola
Apprendista
Messaggi: 112
Iscritto il: 04/01/2019, 11:58
Località: Borgo Valsugana (TN)
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Angelo Ciola »

Un racconto, che non mi ha convinto, con all'interno una poesia interessante, ma l'esperimento non penso sia riuscito completamente. Una storia triste e con un finale drammatico che comunque si lascia leggere.
www.ciola.it
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine
Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine
Intervista:
https://www.braviautori.it/forum/viewto ... =76&t=5455

Selene Barblan
Necrologista
Messaggi: 297
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Faccio fatica a commentare questo racconto; gli errori sono troppi e rendono difficile la lettura. Anche la poesia risulta poco evocativa, è confusa e mi ha fatto pensare al delirio di una notte di febbre. Mi spiace ma non mi è piaciuto.

Massimo Centorame
Foglio bianco
Messaggi: 26
Iscritto il: 31/08/2019, 21:54

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Massimo Centorame »

È vero che il racconto è scritto male, zeppo di refusi, a tratti caotico e quasi allucinato, inoltre l'idea, come accennava Roberto poco sopra, non è proprio originalissima. Tuttavia si percepisce una voglia di raccontare spontanea e a tratti audace che, non lasciando spazio all'immaginazione, accarezza il tema del disagio con profondità e rispetto.
Per quanto riguarda il tema della volgarità, secondo me, è stata dosata bene. L'autore non ne ha abusato e non mi è sembrata gratuita, ma ben mirata.

Avatar utente
Marco Daniele
Pubblicista
Messaggi: 81
Iscritto il: 03/03/2019, 15:32
Località: Taranto

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Marco Daniele »

La scrittura mi sembra molto, molto confusa. Se è una precisa scelta dell'autore non mi garba granché, se invece è errore dovuto all'inesperienza o alla fretta è giusto farlo notare. Al di là dei banali errori di battitura che capitano a chiunque ci sono numeri scritti in cifre invece che in lettere, un "riuscì" terza persona singolare al posto di "riuscii" prima persona, periodi come "Ti amo anche se per poco, vieni un attimo con me prima devo fare una cosa, non me ne voglio andare senza prima averla fatta, poi saremo liberi di dimenticarci anche se io non ti dimenticherò" di cui non si capisce la natura (sono pensieri del protagonista-narratore o dialoghi non contrassegnati dai giusti segni tipografici?).
Immagine

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine


Immagine

Rispondi

Torna a “Gara d'estate, 2019”


Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 67 - Cavalieri di ieri, di oggi e di domani

La Gara 67 - Cavalieri di ieri, di oggi e di domani

(novembre 2017, 30 pagine, 736,36 KB)

Autori partecipanti: Nunzio Campanelli, Alberto Tivoli, Daniele Missiroli, Lodovico, Massimo Tivoli, Conrad, Carlocelenza, Patrizia Chini,
a cura di Ida Dainese.
Scarica questo testo in formato PDF (736,36 KB) - scaricato 54 volte.
oppure in formato EPUB (907,03 KB) (vedi anteprima) - scaricato 52 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

Gara d'autunno 2019 - Mattoni, e gli altri racconti

Gara d'autunno 2019 - Mattoni, e gli altri racconti

(autunno 2019, 70 pagine, 1,10 MB)

Autori partecipanti: Roberto Bonfanti, Giampiero, Lodovico, Giorgio Leone, Athosg, Carol Bi, Diego.G, Massimo Centorame, Namio Intile, Alessandro Mazzi, Frdellaccio, Teseo Tesei, Stefyp, Laura Traverso, Eliseo Palumbo, Saviani,
a cura di Massimo Baglione.
Scarica questo testo in formato PDF (1,10 MB) - scaricato 21 volte.
oppure in formato EPUB (497,82 KB) (vedi anteprima) - scaricato 17 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

Gara d'inverno 2018-2019 - La soffitta, e gli altri racconti

Gara d'inverno 2018-2019 - La soffitta, e gli altri racconti

(inverno 2018 - 2019, 45 pagine, 781,63 KB)

Autori partecipanti: Stefano Giraldi, Teseo Tesei, Namio Intile, Daniele Missiroli, Marco Daniele, Fabrizio Bonati, Fausto Scatoli, Nunzio Campanelli, Seira Katsuto, Angelo Ciola, Carol Bi, Laura Traverso, Ida Dainese, Draper, Gabriele Ludovici, Roberto Bonfanti,
a cura di Massimo Baglione.
Scarica questo testo in formato PDF (781,63 KB) - scaricato 94 volte.
oppure in formato EPUB (328,36 KB) (vedi anteprima) - scaricato 43 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.




Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


L'arca di Noel

L'arca di Noel

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
Da decenni proviamo a metterci al riparo dagli impatti meteoritici di livello estintivo, ma cosa accadrebbe se invece scoprissimo che è addirittura un altro mondo a venirci addosso? Come ci comporteremmo in attesa della catastrofe? Potremmo scappare sulla Luna? Su Marte? Oppure dove?
E chi? E come?
L'avventura post-apocalittica ad alta tensione qui narrata proverà a rispondere a questi interrogativi.
Di Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (188,99 KB scaricato 20 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

Carosello

Carosello

antologia di opere ispirate dal concetto di Carosello e per ricordare il 40° anniversario della sua chiusura

Nel 1977 andava in onda l'ultima puntata del popolare spettacolo televisivo serale seguito da adulti e bambini. Carosello era una sorta di contenitore pubblicitario, dove cartoni animati e pupazzetti vari facevano da allegro contorno ai prodotti da reclamizzare. Dato che questo programma andava in onda di sera, Carosello rappresentò per molti bambini il segnale di "stop alle attività quotidiane". Infatti si diffuse presto la formula "E dopo il Carosello, tutti a nanna".
Per il 40° anniversario della sua chiusura, agli autori abbiamo chiesto opere di genere libero che tenessero conto della semplicità che ha caratterizzato Carosello nei vent'anni durante i quali è andato felicemente in onda. I dodici autori qui pubblicati hanno partecipato alle selezioni del concorso e sono stati selezionati per questo progetto letterario. Le loro opere sono degni omaggi ai nostri ricordi (un po' sbiaditi e in bianco e nero) di un modo di stare in famiglia ormai dimenticato.
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Giorgio Leone, Enrico Teodorani, Cristina Giuntini, Maria Rosaria Spirito, Francesco Zanni Bertelli, Serena Barsottelli, Alberto Tivoli, Laura Traverso, Enrico Arlandini, Francesca Rosaria Riso, Giovanni Teresi, Angela Catalini.
Vedi ANTEPRIMA (357,78 KB scaricato 51 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

Le radici del Terrore

Le radici del Terrore

Antologia di opere ispirate agli scritti e all'universo lovecraftiano

Questa antologia nasce dalla sinergia tra le associazioni culturali BraviAutori ed Electric Sheep Comics con lo scopo di rendere omaggio alle opere e all'universo immaginifico di Howard Phillips Lovecraft. Le ventitrì opere selezionate hanno come riferimento la narrativa "lovecraftiana" incentrata sui racconti del ciclo di Cthulhu, già fonte di ispirazione non solo per scrittori affermati come Stephen King, ma anche in produzioni cinematografiche, musicali e fumettistiche. Il motivo di tanto successo è da ricercare in quell'universo incredibile e "indicibile", fatto di personaggi e creature che trascendono il Tempo e sono una rappresentazione dell'Essere umano e delle paure che lo circondano: l'ignoto e l'infinito, entrambi letti come metafore dell'inconscio.
A cura di Massimo Baglione e Roberto Napolitano.
Copertina di Gino Andrea Carosini.

Contiene opere di: Silvano Calligari, Enrico Teodorani, Rona, Lellinux, Marcello Colombo, Sonja Radaelli, Pasquale Aversano, Adrio the boss, Benedetta Melandri, Roberta Lilliu, Umberto Pasqui, Eliseo Palumbo, Carmine Cantile, Andrea Casella, Elena Giannottu, Andrea Teodorani, Sandra Ludovici, Eva Bassa, Angela Catalini, Francesca Di Silvio, Anna Rita Foschini, Antonella Cavallo, Arianna Restelli.
Special guests: gli illustratori americani e spagnolo Harry O. Morris, Joe Vigil and Enrique Badìa Romero.
Vedi ANTEPRIMA (2,02 MB scaricato 180 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.