La mia intervista impossibile

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'estate 2019.

Sondaggio

Sondaggio concluso il 21/09/2019, 0:00

1 - non mi piace affatto
1
7%
2 - mi piace pochino
4
29%
3 - si lascia leggere
3
21%
4 - è bello
3
21%
5 - mi piace tantissimo
3
21%
 
Voti totali: 14

Gianluigi Redaelli
Foglio bianco
Messaggi: 15
Iscritto il: 03/10/2011, 17:57

Author's data

La mia intervista impossibile

Messaggio da leggere da Gianluigi Redaelli »

La mia intervista impossibile

Accadde qualche anno fa che mi trovavo nella Capitale, per un breve periodo, ospite di amici.
Quel giorno, annoiato e scazzato perché gli amici erano impegnati in qualche cosa che non m'interessava, me ne ero uscito da solo e andavo passeggiando qua e là, senza avere una vera meta precisa.
A un certo punto, in una zona del centro cominciai a vedere frotte di persone che si dirigevano tutte verso una direzione. Incuriosito, cominciai a seguirle, man mano la fiumana s'ingrossava finché arrivammo davanti a una grande vetrina, con porta spalancata dove la gente s'infilava. Era una grande famosa libreria, entrai appresso alla marea.
A farla breve, mezzo stordito, insieme con gli altri finii col trovarmi in una sala non troppo grande, per contenere tutta quella folla che spingeva e si affannava per vedere qualcosa sul fondo, dove si scorgevano grandi scaffali pieni di libri.
Sembravano tutti eccitati e si spintonavano per guadagnare un po' di spazio davanti. Alla fine, dopo una gran faticata a forza di gomiti usati come speroni, riuscii ad arrivare abbastanza vicino, o meglio, a distanza tale da vedere cosa succedeva in fondo.
Si trattava chiaramente di una presentazione di qualcosa, di un libro, e ne fui certo appena potei scorgere un personaggio seduto tra altri individui.
Era proprio lui! Il mio scrittore preferito, insieme a Kerouac e Bukowski, avvolto in una nuvola di fumo, tossicchiando ogni tanto, la voce roca strascicata che arrivava appena a tratti, in mezzo al brusio generale.
Poi avvenne. Non ero più nella libreria, ma per strada, seguendo d'appresso il mio mito, che appena si fermò sul ciglio del marciapiede, in procinto di attraversare la strada, fu mia preda.
Lo presi per un braccio, amichevolmente, ma con una certa
fermezza, mentre gli sibilavo:
-E ora caro Maestro, sei mio, e non ti lascerò andare se prima non avrai soddisfatto tutta la mia curiosità- e mentre mi guardava di sbieco con quel suo sguardo un po' vacuo, tra l'addormentato e l'annoiato –e ti assicuro che è tanta. Io sono un tuo grande fan, ho letto quasi tutti i tuoi libri.
Si lasciò scappare un sospiro e rassegnato disse:
-Vabbene, vediamo che c'è da fare.
-Bene, là più avanti c'è un bar- e quasi trascinandomelo arrivammo al locale, entrammo e scelto un tavolino un po' appartato ci sedemmo, come due normali avventori.
-Dunque carissimo ...- cominciai, ma subito m'interruppe con un sorriso sforzato, guardandomi da sotto gli occhiali, come si guarda una bestia rara.
-Non s'inizia mai una frase con il Dunque, che è conclusivo.-
-Ah, vabbè, sì certo, però io volevo appunto concludere, che ce l'avevo fatta a beccarti- replicai con una certa sfrontatezza, che denotava il mio alto grado d'eccitazione.
-Allora, diciamo per incominciare, che ti sto dando del tu, non per mancanza di rispetto, bensì per profonda amicizia- quindi sfiorandogli con tenerezza la mano posata sul ripiano, di fianco a un pacchetto di sigarette che già si era magicamente materializzato -e poi siamo quasi coetanei.-
Allora parve improvvisamente animarsi e guardandomi bene in faccia, con un leggero sorriso
-Ma, questo non mi sembra proprio, al mio confronto, sembri un picciutteddu.-
-Già! Tu che indichi sempre l'età dei tuoi personaggi, quanti anni mi dai?-gli sparai in tono di sfida.
-Se fosse per me te ne darei tanti di galera!- poi sorridendo tra la tosse -Sto scherzando, ma l'età te la dico alla fine di questaa camur…- senza concludere.
-Dunque, ora lo posso dire- guardandolo ironico- bando alle chiacchiere, io devo farti molte domande e...
Fui interrotto da una graziosa fanciulla con un grembiulino azzurro che ci chiese che cosa ordinavamo. Lui chiese un caffè, io un analcolico. Quando gli domandai se non avesse preferito, che. So, qualcosa di forte, un cicchetto, mi rispose piccato:
-Allora non lo sai che non bevo più alcoolici?-
-Sì sì, lo so, da quel primo maggio terribile, scusa lo stavo dimenticando- un po' contrito, per la prima gaffe che avevo già commesso, che rischiava di non disporlo nella condizione più favorevole.
-Di bene in meglio! Quello del primo maggio riguarda il vino- con enfasi guardandomi fisso e piegandosi un po' verso di me -Invece l'whisky, che prima bevevo come una spugna, lo sai quando ho smesso di berlo?- con aria di sfida, mentre si accendeva una sigaretta.
Aspettai a rispondere, perché stavano arrivando le ordinazioni, poi mentre iniziavo a sorseggiare dal mio bicchiere, visto che non parlavo, lui sbottò
-Ecco vedi che non lo sai! E' stato quando ho iniziato a scrivere, e ad avere successo-
-Comunque, non è quello che m'interessa- lo interruppi con fare deciso, per superare l'impasse.-Cominciamo! La prima domanda è, quando esattamente, a che età hai capito che il fascismo era 'na schifezza, dopo che già avevi trovato il modo di non fare le adunate da balilla?-
-Ah! Ma allora sei proprio a digiuno! Altro che mio fan!- esclamò allargando le braccia in segno di disperazione -Eppure l'ho raccontato più volte che ho smesso di essere fascista, più o meno, nel 42, dopo aver letto "La condizione umana" di André Malraux-
"Altra topica", pensai, "qua si mette male".
-Ma sì certo che lo sapevo, è che non ricordavo bene l'anno- cercai di giustificarmi- sai a quell'epoca io ancora non ero nato. Comunque, andiamo avanti- Con piglio deciso -Quella faccenda con Pirandello, non ho capito bene, quando l'hai visto per la prima volta, che ti sembrò un ammiraglio, e che si abbracciò con tua nonna Carolina, che erano cugini. Ecco tu dici che l'hai saputo, della parentela, a settant'anni. Ma allora quel giorno che cosa hai fatto durante la visita e subito dopo, non hai chiarito chi era venu…-
-Basta! –m'interruppe il vegliardo, agitatissimo, quasi con il rischio di strozzarsi nel parlare- Tu ne sai proprio nenti di mia! Come! Non l'ho spiegato chiaro che io mi ero scantato da morire e che mi ero nascosto sotto lo... la scrivania di mio padre, finché non se n'è andò e poi non ne ho voluto sapere più niente?!-
Scrollando la testa irritato. -Un'altra lacuna come questa e non parlo più!-
-Ma veramente- cominciai a farfugliare, ormai impacciato- di questo episodio non c'è molto in giro, e appunto io volevo maggiori particolari.-
-Ma qualcosa di più intelligente da spiarmi non ce l'hai?-
E così dicendo si mise a tirare dalla sigaretta come se la volesse mangiare.
A questo punto, pensai, bisogna che lo metta in difficoltà, così gli dissi.
-Senti, ma tu che sei stato aiutato abbastanza, lo dici tu stesso, nei vari passaggi della tua carriera, prima per il teatro e poi per la scrittura, il primo libro che ti hanno pubblicato, ecc –abbassando la voce, in tono più confidenziale- Sì dicevo, tu hai mai aiutato qualcuno a farcela? Che so un giovane scrittore alle prime armi, o anche non giovane ma esordiente.-
Di colpo si arrestò con la sigaretta a mezz'aria e guardandomi quasi schifato, dopo una specie di grugnito mi disse solo:
-Certo, più volte l'ho fatto, quando ne valeva la pena, solo
tu non lo sai-
-E, secondo te- continuai senza dare peso alle sue parole- l'età per esordire può essere un grave handicap? Guardandolo di sottecchi, e con un'espressione come di chi non da troppa importanza alla cosa -Sai anch'io avrei scritto parecchio, poesie, racconti. In fondo Gesualdo Bufalino si è fatto conoscere a tarda età e…
Non mi lasciò finire e con un ghigno sprezzante sparò le sue cartucce:
-L'età non c'entra, quello che conta è come e cosa uno scrive, e Bufalino da mò scriveva bene, anche senza essere conosciuto-
Quindi puntandomi il dito contro e strizzando gli occhi
-A proposito, secunno mia tu si un settantino, e un'anticchia fastidiusu-
Poi quasi facendo segno che voleva alzarsi mi disse:
-E ora, se abbiamo finito con sta camurria, se permetti me ne vorrei andare.-
-No, no, solo un'ultima cosa, la più importante- alzandomi appena così da trattenerlo per un braccio- Ma Lei, che vendendo milioni di libri sarà diventato ricco, anzi ricchissimo, come fa a considerarsi ancora comunista?-
Al mio passaggio al Lei rimase un attimo di stucco, poi alzandosi con forza mi gridò sul muso:
-Basta! Accamora Vossia m'ha rotto proprio li cabasisi!-
E fu a quel punto che la visione scomparve e mi ritrovai nell'affollata sala della libreria, mentre scrosciavano applausi e qualche voce gridava entusiasta il nome Andrea.
Già, e io avevo solo sognato la mia intervista impossibile con il sommo Andrea Camilleri.

Laura Traverso
Correttore di bozze
Messaggi: 350
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

Insomma, l'dea non è male: un elogio ad Andrea Camilleri, che ha maggior valore adesso che non c'è più (almeno non nella forma terrena). Però il racconto, anche troppo lungo in maniera superflua, dal mio punto di vista, contiene diversi refusi, tipo "che. So, qualcosa di forte...". Il narrato mi ha incuriosito e mi è piaciuto sino all'ingresso in libreria, da lì in poi non mi è piaciuto tanto, dialoghi un po' sui generi e contenuto, anche politico, non accattivante.

Namio Intile
Necrologista
Messaggi: 208
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Namio Intile »

Un tentativo di omaggio al defunto Camilleri. Al cui ricordo peraltro mi unisco. Hai preso materiale qui e là da alcune interviste vere, come l'episodio dell'incontro da bambino con Pirandello.
Come altri tuoi testi anche questo presenta una punteggiatura zoppicante e vari refusi. Leggere e rileggere prima di pubblicare. Nel complesso è divertente, non entusiasmante.
Attenzione però alla lingua di Camilleri, perché ha reinventato il siciliano, che come lo scrive lui in Sicilia non si parla. Pertanto non poteva esprimersi nella tua intervista come i suoi personaggi. A meno che non sia un omaggio anche l'uso del suo "vigatese".
Alcune parole poi sono proprio sbagliate: accamora. Sarebbe in realtà paccamora. Per adesso, per ora. E poi il mo' derivato dal mox latino, in Sicilia non si usa proprio (si usa appunto paccamora) e non mi pare che Camilleri ne facesse uso.
Hai citato, ricordandolo, anche Bufalino, un gigante dimenticato.

Stefyp
Apprendista
Messaggi: 117
Iscritto il: 26/07/2019, 18:48

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Stefyp »

Bella l'idea dell'intervista a Camilleri così sviluppata, però i refusi sono un po' troppi. Io non amo molto il gerundio, difficile di solito da usare bene. Anche la punteggiatura andrebbe rivista. Forse sarebbe stato sufficiente rileggerlo qualche volta in più. "Ce l'avevo fatta a beccarti" a Camilleri io non avrei mai osato...

Avatar utente
Isabella Galeotti
Necrologista
Messaggi: 283
Iscritto il: 29/12/2011, 18:08
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Isabella Galeotti »

In questo momento un'untervista al maesto è d'obbligo. Con un pò di fantasia d'ironia hai portato a casa un buon lavoro. Se non ci fossero tutti quei refusi, sarebbe stato più fluido, come dire più scorrevole. Sono la prima a non leggere abbastanza i propri scritti, quindi ti consiglio di rivederlo. PS È si scrive così non con l'apostrofo. (alt+0200).
Immagine

Angelo Ciola
Apprendista
Messaggi: 112
Iscritto il: 04/01/2019, 11:58
Località: Borgo Valsugana (TN)
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Angelo Ciola »

Ottimo aver pensato a omaggiare il grande autore con questa intervista impossibile. Il racconto parte bene, ma poi non sempre riesce a mantenere l'aspettativa che l'idea alla base avrebbe permesso. Il fatto che Camilleri nell'intervista mantenga il suo siciliano inventato per me è comunque corretto; nei sogni di un suo lettore in quale altro modo avrebbe potuto esprimersi.
www.ciola.it
Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine
Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine
Intervista:
https://www.braviautori.it/forum/viewto ... =76&t=5455

Selene Barblan
Necrologista
Messaggi: 297
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Mi spiace ma non ho apprezzato questo racconto, che non mi coinvolge, non mi parla. Lo trovo poco scorrevole, ho diverse perplessità riguardo la costruzione delle frasi e non mi lascia impressioni positive. Secondo me andrebbe riletto e sviluppato altrimenti perché l’idea del dialogo con un proprio mito può essere interessante.

Avatar utente
Roberto Bonfanti
Correttore di bozze
Messaggi: 404
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

Concordo con i commenti precedenti: buona l'idea dell’intervista a Camilleri, risultato centrato a metà. Il protagonista sembra talmente emozionato dall'incontro con il suo idolo che infila una figuraccia dietro l'altra, rendendo il racconto spiritoso, mentre lo scrittore ne viene fuori un po' monodimensionale, capriccioso e suscettibile. Bene il cameo di Bufalino; il dialetto di Montalbano si può accettare, sempre nell'ottica dell’omaggio. È indispensabile una revisione per limare imperfezioni e refusi.

Lorenzo Scattini
Foglio bianco
Messaggi: 6
Iscritto il: 06/07/2019, 14:39

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Lorenzo Scattini »

Bel tributo, molto sentito, a un altro grande della nostra letteratura che ci ha lasciato. Ammetto la mia ignoranza linguistica sul siciliano, quindi per le considerazioni sulla lingua mi fido di quanto ha scritto Namio.

Gianluigi Redaelli
Foglio bianco
Messaggi: 15
Iscritto il: 03/10/2011, 17:57

Author's data

Re: io non sono pratico, quindi forse sto sbagliando, ma ringrazio tutti quelli che hanno commentato, dandomi anche Comm

Messaggio da leggere da Gianluigi Redaelli »

Stefyp ha scritto:
05/08/2019, 18:13
Bella l'idea dell'intervista a Camilleri così sviluppata, però i refusi sono un po' troppi. Io non amo molto il gerundio, difficile di solito da usare bene. Anche la punteggiatura andrebbe rivista. Forse sarebbe stato sufficiente rileggerlo qualche volta in più. "Ce l'avevo fatta a beccarti" a Camilleri io non avrei mai osato...

Gianluigi Redaelli
Foglio bianco
Messaggi: 15
Iscritto il: 03/10/2011, 17:57

Author's data

Re: grazie, li vorrei documentati i refusi per comprenderliCommento

Messaggio da leggere da Gianluigi Redaelli »

Roberto Bonfanti ha scritto:
31/08/2019, 16:27
Concordo con i commenti precedenti: buona l'idea dell’intervista a Camilleri, risultato centrato a metà. Il protagonista sembra talmente emozionato dall'incontro con il suo idolo che infila una figuraccia dietro l'altra, rendendo il racconto spiritoso, mentre lo scrittore ne viene fuori un po' monodimensionale, capriccioso e suscettibile. Bene il cameo di Bufalino; il dialetto di Montalbano si può accettare, sempre nell'ottica dell’omaggio. È indispensabile una revisione per limare imperfezioni e refusi.

Avatar utente
Roberto Bonfanti
Correttore di bozze
Messaggi: 404
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Re: La mia intervista impossibile

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

Ciao Gianluigi, al volo ti segnalo questi:

–e ti assicuro che è tanta. Io sono un tuo grande fan, ho letto quasi tutti i tuoi libri. (hai messo sempre il trattino alla fine del discorso diretto, tranne qui)
-Vabbene, vediamo che c'è da fare. (idem come sopra)
ma l'età te la dico alla fine di questaa camur…- (questa)
Invece l'whisky (il whisky)
visto che non parlavo, lui sbottò (mancano i due punti)
bisogna che lo metta in difficoltà, così gli dissi. (due punti al posto del punto)
che ti hanno pubblicato, ecc –abbassando la voce (manca il punto dopo ecc)
come di chi non da troppa importanza (dà)
Quindi puntandomi il dito contro e strizzando gli occhi (mancano i due punti)

Avatar utente
Roberto Bonfanti
Correttore di bozze
Messaggi: 404
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Re: La mia intervista impossibile

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

P.s. Non c'entra con il tuo racconto, ma ti consiglio, quando commenti i brani, di mettere "Racconto" come titolo e scrivere almeno 200 caratteri, altrimenti non sono validi.

Rispondi

Torna a “Gara d'estate, 2019”



Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Non spingete quel bottone

Non spingete quel bottone

antologia di racconti sull'ascensore

Hai mai pensato a cosa potrebbe accadere quando decidi di mettere piede in un ascensore? Hai immaginato per un attimo a un incontro fatale tra le fredde braccia della sua cabina? Hai temuto, per un solo istante, di rimanervi chiuso a causa di un imponderabile guasto? E se dietro a quel guasto ci fosse qualcosa o qualcuno?
Trentuno autori di questa antologia dedicata all\'ascensore, ideata e curata da Lorenzo Pompeo in collaborazione col sito BraviAutori.it, hanno provato a dare una risposta a queste domande.
A cura di Lorenzo Pompeo
Introduzione dell\'antropologo Vincenzo Bitti.
Illustrazioni interne di Furio Bomben e AA.VV.
Copertina di Roberta Guardascione.

Contiene opere di: Vincenzo Bitti, Luigi Dinardo, Beatrice Traversin, Paul Olden, Lodovico Ferrari, Maria Stella Rossi, Enrico Arlandini, Federico Pergolini, Emanuele Crocetti, Roberto Guarnieri, Andrea Leonelli, Tullio Aragona, Luigi Bonaro, Umberto Pasqui, Antonella Provenzano, Davide Manenti, Mara Bomben, Marco Montozzi, Stefano D'Angelo, Amos Manuel Laurent, Daniela Piccoli, Marco Vecchi, Claudio Lei, Luca Carmelo Carpita, Veronica Di Geronimo, Riccardo Sartori, Andrea Andolfatto, Armando d'Amaro, Concita Imperatrice, Severino Forini, Eliseo Palumbo, Diego Cocco, Roberta Eman.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (2,58 MB scaricato 481 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

Intellinfinito (un passo avanti)

Intellinfinito (un passo avanti)

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
Questo libro è il seguito di "Un passo indietro". Come il primo, è autoconclusivo.
"Esistevano davvero, gli dèi. Ma non erano dèi. Non lo erano stati per un'oscura volontà divina, ma lo erano semplicemente diventati mediante un'accanita volontà terrena di sopravvivenza".
L'Evoluzione umana (e non) come non l'avete mai immaginata.
Un romanzo postumano e transumano che vi mostrerà un futuro che forse non tarderà a divenire.
Di Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (206,96 KB scaricato 66 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

BReVI AUTORI - volume 2

BReVI AUTORI - volume 2

collana antologica multigenere di racconti brevi

BReVI AUTORI è una collana di libri multigenere, ad ampio spettro letterario. I quasi cento brevi racconti pubblicati in ogni volume sono suddivisi usando il seguente schema ternario:

Fantascienza + Fantasy + Horror
Noir + Drammatico + Psicologico
Rosa + Erotico + Narrativa generale

La brevità va a pari passo con la modernità, basti pensare all'estrema sintesi dei messaggini telefonici o a quelli usati in internet da talune piattaforme sociali per l'interazione tra utenti. La pubblicità stessa ha fatto della brevità la sua arma più vincente, tentando (e spesso riuscendo) in pochi attimi di convincerci, di emozionarci e di farci sognare.
Ma gli estremismi non ci piacciono. Il nostro concetto di brevità è un po' più elastico di un SMS o di un aforisma: è un racconto scritto con cura in appena 2500 battute (sì, spazi inclusi).
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Ida Dainese, Daniele Missiroli, Fausto Scatoli, Angela Di Salvo, Francesco Gallina, Thomas M. Pitt, Milena Contini, Massimo Tivoli, Franca Scapellato, Vittorio Del Ponte, Enrico Teodorani, Umberto Pasqui, Selene Barblan, Antonella Jacoli, Renzo Maltoni, Giuseppe Gallato, Mirta D, Fabio Maltese, Francesca Paolucci, Marco Bertoli, Maria Rosaria Del Ciello, Alberto Tivoli, Debora Aprile, Giorgio Leone, Luca Valmont, Letteria Tomasello, Alberto Marcolli, Annamaria Vernuccio, Juri Zanin, Linda Fantoni, Federico Casadei, Giovanna Evangelista, Maria Elena Lorefice, Alessandro Faustini, Marilina Daniele, Francesco Zanni Bertelli, Annarita Petrino, Roberto Paradiso, Alessandro Dalla Lana, Laura Traverso, Antonio Mattera, Iunio Marcello Clementi, Federick Nowir, Sandra Ludovici.
Vedi ANTEPRIMA (177,17 KB scaricato 111 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.



Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


Calendario BraviAutori.it "Writer Factor" 2016 -  (a colori)

Calendario BraviAutori.it "Writer Factor" 2016 - (a colori)

(edizione 2016, 11,89 MB)

Autori partecipanti: Giuseppe Bauleo, Cristina Giuntini, Giorgio Leone, Ida Dainese, Anna Rita Foschini, Patrizia Chini, Nunzio Campanelli, Daniela Rossi, Lodovico, Marco Bertoli, Alberto Tivoli, Sandra Ludovici, Cristina Biolcati, Marina Paolucci,
A cura di Tullio Aragona.
Scarica questo testo in formato PDF (11,89 MB) - scaricato 168 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

Gara d'Estate 2018 - Incontri, e gli altri racconti

Gara d'Estate 2018 - Incontri, e gli altri racconti

(estate 2018, 50 pagine, 840,41 KB)

Autori partecipanti: Ida Dainese, Carlo Celenza, Gabriele Ludovici, Draper, Nunzio Campanelli, Pierluigi, Roberto Bonfanti, Fausto Scatoli, Edoardo Prati, SmilingRedSkeleton, Daniele Missiroli, Lodovico,
a cura di Massimo Baglione e Laura Ruggeri.
Scarica questo testo in formato PDF (840,41 KB) - scaricato 44 volte.
oppure in formato EPUB (370,75 KB) (vedi anteprima) - scaricato 39 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

La Gara 1 - I 7 vizi capitali

La Gara 1 - I 7 vizi capitali

(novembre 2008, 20 pagine, 598,16 KB)

Autori partecipanti: Pia, Massimo Baglione, Nembo13, DaFank, Rona, Yle, Dixit,
A cura di Alessandro Napolitano.
Scarica questo testo in formato PDF (598,16 KB) - scaricato 898 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.