Sette settembre

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'inverno 2019/2020.

Sondaggio

Sondaggio concluso il 23/03/2020, 0:00

1 - non mi piace affatto
4
19%
2 - mi piace pochino
5
24%
3 - si lascia leggere
6
29%
4 - è bello
5
24%
5 - mi piace tantissimo
1
5%
 
Voti totali: 21

Selene Barblan
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 312
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Sette settembre

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Sette settembre 1979

22:30 – i coniugi B. stanno percorrendo la strada cantonale tra Faido e Quinto quando si accorgono che un veicolo diretto a Sud lascia la carreggiata, finisce in un prato che ne rallenta la corsa e va a finire contro un albero. La coppia si ferma sul ciglio della strada e, scossi, vedono uscire dal pick-up un ragazzo di una ventina d’anni; sembra illeso ma cammina in modo strano. Il giovane si allontana dalla parte opposta alla loro e, dopo aver scavalcato il guard rail, attraversa un grande prato. Si ferma per pochi istanti davanti alla porta/finestra di un’abitazione, poi prosegue fino a scomparire nel buio del bosco. Il signor B., ripresosi dallo shock, scende dal proprio veicolo per provare a seguirlo, ma non riesce più a scorgerlo. Suona quindi al campanello della casa per poter allertare i soccorsi.

22:30 – la signora M. si trova affacciata alla finestra della sua camera da letto, sta fumando l’ultima sigaretta prima di andare a dormire quando assiste all’incidente, osserva la persona che esce dall’auto ed attraversa il suo prato. Decide quindi di scendere al piano terra, accende le luci e va alla porta finestra. Attraverso il vetro vede il ragazzo, bianco in volto, che si è fermato ad osservarla con uno sguardo che la attraversa, nota che le sue labbra si muovono ma non sente nessuna parola. Poi lo segue con lo sguardo mentre riprende il proprio cammino scomparendo nel bosco.

22:38 – la signora M., ancora frastornata e sconvolta dall’accaduto, sente suonare il campanello. Apre al signor B. e chiamano la polizia.

23:00 – La polizia sopraggiunge, interroga sia i coniugi B. che la signora M., esamina l’automobile del ragazzo e fa un primo tentativo - infruttuoso - di seguire le tracce del ragazzo nel bosco.

Grazie ai documenti trovati nell’automobile il ragazzo viene identificato: S. L., studente in biologia al secondo anno di università a Pavia. I conoscenti lo descrivono come una persona molto schiva, introversa, estremamente disciplinata e dedita allo studio. Nessuno lo conosce abbastanza da poter dare maggiori informazioni riguardo a possibili problemi di natura psicologica. Il padrone di casa della camera in affitto dove ha passato gli ultimi mesi lo descrive come una persona tranquilla e ordinata. S. L. non ha famiglia, è orfano di entrambi i genitori a causa di un incidente d’auto accaduto quando era ancora adolescente; ha vissuto prima in un istituto per minori, poi presso una famiglia affidataria fino a quando non ha intrapreso gli studi universitari.

Nei giorni e mesi successivi le ricerche proseguono, ma del ragazzo non si trova più traccia.

Sette settembre 2019

Il tempo è grigio e fermo, leggere gocce di pioggia scivolano lacrimando, alcune lente, alcune veloci, sul vetro appannato dei finestrini. La luce penetra attraverso le nuvole, che sembrano avanzare come polveri ipnotiche e mortali di un vulcano in eruzione; una luce allo stesso tempo fredda e avvolgente come una coperta. I miei pensieri sono totalmente immersi nella contemplazione del paesaggio che sto attraversando guidando verso il mio rifugio. Ogni dolore almeno per il momento è sospeso, posso permettermi di galleggiare in un limbo di quiete, la strada si guida quasi da sola.

Cammino da circa mezz’ora, i rumori del traffico sono ormai lontani; gradualmente il cuore si sta abituando alla continua salita che mi sta portando lontano da tutto e finalmente più vicina a me stessa. È strano come un sentiero percorso più e più volte appaia sempre diverso, mutevole come l’umore di chi avanza percorrendolo. Non ricordavo che gli alberi fossero così alti, così fitti, se guardo verso il cielo quasi non lo vedo. Ed una vertigine mi costringe a fermarmi un istante.

Ecco che finalmente arrivo, sono stanca e non vedo l’ora di riscaldarmi davanti al caminetto. Lo chalet mi accoglie rude, mi posso finalmente rilassare. Mi seppellisco sotto le coperte e la danza delle fiamme ha un effetto soporifero, mi addormento.

Un rumore si insinua nel sonno senza sogni in cui galleggiavo. Crrr, crrr, un raschiare continuo. Un brivido mi sveglia del tutto. Mi avvicino lentamente alla finestrella che dà sul bosco, ma fuori è troppo buio per scorgere qualcosa. Il rumore è cessato. Prendo una torcia, apro la porta e, restando sulla soglia, provo ad illuminare il fitto del bosco. La luce non cattura niente di insolito: solo tronchi, rami, sassi. Devo aver sognato… per scrupolo chiudo però anche le imposte e tengo il telefono vicino al letto.

La notte non mi ha donato molto riposo, mi preparo per una bella camminata nella speranza di sciogliere le tensioni. Esco e l’aria oggi è limpida, frizzante, mi dà una bella carica. Giro attorno allo chalet per raggiungere il sentiero che sale in vetta. Quello che vedo sul grande abete, sentinella della montagna, mi blocca e mi toglie il fiato. Un coltello piantato nella corteccia, un simbolo ed una scritta incisa senza riguardo, la resina che ancora lacrima dall’occhio mal disegnato:

7-9-1979
Allegati
UNADJUSTEDNONRAW_thumb_2e0b.jpg
Ultima modifica di Selene Barblan il 26/12/2019, 18:18, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
Eliseo Palumbo
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 433
Iscritto il: 22/10/2011, 14:09
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Eliseo Palumbo »

Ciao.
Il collegamento sicuramente c'è, ma mi sfugge. Credo che la data finale sia sbagliata, dovrebbe essere 7.9.1979, se così non fosse allora non c'ho capito nulla.
Credo che il tuo intento sia stato quello di creare un filo conduttore tra la prima e la seconda parte attraverso lo stato d'animo del protagonista della seconda parte, turbato in cerca di quiete nei boschi, sulla montagna, quiete non trovata a causa dell'incisione sull'albero e il coltello ancora appeso; chi sia stato l'artefice resterà un mistero, allo stesso modo il perché.
Hai un grande potenziale, per questo il racconto mi è piciuto pochino, puoi fare molto di più.
Mostrare ad altri le proprie debolezze lo sconvolgeva assai più della morte

POSARE LA MIA PENNA E' TROPPO PERICOLOSO IO VIVO IO SCRIVO E QUANDO MUOIO MI RIPOSO


Immagine

ElianaF
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 49
Iscritto il: 21/12/2019, 19:35

Author's data

Commento: Sette settembre

Messaggio da leggere da ElianaF »

Ciao Selene, ho dato un voto basso al tuo racconto perchè francamento non ho capito la storia.
Buona l'idea della persona che scompare, ma lasci insoddifatto il lettore nello sviluppo della storia...cos'è successo?

Selene Barblan
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 312
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Eliseo Palumbo ha scritto:
26/12/2019, 14:26
Ciao.
Il collegamento sicuramente c'è, ma mi sfugge. Credo che la data finale sia sbagliata, dovrebbe essere 7.9.1979, se così non fosse allora non c'ho capito nulla.
Credo che il tuo intento sia stato quello di creare un filo conduttore tra la prima e la seconda parte attraverso lo stato d'animo del protagonista della seconda parte, turbato in cerca di quiete nei boschi, sulla montagna, quiete non trovata a causa dell'incisione sull'albero e il coltello ancora appeso; chi sia stato l'artefice resterà un mistero, allo stesso modo il perché.
Hai un grande potenziale, per questo il racconto mi è piciuto pochino, puoi fare molto di più.
Che scema, sì la data è il 7.9.1979, l’ho già corretto!! :)

Avatar utente
Eliseo Palumbo
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 433
Iscritto il: 22/10/2011, 14:09
Contatta:

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Eliseo Palumbo »

Selene Barblan ha scritto:
26/12/2019, 18:19
Che scema, sì la data è il 7.9.1979, l’ho già corretto!! :)
Bene, però non hai soddisfatto la mia fame di sapere; come lettore mi piacerebbe sapere se ci ho azzeccato e sopratutto sapere quale sia la connessione tra le due parti.
Mostrare ad altri le proprie debolezze lo sconvolgeva assai più della morte

POSARE LA MIA PENNA E' TROPPO PERICOLOSO IO VIVO IO SCRIVO E QUANDO MUOIO MI RIPOSO


Immagine

Selene Barblan
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 312
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Re: Sette settembre

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Riguardo al motivo... credo che la polizia non lo scoprirà mai... dato che la data della scomparsa del ragazzo coincide con la data scritta durante la notte sulla corteccia è probabile che, in qualche forma, il protagonista della prima parte del racconto sia coinvolto...
Scusami se non soddisfo oltre la tua voglia di spiegazioni, non. Le ho volute mettere nel testo per un motivo... capisco però che, scritto così, possa piacere a pochi. Grazie comunque per averlo letto e commentato e per la considerazione (riguardo a quanto dici sul mio potenziale).
Riguardo al mood della seconda protagonista ci hai azzeccato.. alla prossima, sperando ti piaccia di più 😊

Selene Barblan
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 312
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Re: Commento: Sette settembre

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

ElianaF ha scritto:
26/12/2019, 14:44
Ciao Selene, ho dato un voto basso al tuo racconto perchè francamento non ho capito la storia.
Buona l'idea della persona che scompare, ma lasci insoddifatto il lettore nello sviluppo della storia...cos'è successo?
Ciao Eliana, grazie per aver letto e commento... non darò grandi spiegazioni, a me interessa di più che chi legge si faccia delle domande e trovi delle risposte plausibili. Se il racconto però non è chiaro per qualche motivo dato dal mio modo di scrivere ci lavorerò volentieri sopra. Cosa non hai capito della storia?

Ancora grazie per esserti presa il tempo per leggere e commentare :)

Giampiero
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 67
Iscritto il: 23/12/2010, 17:31

Author's data

COMMENTO

Messaggio da leggere da Giampiero »

Ciao, Selene. Evidenzio una seconda parte alquanto poetica e piena di atmosfere: il lettore quasi avverte le vertigini della protagonista, la segue nel suo viaggio fino a casa. La prima parte, direi più tecnica, è preparatoria. Ma il racconto in sé lo vedo ben bilanciato strutturalmente. Condivido in toto l'utilizzo del corsivo. Studiandoci un pochino penso saprai trovare il giusto aggancio, o una soluzione, per collegare le due parti in modo più incisivo.
La paura è un cavallo con le ali: una volta lanciato al galoppo perde il contatto con il suolo e incomincia a volare.

Avatar utente
Roberto Bonfanti
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 404
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

Come tuo solito scritto molto bene, è bello e funzionale lo scarto di stile fra la prima parte, quasi da cronaca giornalistica e la seconda, intimistica e riflessiva. Lo shock dell'inquietante incisione sul tronco certifica il collegamento con gli eventi di quaranta anni prima e apre a una serie infinita di possibilità. Ti dico la verità: considerando sia il mistero del ragazzo scomparso che quello dato dai vaghi accenni alla situazione della protagonista, lo vedo perfetto come incipit di un romanzo, ma anche come racconto a sé stante mi è piaciuto.

Selene Barblan
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 312
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Re: COMMENTO

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Giampiero ha scritto:
27/12/2019, 22:39
Ciao, Selene. Evidenzio una seconda parte alquanto poetica e piena di atmosfere: il lettore quasi avverte le vertigini della protagonista, la segue nel suo viaggio fino a casa. La prima parte, direi più tecnica, è preparatoria. Ma il racconto in sé lo vedo ben bilanciato strutturalmente. Condivido in toto l'utilizzo del corsivo. Studiandoci un pochino penso saprai trovare il giusto aggancio, o una soluzione, per collegare le due parti in modo più incisivo.
Ti ringrazio molto per la lettura e il tuo commento, sono contenta che abbia suscitato in te delle immagini e delle sensazioni!

Selene Barblan
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 312
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Roberto Bonfanti ha scritto:
28/12/2019, 9:31
Come tuo solito scritto molto bene, è bello e funzionale lo scarto di stile fra la prima parte, quasi da cronaca giornalistica e la seconda, intimistica e riflessiva. Lo shock dell'inquietante incisione sul tronco certifica il collegamento con gli eventi di quaranta anni prima e apre a una serie infinita di possibilità. Ti dico la verità: considerando sia il mistero del ragazzo scomparso che quello dato dai vaghi accenni alla situazione della protagonista, lo vedo perfetto come incipit di un romanzo, ma anche come racconto a sé stante mi è piaciuto.
Grazie mille Roberto, quanto dici rispecchia bene quello che volevo fare e comunicare... non so se sono in grado, al momento per lo meno, di ricavarne un romanzo, vedremo 🙂

Roberto Ballardini
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 88
Iscritto il: 22/12/2019, 10:58

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Ballardini »

Il racconto è scritto molto bene, a mio avviso, sia per la suggestività del contesto, sia per come è strutturato e stimola la curiosità del lettore. Curiosità che in appena due cartelle riesce a raggiungere un apice ma rimane insoddisfatta, non so se volutamente o meno. Ho inserito la data su Google ma non ho trovato riferimenti particolari. Quindi o non ho afferrato qualcosa io, oppure la sua ermeticità un poco lo penalizza, secondo me. Detto questo, rimane la scrittura pregevole e un'atmosfera da brivido. Una sensazione di mistero che l'immagine in allegato rappresenta al meglio. Non posso votare essendo iscritto da poco (ho letto le regole delle gare, ma non sono nemmeno sicurissimo di poter commentare, speriamo bene) ma se potessi farlo mi attesterei comunque sul 4, curiosità insoddisfatta o meno.

Selene Barblan
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 312
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Roberto Ballardini ha scritto:
28/12/2019, 15:22
Il racconto è scritto molto bene, a mio avviso, sia per la suggestività del contesto, sia per come è strutturato e stimola la curiosità del lettore. Curiosità che in appena due cartelle riesce a raggiungere un apice ma rimane insoddisfatta, non so se volutamente o meno. Ho inserito la data su Google ma non ho trovato riferimenti particolari. Quindi o non ho afferrato qualcosa io, oppure la sua ermeticità un poco lo penalizza, secondo me. Detto questo, rimane la scrittura pregevole e un'atmosfera da brivido. Una sensazione di mistero che l'immagine in allegato rappresenta al meglio. Non posso votare essendo iscritto da poco (ho letto le regole delle gare, ma non sono nemmeno sicurissimo di poter commentare, speriamo bene) ma se potessi farlo mi attesterei comunque sul 4, curiosità insoddisfatta o meno.
Beh grazie, mi fa piacere che ti abbia incuriosito.. la data in effetti non corrisponde ad eventi particolari, mi suonava bene così.. gli eventi invece potebbbero avere un fondo dì verità, ...

Avatar utente
Carol Bi
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 55
Iscritto il: 01/11/2018, 10:43

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Carol Bi »

Sono concorde con i commenti che mi hanno preceduto. Manca un qualcosa per fare capire la storia che mi lascia a bocca asciutta. Devo però ammettere che, storia a parte, è scritto davvero molto bene...penso, anche se sono abbastanza "nuova" nel sito, il migliore che tu abbia scritto.
Secondo me, ripreso e, creati i giusti collegamenti e aggiungendo ciò che manca per far comprendere il racconto al lettore, lo scritto risulterebbe vincente, perché non gli manca proprio null'altro.

Selene Barblan
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 312
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Re: Sette settembre

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Ti ringrazio Carol, rifletterò su quanto dici... mi è stato detto un po’ da tutti nel forum, devo solo capire cosa/quanto cambiarlo e quindi dovrò far passare un po’ di tempo prima di rimaneggiarlo. Intanto grazie per la lettura e per l’apprezzamento!

Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 424
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

ciao, selene.
scrittura ottima, praticamente senza refusi.
la prima parte è il reportage di un avvenimento rimasto senza risposta, mentre la seconda descrive sensazioni e stati d'animo di una persona in cerca di quiete. e lo fa molto bene, perché le descrizioni sono buone, sia a livello materiale sia a livello emozionale. la scoperta dell'incisione lega questa parte alla prima, pur lasciando al lettore ogni interpretazione.
buona, l'idea, senza dubbio.
tanto buona che andrei avanti con la storia, visto quel che ne può uscire.
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Selene Barblan
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 312
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Re: commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Fausto Scatoli ha scritto:
03/01/2020, 11:26
ciao, selene.
scrittura ottima, praticamente senza refusi.
la prima parte è il reportage di un avvenimento rimasto senza risposta, mentre la seconda descrive sensazioni e stati d'animo di una persona in cerca di quiete. e lo fa molto bene, perché le descrizioni sono buone, sia a livello materiale sia a livello emozionale. la scoperta dell'incisione lega questa parte alla prima, pur lasciando al lettore ogni interpretazione.
buona, l'idea, senza dubbio.
tanto buona che andrei avanti con la storia, visto quel che ne può uscire.
Grazie mille Fausto, mi fa piacere sia il fatto che lo trovi scritto bene, sia che tu abbia incuriosito.. dato che ha in generale lasciato un po’ la voglia di sapere, in chi l’ha letto, può darsi benissimo che, in un futuro prossimo, lo riprenderò “in mano”. Buona serata 😊

Laura Traverso
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 352
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

Peccato davvero che il racconto non abbia una trama più coinvolgente e chiara: infatti non si comprende appieno e lascia in sospeso; almeno per me è stato così. Pertanto non posso dire che mi sia piaciuto tanto, però si è lasciato leggere, come si suol dire... Bella la foto allegata.

Sonia85
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 10
Iscritto il: 26/03/2019, 18:19

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Sonia85 »

Sono indecisa. Il racconto è scritto bene e alla base c'è una buona idea, ma non è sviluppata a dovere e lascia con l'amaro in bocca più che soddisfare le aspettative del lettore. Ma forse è una cosa voluta.

SmilingRedSkeleton
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 5
Iscritto il: 31/08/2016, 13:39

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da SmilingRedSkeleton »

Il racconto è scritto in maniera eccellente, scorrevole, chiaro ma anche poetico :) Per quanto riguarda il contenuto invece, mi ha lasciata molto insoddisfatta. Non sono una persona che cerca sempre il finale inteso come unico e ben spiegato ma quando viene lasciato aperto, non amo lo sia troppo. Si capisce il collegamento fra i due avvenimenti ma alla fine non rimane nulla a cui aggrapparsi, nessun indizio nascosto nel testo che possa tornare alla mente a lettura terminata e dare il la ad eventuali teorie. In poche parole, questo finale è talmente aperto da lasciare nella mente del lettore talmente tante possibilità sui "perché" degli eventi da far si che diventi un mistero impossibile da svelare, anche perché per quante volte si rilegga il testo, non si scoprirà mai niente di nuovo. Sono molto affascinanti i racconti che lasciano spazio all'immaginazione, all'ignoto, che fanno si che fra le due o tre teorie che rimangono fra le opzioni di "possibile spiegazione" non si arrivi mai a scoprire quella giusta ma a mio parere non si deve mai esagerare

Avatar utente
Teseo Tesei
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 151
Iscritto il: 03/02/2019, 19:35

Author's data

Re: Sette settembre

Messaggio da leggere da Teseo Tesei »

Mi piace per come è scritto finora.
Ho letto che forse lo finirai prossimamente
Effettivamente manca un nesso che colleghi i fatti della Val Leventina del '79 con lo "scortecciamento", non meglio geolocalizzato, del 2019.

Mi astengo dal voto fino a quando sarà finito.
Le stelle brillano soltanto in notte oscura.
https://www.youtube.com/watch?v=HTRHL3yEcVk

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine
Immagine

Namio Intile
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 217
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Namio Intile »

I tuoi racconti hanno sempre un tratto in comune: la solitudine e il disagio intimo, personale, dei protagonisti, che forse è un riflesso di quello dell'autore. Quest'ultimo racconto, a ogni modo, è persino bello. Nulla da segnalare circa la forma. Brava

Selene Barblan
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 312
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

SmilingRedSkeleton ha scritto:
05/01/2020, 12:20
Il racconto è scritto in maniera eccellente, scorrevole, chiaro ma anche poetico :) Per quanto riguarda il contenuto invece, mi ha lasciata molto insoddisfatta. Non sono una persona che cerca sempre il finale inteso come unico e ben spiegato ma quando viene lasciato aperto, non amo lo sia troppo. Si capisce il collegamento fra i due avvenimenti ma alla fine non rimane nulla a cui aggrapparsi, nessun indizio nascosto nel testo che possa tornare alla mente a lettura terminata e dare il la ad eventuali teorie. In poche parole, questo finale è talmente aperto da lasciare nella mente del lettore talmente tante possibilità sui "perché" degli eventi da far si che diventi un mistero impossibile da svelare, anche perché per quante volte si rilegga il testo, non si scoprirà mai niente di nuovo. Sono molto affascinanti i racconti che lasciano spazio all'immaginazione, all'ignoto, che fanno si che fra le due o tre teorie che rimangono fra le opzioni di "possibile spiegazione" non si arrivi mai a scoprire quella giusta ma a mio parere non si deve mai esagerare
Grazie SmilingRedSkeleton, hai saputo spiegare molto bene ciò che hai apprezzato (grazie per l’apprezzamento) sia cosa invece proprio non ti è piaciuto. Capisco le tue ragioni, non so però ancora se vorrò modificarlo o meno, ci penserò... non voglio trasformarlo in qualcosa che poi non piacerebbe a me..

Grazie ancora per l’attenta lettura! :)

Selene Barblan
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 312
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Re: Sette settembre

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Teseo Tesei ha scritto:
06/01/2020, 21:48
Mi piace per come è scritto finora.
Ho letto che forse lo finirai prossimamente
Effettivamente manca un nesso che colleghi i fatti della Val Leventina del '79 con lo "scortecciamento", non meglio geolocalizzato, del 2019.

Mi astengo dal voto fino a quando sarà finito.
😄😄 scortecciamento mi piace, hai sempre una vena umoristica che mi fa sorridere. Mi sono spiegata male nelle risposte precedenti, come ho detto a SmilingRedSkeleton non so se lo modificherò o meno. In effetti a me piace abbastanza così, forse rileggendolo fra qualche tempo a mente più fredda lo svilupperò. Buoni giorni :smt006

Selene Barblan
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 312
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Namio Intile ha scritto:
07/01/2020, 15:09
I tuoi racconti hanno sempre un tratto in comune: la solitudine e il disagio intimo, personale, dei protagonisti, che forse è un riflesso di quello dell'autore. Quest'ultimo racconto, a ogni modo, è persino bello. Nulla da segnalare circa la forma. Brava
Grazie Namio! Sono contenta di leggere queste tue parole.

Selene Barblan
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 312
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Re: commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Laura Traverso ha scritto:
04/01/2020, 18:06
Peccato davvero che il racconto non abbia una trama più coinvolgente e chiara: infatti non si comprende appieno e lascia in sospeso; almeno per me è stato così. Pertanto non posso dire che mi sia piaciuto tanto, però si è lasciato leggere, come si suol dire... Bella la foto allegata.
Ok grazie anche a te Laura per aver letto e commentato, la foto appartiene ai luoghi del racconto, alla prossima!

Selene Barblan
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 312
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Sonia85 ha scritto:
04/01/2020, 22:03
Sono indecisa. Il racconto è scritto bene e alla base c'è una buona idea, ma non è sviluppata a dovere e lascia con l'amaro in bocca più che soddisfare le aspettative del lettore. Ma forse è una cosa voluta.
Ciao Sonia, quanto dici è in linea con tanti altri commenti, capisco l’insoddisfazione. Alla prossima!

Simone_Non_é
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 56
Iscritto il: 16/12/2019, 1:27

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Simone_Non_é »

Ci tengo a precisare che ogni mio commento è semplicemente un parere personale, quindi ciò che più lontano c'è da un giudizio. Mi è piaciuta tantissimo la prima parte, nel mio immaginario il tutto si è sviluppato come tante e diverse inquadrature di un film, spero di avere reso l'idea, anche se tutte unite da un unico filo conduttore. Penso però che il racconto avrebbe potuto dare molto di più soprattutto nel finale che ho trovato un po' troppo classico, quasi un cliché. Essendo una persona incline a temi più o meno oscuri, il mio voto è 4, in quanto nella prima sezione mi sono sentito davvero immerso.

Stefyp
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 117
Iscritto il: 26/07/2019, 18:48

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Stefyp »

Non farò che ripetermi, ma questo racconto ha lasciato anche a me con un'insoddisfazione di fondo. È scritto davvero bene, lo stile mi piace molto, non correggerei niente. Ottimo lo stacco tra la prima e la seconda parte. Se solo avesse avuto un indizio anche piccolo che spiegasse qualcosina sarebbe stato un 5. Invece mi trovo costretta ad abbassare di molto il voto perchè lasciato così non dice granché. Se deciderai di farne un romanzo contattami, lo comprò volentieri.

Selene Barblan
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 312
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Stefyp ha scritto:
10/01/2020, 17:35
Non farò che ripetermi, ma questo racconto ha lasciato anche a me con un'insoddisfazione di fondo. È scritto davvero bene, lo stile mi piace molto, non correggerei niente. Ottimo lo stacco tra la prima e la seconda parte. Se solo avesse avuto un indizio anche piccolo che spiegasse qualcosina sarebbe stato un 5. Invece mi trovo costretta ad abbassare di molto il voto perchè lasciato così non dice granché.

Grazie StefyP :) da quasi tutti i commenti emerge questo fattore, magari il prossimo racconto sarà meno criptico 😃
Se deciderai di farne un romanzo contattami, lo comprò volentieri.

Wow grazie 🙏

Rispondi

Torna a “Gara d'inverno, 2019/2020”


Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 16 - Cinque personaggi in cerca di storie

La Gara 16 - Cinque personaggi in cerca di storie

(settembre 2010, 54 pagine, 842,16 KB)

Autori partecipanti: Cmt, ArditoEufemismo, Arianna, Hellies15, Ser Stefano, Vit, Giulia Floridi, Carlocelenza, Mastronxo, Gigliola, ABDeleo, VecchiaZiaPatty, Skyla74, Exlex, Lucia Manna,
A cura di Manuela.
Scarica questo testo in formato PDF (842,16 KB) - scaricato 422 volte.
oppure in formato EPUB (475,57 KB) (vedi anteprima) - scaricato 188 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

La Gara 50 - La Verità

La Gara 50 - La Verità

(gennaio 2015, 24 pagine, 2,01 MB)

Autori partecipanti: Ser Stefano, Patrizia Chini, Nunzio Campanelli, Nembo13, Mastronxo, Michele, Eliseo Palumbo,
a cura di Cladinoro.
Scarica questo testo in formato PDF (2,01 MB) - scaricato 103 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

La Gara 41 - Tutti a scuola!

La Gara 41 - Tutti a scuola!

(ottobre 2013, 49 pagine, 1,59 MB)

Autori partecipanti: Eliseo Palumbo, Lodovico, Polly Russell, Desiree Ferrarese, Rovignon, Nunzio Campanelli, Alessandro D, Lorella15, Eddie1969, Michele, Kaipirissima,
A cura di Antonella Pighin.
Scarica questo testo in formato PDF (1,59 MB) - scaricato 190 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.




Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Non spingete quel bottone

Non spingete quel bottone

antologia di racconti sull'ascensore

Hai mai pensato a cosa potrebbe accadere quando decidi di mettere piede in un ascensore? Hai immaginato per un attimo a un incontro fatale tra le fredde braccia della sua cabina? Hai temuto, per un solo istante, di rimanervi chiuso a causa di un imponderabile guasto? E se dietro a quel guasto ci fosse qualcosa o qualcuno?
Trentuno autori di questa antologia dedicata all\'ascensore, ideata e curata da Lorenzo Pompeo in collaborazione col sito BraviAutori.it, hanno provato a dare una risposta a queste domande.
A cura di Lorenzo Pompeo
Introduzione dell\'antropologo Vincenzo Bitti.
Illustrazioni interne di Furio Bomben e AA.VV.
Copertina di Roberta Guardascione.

Contiene opere di: Vincenzo Bitti, Luigi Dinardo, Beatrice Traversin, Paul Olden, Lodovico Ferrari, Maria Stella Rossi, Enrico Arlandini, Federico Pergolini, Emanuele Crocetti, Roberto Guarnieri, Andrea Leonelli, Tullio Aragona, Luigi Bonaro, Umberto Pasqui, Antonella Provenzano, Davide Manenti, Mara Bomben, Marco Montozzi, Stefano D'Angelo, Amos Manuel Laurent, Daniela Piccoli, Marco Vecchi, Claudio Lei, Luca Carmelo Carpita, Veronica Di Geronimo, Riccardo Sartori, Andrea Andolfatto, Armando d'Amaro, Concita Imperatrice, Severino Forini, Eliseo Palumbo, Diego Cocco, Roberta Eman.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (2,58 MB scaricato 482 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

Kriminal.e - racconti gialli evoluti

Kriminal.e - racconti gialli evoluti

Kriminal.e è una raccolta di testi gialli "evoluti", che contengono cioè elementi tecnologici legati all'elettronica moderna.
Copertina di Diego Capani.
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Tullio Aragona, Nunzio Campanelli, Lorella Fanotti, Lodovico Ferrari, Emanuele Finardi, Concita Imperatrice, Angelo Manarola, Francesca Paolucci, Umberto Pasqui, Antonella Pighin, Alessandro Renna, Enrico Teodorani.
Vedi ANTEPRIMA (172,07 KB scaricato 152 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

Biblioteca labirinto

Biblioteca labirinto

Cinque scaffali di opere concatenate per raccontare libri, biblioteche e personaggi letterari

Riportare la lettura e la biblioteca al centro dell'attenzione dovrebbe essere un dovere di ciascuno di noi. Se in qualche misura ci riesce una raccolta di racconti non si può che gioirne, nella speranza che possa essere contagioso, come deve esserlo tutto ciò che ci spinge a riflettere e a interrogarci sull'essenza del nostro esistere.
A cura di Lorenzo Pompeo e Massimo Baglione.
introduzione del Prof. Gabriele Mazzitelli.

Contiene opere di: Alberto De Paulis, Monica Porta, Lorenzo Pompeo, Claudio Lei, Nunzio Campanelli, Vittoria Tomasi, Cristina Cornelio, Marco Vecchi, Antonella Pighin, Nadia Tibaudo, Sonia Piras, Umberto Pasqui, Desirée Ferrarese.
Vedi ANTEPRIMA (211,75 KB scaricato 167 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.