Orologio

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'inverno 2019/2020.

Votazione

Sondaggio concluso il 23/03/2020, 0:00

1 - non mi piace affatto
2
11%
2 - mi piace pochino
3
17%
3 - si lascia leggere
6
33%
4 - è bello
5
28%
5 - mi piace tantissimo
2
11%
 
Voti totali: 18

Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 424
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Orologio

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

«Guarda che spettacolo, Valien.»
Mi osserva e scodinzola, poi volge lo sguardo avanti a sé.
Sono salito quassù per poter inglobare negli occhi e nella mente il luogo dove sono nato: una terra fertile e benigna che ha accolto il mio popolo in epoca lontana e ha forgiato i miei avi, concedendo loro di sfruttarla, ma facendosi rispettare. Una magnifica e ampia vallata incassata tra i monti, le cui uniche vie d’accesso naturale sono il torrente, che esce, e la dolce ascesa di questo colle.
Ciò ha impedito l’invasione da parte di altre genti e ne ha permesso la difesa quando è stato tentato. Rare volte, in verità, e mai da nostri simili.
In effetti abbiamo quasi sempre prosperato in pace e in isolamento, anche se tanto tempo fa non fu così.

«Sai, Valien, che in un tempo antico vi erano città talmente enormi che questa valle non sarebbe bastata a contenerne una? Grandi case e un incredibile numero di abitanti. Vivevano in un ambiente che a noi è sempre apparso assurdo: la loro era si chiamava “tecnologica”, una parola di cui non ho mai compreso appieno il significato.»
Il Superiore mi guarda, incuriosito, poi sbotta: «E-hno-ò-gi-ha?»
«Così pare. Quel che è chiaro è che avevano abbandonato la natura per cercare sviluppo in altre direzioni. Pare avessero macchine che lavoravano per loro e che potessero spostarsi velocemente da un luogo all’altro tramite vari mezzi inventati. E sembra anche che tutte le terre conosciute fossero da loro abitate.»
«Oh… hu-he…»
«Già. Ho anche capito che non erano sereni. Se lo fossero stati non avrebbero cercato quel tipo di evoluzione, sarebbero andati in un’altra direzione.»

Chiudo gli occhi. Il mio orologio interiore dice che il tempo è quasi completo. Sono al tramonto.
«Valien, probabilmente la tua razza sostituirà la mia, che si sta estinguendo.»
«No!» ribatte seccamente.
Sorrido. Stanno migliorando il linguaggio notevolmente, i Superiori. Molto simili ad asini, risultato di qualche follia “tecnologica” o, forse, semplice evoluzione, non ci è dato sapere. Come il perché della nostra sterilità in costante aumento.
«Comunque sia, tra poco io me ne andrò. Tu sappi far tesoro di tutto quanto ti ho detto e ricorda ai tuoi simili che non dovete fare come noi.»
Sa che sto dicendo la verità. E ne soffre.
«Gli uomini di quelle città hanno provocato danni enormi. Da quanto abbiamo ricostruito in base a ricordi tramandati da generazioni, alla loro società serviva sempre più energia per sopravvivere. Hanno consumato tutto ciò che la terra offriva per creare tanta di quella luce che in certi punti non si potevano più vedere le stelle. Si sono fatti la guerra per trovare altre fonti, una guerra fatale.»

Valien sfrega il suo muso contro di me, ha capito che manca davvero poco.
«Certo, da allora molto è cambiato» riprendo, «ma forse era già tardi. Ora ognuno di noi sa quando giunge al termine e non cerca mezzi strani per proseguire il ciclo vitale, sarebbe assurdo. Come assurdo è illuminare la notte, sprecare il cibo e l’acqua.»
Lo guardo sorridendo: «Addio, Valien, devo andare al mio ultimo sonno. Guarda verso l’alto stanotte, vedrai una stella in più.»
Gli accarezzo il muso, vedo cadere una lacrima.
Mi accomodo nella microcapsula e lui si allontana. Mi sistemo la cintura, chiudo il tettuccio, sospiro e premo il pulsante.
L’orologio batte gli ultimi colpi, la capsula parte verso l’alto e mentre sento il corpo morire penso che tra poco sarò parte del cielo stellato. Così hanno deciso gli dei.
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Giampiero
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 67
Iscritto il: 23/12/2010, 17:31

Author's data

COMMENTO

Messaggio da leggere da Giampiero »

Divertente racconto, a un certo punto ho riso sulla "questione" degli "asini" relegati in essere "Superiori". Non abbiamo praticamente scampo, direi che siamo sulla strada giusta. Ma per altre vie ho trovato il racconto anche un po' malinconico, il che è decisamente un aspetto positivo visto le poche battute a disposizione per trasmettere umori tra loro così nettamente contrapposti. Simpatico essere questo Valian. Piaciuto particolarmente il finale, per la serie: siamo figli delle stelle.
La paura è un cavallo con le ali: una volta lanciato al galoppo perde il contatto con il suolo e incomincia a volare.

Laura Traverso
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 352
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

Abbiamo appena finito di partecipare al calendario 2020 il cui tema era "Altri Mondi". Mi è parso, infatti, di leggere uno dei tanti racconti in gara per quel concorso. Certo, questo si dilunga di più di ciò che era consentito per il Calendario ma, più o meno, il senso è quello. Racconto carino che si lascia sicuramente leggere ma, sarà per quanto spiegato appena sopra, non vi trovo nulla di così originale.

Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 424
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

Laura Traverso ha scritto:
03/01/2020, 19:00
Abbiamo appena finito di partecipare al calendario 2020 il cui tema era "Altri Mondi". Mi è parso, infatti, di leggere uno dei tanti racconti in gara per quel concorso. Certo, questo si dilunga di più di ciò che era consentito per il Calendario ma, più o meno, il senso è quello. Racconto carino che si lascia sicuramente leggere ma, sarà per quanto spiegato appena sopra, non vi trovo nulla di così originale.
se stai dicendo che questo racconto ha partecipato al concorso "Altri mondi", ti dico che stai sbagliando. io non ho inviato alcuna storia per quel concorso. sono rimasto assente parecchio per motivi personali e neppure sapevo ci fosse.
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Laura Traverso
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 352
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

Fausto Scatoli ha scritto:
03/01/2020, 19:05
se stai dicendo che questo racconto ha partecipato al concorso "Altri mondi", ti dico che stai sbagliando. io non ho inviato alcuna storia per quel concorso. sono rimasto assente parecchio per motivi personali e neppure sapevo ci fosse.
Mi spiace che tu non abbia capito niente. Leggi meglio quanto ho scritto e capirai... (non mi è passato neppure per l'anticamera del cervello di pensare e dire che il tuo racconto avesse partecipato a quel concorso).

Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 424
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

Laura Traverso ha scritto:
03/01/2020, 19:10
Mi spiace che tu non abbia capito niente. Leggi meglio quanto ho scritto e capirai... (non mi è passato neppure per l'anticamera del cervello di pensare e dire che il tuo racconto avesse partecipato a quel concorso).
ok, se ho capito male ti chiedo scusa
però gradirei sapere a cosa è dovuto il tuo astio.
quello non lo capisco proprio
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Laura Traverso
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 352
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

Re: Orologio

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

Sei fuori? BOH! "Il mondo è bello perchè è vario"- Cerca di rilassarti, abbiamo appena iniziato il nuovo anno, anzi ti auguro un Buon Anno e ti dico e ti consiglio vivamente di non vedere nero ovunque, (prima dici che ti ho accusato di aver scritto per quel concorso, ora parli di astio???? Mah!!!!)

ElianaF
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 49
Iscritto il: 21/12/2019, 19:35

Author's data

Commento: Orologio

Messaggio da leggere da ElianaF »

Trama non originale ma con qualche tratto particolare. Non mi ha emozionato, avrei gradito maggiori dettagli su chi parla e su Valien.
Forse sarebbe stato più appropriato il titolo "L'ora di Valien" o il focus del racconto è la morte del narratore?

Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 424
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Re: Commento: Orologio

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

ElianaF ha scritto:
03/01/2020, 19:37
Trama non originale ma con qualche tratto particolare. Non mi ha emozionato, avrei gradito maggiori dettagli su chi parla e su Valien.
Forse sarebbe stato più appropriato il titolo "L'ora di Valien" o il focus del racconto è la morte del narratore?
il focus del racconto è l'orologio interiore che segnala la fine della vita.
per questo l'ho intitolato "Orologio".
è una delle cose che sono cambiate dopo il disastro, probabilmente la pricipale

:)
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 424
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Re: Orologio

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

Laura Traverso ha scritto:
03/01/2020, 19:33
Sei fuori? BOH! "Il mondo è bello perchè è vario"- Cerca di rilassarti, abbiamo appena iniziato il nuovo anno, anzi ti auguro un Buon Anno e ti dico e ti consiglio vivamente di non vedere nero ovunque, (prima dici che ti ho accusato di aver scritto per quel concorso, ora parli di astio???? Mah!!!!)
allora ti chiedo, per cortesia, di utilizzare un linguaggio meno secco.
te ne sarei davvero grato.
amen.
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Selene Barblan
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 312
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Valien mi è piaciuto davvero tanto; non so spiegare perché ma mi ha trasmesso tenerezza, nonostante venga descritto relativamente poco... . Il racconto è ben scritto, ha suscitato in me voglia di sapere qualcosa in più riguardo ai Superiori, forse saranno meritevoli del loro nome. Il fatto che l’umano (se di umano si tratta) vada incontro alle stelle seguendo quanto gli dice il suo orologio interno mi ricorda ciò che ho sentito degli indiani d’America, che, quando sentono arrivare la propria ora, cercano una pietra e si lasciano morire. Voto 4 (ribadisco che mi piacerebbe rivedere in futuro Valien)

Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 424
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

Selene Barblan ha scritto:
03/01/2020, 21:41
Valien mi è piaciuto davvero tanto; non so spiegare perché ma mi ha trasmesso tenerezza, nonostante venga descritto relativamente poco... . Il racconto è ben scritto, ha suscitato in me voglia di sapere qualcosa in più riguardo ai Superiori, forse saranno meritevoli del loro nome. Il fatto che l’umano (se di umano si tratta) vada incontro alle stelle seguendo quanto gli dice il suo orologio interno mi ricorda ciò che ho sentito degli indiani d’America, che, quando sentono arrivare la propria ora, cercano una pietra e si lasciano morire. Voto 4 (ribadisco che mi piacerebbe rivedere in futuro Valien)
nel ringraziarti per il commento, ti dico che potresti davvero rileggere di Valien (o di quelli come lui), in quanto ho altri racconti che ne parlano.
uno, per esempio, lo trovi qui https://www.braviautori.it/haetio-dandelion.html
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Selene Barblan
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 312
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Re: Orologio

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Che bello!! Farò!!

Roberto Ballardini
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 88
Iscritto il: 22/12/2019, 10:58

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Ballardini »

Il tema è decisamente attuale, malgrado il taglio fantascientifico, e condivido l'approccio rassegnato, la constatazione che i giochi siano fatti o che, se anche non lo sono, comunque all'orizzonte non c'è nessuna aspettativa plausibile di invertire la tendenza autodistruttiva della nostra epoca.
Mi è piaciuto memorizzare il termine "scodinzola", che mi ha fatto subito pensare a un cane, e poi associarlo successivamente a "Superiore", constatando con sorpresa e interesse che avevi in mente altro. Il tema principale l'avrei preferito sviluppato un po' meno esplicitamente, un po' meno spiegato, ma l'ho comunque letto con piacere.

Avatar utente
Eliseo Palumbo
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 433
Iscritto il: 22/10/2011, 14:09
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Eliseo Palumbo »

Il racconto è bello, mi piace, scritto bene e gradevole.

Bella l'immagine del maestro che saluta il discepolo, bella l'ambientazione distopica, perché un futuro distrutto dalla tecnologia e gestito da asini è molto distopico.

Mi sono piaciuti anche il termine "una stella in più" e la frase finale "così hanno deciso gli dei" perché nostante il protagonista abbia vissuto in un'era molto sviluppata tecnologicamente è pur sempre rimasto attaccato all'idea di un dio superiore e di una vita ultraterrena, o almeno questo è quello che mi ha trasmesso.

Voto massimo
Mostrare ad altri le proprie debolezze lo sconvolgeva assai più della morte

POSARE LA MIA PENNA E' TROPPO PERICOLOSO IO VIVO IO SCRIVO E QUANDO MUOIO MI RIPOSO


Immagine

Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 424
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

Eliseo Palumbo ha scritto:
05/01/2020, 18:31
Il racconto è bello, mi piace, scritto bene e gradevole.

Bella l'immagine del maestro che saluta il discepolo, bella l'ambientazione distopica, perché un futuro distrutto dalla tecnologia e gestito da asini è molto distopico.

Mi sono piaciuti anche il termine "una stella in più" e la frase finale "così hanno deciso gli dei" perché nostante il protagonista abbia vissuto in un'era molto sviluppata tecnologicamente è pur sempre rimasto attaccato all'idea di un dio superiore e di una vita ultraterrena, o almeno questo è quello che mi ha trasmesso.

Voto massimo
ti ringrazio, eliseo, e sono felice ti sia piaciuto
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 424
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

Roberto Ballardini ha scritto:
05/01/2020, 10:24
Il tema è decisamente attuale, malgrado il taglio fantascientifico, e condivido l'approccio rassegnato, la constatazione che i giochi siano fatti o che, se anche non lo sono, comunque all'orizzonte non c'è nessuna aspettativa plausibile di invertire la tendenza autodistruttiva della nostra epoca.
Mi è piaciuto memorizzare il termine "scodinzola", che mi ha fatto subito pensare a un cane, e poi associarlo successivamente a "Superiore", constatando con sorpresa e interesse che avevi in mente altro. Il tema principale l'avrei preferito sviluppato un po' meno esplicitamente, un po' meno spiegato, ma l'ho comunque letto con piacere.
grazie mille per le belle parole
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Namio Intile
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 217
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Namio Intile »

Una specie di favola, a mio avviso, considerato che non è dato sapere il come il dove il quando e il perché. L'intento è moraleggiante, l'uomo (cattivo) che soccombe perché ha consumato tutte le risorse della Terra e lascia il posto ad altre razze (buone). Il tema lo trovo stucchevole e il racconto, poco sviluppato, di per sé non può che offrire un'avara istantanea.
Ti segnalo un errore di forma: "In effetti abbiamo quasi sempre prosperato in pace e in isolamento, anche se tanto tempo fa non fu così."
In questo periodo passi dal presente al passato.
Ti segnalo delle incongruenze logiche: " Una magnifica e ampia vallata incassata tra i monti, le cui uniche vie d’accesso naturale sono il torrente, che esce, e la dolce ascesa di questo colle.
Ciò ha impedito l’invasione da parte di altre genti e ne ha permesso la difesa quando è stato tentato. Rare volte, in verità, e mai da nostri simili."
Non mi pare credibile che una vallata come da te descritta possa impedire un'invasione sfruttando la sua sola topografia.
Parli di altri genti e, alla fine, mai da nostri simili.
A chi ti riferisci? Non riesco a comprendere.
E infine, gli asini non scodinzolano che io sappia; poi non capisco come una società che non possiede più tecnologia spedisca tra le stelle i suoi membri.

Simone_Non_é
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 56
Iscritto il: 16/12/2019, 1:27

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Simone_Non_é »

Per quanto l'incipit non mi abbia colpito particolarmente, in quanto si parla di un ambiente molto spesso usato in romanzi, film ecc. Il racconto è riuscito ad emozionarmi e credo che questo sia l'aspetto più importante arriva e influisce sulle emozioni del lettore, bel lavoro.
Ultima modifica di Simone_Non_é il 08/01/2020, 13:11, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 424
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

Namio Intile ha scritto:
07/01/2020, 12:11
Una specie di favola, a mio avviso, considerato che non è dato sapere il come il dove il quando e il perché. L'intento è moraleggiante, l'uomo (cattivo) che soccombe perché ha consumato tutte le risorse della Terra e lascia il posto ad altre razze (buone). Il tema lo trovo stucchevole e il racconto, poco sviluppato, di per sé non può che offrire un'avara istantanea.
Ti segnalo un errore di forma: "In effetti abbiamo quasi sempre prosperato in pace e in isolamento, anche se tanto tempo fa non fu così."
In questo periodo passi dal presente al passato.
Ti segnalo delle incongruenze logiche: " Una magnifica e ampia vallata incassata tra i monti, le cui uniche vie d’accesso naturale sono il torrente, che esce, e la dolce ascesa di questo colle.
Ciò ha impedito l’invasione da parte di altre genti e ne ha permesso la difesa quando è stato tentato. Rare volte, in verità, e mai da nostri simili."
Non mi pare credibile che una vallata come da te descritta possa impedire un'invasione sfruttando la sua sola topografia.
Parli di altri genti e, alla fine, mai da nostri simili.
A chi ti riferisci? Non riesco a comprendere.
E infine, gli asini non scodinzolano che io sappia; poi non capisco come una società che non possiede più tecnologia spedisca tra le stelle i suoi membri.
che non ti sia piaciuto è chiaro e me ne dispiaccio.
ti ringrazio per il commento e le osservazioni, ma mi permetto una nota: Valien non è un asino, è un Superiore, e niente vieta che possa scodinzolare.
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 424
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Re: Orologio

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

Simone_Non_é ha scritto:
07/01/2020, 15:28
Per quanto l'incipit non mi abbia colpito particolarmente, in quanto si parla di un ambiente molto spesso usato in romanzi, film ecc. Il racconto è riuscito ad emozionarmi e credo che questo sia l'aspetto più importante arriva e influisce sulle emozioni del lettore, bel lavoro.
grazie, simone
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Avatar utente
Roberto Bonfanti
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 404
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

Il tema dell'abuso della tecnologia che porta all'autodistruzione è molto attuale e abbondantemente sfruttato in narrativa. Non mi soffermo sulle contraddizioni logiche già evidenziate (la capsula, per esempio), ma ho trovato strano definire "Superiori" i membri della nuova razza che erediterà la terra, in fondo Valien sembra a uno stadio inziale dell'evoluzione. Come trovo singolare condannare tout court la tecnologia (Come assurdo è illuminare la notte…); tutto è tecnologia, anche la zappa per lavorare la terra, è molto più che utopico supporre che l'evoluzione non vada di pari passo con il progresso. Che poi questo venga mal utilizzato è un altro discorso.
Un po' retorico ma scritto globalmente bene, tocca alcune corde emotive, si lascia leggere.

Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 424
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

Roberto Bonfanti ha scritto:
08/01/2020, 21:47
Il tema dell'abuso della tecnologia che porta all'autodistruzione è molto attuale e abbondantemente sfruttato in narrativa. Non mi soffermo sulle contraddizioni logiche già evidenziate (la capsula, per esempio), ma ho trovato strano definire "Superiori" i membri della nuova razza che erediterà la terra, in fondo Valien sembra a uno stadio inziale dell'evoluzione. Come trovo singolare condannare tout court la tecnologia (Come assurdo è illuminare la notte…); tutto è tecnologia, anche la zappa per lavorare la terra, è molto più che utopico supporre che l'evoluzione non vada di pari passo con il progresso. Che poi questo venga mal utilizzato è un altro discorso.
Un po' retorico ma scritto globalmente bene, tocca alcune corde emotive, si lascia leggere.
intanto grazie per il commento.
poi ammetto che sì, Valien è probabilmente a uno stadio iniziale e il fatto che la sua razza possa sostituire quella umana è solo il ppensiero del protagonista.
potrebbe accadere come no.
infine, il mio intento non era condannare la tecnologia in toto, ma l'uso che l'umanità ne ha fatto.
se non sono riuscito a farlo comprendere vuol dire che devo modificare qualcosa.
grazie ancora
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Stefyp
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 117
Iscritto il: 26/07/2019, 18:48

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Stefyp »

Ho inteso questo racconto come la parte finale di un qualcosa. Non sarebbe un male se il racconto bastasse a sé stesso. Purtroppo a me personalmente non è bastato, è sicuramente molto soggettiva come sensazione, ma mi ha lasciato un senso di incompiuto. L'argomento non è originale, anche questo non è un problema, qualcosa di originale si può sempre dire. È ben scritto, ma non mi ha emozionato. E poi i problemi della razza umana sono ben altri! La povera tecnologia non ha colpa.

Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 424
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

Stefyp ha scritto:
19/01/2020, 14:41
Ho inteso questo racconto come la parte finale di un qualcosa. Non sarebbe un male se il racconto bastasse a sé stesso. Purtroppo a me personalmente non è bastato, è sicuramente molto soggettiva come sensazione, ma mi ha lasciato un senso di incompiuto. L'argomento non è originale, anche questo non è un problema, qualcosa di originale si può sempre dire. È ben scritto, ma non mi ha emozionato. E poi i problemi della razza umana sono ben altri! La povera tecnologia non ha colpa.
beh, la tecnologia non viene incolpata. se si capisce questo vuol dire che ho sbagliato il messaggio.
la colpa è di chi utilizza la tecnologia, ossia dell'uomo, e questo mi pare chiaro anche oggi.
grazie per il commento.
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Avatar utente
Giorgio Leone
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 190
Iscritto il: 08/11/2014, 13:14
Località: Bormio

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Giorgio Leone »

Effettivamente questo testo, pur scritto bene, è un festival di incongruenze e contraddizioni, molte delle quali sono già state fatte notare.
Ad esempio che pensare di una ampia vallata incassata tra i monti, la cui via d’accesso in alto è la dolce ascesa di un colle, la quale comunque è riuscita ad impedire l’invasione da parte di altre genti (però non simili a noi)? Il morituro, poi, non sa cos’è la tecnologia, sospetta che gli avi potessero spostarsi da un luogo all’altro tramite vari mezzi inventati, ma si accomoda in una microcapsula, si sistema la cintura, chiude il tettuccio, sospira e preme il pulsante. Qualcosa non quadra. Anche Valien, il Superiore, desta qualche perplessità. Se è molto simile a un asino, e il protagonista lo sa, significa che ci sono in circolazione anche asini. Per cui abbiamo contemporaneamente sia asini che supeasini scodinzolanti, che un giorno ci sostituiranno perché ormai siamo sterili. Credo che il tutto vada ripensato con un po’ più di logica e attenzione ai concetti che si esprimono.
ImmagineImmagine
Immagine
Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Avatar utente
Francesco Dell'Accio
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 45
Iscritto il: 15/05/2018, 0:11
Località: Recco

Author's data

COMMENTO

Messaggio da leggere da Francesco Dell'Accio »

Ciao Fausto
mi piace molto il tema della pericolosità della tecnologia, di come questa possa limitare gli spazi democratici, inaridirci, fino a far paradossalmente regredire la nostra società. Intendiamoci,non penso questo della tecnologia, lo considero solo uno scenario possibile causato dall'abuso.
Il racconto l'ho trovato però un po' scontato e moraleggiante.
A rileggerci

Rispondi

Torna a “Gara d'inverno, 2019/2020”


Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


Gara di primavera 2020 - Tre capitani, e gli altri racconti

Gara di primavera 2020 - Tre capitani, e gli altri racconti

(inverno 2019-2020, 60 pagine, ?0)

Autori partecipanti: Namio Intile, Roberto Bonfanti, Speranza, Andr60, Roberto Ballardini, Mariovaldo, Eliseo Palumbo, Letylety, Macrelli Piero, Athosg, Fausto Scatoli, Alessandro Mazzi, Teseo Tesei, Stefyp,
a cura di Massimo Baglione.
Scarica questo testo in formato PDF (610,73 KB) - scaricato 28 volte.
oppure in formato EPUB (363,51 KB) (vedi anteprima) - scaricato 10 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

La Gara 65 - Viaggi, amici, bagagli

La Gara 65 - Viaggi, amici, bagagli

(luglio/agosto 2017, 30 pagine, 676,30 KB)

Autori partecipanti: Ser Stefano, Massimo Tivoli, Daniele Missiroli, Angela Catalini, Nunzio Campanelli, Enrico Gallerati, Angelo Manarola,
a cura di Ida Dainese.
Scarica questo testo in formato PDF (676,30 KB) - scaricato 52 volte.
oppure in formato EPUB (757,58 KB) (vedi anteprima) - scaricato 52 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

La Gara 45 - Due personaggi in cerca d'autore

La Gara 45 - Due personaggi in cerca d'autore

(aprile 2014, 30 pagine, 454,14 KB)

Autori partecipanti: Annamaria Vernuccio, Anto Pigy, Nunzio Campanelli, Ser Stefano, Daniela Rossi, Alphaorg, Eddie1969, Marina Paolucci,
a cura di Ser Stefano.
Scarica questo testo in formato PDF (454,14 KB) - scaricato 131 volte.
oppure in formato EPUB (613,40 KB) (vedi anteprima) - scaricato 244 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.




Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Il Bene o il Male

Il Bene o il Male

Trenta modi di intendere il Bene, il Male e l'interazione tra essi.

Dodici donne e diciotto uomini hanno tentato di far prevalere la propria posizione, tuttavia la Vita ci insegna che il vincitore non è mai scontato. La Natura ci dimostra infatti che dopo un temporale spunta il sole, ma ci insegna altresì che non sempre un temporale è il Male, e che non sempre il sole è il Bene.
A cura di Massimo Baglione
Copertine di Giuliana Ricci.

Contiene opere di: Antonella Cavallo, Michele Scuotto, Nunzio Campanelli, Rosanna Fontana, Giorgio Leone, Ida Dainese, Angelo Manarola, Anna Rita Foschini, Angela Aniello, Maria Rosaria Del Ciello, Fausto Scatoli, Marcello Nucciarelli, Silvia Torre, Alessandro Borghesi, Umberto Pasqui, Lucia Amorosi, Eliseo Palumbo, Riccardo Carli Ballola, Maria Rosaria Spirito, Andrea Calcagnile, Greta Fantini, Pasquale Aversano, Fabiola Vicari, Antonio Mattera, Andrea Spoto, Gianluigi Redaelli, Luca Volpi, Pietro Rainero, Marcello Colombo, Cristina Giuntini.
Vedi ANTEPRIMA (455,65 KB scaricato 141 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

BReVI AUTORI - volume 3

BReVI AUTORI - volume 3

collana antologica multigenere di racconti brevi

BReVI AUTORI è una collana di libri multigenere, ad ampio spettro letterario. I quasi cento brevi racconti pubblicati in ogni volume sono suddivisi usando il seguente schema ternario:

Fantascienza + Fantasy + Horror
Noir + Drammatico + Psicologico
Rosa + Erotico + Narrativa generale

La brevità va a pari passo con la modernità, basti pensare all'estrema sintesi dei messaggini telefonici o a quelli usati in internet da talune piattaforme sociali per l'interazione tra utenti. La pubblicità stessa ha fatto della brevità la sua arma più vincente, tentando (e spesso riuscendo) in pochi attimi di convincerci, di emozionarci e di farci sognare.
Ma gli estremismi non ci piacciono. Il nostro concetto di brevità è un po' più elastico di un SMS o di un aforisma: è un racconto scritto con cura in appena 2500 battute (sì, spazi inclusi).
A cura di Massimo Baglione.

Contiene opere di: Giorgio Leone, SmilingRedSkeleton, Francesco Gallina, Laura Traverso, Umberto Pasqui, Patrizia Benetti, Luca Valmont, Alessandra Leonardi, Mirta D, Pasquale Aversano, Gabriella Pison, Alessio Del Debbio, Alberto Tivoli, Angela Catalini, Marco Vecchi, Roberta Eman, Michele Botton, Francesca Paolucci, Enrico Teodorani, Marco Bertoli, Fausto Scatoli, Massimo Tivoli, Laura Usai, Valentina Sfriso, Athos Ceppi, Francesca Santucci, Angela Di Salvo, Antonio Mattera, Daniela Zampolli, Annamaria Vernuccio, Giuseppe Patti, Dario Sbroggiò, Angelo Bindi, Giovanni Teresi, Marika Addolorata Carolla, Sonia Barsanti, Francesco Foddis, Debora Aprile, Alessandro Faustini, Martina Del Negro, Anita Veln, Alessandro Beriachetto, Vittorio Del Ponte.
Vedi ANTEPRIMA (215,03 KB scaricato 96 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

Dieci

Dieci

antologia di opere ispirate dal numero dieci, in omaggio al decimo compleanno dell'associazione culturale BraviAutori.it

Non amiamo l'auto-celebrazione, tuttavia ci è piaciuto festeggiare il nostro decimo compleanno invitando gli autori a partecipare alla composizione di un'antologia di opere di genere libero che avessero come traccia il numero 10. Ventidue autori hanno accettato l'invito e ciò che ci hanno regalato è stato confezionato in queste pagine.
Con la presente antologia abbiamo voluto ringraziare tutti i collaboratori, gli autori e i visitatori che hanno contribuito a rendere BraviAutori.it ciò che è oggi, e che continuerà a essere finché potrà.
A cura di Massimo Baglione.
Copertina di Giuseppe Gallato.

Contiene opere di: Ferruccio Frontini, Giuseppe Gallato, Mirta D, Salvatore Stefanelli, Gabriella Pison, Alberto Tivoli, Massimo Tivoli, Francesca Gabriel, Francesca Santucci, Enrico Teodorani, Gabriele Ludovici, Martina Del Negro, Alessandro Borghesi, Cristina Giuntini, Umberto Pasqui, Marezia Ori, Fausto Scatoli, Arcangelo Galante, Giorgio Leone, Fabio Maltese, Selene Barblan, Marco Bertoli.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (869,97 KB scaricato 69 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.