Nessuna Condanna

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'inverno 2019/2020.

La Tua Votazione Conta

Sondaggio concluso il 23/03/2020, 0:00

1 - non mi piace affatto, terribilmente noioso
2
11%
2 - mi piace pochino, a tratti noioso
5
26%
3 - si lascia leggere
8
42%
4 - è bello, mi ha regalato qualcosa
2
11%
5 - mi piace tantissimo, ha influito sulle mie emozioni
2
11%
 
Voti totali: 19

Simone_Non_é
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 58
Iscritto il: 16/12/2019, 1:27

Author's data

Nessuna Condanna

Messaggio da leggere da Simone_Non_é »

Benvenuto nel mio diario caro lettore, io sono Adham. Se anche te ti sei mai chiesto cosa ci fosse al di là, be stai per scoprirlo. Per farti sentire a tuo agio, ti dirò qualcosa di me, iniziamo. Mi sono da sempre sentito allergico alla vita, un alieno in un posto sconosciuto. Per farti capire meglio sappi che non ho mai avuto particolari talenti o qualcosa degno di nota ed è per questo che ho iniziato a scrivere, perché per una volta le cose potevano andare come volevo. Ho scritto storie assurde di alberi parlanti con orologi al posto delle foglie, di amori mai sbocciati, di follia ed infine le mie preferite quelle in cui solo alla fine capisci il senso di tutto. La cosa divertente è che nessuno ha mai letto queste storie, le custodisco tutte in un cassetto ammassate fra loro, sono l'unica cosa che il mondo non è riuscito a fottermi. Potrai pensare che è un comportamento egoistico, probabilmente hai ragione, amo però credere che siano le storie a scegliere di essere scritte, io sto solo aspettando che mi dicano di voler essere pubblicate. Non è questo il miglior modo di rispettare ciò che si fa? Voglio dire il più grande dei doni, non è la capacità di avere una propria volontà? Per me la scrittura è solo una forma di sfogo, non ci vuole molto, non devo neanche pensare. Tutte le sere, alle 00,00, inizio col mio piccolo rituale. Apro una playlist a caso, chiudo gli occhi e semplicemente scrollo in basso finché non sento che devo fermarmi. Lascio che la musica si unisca alle piccole bolle di ossigeno trasportate dal mio sangue ed io sparisco e scrivo. Non ci credi? Ok mettiamo su qualcosa, si parte.

I pianeti ruotano e questa sera li sento
Ho deciso di ruotare anch'io nella mia stanza vuota
mentre il mondo rimane in silenzio
un soffio mi accarezza gli occhi
ed io volteggio sono un pianeta
che ruota senza sosta in una pineta

Anche se piango non provo più nulla
perché ho imparato a volteggiare come un pianeta
lo faccio è questo mi basta
sono libero dai miei sentimenti
sono una roccia fredda con l'animo di milioni di persone

Ed ora in rima!

Ho sempre ignorato l'ovvio fino a quando
non ci ho sbattuto la faccia
non c'è nulla che devo capire sto tornando
solo silenzio mentre seguo la traccia
nulla può più fermarmi, sento caldo
sono il proiettile sbagliato nella giusta battuta di caccia

Visto, non è difficile, so fare solo questo. Naturalmente questa non è una storia, ma ti garantisco che potrei scriverne almeno cinque partendo da quelle frasi. Penso sia una questione di libertà, il diventare il mezzo e non più il creatore. Non c'è nessuna condanna in questo, è una forma di intimità anche le storie hanno bisogno di un posto in cui sfogarsi e ripararsi, ed io l'ho imparato in fretta. A dire il vero ora, sento un gran mal di testa, non mi capitava da un sacco di tempo, ho quasi sonno…

Adham si alzò, camminò piano verso il suo cassetto, lo aprì, prese tutti quei fogli impazziti che sembravano piccoli moscerini in una giornata afosa, li mise sul tavolo. Li guardò, sparì in un altra stanza e poi tornò con un piatto un coltello ed una forchetta. Posizionò i fogli ed i suoi racconti sul piatto nero ed incominciò a tagliarli, li fissava incredulo era forse questa la loro volontà? Stava succedendo davvero? Quei pensieri scomparirono in fretta e calmo e felice come non lo era mai stato iniziò a mangiarli, avevano un sapore unico mai provato prima, ne era certo sapevano di sogni.
Prima di accorgersene li divorò tutti. Tutte le sue storie scorrevano nella sua testa era un cinema impossibile da non seguire. Un improvviso freddo salì inesorabile dalle punte dei piedi fino alla testa. Un pensiero, solo uno.

"Sono forse diventato lo show di qualche persona annoiata? Se qualcuno di più intenso di quanto io lo sia mai stato, stesse scrivendo di me?"
Ultima modifica di Simone_Non_é il 08/01/2020, 13:25, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
Lodovico
rank (info):
Terza pagina
Messaggi: 579
Iscritto il: 19/05/2011, 10:22
Località: Borgosesia
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Lodovico »

Profondo, originale, spiazzante, ermetico. Come suggerisce l'autore "ha influito sulle mie emozioni". Una sorta di Matrioska in cui un racconto contiene un altro racconto, almeno, così l'ho visto. In ogni caso mi è piaciuto molto.
Immagine

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 424
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

se devo essere sincero, mi è rimasto piuttosto oscuro. non ho capito molto soprattutto alla fine.
personalmente darei una revisione al testo; ci sono parecchie d eufoniche da eliminare e la punteggiatura da sistemare.
per quanto riguarda la storia, è ben esposta come descrizioni, sebbene, ripeto, me ne resti oscuro il significato.
probabilmente non arrivo a recepirla.
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Avatar utente
Eliseo Palumbo
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 433
Iscritto il: 22/10/2011, 14:09
Contatta:

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Eliseo Palumbo »

Il racconto è bello. Un racconto senza quarta parete, se si può dire, il protagonista alla fine prende consapevolezza di poter essere lui stesso frutto dell'imaginazione altrui o di poter essere uno di quei fogli divorati.
Ho notato una differenza di registro tra la prima e la seconda parte, un po' come se fosse stato scritto da due persone diverse, non so se sia stato voluto o meno, intendo anche dal punto di vista della punteggiatura, la prima parte, quando parla Adham, credo sia impeccabile, nella seconda invece, va rivista molto.

Qualche stupida precisazione:
Una "bolla" di ossigeno sarebbe un'embolia, meglio che non si unisca a nulla :)
"... prese tutte quei fogli..."
2-3 d eufoniche da togliere.
Mostrare ad altri le proprie debolezze lo sconvolgeva assai più della morte

POSARE LA MIA PENNA E' TROPPO PERICOLOSO IO VIVO IO SCRIVO E QUANDO MUOIO MI RIPOSO


Immagine

Simone_Non_é
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 58
Iscritto il: 16/12/2019, 1:27

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Simone_Non_é »

Lodovico ha scritto:
07/01/2020, 20:50
Profondo, originale, spiazzante, ermetico. Come suggerisce l'autore "ha influito sulle mie emozioni". Una sorta di Matrioska in cui un racconto contiene un altro racconto, almeno, così l'ho visto. In ogni caso mi è piaciuto molto.
Grazie mille, Lodovico! Mi è piaciuta molto la tua visione del racconto Matrioska, in un certo senso doveva essere anche così, ancora grazie per le belle parole mi hanno fatto davvero piacere :)

Simone_Non_é
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 58
Iscritto il: 16/12/2019, 1:27

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Simone_Non_é »

Eliseo Palumbo ha scritto:
08/01/2020, 10:27
Il racconto è bello. Un racconto senza quarta parete, se si può dire, il protagonista alla fine prende consapevolezza di poter essere lui stesso frutto dell'imaginazione altrui o di poter essere uno di quei fogli divorati.
Ho notato una differenza di registro tra la prima e la seconda parte, un po' come se fosse stato scritto da due persone diverse, non so se sia stato voluto o meno, intendo anche dal punto di vista della punteggiatura, la prima parte, quando parla Adham, credo sia impeccabile, nella seconda invece, va rivista molto.

Qualche stupida precisazione:
Una "bolla" di ossigeno sarebbe un'embolia, meglio che non si unisca a nulla: )
"… prese tutte quei fogli…"
2-3 d eufoniche da togliere.
Ti ringrazio per le precisazioni, non sono affatto stupide anzi mi servono! Hai colto nel segno per quel che riguarda il racconto, la seconda parte è appositamente "rotta" volevo che si perdesse quella sensazione di linearità, mi piaceva l'idea di un racconto a più strati se così si può definire. Sono felice che ti sia piaciuto!

Piccola precisazione:
Hai perso una m in "imaginazione", capita scrivendo tanto, grazie ancora :-)

ElianaF
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 49
Iscritto il: 21/12/2019, 19:35

Author's data

Commento: Nessuna Condanna

Messaggio da leggere da ElianaF »

Mi è piaciuta la prima parte, peccato avere abbandonato la prima persona per il finale. Scrittura affascinante a parte la frase iniziale che riporta (volutamente?) un "te" al posto del "tu" e un be senza h (ecco la frase: Se anche te ti sei mai chiesto cosa ci fosse al di là, be stai per scoprirlo.)

Simone_Non_é
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 58
Iscritto il: 16/12/2019, 1:27

Author's data

Re: commento

Messaggio da leggere da Simone_Non_é »

Fausto Scatoli ha scritto:
08/01/2020, 9:34
se devo essere sincero, mi è rimasto piuttosto oscuro. Non ho capito molto soprattutto alla fine.
Personalmente darei una revisione al testo; ci sono parecchie d eufoniche da eliminare e la punteggiatura da sistemare.
Per quanto riguarda la storia, è ben esposta come descrizioni, sebbene, ripeto, me ne resti oscuro il significato.
Probabilmente non arrivo a recepirla.
Ti ringrazio per il commento, mi chiedo solo come si possa dare una valutazione ad un qualcosa che non si è capito. Detto questo, ognuno ha la sua sensibilità ed è giusto così, grazie per il tempo dedicato a me ed al mio piccolo lavoro oscuro :-)

Simone_Non_é
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 58
Iscritto il: 16/12/2019, 1:27

Author's data

Re: Commento: Nessuna Condanna

Messaggio da leggere da Simone_Non_é »

ElianaF ha scritto:
08/01/2020, 13:38
Mi è piaciuta la prima parte, peccato avere abbandonato la prima persona per il finale. Scrittura affascinante a parte la frase iniziale che riporta (volutamente?) un "te" al posto del "tu" e un be senza h (ecco la frase: Se anche te ti sei mai chiesto cosa ci fosse al di là, be stai per scoprirlo.)
Grazie mille! L'abbandono della prima persona è voluto, l'idea di creare in poche righe una contrapposizione di emozioni (per es. Prima parte affascinante, seconda quasi fastidiosa) penso riesca a dare una certa sensazione di libertà, dove si hanno dubbi su ciò che è stato volontariamente scritto o meno (es. Te/tu be/beh). Spero di essere riuscito a trasmettere un emozione, qualsiasi essa sia, in un mondo in cui il creatore e mezzo non sono molti distanti così come l'opera ed il lettore :-)

Avatar utente
Fausto Scatoli
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 424
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Author's data

Re: commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli »

Simone_Non_é ha scritto:
08/01/2020, 13:45
Ti ringrazio per il commento, mi chiedo solo come si possa dare una valutazione ad un qualcosa che non si è capito. Detto questo, ognuno ha la sua sensibilità ed è giusto così, grazie per il tempo dedicato a me ed al mio piccolo lavoro oscuro :-)
beh, il fatto che non mi sia chiaro il significato di una storia non mi impedisce di valutarla per altri versi.
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

http://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Alessiaardente
rank (info):
Foglio bianco
Messaggi: 2
Iscritto il: 07/01/2020, 14:54

Author's data

se devo essere sincera il linguaggio è banale come fosse un testo comico ma scavando si trova un senzo di profondo belli

Messaggio da leggere da Alessiaardente »

Lodovico ha scritto:
07/01/2020, 20:50
Profondo, originale, spiazzante, ermetico. Come suggerisce l'autore "ha influito sulle mie emozioni". Una sorta di Matrioska in cui un racconto contiene un altro racconto, almeno, così l'ho visto. In ogni caso mi è piaciuto molto.

Simone_Non_é
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 58
Iscritto il: 16/12/2019, 1:27

Author's data

Re: se devo essere sincera il linguaggio è banale come fosse un testo comico ma scavando si trova un senzo di profondo b

Messaggio da leggere da Simone_Non_é »

Alessiaardente ha scritto:
08/01/2020, 19:29
Sera Alessia, penZo che lei abbia scritto il commento al posto del titolo, la casella più grande serve per commentare. La ringrazio comunque infinitamente per questo suo penZiero è per aver dato un senZo alla mia opera, non avrei mai penZato di ricevere una descrizione così bella mi ha colpito molto questa parte in particolare "scavando si trova un senzo di profondo belli" una piccola poesia, onesta e struggente :-)

Selene Barblan
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 312
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Mi piace il fatto che inizialmente il modo di parlare del narrante sembri sottintendere di voler porre fine alla propria vita, intendo nelle prime tre righe. Per lo meno, è quello che è venuto in mente a me. Ed in un certo senso forse, divorando le proprie opere, “muore” per davvero. Trovo bella l’immagine del divoratore di storie/sogni. Non mi disturba il fatto che il racconto sia un po’ criptico, penso infatti che sia sempre interessante stimolare il lettore a farsi qualche domanda.

Questo pezzo:

“Ho scritto storie assurde di alberi parlanti con orologi al posto delle foglie, di amori mai sbocciati, di follia ed infine le mie preferite quelle in cui solo alla fine capisci il senso di tutto.”

Non mi convince, scusami non so giustificare molto bene il perché, semplicemente mi sembra un po’ autoreferenziale. Forse formulato in un altro modo mi suonerebbe meglio.

E l’ultima frase secondo me è di troppo, banalizza un po’ la bella immagine descritta appena sopra.

Globalmente il racconto è bello, voto 4.

Ps: ho letto diverse volte il racconto ma non riesco a legarlo al titolo, problema mio probabilmente

Simone_Non_é
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 58
Iscritto il: 16/12/2019, 1:27

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Simone_Non_é »

Selene Barblan ha scritto:
08/01/2020, 20:56
Mi piace il fatto che inizialmente il modo di parlare del narrante sembri sottintendere di voler porre fine alla propria vita, intendo nelle prime tre righe. Per lo meno, è quello che è venuto in mente a me. Ed in un certo senso forse, divorando le proprie opere, “muore” per davvero. Trovo bella l’immagine del divoratore di storie/sogni. Non mi disturba il fatto che il racconto sia un po’ criptico, penso infatti che sia sempre interessante stimolare il lettore a farsi qualche domanda.

Questo pezzo:

“Ho scritto storie assurde di alberi parlanti con orologi al posto delle foglie, di amori mai sbocciati, di follia ed infine le mie preferite quelle in cui solo alla fine capisci il senso di tutto.”

Non mi convince, scusami non so giustificare molto bene il perché, semplicemente mi sembra un po’ autoreferenziale. Forse formulato in un altro modo mi suonerebbe meglio.

E l’ultima frase secondo me è di troppo, banalizza un po’ la bella immagine descritta appena sopra.

Globalmente il racconto è bello, voto 4.

Ps: ho letto diverse volte il racconto ma non riesco a legarlo al titolo, problema mio probabilmente
Mi è piaciuto molto questo tuo commento, oserò e le darò del tu, uno degli scopi del racconto doveva essere quello di far nascere delle domande nel lettore in modo tale da creare una sorta di scambio, ciò che dici è perfetto. Per quanto riguarda la frase che non ti convince è possibile che ci sia una nota autoreferenzialità ma l'ultima parte era per me importante ai fini del racconto. Infine per quanto riguarda il titolo è possibile che non abbia un senso come è possibile che ci sia, non trovo corretto spiegare le opere in quanto perdono la loro ragion d'essere, almeno per me. Grazie mille ancora per aver letto questo mio piccolo lavoro, farò tesoro dei tuoi suggerimenti, grazie ancora :-)

Selene Barblan
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 312
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Author's data

Re: Nessuna Condanna

Messaggio da leggere da Selene Barblan »

Certo dammi pure del tu 😃. Contenta di esserti stata utile! Per il titolo, proverò a rileggerlo fra qualche tempo, magari mi scatta la scintilla ⚡️ ;)
Buona scrittura!

Simone_Non_é
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 58
Iscritto il: 16/12/2019, 1:27

Author's data

Re: Nessuna Condanna

Messaggio da leggere da Simone_Non_é »

Selene Barblan ha scritto:
08/01/2020, 21:21
Certo dammi pure del tu 😃. Contenta di esserti stata utile! Per il titolo, proverò a rileggerlo fra qualche tempo, magari mi scatta la scintilla ⚡️;)
Buona scrittura!
Ottimo, buona serata e scrittura anche a te :-) :smt006

Avatar utente
Eliseo Palumbo
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 433
Iscritto il: 22/10/2011, 14:09
Contatta:

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Eliseo Palumbo »

Simone_Non_é ha scritto:
08/01/2020, 13:37

Piccola precisazione:
Hai perso una m in "imaginazione", capita scrivendo tanto, grazie ancora :-)
Ahahah che grande! In effetti si, quando scrivo i commenti non li rileggo mai, quindi nella foga scappa qualcosa :)
Mostrare ad altri le proprie debolezze lo sconvolgeva assai più della morte

POSARE LA MIA PENNA E' TROPPO PERICOLOSO IO VIVO IO SCRIVO E QUANDO MUOIO MI RIPOSO


Immagine

Simone_Non_é
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 58
Iscritto il: 16/12/2019, 1:27

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Simone_Non_é »

Eliseo Palumbo ha scritto:
09/01/2020, 0:50
Ahahah che grande! In effetti si, quando scrivo i commenti non li rileggo mai, quindi nella foga scappa qualcosa :)
Ahah avevo immaginato bene, grande anche te e grazie ancora per il tuo commento, buona giornata :-) :smt006

Avatar utente
Roberto Bonfanti
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 404
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti »

Testo che vive di tre atmosfere diverse.
La prima, una specie di flusso di coscienza dove dici un po' tutto e il suo contrario. "Se anche te ti sei mai chiesto cosa ci fosse al di là…", di là dove? "Per farti capire meglio sappi che non ho mai avuto particolari talenti o qualcosa degno di nota ed è per questo che ho iniziato a scrivere…", non avere particolari talenti e quindi scrivere: scarsa considerazione per questa attività? "…amo però credere che siano le storie a scegliere di essere scritte, io sto solo aspettando che mi dicano di voler essere pubblicate", e poi "Voglio dire il più grande dei doni, non è la capacità di avere una propria volontà?" Mi sembra contraddittorio.
La seconda, affidata a un criptico nonsense in versi. Sbagliando una rima: "caldo", al limite è un'assonanza, ma questo penso che tu lo sappia già.
Una terza, scritta, appunto, in terza persona. La parte migliore, secondo me: l'immagine dello scrittore che mangia le sue pagine è molto potente.
Infine la chiosa dove, forse, emerge l'anima più genuina di questo racconto e ne racchiude il senso. Scusa se te lo dico ma in gran parte della lettura ho avuto una sensazione di artefatto, anche se comprendo l'intenzione di andare oltre la consueta formula del racconto/narrazione.
Qualche imprecisione nella punteggiatura, se hai già fatto editing ti segnalo solo "un'altra" che necessita dell'apostrofo. Il "te" mi sembra un vezzo, opinione personale; lo dico da toscano che lo usa in maniera colloquiale ma che non lo mette nero su bianco, almeno in un testo in italiano standard.
Credo che il tuo potenziale non sia stato del tutto espresso in questo brano.

Simone_Non_é
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 58
Iscritto il: 16/12/2019, 1:27

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Simone_Non_é »

Roberto Bonfanti ha scritto:
09/01/2020, 22:50
Testo che vive di tre atmosfere diverse.
La prima, una specie di flusso di coscienza dove dici un po' tutto e il suo contrario. "Se anche te ti sei mai chiesto cosa ci fosse al di là…", di là dove? "Per farti capire meglio sappi che non ho mai avuto particolari talenti o qualcosa degno di nota ed è per questo che ho iniziato a scrivere…", non avere particolari talenti e quindi scrivere: scarsa considerazione per questa attività? "…amo però credere che siano le storie a scegliere di essere scritte, io sto solo aspettando che mi dicano di voler essere pubblicate", e poi "Voglio dire il più grande dei doni, non è la capacità di avere una propria volontà?" Mi sembra contraddittorio.
La seconda, affidata a un criptico nonsense in versi. Sbagliando una rima: "caldo", al limite è un'assonanza, ma questo penso che tu lo sappia già.
Una terza, scritta, appunto, in terza persona. La parte migliore, secondo me: l'immagine dello scrittore che mangia le sue pagine è molto potente.
Infine la chiosa dove, forse, emerge l'anima più genuina di questo racconto e ne racchiude il senso. Scusa se te lo dico ma in gran parte della lettura ho avuto una sensazione di artefatto, anche se comprendo l'intenzione di andare oltre la consueta formula del racconto/narrazione.
Qualche imprecisione nella punteggiatura, se hai già fatto editing ti segnalo solo "un'altra" che necessita dell'apostrofo. Il "te" mi sembra un vezzo, opinione personale; lo dico da toscano che lo usa in maniera colloquiale ma che non lo mette nero su bianco, almeno in un testo in italiano standard.
Credo che il tuo potenziale non sia stato del tutto espresso in questo brano.
Premetto che vista l'ora probabilmente risponderò in un italiano non perfetto, ma ci tengo comunque a farlo. Partiamo.

"Se anche te ti sei mai chiesto cosa ci fosse al di là…"
Ciò che è il "di là" sta al lettore dedurlo, al di là di ciò che si legge? Al di là di ciò che si fa? Al di là di ciò che si mangia? Al di là di ciò che si pensa? Non sta a me dirlo, ci sono infinite possibilità. Certo se non ci si è mai fatti troppe domande, o almeno quelle che l'opera vuol far trasparire, trovo sia ostico anche solo immaginare.

Credo sia importante ai fini di una critica costruttiva e veritiera riportare le frasi per intero, per cui:
"Per farti capire meglio sappi che non ho mai avuto particolari talenti o qualcosa degno di nota ed è per questo che ho iniziato a scrivere, perché per una volta le cose potevano andare come volevo."
In un contesto simile, non vi è spazio per le considerazioni in quanto l'esigenza espressiva che sfocia in scrittura è figlia di una necessità. Come si può avere scarsa considerazione di ciò che è essenziale per il protagonista del racconto? Questa è una contraddizione.

"Potrai pensare che è un comportamento egoistico, probabilmente hai ragione, amo però credere che siano le storie a scegliere di essere scritte, io sto solo aspettando che mi dicano di voler essere pubblicate."

Ciò che per lei appare contraddittorio credo in realtà sia chiaro, le storie usano lo scrittore per prendere vita, il quale cosciente di questo meccanismo decide di rispettare la volontà dello scritto e quindi di attendere che sia quest'ultimo a decidere di essere pubblicato o meno. Ciò che è inanimato non ha volontà, per questo motivo il potere decisionale diventa un dono.
Il tutto naturalmente ha un senso hai fini della chiusa.

Il nonsense tale non è, potrebbe esserlo a seconda della sensibilità del lettore. Su questa parte è inutile dilungarsi ulteriormente.

Per quanto riguarda l'ultima parte, quella da lei definita "terza", è stata la meno apprezzata dalla maggior parte dei lettori che hanno poi deciso di lasciare un commento, quindi sono piacevolmente sorpreso nel leggere questa sua opinione.

Non mi soffermerò sulle scelte stilistiche in quanto lo trovo superfluo.

Detto questo l'opera di base ha un suo scopo, suscitare domande nel lettore, visto il suo commento credo ci sia riuscita. La ringrazio per aver commentato e letto il mio lavoro e spero di averle chiarito alcuni dubbi a riguardo; è stato comunque un piacere leggerla e mai avrei pensato di dover fare una "parafrasi" su un mio testo, ciò mi ha divertito. Ancora grazie e buona scrittura :-) :smt006

Stefyp
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 117
Iscritto il: 26/07/2019, 18:48

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Stefyp »

Ripeterò un pensiero già espresso in un altro commento: c'è del potenziale, non evidenziato in questo racconto. Mi piace lo stile, il passaggio tra la prima e la terza persona pure, il testo è fluido e si legge con piacere.
Per il resto pur avendo, penso, compreso l'intenzione non mi ha entusiasmato e questo è una cosa molto soggettiva. Chissà perchè a volte ci emozionano alcune cose, certi scritti e altri meno. È la cosa che adoro della scrittura: la molteplicità di visioni e pensieri che può esprimere, ed è quello che mi piace di questo sito. Ogni sensibilità trova spazio di espressione.
Leggerò volentieri altri tuoi racconti

Simone_Non_é
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 58
Iscritto il: 16/12/2019, 1:27

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Simone_Non_é »

Stefyp ha scritto:
10/01/2020, 7:42
Ripeterò un pensiero già espresso in un altro commento: c'è del potenziale, non evidenziato in questo racconto. Mi piace lo stile, il passaggio tra la prima e la terza persona pure, il testo è fluido e si legge con piacere.
Per il resto pur avendo, penso, compreso l'intenzione non mi ha entusiasmato e questo è una cosa molto soggettiva. Chissà perchè a volte ci emozionano alcune cose, certi scritti e altri meno. È la cosa che adoro della scrittura: la molteplicità di visioni e pensieri che può esprimere, ed è quello che mi piace di questo sito. Ogni sensibilità trova spazio di espressione.
Leggerò volentieri altri tuoi racconti
Grazie Stefyp, se ti va ed hai tempo, mi farebbe piacere leggere, secondo te, come potrei mettere in evidenzia tutto il potenziale del racconto, ciò mi aiuterebbe. Piccolo momento spam, attualmente ho pubblicato un altra opera sul sito, se ti va di dargli una letta ora sai della sua esistenza. Grazie per aver commentato :-) :smt006

Laura Traverso
rank (info):
Correttore di bozze
Messaggi: 352
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Author's data

commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso »

E' particolare questo racconto che inserisce molti esempi di scrittura tra cui quella rimata. Di conseguenza si comprende bene, e si apprezza, (almeno per me è stato così) l'impegno dell'autore. Complessivamente mi è piaciuto.

Namio Intile
rank (info):
Necrologista
Messaggi: 217
Iscritto il: 07/03/2019, 11:31

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Namio Intile »

Ho trovato errori di vario tipo: "Benvenuto nel mio diario caro lettore," dove caro lettore, essendo un complemento vocativo, va tenuto separato da una virgola dal resto.
Nel periodo successivo: "Se anche te ti sei mai chiesto cosa ci fosse al di là" è un periodo ipotetico. Pertanto devi usare il congiuntivo, se anche ti fossi mai chiesto cosa ci sia...
E cosine del genere, nulla che una buona rilettura non possa modificare.
Trovo sempre poco opportuno, invece, il rivolgersi al lettore del protagonista, che spesso poi diventa l'autore, con ammiccamenti che non creano certo confidenza, e mi sembrano sempre fini a se stessi.
A ogni modo, il vero punto debole, a mio modo di vedere, sono i muri portanti del racconto, ossia le riflessioni del protagonista. In quanto contraddittorie o confusionarie.
Per esempio scrivi: " Mi sono da sempre sentito allergico alla vita, un alieno in un posto sconosciuto. Per farti capire meglio sappi che non ho mai avuto particolari talenti o qualcosa degno di nota ed è per questo che ho iniziato a scrivere,"
Chi è allergico alla vita, si sente alieno alla vita, dovrebbe desiderare il contrario della vita: la morte. Invece la tua spiegazione parla della mancanza di talenti, che è altra questione ancora. Pertanto la spiegazione non spiega nulla, anzi confonde.
Questa confusione continua per tutto il racconto: "Penso sia una questione di libertà, il diventare il mezzo e non più il creatore."
Quando mai il mezzo è stato più libero del creatore, mi chiedo io.
E via di questo passo.

Simone_Non_é
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 58
Iscritto il: 16/12/2019, 1:27

Author's data

Re: commento

Messaggio da leggere da Simone_Non_é »

Laura Traverso ha scritto:
01/02/2020, 16:15
E' particolare questo racconto che inserisce molti esempi di scrittura tra cui quella rimata. Di conseguenza si comprende bene, e si apprezza, (almeno per me è stato così) l'impegno dell'autore. Complessivamente mi è piaciuto.
Grazie mille, felice di sapere che nel complesso è piaciuto, spero che sia riuscito a lasciare qualcosa anche se di piccolissimo. Buona scrittura e grazie ancora per essere passata :-) :smt006

Avatar utente
Giorgio Leone
rank (info):
Apprendista
Messaggi: 190
Iscritto il: 08/11/2014, 13:14
Località: Bormio

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Giorgio Leone »

Giornale di bordo. Inizio e Adham con l’”h” mi dà subito fastidio, anche se Wikipedia mi conferma che esiste ed è un nome maschile arabo che significa “shiny black stallion”. Buono a sapersi. Non faccio neanche in tempo a rilassarmi che leggo “Se anche te ti” e mi innervosisco, le mani si contraggono sui braccioli della mia fedele poltroncina da computer. Con la coda dell’occhio vedo qualcosa che assomiglia a un paio di poesie e mi rabbuio, in quanto difficilmente mi entusiasmano; poi capisco che chi scrive scrive di uno scrittore che scrive, e la cosa mi piace ancor meno.
Di lì in avanti scivolo sulle parole, godendo e ignorando “d” eufoniche e quant’altro, magari me le sono divorate come il testo: tanto prima o poi, conoscendoti, la loro fine sarebbe stata la stessa. Il finale da scatola cinese non è nuovo ma, scritto così, è come se lo leggessi la prima volta. Ricomincio e il pezzo mi piace ancora di più, poi leggo il commento di Marcello “Profondo, originale, spiazzante, ermetico”, e condivido in parte. L’unica cosa ermetica per me sono i voti bassi, per il resto penso di aver capito tutto: magari sono sulla tua stessa lunghezza d’onda. Molti complimenti, vado a mangiarmi un po’ dei miei racconti per vedere di cosa sanno. Non c'è nessuna condanna neppure per questo.
ImmagineImmagine
Immagine
Immagine

Autore presente nei seguenti ebook di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Roberto Ballardini
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 88
Iscritto il: 22/12/2019, 10:58

Author's data

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Ballardini »

Mi riconosco in molti passaggi, o meglio riconosco quell'affetto e quel rispetto che si prova per il proprio lavoro, anche quando rimane confinato nell'ambito privato. Quel riconoscere alle storie che inventiamo, una loro identità\dignità, una loro realtà, se vogliamo. L'antidoto per eccellenza, credo, a tutte le critiche sbrigative (necessariamente sbrigative), a volte saccenti, a volte oculate, che si ricevono sul web.
Facile riconoscere in questo racconto (intendo per me, poi magari il racconto intende altro) la metafora del travaglio quotidiano che comporta dare anima e corpo a una passione artistica, che spesso equivale a nuotare controcorrente rispetto al contesto in cui viviamo. Ha più il carattere di una riflessione, piuttosto che di una storia vera e propria, ma credo non a caso comincia qualificandosi proprio come un diario personale. Si avverte, comunque, l'autenticità di quanto espresso. Mi hanno un po' disorientato i cambi di registro e punto di vista - prima persona, terza, storia dentro la storia -, magari non sono riuscito io a inquadrarli nella giusta ottica.

Simone_Non_é
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 58
Iscritto il: 16/12/2019, 1:27

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Simone_Non_é »

Giorgio Leone ha scritto:
09/02/2020, 20:37
Giornale di bordo. Inizio e Adham con l’”h” mi dà subito fastidio, anche se Wikipedia mi conferma che esiste ed è un nome maschile arabo che significa “shiny black stallion”. Buono a sapersi. Non faccio neanche in tempo a rilassarmi che leggo “Se anche te ti” e mi innervosisco, le mani si contraggono sui braccioli della mia fedele poltroncina da computer. Con la coda dell’occhio vedo qualcosa che assomiglia a un paio di poesie e mi rabbuio, in quanto difficilmente mi entusiasmano; poi capisco che chi scrive scrive di uno scrittore che scrive, e la cosa mi piace ancor meno.
Di lì in avanti scivolo sulle parole, godendo e ignorando “d” eufoniche e quant’altro, magari me le sono divorate come il testo: tanto prima o poi, conoscendoti, la loro fine sarebbe stata la stessa. Il finale da scatola cinese non è nuovo ma, scritto così, è come se lo leggessi la prima volta. Ricomincio e il pezzo mi piace ancora di più, poi leggo il commento di Marcello “Profondo, originale, spiazzante, ermetico”, e condivido in parte. L’unica cosa ermetica per me sono i voti bassi, per il resto penso di aver capito tutto: magari sono sulla tua stessa lunghezza d’onda. Molti complimenti, vado a mangiarmi un po’ dei miei racconti per vedere di cosa sanno. Non c'è nessuna condanna neppure per questo.
Ho letto il tuo commento 37 minuti dopo che l'avevi scritto. Mi è piaciuto così tanto che ho deciso di aspettare un po' prima di risponderti, volevo che ci fosse il clima giusto. Probabilmente sì, ti è arrivato tutto o almeno credo, non penso lo sapremo mai, ma non c'è nessuna condanna neanche in questo. Semplicemente grazie per essere passato ed aver allungato ancora un po' questo piccolo viaggio, cercherò di migliorare la forma nel mentre, buona scrittura e lettura :-) :smt006

Simone_Non_é
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 58
Iscritto il: 16/12/2019, 1:27

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Simone_Non_é »

Roberto Ballardini ha scritto:
11/02/2020, 9:15
Mi riconosco in molti passaggi, o meglio riconosco quell'affetto e quel rispetto che si prova per il proprio lavoro, anche quando rimane confinato nell'ambito privato. Quel riconoscere alle storie che inventiamo, una loro identità\dignità, una loro realtà, se vogliamo. L'antidoto per eccellenza, credo, a tutte le critiche sbrigative (necessariamente sbrigative), a volte saccenti, a volte oculate, che si ricevono sul web.
Facile riconoscere in questo racconto (intendo per me, poi magari il racconto intende altro) la metafora del travaglio quotidiano che comporta dare anima e corpo a una passione artistica, che spesso equivale a nuotare controcorrente rispetto al contesto in cui viviamo. Ha più il carattere di una riflessione, piuttosto che di una storia vera e propria, ma credo non a caso comincia qualificandosi proprio come un diario personale. Si avverte, comunque, l'autenticità di quanto espresso. Mi hanno un po' disorientato i cambi di registro e punto di vista - prima persona, terza, storia dentro la storia -, magari non sono riuscito io a inquadrarli nella giusta ottica.
Intanto grazie mille per il tuo commento, mi ha fatto davvero piacere. Continuerò a seguire la linea di non spiegare eventuali metafore o quant'altro, anche se probabilmente la tua è stata un ottima osservazione. Capisco che i cambi di registro possano non essere facilmente digeribili e farò tesoro di questo e altri spunti di riflessione che mi hai lasciato, nel tentativo di trovare la giusta forma. Grazie ancora per essere passato, buona lettura e scrittura :-) :smt006

Simone_Non_é
rank (info):
Pubblicista
Messaggi: 58
Iscritto il: 16/12/2019, 1:27

Author's data

Re: Commento

Messaggio da leggere da Simone_Non_é »

Namio Intile ha scritto:
04/02/2020, 11:09
Ho trovato errori di vario tipo: "Benvenuto nel mio diario caro lettore," dove caro lettore, essendo un complemento vocativo, va tenuto separato da una virgola dal resto.
Nel periodo successivo: "Se anche te ti sei mai chiesto cosa ci fosse al di là" è un periodo ipotetico. Pertanto devi usare il congiuntivo, se anche ti fossi mai chiesto cosa ci sia...
E cosine del genere, nulla che una buona rilettura non possa modificare.
Trovo sempre poco opportuno, invece, il rivolgersi al lettore del protagonista, che spesso poi diventa l'autore, con ammiccamenti che non creano certo confidenza, e mi sembrano sempre fini a se stessi.
A ogni modo, il vero punto debole, a mio modo di vedere, sono i muri portanti del racconto, ossia le riflessioni del protagonista. In quanto contraddittorie o confusionarie.
Per esempio scrivi: " Mi sono da sempre sentito allergico alla vita, un alieno in un posto sconosciuto. Per farti capire meglio sappi che non ho mai avuto particolari talenti o qualcosa degno di nota ed è per questo che ho iniziato a scrivere,"
Chi è allergico alla vita, si sente alieno alla vita, dovrebbe desiderare il contrario della vita: la morte. Invece la tua spiegazione parla della mancanza di talenti, che è altra questione ancora. Pertanto la spiegazione non spiega nulla, anzi confonde.
Questa confusione continua per tutto il racconto: "Penso sia una questione di libertà, il diventare il mezzo e non più il creatore."
Quando mai il mezzo è stato più libero del creatore, mi chiedo io.
E via di questo passo.
Parto ringraziandoti per aver commentato e per avermi suggerito diversi accorgimenti "tecnici", se così si possiamo definirli, di cui farò tesoro. Per quanto riguarda il gusto sulle scelte narrative trovo siano soggettive, per me avevano un significato anche quelle al fine del racconto. Non sono d'accordo invece sulle criticità dello scritto, i muri portanti, non sempre è la riga sottostante a spiegare il significato di ciò che viene espresso. Detto questo sono felice di avere avuto modo di leggere un altra visione ed apprezzo il tempo speso a lasciare un commento, probabilmente anche questa è un altra forma nella quale un racconto può arrivare. Grazie ancora, buona scrittura e lettura :-) :smt006

Rispondi

Torna a “Gara d'inverno, 2019/2020”



Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


256K

256K

256 racconti da 1024 Karatteri

Raccolta delle migliori opere che hanno partecipato alla selezione per l'antologia 256K. Ci sono 256 racconti da non più di 1024 battute. A chiudere l'antologia c'è un bellissimo racconto del maestro della fantascienza italiana Valerio Evangelisti. Ogni pagina, è corredata da una cronologia dei vecchi computer dagli anni '50 agli '80. A ogni autore è stato inoltre assegnato un QR Code. Da non perdere!
A cura di Massimo Baglione e Massimo Fabrizi
con la partecipazione di: Alessandro Napolitano e Paolo Oddone.

Contiene opere di: Alberto Tristano, Roberto Guarnieri, Ramona Cannatelli, Ser Stefano, Giorgio Aprile, Gianluca Santini, Matteo Mancini, Giorgia Rebecca Gironi, Mariella Vallesi, Tommaso Chimenti, Diego Salvadori, Giulia Conti, Beatrice Traversin, Maria Cristina Biasoli, Massimiliano Campo, Il Cazzaro di 6502, Polissena Cerolini, Patrizia Birtolo, Paolo Capponi, Paolo Cavicchi, Luca Romanello, Igor Lampis, Diego Di Dio, Leonardo Boselli, David Parronchi, VS, Antonella Tissot, Sam L. Basie, Annamaria Trevale, Bruno Ugioli, Ilaria Spes, Bruno Elpis, Massimiliano Prandini, Andrea Marà, Riccardo Fumagalli, Joshi Spawnbrød, Daniele Picciuti, Gian Filippo Pizzo, Flavio Valerio Nervi, Ermanno Volterrani, Manuela Costantini, Matteo Carriero, Eva Bassa, Lorenzo Pompeo, Andrea Andreoni, Valeria Esposito, Stefano Caranti, Riccardo Carli Ballola, Stefano Pierini, Giuseppe Troccoli, Francesco Scardone, Andrea Cavallini, Alice Chimera, Cosimo Vitiello, Mariaeleonora Damato, Stefano Mallus, Sergio Oricci, Michele Pacillo, Matteo Gambaro, Angela Di Salvo, Marco Migliori, Pietro Chiappelloni, Sergio Donato, Ivan Visini, Ottavia Piccolo, Ester Mistò, Alessandro Mascherpa, Gianmarco Amici, Raffaella Munno, Michele Campagna, Diego Bortolozzo, Lorenzo Davia, Marco Solo, Gianluca Gendusa, Caterina Venturi, Lorenzo Crescentini, Silvia Tessa, Simona Aiuti, Chiara Micheli, Anna Tasinato, Valentina Giuliani, Giulio D'Antona, Maria Francesca Cupane, Veruska Vertuani, Giacomo Scotti, Chiara Zanini, Lorenzo Fontana, Tiziana Ritacco, Margherita Lamatrice, Aurora Torchia, Luigi Milani, Maurizio Brancaleoni, Gloria Scaioli, Filomena, Piergiorgio Annicchiarico, Morik Chadid, Chiara Perseghin, Massimo Ferri, Simone Messeri, Davide Dotto, Serena M. Barbacetto, Roberto Bernocco, Anthony Strange, Cristian Leonardi, Fabiola Lucidi, Roberto Bommarito, Antonio Russo De Vivo, Giacomo Gailli, Giovanni Duminuco, Federico Pergolini, Fabrizio Leonardi, Amigdala Pala, Natale Figura, Celeste Borrelli, Francesca Panzacchi, Andrea Basso, Giacomo Inches, Umberto Pasqui, Mario Frigerio, Luigi Bonaro, Luca Romani, Anna Toro, Giuseppe Varriale, Maria Lipartiti, Marco Battaglia, Arturo Caissut, Stefano Milighetti, Davide Berardi, Paolo Secondini, Susanna Boccalari, Andrea Indiano, Alexia Bianchini, Penelope Mistras, Anna Grieco, Samantha Baldin, Serena Bertogliatti, Valentina Carnevale, Gloria Rochel, Andrea Leonelli, James Carroll Wish, Marco Ferrari, Giovanni Ferrari, Mew Notice, Maurizio Vicedomini, Paride Bastuello, Alessandra Lusso, Mirko Giacchetti, Francesco Manarini, Massimo Rodighiero, Daniela Piccoli, Alessandro Trapletti, Marco Tomasetto, Conrad, Giovanni Sferro, Morgana Bart, Omar Spoti, Massimo Conti, Andrea Donaera, Roberto Alba, Libeth Libet, Angela Rosa, Valentina Coscia, Antonio Matera, Fabio Brusa, Stefano Olivieri, Isabella Galeotti, Chiara de Iure, Ilaria Ranieri, Lorenzo Valle, Francesco Fortunato, Valentina Tesio, Elena Pantano, Maria Basilicata, Antonio Costantini, Riccardo Delli Ponti, Giovanna Garofalo, Eliseo Palumbo, Federica Neri, Alessandro Napolitano, Stefano Valente, Linda Bartalucci, Luisa Catapano, Diego Cocco, Riccardo Sartori, Dario Degliuomini, Gianni Giovannone, Nicola Fierro, Federico Marchionni, Romeo Mauro, Francesco Azzurli, Filippo Pirro, Luca Marinelli, Triptil Pazol, Marco Sartori, Iunio Marcello Clementi, Maria Lucia Nosi, Valentina Vincenzini, Jacopo Mariani, Diletta Fabiani, Lodovico Ferrari, Paolo Franchini, Tullio Aragona, Davide Corvaglia, Davide Figliolini, Beniamino Franceschini, Roberto Napolitano, Valeria Barbera, Federico Falcone, Stefano Meglioraldi, Eugenia Bartoccini, Andrea Gatto, Sonia Galdeman, Filomena Caddeo, Dario D'Alfonso, Chantal Frattini, Viola Cappelletti, Maria Stella Rossi, Serena Rosata, Francesco Di Mento, Giuseppe Sciara, Mario Calcagno, Tanja Sartori, Andrea Giansanti, Lorenzo Pedrazzi, Alessio Negri Zingg, Ester Trasforini, Daniele Miglio, Viola Killerqueen Lodato, Delos Veronesi, Giuseppe De Paolis, Diego Capani, Stefano Colombo, Aislinn, Marco Marulli, Sanrei, Emanuele Crocetti, Andrea Borla, Elena Noseda, Anna Notti, Andreea Elena Stanica, Marina Priorini, Lucia Coluccia, Simone Babini, Fiorenzo Catanzaro, Francesco Mastinu, Cristina Cornelio, Roberto Paradiso, Andrea Avvenengo, Maria Boffini, Mara Bomben, Alex Panigada, Federico Iarlori, Marika Bernard, Alessandra Ronconi, Francesco Danelli, Gabriele Nannetti, Salvatore Ingrosso, Paolo Oddone, Valerio Evangelisti.
Vedi ANTEPRIMA (566,01 KB scaricato 850 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

Time City

Time City

amanti nel tempo

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
Con questo romanzo scopriremo in che modo un rivoluzionario viaggio nel Tempo darà il via a un innovativo sistema di colonizzare la Luna e, forse, l'intero Universo. Partendo dalla Terra con una macchina del Tempo, è possibile arrivare sulla Luna? In queste pagine vi sarà raccontato del lato "Tempo" di questa domanda. La parte "Luna" (qui solo accennata) verrà sviluppata più corposamente nel seguito di questo libro auto-conclusivo. L'autore ha cercato a lungo qualche riferimento a opere che narrassero di un crononauta che sfrutti il viaggio nel Tempo per raggiungere il nostro satellite naturale, ma non è riuscito a trovarne alcuna. Lo scrittore Giovanni Mongini (autore, tra le varie cose, dello splendido articolo "Viaggio al centro del tempo") lo ha confortato in tal senso, perciò si vuole concedere il lusso di indicare la sua persona come colei che ha inventato per prima questo tipo di viaggio Terra-Tempo-Luna. Concedeteglielo, vi prego, almeno per un po' di… tempo.
Di Massimo Baglione.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (1,18 MB scaricato 348 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

Downgrade

Downgrade

Riduzione di complessità - il libro Downpunk

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
è probabilmente il primo libro del genere Downpunk, ma forse è meglio dire che il genere Downpunk è nato con questo libro. Sam L. Basie, autore ingiustamente sconosciuto, presenta una visione dell'immediato futuro che ci lascerà a bocca aperta. In un futuro dove l'individuo è perennemente connesso alla globalità tanto da renderlo succube grazie alla sua immediatezza, è l'Umanità intera a operare su se stessa una "riduzione di complessità", operazione resa necessaria per riportare l'Uomo a una condizione di vita più semplice, più naturale e più... umana. Nel libro, l'autore afferma che "anche solo una volta all'anno, l'Essere umano ha bisogno di arrangiarsi, per sentirsi vivo e per dare un senso alla propria vita", ma in un mondo dove tutto ciò gli è negato dall'estremo benessere e dall'estrema tecnologia, le menti si sviluppano in maniera assai precaria e desolante, e qualsiasi inconveniente possa capitare diventerà un dramma esistenziale.
Di Sam L. Basie
a cura di Massimo Baglione.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (2,50 MB scaricato 221 volte) - (info e commenti).
Compralo su    amazon

Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.



Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 55 - La capsula del Tempo

La Gara 55 - La capsula del Tempo

(ottobre 2015, 25 pagine, 824,77 KB)

Autori partecipanti: Ida Dainese, Carlocelenza, Angelo Manarola, Giorgio Leone, Patrizia Chini, Alberto Tivoli, Nembo13.
a cura di Skyla74.
Scarica questo testo in formato PDF (824,77 KB) - scaricato 155 volte.
oppure in formato EPUB (287,35 KB) (vedi anteprima) - scaricato 203 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

La Gara 41 - Tutti a scuola!

La Gara 41 - Tutti a scuola!

(ottobre 2013, 49 pagine, 1,59 MB)

Autori partecipanti: Eliseo Palumbo, Lodovico, Polly Russell, Desiree Ferrarese, Rovignon, Nunzio Campanelli, Alessandro D., Lorella15, Eddie1969, Michele, Kaipirissima.
A cura di Antonella Pighin.
Scarica questo testo in formato PDF (1,59 MB) - scaricato 190 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

La Gara 32 - MOM - Storie di Madri (e figli)

La Gara 32 - MOM - Storie di Madri (e figli)

(luglio/agosto 2012, 42 pagine, 720,59 KB)

Autori partecipanti: Nathan, Umberto Pasqui, Ardito Eufemismo, Lodovico, Ser Stefano, Maria92, Lorella15, Alhelì, Mastronxo, Monica Porta may bee, Exlex, Tuarag, Licetti, Angela Di Salvo.
A cura di Mastronxo.
Scarica questo testo in formato PDF (720,59 KB) - scaricato 120 volte.
oppure in formato EPUB (936,83 KB) (vedi anteprima) - scaricato 209 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.

Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.