L'alba è ogni giorno nel mio cuore

Spazio dedicato alla Gara stagionale d'inverno 2019/2020.

Sondaggio

1 - non mi piace affatto
2
18%
2 - mi piace pochino
3
27%
3 - si lascia leggere
5
45%
4 - è bello
0
Nessun voto
5 - mi piace tantissimo
1
9%
 
Voti totali: 11

Giada.Trix
Foglio bianco
Messaggi: 15
Iscritto il: 12/11/2019, 21:43

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw

L'alba è ogni giorno nel mio cuore

Messaggio da leggere da Giada.Trix » 07/01/2020, 17:36

Una leggera brezza marina entrava dalla finestra socchiusa della sua camera. Una stupenda alba estiva, fresca al punto giusto, suggeriva a Regina che era il momento di rimboccarsi il sottile lenzuolo. Ma il suono delle onde che si riversavano sulla spiaggia, il verso dei gabbiani e l’aria profumata e pulita del mare erano la sua sveglia quotidiana. Così si mise la vestaglia, pronta per la consueta colazione. Ora sentiva il profumo del caffè, di un caldo croissant, che si mischiavano con il profumo del bucato, buonissimo, alla lavanda. Erano passate da poco le sei e la casa era già linda, come tutti i giorni dopotutto. Regina prese la sua tazza di caffè e si sedette fuori, su una comodissima sedia a sdraio. Si stava godendo la sua meritata pensione, aveva finalmente realizzato il suo desiderio: potersi godere la vecchiaia in una casa al mare, con un labrador al suo fianco. Regina seguiva come un rituale lo svolgersi della sua mattinata. Puntuale alle dieci si concedeva una passeggiata sulla spiaggia. Prima di uscire avvisava la sua aiutante, Dorotea, colei che rendeva la casa uno splendore, e chiamava il suo migliore amico. Nettuno fedelmente accorreva da lei, scodinzolando, si faceva mettere il guinzaglio e abbaiava eccitato. Il loro rapporto era speciale, si completavano. Senza di lui Regina non poteva vivere, la guidava in ogni suo passo. Grazie a lui poteva toccare la spiaggia, sentire le onde che si abbattevano sui suoi piedi. Sebbene non la potesse più vedere, l’alba sorgeva ogni giorno nel suo cuore. Non vedeva l’ora di rivivere ogni mattina quel momento. E il suo cane, puntuale come un orologio svizzero, si preparava a uscire, si preparava a entrare in simbiosi con la sua padrona, aiutandola con la sua vista; una dolce routine per una donna anziana. All'apparenza delle poche persone che la conoscevano era una donna sola. Ma lei sola non si sentiva affatto, era un tutt'uno con l’universo che la circondava. Viveva di sensazioni, privata del dono più bello della vita, la vista. Di tanto in tanto ironicamente rifletteva sul fatto che non fosse poi una tragedia: alcune cose era meglio non vederle. Era auto ironica, Regina, alle volte persino cinica. Doveva. Non aveva più lacrime negli occhi. L’unico amore autentico e incondizionato era quello di Nettuno, lui non l’aveva rifiutata, come invece avevano fatto gli altri. Aveva avuto un marito, il suo vero amore, da cui si era separata. Poi niente, solo storie occasionali senza importanza. Ora la solitudine le sembrava un lusso da concedersi prima di andarsene. Le mancavano però i colori del tramonto che guardava insieme al suo vecchio amore, prima che la malattia agli occhi arrivasse e prima che lui la lasciasse sola. Ora Regina preferiva l’alba ai tramonti. Una mattina Dorotea, controllando la posta, trovò una lettera. Strano, la signora non ne riceveva mai. Lesse il nome del mittente: Piergiorgio Serafini. La donna si sentì confusa per alcuni istanti. L’ex marito di Regina che dopo anni le scriveva una lettera? “Adesso ti rifai vivo eh? E in tutti questi anni dove sei stato, farabutto?”, borbottò. Dorotea le riferì tutto. Regina l’abbracciò e le disse: “Dorotea cara, è lui? Cosa c’è scritto? Non mi far penare!”
“Non l’ho letta, signora, ci mancherebbe.”
“Ebbene, che aspetti? Leggimela.”
Dorotea esitò, pensò che il comportamento della signora fosse piuttosto strano. Perché era così in pensiero per lui? Cercò di non farsi troppe domande, iniziò:
“Cara Regina del mio cuore,
Mi ritrovo a scriverti nuovamente. Perché hai deciso di far soffrire così il mio cuore? I pensieri mi soffocano la mente, ormai quando cala la sera già so cosa mi aspetta: notti insonni a piangere, con gli occhi sbarrati. Il dolore è troppo, Regina. So che ho sbagliato, ma una cosa è certa: non ti ho mai tradito! E se tu lo credi è perché il tuo amore non era forte quanto il mio. La rabbia ha lasciato posto al dolore, ora possiamo ricominciare. Non ignorarmi, il tempo è poco. Rispondi almeno a questa ultima richiesta. In tal caso non smetterò di scriverti. Con affetto. Tuo Piergiorgio.” Prima di leggere le ultime righe, Dorotea tirò un sospiro e le pronunciò irritata. “Con affetto? Quest’uomo già ha dato prova della sua follia, non c’è da stupirsi!” Gli occhi di Regina iniziarono ad arrossirsi, gonfiarsi. Erano pieni di lacrime, tuttavia le trattenne. Dorotea era sempre più interdetta. Appallottolò la lettera che aveva in mano e la lanciò verso Nettuno che la fece in mille pezzettini. Quella sera Regina cenò a malapena, né tanto meno scambiò una parola con Dorotea. Sembrava affranta. Con il capo chino si diresse verso la sua stanza. C’era qualcosa di indubbiamente anomalo, pensò la domestica, forse era il caso di preoccuparsi. Comunque pensò che fosse solo stanca, che volesse stare sola, decise di non essere troppo invasiva.
La mattina dopo Regina fu trovata morta. Si era tolta la vita con dei barbiturici. Dorotea non riuscì a superare lo shock. Ancor meno quando ritrovò nella stanza della sua padrona un’altra lettera ben custodita di Piergiorgio Serafini, datata a qualche anno fa. Venne a sapere che l’uomo aveva scoperto, quando erano ancora sposati, di avere una malattia terribile e con poche possibilità di sopravvivenza. Non aveva mai avuto il coraggio di riferirlo alla sua amata moglie, perché nel frattempo questa lottava con la sua cecità imminente. La donna aveva pensato che in tutti quegli anni l’uomo la lasciò semplicemente perché era stanco di lei. Dunque ipotizzava dei tradimenti anche precedenti alla loro rottura. Ma dopo anni, le aveva riscritto. Aveva passato la sua vita a curarsi, invano. Ormai i medici non gli davano che pochi anni. Poi Dorotea aveva letto l’ultima sua lettera a Regina, dove l’uomo le chiedeva un’altra possibilità, le dichiarava il suo amore. La povera donna non aveva sopportato il senso di colpa. Aveva passato tutti quegli anni ad allontanare il suo unico amore, a essere certa che lui l’avesse lasciata per avere una vita più libera, magari con più donne, e senza la responsabilità di dover badare a un’invalida. Quell'uomo aveva sofferto tanto quanto lei, “ora possiamo ricominciare” aveva scritto, nonostante la veneranda età di entrambi. La vita dell’uomo si spense la mattina seguente la tragica scomparsa dell’amata.
Ultima modifica di Giada.Trix il 09/01/2020, 16:51, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
Eliseo Palumbo
Correttore di bozze
Messaggi: 364
Iscritto il: 22/10/2011, 14:09
Contatta:

Alcune sue statistiche:

posizione nel Club recensori: *
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019
(3 dal 2015)
diventa anche tu un
nwsostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Eliseo Palumbo » 08/01/2020, 10:16

Il racconto si lascia leggere, è scritto bene apparte una ripetizione "si preparava a uscire, si preparava a entrare in simbiosi." il pezzo "Strano, la signora... borbottò" che forse va rivisto perché non capisco se sono tutti pensieri di Dorotea o un mix tra pensieri della domestica e considerazioni del Io narrante?Credo sia meglio usare invadente piuttosto che invasiva; in fine nella frase "La donna aveva pensato che in tutti quegli l'anni..." da togliere "l'".

La storia è molto triste, la scrittura la rende piacevole e scorrevole. Immagino Regina come una donna sofisticata, a cui piace ancora ingioiellarsi e truccarsi, un animo apparentemente forte, ma in cuor suo non accetta il bisogno d'aiuto, nonostante alla fin fine è obbligata ad apprezzare la compagnia di Nettuno e di Dorotea; Regina è debole, a tratti disturbata, per avere dei barbiturici a casa di sicuro ne faceva già uso, testarda.

Non ho ben capito il motivo del suicidio.
Mostrare ad altri le proprie debolezze lo sconvolgeva assai più della morte

POSARE LA MIA PENNA E' TROPPO PERICOLOSO IO VIVO IO SCRIVO E QUANDO MUOIO MI RIPOSO


Immagine

ElianaF
Foglio bianco
Messaggi: 31
Iscritto il: 21/12/2019, 19:35

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw

Commento: L'alba è ogni giorno nel mio cuore

Messaggio da leggere da ElianaF » 08/01/2020, 13:48

Sembra una tragedia di altri tempi, con lettere improvvise (chi scrive ancora lettere così?), malattie e retroscena. Mi è piaciuta la prima parte, la descrizione di lei che si gode la vita al mare e le sensazioni nonostante la cecità.
Ultima modifica di ElianaF il 13/01/2020, 21:33, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
Fausto Scatoli
Correttore di bozze
Messaggi: 307
Iscritto il: 26/11/2015, 11:04
Contatta:

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2015 (recensiti)
dal 2015 (recensori)
posizione nel Club recensori: *****
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2018
(4 quest'anno)
diventa anche tu un
nwsostenitore!

commento

Messaggio da leggere da Fausto Scatoli » 08/01/2020, 20:49

si uccide per rimorso? e perché dovrebbe averne?
in ogni caso il racconto è abbastanza gradevole, scorre piuttosto liscio fino al termine.
buone le descrizioni, soprattutto a livello emozionale.
segnalo che ci sono alcune ripetizioni che sarebbe meglio eliminare
la storia è triste, forse anche troppo, però si lascia leggere bene.
l'unico modo per non rimpiangere il passato e non pensare al futuro è vivere il presente
Immagine

https://scrittoripersempre.forumfree.it/

Autore presente nei seguenti libri di BraviAutori.it:
Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine Immagine

Laura Traverso
Necrologista
Messaggi: 266
Iscritto il: 27/05/2016, 16:40
Località: GENOVA
Contatta:

Alcune sue statistiche:

posizione nel Club recensori: *
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019
(5 quest'anno)
diventa anche tu un
nwsostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Laura Traverso » 09/01/2020, 17:04

Un dramma... davvero triste questo racconto, basato su molti fraintendimenti tra i protagonisti umani della storia. Povero Nettuno, mi vien da dire, il suo amore incondizionato, fedele e indispensabile alla vita di Regina, non è stato sufficiente ad evitare la tragedia. Peccato!

Avatar utente
Roberto Bonfanti
Correttore di bozze
Messaggi: 315
Iscritto il: 13/10/2013, 12:58
la sua vetrina


Alcune sue statistiche:

posizione nel Club recensori: *
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019
(10 dal 2018)
diventa anche tu un
nwsostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Roberto Bonfanti » 09/01/2020, 23:26

Racconto strappalacrime, richiede una sospensione dell'incredulità superiore alla media per essere apprezzato, superato questo scoglio si gustano le belle descrizioni, la prosa classicheggiante.
Anche i fraintendimenti rivelati da lettere richiamano alla mente narrativa di altri tempi, in questo il testo è coerente, quindi lo è anche nella conclusione melodrammatica.
Cambierei "datata a qualche anno fa" in "datata a qualche anno prima" e "La donna aveva pensato che in tutti quegli l'anni l'uomo la lasciò…" in "La donna aveva pensato, in tutti quegli anni, che l'uomo la lasciò…".

Stefyp
Pubblicista
Messaggi: 70
Iscritto il: 26/07/2019, 18:48

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw

Commento

Messaggio da leggere da Stefyp » 11/01/2020, 18:29

Mi stupisce un poco il fatto che nella prima parte del racconto, molto scorrevole e con alcune belle descrizioni, sembra in pace con sé stessa e il mondo e alla fine arriva addirittura al suicidio. Le due cose potrebbero anche coesistere, ma in un racconto più lungo e sviluppato. Così sembra un po' repentino. Per il resto segnalo anch'io alcune ripetizione e alcuni tempi verbali che non mi convincono.

Selene Barblan
Apprendista
Messaggi: 186
Iscritto il: 11/07/2016, 22:53

Alcune sue statistiche:

* è tra i primi 10!
dal 2016 (recensori)
posizione nel Club recensori: *
attività: ymw ymw ymw
$
sostenitore 2019
(3 quest'anno)
diventa anche tu un
nwsostenitore!

Commento

Messaggio da leggere da Selene Barblan » 12/01/2020, 10:03

La descrizione iniziale è bella, non dispiacerebbe neanche a me poter vivere, in un lontano futuro, un periodo sereno e rilassante, senza grandi preoccupazioni in un luogo che amo e che mi fa stare bene. Con questo intendo dire che la descrizione mi ha permesso di immedesimarmi e perciò mi pare efficace.
La seconda metà del racconto secondo me è meno armonica, non perché illogica nei contenuti, gli esseri umani si comportano e reagiscono in modi bizzarri e spesso poco comprensibili a persone esterne, ma per la forma. Mi sembra meno curato a livello di scrittura e non mi convince la sequenza temporale con la quale vengono esposti i fatti/le spiegazioni (ultima lettera / suicidio / lettera precedente), secondo me risulta meno godibile e scorrevole.
Un’altra cosa che non mi piace particolarmente è la frase, che è anche il titolo del racconto, in quanto mi pare un po’ forzata ed eccessivamente romantica. Ma questo però riguarda proprio il mio gusto personale.
Globalmente si lascia leggere, voto 3.

Simone_Non_é
Foglio bianco
Messaggi: 22
Iscritto il: 16/12/2019, 1:27

Alcune sue statistiche:

attività: ymw ymw ymw

Commento

Messaggio da leggere da Simone_Non_é » 20/01/2020, 3:28

Sinceramente il racconto non mi ha preso in modo particolare per diversi fattori. Regina ha un legame stupendo con il suo cane ma nonostante questo suo amore non ci pensa due volte prima di togliersi la vita, inoltre è possibile che il suo ex-marito di fronte ad una situazione del genere, anche lui innamorato, piuttosto che affrontare il discorso decida di sparire? Due persone che si amano non affrontano anche le difficoltà in due? Penso che il tutto si potesse dirigere un po' meglio, è solo la mia opinione, comunque è stato un piacere leggerlo.

Rispondi

Torna a “Gara d'inverno, 2019/2020”


Alcuni esempi di nostri ebook gratuiti:


La Gara 22 - Un'estate al mare.

La Gara 22 - Un'estate al mare.

(luglio 2011, 40 pagine, 693,14 KB)

Autori partecipanti: Ser Stefano, Aleeee76, Mastronxo, Arditoeufemismo, Tania Maffei, Stefano di Stasio, Morgana Bart, Polissena, Skyla74, Licetti,
A cura di Licetti.
Scarica questo testo in formato PDF (693,14 KB) - scaricato 290 volte.
oppure in formato EPUB (561,30 KB) (vedi anteprima) - scaricato 215 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
La Gara 51 - 50 sfumature

La Gara 51 - 50 sfumature

(marzo/aprile 2015, 25 pagine, 1,83 MB)

Autori partecipanti: Lodovico, Patrizia Chini, Giorgio Leone, Viridis, Mastronxo, Shananm,
a cura di ser Stefano.
Scarica questo testo in formato PDF (1,83 MB) - scaricato 104 volte.
oppure in formato EPUB (295,36 KB) (vedi anteprima) - scaricato 149 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
La Gara 48 - Stelle

La Gara 48 - Stelle

(settembre/ottobre 2014, 34 pagine, 799,91 KB)

Autori partecipanti: Maddalena Cafaro, Nunzio Campanelli, Stella_decadente, Marina Paolucci, Umberto Pasqui, Patrizia Chini, Annamaria Vernuccio, Paolo Ninzatti, Lodovico,
a cura di Marina Paolucci (con la supervisione di Lodovico Ferrari).
Scarica questo testo in formato PDF (799,91 KB) - scaricato 107 volte.
oppure in formato EPUB (380,91 KB) (vedi anteprima) - scaricato 161 volte..
Clicca qui per lasciare un commento.
Clicca qui per vedere tutti gli altri nostri Ebook gratuiti.




Alcuni esempi di nostri libri autoprodotti:


Un passo indietro

Un passo indietro

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
Il titolo di questo libro vuole sintetizzare ciò che spesso la Natura è costretta a fare quando utilizza il suo strumento primario: la Selezione naturale. Non sempre, infatti, "evoluzione" è sinonimo di "passo avanti", talvolta occorre rendersi conto che fare un passettino indietro consentirà in futuro di ottenere migliori risultati. Un passo indietro, in sostanza, per compierne uno più grande in avanti.
Di Massimo Baglione.
gratis Clicca qui per leggere l'ebook COMPLETO!
Vedi ANTEPRIMA (1,09 MB scaricato 405 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
L'Animo spaziale

L'Animo spaziale

Tributo alla Space Opera

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
L'Animo Spaziale è un tributo alla space opera. Contiene una raccolta di racconti dell'autore Massimo Baglione, ambientati nella fantascienza spaziale. Un libro dove il concetto di fantascienza è quello classico, ispirato al Maestro Isaac Asimov. La trilogia de "L'Animo Spaziale" (Intrepida, Indomita e Impavida) è una storia ben raccontata con i giusti colpi di scena. Notevole la parentesi psicologica, in Indomita, che svela la complessa natura di Susan, elemento chiave dell'intera vicenda. "Intrepida", inoltre, ha vinto il primo premio nel concorso di letteratura fantascientifica "ApuliaCon 2006" (oggi "Giulio Verne"). I racconti brevi "Mr. Sgrultz", "La bottiglia di Sua Maestà" e "Noi, sorelle!" sono stati definiti dalla critica "piccoli capolavori di fantascienza da annoverare negli annali.
Di Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (155,92 KB scaricato 243 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
Time City

Time City

amanti nel tempo

Nota: questo libro non è derivato dai nostri concorsi ma ne abbiamo curato l'editing e la diffusione per conto dell'autore che ha ceduto le royalty all'Associazione culturale.
Con questo romanzo scopriremo in che modo un rivoluzionario viaggio nel Tempo darà il via a un innovativo sistema di colonizzare la Luna e, forse, l'intero Universo. Partendo dalla Terra con una macchina del Tempo, è possibile arrivare sulla Luna? In queste pagine vi sarà raccontato del lato "Tempo" di questa domanda. La parte "Luna" (qui solo accennata) verrà sviluppata più corposamente nel seguito di questo libro auto-conclusivo. L'autore ha cercato a lungo qualche riferimento a opere che narrassero di un crononauta che sfrutti il viaggio nel Tempo per raggiungere il nostro satellite naturale, ma non è riuscito a trovarne alcuna. Lo scrittore Giovanni Mongini (autore, tra le varie cose, dello splendido articolo "Viaggio al centro del tempo") lo ha confortato in tal senso, perciò si vuole concedere il lusso di indicare la sua persona come colei che ha inventato per prima questo tipo di viaggio Terra-Tempo-Luna. Concedeteglielo, vi prego, almeno per un po' di… tempo.
Di Massimo Baglione.
Vedi ANTEPRIMA (326,98 KB scaricato 336 volte) - per info e commenti clicca qui.
Compralo su   luluamazon
Clicca qui per vedere tutte le altre nostre Pubblicazioni.